LETTERA PASTORALE VESCOVO - · PDF file 2017. 9. 19. · 5!...

Click here to load reader

  • date post

    22-Jun-2021
  • Category

    Documents

  • view

    1
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of LETTERA PASTORALE VESCOVO - · PDF file 2017. 9. 19. · 5!...

Microsoft Word - LETTERA PASTORALE VESCOVO.docx 
 
 
2  
Alla  Chiesa   santa  di  Dio  di  Pitigliano  Sovana  Orbetello   con   i   suoi  preti,   diaconi,  religiosi  e  religiose.  
Pace  e  bene  a  tutti  voi  
 
 “  Vi  ho  costituiti  perché  andiate  e  portiate  frutto”    (Gv.15,16)  
Queste   parole   del   Signore   e   Maestro   indicano   la   strada   che   il   nostro   cammino  pastorale,  non  solo  di  quest’anno,  vuole  percorrere.  
“   Lampada   ai   miei   passi   è   la   tua   parola”     (salmo   118).   La   sua   parola,   quella  proclamata  nell’ultima  cena,    illumini  il  nostro  cammino.  
Voglio   riflettere,   insieme   con   voi,   su   alcuni   criteri   di   discernimento   pastorale  che  devono  aiutarci  nel  nostro  cammino.  Non  si  tratta  di  fornire   ricette,   ma   piste     di   riflessione   che   servano   per   la   nostra   crescita     ecclesiale   superando   quel   diffuso   individualismo   così   tipico   della   nostra   società  e  che  rischia  di   inficiare  anche   il  nostro  ministero  pastorale,  anzi   tutta  la  nostra  vita  cristiana.  
Riprendo   per   un   momento   quanto   scrissi   nella   lettera   di   anno   scorso:       “l’esasperato   individualismo   della   nostra   società   porta   a   considerare   anche  la  fede  cristiana  all’interno  di  questa  prospettiva.  La  religione    *  fai   da  te*  non  è  un  modo  di  dire,  ma  un  modo  di  pensare  e  di  agire  sempre   più  diffuso,  soprattutto  nel  mondo  giovanile,  che  porta  a  scegliere  ciò  che   piace  e  ciò  che  è  utile  sul  momento  dentro  una  logica  di  soddisfazione  di   bisogni  individuali.  “  
Figlia  dell’esasperato  individualismo,  ben  diverso  dal  personalismo  (non  è   un   giuoco   di   parole,   e   anche   questa   diversità   sia   un   elemento   di   riflessione),  è   la  diffusa   indifferenza  non  solo  verso  Dio,  ma  anche  verso   l’uomo  e  la  sua  vita,  come  anche  recenti  fatti  di  cronaca  dimostrano.  
Fratelli   e   Sorelle   dobbiamo   andare   contro   corrente,   non   scoraggiamoci,   ma  esprimiamo  al  Signore  la  nostra  fede  in  Lui  e  camminiamo  insieme.  
3  
Testi   di   riferimento:   i   capitoli     primo   e   terzo   dell’Evangelii   Gaudium,   secondo  quanto  proposto  dal  Progetto  Pastorale  Diocesano,  p.7  
In   questo   anno  pastorale   abbiamo   scelto   di   impegnarci   particolarmente   su  due  punti:    cfr.    Progetto  Pastorale  Diocesano    p.  9-­12  
ü Le  comunità-­zone  pastorali  
ü La  ministerialità  diffusa  
E’   un   cammino   a   lungo   termine,   che   non   può   certo   esaurirsi     in   anno   pastorale   ,ma   solo   iniziare.   E   forse   è   più   giusto   dire   continuare   a   camminare  arricchendosi  di  nuove  prospettive  e  iniziative.    
 Primo   momento:   in   questo   anno,   si   raduni   in   ogni   vicariato   una   assemblea   partecipata   da   tutti   i   membri   dei   consigli   pastorali     parrocchiali,   dai   catechisti\e,   dai   gruppi   caritas   e   da   quanti   vogliono   dedicarsi  al  servizio  della  comunità  cristiana.   In  questa  prima  assemblea,   presieduta   dal   vescovo,   ci   proponiamo   di   riflettere   sul   servizio   nella   Chiesa   secondo  quanto   insegnato  nell’E.G.   in  particolare  nei  nn.  24,119,   127-­131.    
Secondo  momento:     tenere  nel   corso  dell’anno  pastorale   tre   incontri  di   formazione  specifica  sulla    Parola  di  Dio  e   la  sua  predicazione  nel  nostro   mondo,   sulla   assemblea   liturgica,   sull’attenzione   ai   poveri.     Anche   a   questi  incontri  il  vescovo  si  impegna  a  partecipare.  
Questi   tre   incontri     non   devono   essere   slegati   fra   loro:   è   necessario   costruire   un   cammino   di   formazione   ministeriale   con   momenti   di   preghiera,  di  direzione  spirituale,  di  scambio  di  esperienze  cristiane.  
Esiste  in  diocesi  una  scuola  di  teologia  alla  quale  va  tutto  il  mio  appoggio   e  la  mia  considerazione,  ma  penso  si  tratti  di  due  momenti  un  po’  diversi.  
La  scuola  di  teologia  è  rivolta  a  tutti  quelli  che  desiderano  riflettere  sulla   propria   fede  e  approfondirne    qualche  aspetto.  E’   rivolta  anche  a  coloro   desiderano   conoscere   il   cristianesimo   avendone   magari   nozioni   molto  
4  
vaghe  e   imprecise.  E’  sicuramente  un  buon    momento    di  dialogo  in  una   chiesa  in  uscita.  
Il  cammino  pastorale  che  viene  proposto  riguarda  il  servizio  alla  comunità   cristiana   perché   cresca     e   si   senta   invitata   ad   uscire     e   possa   concretamente  uscire  per  testimoniare  il  vangelo.  Per  questo  insisto  sulla   formazione  spirituale  che  si  sviluppa  nel  quotidiano  ascolto  della  Parola  di   Dio,  in  una  buona  vita  sacramentale,  in  una  ricerca  di  relazioni  autentiche.  
Questa   lettera   vuole   essere   l’introduzione   a   questo   cammino   formativo   spirituale.   Vuole   offrire   alcuni   criteri   di   discernimento   sulla   fede   e   sulla   sua  trasmissione  che  è  lo  scopo  di  ogni  piano  pastorale.  
Partiamo  dal  magistero  della  Chiesa  espresso  nell’Evangelii  Gaudium:  
   
