Leabilitàdibasedel counseling# ASCOLTO#ATTIVO#e# ... · PDF file Carl#Rogers1951....

Click here to load reader

  • date post

    21-Mar-2020
  • Category

    Documents

  • view

    5
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Leabilitàdibasedel counseling# ASCOLTO#ATTIVO#e# ... · PDF file Carl#Rogers1951....

  • D.  Livadio*  

    Le  abilità  di  base  del  counseling   ASCOLTO  ATTIVO  e  RIFORMULAZIONE  

  • da    0  a    27  =  nessuna  capacità  di  ascolto  

    da  28  a  41  =  mediocre  capacità  di  ascolto  

    da  42  a  54  =  sufficiente  capacità  di  ascolto  

    da  55  a  68  =  buona  capacità  di  ascolto  

    da  69  a  81=  o4ma  capacità  di  ascolto  

    PUNTEGGIO  DEL  TEST   SULLA  CAPACITA’  D’ASCOLTO  

  • DENIGRARE  

    ASCOLTO   SELETTIVO  

    INTERROMPERE  

    DIALOGO  INTERNO  

    ASCOLTO  CON   FILTRO  

    ASCOLTO  ATTIVO  

    I  LIVELLI  DI  ASCOLTO  

  • DISTINZIONE  TRA  SENTIRE  ED  ASCOLTARE  

    I  suoni  pervengono  all’orecchio  

    I  suoni  vengono  converPP  in   conceQ,  senPmenP  

  •        Tu      Orecchio      Cuore  perché  si  vede  (e  si  sente)  bene  solo  col  cuore      Occhio  per  "vedere"  l'aLeggiamento,  l'alterità  che  mi   sta  davanO,  che  non  è  lo  specchio  di  me  stesso,  non  è   quello  che  io  vorrei  l'altro  fosse,  ma  è  proprio  "un  altro“    

    Ideogramma  cinese  di  ASCOLTARE  

  • “Nessun  giudizio,  nessun  commento,  nessun   a6eggiamento:  semplicemente  si  osserva,  si  studia,  si   guarda,  senza  il  desiderio  di  cambiare  ciò  che  è.  Perché   se  si  desidera  cambiare  ciò  che  è  in  ciò  che  dovrebbe  

    essere,  si  cessa  di  comprendere”.    

    A.  de  Mello,  Messaggio  per  un  aquila  che  si  crede  un  pollo    Piemme,  Casale  Monferrato  (AL),  1995    

  • Ascolto  aQvo:  colmare  la  distanza  tra  ciò  che  il   paziente  intende  dire  e  ciò  che  il  medico  comprende  

  • L’aWeggiamento  NON  DIRETTIVO  non  è  un   aWeggiamento  passivo  perchè  ….  

    “L’indifferenza  non  è  in  alcun  modo  la   stessa  cosa  dell’acce4azione”  

    Il  correLo  aLeggiamento  NON  DIRETTIVO   consiste  

    “…nell’ado4are  lo  schema  di  riferimento   del   cliente,   nel   percepire   il   mondo   così   come   lo   vede   il   cliente,   nel   percepire   il   cliente   stesso   così   come   egli   vede   sé   stesso  e  nel  comunicare  al  cliente  un  po’   di  questa  comprensione  [email protected]”    

    Carl  Rogers  1951  

  • ASCOLTO ATTIVO

    L’ASCOLTO È UN PROCESSO A DUE VIE

    Ascoltare

    Comunicare l’ascolto

    Si parla di ascolto attivo per enfatizzare la partecipazione attiva dell’ascoltatore

  • OSTACOLI  ALL’ASCOLTO  

      SOGGETTIVITÀ     DEFORMAZIONE  PROFESSIONALE     SIGNIFICATO  RAZIONALE  

    Papà  tuC  i  miei   amici  hanno  una  

    bibicle4a  

    Non  è  possibile,  ne   esistono  sicuramente   alcuni  che  non  ce  

    l’hanno  

  • SUPPORTO  ALL’ASCOLTO  

    INTERVENTI  VERBALI                

                       Riformulazione                     (resPtuire  con  altre  parole)  

     

       Domande    di  

    approfondimento   (vanno  oltre  il  messaggio)  

  • RIFORMULAZIONE  

       Comunica  al  paziente  il  nostro  ascolto      Comunica  al  paziente  la  nostra  comprensione      Ci  permeWe  di  verificare  se  abbiamo  compreso                                  Ha  una  funzione  di  rispecchiamento      Arricchisce  il  messaggio      

