Pierre Clastres L’anarchia selvaggia - · PDF filePierre Clastres ha lasciato alla sua...

Click here to load reader

  • date post

    14-Sep-2018
  • Category

    Documents

  • view

    214
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Pierre Clastres L’anarchia selvaggia - · PDF filePierre Clastres ha lasciato alla sua...

  • Pierre Clastres

    Lanarchia selvaggia

    le societ senza stato, senza fede, senza legge, senza re

    introduzione di Roberto Marchionatti

    eluthera

  • Titoli originali: La question du pouvoir dans les socits primitives (1976), Archologie de la violence (1977), Libert, Malencontre,

    Innomable (1976), ge de pierre, ge dabondance (1976)Traduzione dal francese di Guido Lagomarsino

    1980 Editions du Seuil 2013 eluthera

    progetto grafico di Riccardo Falcinelliimmagine di copertina: donna yanomami, Brasile

    Fiona Watson/Survivalper gentile concessione di Survival International

    Dal 1969 lassociazione aiuta i popoli indigeni di tutto il mondo a difendere le loro vite, le loro terre e i loro fondamentali diritti umani

    www.survival.it

    il nostro sito www.eleuthera.ite-mail: [email protected]

  • Indice

    La riflessione sulla libert selvaggia di Pierre Clastres 7di Roberto Marchionatti

    capitolo primoLa questione del potere nelle societ primitive 25

    capitolo secondoArcheologia della violenza: la guerra nelle societ primitive 33

    capitolo terzoLibert, malencontre, innominabile 75

    capitolo quartoEt della pietra, et dellabbondanza 93

    Bibliografia di Pierre Clastres 113

  • La riflessione sulla libert selvaggia di Pierre Clastres1

    di Roberto Marchionatti

    Pierre Clastres ha lasciato alla sua prematura morte, pi di trentanni fa, il 29 luglio del 1977, unopera inevitabilmente incompiuta ma, come ha ben scritto Marcel Gauchet, densa e capitale, capace di trasformare radicalmente il nostro sguardo sulla societ e la storia e che non cessa di sorprendere per la sua forza di rinnovamento intellettuale nel campo dellantropologia e della filosofia politica2.

    Nato il 17 maggio 1934 a Parigi, egli studi filosofia prima di dedicarsi allantropologia, verso la fine degli anni Cinquanta, nel contesto del fermento critico tra gli intellettuali francesi a seguito della crisi del 1956 e sotto linfluenza del pensiero di Claude Lvi-Strauss3. Lincontro con gli indiani amerindiani, che saranno il suo campo di studio, avvenne inizialmente leggendo, non solo gli studi etnografici contenuti nel monumentale Handbook of South American Indians, ma, soprattutto, le cronache e i resoconti dei primi viaggiatori:

    Prima che nella foresta tropicale, Clastres ha incontrato gli indiani

    7

  • nei libri e nelle cronache degli antichi viaggiatori e missionari; con una lucida e ispirata immaginazione decifrando quei dati a cui la pagina spesso alludeva senza individuare, quando non li dissimulava.

    Cos scrive Claude Lefort nel suo scritto in memoria dellami-co (in Libre, 4/1978, p. 51)4. Su quei testi da Hans Staden ad Andr Thevet, da Jean de Lry ai gesuiti si forma il pensiero di Pierre Clastres, prima del tempo dei viaggi, che lesperienza e le riflessioni seguenti serviranno ad arricchire. I testi degli esplorato-ri e dei missionari offrivano un immenso materiale su di unepoca precedente la colonizzazione, e parlavano di genti del tutto nuove. A essi avevano gi attinto due filosofi, fondamentali nel formare il pensiero di Clastres: Michel de Montaigne ed tienne de La Botie. Lo spazio epistemologico entro cui si muoveva quel pensiero scettico offre la disponibilit allaltro, ma anche la consapevolezza dellenorme distanza, meglio sarebbe dire discon-tinuit, tra noi i civilizzati e loro i selvaggi , la possibilit di un dialogo e limpossibilit, forse, di una comprensione totale. Da questi autori deriva a Clastres il modo di affrontare il pro-blema della storia, antitetico a quello marxista ed evoluzionista, giudicando quel che c stato dopo in rapporto a ci che cera prima: che ne delle societ post-primitive? Perch sorsero la di-seguaglianza, la divisione sociale, il potere separato?5 E sono que-sti gli autori il cui pensiero, insieme a quello dei filosofi che tra il sedicesimo e il diciottesimo secolo, levarono le loro voci in difesa dei popoli primitivi, costitu il fondamento dellopposizione alla ratio descartiana, che portava, con la sua netta separazione tra la ragione e ci che essa non , il silenzio tra la cultura occidentale e i selvaggi. Opposizione presto sconfitta. Se un ponte tra le culture ancora possibile, pensava Clastres, ora lantropologia a renderlo possibile, sulle fondamenta gettate da autori quali, soprattutto, Lvi-Strauss, un pensatore che ha saputo prendere sul serio i selvaggi6. Di qui parte il viaggio antropologico di Pierre Clastres.

