MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA 15 MAG… · Indirizzo MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA...

Click here to load reader

  • date post

    06-Aug-2020
  • Category

    Documents

  • view

    6
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA 15 MAG… · Indirizzo MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA...

  • ISTITUTO TECNICO settore TECNOLOGICO

    Indirizzo

    MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

    Articolazione

    MECCANICA, MECCATRONICA

    Classe 5a sezione MB

    Documento del Consiglio di Classe

    a.s. 2019-2020

  • INDICE DEL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

    1. PROFILO IN USCITA DELL’INDIRIZZO

    2. QUADRO ORARIO

    3. CONSIGLIO DI CLASSE E CONTINUITA' DIDATTICA

    4. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE

    5. CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO E COMPETENZE ACQUISITE

    6. STRATEGIE E METODOLOGIE DIDATTICHE, MEZZI E STRUMENTI, SPAZI

    7. INSEGNAMENTO DI UNA DNL CON METODOLOGIA CLIL

    8. DIDATTICA A DISTANZA: METODOLOGIE E MONITORAGGIO

    9. VERIFICA E VALUTAZIONE DELL’APPRENDIMENTO

    10. ARGOMENTO DELL'ELABORATO CONCERNENTE LE DISCIPLINE DI INDIRIZZO INDIVIDUATE

    COME OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA

    11. TESTI OGGETTO DI STUDIO NELL'AMBITO DELL'INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA

    LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

    12. NUCLEI TEMATICI PLURIDISCIPLINARI - MACROAREE

    13. PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E PER L’ORIENTAMENTO (ASL)

    14. PERCORSI di CITTADINANZA E COSTITUZIONE

    15. ATTIVITÀ DI AMPLIAMENTO DELLL'OFFERTA FORMATIVA

    16. SIMULAZIONE DEL COLLOQUIO ORALE

    FIRME COMPONENTI IL CONSIGLIO DI CLASSE

    ALLEGATO 1 – Profilo Educativo, Culturale e Professionale dello studente

    ALLEGATO 2 – Programmazioni disciplinari

    ALLEGATO 3 – Programmi svolti

    ALLEGATO 4 – Riepilogo attività PCTO

    ALLEGATO 5 – Riepilogo attività percorsi di cittadinanza e costituzione e di ampliamento dell'offerta formativa

    ALLEGATO 6 – Griglia di valutazione del colloquio

    ALLEGATO 7 – DSA documentazione riservata

  • 1. PROFILO IN USCITA DELL’INDIRIZZO

    L’identità degli istituti tecnici è connotata da una solida base culturale a carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell’Unione europea. Costruita attraverso lo studio, l’approfondimento, l’applicazione di linguaggi e metodologie di carattere generale e specifico, tale identità è espressa da un numero limitato di ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese. I percorsi degli istituti tecnici si articolano in un'area di istruzione generale comune e in aree di indirizzo. I risultati di apprendimento costituiscono il riferimento per le linee guida nazionali, definite a sostegno dell’autonomia organizzativa e didattica delle istituzioni scolastiche. Le linee guida comprendono altresì l’articolazione in competenze, abilità e conoscenze dei risultati di apprendimento, anche con riferimento al Quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente (European Qualifications Framework- EQF). L’area di istruzione generale ha l’obiettivo di fornire ai giovani la preparazione di base, acquisita attraverso il rafforzamento e lo sviluppo degli assi culturali che caratterizzano l’obbligo di istruzione: asse dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale. Le aree di indirizzo hanno l’obiettivo di far acquisire agli studenti sia conoscenze teoriche e applicative spendibili in vari contesti di vita, di studio e di lavoro sia abilità cognitive idonee per risolvere problemi, sapersi gestire autonomamente in ambiti caratterizzati da innovazioni continue, assumere progressivamente anche responsabilità per la valutazione e il miglioramento dei risultati ottenuti. Le attività e gli insegnamenti relativi a “Cittadinanza e Costituzione” di cui all’ art. 1 del decreto legge 1 settembre 2008 n. 137, convertito con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169, coinvolgono tutti gli ambiti disciplinari e si sviluppano, in particolare, in quelli di interesse storico-sociale e giuridico-economico. I risultati di apprendimento attesi a conclusione del percorso quinquennale consentono agli studenti di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro, di accedere all’università, al sistema dell’istruzione e formazione tecnica superiore, nonché ai percorsi di studio e di lavoro previsti per l’accesso agli albi delle professioni tecniche secondo le norme vigenti in materia. Il Diplomato in Meccanica, Meccatronica ed Energia:

    ha competenze specifiche nel campo dei materiali, nella loro scelta, nei loro trattamenti e lavorazioni; inoltre, ha competenze sulle macchine e sui dispositivi utilizzati nelle industrie manifatturiere, agrarie, dei trasporti e dei servizi nei diversi contesti economici.

    Nelle attività produttive d’interesse, egli collabora nella progettazione, costruzione e collaudo dei dispositivi e dei prodotti, nella realizzazione dei relativi processi produttivi; interviene nella manutenzione ordinaria e nell’esercizio di sistemi meccanici ed elettromeccanici complessi; è in grado di dimensionare, installare e gestire semplici impianti industriali.

    È in grado di:

    integrare le conoscenze di meccanica, di elettrotecnica, elettronica e dei sistemi informatici dedicati con le nozioni di base di fisica e chimica, economia e organizzazione; interviene nell’automazione industriale e nel controllo e conduzione dei processi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all’innovazione, all’adeguamento tecnologico e organizzativo delle imprese, per il miglioramento della qualità ed economicità dei prodotti; elabora cicli di lavorazione, analizzandone e valutandone i costi;

    intervenire, relativamente alle tipologie di produzione, nei processi di conversione, gestione ed utilizzo dell’energia e del loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico nel rispetto delle normative sulla tutela dell’ambiente;

    agire autonomamente, nell’ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale;

    pianificare la produzione e la certificazione degli apparati progettati, documentando il lavoro svolto, valutando i risultati conseguiti, redigendo istruzioni tecniche e manuali d’uso.

