Periodico del Centro Studi “Guglielmo Allevi” - Offida ... Studi Allevi Addiocaro“biancoenero...

download Periodico del Centro Studi “Guglielmo Allevi” - Offida ... Studi Allevi Addiocaro“biancoenero ... Giovanni Sforza gli commissioner la roccadiSenigalliadoveeglinel1491 cost Grazie.

of 24

  • date post

    18-Apr-2018
  • Category

    Documents

  • view

    223
  • download

    5

Embed Size (px)

Transcript of Periodico del Centro Studi “Guglielmo Allevi” - Offida ... Studi Allevi Addiocaro“biancoenero...

  • SOMMARIO

    Apertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1Serafino Camilli

    Le pratiche magiche dal rinascimentoad oggi nel territorio di Offida . . . . . . . . . . . . .1Vitale Travaglini

    Offida e le passioni nascoste . . . . . . . . . . . . . .3Nadia Colletta

    La Rocca di Offida edil suo architetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4Nadia Colletta

    Don Luciano Monsignore . . . . . . . . . . . . . . . . .6Centro Studi Allevi

    Addio caro bianco e nero . . . . . . . . . . . . . . . .6Alberto Premici

    Righetto e Tezzitte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7Marco Mercolini Tinelli

    FOLKLORE OFFIDANOI mesi dell'anno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7Michele Angelini

    AVIS di Offida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8Giuliano Ciotti

    L'ANGOLO DEI RAGAZZI . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9

    M'schitt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9Lorenzo Gabrielli

    OFFIDANI ILLUSTRIGiovanni Allevi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10Nicola Savini

    NATURA E SCIENZABonsai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11Mauro RecchiMotociclette d'avanguardia . . . . . . . . . . . . . . . .11Italiano De SantisProve di comunicazione con altri mondi . . . . .12Simone Recchi

    FACCIAMO UN PO' DI SPORTComunicati dalle associazioni sportive . . . . . .13Io Tiro a Segno... e tu? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14Bernardino Campitelli

    MANGIAMO QUALCOS'ALTROPolpettine con verdure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15Raffaela Fanesi

    Padre Ilarino, dal santuario dell'Ambro . . . . . .15

    Il gusto del vino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16Umberto Svizzeri

    POESIALibert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .18Faye

    Amministratore di sostegno . . . . . . . . . . . . . . .18Adriana Colletta

    Trasgressioni adolescenziali . . . . . . . . . . . . . . .19Mirko Ciabattoni

    e-CORNER . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20Nadia Colletta

    OPHYS NEWS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20Alberto Premici

    Parole scrociate illustrate . . . . . . . . . . . . . . . . .23(Omer)

    Scongiuri propiziatori, incantesimi,sortilegi, divinazioni, fatture e con-trofatture hanno intriso la realt quotidia-na del genere umano da tempo immemo-rabile, poich costituivano la pi sicuradifesa contro le avversit che incombeva-no sugli individui e sulla collettivit.I maghi avevano credito,pi o meno

    marcatamente, su spazi consacrati, nelmondo antico, presso gli egiziani, i babilo-nesi, gli assiri, i fenici e gli etruschi. Anchecon lo sviluppo delle civilt le attivitmagiche hanno continuato ad avere unruolo di rilevo, come nel periodo rinasci-mentale. In questo mondo culturale fissa-to, contemplato e riconosciuto per la suasapienza venerabile, tradizionale ed ina-movibile, la magia che gareggiava con Dio,si manifestava alla stregua di una spintapotente che voleva o poteva travolgere emutare le cose.Nell'immaginario collettivo esercitava

    il suo influsso per la capacit di poterdominare le forze della natura con il ricor-so a tecniche occulte o ad apposite ceri-monie di forma malefica (magia nera, stre-goneria) o benefica (magia bianca). Leprestazioni confidavano sulla magia natu-rale e sulla magia cerimoniale o demonia-ca. La prima era un insieme di procedureche agivano attraverso le propriet e lequalit segrete delle cose, come il mistici-smo del talismano (oggetto che ha unpotere attivo-realizzativo) o dell' amuleto(oggetto dotato di potere passivo perallontanare il male).La magia cerimoniale o demoniaca,

    invece, faceva uso di riti, incantesimi,nomi sacri, caratteri, simboli mistici edoggetti, mediante l'intervento dei demoni.Il confine tra magia naturale e quella ceri-moniale o demoniaca non , per, deltutto semplice da definire. La ChiesaCattolica ha considerato maghi, stregoni efattucchieri come menzogneri, non nelsenso che le loro pratiche magiche eranosenza efficacia, ma perch producevano iloro effetti evocando ed utilizzando quelleforze negative, false e demoniache cheCristo aveva posto sotto la sua signoria.L'esercizio di attivit magiche significava,quindi, non riconoscere il messaggio dellasalvezza ed intrattenere un rapporto privi-

    Nel pieno dell'estate, mentre ilcaldo imperversa, gli offidanihanno la possibilit di leggere il nuovonumero di Ophys con una serie di arti-coli che spaziano dalle pratiche magi-che, alla cultura, a manifestazioni folklo-ristiche e altre manifestazioni interes-santi. Non mancano anche notizie sucaratteristici personaggi (Mschitt, Tzzitte Righetto) che erano molto conosciutiper le loro imprevedibili avventure.Sul folklore offidano, troviamo una

    interessante carrellata sui vari mesi del-l'anno di Michele Angelini, e la bellanotizia che il nostro collaboratore donLuciano Carducci stato nominatomonsignore con delibera papale.Sull'attivit dall'Avis, la benemerita