  • TIPOLOGIE  DI  RIFORMULAZIONE  

       Riformulazione  semplice      Riformulazione  del  senPmento      Chiarificazione  o  delucidazione  

  • RIFORMULAZIONE  SEMPLICE  

    RISPOSTA  ECO  

    RipeOzione  delle  ulOme  parole   pronunciate  dal  paziente  per   sollecitare  la  prosecuzione  del   discorso  

    RIFORMULAZIONE   PARAFRASI    

    Riproporre  al  paziente  gli   aspe4  fondamentali  del  suo   discorso  in  forma  più  sinteOca   e  chiara  

    RIFORMULAZIONE   ANALOGICA  

    Riproporre  la  comunicazione   uOlizzando  i  contenuO  non   verbali  della  stessa  

    RipeOzione  dei  conce4   espressi  dal  paziente   uOlizzando  parole  proprie  

    RIFORMULAZIONE   RIASSUNTO  

  • UN  RIASSUNTO  ACCURATO  RICHIEDE  

    Una  comprensione   accurata  di  quanto  

    è  stato  deWo  

    Un’accurata   selezione  degli  

    elemenP  e  dei  temi   chiave  

    L’espressione   verbale  di  tali  

    elemenP  in  modo   chiaro,  direWo  ed  

    empaPco  

  • USO  DELLE  DOMANDE  

               Possono  avere  diverse  funzioni:      AggiunPva  (supplemento  di  informazioni)    Di  precisazione  (chiarire  il  pensiero  dell’altro)    Di  estensione  (allargare  ad  altri  temi)  

  • TIPI  DI  DOMANDE  

     Aperte  (come,  che/che  cosa,  quale?)    Chiuse  (si  può  rispondere  con  un  si/no)    IndireWe  o  implicite  (mi  chiedo,  mi  domando,             deve  essere…)  

     ProieQve  (se…)  

  •  Formulare  le  domande  con  voce   chiara  e  lentamente  

     Fare  domande  brevi  e  semplici    UOlizzare  un  linguaggio  vicino  a   quello  del  paziente  

     Non  abusare  delle  domande  

    USO  DELLE  DOMANDE  

  • RISPOSTA  DI  VALUTAZIONE  

    ATTEGGIAMENTO  PATERNALISTICO  

    Non  si  deve…  

    E’  qui  che  sbagli…  

                       Non  è  correWo…  

             Hai  faWo  bene…  

    Provoca  in  chi  parla   Inibizione   Inferiorità   Colpa  

  • RISPOSTA  DI  INTERPRETAZIONE  

    ANALIZZARE  IN  MODO  ARBITRARIO  

    So  bene  perché…..  

    Provoca  in  chi  parla   ReQfica  del  messaggio   Irritazione     Blocco  della  comunicazione  

    Veramente  io   volevo  dire…  

    Fai  così  perché…  

    Questo  significa   che…  

    Vuol  dire  che….  

  • RISPOSTA  DI  SOSTEGNO-­‐CONSOLAZIONE  

    ATTEGGIAMENTO  MATERNO  

    Non  è  niente…   Non  devi  

    [email protected]… .  

    E’  normale  che…   Capita  a  tuC  di…  

    Provoca  in  chi  parla   SenPrsi  svalutato  in  ciò  che  si  prova   Sensazione  di  non  senPrsi  compreso    

  • RISPOSTA  INQUISITORIA  

    USO  MANIPOLATIVO  DELLE  DOMANDE  

    Non  mi  hai   de4o….  

    Perché….?  

    Provoca  in  chi  parla   -­‐Reazione  difensiva   -­‐OsPlità   -­‐Induzione  delle  risposte  

    Quando….?  Mi  chiedo….  

  • RISPOSTA  “SOLUZIONE  DEL  PROBLEMA”  

    PROPORRE  SOLUZIONI  PRECOSTUTUITE    

    La  cosa  migliore   da  fare  è…   Perché  tu  non…  

    Al  tuo  posto   farei….   Basta  che…  

    Provoca  in  chi  parla   -­‐Rinforzo  della  dipendenza   -­‐AdaWarsi  alla  soluzione  senza             condividerla    

  • MA  NON   POTRESTI  SOLO   ASCOLTARE?!?  

  • “Ogni  persona  è  un’isola  in  sé  stessa  e  può  ge6are  dei  po