  • 2. QUADRO ORARIO

    DISCIPLINE del piano di studi

    1° biennio

    2° biennio Ultimo anno

    secondo biennio e quinto anno

    costituiscono un percorso formativo

    unitario

    Ore settimanali per anno di corso

    I° II° III° IV° V°

    Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4

    Lingua inglese 3 3 3 3 3

    Storia 2 2 2 2 2

    Matematica 4 4 3 3 3

    Geografia generale e economica 1

    Diritto ed economia 2 2

    Scienze integrate: Scienze della terra e Biologia 2 2

    Scienze integrate: Fisica 3 (1) 3(1)

    Scienze integrate: Chimica 3 (1) 3(1)

    Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica 3 (1) 3(1)

    Tecnologie informatiche 3 (2)

    Scienze e tecnologie applicate 3

    Complementi di matematica 1 1

    Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2

    Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1

    Meccanica, macchine ed energia 4(1) 4(1) 4

    Sistemi e automazione 4(3) 3(2) 3(3)

    Tecnologie meccaniche di processo e prodotto 5(4) 5(4) 5(4)

    Disegno, progettazione e organizzazione industriale 3 4(2) 5(3)

    Totale ore settimanali di indirizzo 12 12 17 17 17

    di cui in compresenza (5) (3) (8) (9) (10)

    Totale ore di insegnamento settimanali 33 32 32 32 32

  • 3. CONSIGLIO DI CLASSE E CONTINUITA' DIDATTICA

    Classe 3a

    a.s. 17-18 Classe 4

    a

    a.s. 18-19 Classe 5

    a

    a.s. 19-20

    LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Mitolo R. Mitolo R. Mitolo R.

    LINGUA INGLESE Angiola A. Vox A. Vox A.

    STORIA Mitolo R. Mitolo R. Mitolo R.

    MATEMATICA Tosti C. Tosti C. Tosti C.

    MECCANICA MACCHINE ED ENERGIA Altieri G.

    Cassano V.

    Altieri G.

    Cassano V. Della Queva V.

    SISTEMI E AUTOMAZIONE Altieri G.

    Cassano V.

    Rodriguez. C.

    Cassano V.

    Rodriguez. C.

    Cassano V.

    TECNOLOGIE DI PROCESSO E DI PRODOTTO Pinto M.

    Spaccavento S.

    Pinto M.

    Spaccavento S.

    Pinto M.

    Spaccavento S.

    DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

    Rodriguez. C. Rodriguez. C.

    Vasto A.

    Rodriguez. C.

    Spaccavento S.

    SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Rotolo A. Rotolo A. Rotolo A.

    RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE

    Campanale D. Campanale D. Campanale D.

    SOSTEGNO Vavallo D. Buonamassa A. Vavallo D.

  • 4. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE

    La classe è composta da 24 alunni di cui 22 frequentanti, nell’a.s. 2018-2019, la classe 4 MB, e due, ripetenti provenienti dalla classe 5MC dello scorso anno scolastico. Sono presenti: uno studente DSA, uno studente BES e uno studente DVA (con disabilità certificata con lg.104). Lo studente con disabilità certificata, ha seguito un percorso curricolare (per obiettivi minimi), che lo porterà al conseguimento di un regolare titolo di studio. Per gli studenti BES e DSA e lo studente DVA sono stati utilizzati gli strumenti dispensativi/compensativi così come da PDP e PEI allegati alla presente in forma riservata. Alla classe è assegnato, per le attività di sostegno, un insegnante specializzato al fine di favorirne il processo di integrazione. La presenza del docente di sostegno in sede di Esami di Stato si ritiene un supporto fondamentale per l'alunno. Gli alunni risiedono prevalentemente nella città di Bari e nei suoi quartieri periferici. Solo alcuni alunni risiedono in comuni limitrofi. Nel corso del triennio la continuità didattica è venuta a mancare per alcune discipline, come riportato al punto 3. Pur manifestando una buona disponibilità ad adattarsi alle diverse proposte metodologiche, la classe talvolta non ha risposto alle stesse con impegno proficuo e fattiva partecipazione. Non sempre le lezioni sono state seguite con la dovuta attenzione, specie in alcune discipline, ed il dialogo educativo, nel suo complesso, è risultato a volte non abbastanza sereno e positivo in tutte le discipline. Gli alunni hanno mantenuto, nel corso del triennio, rapporti corretti con buona parte dei docenti e un buon clima relazionale tra di loro. Dal punto di vista disciplinare, non si sono mai evidenziate situazioni particolarmente gravi, ma durante le lezioni di Matematica e Inglese non tutti hanno partecipato serenamente ed attivamente. Ciò ha compromesso sensibilmente, in alcuni allievi, sia la capacità di comprendere ed esprimersi nella seconda lingua sia quella di interiorizzare concetti fondamentali per le discipline tecniche. Alcuni alunni presentano un numero elevato di ore di assenza (la situazione è stata segnalata alle famiglie nel corso dell’anno). All’inizio dell’anno scolastico 2019-2020 gli studenti mostravano di possedere in generale prerequisiti non del tutto solidi e profonde lacune soprattutto nelle discipline professionalizzanti. Alcuni alunni evidenziano una preparazione improntata esclusivamente sullo studio mnemonico, nonché una scarsa attitudine alla riflessione critica e una certa superficialità nell’organizzazione autonoma del proprio lavoro. Per altri l’apprendimento è stato lento e bisognoso di supporti di carattere motivazionale e metodologico. In particolare, per qualche materia dell’area tecnico-scientifica gli studenti hanno avuto più difficoltà che in altre per via di lacune pregresse che non sempre sono riusciti a colmare. Nelle discipline umanistiche, per la maggioranza della classe, si è verificato, nell’arco del triennio, una sufficiente crescita. Tuttavia le abilità espressive, specie quelle scritte, continuano per alcuni ad essere ostacolate dai contesti socio-culturali di provenienza. All’interno del gruppo-classe si distinguono elementi più motivati allo studio degli altri e dotati di buone capacità. Questi hanno sempre partecipato, con interesse e impegno, al lavoro scolastico e hanno raggiunto un profitto più che sufficiente. A partire dal 05 marzo 2020, a seguito dell’emergenza COVID- 19, e in ossequio alle indicazioni

    fornite dal Ministero dell’Istruzione con nota 388 del 17 marzo 2020, è stata avviata la didattica a

    distanza. Tale scelta ha comportato per alcune discipline una revisione dei contenuti delle

    programmazioni individuali, come stabilito nei dipartimenti disciplinari. Dinanzi alla nuova

    modalità didattica, gli alunni si sono resi disponibili da subito offrendo, talvolta, anche un valido

    supporto ai docenti. La loro partecipazione è in linea di massima da considerarsi positiva,

  • considerando sopratutto la mancanza talvolta di dispositivi idonei, le difficoltà di adattarsi ad un

    nuovo modello metodologico e le pressioni psicologiche cui sono stati sottoposti. A tal proposito i

    docenti nei momenti di incontro on line con gli studenti si sono impegnati non solo a fornire

    spiegazioni e chiarimenti ma anche a stabilire un approccio comunicativo più diretto e più

    empatico e a coltivare momenti di comunicazione profonda , interpersonale, talvolta anche

    sdrammatizzante e scherzosa.

    Nel complesso, a conclusione del percorso di studi, è possibile sostenere che gli obiettivi formativi

    e didattici stabiliti dal Consiglio di Classe sono stati conseguiti pur se in maniera diversificata

    secondo il livello di partenza, la partecipazione, l’impegno e lo stile cognitivo di ciascuno.

