L'innovazione sostenibile

download L'innovazione sostenibile

of 69

Embed Size (px)

description

L'Innovazione sostenibile di Roberto Gallerani “Parlare di innovazione, nel mondo delle PMI, è assai fin troppo facile e di “moda”; quando poi si prova a discuterne sul campo, con un cliente o un partner, quasi sempre si scopre la difficoltà di comprendersi, di parlare il medesimo linguaggio, di fare riferimento agli stessi concetti. Chi opera a vario titolo, come consulente, professionista, società commerciale, ha una sua visione maturata nel quotidiano attraverso la propria attività ed il rapporto con il mercato. In particolare, in queste pagine, si vogliono analizzare brevemente i principali aspetti pratici, di metodo e d’uso di strumenti atti a facilitare un diverso modo di operare nelle imprese, nel quale venga dato il massimo rilievo a quei processi che favoriscono lo sviluppo delle idee e, da esse, la creazione di nuove opportunità di valore e di business. Non a caso chi scrive ritiene che la chiave di volta di un diverso (e forse nuovo) modo di operare sia quello di creare un metodo, un’infrastruttura organizzativa ed ICT, una cultura della “Ricerca & Sviluppo permanente di idee e progetti di nuove opportunità e valore”, che sia alla base, in ogni settore, di un vantaggio competitivo che nasce dall’ “amplificazione esplosiva” delle capacità e dalle potenzialità umane anziché dal solo loro “sfruttamento”. Tuttavia, come si è detto, prima di affrontare questo tema con proposte costruttive è necessario comunicare, capirsi, discutere e condividere ampiamente, laddove è possibile, un’impostazione e dei valori comuni. Lo scopo di queste pagine è quindi in questa direzione, quello di riassumere alcuni elementi ed una visione nati da riflessioni e discussioni sul campo, cercando al contempo di mettere in fila argomenti, domande e possibili risposte per fare un primo passo verso un confronto costruttivo. E’ possibile che la “prima edizione” non riesca al meglio in questo fine, ma per fortuna è sempre possibile, ed auspicabile, redarre versioni successive che traggano impulso da critiche e osservazioni. E per queste ragioni ed in questo “spirito” che questo scritto viene distribuito in licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo”, per consentire ed agevolare un suo eventuale impiego in ulteriori estensioni del processo di discussione e confronto al riguardo di questi temi.”

