PLM ? Chi era costui - 3,00 4,00 . 5,00 T5 T6 T7 T8 0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00 T9 T10 T11 T12 ....

download PLM ? Chi era costui - 3,00 4,00 . 5,00 T5 T6 T7 T8 0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00 T9 T10 T11 T12 . 1.

of 44

  • date post

    23-Jul-2020
  • Category

    Documents

  • view

    1
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of PLM ? Chi era costui - 3,00 4,00 . 5,00 T5 T6 T7 T8 0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00 T9 T10 T11 T12 ....

  • PLM ? Chi era costui ?

    Sergio Terzi Università degli Studi di Bergamo e Politecnico di Milano

  • Osservatorio GeCo

    Gestione dei Processi Collaborativi di Progettazione

    PLM ? Chi era costui?

    Bergamo, 8 Marzo 2012 Sergio Terzi

    Responsabile Comitato di Direzione

  • C’era una volta…

     Il calzolaio del villaggio  Conosceva i propri clienti, i

    loro bisogni e le loro preferenze

     Ideava e progettava le scarpe

     Realizzava le scarpe  Vendeva le scarpe  Riparava le scarpe  Riciclava i componenti

  • C’è oggi

    Produzione Progettazione Utilizzo Distribuzione Dismissione e Riciclo

    Manutenzione e Supporto

    Design Chain Supply Chain Service Chain

    Value Chain

  • È solo cosa da calzolai ?

  •  È cambiato il prodotto  È cambiato il modello di relazione  È aumentata la complessità  È cambiato lo scacchiere della

    competizione e sono aumentate le variabili in gioco  Non solo costi, qualità, rispetto delle

    normative  Non solo differenziazione e

    personalizzazione  Ma sempre più innovazione e

    tempestività (Time To Market), in un mondo piatto

    Qualche cosa è cambiato

  • Tempo vs Spazio

  • Tempo vs Spazio

  • Tempo vs Spazio

  • Osservatorio GeCo - 10

    Tempo vs Spazio

  • Tempo vs Spazio

  • Creare valore per competere

  • Osservatorio GeCo - 13

    Da dove partiamo?

  • Per fare cosa?  Cosa deve fare la progettazione oggi?

    • Deve essere efficace (riesca a fare le cose bene fin dall’inizio) ed efficiente (non faccia cose inutili)

    • Deve integrare risorse multidisciplinari per affrontare problemi più complessi e multifunzionali, mantenendo una una visione olistica sul prodotto e sul suo ciclo di vita

     Deve poter formalizzare e rendere trasferibile la conoscenza e l’innovazione

  • Stiamo dicendo cose nuove?

  • &

  • Perché no?

    Se ne parla già da un po’ …  ‘80: Concurrent Engineering, Lifecycle Analysis

    & Engineeering  ‘70: Design to Cost / Target Cost Management,

    Quality Function Deployment  ‘60: Risk analysis, FMEA / FMECA, Design for X,

    Clustering, Group Technology, Robust Design  ‘50: Value Analysis & Engineering, Modular

    design, Platform design, TRIZ

  • Perché si?

  • Perché si?

  • Qualcosa è accaduto…

  • Ma cosa? Come si chiama?

  •  Approccio olistico, centrato sul prodotto

     Basato sull’ausilio delle tecnologie informatiche

     Mira all’efficienza ed all’efficacia del processo di sviluppo, implementando una gestione integrata, cooperativa e collaborativa della conoscenza del prodotto, lungo il suo ciclo di vita

    Product Lifecycle Management

  • In due parole?

    Virtualizzazione = Dal reale al digitale (e viceversa)

  • In due parole?

    Digitalizzazione = Insieme è meglio, se in maniera ordinata ancor di più !

    Source: M. Grieves, 2005

  • Digitalizzazione = Insieme è meglio, se in maniera ordinata ancor di più !

    In due parole?

    Source: M. Grieves, 2005

  • Authoring tools - CAx

    Collaborative Product Development and Management - CPDM

    CAD 2D

    CAD 3D

    DMU VR

    RP/RM - CAM

    CAE

    CAPP

    EDM PDM TDM Collaborative desktop

    Un solo acronimo per un grande mercato

  • Tutto chiaro?

    Osservatorio GeCo - 27

  •  PLM ? Chi era costui?  Part line manager, Product line manager  Project lifecycle management, Product lifetime management, Plant

    life management  Ma non si dice PDM?  Si, ce l’ho il database dei prodotti, in Access  Me lo sono fatto in casa con Excel  Si, lo abbiamo, ma cosa centra con la progettazione?  Devo sentire i sistemi informativi, forse loro sanno se lo abbiamo  Forse deve chiedere in progettazione  So che costa troppo, per me non va bene…  È una cosa per le grandi imprese, noi non ce lo possiamo

    permettere…

    Osservatorio GeCo - 28

    Voci dal mercato…

  • Ricerca ICT & PMI, 2007-2008  «Avete in corso / avete svolto / avete

    pianificato un progetto di PLM?»  1.200 imprese contattate, 769 risposte  1,3 % si……. 98,7 % non risponde

    Osservatorio GeCo - 29

    Una nostra ricerca «massiva»

  • Osservatorio GeCo - 30

    Perché tutto questo?

