Savigliano, 19 aprile 2013 A cura dellEquipe del progetto «Provaci ancora, Sam ! – Tutela...

of 39/39
Savigliano, 19 aprile 2013 A cura dell’Equipe del progetto «Provaci ancora, Sam ! – Tutela L’insegnamento per aree disciplinari mirato all’acquisizione di competenze
  • date post

    02-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    214
  • download

    1

Embed Size (px)

Transcript of Savigliano, 19 aprile 2013 A cura dellEquipe del progetto «Provaci ancora, Sam ! – Tutela...

  • Slide 1
  • Savigliano, 19 aprile 2013 A cura dellEquipe del progetto Provaci ancora, Sam ! Tutela Integrata Linsegnamento per aree disciplinari mirato allacquisizione di competenze
  • Slide 2
  • Unintroduzione al Provaci ancora, Sam ! Tutela Integrata Unintroduzione al Provaci ancora, Sam ! Tutela Integrata
  • Slide 3
  • O Il progetto Provaci Ancora Sam tutela Integrata, iniziato nella.s. 95/96 rimasto invariato O nella struttura profonda (aree disciplinari) O nelle strategie (didattica laboratoriale - laboratorio come luogo mentale di operativit). O Nel tempo il progetto si arricchito di attivit: laboratorio di informatica, di lingua straniera, di orientamento pre-professionale. PREMESSA
  • Slide 4
  • O Necessit di operare su tematiche trattate in pi annualit O Consapevolezza dellunitariet del sapere O Necessit di cogliere non solo contenuti di conoscenza e linguaggi specifici delle discipline ma connessioni e analogie. O Si pensato di lavorare sulle zone di confine delle discipline, su situazioni di apprendimento ampie, e non su discipline isolate. O Laggregazione per aree disciplinari ha trovato alcuni anni dopo linizio della sperimentazione, supporto normativo nel D.P.R 275, regolamento dellautonomia. AREE DISCIPLINARI ?
  • Slide 5
  • O Le 4 aree: O linguistico-storico-civica O matematico-scientifica O artistico-tecnologica O motorio-sanitaria O Necessitano di una programmazione veramente collegiale non solo tra i docenti ma tra docenti ed educatori, negli obiettivi, nei contenuti, nei tempi, nelle metodologie e nella valutazione. 4 AREE DISCIPLINARI E NON MATERIE
  • Slide 6
  • le aree disciplinari sono utilizzate come strumenti da calare in situazioni significative, come mezzi per sviluppare e potenziare funzioni mentali e grandi categorie di capacit: 1. Orientamento spazio-temporale 2. Classificazione 3. Ordinamento 4. Seriazione 5. Relazione 6. Combinazione 7. Algoritmizzazione 8. Strutturazione di linguaggi, che sono i nodi concettuali connessi ai nuclei fondanti lapprendimento. LAPPRENDIMENT O
  • Slide 7
  • O Le aree disciplinari sono finalizzate allacquisizione delle competenze di cittadinanza: O imparare ad imparare, progettare, comunicare, collaborare e partecipare, O agire in modo autonomo e responsabile, O individuare collegamenti, O acquisire e interpretare informazioni. CITTADINANZA E VITA
  • Slide 8
  • Ragazzi e famiglie: una visione dinsieme Ragazzi e famiglie: una visione dinsieme
  • Slide 9
  • O Dallintervista di Julio Velasco; lui parla di pallavolo ma O Si pu provare a farle pi alte e pi vicino a rete oppure si pu risolverle O Di chi la colpa ? O Schiacciatori che schiaccino bene palloni alzati male O Quando la palla bassa, bisogna riconoscerla e attivare le strategie specifiche SONO ALZATE BASSE
  • Slide 10
  • O Le Vittime e i Prepotenti O I Vivaci e i Timidi O Quelli che si fanno notare e quelli che si nascondono O I Chiacchieroni e i Silenziosi O Tutti manifestano un DISAGIO, la scuola spesso solo il luogo dove si manifesta. TANTE ETNIE DI RAGAZZI
  • Slide 11
  • O 14/15 anni O Spesso rimasti in prima e seconda media O Percorso profondamente conflittuale con la Scuola O Situazione socio famigliare che va dal precario al gravemente compromesso O Scarsa o nessuna fiducia verso le istituzioni (spesso problemi con la giustizia) O Bassa autostima UNA SOLA SPECIE
