PUTIGNANO CARDIOPROTETTA - IL PROGETTO

Click here to load reader

Embed Size (px)

Transcript of PUTIGNANO CARDIOPROTETTA - IL PROGETTO

1. PUTIGNANO citt C A R D I PROTETTA A ...LA CHIAVE SIAMO NOI... Il progettO W 2. PUTIGNANO CITTA CARDIOPROTETTA IL PROGETTO Si calcola che i casi di arresto cardiaco in Italia siano circa 160.000 per anno dovuti a malattie cardiovascolari ed in particolare ad attacco cardiaco. Circa 73.000 persone non sopravvivono e di queste 26.000 muoiono prima di raggiungere lOspedale, in pi della met dei casi per arresto cardiaco. Altrettanto drammatico il dato che, ogni diciannove minuti, muore una persona per una morte improvvisa che poteva essere evitata attraverso il trattamento immediato dellarresto cardiaco con luso del defibrillatore. Questo accade nella vita di tutti i giorni! Nel Comune di Putignano, facendo riferimento ai dati forniti dallOsservatorio Epidemiologico della Regione Puglia 2000-2005, la situazione la seguente: MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO - MASCHI COMUNE PUTIGNANO OSSERVATI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 TOTALE OSSERVATI 33 38 32 43 41 31 MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO - FEMMINE COMUNE PUTIGNANO OSSERVATI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 TOTALE OSSERVATI 44 46 55 37 48 61 218 291 MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO - MASCHI PUTIGNANO MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO - FEMMINE PUTIGNANO 44 46 55 37 48 61 291 MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO - MASCHI COMUNE PUTIGNANO OSSERVATI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 TOTALE OSSERVATI 3 3 2 5 6 2 MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO - FEMMINE COMUNE PUTIGNANO OSSERVATI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 TOTALE OSSERVATI 21 INFARTO MIOCARDIO ACUTO - MASCHI COMUNE PUTIGNANO INFARTO MIOCARDIO ACUTO - FEMMINE PUTIGNANO 4 1 1 1 1 5 13 509 34 3. Larresto cardiaco pu colpire chiunque senza distinzione tra uomo o donna, tra giovane o anziano, tra magro o sovrappeso, sedentario, sportivo e addirittura atleta. Per queste ragioni occorre che le tecniche di primo soccorso diventino un bagaglio di conoscenza comune e diffusa, che sia tempestivamente disponibile un DAE e che sia presente resente personale non sanitario certificato allutilizzo. (D.leg.169 del 20-7 2013). Infatti, se con il passare degli anni gli episodi di infarto diminuiscono, anche vero che il numero di morti in seguito a questi eventi in aumento. Partendo da questi dati lAssociazione di promozione sociale IANUS promuove il progetto: Il primo step prevede delle giornate di sensibilizzazione della popolazione ed uno studio di fattibilit; Il secondo step consiste nel posizionamento in luoghi pubblici sensibili di defibrillatori semiautomatici e laddestramento di persone comuni alluso degli stessi. La nostra visione sensibilizzare la comunit alla prevenzione delle malattie cardiache attraverso la cultura degli stili di vita corretti e svolgere un ruolo importante nellintervento di primo soccorso in attesa dellarrivo del 118, potenziando la catena della sopravvivenza con strumenti salvavita e soggetti capaci e motivati alla defibrlazione, indispensabili entrambi, in un numero ideale, per il successo del progetto. PUTIGNANO citta CARDIO PROTETTA ...LO SAPEVI CHE? Leonard Cobb stato riconosciuto come uno dei grandi precursori della rianimazione cardiopolmonare , rendendo Seattle la citt con la pi alta percentuale di popolazione addestrata alla RCP di qualsiasi altra citt del mondo e la citt con il pi alto tasso di sopravvivenza da arresto cardiaco. Seattle la citt pi sicura al mondo! 