  • Osservatorio GeCo - 31

    Perché tutto questo?

  • Ma non sarà quindi cosa solo per dei geek informatici?

    32

  • È multidimensionale!

    Processo SP

    Metodi e Strumenti

    Persone e competenze

    Spazio di progettazione, Attività a valore, Sprechi, Gestione dei progetti, Carichi di lavoro, Urgenze e risorse dedicate,

    Interfunzionalità, Interoperabilità, Collaborazione

    Competenze tecniche, Conoscenze sperimentali, Multidisciplinarietà,

    Focalizzazione, Decisionalità, Incentivi e Premi

    Software di progettazione e collaborative working, Metodi e regole di lavoro,

    Standard e normative, Gestione della conoscenza, Ripetibilità e riutilizzabilità,

    Comunicazione visiva

  • Quindi ? Dove si va ? Come ? Da dove parto ?

  •  Osservatorio sulla Gestione dei Processi Collaborativi di Progettazione (GeCo*) focalizzato sullo studio dei processi di progettazione e sviluppo nuovo prodotto nelle imprese italiane

     Studia le modalità organizzative, i modelli gestionali, i metodi e le tecniche operative, gli strumenti e le tecnologie ICT (Product Lifecycle Management)

    Osservatorio GeCo - 36

    Quindi… GeCo !

  • Osservatorio GeCo - 37

  • Sprechi in progettazione

    0,00

    10,00

    20,00

    30,00

    40,00

    50,00

    60,00

    Sovra ingegnerizzazione

    Attesa e tempi morti tra le fasi

    Sistema informativo inefficiente

    Processo inappropriato

    Conoscenza male accumulata

    Viaggi e Meeting Cattiva progettazione

    Cattiva gestione delle competenze

  • Tempi in progettazione

    Osservatorio GeCo - 39

    11,67% 8,00%

    11,11% 15,50%

    43,89% 39,00%

    21,11%

    7,00%

    11,11%

    28,00%

    0%

    10%

    20%

    30%

    40%

    50%

    60%

    70%

    80%

    90%

    100%

    Altro

    Coordinamento con altri colleghi (anche progettisti esterni)

    Definizione specifiche e documentazione di progetto

    Progettazione e Test (es. modellazione a CAD, conduzione di test e prove)

    Recupero di informazioni da risorse informatiche

    Recupero di informazioni da risorse tradizionali (cartacee o a voce)

    Attività che aggiunge valore.

    Attività non a valore, ad oggi necessarie, potenzialmente

    comprimibili.

    Attività non a valore, solitamente necessarie, potenzialmente

    comprimibili.

  • Multidimensionalità

    0,00

    1,00

    2,00

    3,00

    4,00

    5,00 T1

    T2

    T3

    T4 0,00

    1,00

    2,00

    3,00

    4,00

    5,00 T5

    T6

    T7

    T8 0,00

    1,00

    2,00

    3,00

    4,00

    5,00 T9

    T10

    T11

    T12

    1. Definire un processo orientato al valore del cliente, focalizzando le attività a valore ed eliminando gli sprechi

    2. Predisporre fin dall’inizio un processo di SP che contempli il maggior numero di alternative possibili, massimizzando lo spazio di progettazione

    3. Creare un processo di SP dal flusso livellato

    4. Organizzare un processo di SP bilanciando esperienze funzionali e competenze multidisciplinari

    5. Predisporre un sistema di Chief Engineer per integrare lo sviluppo dall’inizio alla fine del processo

    6. Sviluppare forti competenze tecniche nei progettisti

    7. Integrare i fornitori nel processo di SP

    8. Costruire una cultura dell’apprendimento e del miglioramento continuo per mirare all’eccellenza

    9. Utilizzare metodi standard per ridurre la varietà, creando flessibilità e risultati controllabili

    10. Adattare gli strumenti alle persone e al processo di SP

    11. Usare strumenti adeguati a supportare la generazione, l’accumulamento e il riutilizzo della conoscenza aziendale

    12. Allineare l’organizzazione con una semplice e diretta comunicazione visiva

  • Percorsi evolutivi dei sistemi

    Sistema Percorso evolutivo Motivazioni Criteri

    CAx (3D)

    Il percorso più

    frequente

    CAD