LAURA CASSIA RESTAURO E CONSERVAZIONE Restauro e ...cassia.it/LauraCassia/pa.pdf · Prospetto Nord...

of 8/8
LAURA CASSIA Architetto Portfolio 2 Design e Progettazione d'interni DESIGN E PROGETTAZIONE D'INTERNI 4 Restauro e conservazione 5 Progettazione architettonica 7 Progetto Urbano e del Paesaggio x Il luogo della meditazione. Progetto di uno spazio per leggere, scrivere, riflettere. x Progettazione degli interni della Villa Laurentina di Plinio. RESTAURO E CONSERVAZIONE x Restauro Chiesa della Bareggia: ricerca, rilievo, analisi e conservazione. PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA x ,O SROR XUEDQR GL 0LODQR )LHUD 8Q QXRYR FHQWUR SHU OD FLWWj PROGETTO URBANO E DEL PAESAGGIO x $UHD H[ &HPVD,VRWWD)UDVFKLQL 8Q QXRYR FHQWUR SHU OD FLWWj GL Saronno. x Fondazione e trasformazione. Un progetto per le aree ex Falk di Sesto San Giovanni.
  • date post

    18-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    215
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of LAURA CASSIA RESTAURO E CONSERVAZIONE Restauro e ...cassia.it/LauraCassia/pa.pdf · Prospetto Nord...

LAURA CASSIAArchitetto

Portfolio

2

Design e

Progettazione d'interni

DESIGN E PROGETTAZIONE D'INTERNI

4Restauro e conservazione

5Progettazione architettonica

7

Progetto Urbano e

del Paesaggio

Il luogo della meditazione. Progetto di uno spazio per leggere,scrivere, riflettere.Progettazione degli interni della Villa Laurentina di Plinio.

RESTAURO E CONSERVAZIONERestauro Chiesa della Bareggia: ricerca, rilievo, analisi econservazione.

PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

PROGETTO URBANO E DEL PAESAGGIO

Saronno.Fondazione e trasformazione. Un progetto per le aree ex Falk diSesto San Giovanni.

2

IL LUOGO DELLA MEDITAZIONE. Progetto di uno spazio per leggere, scrivere, riflettere.

2

1

pensare,attendere,

passeggiare,sono forme

di illuminazionenon menodel sogno,

dell'ebrezza.E sono forse

Per taceredi quella terribile

droga,noi stessi,

che prendiamo

Walter Benjamin

6

A A

B

B

Sezione B-BSezione A-APianta coperturaPianta sezionata

Partendo dall'idea di uno spazio concepito perl'uomo e dall'alternanza di spazi chiusi e aperti capacidi determinare condizioni di luce naturaledifferenziate a definire un luogo per leggere, scriveree riflettere, si procede verso una ricerca progettualeche utilizzi nuovi strumenti in con lacomposizione e la definizione dei limiti dello spazioattraverso un sistema di lastre in equilibrio stabile.Questo studio finalizzato al progetto di uno spazio incui l'uomo entra in contatto con i materiali e rispettiva

- legno chiaro levigato sinonimo di protezione ecalore grazie al suo colore tenue e solare;- marmo e pietra materiali riposanti per i lorocolori tenui: accompagnano lo studio e la lettura;- verde come di natura: il luogo per lameditazione;- il vetro come situazione di etrasparenza che permette un contatto diretto conl'esterno.

3

PROGETTAZIONE DEGLI INTERNI DELLA VILLA LAURENTINA DI PLINIO.

Pianta depandance

Leggendo la lettera di Plinio il Giovane, dovedescrive la sua villa di campagna, stato possibileimmaginare come fosse strutturata ed organizzata.Dopo averla ridisegnata, prestando particolareattenzione all'arredo di ogni stanza presente, stata progettata una nuova parte della villa,collegata tramite un portico immerso nei giardini:una sorta di a strapiombo sul mare.Questa nuova struttura, autonoma con il resto dellavilla, un secondo luogo di relax con stanzededicate al riposo, alla riflessione e alla cura dellapersona. Particolare attenzione rivolta allo studiodegli spazi interni che richiamano l'arredogiapponese grazie alla presenza di tatami comerivestimenti del pavimenti, sedute e tavoli bassi,porte scorrevoli in carta e una forte presenza dilegno, sia nella struttura che nei mobili. La scelta diquesto stile e relativi materiali permette unamaggiore fusione fra spazi interni ed esterni .

+ 1.80

+ 2.40+ 2.10

+ 2.40

+ 1.80

+ 0.70

+ 1.80

A A

B B

C

C

Sezione C-C

Sezione A-A Sezione B-B

4

RESTAURO CHIESA DELLA BAREGGIA. Ricerca, rilievo, analisi e conservazione.