    Associazione di volontariato si soffermail presidente Giuliano Ciotti e, novitcuriosa l'angolo dei ragazzi, che presen-ta componimenti poetici degli alunnidelle scuole medie ed elementari. A curadel prof. Nicola Savini, invece, vienepresentato il prof. Giovanni Allevi, unemerito offidano, laureato in medicina,autore di molte pubblicazioni che consi-der il lavoro come un apostolato daesercitarsi per il bene della patria e avantaggio delle masse lavoratrici.Molto ampio l'articolo del tecnico

    Simone Recchi sulle prove di comuni-cazione con altri mondi e non mancanoalcune brevi notizie sui vari sport che sipossono praticare adesso ad Offida.Troviamo inoltre il saluto di padre

    Ilarino dal santuario dell'Ambro, dove stato recentemente trasferito, e il prose-guimento della rubrica Il Gusto delVino.Prima della conclusione riportiamo

    interessanti notizie di attualit con gliarticoli di Adriana Colletta, MirkoCiabattoni, Nadia Colletta e la rubricaOphys News che presenta notizie sugliavvenimenti che si sono svolti in Offidanegli ultimi mesi.Un numero, quello estivo, che sicu-

    ramente sar bene accolto da tutti colo-ro che amano conoscere quanto Offidaoffre ed ha offerto nel passato.

    SERAFINO CAMILLI

    Anno 4 - nuova serieNumero 9

    COPIA GRATUITAOffida, Luglio 2005

    Periodico del Centro StudiGuglielmo Allevi - Offida

    1

    Centro Studi Guglielmo Allevi: Marco Mercolini Tinelli (presidente onorario) - Giancarlo Premici (presidente) - Mario Vannicola (direttore) - Nadia Colletta (segretaria)

    LE PRATICHE MAGICHE DALRINASCIMENTO AD OGGI

    NEL TERRITORIO DI OFFIDAVITALE TRAVAGLINI

  • legiato con satana, scavalcando, in uncerto senso, Dio. La magia diventava, cos,la decisione di prolungare l'efficacia deidemoni oltre i limiti concessi al tempodella salvezza, iniziata con Ges, al di ldei mezzi sacramentali trasmessi da Gesstesso alla sua Chiesa. Questi furono imotivi che contribuirono a sviluppare nelcristianesimo una forte ostilit nei con-fronti della magia ed una dura condannaverso coloro che la praticavano. Per tuttoil 1500 impervers il famosissimo libroMALLEUS MALEFICARUM (Martellodei malefici), che fu la base teorica di tuttii processi, in cui la distinzione fra strego-neria e magia passava attraverso la presen-za dei demoni.Se ci soffermiamo ad osservare le tra-

    dizioni, i riverberi e le notizie sugli attimagici ed i suoi effetti malefici affermatisifin dall'epoca rinascimentale nello spaziodel quotidiano collettivo all'interno dellagente di Offida, risalta la presenza di unaforma anomala posta in relazione colsovrannaturale, che entra a far parte di uncomplesso simbolico in una collocazioneben definita. Se entriamo nel vivo delladocumentazione storica e delle sanzionipenali ci rendiamo conto del ruolo svolto,nel contesto della societ locale, dalle fat-ture e dagli incantesimi di spiriti mali-gni, come si pu apprendere dagli Statutidel Comune di Offida, redatti nel 1524.La fattura, pratica di incantesimo, di

    maleficio o di stregoneria, era fatta conbevande o filtri che si credeva potesserodanneggiarei n d i v i d u i ,piante, ani-mali e cose.Per la riuscitadella fattural'azione ritua-le era indiriz-zata o sull'ef-figie (magiasimpatica) osulle parti delcorpo (capel-li, unghie,peli) o sullevesti dellavittima desi-gnata (magiacontagiosa),in quanto sic r e d e v a ,secondo unaconcez ionemagica ,chetutto ci cheavvenisse allaparte potessea v v e n i r eanche a tuttala persona.

    Normalmente la fattura era rivolta almale, ma poteva servire, pure a scongiu-rarlo. Essa era praticata da fattucchieri omagari, cui si attribuivano poteri sovran-naturali: per giungere ad esserlo e pratica-re le arti magiche era necessario che sipotesse arrivare a disporre di un principiosuperiore alla natura umana. Incantesimoera un qualsiasi esperimento cui si attri-buiva il potere di proiettare, con tecnichemagiche, uno o pi elementi o fattori delreale in una dimensione superiore odinconsueta, tramite l'intervento di spiritimaligni, ossia di esseri immateriali inquanto appartenenti ad un ordine sovran-naturale, che potessero arrecare dei dannio del male, con sottinteso riferimento adesseri demoniaci o, pi genericamente,forze malefiche in rapporto col diavolo(ad esempio: leLe testimonianze storiche certificanti

    la decisa presa di posizione delle autoritoffidane contro la pratica delle fatture edegli incantesimi di spiriti maligni sonoconfermate e documentate negli Statutidel Comune di Offida.Nel Libro Quarto al Capitolo 94 De

    paenis facientium facturas et incantationes sistabiliva quanto segue: Se qualcuno inOffida o nel suo distretto fa o fa fare qualchefattura o incantesimo di spiriti maligni pernuocere, punito per ogni volta con 400denari, se non paga entro un mese dall'emis-sione della sentenza,