  • 5. CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO E COMPETENZE ACQUISITE

    a - CONTENUTI DEL PERCORSO

    I contenuti del percorso formativo sono deducibili dalle programmazioni disciplinari allegate al presente.

    b - COMPETENZE ACQUISITE: Competenze educative/comportamentali:

    Il percorso formativo è stato caratterizzato dall’intento di promuovere la crescita della personalità umana e sociale degli allievi favorendo:

    lo sviluppo armonioso della personalità e del futuro cittadino del mondo;

    lo spirito di cooperazione e l’apertura al dialogo e al pluralismo ideologico;

    la capacità di costruire un proprio sistema di valori;

    sviluppo di una cultura fondata su tolleranza, apertura e valorizzazione delle differenze, su valori di pluralismo e libertà;

    l'acquisizione di comportamenti coerenti con i valori assunti;

    l'acquisizione e condivisione delle norme dell’Istituto (rispettare gli orari, lasciare gli ambienti scolastici puliti e ordinati, ecc.);

    l'acquisizione di autocontrollo, responsabilità, comportamenti corretti nella realtà del gruppo;

    la partecipazione costruttiva alla vita collegiale della scuola (assemblea di classe e di Istituto, visite guidate, viaggi di istruzione e conferenze, ecc.).

    Competenze cognitive trasversali:

    Il Consiglio di Classe ritiene che gli studenti, seppur a livelli diversi:

    abbiano acquisito le competenze base delle discipline;

    siano in grado di analizzare e sintetizzare fatti, dati e informazioni;

    siano in grado di utilizzare capacità logiche, critiche e operative;

    siano in grado di collegare ed integrare conoscenze e competenze acquisite in ambiti disciplinari diversi;

    siano in grado di esprimersi in modo chiaro, ordinato e corretto, utilizzando un linguaggio operativo specifico;

    siano in grado di utilizzare un metodo personale di studio adeguato alle diverse situazioni di studio e/o ricerca.

    Competenze specifiche Per quanto riguarda le competenze acquisite nell’ambito delle specifiche discipline, si rimanda alle programmazioni dei singoli docenti. Tali programmazioni vengono allegate al presente documento.

  • 6. STRATEGIE E METODOLOGIE DIDATTICHE, MEZZI E STRUMENTI, SPAZI

    STRATEGIE E METODOLOGIE DIDATTICHE

    Lezioni frontali Peer education

    Lezione interattiva Brainstorming

    Gruppi di lavoro Problem solving

    Discussione guidata Elaborazione di mappe concettuali

    Attività di laboratorio Simulazione di casi

    Didattica laboratoriale Alternanza scuola/lavoro

    Elaborazione scritto/grafica/computerizzata dei dati Flipped- classroom

    MEZZI E STRUMENTI

    Libri di testo

    Riviste specifiche/testi da consultazione/dispense

    Sussidi audiovisivi/attrezzature multimediali/LIM

    Attrezzature di laboratorio

    Dispense e/o appunti forniti dai Docenti

    Altro (specificare)

    SPAZI

    Aula multimediale

    Biblioteca scolastica

    Aula magna

    Aula LIM

    Laboratorio tecnologico

    Laboratorio informatico

    Laboratorio linguistico

    Laboratorio CAD

    Altro (specificare)

  • 7. INSEGNAMENTO DI UNA DNL CON METODOLOGIA CLIL

    Secondo quanto prescritto dalla circolare del MIUR n. 4969 del 25 luglio 2014 riguardante il CLIL, in questa classe quinta, una Disciplina Non Linguistica (DNL) ed in particolare la disciplina “Meccanica, Macchine ed Energia” (MME) è stata veicolata al 100% in Lingua Inglese. Anche le verifiche, sia scritte che orali, sono state effettuate dal docente di MME in Lingua Inglese. Inoltre, per quanto riguarda le verifiche scritte, gli studenti hanno utilizzato, oltre al “Manuale di Meccanica – HOEPLI”, il manuale ad uso interno “Handbook of Mechanics for 5th year CLIL Students – Marconi-Hack”.

    Lingua Disciplina Numero ore Competenze acquisite

    Inglese Meccanica,

    Macchine ed Energia

    Ore previste dal percorso

    curriculare

    Utilizzando la metodologia CLIL, i giovani discenti hanno consapevolizzato l'utilità reale della conoscenza della Lingua Inglese come strumento di comunicazione a livello planetario. Una vera Lingua Veicolare utile in qualunque settore ed attività umana ed anche quindi, in particolare, nello studio della particolare Disciplina Non Linguistica (DNL) insegnata in questa 5^ Classe.

  • 8. DIDATTICA A DISTANZA : METODOLOGIE Con DCPM 4 marzo 2020 - art 1 (Misure per il contrasto e il contenimento sull'intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19) - dal giorno successivo a quello di efficacia del decreto: sono state sospese le attività didattiche di ogni ordine e grado (comma d); sono stati sospesi i viaggi di istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche (comma e); i dirigenti scolastici hanno attivato, per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche, modalità di didattica a distanza avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità (comma g). A seguito della sospensione dell’attività in aula a seguito della crescita della diffusione del COVID-19 sul territorio nazionale, è stato necessario attuare, senza una reale formazione dei docenti e senza, purtroppo, la possibilità di garantire a tutti gli alunni un PC o un Tablet, la Didattica a distanza.

    Il C.d.c. ha ritenuto fondamentale mantenere vivo il dialogo educativo e formativo con gli studenti e con le famiglie, senza comunque perdere di vista che gli studenti, tramite la didattica a distanza, pur percorrendo un percorso sino ad oggi diverso e sicuramente divenuto più tortuoso, dovessero acquisire sia le competenze richieste dal profilo in uscita sia quel senso di responsabilità e coscienza del proprio fare nell’ottica della cittadinanza partecipata, solidale e, principalmente, attiva.

    Nell'attuare la Didattica a Distanza il C.d.c. ha prestato particolare attenzione nel:

    Coordinarsi con il docente di sostegno avendo cura di impegnarsi per concretizzare materiali didattici e assicurare strumenti di apprendimento conciliabili con gli obiettivi declinati del PEI.

    Assicurare il coordinamento tra docenti teorici e docenti tecnico pratici al fine di programmare materiali didattici e video lezioni.

    Rimodulare i piani di lavoro e rivedere degli obiettivi laddove venisse ritenuto necessario.

    Rimodulare. ove e se necessario, i contenuti tenendo conto che la quantità e la tipologia di essi fosse in linea con le caratteristiche del variato ambiente di apprendimento.

    Programmare l'orario delle video lezioni rispettando l'orario scolastico in adozione dall'inizio dell'anno.

    Assicurare la concreta sostenibilità della lezione a distanza da parte degli studenti preferendo lezioni di massimo 40 minuti, anziché quelle fissate normalmente.

