Osservare il gruppo

Click here to load reader

download Osservare il gruppo

of 14

  • date post

    21-Nov-2014
  • Category

    Career

  • view

    770
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Informazioni sull'osservazione di gruppi in formazione

Transcript of Osservare il gruppo

  • 1. OSSERVARE UN GRUPPO DILAVORO

2. SCOPO DELLOSSERVAZIONE 3. 2. far capire allesterno (ai responsabilidel progetto, ai committentidellintervento, o al pubblico ingenere) mediante il rapporto chesar di tipo narrativo, che cosaaccade veramente l dentro. 4. Loperazione indispensabile quando ilformatore vuol far capire ainterlocutori esterni, ad esempio airesponsabili, che cosa effettivamenteavviene, come effettivamente sisvolge, quale significato acquista per ipartecipanti, unazione di formazione. 5. Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su: i soggetti: il loro aspetto, modi diatteggiarsi, comportamenti; 6. Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su: i dialoghi, gli interventi: dando sia unresoconto sommario, sia stralci diconversazione, citando, facendo parlare ipersonaggi con le loro stesse parole; 7. Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su:lambiente fisico in cui lazione si svolge; 8. Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su:eventi particolari, episodi: che cosa accadee i soggetti coinvolti; 9. Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su: le azioni svolte dallo stesso osservatore: isuoi interventi, le interazioni in cui stato coinvolto. 10. Le annotazioni dovrebbero contenere, bendistinte, una parte descrittiva e una riflessiva.Le note del secondo tipo, senza sovrapporsialla descrizione, possono essere:Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su: 11. riflessioni su temi emergenti, connessioni chesi affacciano, ipotesi che via via vengono inmente;Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su: 12. riflessioni sul metodo che si staseguendo, sulle difficolt che si presentano, ledecisioni prese;Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su: 13. riflessioni sui propri schemi mentali, e sulla loroincidenza, di cui ci si rende conto, nella raccoltae interpretazione dei dati.Le annotazioni dellosservatoredovrebbero vertere su: 14. Non dimentichiamo di archiviare e dicondividere le riflessioni per farle diventarepatrimonio di tutta lorganizzazione!