Transcript of L'innovazione sostenibile

  • 1. Roberto Gallerani L'innovazione sostenibile Organizzare in modo flessibile la Ricerca & Sviluppo permanente di idee e progetti di nuove opportunit di valore
  • 2. 2 2011 Roberto Gallerani L'innovazione sostenibile Roberto Gallerani L'innovazione sostenibile Organizzare in modo flessibile la Ricerca & Sviluppo permanente di idee e progetti di nuove opportunit di valore Cronologia delle edizioni prima edizione gennaio 2011 Questo e-book distribuito gratuitamente con condizioni di licenza Creative Commons: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/
  • 3. 3 2011 Roberto Gallerani L'innovazione sostenibile Indice Il mondo delle PMI.......................................................................................... 4 Lo scenario............................................................................................................................4 Le PMI e l Information and Communication Technology (ICT).....................6 Cosa sta succedendo ....................................................................................... 8 L innovazione...................................................................................................................9 Il senso dell'innovazione tecnologica....................................................................... 11 Operare con pragmatismo e metodo..................................................................... 11 Limportanza delle idee ................................................................................................. 14 Linsieme maggiore della somma delle parti.................................................... 16 Le conseguenze sul modo di operare...................................................................... 18 Esigenze, obiettivi e azioni ........................................................................... 18 Idea management........................................................................................................ 20 Virtual office................................................................................................................... 22 Social CRM...................................................................................................................... 27 Strumenti, soluzioni e che altro . ?........................................................... 30 Il software ....................................................................................................................... 30 Lhardware non pi cos hard.............................................................................. 34 Non c informatizzazione senza organizzazione................................................ 36 Strumenti informatici.................................................................................... 39 Strumenti per la collaborazione................................................................................. 41 Gestione elettronica dei documenti ......................................................................... 43 Web meeting..................................................................................................................... 45 Social networking ............................................................................................................ 46 Sondaggi e valutazioni .................................................................................................. 46 CMS: gestione dei contenuti ....................................................................................... 48 Wiki....................................................................................................................................... 49 Crm: customer relationship management.............................................................. 50 Come mettere insieme le cose ................................................................................... 55 Alcuni strumenti, soluzioni e riferimenti.................................................................. 56 Limportanza del metodo ............................................................................. 59 Sviluppo preliminare....................................................................................................... 60 Co-progettazione ............................................................................................................ 62 Realizzazione..................................................................................................................... 63 Deployment.................................................................................................................... 63 Monitoraggio.................................................................................................................... 64 Ma allora come operare ?......................................................................... 65 Tabella dei collegamenti (url) notevoli....................................................... 68
  • 4. 4 2011 Roberto Gallerani L'innovazione sostenibile Il mondo delle PMI Lo scenario Nel sistema economico italiano ben noto che le piccole e medie imprese (PMI) sono la componente preponderante. Secondo la Raccomandazione della Commissione Europeaurl01 , del 6 maggio 2003 , recepita in Italiaurl02 con il d.m. 18 aprile 2005, pubblicato nella g.u. n. 238 del 12 ottobre 2005, la definizione ufficale di PMI pu essere riassunta come segue N. di dipendenti Volume daffari Micro impresa Meno di 10 Meno di 2 mln di fatturato oppure totale di bilancio non superiore a 2 mln Piccola Impresa Tra 10 e 50 Meno di 10 mln di fatturato Oppure totale di bilancio non superiore a 10 mln Media Impresa Tra 50 e 250 Meno di 50 mln di fatturato oppure totale di bilancio non superiore a 43 mln In un recente studiourl03 della Commissione Europea per le Imprese e lIndustria, nel nostro paese le PMI, pur essendo con una percentuale del 99,9% nella media europea (99,8%), sono costituite pi che altrove da microimprese (94,6 % del totale delle PMI). Tratto da SBA - Fact Sheet Italy - 2009 Il contributo sul fronte delloccupazione da parte delle microimprese italiane molto pi alto (47%) rispetto alla media europea (30 %), cos come l'apporto delle PMI, nel loro complesso, all'occupazione italiana (81% in Italia contro il 67 % della media europea).
  • 5. 5 2011 Roberto Gallerani L'innovazione sostenibile Anche in termini di valore aggiunto, le PMI contribuiscono di pi con il 71,7% rispetto alla media europea pari al 58%. Una recente ricerca sviluppata a livello della Comunit Europeaurl04 sulle PMI ha dimostrato lesistenza di una forte relazione tra laumento delle performance aziendali e la loro capacit di saper operare a livello internazionale. Ci infatti tende a rafforzare la crescita rendendo le PMI pi competitive. Lo studio stato effettuato su di un campione di 9840 PMI di 33 paesi europei, con lobiettivo di individuare ed esaminare le attivit che consentono allimpresa di stabilire e realizzare significativi e proficui rapporti di collaborazione internazionale: import/export, investimenti esteri, cooperazione tecnologica internazionale. In generale il livello di attivit in questo campo delle PMI europee appare essere maggiore di quello delle equivalenti aziende americane e giapponesi. Il 25% del campione infatti impegnato, o lo stato nei precedenti tre anni, in attivit orientate allestero; tuttavia solo il 12% opera internazionalmente al di fuori dellEuropa. Solo il 10% delle aziende ha stretto o stringe legami internazionali nel campo della cooperazione tecnologica. I settori maggiormente interessati sono quello manifatturiero, la vendita allingrosso, i trasporti, la comunicazione. Loperare a livello internazionale, comporta in generale per le aziende un maggior tasso di crescita delloccupazione ( +7% contro +1% delle aziende operanti principalmente su mercati nazionali). Il rapporto evidenzia inoltre che linternazionalizzazione procede di pari passo con linnovazione (il 26% delle aziende operanti a livello internazionale ha presentatto prodotti o servizi nel proprio settore, mentre solo l1% delle aziende locali lo ha fatto). Nella maggior parte dei casi le PMI europee non conoscono per le opportunit offerte dai programmi comunitari per il supporto allinternazionalizzazione ed allo sviluppo (solo il 23% vi aderisce). Le PMI risultato pertanto frenate dalle esigenze di capitale necessario ad avviare il processo di internazionalizzazione ed innovazione. Il prezzo dei prodotti e dei servizi spesso non sono abbastanza competitivi per il mercato internazionale e le competenze necessarie sono piuttosto ampie. Anche su scala europea lesigenza di far rete tra imprese diventa un fattore chiave, cos come la capacit di far riferimento a reti di competenze professionali multidisciplinari in grado di operare insieme alle PMI dallorganizzazione alle infrastrutture, dalle normative fino ai finanziamenti, con lapertura e la disponibilit di partecipare al rischio di impresa.
  • 6. 6 2011 Roberto Gallerani L'innovazione sostenibile Le PMI e l Information and Communication Technology (ICT) La ricerca effettuata nel 2010 dall Osservatorio ICT&PMI url05 della School of Management del Politecnico di Milano, su di un campione di circa 1000 aziende italiane con un numero di dipendenti compreso tra 10 a 500, ha messo in evidenza come ormai il 91% utilizzi un sistema gestionale. Il 6% delle aziende utilizza ERP internazionali, percentuale che sale al 28% nelle aziende con un numero di addetti compreso tra 250