    Assicurare un certo equilibrio delle discipline con attenzione alle materie professionalizzanti e alle discipline che assicurano le competenze di base (italiano, matematica e inglese).

    Compilare regolarmente il registro elettronico assicurando:

    - la descrizione compiti assegnati da remoto (tramite Edmodo, Argo, mail, WhatsApp e simili) con l’indicazione delle relative scadenze previste

    - la descrizione sintetica dei contenuti sviluppati in differita (sul registro sono state indicate le videolezioni tenute con Skype o con Cisco Webex, sia quelle in differita che quelle in diretta e gli eventuali link).

    Revisionare le metodologie di valutazione.

    L'attività di didattica a distanza è stata attivata immediatamente, anche se in diverse modalità e con l'utilizzo di diversi strumenti, da tutti i docenti del CDA e al momento della redazione del presente, continua ad essere attuata. Nello specifico:

    La prof.ssa Mitolo, docente di Lingua e letteratura italiana e Storia, ha utilizzato Skype per le video-lezioni, il Portale Argo e la piattaforma Edmodo per l’assegnazione e restituzione di compiti da svolgere, per la condivisione di materiale e per la somministrazione di verifiche.

  • La classe ha partecipato con costanza alle attività a distanza, ma con una partecipazione non sempre coerente. Qualche alunno, in particolare, ha seguito le lezioni in maniera saltuaria. La programmazione didattica non ha subito modifiche rispetto alla pianificazione dell’inizio dell’anno scolastico.

    I docenti Rodriguez, Spaccavento e Cassano per le discipline di Disegno, progettazione ed organizzazione industriale e Sistemi ed automazione hanno utilizzato Edmodo ed Argo per la condivisione del materiale didattico (dispense e video lezioni) mentre hanno utilizzato CISCO WEBEX per lo svolgimento delle lezioni on line. La presenza e la partecipazione degli studenti è stata nel complesso soddisfacente e non si è ravvisata la necessità nè di riesaminare le programmazioni didattiche nè di rimodulare gli obiettivi formativi.

    Per Tecnologie di processo e di prodotto i docenti Pinto e Spaccavento hanno svolto regolarmente lezioni on line secondo il normale orario delle lezioni, con la piattaforma Skype, condividendo sulla stessa materiale didattico e contestualmente su Argo e WhatsApp e registrando una presenza quasi completa della classe, ma una partecipazione non sempre coerente. Non è stata fatta una particolare rimodulazione della programmazione e degli obiettivi formativi.

    La prof.ssa Vox , docente di Lingua inglese, ha utilizzato Skype per le video lezioni e il Portale Argo e la piattaforma Edmodo per l’assegnazione di compiti da svolgere e la condivisione dei documenti. La presenza da parte di alcuni alunni non è stata sempre costante e a seguito di ripetuti richiami, la loro presenza è migliorata; al contrario altri alunni si sono sempre collegati e hanno dimostrato interesse e partecipazione. La programmazione didattica è stata rispettata così come impostata all’inizio dell’anno scolastico.

    La docente di Scienze motorie, prof.ssa Annalisa Rotolo, ha utilizzato ARGO per la condivisione del materiale didattico, CISCO WEBEX per le interrogazioni e videolezioni,POSTA ELETTRONICA per la restituzine del lavoro. Non si è ravvisata la necessità nè di riesaminare le programmazioni didattiche nè di rimodulare gli obiettivi formativi.

    Il docente V. Della Queva di Meccanica, Macchine ed Energia ha svolto regolarmente lezioni on line (nelle ore pomeridiane, dopo averlo concordato con tutti gli alunni della classe e con il Consiglio di Classe) utilizzando la piattaforma Skype, condividendo sulla stessa (talvolta via email) materiale didattico e contestualmente riportando su Argo le attività svolte e assegnate. Lo stesso docente ha registrato una presenza quasi completa della classe, ma una partecipazione non sempre coerente. Non è stata fatta una particolare rimodulazione della programmazione e degli obiettivi formativi.

    Per l'insegnamento della Religione cattolica la Didattica a Distanza è consistita nell’utilizzo di ARGO per la condivisione del materiale didattico, CISCO WEBEX per le videolezioni. Le lezioni sono state svolte regolarmente online in orario curriculare con una presenza quasi completa della classe e un’ottima partecipazione alla discussione degli argomenti proposti. Non si è ravvisata la necessità nè di riesaminare le programmazioni didattiche nè di rimodulare gli obiettivi formativi.

    Il docente di Matematica, prof. Tosti, nell’ambito della Didattica a Distanza (DaD) ha utilizzato Cisco WebEx per le video lezioni e, per la condivisione del materiale didattico, sia Argo che la mail-box personale. Anche se la partecipazione all’attività di DaD non è riuscita a coinvolgere tutti gli alunni, tuttavia la gran parte della Classe ha preso parte alla DaD in modo apprezzabile. Inoltre, nell’ambito della DaD, il Dipartimento di Matematica ha ritenuto necessario rimodulare la programmazione didattica per meglio adattarla al nuovo contesto.

  • 9. VERIFICA E VALUTAZIONE DELL’APPRENDIMENTO

    In riferimento agli strumenti di verifica e ai metodi di valutazione il Consiglio di Classe si è attenuto ai

    criteri contenuti nel piano triennale dell’offerta formativa.

    Le tipologie di verifica,di seguito elencate, sono state scelte dal docente in coerenza con il percorso di

    formazione proposto:

    Prove oggettive strutturate (domande vero/falso, risposte chiuse, risposte multiple, ecc.) utili per

    l’accertamento delle conoscenze.

    Interrogazioni orali e prove scritte non strutturate (temi, relazioni, soluzione di problemi, saggio

    breve, questionari, ecc.) finalizzate all’accertamento di obiettivi più elevati (analisi, sintesi,

    elaborazione critica) e al controllo delle capacità espressive.

    Progetti didattici, lavori di gruppo, elaborazioni progettuali, produzione di disegni, produzione di

    manufatti che permetteranno di valutare sia le conoscenze che le abilità tecnico-pratiche, ossia le

    competenze degli studenti.

    Si precisa che test o questionari sono stati utilizzati anche in alternativa alla interrogazione orale, dal

    momento che hanno il pregio di consentire un immediato controllo dell’apprendimento di tutta la classe

    a conclusione di una sequenza didattica (il che non sempre può essere garantito con le interrogazioni).

    Tutti gli strumenti di verifica utilizzati hanno accertato l’acquisizione delle conoscenze, delle abilità

    disciplinari specifiche e la capacità di rielaborazione personale, permettendo all’insegnante di stabilire i

    ritmi di lavoro e di apportare in itinere al progetto didattico tutte le correzioni e gli adattamenti

    necessari.

