Newsletter n.16 del 14 marzo 2014

Click here to load reader

  • date post

    30-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    217
  • download

    4

Embed Size (px)

description

a cura di Confcooperative Unione Provinciale di Catania. Redazione: Corso Sicilia, 24 Catania - Tel. 095 2503398 - Fax 095 7151447 e-mail: [email protected] - ​​registrarsi per approfondire o scaricare alcune notizie.

Transcript of Newsletter n.16 del 14 marzo 2014

  • Circolare interna dinformazione a cura di Confcooperative del 14/3/2014 - Corso Sicilia 24 95131 Catania 095 2503398 - 095 7151447

    Newsletter n. 16 del 14 marzo 2014 ANNO III - Circolare interna dinformazione. A cura di Confcooperative - Unione Provinciale di Catania. Registrati per approfondire le news e scaricare i documenti. La registrazione e luso delle informazioni sono servizi compresi nella quota associativa. Redazione: Corso Sicilia, 24 Catania 095 2503398 095 7151447 [email protected]

    Radiocoop76 la radioweb di Confcooperative Viterbo A questo link.i palinsesti Questo il link per ascoltare le trasmissioni gi mandate in Onda. Qui il collegamento alla pagina Facebook.

    LLLuuunnneeeddd 111777 mmmaaarrrzzzooo 222000111444

    appuntamento al Centro Z di Piazzale Asia 6 a Catania alle ore 18.00. Confcooperative Si-cilia invita la citta-dinanza, il mondo delle imprese e della politica a discutere e confrontarsi sui

    temi delletica in economia, della legalit e dello sviluppo economico e sociale in Sicilia. Scarica linvito (prot.1762).

    Disponibili le slide del Workshop Incentivi per nuovi investimenti

    Lincontro, tenutosi lo scorso 6 marzo al Centro Z a Catania, ha visto una interessata e nutrita partecipa-zione. Ringraziando quanti sono intervenuti ricordiamo che presso i nostri uffici, qualora si rendesse necessa-rio, i professionisti del CAT e del Cesicoop sono a vo-stra disposizione per ulteriori approfondimenti sulle misure trattate nel corso dellincontro. Intanto come annunciato si rendono disponibili i documenti proiettati durante lincontro. Per accedere ai documenti neces-saria una registrazione gratuita. Questo il link relativo al file formato zip. in cui sono raccolti i documenti. Per informazioni contattare la Segreteria al tel. 095 2503398 o a mezzo mail.

    NNoovv ii tt dd ii nn tt ee rr ee ss ss ee ggeennee rr aa ll ee

    Lo sportello decentrato dellIRCAC, presso la CCIAA di Catania, nel mese di mar-zo sar aperto al pubblico oggi e marted 25 marzo dalle ore 9.30 alle 12.30.

    Pubblicato in GU n. 58 dell 11.3.2014 il decreto del Ministero dellAmbiente, che contiene un set di criteri minimi ambientali a cui le committenze pubbliche de-vono far riferimento per gli acquisti di beni e servizi per due specifici servizi: laffidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani ed il servizio di fornitura e riti-ro di cartucce toner e a getto dinchiostro. Negli approfondimenti (prot.1777) il te-sto del decreto e gli allegati che contengono linsieme dei criteri minimi ambientali per laffidamento dei servizi sopra indicati.

    Pubblicato il provvedimento [vedi approfondimenti (prot.1775)] che contiene la Delega al Governo, recante la cosiddetta "Legge delega per la riforma fiscale", con disposizioni per un sistema fiscale pi equo, trasparente e orientato alla crescita.

    Pubblicato in G.U. il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dellEconomia e delle Finanze, introduce, importanti novit ai criteri di accesso al Fondo centrale di garanzia per le PMI. Circolare (prot.1767).

    Tasso per i prestiti sociali e per i dividendi - Con decorrenza dal 10 marzo 2014, la Cassa depositi e prestiti S.p.a. ha disposto una nuova emissione di BFP di-stinti con la sigla C 13. Il tasso minimo, pari a 0,25%. Conseguentemente, con decorrenza 10/03/2014, la remunerazione massima considerata deducibile in capo alla cooperativa, ex articolo 1, comma 465, Legge n. 311/04 (Finanziaria 2005) ammonta a 1,15 % (0,25% + 0,90%). Il tasso massimo, fissato nella misura del 4,50%. Pertanto, sia per i prestiti sociali sia per i dividendi, il nuovo tasso massimo non pu superare il 7,00 % (4,50% + 2,50%).

    Con Decreto del Ministero del Lavoro sono state recepite le procedure semplifica-te per ladozione dei modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese. Approfondimenti (prot.1766).

    Incentivi per lautoimprenditorialit - Le misure per lautoimprenditorialit conte-nute nel Decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185, sono state modificate in modo sostanziale dal Decreto legge 145/ 2013 (noto come Destinazione Italia). Si riporta in allegato il testo del Decreto Legislativo, con levidenza delle modifiche in discorso.

    Comunicazioni di servizio

    Etica, legalit e sviluppo: quale modello per le imprese siciliane?

  • Circolare interna dinformazione a cura di Confcooperative del 14/3/2014 - Corso Sicilia 24 95131 Catania 095 2503398 - 095 7151447

    Il mensile della Cooperazione Italiana allo Sviluppo online sul sito. La Cooperazione Italiana Informa - Anno 4 n.2, Febbraio 2014.

