Presentazione usabilità Apple iTunes

Click here to load reader

  • date post

    03-Dec-2014
  • Category

    Design

  • view

    1.020
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Analisi di usabilità del software Apple iTunes. Esame universitario: Ergonomia Cognitiva, corso di laurea Teoria e Tecnologia della Comunicazione. Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Transcript of Presentazione usabilità Apple iTunes

  • 1. PRESENTAZIONE STUDIO DI USABILITEsame di Ergonomia Cognitiva, Prof.ssa R. Actis Grosso Teoria e tecnologia della comunicazione Anno scolastico 2011-12 Marco Simone Carisio - Sarah Cillo - Stefano Manicone 1

2. IntroduzioneProdotto E StoriaPrincipi Di UsabilitTest di UsabilitSoluzioni2 3. INTRODUZIONE Lobiettivo di questo lavoro unanalisi approfondita di usabilit di un noto softwareper la riproduzione, lacquisto, la gestione di file musicali e dispositivimobili: Apple iTunes.Lusabilit definita dalla normativa 9241 ISO (InternationalStandard Organization) come: il grado in cui un prodotto pu essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi con efficacia, efficienza esoddisfazione in uno specifico contesto duso.INTRODUZIONE PRODOTTO E STORIA PRINCIPI DI USABILITA3TEST DI USABILITA SOLUZIONI 4. INTRODUZIONESi analizzer iTunes sotto laspetto: Dell efficacia: relazione tra obiettivi prefissati e risultatiraggiunti Dell efficienza : le modalit e lo sforzo necessario perraggiungere gli obiettiviInfineSaranno presi in considerazione gliutenti ele loro esigenze, perch sono coloro chehanno una relazione duso con il prodotto. INTRODUZIONEPRODOTTO E STORIAPRINCIPI DI USABILITA4 TEST DI USABILITASOLUZIONI 5. INTRODUZIONE Obiettivo finale dellergonomia cognitiva:fare in modo che il design model di chi ha progettato il software, corrisponda il pi possibile al modello mentale dellutente finale (user model).LoUser Centered Design una modalit per progettare ecostruire siti o applicazioni tenendo conto del puntodi vista e delle esigenze dell utente. INTRODUZIONEPRODOTTO E STORIAPRINCIPI DI USABILITA5 TEST DI USABILITASOLUZIONI 6. INTRODUZIONEIl lavoro sar declinato indue direzioni: 1. Faremo una prima valutazione euristica individuando le problematiche che caratterizzano iTunes secondo la nostra esperienza 2. Seguiranno una serie di task per gli utenti, preceduti da un questionarioINTRODUZIONE PRODOTTO E STORIA PRINCIPI DI USABILITA6TEST DI USABILITA SOLUZIONI 7. IntroduzioneProdotto E StoriaPrincipi Di UsabilitTest di UsabilitSoluzioni7 8. DESCRIZIONE DEL PRODOTTOiTunes un applicazione multimedialefreewaretop di gamma nel suo segmento,sviluppata da Apple Inc. nel 2001 perorganizzare e riprodurre file musicali permettendo la gestione di dispositivi iPod, iPhone e iPadpermettendo lacquisto online diIntegra inoltre iTunes Storecanzoni, video e film in alta qualit.INTRODUZIONE PRODOTTO E STORIA PRINCIPI DI USABILITA8TEST DI USABILITA SOLUZIONI 9. LA STORIA 1999 Jeff Robbin e Bill Kincaid crea lapplicazione SoundJam MP.Applicazione commerciale molto diffusa nei sistemi Macintosh, sviluppata daCasady & Greene nel 1999, per la gestione del Diamond Rio, linea di lettori MP3.2000 Apple intanto stava sviluppando il primo prototipo di iPod e Steve Jobs decise di acquistare SoundJam assumendone tutti gli sviluppatori.Nacque cos la prima versione di iTunes. molto simile a SoundJam MP, tranne per limpossibilit di personalizzare linterfaccia, che iTunes non ha mai