“   La   pastorale   in   chiave   missionaria   esige   di   abbandonare   il   comodo   criterio  del    si  è  sempre  fatto  così  .  Invito  tutti  ad  essere  audaci  e  creativi   in   questo   compito   di   ripensare     gli   obbiettivi,   le   strutture,   lo   stile   e   i   metodi   di   evangelizzazione   delle     proprie   comunità.   Una   individuazione   dei  fini  senza  un’adeguata  ricerca  comunitaria  dei  mezzi  per  raggiungerli   è   condannata   a   tradursi   in  mera   fantasia.   Esorto   tutti   ad   applicare   con   generosità  e  coraggio  gli  orientamenti  di  questo  documento,  senza  divieti   né   paure.   L’importante   è   non   camminare   da   soli,   contare   sempre   sui   fratelli   e   specialmente   sulla   guida   dei   vescovi,   in   un   saggio   e   realistico   discernimento  pastorale.  “      (Evangelii  Gaudium,  33)  
 E   per   rispondere   alla   ricerca   di   un   saggio   e   realistico   discernimento   pastorale,  desidero  presentare  alcune  riflessioni.  
L’E.G.  nel  testo  sopra  citato  ci  esorta  ad  abbandonare  il  criterio,  definito   comodo,  del    si  è  sempre  fatto  così.    
 Eppure   nella   Chiesa   la   tradizione   ha   un   valore   decisivo:     la   fede   degli   apostoli  diventa  la  fede  dei  padri,     la  fede  dei  padri  si  sviluppa  nei  figli  e   così  via  di  generazione  in  generazione.  
5  
Ricordiamo  un  celebre  insegnamento  dei  Padri  della  Chiesa.  “  Anche  nella   stessa   Chiesa   cattolica   ci   si   deve   preoccupare   molto   che   ciò   che   noi   professiamo,   sia   stato   ritenuto   tale   ovunque,   sempre   e   da   tutti.   “   (Vincenzo  di  Lerino,  Commonitorio,2)  
Qual  è   la  differenza  tra  quel  “    comodo  si  è  sempre  fatto  così  “  e   la  fede     “ovunque  sempre  e  da  tutti  professata?  “  
 Dobbiamo   discernere   bene   ciò   che   appartiene   alla   essenza   della   fede,   quella  che  professiamo  nel  credo  battesimale  e  nella  messa  domenicale  e   alle  parole  con  cui  questa  fede  viene  espressa  (problema  del  linguaggio)  e   alle  scelte  pastorali  che  necessariamente  cambiano  nel  mutare  dei  tempi     e   dei   luoghi.     E’   il   grande     tema   del   Concilio   Vaticano   II   !     Dietro   il   suo   insegnamento   anche   noi   siamo   chiamati   a   discernere   bene   fra   la   Tradizione     Apostolica   e   dei   Padri   e   la   sua   concreta     espressione   nel   tempo.  
Che  non  succeda  che  per  conservare  materialmente  parole  e  gesti,  anche   quando  hanno  cambiato   sensibilità  e   significati,   noi  non   riusciamo  più  a   trasmettere  la  fede  dei  padri  e  nostra.    
Che   non   succeda,   che   prigionieri   di   schemi   pastorali   superati,   che   non   vuol  dire  sbagliati,  non  riusciamo  più  a  parlare  al  mondo.    Penso  che  tutti   ne  siamo  convinti,  anche  se,  mi  sembra,  tante  volte  non    sappiamo  tirarne   le  conseguenze  e  rimaniamo  come   interdetti  abbandonandoci  a  sognare   un  passato  che  non   ritorna  più  e  quasi  dimenticando  che  noi  dobbiamo   predicare  il  Vangelo  opportune  et  inopportune  a  questa  generazione,  ora   e  in  questo  mondo.  
Questi  momenti  di  discernimento  pastorale   che  presento  derivano  dalla   sacra   Scrittura   che   è   la   fonte   inesauribile   e   insostituibile   di   ogni   discernimento.  
La  Parola  di  Dio  non  è  uno  dei  criteri  di  giudizio,  sia  pure  il  primo,  ma  è  la   fonte   di   ogni   giudizio.   L’ascolto   quotidiano,   liturgico   e   personale,   della  
6  
Parola   è   la   condizione   assoluta   per   ogni   vero   discernimento     che   deve   necessariamente  discendere  dalla  Parola    di  Dio.  
 Tuttavia  questa  Parola     “   si   è   fatta   carne”   cioè  non   si   rivolge   a  noi   allo   stato   puro,   (attenzione   al   fondamentalismo   biblico!)     ma   nelle   opportunità  e  nei  condizionamenti  della  storia  umana.  
Passo  ad  illustrare  alcuni  criteri  di  discernimento    pastorale.  
 
