Posizionamento vasca Imhoff Impianto di Fitodepurazione ... generale 2011.pdf · PDF...

Click here to load reader

  • date post

    07-Feb-2018
  • Category

    Documents

  • view

    225
  • download

    2

Embed Size (px)

Transcript of Posizionamento vasca Imhoff Impianto di Fitodepurazione ... generale 2011.pdf · PDF...

  • Posizionamento vasca Imhoff Impianto di Fitodepurazione VZL (30 a.e.)

    Depuratore biologico ad ossidazione

    totale in unica vasca monoblocco inmateriale PEAD (da 5 a 15 a.e.)

    Particolare vasca Filtro Percolatore

    Letto Batterico Aerobico da 40 a.e.

  • Prodotti: Vasche Imhoff

    Impianti di FITODEPURAZIONE

    Impianti SBR Sequencing Batch Reactor

    Impianti a LETTO BATTERICO (percolatori aerobici)

    SEPARATORI statici di grassi e oli vegetali - FLOTTATORI

    DISOLEATORI per oli minerali e idrocarburi

    TrattamentI acque reflue da Autolavaggi

    Trattamento delle ACQUE di PRIMA PIOGGIA

    Centraline di sollevamento premontate

    Vasche di clorazione, cisterne accumulo acqua

    Impianti premontati di raccolta e riutilizzo dellacqua piovana

    Vasche in PEAD (Polietilene Alta Densit) monoblocco

    Vasche in CLS prefabbricati sia monoblocco che ad anelli

    Depuratore biologico ad ossidazione

    totale in unica vasca monoblocco in

    CLS (da 20 a 150 a.e.)

    Posizionamento vasca in CLS

    per il trattamento delle

    acque di Prima Pioggia

    3

    Impianti ad OSSIDAZIONE TOTALE e FANGHI ATTIVImpianti i a

    Apparecchiature elettromeccaniche per sollevamenti liquami

    Vasche riserve idriche. Gruppi pressurizzazione -ANTINCENDIO

  • TUTELA DELLE ACQUETUTELA DELLE ACQUELegislazione di riferimentoLegislazione di riferimento

    D.D. LgsLgs. 11 Maggio 1999, n. 152 - Modificato nel 152/2006. 11 Maggio 1999, n. 152 - Modificato nel 152/2006Decreto legislativo recante disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento e

    recepimento della direttiva 91/271/Cee concernente il trattamento delle acque reflue

    urbane e della direttiva 91/676/Cee relativa alla protezione delle acque dall'inquinamento

    provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole.

    D.D. LgsLgs. 18 agosto 2000, n. 258. 18 agosto 2000, n. 258Disposizioni correttive e integrative del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152, in

    materia di tutela delle acque dall'inquinamento, a norma dell'articolo 1, comma 4, della

    legge 24 aprile 1998, n. 128.

    DELIBERA REGIONALE DELIBERA REGIONALE E.R.E.R. n. 1053 del 9 Giugno 2003 n. 1053 del 9 Giugno 2003Direttiva concernente indirizzi per l applicazione del D.Lgs 11 Maggio 1999 n. 152 come

    modificato dal D.Lgs 18 Agosto 2000 n. 258 recante disposizioni in materia di tutela delle

    acque dall inquinamento.

    Riferimenti di particolare interesse perRiferimenti di particolare interesse per

    ll identificazione della tipologia di scarico identificazione della tipologia di scarico

    e la scelta delle la scelta dell impianto di depurazione idoneo impianto di depurazione idoneo

    Dalla Dalla DELIBERA REGIONALE DELIBERA REGIONALE E.R.E.R. n. 1053 del 9 Giugno 2003 n. 1053 del 9 Giugno 2003::

    Punto 5) Criteri per l assimilazione delle acque reflue industriali alle acque refluedomestiche (Art. 28, comma 7, lettera e).

    Tabella A Definizione e caratterizzazione dei sistemi di trattamento delle acquedomestiche derivanti da insediamenti, installazioni ed edifici isolati conrecapito diverso dalla rete fognaria (art. 27, comma 4).

    Tabella B Criteri applicativi dei sistemi di trattamento delle acque reflue domestichederivanti da insediamenti, installazioni ed edifici isolati con recapito diverso

    dalla rete fognaria (art. 27, comma 4). (VEDI PAGINA SEGUENTE)

    BRUNI DEPURATORI D ACQUA srl - MODENA

    www.brunidepuratori.it

    CHIARIMENTI ED INDICAZIONI DISPONIBILI

    GRATUITAMENTE E SENZA IMPEGNO

    TELEFONANDO PRESSO I NOSTRI UFFICI

    O INVIANDO UNA E-MAIL AGLI INDIRIZZI

    [email protected]

    4

  • www.brunidepuratori.it

    BRUNI DEPURATORI D ACQUA srl - MODENA

    5

    Sol

    uzio

    ni

    Pos

    sibi

    li

    1+2+

    4 1+

    2+5

    1+2+

    7 1+

    2+10

    1+2+

    4 1+

    2+5

    1+2+

    7 1+

    2+10

    1+2+

    3 1+

    2+4

    1+6

    1+2+

    7

    Sub

    Ir

    rigaz

    ione

    dr

    enat

    a (1

    0)(a

    )(e)

    x x

    Vas

    ca

    Acc

    umul

    o (9

    )

    x (b

    ) se

    es

    iste

    nte

    x se

    esis

    ten

    te

    Poz

    zo

    nero

    (8

    ) x se

    esis

    ten

    te

    Fito

    D

    epur

    azio

    ne

    (7) x x x

    Impi

    anto

    O

    ssid

    azio

    ne

    Tot

    ale

    (6) x

    Filt

    ro

    Bat

    teric

    o A

    naer

    obic

    o (5

    ) x x

    Filt

    ro

    Bat

    teric

    o A

    erob

    ico

    (Per

    cola

    tore

    ) (4

    ) x x

    x (c

    )