    In ottemperanza delle note del Ministero dell’istruzione n. 279 dell’8 marzo 2020 e n. 388 del 17 marzo 2020, del D.L. 8 aprile 2020, n. 22, nonché dell’art. 87, comma 3-ter (Valutazione degli apprendimenti) della legge “Cura Italia”, che hanno progressivamente attribuito efficacia alla valutazione – periodica e finale – degli apprendimenti acquisiti durante la didattica a distanza, anche qualora la stessa valutazione sia stata svolta con modalità diverse da quanto previsto dalla legislazione vigente, sono stati effettuati:

    colloqui e verifiche orali in videoconferenza, con la presenza di due o più studenti;

    test a tempo attraverso piattaforme e programmi specializzati;

    verifiche e prove scritte assegnate agli studenti e restituite dagli stessi tramite piattaforme virtuali, mail o di altro appositamente scelto;

    e nella valutazione e la conseguente attribuzione dei voti sono stati seguiti i seguenti criteri:

    frequenza delle attività di DaD;

    interazione durante le attività di DaD sincrona e asincrona;

    puntualità nelle consegne/verifiche scritte e orali;

    valutazione dei contenuti delle suddette consegne/verifiche

    Nella valutazione finale si è tenuto quindi conto: degli elementi emersi nelle prove scritte e orali, della

    partecipazione, dell’impegno e dell’interesse dimostrati, dell’acquisizione di un metodo di studio, del

    livello iniziale e di quello finale considerando sia i mesi di didattica in presenza sia i mesi di DAD.

    Per i criteri di valutazione delle singole prove, si è fatto riferimento a quanto riportato nel piano

    triennale dell’offerta formativa, alle integrazioni resesi necessarie con l'attivazione della DAD e

    approvate dal Collegio dei Docenti, e alle considerazioni puntuali presenti nei singoli piani di lavoro.

    In merito alla valutazione della condotta il Consiglio di Classe ha fatto riferimento ai criteri condivisi dal

    Collegio dei Docenti ed indicati nel PTOF e alla partecipazione alla DAD.

  • 10. ARGOMENTO DELL'ELABORATO CONCERNENTE LE DISCIPLINE DI INDIRIZZO

    INDIVIDUATE COME OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA

    Visto l'art. 17 comma a) dell' OM n. 10 del 16 maggio 2020 che prevede che il colloquio orale

    abbia inizio con la discussione di un elaborato concernente le discipline di indirizzo già

    individuate come oggetto della seconda prova scritta dal D.M. 28 del 30 gennaio 2020, il

    Consiglio di classe ha deliberato di assegnare a tutti i candidati uno stesso argomento "che

    si presti a uno svolgimento fortemente personalizzato".

    Il Consiglio di classe ha condiviso quanto proposto dai docenti delle suddette discipline (prof.

    Vincenzo Della Queva - disciplina Meccanica, macchine ed Energia e prof.ssa Consuelo

    Rodriguez - disciplina Disegno, progettazione ed organizzazione industriale) che hanno

    individuato come argomento dell'elaborato: la progettazione generale della trasmissione

    ad ingranaggi cilindrici di un ventilatore industriale da utilizzare nella cabina di

    asciugatura di una fabbrica di mattoni. La progettazione dovrà essere completata con:

    disegno esecutivo di fabbricazione dell'albero con l'indicazione di quote, tolleranze e rugosità;

    cartellino di lavorazione e calcolo del lotto economico di produzione, del numero di lotti annui e

    del costo totale.

    I dati di progettazione e di calcolo assegnati saranno personalizzati in quanto varieranno in

    base al numero d'ordine (A) degli studenti nel registro di classe.

    Al fine di personalizzare ulteriormente l'elaborato agli studenti sarà chiesto di rispondere a due

    dei quattro quesiti, a risposta aperta, sull'organizzazione industriale che verranno loro posti.

  • 11. TESTI OGGETTO DI STUDIO NELL'AMBITO DELL'INSEGNAMENTO DELLA

    DISCIPLINA LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

    1. Da L’ammazzatoio, L’alcol inonda Parigi(E. Zola)

    2. Da Vita dei campi, Rosso Malpelo(G. Verga)

    3. Da I Malavoglia, I vinti e la fiumana del progresso(G. Verga)

    4. Da I Malavoglia, Il mondo arcaico e l’irruzione della storia(G. Verga)

    5. Da I Malavoglia, La conclusione del romanzo: l’addio al mondo pre-moderno(G. Verga)

    6. Da Novelle rusticane, La roba(G. Verga)

    7. Da I fiori del male, Corrispondenze(C. Baudelaire)

    8. Da I fiori del male, L’albatro (C. Baudelaire)

    9. Da Lo spleen di Parigi, La perdita d’aureola(C. Baudelaire)

    10. Da Controcorrente, La realtà sostitutiva(J-k. Huysmans)

    11. Da Alcyone, La pioggia nel pineto(G. D’Annunzio)

    12. Da Myricae, Temporale(G. Pascoli)

    13. Da Myricae, Il lampo(G. Pascoli)

    14. Da Myricae, X Agosto(G. Pascoli)

    15. Da I Canti di Castelvecchio, Il gelsomino notturno(G. Pascoli)

    16. Da Manifesto del Futurismo, Il Manifesto del Futurismo(F. T. Marinetti)

    17. Da Zang tumb tumb, Bombardamento(F. T. Marinetti)

    18. Da L’allegria, Veglia(G. Ungaretti)

    19. Da l’allegria, San Martino del Carso(G. Ungaretti)

    20. Da L’allegria, Soldati(G. Ungaretti)

    21. Da Una vita, Le ali del gabbiano(I. Svevo)

    22. Da La coscienza di Zeno,La profezia di un’apocalisse cosmica(I. Svevo)

    23. Da Il fu Mattia Pascal, Lo strappo nel cielo di carta(L. Pirandello)

    24. Da Uno, nessuno e centomila, Nessun nome(L. Pirandello)

    25. Da Novelle per un anno, Il treno ha fischiato(L. Pirandello)

    26. Da Novelle per un anno,Ciaula scopre la luna(L. Pirandello)

    27. Da I Quaderni di Serafino Gubbio operatore, Viva la macchina che meccanizza la vita!

    (L.Pirandello)

    28. Da Se questo è un uomo, Se questo è un uomo(P. Levi)

    29. Da Giorno dopo giorno, Alle fronde dei salici(S. Quasimodo)

  • 12. NUCLEI TEMATICI PLURIDISCIPLINARI - MACROAREE

    In considerazione del carattere pluridisciplinare del colloquio, per consentire agli allievi di cogliere l'intima connessione dei saperi e di elaborare personali percorsi didattici, il consiglio di classe ha individuato e proposto alla classe i seguenti nuclei tematici pluridisciplinari:

    1. Uomo - Macchina: luci e ombre del progresso. 2. Il potere della comunicazione. 3. L'uomo, la natura e le sue leggi. 4. La linea sottile fra realtà e apparenza. 5. Il lavoro.

    che hanno visto, nel loro sviluppo, il coinvolgimento di tutte le discipline.