CRITERI  DI  DISCERNIMENTO  
• Sentire  cum  ecclesia  
Non   significa   solo   avere   la   stessa   fede-­dottrina   della   chiesa:     è   sicuramente    la  prima  e  indispensabile  condizione.  
 Ma  vuole  anche  esprimere  un  sentimento  di  simpatia,  di  coinvolgimento,   di   feeling….  di  chi   si   sente  a  casa  propria,  che  si   traduce   in  un  profondo   sentimento   di   figliolanza   con   la   Chiesa,   secondo   il   celebre   passo   di   san   Cipriano.  “  Non  può  avere  Dio  per  padre  chi  non  ha  la  chiesa  per  Madre  “  
Non   si   tratta   di   identità   di   vedute,   di   sottomissione   acritica   e   deresponsabilizzante   alla   gerarchia   in   qualsiasi   aspetto   della   vita,   di   un   paternalismo  spirituale  che  favorisce  un  infantilismo  spirituale.  
Si  tratta  invece  di  coltivare    un  senso  profondo  di  gratitudine  per  il  dono   ricevuto,  quel  dono  che  non  potevamo  avere  dalle  nostre  mani,  che  non   potevamo   raggiungere   da   soli…   il   dono   della   fede   in   Dio   Uno   e   Trino   rivelato  da  Gesù  Cristo.  
La  Chiesa  ci  ha  generato,  come  la  madre,  mediante  il  battesimo,  in  Cristo.   Ci  ha  dato   il   dono  dello  Spirito  Santo  nella  Cresima,   ci  dona   l’Eucarestia   facendoci  partecipare  alla  Pasqua  del  Signore  nell’attesa  della  sua  venuta.   Ci  perdona,  con  l’autorità  di  Cristo,  i  peccati,  ci  annuncia  e  ci  consegna  il   vangelo.    
7  
 