  • Slide 12
  • O Sono molto attenti O Dimostrano di aver bisogno di attenzione, ascolto, affetto O Sono impreparati ad affrontare la societ che li circonda ma vogliono riscattarsi O Sono generosi O Sono disponibili a concedere fiducia In POSITIVO
  • Slide 13
  • O Problematiche legate ai DSA (Disturbi Specifici dellApprendimento) O In generale mancanza di stimoli allapprendimento O Consumo di alcool e di sostanze stupefacenti O Superficialit ed ingenuit diffuse In NEGATIVO
  • Slide 14
  • O Conflitto O Apatia O Somatizzazione del disagio O Disfrequenza O Rapporto disfunzionale con i genitori O Rabbia repressa O I SINTOMI
  • Slide 15
  • O Monoparentali nella maggior parte dei casi O Spesso seguite dai Servizi Sociali per problematiche sia di tipo economico che socio educativo O Poco consapevoli del ruolo genitoriale a cui sono chiamate O Problemi connessi allimmigrazione LE FAMIGLIE
  • Slide 16
  • O Grande assente O Sempre meno autorevolezza O Complessit in aumento O Qual la normalit ? O Come fare a supportare il ruolo genitoriale ? LA FAMIGLIA NELLA SCUOLA
  • Slide 17
  • O Impossibile fare a meno della famiglia: si cura il sintomo ma non la causa del problema O Non bisogna rinunciare e guardare il fanciullo allinterno del suo contesto O Supportare senza sostituirsi GENITORI IN PROGRESS
  • Slide 18
  • O Obbligatorio O Accogliente O Facilitante O Coinvolgente O Aperto insieme O Insegnanti, educatori e genitori insieme 5 AGGETTIVI MA 1 EQUIPE
  • Slide 19
  • Formazione iniziale settembre Incontri mensili da ottobre a giugno Verifica e valutazione in itinere e finale IL PERCORSO
  • Slide 20
  • Matrici di riferimento Scelte Situazione PROBLEM SOLVING GRUPPI A.M.A. GRUPPI A.M.A.
  • Slide 21
  • O Quale normalit ? O Paradigmi culturali O La strategia: O Cenare insieme ma ognuno porta qualcosa O Raccontare in gruppo (= conoscersi) indirettamente di s con tecniche di animazione e giochi O Condividere una situazione problematica relativa ai figli O Prendere consapevolezza delle matrici culturali O Trovare insieme soluzioni e approcci recuperando il proprio modello pedagogico O La flessibilit di rigore QUALI MODELLI
  • Slide 22
  • O Presenza: > 80% O Assenze e ritardi dei ragazzi diminuiti drasticamente O Visione del contesto ragazzo decisamente pi chiara O Allacciati nuovi percorsi: SERT, consulenza psicologica e legale, NPI, O Monitoraggio dei luoghi di incontro INDICATORI
  • Slide 23
  • O Le palle alzate basse sono faticose e frustranti ma sono le pi spettacolari perch obbligano a soluzioni creative e spesso personali O Cos cerchiamo di giocare le nostre partite: SPESSO vinciamo, non SEMPRE INFINE
  • Slide 24
  • E meglio una testa ben fatta che una testa ben piena !
  • Slide 25
  • O Essenzialit O Priorit 2 PARADIGMI
  • Slide 26
  • 1. la comunicazione nella madrelingua, 2. la comunicazione in lingue straniere; 3. la competenza matematica e le competenze di base in campo scientifico e tecnologico 4. la competenza digitale 5. imparare ad imparare 6. le competenze sociali e civiche 7. senso di iniziativa e di imprenditorialit 8. consapevolezza ed espressione culturali. LE 8 COMPETENZE CHIAVE DI LISBONA
  • Slide 27
  • O Superamento della frammentazione disciplinare O Dopo lesame O Insegnare ai ragazzi difficili DIDATTICA INTEGRATA E FLESSIBILE
  • Slide 28