  • 13. PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E PER L’ORIENTAMENTO (ex ASL) A – LEGGE 145/2018 Gli alunni della classe hanno svolto l'attività di Alternanza scuola lavoro così come previsto dalla legge 107 del 13 luglio 2015 (La Buona Scuola) ha inserito l’Alternanza scuola lavoro, considerandola una strategia didattica, nell’offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione:

    “Al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti”

    I Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO), introdotti con la cosiddetta legge di Bilancio 2019 (legge n. 145/2018), rappresentano la nuova denominazione dei percorsi di Alternanza scuola-lavoro.

    All’interno di una cornice formativa volta al rafforzamento delle competenze trasversali, individuate dal Consiglio Europeo in un documento sulle “competenze chiave per l’apprendimento permanente”, il MIUR ha fissato una serie di elementi specifici comprendenti, tra gli altri, lo sviluppo di competenze personali, sociali, di cittadinanza e imprenditoriali.

    La costruzione dei Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento ha richiesto alcuni passaggi preliminari, sintetizzati nelle linee guida ministeriali in 4 punti essenziali:

    conoscenza del contesto territoriale in cui si colloca l’Istituto;

    individuazione delle priorità espresse dall’Istituto rispetto alle competenze trasversali da promuovere;

    caratterizzazione dei PCTO rispetto alla natura e alla tipologia degli indirizzi di studio

    pianificazione dei percorsi preferibilmente con modalità differenti ed integrate.

    Ciò vuol dire che i PCTO sono stati progettati, in linea con l’indirizzo di studio intrapreso, in modo tale da integrare le competenze didattiche con l’esperienza svolta e consentire agli studenti di riflettere sui propri possibili sbocchi professionali. I PCTO hanno avuto, in tal senso, una forte valenza orientativa.

    I PCTO hanno costituito quindi una vera e propria combinazione di preparazione scolastica ed esperienze assistite sul posto di lavoro col fine di mettere in grado gli studenti di individuare attitudini ed acquisire competenze utili per sviluppare una cultura del lavoro fondata sull'esperienza diretta.

    Il monte ore destinato ai PCTO non è stato modificato rispetto a quanto previsto dalla legge 107.

    Le Aziende del territorio con le quali l'IISS MARCONI-HACK ha stipulato opportune convenzioni per lo svolgimento dei PCTO, hanno accolto gli studenti per 260 ore mentre la Bosch ha ospitato gli studenti del Marconi-Hack per 400 ore. Per tutti gli studenti il progetto ha previsto, oltre alle ore in azienda, 140 ore di formazione/informazione.

    I PCTO realizzati dal nostro Istituto sono stati progettati al fine di:

    Integrare l'offerta formativa dell'Istituto

    Valorizzare le eccellenze

    Promuovere la ri-motivazione allo studio

    Sostenere la realizzazione di percorsi personalizzati

    Rispondere ad una richiesta del territorio

    Orientare i ragazzi

    Le 140 ore di formazione/informazione hanno visto i ragazzi coinvolti in: Corso di sicurezza medio/alto rischio

  • Incontri formativi Incontri con esperti del settore Visite a fiere di settore Visite presso aziende/enti Moduli didattici preparatori al percorso di ASL:

    Attività laboratoriali

    Moduli formativi

    ARTICOLAZIONE DEI PERCORSI Il monte ore previsto è stato suddiviso nel triennio, come di seguito riportato:

    A.S.L. PRESSO LA BOSCH

    Ore da progetto

    Classe a.s. Ore in Azienda Ore di

    informazione/formazione Ore TOT anue

    3 2017-2018 160 80 240

    4 2018-2019 160 40 200

    5 2019-2020 80 20 100

    Totale ore nel triennio 540

    A.S.L. PRESSO ALTRE AZIENDE

    Ore da progetto

    Classe a.s. Ore in Azienda Ore di

    informazione/formazione Ore TOT annue

    3 2017-2018 80 80 160

    4 2018-2019 80 40 160

    5 2019-2020 80 20 100

    Ore da svolgere nel triennio 420

    Per le attività svolte nel triennio dagli studenti si fa riferimento al documento allegato e ai fascicoli

    degli stessi

  • C - COMPETENZE ACQUISITE AL TERMINE DEI PERCORSI

    Nel triennio gli studenti hanno acquisito, a livelli diversi le seguenti competenze:

    COMPETENZE ORGANIZZATIVE E RELAZIONALI

    ORGANIZZARE IL LAVORO

    mantiene costantemente l'attenzione sull'obiettivo, rilevando eventuali scostamenti dal risultato atteso

    rispetta gli orari e i tempi assegnati garantendo il livello di qualità richiesto

    organizza lo spazio di lavoro e le attività pianificando il proprio lavoro (priorità, tempi) in base alle disposizioni ricevute

    accetta e prende in carico compiti nuovi o aggiuntivi, riorganizzando le proprie attività in base alle nuove esigenze

    applica le procedure e gli standard definiti dall'azienda (ambiente, qualità, sicurezza)

    GESTIRE INFORMAZIONI

    utilizza la documentazione aziendale e la manualistica per reperire le informazioni e le istruzioni necessarie per il proprio lavoro

    reperisce (anche sul web) e verifica informazioni relative ai requisiti di prodotto e di processo

    documenta le attività svolte secondo le procedure previste, segnalando i problemi riscontrati e le soluzioni individuate

    attua metodi di archiviazione efficaci e conformi alle procedure aziendali

    GESTIRE RISORSE

    utilizza in modo appropriato le risorse aziendali (materiali, attrezzature e strumenti, documenti, spazi, strutture)

    GESTIRE RELAZIONI E

    COMPORTAMENTI

    utilizza le protezioni e i dispositivi prescritti dal manuale della sicurezza e esegue le operazioni richieste per il controllo e la riduzione dei rischi

    accetta la ripartizione del lavoro e le attività assegnate dal team leader, collaborando con gli altri addetti per il raggiungimento dei risultati previsti

    lavora in gruppo esprimendo il proprio contributo e rispettando idee e contributi degli altri membri del team

    collabora con gli altri membri del team al conseguimento degli obiettivi aziendali

    rispetta lo stile e le regole aziendali

    gestisce i rapporti con i diversi ruoli o le diverse aree aziendali adottando i comportamenti e le modalità di relazione richieste

    utilizza una terminologia appropriata e funzionale nello scambio di informazioni, sia verbale che scritto (reportistica, mail…)

    analizza e valuta criticamente il proprio lavoro e i risultati ottenuti, ricercando le ragioni degli eventuali errori o insuccessi

    aggiorna le proprie conoscenze e competenze

    GESTIRE PROBLEMI

    affronta i problemi e le situazioni di emergenza mantenendo autocontrollo e chiedendo aiuto e supporto quando è necessario

    riporta i problemi riscontrati nella propria attività, individuando le possibili cause e soluzioni