Ecco   allora   un   primo   criterio   di   discernimento   pastorale:   l’amore   alla   chiesa,  alla  sua  unità,  è  più  importante  delle  mie  idee  e  dei  miei  progetti  e   sono   sempre   pronto   a   riconsiderarli   e   ridiscuterli   con   gli   altri   (ricerca   comunitaria   dice   l’E.G.)     per   la   edificazione   del   corpo   di   Cristo.    Questo   deve   avvenire   secondo   i   doni   che   ciascuno   di   noi   ha   ricevuto   per   la   edificazione   comune,   secondo   l’insegnamento   di   san   Paolo   nella   prima   lettera  ai  Corinti  cap.  11  e  12.  
 Non  mancano   i  momenti  e   i   luoghi  di  questo  confronto:   il  ministero  del   vescovo,     il   consiglio   presbiterale   con   il   vescovo.   I   consigli   pastorali   diocesano   e   parrocchiale,   le   varie   associazioni   e   movimenti   presenti   di   diocesi  ecc…ma  anche  il  dialogo  e  l’ascolto  personale  e  individuale,  voluto   e  ricercato.  
Questa   disponibilità   non   deriva   da   un   carattere   accomodante,   da   espedienti  diplomatici,  ma  nasce  da  un  autentico  senso  ecclesiale;  
“  Noi   tutti   siamo   stati   battezzati   in  un   solo   Spirito  per   costituire  un   solo   corpo”  (1  Cor.  12,13)  
“   Poiché   c’è   un   solo   pane,   noi,   benchè  molti   siamo  un   corpo   solo,   per   il   fatto  di  partecipare  all’unico  pane”    (1  Cor.10,17)  
 
 
 
• Salus  animarum  suprema  lex  
La  salvezza  delle    “anime”  è     il   fine  ultimo  della  Chiesa.    Essa  esiste  non   per   se   stessa,   ma   per   portare   ad   ogni   uomo     il   vangelo   di   Cristo,   l’annuncio  del  regno  di  Dio.  
Non  dimentichiamo  che  il  senso  profondo  della  salvezza  delle  anime  non   riguarda  sola  la  vita  eterna,  ma  una  salvezza  che  viene  donata  e  che  deve   essere  salvaguardata  e  sviluppata  fin  da  ora.  
Da   qui   nasce   l’impegno   per   la   pace,   la   giustizia,   la   costruzione   di   una   società  più  umana  che  non  è,  ben  lo  sappiamo,  dimenticare  la  vita  eterna,   ma  il  modo  di  viverla  fin  da  ora.  
Viviamo  qui,  credo,  un  felice  antinomia:    la  chiesa  strumento  necessario  e   relativo  al  tempo  stesso!  
Strumento   necessario   perché   è   la   chiesa   che   predica   e   trasmette   il   vangelo   assicurandone   la   genuinità,     strumento   relativo   la   chiesa   nasce   dalla  Parola  di  Dio  ed  ad  essa    è  soggetta.      
   E’  il  “dramma”  del  cattolicesimo:    la  chiesa  madre  e  maestra  e  al  tempo   stesso   serva   e   discepola!     E   guai   a   separare   queste   realtà!     Andremmo   incontro  o    ad  una  madre  dispotica  e  a  una  maestra  intollerante  o  ad  una   serva  pigra  e  una  discepola    sorda!  
Ci  insegna  l’Evangelii  Gaudium  :    “  La  Parola  ha  in  se  una  potenzialità  che   non   possiamo   prevedere.   Il   Vangelo   parla   di   un   seme   che,   una   volta   seminato,  cresce  da  sé  anche  quando  l’agricoltore  dorme  (Mc.4,26-­29).  La   chiesa   deve   accettare   questa   libertà   inafferrabile   della   Parola,   che   è   efficace  a   suo  modo,  e   in   forme  molto  diverse,   tali  da  sfuggire   spesso   le   nostre  previsioni  e  rompere  i  nostri  schemi.”    (n.22)  
Ed   ecco   un   altro   elemento   di   discernimento   pastorale:   una   comunità   cristiana  che  non  sia  autoreferenziale,  che  non  cerchi  esclusivamente    di   soddisfare   le   proprie   necessità,   di   tener   presente   solo   le   proprie   idee,  
9  
 