posseduto per una scelta di Apple. INTRODUZIONEPRODOTTO E STORIAPRINCIPI DI USABILITA9 TEST DI USABILITASOLUZIONI 10. LA STORIA2001Lancio ufficiale di iTunessancisce cos la fine di Sound Jam, che fino a quel momento era stato sviluppato contemporaneamenteNellottobre 2001 iTunes raggiunge 1 milione di downloadsCon la nascita del nuovo iPod, il programmaha ancora una pi vasta diffusione, poichera distribuito direttamente con il dispositivo,ed era inoltre lunico che ne permetteva lagestione. INTRODUZIONEPRODOTTO E STORIAPRINCIPI DI USABILITA10 TEST DI USABILITASOLUZIONI 11. LA STORIA2003 La grande rivoluzione: Apple introduce iTunes Music Store Un negozio online per acquistare musica e altri media digitali. Nato dal frutto dellaccorpamento di 200.000 brani di alta qualit presi dai cataloghi delle maggiori etichette discografiche: SONY Music Entertainment, BMG, EMI, Universal Warner.Un grande successo.. Solo nella prima settimana di vita, sono vendute 1 milione di tracce audio, che nei 4 mesi successivi, diventano oltre 10 milioni. INTRODUZIONEPRODOTTO E STORIAPRINCIPI DI USABILITA11 TEST DI USABILITASOLUZIONI 12. LA STORIA2003 iTunes sbarca su Microsoft Windows e raggiunge i 100 milioni di downloads!versione 4.1 iTunes diventa disponibile e installabileanche su Microsoft Windows, raggiungendo cos unavastissima fetta di mercato.Inizia il periodo doro delliPod, che divenne il lettoremusicale pi diffuso al mondo.OGGIA 12 anni dal suo debutto iTunes vanta 10 versioni ed il pi usato sistema digestione della musica e il secondo player musicale del mondo.Ad oggi ITunes Store il primo rivenditore al mondo con un catalogo di 20 milioni di brani inalta qualit, sorpassando il rivale Amazon. INTRODUZIONEPRODOTTO E STORIAPRINCIPI DI USABILITA12 TEST DI USABILITASOLUZIONI 13. IntroduzioneProdotto E StoriaPrincipi Di UsabilitTest di UsabilitSoluzioni13 14. INTRODUZIONE AI PRINCIPI LA VALUTAZIONE EURISTICAE una valutazione effettuata da utentiesperti che, basandosi su alcuni principiscelti caso per caso, valutano se undeterminato software, sito, progetto lirispetta o meno. Si basa su euristicheSi effettuata prima di sottoporre untest pratico per individuare gli errori pi grossolani di progettazioneVantaggiSvantaggi Facilit di applicazione La valutazione dipende Economicit dallesperienza del valutatore INTRODUZIONEPRODOTTO E STORIAPRINCIPI DI USABILITA14 TEST DI USABILITASOLUZIONI 15. PRINCIPI DI USABILITA1. Dialogo semplice e naturaleLinterfaccia deve essere immediatamente comprensibile allutenteE necessario: Conoscere il metodo di lavoro dellutente,caratteristiche ed esigenze Eliminare le informazioni superflue Far capire allutente cosa succeder a seguito di unazioneQuesto principio non pienamente rispettato in quanto iTunesprevede una logica diversa da quella tradizionale dellutente. la semplice azione di rinomina di un brano diventa difficile quando lutente non si trova la voce rinomina cliccando col tasto destro iTunes propone allo stesso livello funzioni basilari e altre secondarie che crea creano un senso di smarrimento almeno ai primi utilizzi.INTRODUZIONE PRODOTTO E STORIA PRINCIPI DI USABILITA15TEST DI USABILITA SOLUZIONI 16. PRINCIPI DI USABILITA2. Semplificare la struttura dei compiti Lutente non deve elaborare in maniera eccessiva le informazioni.Approcci per semplificare i compiti: mantenere il compito invariato ma offriresussidi mentali usare la tecnologia per rendere visibilequello che altrimenti