PAESAGGI DELLA CITTA’ PAESAGGI DEL RIUSO ... ... Sono i paesaggi nei quali le azioni del riuso...

Click here to load reader

  • date post

    31-Mar-2021
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of PAESAGGI DELLA CITTA’ PAESAGGI DEL RIUSO ... ... Sono i paesaggi nei quali le azioni del riuso...

  • Sono i paesaggi nei quali le azioni del riuso rappresentano una componente importante che modella gli aspetti percettivi del luogo

    PAESAGGI DELLA CITTA’

    PAESAGGI DEL RIUSO

    PAESAGGI DELL’ECONOMIA

    PAESAGGI DEL TURISMO

    PAESAGGI DELLA STORIA

    Sono quei luoghi dove un intervento di resturo ha rimodellato un pezzo di paesaggio, riportando alla luce o rivalorizzando il

    patrimonio che i secoli hanno lasciato come preziosa eredità

    Gli interventi sul paesaggio agrario, la realizzazione di nuovi impianti a carattere produttivo che modellano e ridisegnano la

    percezione dello spazio

    Sono i paesaggi frutto della trasformazione territoriale indotta dall’industria del turismo, la scala dell’intervento puo’ essere minimale

    o interssare vaste aree della costa

    Il tema analizza il paesaggio urbano in tutte le sue declinazioni. Comprendendo una vasta gamma di azioni dall’arredo urbano alla

    pianificazione urbana

    i temi

  • PAESAGGI DELLA CITTA’

    PAESAGGI DEL RIUSO

    PAESAGGI DELL’ECONOMIA

    PAESAGGI DEL TURISMO

    PAESAGGI DELLA STORIA

    Centro per l’allevamento e addestramento di cavalli di razza anglo arabo sarda [ Santa Lucia / Nuoro ] Casa LB [ Budoni / Olbia-Tempio ]

    Casa per abitanti della terra [ Capo Comino / Nuoro ]

    Riqualificazione di via Sardegna [ Arzana / Ogliastra ] Riqualificazione piazza Sennorigau [ Villagrande Strisaili / Ogliastra ]

    Fabbricato residenziale - unifamiliare lottizzazione “Poggio dei Pini” - Lotto 164 [ Capoterra / Cagliari ] Riqualificazione di Piazza Dante, Bando Biddas L.R. 29/98 [ Perdaxius / Carbonia-Iglesias ] Sistema totem informativi per il Fondo Ambiente Italiano [ Sassari / Sassari ] Progetto per il Quartiere Flaminio [ Roma / Roma ]

    Piccolo recupero in centro storico casa dei colombi [ Tortolì / Ogliastra ] Recupero in centro storico villarotta [ Tortolì / Ogliastra ]

    Valorizzazione dell’area di Santa Croce [ Semestene / Sassari ]

    Recupero dell’ex blocchiera Falchi [ Tortolì / Ogliastra ]

    Palazzo Ciancilla [ Sassari / Sassari ]

    Abitare la Gallura - first prize [ Nuoro / Nuoro ]

    L’acquario Marino della Sardegna [ Cala Gonone / Nuoro ]

    Discoteca Laguna Blu [ Zona Turistica Marina / Nuoro ] Area SIC Tortolì: sistemazione del litorale di Orrì [ Tortolì / Ogliastra ] Struttura ombreggiante sul lungomare [ Stintino / Sassari ]

    elenco interventi

  • PAESAGGI DELLA CITTA’

  • Raffaele Angelo Pisano NU137 | Mario Angelo Murru NU187

    Riqualificazione di via Sardegna | [ Arzana / Ogliastra ]

    L’intervento ha promosso la riorganizzazione della sede stradale della via Sardegna, dalla P.zza Roma sino all’intersezione con la via Mons. Virgilio, nella quale

    è stata introdotta la circolazione a senso unico a scendere, che ha permesso di riorganizzare la sede stradale individuando un marciapiede sul lato a valle, in

    posizione centrale una corsia per il traffico automobilistico, sul lato a monte una fascia riservata alla sosta veicolare.

    I due terminali del progetto sono definiti: all’estremo superiore dal basamento in pietrame granitico su cui sorge la Parrocchiale, un possente podio dal profilo

    curvilineo; all’estremo inferiore da uno slargo in cui la cortina edilizia sul lato a valle si interrompe, in corrispondenza del rio Castana, permettendo di apprezzare

    l’articolazione del paesaggio ogliastrino, dagli orti periurbani sino al litorale tirrenico.

    Il marciapiede ha una larghezza media di 1,50 m, permette di percorrere in sicurezza la via e favorisce il mantenimento della consuetudine della passeggiata. La

    forma della superficie pavimentata si articola assecondando la geometria della cortina edilizia e delle traverse che si immettono nella strada principale. Si vengono

    così a formare dei piccoli ambiti più vocati alla sosta dotati di sedute ed aiuole. Il marciapiede è pavimentato in granito fiammato, con inserti in basalto a intervalli

    irregolari. Le sedute e le sopraelevazioni dei muretti a bordo strada sono ugualmente realizzati in granito.

    Sul lato opposto al marciapiede gli episodi più significativi sono localizzati nel tratto inferiore, dove sono localizzate le due scalinate di collegamento con la via 4

    Mori, che sono state revisionate nel disegno e rivestite in granito sardo fiammato, dotandole di aiuole e ricavando una fascia a verde.