    Il Consiglio nazionale della Federconsumo convoca lAssemblea Nazionale della Federazione per sabato 21 giugno 2014 a Trento.

    Corsi on-line su sicurezza e salute nei posti di lavoro - Per conoscere le modalit per accede-re al servizio tel. 095 2503398 o scrivere a:

    [email protected]

    Proposta valida per gli associati a Confcooperative Catania

    CCooooppee rr aa tt ii vv ee dd ii PP rr oodduuzz ii oonnee ee LLaa vvoo rr oo

    Convocata l'Assemblea Nazionale 20014 di Federlavoro e Servizi per i giorni 25 e 26 giu-gno a Roma presso lo Sheraton Golf Parco de' Medici Hotel & Resort di Viale Salvatore Rebec-chini n.39.

    CCooooppee rr aa tt ii vv ee EEdd ii ll ii

    Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 2014 ed entrer in vigore il 27 pros-simo il provvedimento concernente la delega in materia fiscale. La parte che interessa partico-larmente il settore della residenza la revisione del catasto dei fabbricati, che costituisce uno dei punti centrali delle delega. Circolare (prot.1776).

    Il Presidente Reggente, Alessandro Maggio-ni, su mandato del Consiglio, tenendo conto che, a fronte della crisi che ha colpito il settore e per il fatto che lAssemblea si svolger in un solo giorno e che diverse Confcooperative territoriali e Federabitazioni regionali avevano richiesto di ridurre la quota di partecipazione dei delegati allAssemblea Nazionale, ritenendo la richiesta motivata e condivisibile, fissa in 80 la quota di partecipazione per ciascun delegato allAssemblea Nazionale del 11 giugno 2014.

    Centro Orizzonte Lavoro - Visitate il nostro nuovo profilo facebook per tenere vivo il rapporto e conoscere tutte le nostre iniziative!

    A cura di Giurdanella&Partners Studio Lega-le - la Newsletter di Informazione Giuridica del 13 marzo 2014. Per ricevere le News iscriversi collegandosi al sito.

    Confcooperative Catania anche su:

    Gli incentivi relativi al Titolo I del D.lgs. 185/2000 sono applicabili alle cooperative. Approfondimenti (prot.1763).

    BBaanndd ii ,, aaggeevvoo ll aa zz ii oonn ii ee ooppppoo rr tt uunn ii tt Ulteriori informazioni al Centro Assistenza Tecnica CAT

    Emanato dallAssessorato dellIstruzione e della Formazione Professionale Regione Sicilia, il bando per la presentazione di candidature per lattivazione di Poli Tecni-co Professionali di Filiera. I Poli tecnico-professionali sono intesi come la intercon-nessione funzionale tra i soggetti della filiera formativa e le imprese della filiera pro-duttiva, e si identificano come luoghi formativi di apprendimento in situazione, fon-dati su accordi di rete per la condivisione di laboratori pubblici e privati gi funzio-nanti; si configurano anche come sedi dedicate allapprendimento in contesti applica-tivi, tali da utilizzare pienamente le risorse professionali gi esistenti, anche secondo modalit di bottega a scuola e scuola impresa. Lobiettivo la valorizzazione e laumento dell'offerta coordinata di istruzione tecnica e professionale di qualit, at-traverso la realizzazione di reti territoriali che coinvolgono istituti scolastici, tessuto produttivo, servizi territoriali per il lavoro ed enti di formazione accreditati. I Poli de-vono essere composti, attraverso un accordo di rete nella forma dellatto pubblico o della scrittura privata autenticata (ATS) inizialmente anche in forma di dichiarazione di intenti alla costituzione dello stesso, da:

    a) almeno due istituti tecnici e/o professionali della filiera di riferimento o coe-renti con essa, con sede nellarea del territorio di riferimento del Polo; fra le suddette istituzioni scolastiche dovr essere individuato l'istituto scola-stico statale capofila del polo, soggetto gestore beneficiario del finanzia-mento, cui si intester la responsabilit amministrativa, gestionale e finan-ziaria;

    b) un organismo di formazione professionale accreditato con sede operativa nellarea del territorio di riferimento del Polo, con specifica esperienza, al-meno triennale, nel settore considerato (che assicuri un raccordo con i ser-vizi formativi e/o del Lavoro);

    c) almeno due imprese operanti nellambito dei comparti economici di riferi-mento del Polo.

    Possono, inoltre, aderire ai Poli o promuoverli le fondazioni di partecipazione ITS. I Poli possono, altres, avvalersi di collaborazioni partenariali di soggetti pubblici e pri-vati operanti in campo nazionale e comunitario in grado di trasferire knowhow o di ottimizzare lefficacia delle attivit, tra cui, per es.: universit pubbliche e private; enti di ricerca pubblici e privati; organizzazioni professionali (ordini e confederazioni); as-sociazioni datoriali e sindacali; associazioni/enti di elevato profilo culturale, tecnico e scientifico. LAmministrazione regionale ha previsto la costituzione dei seguenti 14 Poli tecnico professionali:

    Agrigento: Polo Turistico, Polo Agroalimentare Biologico; Caltanissetta: Polo su Energie Rinnovabili e/o Meccatronica; Catania: Polo su Energie Rinnovabili e/o Meccatronica; Enna: Polo Agroalimentare; Messina: Polo Turistico, Polo Nautico; Palermo: Polo Turistico,