Leonardo Sciascia

Click here to load reader

  • date post

    11-Feb-2016
  • Category

    Documents

  • view

    588
  • download

    10

Embed Size (px)

description

Leonardo Sciascia. Leonardo Sciascia nasce a Recalmuto,un piccolo paese in provincia di Agrigento nel 1921, primo di tre fratelli. Fin da giovane inizia a scrivere per alcuni giornali e presto scopre la passione per la scrittura dei romanzi. - PowerPoint PPT Presentation

Transcript of Leonardo Sciascia

  • Leonardo Sciascia Leonardo Sciascia nasce a Recalmuto,un piccolo paese in provincia di Agrigento nel 1921, primo di tre fratelli. Fin da giovane inizia a scrivere per alcuni giornali e presto scopre la passione per la scrittura dei romanzi. Richiamato alla visita di leva viene considerato per due volte non idoneo, ma alla terza viene finalmente accettato e assegnato ai servizi sedentari. Nel 1941 prende il diploma magistrale e nello stesso anno si impiega al Consorzio Agrario, occupandosi dell'ammasso del grano a Racalmuto, dove rimane fino al 1948. Ebbe cos modo di avere un rapporto intenso con la piccola realt contadina. Nel 1944 si unisce in matrimonio con Maria Andronico, maestra nella scuola elementare di Racalmuto. Da lei Sciascia avr le sue due figlie, Laura e Anna Maria. Il suicidio del fratello Giuseppe, sconvolge Sciascia lasciandogli un profondo segno nell'animo. Nel 1949 inizia ad insegnare nella scuola elementare di Racalmuto. Nel 1967 si trasferisce a Palermo per seguire negli studi le figlie e per scrivere. Nel 1969 inizia la sua collaborazione con il Corriere della Sera. Alle elezioni comunali di Palermo nel giugno 1975 lo scrittore si candida e viene eletto con un forte numero di preferenze come consigliere al comune. All'inizio del 1977 Sciascia si dimette dalla carica di consigliere . Il rifiuto per certe forme di estremismo lo portano a scontri molto duri con la dirigenza del Partito comunista. Successivamente sar parlamentare nazionale ed europeo per il Partito Radicale. Sciascia muore a Palermo nel 1989.

  • Le opereLe favole della dittatura, Bardi, Roma 1950 La Sicilia, il suo cuore, Bardi, Roma, 1952 Il giorno della civetta, Einaudi, Torino, 1961 Il consiglio d'Egitto, Einaudi, Torino, 1963 L'Onorevole, Einaudi, Torino, 1965 Il mare color del vino, Einaudi, Torino, 1973 La scomparsa di Majorana, Einaudi, Torino, 1975 Cola pesce, Emme Edizioni, 1975 I pugnalatori, Einaudi, Torino, 1976 Candido, ovvero un sogno fatto in Sicilia, Einaudi, Torino, 1977 L'affaire Moro, Sellerio, Palermo, 1978 Dalle parti degli infedeli, Sellerio, Palermo, 1979 Il cavaliere e la morte, Adelphi, Milano, 1988 Una storia semplice, Adelphi, Milano 1989 Fatti diversi di storia letteraria e civile, Sellerio, Palermo, 1989

  • Riassunto:Il giorno della civetta Questo romanzo ambientato in Sicilia,intorno agli anni 60 e narra di alcuni episodi riguardanti la mafia e dellomert che c tra la gente. Il romanzo si apre con uno scenario abbastanza freddo,cio lomicidio di un uomo,Salvatore Colasberna, avvenuto una mattina sullautobus per Palermo. Colasberna era a capo di un imprese edile con i suoi fratelli.Iniziano cos le indagini, seguite dal capitano dei carabinieri Bellodidopo qualche giorno arriva la denuncia di scomparsa di Paolo Nicolosi, avvenuta la stessa mattina dellomicidio di Colasberna e in una strada poco lontana.Procedono le indagini e si ipotizza che i due fatti accaduti siano legati perch si pensa che il Nicolosi abbia visto fuggire il killer di Colasberna.In seguito,grazie alla testimonianza di un confidente,Calogero Dibella(detto Parrinieddu)Bellodi scoprir i due nomi presunti dellomicidio di Colasberna e della scomparsa di Nicolosi:Don Mariano Arena e Rosario Pizzuco, due capi-mafiosi. Subito dopo Dibella viene ucciso ma con la sua testimonianza e alcune informazioni date dalla moglie di Nicolosi,Bellodi riconosce Diego Marchica come esecutore dellomicidio di Nicolosi e Colasberna.Dopo aver interrogato Marchica e i due capi-mafiosi, iniziano a trapelare informazioni molto importanti riguardanti gli affari della mafia,cos Bellodi, non sentendosi allaltezza di fronteggiare una cos grande organizzazione,viene mandato in licenza per malattia e ritorna al nord,nel suo paese dorigine(Padova)e capisce che tutto il suo lavoro svolto non servito a nulla perch, grazie ad un appoggio di politici e magistrati,i tre responsabili degli omicidi vengono rilasciati.

  • Le frasi che ci hanno colpitoAnche se li levano di mezzo uno dopo laltro,non parlano:si contentano farsi ammazzare.

    La mafia era ed un sistema che in Sicilia non sorge e si sviluppa nel vuoto dello Stato ma DENTRO lo Stato

  • Realizzato daBottan Giulia&Civiero Marika