Nathan Il Saggio

download Nathan Il Saggio

of 189

  • date post

    15-Nov-2015
  • Category

    Documents

  • view

    399
  • download

    11

Embed Size (px)

description

Bellissimo apologi di lessing contro l'intolleranza

Transcript of Nathan Il Saggio

  • GOTTHOLD EPHRAIM LESSING

    NATHAN IL SAGGIOTRADUZIONE DI ANDREA CASALEGNO

    PERSONAGGI

    IL SULTANO SALADINOSITTAH, sua sorellaNATHAN, ricco ebreo di GerusalemmeRECHA, sua figlia adottivaDAJA, cristiana che vive in casa di Nathan come dama dicompagnia di RechaUN GIOVANE TEMPLAREUN DERVISCIOIL PATRIARCA DI GERUSALEMMEUN FRATEUN EMIROAlcuni mamelucchi del SaladinoLa scena a Gerusalemme.ATTO I

    Scena I

    Il cortile della casa di Nathan. Arriva Nathan, di ritorno da un viaggio.Daja gli va incontro.DAJA

    lui! Nathan! - Grazie a Dio in eterno!

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    1 di 189 08/04/2015 15:12

  • Finalmente siete di ritorno.NATHAN

    S, Daja; grazie a Dio. Ma perch finalmente?Volevo forse ritornare prima?E come avrei potuto? Babiloniadista da Gerusalemme, deviandoa destra e a sinistra, come spessodovetti fare, duecento buone miglia;e riscuotere crediti un negozioche non accelera la via, che non si lasciasbrigare troppo in fretta.

    DAJAOh, Nathan,

    quale sventura poteva nel frattempocolpirvi proprio qui! Casa vostra...

    NATHAN bruciata.

    L'ho gi sentito dire. - Voglia Iddioche non abbia nient'altro da sentire!

    DAJAPer poco non bruci da cima a fondo.

    NATHANAllora, Daja, ne avremmo costruitauna nuova, pi comoda.

    DAJAS, certo. -

    Ma per un soffio non bruci ancheRecha.

    NATHANChi? Recha? La mia Recha? Lei? -

    Questo non lo sapevo. - Allora non avreipi avuto bisogno di una casa. -Non bruci per un soffio! - Ah! Certo bruciata! bruciata davvero! - Dimmi tutto!

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    2 di 189 08/04/2015 15:12

  • Dimmelo! - Uccidimi e non torturarmipi cos. - S, bruciata.

    DAJASe lo fosse,

    lo udreste forse dalla mia bocca?NATHAN

    Perch mi spaventi allora? - Oh, Recha!Recha mia!

    DAJAVostra? Recha vostra?

    NATHANDi nuovo? E non dovrei chiamarepi mia mia figlia?

    DAJACon lo stesso

    diritto chiamate vostro tutto ciche possedete?

    NATHANNulla con maggior diritto.

    Tutto il resto l'ho avuto dalla naturae dalla sorte. Lei sola ho guadagnatocon la virt.

    DAJAMa quanto cara a me

    fate pagare, Nathan, la vostra bont!Se la bont con simili intenzionisi pu dire bont.

    NATHANCon simili intenzioni?

    E quali?DAJA

    La mia coscienza...

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    3 di 189 08/04/2015 15:12

  • NATHANDaja, lascia

    che ti dica piuttosto delle cose...DAJA

    La miacoscienza, voglio dire...

    NATHANDelle belle stoffe

    che per te ho comperato a Babilonia.Stoffe ricche, ma fatte con gusto.Per Recha non ne ho prese di pi belle.

    DAJAA che pro? La mia coscienza, ormai sono costrettaa dirvelo, non pu pi tacere.

    NATHANVedrai, ti piaceranno gli orecchini,i bracciali, l'anello e la collanache ho cercato per te a Damasco.Non vuoi vederli?

    DAJAEcco come siete.