    8

  • Il problema del politico

    Lindagine della dimensione politica nella societ rappresenta il cuore della speculazione di Clastres, il luogo intorno a cui ruota la sua interpretazione delle societ primitive. Indagine antropo-logica che giunge a porsi una questione che travalica il campo specifico: da dove viene il potere delluomo sulluomo? da dove viene il potere politico?

    Etnologia e problema del potereIn relazione al problema del potere, avverte Clastres, letno-

    logia ha fatto ruotare le culture primitive intorno alla cultura occidentale, senza prendere sul serio le forme politiche primitive: societ senza Stato secondo la concezione tradizionale delle socie-t primitive lassenza di Stato ne segna lincompletezza, lo stato embrionale della loro esistenza, come scrive Clastres nel breve ma essenziale La question du pouvoir dans les socits primitives (in questo volume, p. 25). Analoga per molto tempo stata la situa-zione riguardo alle forme economiche: un criterio fondamentale applicato tradizionalmente alle economie primitive stato quello di economia di sussistenza, solo recentemente criticato a partire dallopera capitale dellantropologo americano Marshall Sahlins, del cui Stone Age Economics Clastres scrisse unimportante in-troduzione alledizione francese (in questo volume, p. 93)7. La medesima prospettiva che fa considerare i primitivi come uomini viventi miseramente, scrive Clastres, determina altres il senso e il valore del discorso corrente sulla politica e il potere. La cul-tura occidentale pensa il potere politico in termini di relazioni gerarchiche e autoritarie di comando e obbedienza, ovvero una relazione di coercizione: ne deriva che le societ primitive sono senza, mancanti di, potere politico. Questo legame potere-coer-cizione rifiutato da Clastres, che in un celebre saggio del 1969, Copernic et les Sauvages, poi primo capitolo di La Socit contre ltat, scrive:

    9

  • Non possibile dividere le societ in due gruppi: con o senza potere. Riteniamo al contrario [] che il potere politico sia universale, im-manente al fatto sociale [] ma che si realizzi in due modi principali: potere coercitivo e potere non coercitivo; [] Il potere politico coerci-tivo [] non il modello del vero potere, ma semplicemente un caso particolare [] Anche nelle societ in cui listituzione politica assente [] anche l la politica presente; anche l si pone il problema del potere: [] nel senso in cui [] qualche cosa esiste nellassenza [] Non pensabile il sociale senza il politico: in altre parole non vi sono societ senza potere8.

    Ci che differenzia le societ non la presenza o lassenza del potere politico, ma la relazione tra sfera politica e societ. Il com-pito di unantropologia politica cos individuato e si articola in due interrogativi: che cos il potere politico? e come e perch si passa dal potere politico non coercitivo al potere politico coerci-tivo?

    Il ruolo della sfera politica nelle societ primitive e la filosofia politica dei selvaggi

    Il primo scritto edito di Clastres, Echange et pouvoir: philosophie de la chefferie indienne, del 1962 (poi in La Socit contre ltat), un anno prima della sua ricerca sul campo tra i Guayaki, contiene, in relazione alle societ amerindiane, lenunciazione del problema e le linee essenziali della sua interpretazione. Sulla base delle in-formazioni disponibili a partire dal sedicesimo secolo, appare che la mancanza di stratificazione sociale e di autorit del potere, che si deve considerare come il tratto pertinente dellorganizza-zione politica della maggioranza delle societ amerindiane. Ci che si tratta di comprendere la strana persistenza di un potere pressoch impotente, di capi senza autorit. Il senso di ci, scrive Clastres, risiede mascherato sul piano della struttura. La sua com-prensione sta nellindagine della relazione tra sfera politica e sfera

    10

  • dello scambio. Lidea secondo la quale il principio di reciprocit, legge che fonda e regge la societ, determini anche il rapporto tra potere e societ , sostiene Clastres, insufficiente. Infatti, soltanto apparentemente il potere fedele a quella legge: guardando al triplice fondamentale movimento di scambio scambio di beni, di donne, di parole si scopre che la circolazione di questi beni avviene a senso unico, dal gruppo verso il capo (donne) e dal capo verso il gruppo (beni e parole), non mai reciproca. Valori di scambio non regolati dal principio della reciprocit, questi flussi cadono fuori delluniverso della comunicazione nelle societ primitive. Relazione privilegiata del potere con gli elementi il cui movimento reciproco fonda la struttura della societ primitiva, ma relazione che fonda la sfera politica come esterna alla strut-tura della societ. In quanto esterna, essa non pu svilupparsi effettivamente: Il rigetto di questa [sfera politica] allesterno della societ il mezzo stesso per ridurla allimpotenza, cos spiegando limpotenza del capo selvaggio.

    Qual la ragion dessere di questa separazione tra sfera politica e societ? Queste societ, risponde Clastres, costituiscono la loro sfera politica in funzione di unintuizione: che il potere nella sua essenza coercizione. La trascendenza del potere racchiude per il gruppo un rischio mortale, ed lintuizione di questa minaccia che conferisce profondit alla loro filosofia politica. Con questa tesi di una filo