  • Mario Angelo Murru NU187 | Raffaele Angelo Pisano NU137

    Riqualificazione piazza Sennorigau | [ Villagrande Strisaili / Ogliastra ]

    Il tema è la riqualificazione di una piazza-parcheggio costruita a cavallo di un rio e danneggiata dall’alluvione del 2004. La proposta muove le mosse dall’analisi

    delle problematiche strutturali del manufatto sviluppata dall’ing. F. Giaccu.

    Si parte da un assunto funzionale: confermare l’uso quotidiano a parcheggio (in quanto fondamentale per la vita del corso e del centro storico), tutelando la fascia

    pedonale dell’affaccio verso valle, e riqualificare la piazza attrezzandola per ospitare le varie manifestazioni pubbliche.

    Il progetto si concentra sui tre bordi principali di questa superficie a L con pavimentazione in cls:

    1_ La rilettura dell’ampio prospetto “tecnico” verso valle permette di farlo partecipare alla costruzione del grande fronte urbano. Si chiariscono pesi e gerarchie con

    un progressivo alleggerimento verso l’alto. La sistemazione si sviluppa sino ad integrare la piazza della biblioteca, che si offre come piattaforma sul paesaggio.

    2_Il bordo “naturale” viene segnato da un piano inclinato in cui si incastra una “scena” creata con brani di murature che emulano i ruderi esistenti, giocando sulla

    tensione tra geometrie lineari e profilo articolato degli elementi naturali. 3_ La relazione con il corso si materializza in una lunga parete in granito che fa da fondale

    e da parapetto per un ampio marciapiede-passeggiata che prosegue oltre la piazza (in coerenza con la destinazione urbanistica) offrendo la possibilità di affaccio

    diretto sul paesaggio di cui ora il corso è privo.

    L’intervento si estende poi a riannodare le relazioni di una serie di piccoli spazi pubblici con installazioni murali, creando una sequenza che scandisce lo sviluppo

    del corso. Il tutto a confermare e rafforzare l’importanza e la vitalità del corso, individuando la piazza come risorsa aggiuntiva, invece che creare una velleitaria

    alternativa in uno spazio troppo ampio in cui si disperderebbero le relazioni e le misure del tessuto storico.

  • Paolo Porcu NU224

    Fabbricato residenziale - unifamiliare lottizzazione “Poggio dei Pini” - Lotto 164 | [ Capoterra / Cagliari ]

    Il fabbricato si compone di due corpi; il primo, comprendente la zona giorno, si sviluppa su due livelli mentre il secondo volume è innalzato su un piano. Alla base

    dei volumi sopraccitati è presente un ampio piano interrato. Il tutto ha una superficie totale di Mq. 474,48 ed un volume di Mc. 861,81. La villa, realizzata presso

    la lottizzazione denominata “Poggio dei Pini- Capoterra”, ha le facciate principali che godono di bellissime panoramiche: quella di ingresso sul Golfo degli Angeli,

    quella tergale sul Monte Arcosu .

    Sul livello terra (in cui è stata collocata la zona giorno e su piano rialzato di 50 cm rispetto alla prima, la zona notte), i corpi di fabbrica risultano leggermente

    sopraelevati rispetto al piano di campagna al fine di creare un ambiente interno salubre. La struttura portante dei corpi di fabbrica è del tipo misto: muri portanti in

    laterizio (poroton thermo 2010 dello spessore di cm. 35, murati a malta cementizia) e travi in c.a. a reggere il solaio di calpestio e/o copertura. Per ottimizzare lo

    sfruttamento degli spazi interni (evitare l’ingombro dei radiatori a parete), è stato realizzato un impianto di riscaldamento a pavimento.

    Esternamente sono state poste quattro colonne in granito lungo il fronte principale a reggere una copertura che ha il compito di creare una protezione della zona

    di ingresso (fronte strada 31). La struttura principale della copertura (travi ed orditura secondaria) è costituita da legno in castagno (massello).

    Nel piano primo è collocata una zona relax (open space) da cui si accede a due verande parzialmente scoperte. Il solaio di soffitta é stato calcolato e dimensionato

    per sopportare il carico della struttura di copertura (a padiglione) che risulta del tipo a nido d’ape. Il manto di copertura come largamente utilizzata nel territorio

    circostante è realizzato con coppi sardi in laterizio, avente un aspetto particolarmente gradevole. Lungo tutto il perimetro fuori terra del fabbricato è presente

    un intonaco a cappotto al fine di aumentare le capacità coibenti dei muri esterni (tinteggiati a tempera protettiva). I muri di spina sono rivestiti in pietra naturale

    (Siniscola) posata a secco, contornata da elementi in granito giallo.

    Attorno al fabbricato sono previste aree coltivate a verde (oliveto e frutteto) e relativo viottolo di ingresso, la rete interrata dei sottoservizi, lo stradello di accesso

    veicolare e la relativa rampa di collegamento al piano interrato. L’ ingresso carrabile è stato studiato in modo tale da evitare lo sradicamento degli ulivi presenti nel

    lotto. Questi ultimi svolgono anche la funzione di vero e proprio “schermo visivo” alla copertura della rampa