Metodi di analisi e criteri di validazione dei dati - home-it .(ICP-AES) Emissione atomica con

download Metodi di analisi e criteri di validazione dei dati - home-it .(ICP-AES) Emissione atomica con

of 29

  • date post

    10-Nov-2018
  • Category

    Documents

  • view

    215
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Metodi di analisi e criteri di validazione dei dati - home-it .(ICP-AES) Emissione atomica con

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 1

    Metodi di analisi e criteri di validazione dei dati

    Eleonora Beccaloni

    Istituto Superiore di Sanit

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 2

    Piano Analisi

    Per qualsiasi tipologia di area andranno esaminati i seguentiparametri(set standard suggerito):Suoli:

    Metalli Idrocarburi leggeri C 12 IPA Alifatici clorurati cancerogeni, non cancerogeni e Alifatici alogenati

    cancerogeni.

    In aggiunta a tali determinazioni, andranno eseguite specifiche analisi relative agli inquinanti connessi con le attivit antropiche effettuate sullarea/sito.

    SOSTANZE DA ANALIZZARE

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 3

    Piano Analisi

    Per le Acque:

    Metalli

    Idrocarburi totali

    IPA

    Alifatici clorurati cancerogeni, non cancerogeni e Alifatici alogenaticancerogeni .

    SOSTANZE DA ANALIZZARE

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 4

    Piano Analisi

    Compilata la lista degli analiti, devono essere determinati i metodi di analisi pi idonei

    La selezione del metodo legata al limite di rivelabilit del metodo stesso edalla concentrazione presente nel campione da analizzare.

    L'US-EPA, comunque, suggerisce che un limite di rivelabilit del metodo cheva da 1/10 a 1/5 del valore della concentrazione limite prevista per la specificasostanza desiderabile e in alcuni casi sufficiente.

    SCELTA DEL METODO DI ANALISI

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 5

    Piano Analisi

    ANALISI CHIMICHE

    TRATTAMENTO CAMPIONE

    DETERMINAZIONE STRUMENTALE

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 6

    ANALISI CHIMICHE

    TRATTAMENTO DEL CAMPIONE

    Inquinanti inorganici:

    Omogeneizzazione Dissoluzione del campione mediante digestione acida

    La dissoluzione totale del suolo e dei sedimenti si pu otteneresolamente usando acido fluoridrico. In alcuni casi per, pu non esserenecessaria la digestione totale, in questo caso sufficiente untrattamento con acqua regia in forno a microonde ad alta pressione.

    Inquinanti organici :

    Estrazione tramite solventiPurificazione e/o separazione su colonna (gel di silice, Florisil, allumina)

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 7

    ANALISI CHIMICHE

    DETERMINAZIONE STRUMENTALEInquinanti inorganici

    Tecniche spettroscopiche in assorbimento o emissione atomica come:

    Assorbimento atomico in fiamma (FAAS)

    Assorbimento atomico con fornace di grafite (ETAAS)

    Emissione atomica con plasma accoppiato induttivamente con sistema ottico (ICP-AES)

    Emissione atomica con plasma accoppiato induttivamente con sistema a massa (ICP-MS)

    Determinatore di Hg

    Determinazione spettroscopia con sviluppo di idruri

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni

    ANALISI CHIMICHEDETERMINAZIONE STRUMENTALE

    Inquinanti organici

    Tecniche gas-cromatografiche con uso di colonne capillari e rivelatori idonei (ECD, FID, FPD ecc.)

    Tecniche gas-cromatografiche in gas-massa per i rilevamenti a bassa risoluzione (HRGC-LRMS)

    Tecniche gas-cromatografiche con gas-massa per i rilevamenti ad alta risoluzione (HRGC-HRMS)

    8

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 9

    ANALISI CHIMICA DEI TERRENI

    t I campioni di laboratorio dovranno essere privi della frazionemaggiore di 2 cm (da scartare in campo)

    tLe determinazioni analitiche in laboratorio dovranno essere condotte sullaliquota digranulometria inferiore a 2 mm

    tLa concentrazione del campione dovr essere determinata riferendosi alla totalit deimateriali secchi, comprensiva anche dello scheletro

    tLe metodologie adottate devono essere ufficialmente riconosciute per garantirelottenimento di valori 10 volte inferiori ai valori di concentrazione limite

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 10

    QUALIT DEL DATO

    Le procedure di controllo qualit (QC) sono necessarie per garantire che i risultati analitici soddisfano i criteri di precisione e accuratezza.