    Dis

    co

    Bio

    logi

    co

    o B

    iodi

    sco

    (3) x

    Imho

    ff (2

    ) x x x

    Deg

    rass

    ator

    e (1

    ) x x x

    Sis

    tem

    i di t

    ratta

    men

    to

    Tip

    olog

    ia in

    sedi

    amen

    ti

    Edi

    ficio

    res

    iden

    zial

    e m

    ono

    - bi

    fam

    iliar

    i

    Edi

    ficio

    des

    tinat

    o a

    ci

    vile

    abi

    tazi

    one

    ad u

    so

    disc

    ontin

    uo /p

    erio

    dico

    Com

    ples

    so e

    diliz

    io

    (con

    dom

    inio

    , scu

    ola,

    ce

    ntro

    spo

    rtiv

    o, a

    lber

    go,

    case

    rma,

    ris

    tora

    nte)

    o

    picc

    oli n

    ucle

    i abi

    tativ

    i co

    n sc

    aric

    hi d

    istin

    ti pe

    r

    sing

    ola

    unita

    der

    ivan

    ti es

    clus

    ivam

    ente

    dai

    Wc,

    cu

    cine

    o m

    ense

    (d)

    Tab

    ella

    B

    Cri

    teri

    ap

    plic

    ativ

    i dei

    sis

    tem

    i di t

    ratt

    amen

    to d

    elle

    acq

    ue

    refl

    ue

    do

    mes

    tich

    e d

    eriv

    anti

    inse

    dia

    men

    ti, i

    nst

    alla

    zio

    ni e

    d e

    dif

    ici i

    sola

    ti c

    on

    rec

    apit

    o

    div

    erso

    dal

    la r

    ete

    fog

    nar

    ia (

    art.

    27,

    co

    mm

    a 4)

    .

    (a)

    Sis

    tem

    a d

    i tra

    ttam

    ento

    am

    mes

    so e

    sclu

    siva

    men

    te s

    u t

    rin

    cee

    rese

    *

    (aer

    azio

    ne p

    rolu

    ngat

    a e

    min

    ima

    prod

    uzio

    ne d

    ei fa

    nghi

    )- P

    erta

    nto

    l'impi

    anto

    a fa

    nghi

    atti

    vi n

    on

    con

    tem

    plat

    o in

    que

    sta

    norm

    ativ

    a pe

    r que

    ste

    appl

    icaz

    ioni

    esp

    oste

    in ta

    bella

    per

    ch

    lo p

    rodo

    tti s

    areb

    be tr

    oppo

    ass

    idua

    e c

    osto

    sa.

    Da

    non

    conf

    onde

    re c

    on g

    li im

    pian

    ti a

    fang

    hi a

    ttivi

    dov

    e il

    tem

    po d

    i aer

    azio

    ne

    infe

    riore

    a q

    uello

    deg

    li im

    pian

    ti ad

    oss

    idaz

    ione

    svuo

    tam

    ento

    dei

    fang

    hi

    tota

    le

    (b)

    Sis

    tem

    a d

    a u

    tiliz

    zare

    nel

    cas

    o l

    un

    ico

    rec

    etto

    re d

    isp

    on

    ibile

    sia

    rap

    pre

    sen

    tato

    imp

    erm

    eab

    ili d

    a ac

    qu

    e s

    up

    erfi

    cial

    i sta

    gn

    anti

    (d)

    Le

    solu

    zio

    ni i

    nd

    ivid

    uat

    e p

    er q

    ues

    te t

    ipo

    log

    ie d

    i in

    sed

    iam

    enti

    si a

    pp

    lican

    o a

    nch

    e ag

    li sc

    aric

    hi d

    i acq

    ue

    refl

    ue

    (e)

    Per

    gli

    scar

    ich

    i in

    zo

    ne

    di r

    isp

    etto

    ex

    art.

    21

    del

    dec

    reto

    si r

    iman

    da

    alle

    dis

    po

    sizi

    on

    i

    ass

    imila

    te a

    lle d

    om

    esti

    che

    per

    leg

    ge

    (pu

    nto

    4.1

    .3 -

    A)

    e p

    er e

    qu

    ival

    enza

    qu

    alit

    ativ

    a (p

    un

    to 4

    .1.4

    - A

    )

    da

    eman

    arsi

    da

    par

    te d

    ella

    Reg

    ion

    e ai

    sen

    si d

    el c

    om

    ma

    6 d

    el c

    itat

    o a

    rtic

    olo

    .

    (c)

    Per

    qu

    este

    tip

    olo

    gie

    di i

    nse

    dia

    men

    ti d

    a in

    ten

    der

    si n

    ella

    ver

    sio

    ne

    "filt

    ro p

    erco

    lato

    re"

    *

  • Trattamento acque reflue medianteTrattamento acque reflue mediante

    FITODEPURAZIONEFITODEPURAZIONE

    a flusso SUB-VERTICALEa flusso SUB-VERTICALED.D. L.L. nrnr. 152 del 11 Ma