    Voi pensate soltanto a regalare!NATHAN

    Tu prendi di buon grado come io dono - e taci.DAJA

    Taci! - Chi dubita, Nathan, che voi siatel'onest, la generosit in persona?Eppure...

    NATHANEppure sono solo un ebreo. -

    questo che vuoi dire?

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    4 di 189 08/04/2015 15:12

  • DAJAQuello che voglio dire

    lo sapete benissimo.NATHAN

    Allora taci!DAJA

    Io taccio.Ma l'affronto a Dio commesso qui,che non posso impedire n cambiare,non posso - ricada su di voi!

    NATHANRicada su di me. -

    Ma dov' lei adesso? Dove se n' rimasta? -Daja, se tu m'inganni! - E lei lo sache sono giunto?

    DAJAA voi lo chiedo.

    Il terrore le trema ancora in ogni nervo,e la sua fantasia dipinge fiammesu tutto ci che vede. La sua menteveglia nel sonno e dorme nella veglia; ora sembraquasi una bestia, ora pi di un angelo.

    NATHANPovera bambina!

    Cosa siamo noi uomini!DAJA

    Stamanestette a lungo distesa ad occhi chiusi,come morta. Poi di colpo drizzandosi grid:Ascolta! Arrivano i cammelli di mio padre!Ascolta! la sua voce dolce! - Poil'occhio si appann di nuovo e il capo,non pi sostenuto dal suo braccio,ricadde sul cuscino. - Io corro al portonee, guarda, voi state arrivando! -

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    5 di 189 08/04/2015 15:12

  • Ma non c' da stupirsene. Tutta la sua animaera con voi - e lui - per tutto il tempo.

    NATHANLui?

    Quale lui?DAJA

    Colui che l'ha salvatadalle fiamme.

    NATHANChi stato? Chi? - Dov'?

    Chi mi ha salvato la mia Recha? Chi?DAJA

    Un giovane templare, qui condottoprigioniero pochi giorni or sono,e graziato poi da Saladino.

    NATHANCome?

    Un templare? E Saladino gli lascila vita? Solo un simile miracolopot salvare Recha? Dio!

    DAJASenza di lui,

    che mise lietamente a repentagliol'insperato guadagno, era perduta.

    NATHANE dov', Daja, questo uomo nobile? -Dov'? Conducimi ai suoi piedi.E gli deste per prima cosa tuttii tesori da me lasciati? Gli deste tutto?Gli prometteste molto di pi?

    DAJACome avremmo potuto?

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    6 di 189 08/04/2015 15:12

  • NATHANNo? No?

    DAJANessuno sa da dove sia venuto,

    nessuno sa dove se ne sia andato. - Nessunodella casa lo chiam. Guidato dal suo orecchio,si gett ardito, col mantello aperto,tra fumo e fiamme, verso quella voceche ci chiedeva aiuto. Noi lo credevamogi perduto; ma a un tratto, dal fumo e dalle fiamme,ci fu davanti, e sulle forti bracciateneva lei. Freddo e indifferenteai nostri grazie, alla nostra esultanza,depone la sua preda, si fa largo tra il popolo -e sparisce!

    NATHANNon per sempre, spero.

    DAJAI primi giorni, dopo, lo vedemmovagare avanti e indietro tra le palmeche danno ombra alla tomba del Risorto.Mi avvicinai, felice, a ringraziarlo,lo implorai, lo scongiurai che ritornasseanche una volta sola dalla dolce creaturache non ha pace se non pu dirgli graziein lacrime ai suoi piedi.

    NATHANEbbene?

    DAJAInvano! Era sordo alle nostre preghiere;e soprattutto con me cos mordace...

    NATHANChe tu ne fosti scoraggiata...