    Le procedure di controllo qualit includono, generalmente, analisi di bianco e di una matrice di controllo (standard) ogni 10-20 campioni.

    Per ottenere la precisione delle misure, queste devono essere effettuate almeno in triplo, riportando la deviazione standard ed il coefficiente di variazione.

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 11

    QUALIT DEL DATO

    I materiali di riferimento certificati devono essere sempre disponibili e devono essere abitualmente utilizzati

    Le funzioni dei materiali di riferimento sono rivolte a:

    -calibrazione della strumentazione;-sviluppo e valutazione dei metodi;-qualificazione della riferibilit della misura

    e pi in generale a tutte quelle funzioni che caratterizzano l'attivit di Q.A. (Quality Assurance) e Q.C.(Quality Control)

    L'uso del materiale di riferimento certificato d la sicurezza dell'accuratezza e della precisione del dato, poich questo accompagnato da un certificato

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 12

    QUALIT DEL DATO

    Le risultanze ottenute da analisi chimiche sono spesso la base per decisioni in merito a:- Problematiche ambientali.

    - Problematiche di salute pubblica.

    - Valutazione del Rischio igienico-sanitario.

    - Problematiche di sicurezza alimentare.

    - Problematiche dinteresse legale.

    Quindi perch i dati siano accettati come validi necessario dimostrareladeguatezza delle metodiche analitiche scelte nonch lattendibilit deirisultati.

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 13

    Indicatori di Qualit dei Dati(DQIs)

    Che cosa sono, e come influiscono?

    A

    CC

    P

    S R

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 14

    Indicatori di Qualit dei Dati Gli DQIs sono misure quantitative e qualitative degli attributi

    principali della qualit

    - precisione- accuratezza (deviazione della misura) - rappresentativit- comparabilit- completezza- sensibilit

    Indicatori Quantitativi- precisione, deviazione della misura e sensibilit

    Indicatori Qualitativi- rappresentativit, comparabilit, e completezza

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 15

    PRECISIONE

    La precisione la misura di accordo fra misure ripetute della stessa propriet nelle identiche circostanze o in circostanze sostanzialmente simili

    un componente dellincertezza di misura Si esprime come range, %RPD o come deviazione

    standard dei risultati ottenuti

    Determinazione Repliche di CRM possono essere utilizzate per la determinazione della

    precisione di un metodo analitico

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 16

    ACCURATEZZA

    una misura complessiva della precisione (errori statistici) e del bias (errori sistematici) durante lesecuzione del metodo

    Laccuratezza si compone di precisione e di bias

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 17

    Deviazione della misura (BIAS)

    Bias la distorsione sistematica o persistente di un processo di misura che causa l'errore in ununica direzione

    Il Bias un indicatore quantitativo della grandezza dell'errore sistematico derivante da diverse cause

    Si esprime come % di recupero

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 18

    Linfluenza del Bias e della precisione sullaccuratezza generale

    Imprecisi edeviati

    poco precisi epoco deviati

    Precisi edeviati

    Precisi e nondeviati

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 19

    SENSIBILIT

    La sensibilit la possibilit di un metodo o di uno strumento di discriminare fra le risposte di misura

    La sensibilit pu essere considerata come il limite di rivelabilit- ma questo termine usato spesso senza definire che cosa si intende

    (rivelazione o quantificazione minima)

    DQI la sensibilit descrive la possibilit di misurazione del costituente ai bassi livelli

    - un livello pratico di quantificazione descrive la capacit di misurare uncostituente con la certezza conosciuta

  • Siti contaminati: Caratterizzazione, Bonifica e Analisi di Rischio

    Eleonora Beccaloni 20

    q Limite di rivelabilit strumentale E la minima concentrazione misurata da cui si possa dedurre con ragionevole certezza

    statistica la presenza dellanalita. E numericamente uguale a tre volte la deviazione standards del valore medio della

    soluzione standards dellanalita pi prossima al bianco, sottratto del bianco stesso. Il calcolo deve essere effettuato su almeno dieci repliche di soluzione standards e dieci

    repliche di bianco. Il bianco definito come il procedimento analitico completo, con omissione del campione di

    prova.

    q L