sarebbe invisibile far eseguire parti complicate del compitodalla tecnologia invece che dallutenteQuesto principio non viene quasi mai rispettato in quanto: nelle operazioni di base alcuni passaggi richiedono uneccessiva elaborazioneallutente Alcune funzioni andrebbero snellite e semplificate . Esempio: masterizzazione CD,che obbliga lutente a creare prima una playlist, passaggio che potrebbe essereautomatizzato.INTRODUZIONE PRODOTTO E STORIA PRINCIPI DI USABILITA16TEST DI USABILITA SOLUZIONI 17. PRINCIPI DI USABILITA3. Agevolare il riconoscimento piuttosto che il ricordoLinterfaccia deve permettere allutente di capireimmediatamente cosa fare, senza dover ricorrere al ricordo. E necessario: sfruttare il mapping naturale fare in modo che le azioni consentite siano chiaramente visibili rendere visibile lo stato del sistema in ogni momento fornire delle informazioni di anteprima sugli oggetti selezionati abilitare o disabilitare i comandi in modo da obbligare lutente a compiere certe azioni Questo principio non viene in gran parte rispettato in quanto seppur iTunes sfrutti il mapping naturale e faccia in parte uso di una grafica corretta e significativa ricorrendo a simboli grafici che descrivono le funzionalit associate alle icone, non dispone di uninterfaccia abbastanza intuiti vada permettere allutente di capire immediatamente cosa fare, e anzi richiede fortemente il ricorso al ricordo. INTRODUZIONEPRODOTTO E STORIAPRINCIPI DI USABILITA17 TEST DI USABILITASOLUZIONI 18. PRINCIPI DI USABILITA4. Fornire feedback in modo da rendere visibile lo stato del sistema Il feedback consiste: nella risposta allazione compiuta nellinformazione riguardo gli effetti nellinformazione sul nuovo stato del prodottoQuesto principio pienamente rispettato, in quantonella barra superiore del programma, vengono continuamentevisualizzate le informazioni di riproduzione alternate a feedbackrelativi allo stato del sistema.Vi sono inoltre numerosi i pop-up di avvertimento sulle possibilemodifiche indirette.INTRODUZIONE PRODOTTO E STORIA PRINCIPI DI USABILITA18TEST DI USABILITA SOLUZIONI 19. PRINCIPI DI USABILITA5. Prevenire gli errori di interazione e facilitarneil recuperoGli errori possono essereprevenuti progettandouninterfaccia che preveda: annullamento delle operazioni una messaggistica efficace comandi per interrompereoperazioni lungheiTunes rispetta il principio anche se in alcune circostanze alcune assenza di pagineopzioni risultano poco visibili. E possibile fermare la sincronizzazione automatica cliccandosenza barre di navigazione sulla x nella principale finestra di dialogo, ma non tutti gli utenti Disponibilit di la notano al primo sguardo.funzioni per uscire Anche nel caso di annullamento di altre operazioni, si apre la finestra di dialogo che permette di cancellare il processo, madal programmarimane in primo piano lopzione di conferma di questultimo, che pu portare lutente a completare lerrore invece di riparare il dannoINTRODUZIONE PRODOTTO E STORIA PRINCIPI DI USABILITA 19TEST DI USABILITASOLUZIONI 20. PRINCIPI DI USABILITA6. Essere consistentiE importante tenere conto della semantica del dialogo(comportamenti associati agli oggetti) e della sintassi: entrambi devonorisultare coerenti e uniformi allinterno dellintero software. Questo principio non rispettato, in quanto iTunes progettato in modo diverso rispetto ai software che lutente medio abituato ad utilizzare. consistenza del linguaggio e della gra