4. DEFIBRILLATORE (D.a.e.) Il defibrillatore semiautomatico (spesso abbreviato con DAE, defibrillatore automatico esterno, o AED, automated external defibrillator) un dispositivo in grado di effettuare la defibrillazione delle pareti muscolari del cuore in maniera sicura dal momento che dotato di sensori per riconoscere larresto cardiaco dovuto ad aritmie, fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare. Un defibrillatore semiautomatico determina automaticamente se per il ritmo cardiaco che sta ana- lizzando sia necessaria una scarica e seleziona il livello di energia necessario. Il funzionamento avviene per mezzo dellapplicazione di placche adesive sul petto del paziente. Quando tali elettrodi vengono applicati al paziente, il dispositivo controlla il ritmo cardiaco e - se necessario - si carica e si predispone per la scarica. I defibrillatori risponderanno a rigidi standard di selezione : 1. Confrmit : Regolarit del prodotto servizio, conforme ai protocolli. I DAE devono essere marcati CE come dispositivi medici ai sensi della vigente normativa comunitaria e nazionale (Dir. 93/42/CEE, D.lgs n. 46/97).97). I DAE devono essere resi disponibili allutilizzatore completo di tutti gli accessori necessari al loro funziona- mento, come previsto dal fabbricante. Per i DAE posti in modo fisso in luoghi aperti al pubblico raccomandato, ove possibile, lutilizzo di contenitori esterni con meccanismi automatici di segnalazione che si attivano al prelievo del dispositivo con segnalazione immediata alla Centrale Operativa 118. 2. Tempestivit : Tutti i soggetti, che sono tenuti o che intendono dotarsi di DAE devono darne comunicazione alla Centrale Operativa 118 territorialmente competente, specificando il numero di apparecchi, la specifica del tipo di apparecchio, la loro dislocazione, lelenco degli esecutori in possesso del relativo attestato. Ci al fine di rendere pi efficace ed efficiente il suo utilizzo o addirittura disponibile la sua localizzazione mediante mappe interattive.(D.leg.169 del 20 07 2013) 3. Manutenzione I DAE devono essere sottoposti alle verifiche, ai controlli ed alle manutenzioni periodiche secondo le scadenze previste dal manuale duso e nel rispetto delle vigenti normative in materia di apparati elettromedicali. I DAE devono essere mantenuti in condizioni di operativit; la batteria deve possedere carica suffi- ciente a garantirne il funzionamento; le piastre adesive devono essere sostituite alla scadenza. Deve essere identificato un referente incaricato di verificarne regolarmen- te loperativit. 4. Monitoraggio Collocazio Il DAE deve essere collocato in luoghi accessibili e deve essere facilmente riconoscibile; il cartello indicatore della posizione del DAE con gli adesiviDefibrillatore disponibile e AED available, deve essere ben visibile. 1 conformita 2 tempestivit 3 manutenzione 4 monitoraggio e collocazione ...LO SAPEVI CHE? Cosi lho salvato con il defibrilaltore- Infarto in bus, una mamma racconta il suo intervento. E stato straordinario! AREZZO -6 Marzo 2015- fonte LA STAMPA 5. POSIZIONAMENTO Inizialmente i defibrillatori verranno posizionati in tutte le scuole putignanesi di ogni ordine e grado ed uno presso il Municipio. Il totale dei defibrillatori collocati in questa fase di 11. Indicativamente questa fase sar conclusa entro marzo 2016, formazione degli operatori compresa. In un secondo momento si prevede di implementare il numero degli operatori abilitati, in base alla densit di popolazione e alla frequenza di passaggio. Questa fase si realizzer entro dicembre 2016. Altri defibrillatori saranno collocati in esercizi commerciali e aziende su richiesta delle stesse: in questo caso lacquisto e la gestione del defibrillatore sar a carico del privato. PLANIMETRIA