  • COMPETENZA (del "profilo in uscita"

    da LG del riordino)

    COMPETENZE (obbiettivo del progetto di alternanza) descritte in termini di performance

    Documentare e seguire i processi di industrializzazione

    Disegna particolari e complessivi corredati delle specifiche utilizzando programmi di disegno anche avanzati (2D, 3D: ad es. Autocad, Solid Works,…)

    Intervenire nelle diverse fasi e livelli del processo produttivo, dall'ideazione alla realizzazione del prodotto, per la parte di propria competenza, utilizzando gli strumenti di progettazione, documentazione e controllo

    Definisce e regola la sequenza di un processo produttivo scegliendo le macchine idonee, impostando i parametri di ciascuna lavorazione, scegliendo le attrezzature e gli utensili adeguati in conformità alle specifiche. Compende il layout dell'impianto.

    Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti

    Organizzare il processo produttivo contribuendo a definire le modalità di realizzazione, di controllo e collaudo del prodotto

    Definire, classificare e programmare sistemi di automazione integrata e robotica applicata ai processi produttivi

    Interviene nella definizione e realizzazione di sequenze automatiche e relativo controllo e regolazione applicando le tecnologie pneumatiche, oleodinamiche ed elettrico - elettroniche, realizzando semplici programmazioni.

    Progettare strutture, apparati e sistemi, applicando anche modelli matematici, e analizzarne le risposte alle sollecitazioni meccaniche, termiche, elettriche e di altra natura.

    Progettare, assemblare collaudare e predisporre la manutenzione di componenti, di macchine e di sistemi termotecnica di varia natura

    Effettua la diagnosi di guasti e di anomalie di funzionamento, riconoscendone le tipologie e le principali cause principali strumenti di misura, segnala e registra le non conformità del processo o del prodotto. Interviene durante la lavorazione per effettuare operazioni di revisione e sostituzione dei componenti usurati.

    Gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali della qualità e della sicurezza

    Esegue test per il controllo qualità utilizzando i piani di campionamento e i principali strumenti di misura, segnala e registra le non conformità del processo o del prodotto

    Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell’ambiente e del territorio

  • Competenze organizzative e relazionali

    ORGANIZZARE IL LAVORO

    GESTIRE INFORMAZIONI

    GESTIRE RISORSE

    GESTIRE RELAZIONI E COMPORTAMENTI

    GESTIRE PROBLEMI

  • 14. PERCORSI DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE FINALITÀ GENERALI

    Favorire la cittadinanza attiva tra gli studenti.

    Valorizzare la promozione della persona potenziando un atteggiamento positivo verso le Istituzioni.

    Implementare la qualità delle competenze sociali e civiche di ciascuno nell’ambito di percorsi di responsabilità partecipate .

    Far crescere negli studenti la consapevolezza dei diritti e dei doveri partendo dal contesto scolastico.

    Far sviluppare il senso di appartenenza alla propria comunità.

    Promuovere la solidarietà a tutti i livelli di vita sociale ed organizzata.

    Approfondire la consapevolezza della esperienza della relazione positiva, adeguata e corrispondente alle varie circostanze e alle diverse comunità (familiare, scolastica, sociale, culturale, istituzionale, politica) in quanto fondata sulla ragione dell’uomo, intesa nella sua accezione più ampia e inclusiva.

    OBIETTIVI GENERALI DEI PERCORSI

    Proporre itinerari esemplificativi dell’articolazione dell’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione” nella scuola secondaria di secondo grado in conformità alle indicazioni ministeriali del Documento d’indirizzo per la sperimentazione del 4 marzo 2009.

    Realizzare un approccio ai contenuti multi e interdisciplinari che sfocino in iniziative “civiche” attuate in relazione al tipo di classe, alle esigenze degli studenti e alle risorse del territorio secondo una concezione aperta e attiva di cittadinanza.

    Offrire criteri, indicazioni metodologiche e strumenti concreti ai docenti per tale insegnamento.

    Coinvolgere il mondo della famiglia, della scuola, del lavoro, del volontariato, delle Istituzioni, stabilendo contatti e forme di collaborazione.

    RISULTATI ATTESI

    Collocare l'esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione a tutela della persona, della collettività e dell'ambiente.

    Il Consiglio di classe ha realizzato, in coerenza con gli obiettivi del PTOF e della C.M. n. 86/2010, i seguenti percorsi per l’acquisizione delle competenze di Cittadinanza e Costituzione:

    PERCORSI di CITTADINANZA E COSTITUZIONE Attività

    Società civile: convivenza ed educazione

    1-3-4-5-6-7-8-

    9-11-12-13-14-

    15-16-17-18-20

    Educazione alla salute 2-10-19

    Le attività svolte nel triennio sono riassunte nel seguente prospetto

    Attività Cittadinanza e Costituzione

    Prog. a.s. Attività

    1 2017-2018 Corso di formazione sulla sicurezza studenti lavoratori – Rischio alto

    2 2017-2018 Corso di primo soccorso BLSD

  • 4 2017-2018 2 novembre 2017 La classe partecipa all'incontro: "Studenti ambasciatori alle nazioni unite".

    6 2017-2018 24 novembre 2017 La classe partecipa alla rappresentazione teatrale "Palmina"

    7 2017-2018 27 novembre 2017 La classe partecipa ad un incontro sul "Cybervulllismo"

    8 2017-2018 17 maggio 2018 La classe partecipa all'incontro "Preparazione al futuro" organizzato dalla Bosch

    9 2018-2019 14 novembre 2018. Partecipazione della classe all'incontro "Educare ai sentimenti" Relatore Don Angelo della Parrocchia di San Sabino

    10 2018-2019 25 marzo 2019 La classe partecipa all'"Incontro formativo sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili"

    11 2018-2019 29 marzo 2019 La classe partecipa alla conferenza sulle "Fake news"

    12 2018-2019 11 aprile 2019 La classe partecipa alla "Giornata dedicata all'educazione stradale"

    13 2018-2019 15 aprile 2019 La classe partecipa ad un incontro sulla "Sicurezza stradale"

    14 2019-2020 18 settembre 2019 La classe si reca presso la fiera del levante per seguire il convegno "I giovani e l'educazione"

    15 2019-2020

    28 ottobre 2019. Alcuni studenti della classe partecipano al seminario “Dall’antimafia giudiziaria all’antimafia sociale” alla presenza di Fiammetta Borsellino, figlia del magistrato Paolo Borsellino e instancabile testimone della ricerca della verità sulla strage di via D'Amelio (19 luglio 1992)

    16 2019-2020

    12 e 26 novembre. La classe partecipa al progetto “Sguardi”, sul tema della migrazione e dell’accoglienza. Il progetto, nato dalla collaborazione con l’associazione Arci di Bari, ha previsto due incontri che si sono tenuti il 25 e il 26 novembre 2019. Il primo incontro è stato condotto da operatori culturali Arci alla presenza di alcuni giovani beneficiari del progetto SIPROIMI (Sistema di Protezione Titolari di Protezione Internazionale e Minori stranieri non accompagnati). Il secondo, invece, è stato gestito da un operatore esperto in diritto e accoglienza

    17 2019-2020 14 novembre 2019. La classe partecipa alla Visione del Film “La paranza dei bambini” – Cinema Esedra Bari

    18 2019-2020

    16 dicembre 2019. La classe partecipa alla rappresentazione teatrale “Chi ha paura di Aldo Moro?” della Compagnia Teatro Prisma - Aula Magna dell'Istituto.

