Nozioni di Diritto Amministrativo

Click here to load reader

  • date post

    28-Jan-2016
  • Category

    Documents

  • view

    153
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Nozioni di Diritto Amministrativo. Seminario curato dal Direttore dei SS.GG.AA. Dott. Fabrizio Costantini. Fonti del Diritto Amministrativo. Le fonti del diritto amministrativo certe sono sostanzialmente di due tipologie: I regolamenti; Gli statuti degli enti pubblici. I regolamenti. - PowerPoint PPT Presentation

Transcript of Nozioni di Diritto Amministrativo

  • Nozioni di Diritto Amministrativo

    Seminario curato dal Direttore dei SS.GG.AA. Dott. Fabrizio Costantini

    Pescara, 27.09.2013

  • Fonti del Diritto AmministrativoLe fonti del diritto amministrativo certe sono sostanzialmente di due tipologie:

    I regolamenti;Gli statuti degli enti pubblici

    Pescara, 27.09.2013

  • I regolamentiI regolamenti sono atti amministrativi che possono essere emanati da organi statali, dalle amministrazioni comunali, regionali e provinciali, dalle amministrazioni indipendenti, CC.II.AA e ordini professionali.Essi sono:Generali: ossia rivolti ad una pluralit di destinatari non individuabili a priori;Astratti: ossia capaci di regolare una serie indefinita di casi;Innovativi: ossia idonei a produrre delle modifiche e delle nuove statuizioni in seno allordinamento giuridico.

    Non possono:Derogare o contrastare la Costituzione e le leggi ordinarie;Non possono regolare le materie riservate alla Costituzione;Non possono mai derogare al principio di irretroattivit della legge;Non possono contenere sanzioni penali;Non possono regolare istituti fondamentali dellordinamento;Sono ordinati in maniera gerarchica.

    Pescara, 27.09.2013

  • Tipi di regolamentoDi esecuzione: contengono norme di dettaglio necessarie a meglio applicare una fonte legislativa;Di attuazione e integrazione: sono quelli che integrano il contenuto di una legge o di un D.Lgs.;Indipendenti: la legge 400/88 autorizza il Governo a legiferare su materie in cui essa non sia ancora intervenuta purch non si tratti di discipline soggette a riserva relativa o assoluta di legge;Di organizzazione: disciplinano il funzionamento della P.A. secondo le disposizioni dettate dalla legge;Delegati:emanati sulla base di autorizzazione legislativa in materie non coperte da riserva assoluta di legge;Di riordino:sono utilizzati per fare il punto, con cadenza periodica, circa le disposizioni legislative vigenti, abrogate o che anno esaurito il loro potere normativo.

    Pescara, 27.09.2013

  • Gli StatutiLo Statuto un atto normativo che ha per oggetto lorganizzazione dellente e le linee principali delle sue attivit.Possono essere:Regionali: quelli delle regioni a statuto ordinario hanno forza di legge regionale rinforzata ( prevista una doppia approvazione ed eventualmente il referendum popolare) mentre quelli delle regioni a statuto speciale sono posti al pari delle leggi costituzionali;

    Pescara, 27.09.2013

  • Comunali, provinciali o delle citt metropolitane;Di altri enti pubblici: si tratta di statuti emessi da enti minori che sono di regola sottoposti ad approvazione preventiva e vincolante da parte dello Stato o delle Regioni.

    Pescara, 27.09.2013

  • Le situazioni giuridiche soggettiveLa situazione giuridica soggettiva un sostanziale interesse facente capo ad un soggetto o ad un ente, riconosciuta dallordinamento giuridico.Da essa possono derivare vantaggi (diritto soggettivo, interesse legittimo, aspettativa, ecc) oppure degli svantaggi (dovere, onere, soggezione, ecc)

    Pescara, 27.09.2013

  • Diritto SoggettivoEsso consiste in una posizione soggettiva di vantaggio riconosciuta in capo ad un soggetto dallordinamento giuridico.La tutela del diritto soggettivo affidata alla cognizione del G.O. e solo in casi tassativamente indicati dalla legge a quella del G.A.

    Pescara, 27.09.2013

  • Interesse LegittimoLinteresse legittimo previsto dagli artt. 24, 103 e 113 della Costituzione. Esistono diverse definizioni di esso:Li.l. una posizione individuale tutelata qualora essa sia funzionale al perseguimento dellinteresse pubblico;Li.l. consiste nellinteresse del singolo a ricorrere in giudizio affinch un atto amm.vo illegittimo a lui destinatato venga rimosso;Li.l. consiste nella pretesa a che la P.A. si astenga dal porre in essere atti illegittimi;Li.l. la possibilit, riconosciuta al provato, di partecipare alla formazione di un provv.to amm.vo per tutelare un bene pertinente alla sua sfera di interesse.

    Pescara, 27.09.2013

  • segueQuando si lamenta un cattivo del potere discrezionale della P.A. si configura la lesione di un interesse legittimo, quindi, la cognizione riservata al G.A.;Quando manca, in radice, il potere discrezionale della P.A. siamo di fronte alla lesione di un diritto soggettivo azionabile al cospetto del G.O.