• “   Non   conformatevi   a   questo   mondo,   ma   lasciatevi   trasformare   rinnovando   il   vostro   modo   di   pensare,   per   poter   discernere   la   volontà  di  Dio,  ciò  che  è  buono  a  lui  gradito  e  perfetto  “  (Rom.  12,2)        
Sono   le   note   parole   con   le   quali   inizia   la   seconda   parte   della   Lettera   ai   Romani.   Esaminiamo  bene  queste   espressioni   dell’Apostolo.   Esse   non   ci   invitano  a  dire  semplicemente  di  no  ad  una  prospettiva  mondana,  ma  ci   esortano  ad  una  ricerca  sostenuta  dallo  Spirito  per  poter  capire  e  attuare   la   volontà   di   Dio,   volontà   nella   quale   risiede   e   si   sviluppa   ogni   vera   evangelizzazione.  (Gv.6,29)  
Tuttavia,  un  no    lo  dobbiamo  dire.  
Seguendo   lo   schema  della   liturgia   battesimale   ci   è   chiesta   una   rinuncia,   una   spogliazione,   perché     “   nessuno   può   servire   a   due   padroni   “   (   Mt.   6,24).  
Nel  discernimento  pastorale  ci  è  chiesto  di  spogliarci  di  due  atteggiamenti   che  l’Evangelii  Gaudium  descrive  richiamandosi  a  due  eresie  dell’antichità   cristiana.(n.94)  
   Ma  non  si  tratta  di  richiami  storici,    quanto  piuttosto  di  due  mentalità,  di   due  modi  di  agire  sempre  presenti  nella  storia  della  Chiesa.  
Ø Pelagianesimo   che   consiste   nella   esclusiva   fiducia   nelle   proprie   forze,   nei   propri   progetti,   nei   propri   schemi   pastorali…  è  chiaro  che  detto  in  questi  termini,  nessuno  di   noi   lo   sottoscriverebbe.   Tutti   abbiamo   imparato   la   necessità  della  grazia  di  Dio…  si  tratta  non  tanto  di  aspetti  
10  
dottrinali-­dogmatici   quanto   piuttosto   di   atteggiamenti   psicologici-­spirituali:   una,   forse   inconscia,  ma   viva,   fiducia   nella  parola  dell’uomo  piuttosto  che  nella  Parola  di  Dio.  
 La  chiesa  diventa  allora  una  grande  organizzazione  che  deve  funzionare  a   tutti   costi,   un   esercito   dove   tutti   devono   stare   sull’attenti.   Non   si   ammettono   debolezze   che,   comunque,   sarebbero   sempre   del   singolo,   magari  da  emarginare,  mai  della  chiesa.      
   Riflettiamo  ed  esaminiamoci:  
 una   spia…