DEL COMUNE DI PUTIGNANO CON I DAE POSIZIONATI 6. POSTAZIONI 1. Scuola dellinfanzia primaria Romanelli, Via Raimondo Vinella n.1 2. Scuola dellinfanzia primaria San Nicola, Via Strada Comunale S. Nicola 3. Scuola dellinfanzia primaria Spine Rossine, Via Spine Rossine SCUOLA MATERNA SCUOLA ELEMENTARE PRIMARIA 4. Scuola dellinfanzia secondaria Minzele, Via Roma n.15 5. Scuola dellinfanzia secondaria De Gasperi, Via A. De Gasperi n.9 6. Scuola dellinfanzia secondaria Di Mizio, Via Eroi del mare SCUOLA MEDIA SECONDARIA 7. Scuola media Parini, Via V. Petruzzi n.18 8. Scuola media Stefano da Putignano, Via Carafa Bal SCUOLA SUPERIORE 9. Scuola Agherbino, Via Diaz n.30 10. Polo Liceale Majorana - Laterza , Via Foggia la Rosa n.3 PALAZZO DI CITTA 11. Comune di Putignano, Via Roma ...LO SAPEVI CHE? EPiacenza la citt piu cardioprotetta dItalia... le citt emiliane sono allavanguardi per luso del defibrillatore. - fonte CORRIERE DELLA SERA riccione pisa catanzaro sanremo marcallo ...nelle altre citta 7. FORMAZIONE RIANIMATORI LAICI Lutilizzo, in realt molto semplice dei defibrillatori semiautomatici DAE, possibile dopo un breve corso di 5 ore che abilit come first responders. Il corso gestito dallassociazione IANUS che avr il compito di reclutare istruttori qualificati. I corsi di formazione metteranno in condizione il personale di utilizzare con sicurezza i DAE e comprendono laddestramento teorico pratico alle manovre di BLSD (Basic Life Support and Defibrillation), anche pediatrico. In una prima fase sono tenuti alla partecipazione gli operatori delle strutture sopra indicate attraverso i criteri che IANUS e le strutture stesse stabiliranno in appositi Protocolli dintesa. In un secondo momento sar data la possibilit a tutti i cittadini di Putignano di seguire il breve corso abilitante sopra citato affinch un sempre maggior numero di putignanesi comprendano limportanza di impegnarsi per la difesa della salute di tutti. Il numero dei Laici Rianimatori diventa subito importante se ,a quanti decidono di abilitarsi nella rianimazione cardiopolmonare di primo soccorso con uso del defibrillatore, si aggiungono i volontari dei mezzi di soccorso, polizia, carabinieri, guardia di finanza, vigili del fuoco, corpo forestale, polizia locale, protezione civile, autisti di mezzi pubblici e privati, ecc.: tutte figure che abitano intensamente e periodicamente il territorio. Notevole ovviamente il contributo di quanti possono fare una rianimazione cardio- polmonare sul territorio essendo sanitari. previsto laggiornamento continuo dei Laici Rianimatori attraverso lattivit di re training ogni due anni. (D.leg.169 del 20 07 2013). E fondamentale che i Laici Rianimatori abbia competenza specifica, conoscenza del territorio e del progetto, generosit, altruismo, disponibilit. Un adesivo*, posto nel luogo in cui sono presenti i rianimatori laici, permette dI individuarli immediatamente. Ci potrebbe essere la possibilit che in un punto dinteresse particolare (negozio, uffi- cio, museo.....) oltre al Laico Rianimatore ci sia la presenza del DAE, a quel punto fuori sar segnalato nella maniera qui sotto riportata. ...LO SAPEVI CHE? Decreto Balduzzi D.L. 24 Aprile 2013, Articolo 1, comma 1 : Il presente decreto, in attuazione al fine di salvaguardare la salute dei cittadini che praticano unattivitasportiva non agonistica o amatoriale, dispone garanzie sanitarie mediante lobbligo di idonea certificazione medica, nonche linee guida per leffettuazione di controlli sanitari sui praticanti e per la dotazione e limpie- go, da parte delle societa sportive sia professionistiche sia dilettantistiche, di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri dispositivi salvavita. * LADESIVO DI RICONOSCIMENTO