    Pescara, 27.09.2013

  • Tipologia interessi legittimiPretensivi: pretesa a che la P.A. adotti un provvedimento o ponga in essere un dato comportamento;Oppositivi: sono quelli diametralmente opposti ai pretensivi;

    Pescara, 27.09.2013

  • Interessi collettivi e diffusiDiffusi: sono quelli che afferiscono a tutti gli individui di una formazione sociale non organizzata e riguardano beni non fruibili in maniera differenziata;Collettivi:sono quelli attinenti un ente esponenziale di un gruppo non occasionale (es.: ordini professionali). Essi fanno capo allente e non ai singoli partecipanti; questultimo che pu lamentarne la lesione.

    Pescara, 27.09.2013

  • Interessi semplici e di fattoSemplici: rappresentano la pretesa a che la P.A., nellesercizio del suo potere discrezionale, si attenga a criteri di opportunit e convenienza. Possono essere fatti valere solo attraverso il ricorso gerarchico.Di fatto: rappresentano la pretesa a che la P.A. osservi i doveri giuridici posti a suo carico e a vantaggio della collettivit. Non godono di alcuna forma di tutela e non legittimano neanche laccesso agli atti. (Es.: interesse alla buona manutenzione delle strade, alla corretta illuminazione, ecc)

    Pescara, 27.09.2013

  • La competenza in diritto amministrativoLa competenza consiste nei poteri riservati dalla legge alla P.A. per il perseguimento di fini di interesse pubblico.La competenza si distingue in:Esterna: poteri e funzioni che lorgano pu esercitare nei confronti dei terzi destinatari;Interna: insieme dei compiti svolti dallorgano allinterno della P.A. cui appartiene con efficacia nei soli confronti di essa.

    Pescara, 27.09.2013

  • Tipi di competenzaPer materia: quella riferita ai singoli compiti e in base alla quale vengono a crearsi settori particolari della P.A., ognuno, con attribuzioni particolari;Per territorio: presuppone la competenza per materia e identifica lambito territoriale allinterno del quale un organo della P.A. pu esercitare i suoi poteri;Per grado: presuppone la competenza per materia e per territorio e riguarda singoli organi appartenenti alla medesima amm.ne. Deriva dalla c.d. organizzazione piramidale;Per valore: prevista talvolta dalla legge in relazione a determinati effetti.

    Pescara, 27.09.2013

  • Casi eccezionali di trasferimento di competenzaLa competenza amministrativa si fonda sul principio di inderogabilit della stessa poich le sfere di attribuzione della P.A. sono fissate per legge.In casi eccezionali pu essere attivato il trasferimento di competenza attraverso i meccanismi giuridici di cui alla prossima slide.

    Pescara, 27.09.2013

  • SegueDelega dei poteri: opera nei soli casi consentiti dalla legge e realizza non il trasferimento della titolarit del potere ma solo lesercizio dello stesso. Quando avviene da un organo ad un altro siamo in presenza di delega interorganica mentre, quando viene attivata da un soggetto ad un altro, abbiamo quella intersoggettiva;Avocazione: si configura quale trasferimento dellesercizio del potere da un organo inferiore ad un sovraordinato per ragioni di pubblico interesse;

    Pescara, 27.09.2013

  • SegueSostituzione: al pari dellavocazione presuppone un passaggio dellesercizio del potere da un organo ad un altro in presenza dellinerzia di questultimo. Anche la sostituzione pu operare nei soli casi previsti dalla legge e presuppone un rapporto gerarchico tra gli organi coinvolti.

    Pescara, 27.09.2013

  • Difetto di competenzaIl difetto di competenza ad emanare un atto o a compiere una data attivit pu essere di tre tipi:Acompetenza: si ha quando latto o lattivit sono posti in essere da un soggetto non previsto quale organo della P.A.;Incompetenza assoluta: si verifica quando latto viene adottato dalla P.A. in una materia riservata ad altro potere dello Stato, oppure quando promana da un soggetto nellesercizio di un potere estraneo alle sue attribuzioni ovvero quando latto relativo ad un oggetto che si trova nellambito territoriale di altro organo della P.A. Latto che ne deriva nullo ab origine.

    Pescara, 27.09.2013

  • SegueIncompetenza relativa: essa si verifica quando un atto amministrativo viene emesso da un organo ma la competenza sussiste in capo ad altro organo ed entrambi appartengono alla medesima P.A.Latto che ne deriva illegittimo, ossia, inidoneo a produrre degli effetti giuridici.

    Pescara, 27.09.2013

  • Il funzionario di fattoQuando un atto promana da un soggetto (titolare dellorgano) la cui investitura manchi o sia viziata.Gli atti compiuti dal funzionario di fatto, decorsi i termini per limpugnatura dellatto di investitura, sono considerati validi in virt dei principi: di conservazione degli atti, di affidamento dei terzi e di tutela della buona fede del destinatario dellatto.

    Pescara, 27.09.2013

  • Il Procedimento amministrativoLATTIVITA AMMINISTRATIVAIL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

    Pescara, 27.09.2013

  • Lattivit amministrativaPer comodit di spiegazione si considera lamministrazione come uno dei tre poteri dello Stato, per meglio dire la si identifica con il potere esecutivo, ossia un potere che esegue quanto gli altri (Parlamento e Consigli Regionali) hanno voluto in via generale ed astratta.Si tratta,comunque, di un potere condizionato, in quanto troverebbe nella legge una forma di legittimazione in positivo (a fini di realizzazione dellinteresse pubblico) ed in nega