    19 2019-2020 22 gennaio 2020. Alcuni studenti della classe partecipano alla GIORNATA DONAZIONE SANGUE tenuta dalla FIDAS.

    20 2019-2020 24 Gennaio 2020. La classe ha partecipato al progetto "Moro Vive" che si è tenuto in Aula Magna. L'incontro è stato tenuto dall’On. Gero Grassi.

  • 15. ATTIVITA' DI AMPLIAMENTO DELL'OFFERTA FORMATIVA SVOLTE NEL CORSO

    DELL'ANNO SCOLASTICO

    a.s. ATTIVITA’

    2019-2020

    28 OTTOBRE 2019 - GIORNATA DELLA MATRICOLA Alcuni studenti della classe si sono recati , presso la sede del Politecnico di Bari in via Orabona n.4, per partecipare all’evento: “Giornata della Matricola”. La manifestazione ha avuto lo scopo di presentare l’offerta formativa dell’Ateneo, le sedi, i laboratori, oltre ai nuovi servizi offerti agli studenti. Gli studenti ed i docenti accompagnatori sono stati accolti dal Rettore e da docenti e tecnici del Politecnico e hanno ricevuto informazioni e documentazione relativa all’offerta formativa, ai servizi online ed alle attività di tempo libero. Il programma della manifestazione ha previsto inoltre spazi espositivi, percorsi guidati, eventi sportivi e musicali.

    2019-2020 31 ottobre 2019 Alcuni studenti della classe si sono recati presso il Palaflorio di Bari per assistere alla prima giornata dei Campionati Europei di Para-Taekwondo

    2019-2020

    21 novembre 2019 Un alunno della classe partecipa al progetto PTOF “Olimpiadi della matematica: Giochi di Archimede”

    2019-2020

    26 novembre 2019 Presentazione di opportunità di inserimento professionale in mobilità territoriale La classe accompagnata dalla prof.ssa Franchino si è recata in data 26 novembre a PORTA FUTURO: primo centro servizi sperimentale di accoglienza, orientamento e formazione al servizio delle esigenze occupazionali dei cittadini. Il suo obiettivo è creare un hub urbano e di respiro metropolitano che possa favorire sul territorio la piena integrazione dei giovani nel mercato del lavoro, garantendo accoglienza, orientamento, formazione e sostegno allo start up di impresa. Il centro promuove e favorisce l’incontro tra la domanda occupazionale dei cittadini e l’offerta proposta dalla realtà imprenditoriale (imprese, distretti, rappresentanze). Il job center è ubicato nei locali della ex Manifattura Tabacchi.

    2019-2020 28 novembre 2019 La classe partecipa alla VISITA GUIDATA DELLA MECSPE presso la Fiera del Levante di Bari. La visita ha avuto scopo formativo .

    2019-2020 14 gennaio 2020 presso l’Aula Magna la classe ha partecipato alla presentazione dei concorsi banditi dall’Aeronautica Militare Italiana e destinati ai diplomandi

    2019-2020

    15 gennaio 2020. Nell’ambito delle attività previste dai Percorsi per le Competenze e per l’Orientamento 2019-2020, tutti gli alunni della classe hanno partecipato, in Aula Magna, al progetto “Young Energy 2019 - 2020” – SNAM/ELIS. Il progetto, sviluppato sul territorio italiano dalla SNAM SpA e dalla ELIS con l’obiettivo di orientare i giovani al loro futuro e al mondo del lavoro con particolare riguardo al settore Oil & Gas, prevede, tra l’altro, la possibilità per alcuni alunni di svolgere attività di formazione direttamente presso le aziende partecipanti.

    2019-2020 14 febbraio 2020. Alcuni studenti della classe partecipano alla presentazione del bando di concorso per Ufficiali presso l'Accademia della Guardia di Finanza

    2019-2020

    Alcuni studenti della classe partecipano al PON: I luoghi degli antichi mestieri in Puglia: mare, città, campagna Modulo: COMUNICAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Durata: 30 ore 10.2.5A-FSEPON-PU-2018-83

  • 16. SIMULAZIONE DEL COLLOQUIO SVOLTA NEL CORSO DELL'ANNO SCOLASTICO

    PROVA

    MATERIE TEMPO ASSEGNATO

    (ore) DATA

    COLLOQUIO

    Sarà effettuata una sessione di simulazione del colloquio di Esame di Stato che vedrà coinvolti n.02 studenti della classe estratti a sorte prima che la prova abbia inizio.

    La commissione sarà costituita dai commissari interni nominati anche se saranno invitati a presenziare tutti i docenti del Consiglio di classe.

    La simulazione avverrà on line utilizzando la piattaforma CISCO WEBEX.

    Nel corso della simulazione saranno affrontati esclusivamente i punti di cui al comma 1 - c, d ed e dell'art. 17 dell'O.M. n.11 del 16 maggio 2020

    4 giugno 2020

  • IL CONSIGLIO DI CLASSE

    Prog. DISCIPLINE DOCENTI FIRMA

    1 Lingua e letteratura italiana Storia

    MITOLO ROSSANA

    2 Lingua inglese VOX ANNA

    4 Matematica TOSTI CLAUDIO

    5 Meccanica, Macchine ed Energia DELLA QUEVA VINCENZO

    6 Sistemi e automazione RODRIGUEZ CONSUELO CASSANO VITO

    7 Tecnologie di processo e di prodotto

    MARINO PINTO SPACCAVENTO SERGIO

    8 Disegno, progettazione e organizzazione industriale

    RODRIGUEZ CONSUELO SPACCAVENTO SERGIO

    9 Scienze motorie e sportive ROTOLO ANNALISA

    10 Religione Cattolica o attività alternative CAMPANALE DOMENICO

    11 Sostegno VAVALLO DOMENICO

    21 maggio 2020

    IL DIRIGENTE SCOLASTICO

    prof.ssa Anna Grazia de Marzo