  • O Capacit di leggere dentro se stessi (Autocoscienza) O Capacit di riconoscere le proprie emozioni e quelle degli altri (Gestione delle emozioni):; O Capacit di governare le tensioni (Gestione dello stress) O Capacit di analizzare e valutare le situazioni (Senso critico) O Capacit di prendere decisioni (Decision making) O Capacit di risolvere problemi (Problem solving) O Capacit di affrontare in modo flessibile ogni genere di situazione (Creativit) O Capacit di esprimersi (Comunicazione efficace) O Capacit di comprendere gli altri (Empatia) O Capacit di interagire e relazionarsi con gli altri in modo positivo (Skill per le relazioni inter-personali) LIFE SKILLS EDUCATION AT SCHOOL
  • Slide 29
  • O Effettuata a cura del Consiglio di Classe (insegnanti ed educatori) O 3 momenti di rilevazione: O Novembre (iniziale) O Febbraio (intermedio) O Maggio (finale) O Valutazione analogica O Osservazione condivisa con i ragazzi GRIGLIA DI OSSERVAZIONE EDUCATIVA
  • Slide 30
  • LA GRIGLIA
  • Slide 31
  • Progettazione annuale e condivisa delle attivit: O 1 Livello O 1 Livello Obiettivi didattici per materia O 2 Livello O 2 Livello Interdisciplinariet O 3 Livello O 3 Livello Aree disciplinari O 4 livello O 4 livello Valutazione OBIETTIVI E METODOLOGIA
  • Slide 32
  • Tavola obiettivi - Metodologia AUTONOMIA LEGGERE PER CAPIRE RAPPORTO CAUSA - EFFETTO ASCOLTORISPETTOAUTOSTIMA saper eseguire da solo le consegne svegliarsi da soli usare correttamente i mezzi di trasporto Diventare consapevoli Avere cura del proprio materiale e delle proprie produzioni Volont Lettura Comprensione Comunicazione Comunicazione adeguata Comprendere il nesso Assumersi le responsabilit Ascoltare una spiegazione per 10 in silenzio Lavorare anche dopo lintervallo Non insultarsi Rispetto dei tempi di parola Salutare e ringraziare Reciprocit Riconoscere i luoghi e rispettarli Comportamen to adeguato al contesto Saper cogliere le occasioni Parit di genere Tentare di risolvere da soli un problema Non rinunciare a priori Non distruggere Motivazione LA GRIGLIA
  • Slide 33
  • O Insegnanti equivalenti O No ai libri di testo O Educatori anche nei Consigli di Classe O La didattica non prerogativa esclusiva dei docenti O Lintervento educativo non prerogativa esclusiva degli educatori O La supervisione ORGANIZZAZIONE E DIDATTICA
  • Slide 34
  • O Luigi Tuffanelli, Dario Ianes, Formare una testa ben fatta Edgar Morin entra in classe: giochi di ruolo e didattica per problemi, Erickson O Luigi dAlonzo, Come fare per gestire la classe nella pratica didattica guida base, Giunti Scuola O Le otto competenze chiave di Lisbona, contenute nelle Raccomandazioni del Consiglio Europeo e riprese dalle indicazioni nazionali O Marmocchi P., DellAglio C., Zannini M., Come promuovere le abilit psico socialii e affettive secondo lOrganizzazione Mondiale della Sanit, Erickson, Trento, 2004 O Morin E., La testa ben fatta. Riforma dellinsegnamento e riforma del pensiero, Milano, Cortina Editore, 2000 BIBLIOGRAFIA
  • Slide 35
  • Esemplificazione del metodo: la multidisciplinariet della CASA
  • Slide 36
  • Artistico - tecnologica Matematico - scientifico Linguistico storico civica Motorio sanitario LE AREE ATTIVITA DIDATTICA
  • Slide 37
  • Posizione geografica Tipologie edilizie Organizzazione degli ambienti Arredamento funzionale ed ergonomico Requisiti igienico sanitari Impianti domestici Utilizzo di scale di riduzione Misurazione delle camere Calcolo delle superfici delle camere Simulazione di arredo di una cameretta Simulazione di colori delle pareti e degli arredi In affitto Contratto Spese di gestione In propriet Atto Catasto Mutuo Spese condominiali Tasse I costi, al metro quadro secondo la zona LA CASA
  • Slide 38
  • CONCLUSIONICONCLUSIONI
  • Slide 39
  • Savigliano, 19 aprile 2013 A cura dellEquipe del progetto Provaci ancora, Sam ! Tutela Integrata Linsegnamento per aree disciplinari mirato allacquisizione di competenze