    DAJA

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    7 di 189 08/04/2015 15:12

  • Niente affatto!Ogni giorno ritornavo a cercarlo,ogni giorno mi lasciavo deridere.Che cosa non mi son lasciata dire! Cosanon avrei sopportato! - Ma da un pezzonon si fa pi vedere tra le palmeche danno ombra alla tomba del Risorto.Nessuno sa dove sia. - Siete sorpreso?Pensieroso?

    NATHANSto pensando all'effetto

    che deve fare tutto ci su un'animacome quella di Recha. Vedersi disprezzatada chi si sente costretta ad ammirare;sentirsi cos respinta, eppurecos attratta; vedrai, la testa e il cuorelitigheranno a lungo, non sapendose far vincere l'odio o la tristezza.Nessuno vince, spesso; e la fantasia,entrando nella lite, fa sognaredei sogni in cui la testa fa la partedel cuore, e il cuore della testa. -Pessimo scambio. - Se la conosco bene,Recha fa questo; sta sognando.

    DAJASogni

    cos pii, cos teneri.NATHAN

    Sono sempre sogni!DAJA

    Soprattutto un - capriccio, se volete,le molto caro. Ecco; il suo templarenon una creatura della terra.Il suo piccolo cuore di bambinaamava credersi affidato a un angelo,e quell'angelo in veste di templareusc ad un tratto dalla nube in cui

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    8 di 189 08/04/2015 15:12

  • sempre, invisibile, le era stato accanto;anche nel fuoco. - Non ridete! - Chi sa?O lasciatele almeno un'illusionein cui l'ebreo, il cristiano e il musulmanos'incontrano. Una dolce illusione!

    NATHANDolce anche per me. - Vai, brava Daja,guarda che cosa fa, e se posso parlarle. -Subito dopo cercher il selvatico,ombroso angelo custode. E se gli piaceancora trattenersi gi fra noie fare il cavaliere con tanta scortesia,lo trover di certo, e lo portercost.

    DAJAArdua impresa.

    NATHANAllora quella dolce

    illusione far posto ad una veritpi dolce. - Perch credi, Daja, un uomoamer sempre un uomo pi di un angelo -Ma tu non te la prenderai con me,se guarir la sognatrice d'angeli?

    DAJAVoi siete cos buono - e cos perfido!Vado! - Ma, sentite! Guardate! Ecco lei stessa.

    Scena II

    Recha e i precedenti.RECHA

    Siete voi tutto intero padre mio?Credevo che vi avesse precedutosolo la voce. Dove indugiate? Quali monti,quali deserti e fiumi ci separano

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:///home/utente/Scrivania/GOTTHOLD EPHRAIM...

    9 di 189 08/04/2015 15:12

  • ancora? Respirate muro a murodalla vostra Recha e non correte ad abbracciarla?La povera Recha, che stava per bruciare! -Quasi! Solo quasi, non rabbrividite!Oh, che morte orribile bruciare.

    NATHANBambina! Cara bambina mia!

    RECHAVoi dovevate

    passare l'Eufrate, il Tigri, il Giordano- e chi sa quanti altri fiumi. - Quante volteho tremato per voi, prima che il fuocomi sfiorasse! Ma da quando il fuocomi ha sfiorato, morire in mezzo all'acquami sembra un sollievo, una salvezza. -Ma voi non siete annegato e io non sonobruciata. Rallegriamoci e rendiamonelode a Dio! Lui port voi e la barcasulle ali di angeli invisibilioltre quei fiumi infidi, lui ingiunseal mio angelo di rendersi visibilee di portarmi sulle sue bianche aliattraverso le fiamme -

    NATHAN(Bianche ali?

    Ah, s! Il bianco mantello apertodel templare).

    RECHAVisibile, visibile

    mi port tra le fiamme, allontanatedalle sue ali. - E dunque io ho fissatoin volto un angelo; il mioangelo.

    NATHANRecha l'avrebbe meritato;

    e non avrebbe visto in lui cosa pi bella

    GOTTHOLD EPHRAIM LESSING file:/