M1 vetro

LEGENDA MATERICO

rimozione fili elettrici

ricollocazione anta finestra

sostituzione serratura

intervento di "scuci - cuci "

V9

V8

V7

V1

V2

V3

V4

V5

V6

esecuzione di intonachino diregolarizzazione per interni

esecuzione di intonachino diregolarizzazione per esterni

risarcimento di lacune conintonaco di malta di calce

F6

F5

F4

F3

F2

F1

Pt5

Pt4

Pt2

Pt1

C1

C2

C3

C4

C5

P11

P10

P9

P8

P7

P6

P5

P4

P3

P2

P1

C6

collocazione campana

V10

V11

P6

P3

P10

P5 C5 Pt2

F5 V5

P3

P3P2

P3

P9

Pt1

V11

V6

V7V7

Pt3 F6

C6 Pt5C6 Pt5

P9 C6

Pt5

C3 Pt1

F1 F2 F4

P3 F1

F2 F4

V7

P4

P8

V7

P3 F2 F4

P3 F1 F2 F4

P3 F1

F2 F4

P7 C2

V10

V1

vetri mancanti

rimozione reti di plastica dallefinestre e relativa struttura

manutenzione dei ramponied eventuale sostituzione

V12 collocazione pluviali

protettivo pavimentazionein cemento colorato

Pt3

F7

V3

F4F2

F1P3

C1

V12

F6Pt3P6

P3 C3 Pt1

V1 C1 V1 C1

P3 C3 Pt1

P6 Pt3 F6

V12

V2

V8

P3P7 C2 P3 P7 C2 C2P7P3

F2 F4

M2 legno larice

M3 legno di latifoglie

M4 ferro

M5 alluminio

M6 coppi

M7 mattoni

M8 arenaria

M9 granito

M10 coppi

M11 malta di calce aerea e pozzolanaM12 finitura di colore

M13 intonachino

M14 arriccio di malta di calce

M15 rinzaffo di malta di calce

LEGENDA DEGRADO

D1 alterazione cromatica della tinta

D2 perdita della tinta

D3 erosione superficiale dell'intonaco

D4 erosione differenziale dell'intonaco

D5 scagliatura

D6 erosione dei giunti di malta

D7 erosione diffusa dei mattoni

D8 corrosione

D9 macchina di ruggine

D13 patina biologica

D10 alterazione cromatica della finitura

D11 lesione strutturale

D12 degrado antropico

D16 mancanza

D14 mancanza di vetro

D15 mancanza dell'anta

D17 opacizzazione del vetro

D18 erosione materiale lapideo

LEGENDA INTERVENTO DI CONSERVAZIONE

eliminazione rappezzi

eliminazione parti intonaco

pulitura meccanica

pulitura con sostenza complessanti

pulitura opere in legno

pulitura opere in ferro

pulitura dei giunti in malta

eliminazione patica biologica

pulitura pietra arenaria

pulitura granito

pulitura pavimenti

consolidamento fondazioni

stuccatura dei giunti di malta

consolidamento mattoni

consolidamento superficie intonacata

consolidamento materiali lignei

consolidamento materiali lapidei

protettivo mattoni

protettivo opere in legno

protettivo opere in ferro

protettivo materiali lapidei

finitura per interni ed esterni

finitura per opere in legno

finitura per opere in ferro

finitura giunti di malta

manutenzione opere in legno

drenaggio

riempimento mattoni

V1 C1

Analisi materico

F4F2

F1P3

Analisi degrado e conservazione

Prospetto Nord Prospetto Est

PiantaProspetto NordProspetto Est

La Chiesa della Bareggia, situata a Bareggio nella zona delMagentino, ad oggi risulta molto degradata e quindi uncaso studio ideale per ipotizzare un restauro articolatosecondo i seguenti passaggi.

Ricerca archivistica in Milano e provincia (ArchivioComunale, C.E.D.A.T., Archivio Storico Diocesano) cheha permesso di ritrovare piante, mappe catastali,descrizioni, citazioni e registri che illustrano e narrano lastoria e l'evoluzione della Chiesa della Bareggia.Rilievo geometrico che ha permesso la stesura deglielaborati grafici: con il metodo della trilaterazione stata creata una rete d'inquadramento definita da seipunti principali, sono state misurate le distanze per poirestituire graficamente quanto misurato.Rilievo materico che ha permesso l'individuazione ditutti i materiali presenti nella Chiesa: il riconoscimentodei materiali nelle operazioni successive, diindividuare e motivare facilmente i diversi tipi didanno presenti allo stato attuale sulla Chiesa.L'analisi del degrado individua ogni tipologia di dannopresente sull'edificio per un successivo intervento diconservazione e manutenzione.La conservazione l'attuazione di vari interventi fra cuipulitura, consolidamento, finitura, protezione emanutenzione che permetteranno di risanare la Chiesadegradata e renderla di nuovo riutilizzabile.

5

IL POLO URBANO DI MILANO FIERA.

Sezione A-A

Sezione B-B

Teatro

DESTINAZIONI D'USO

Centro direzionale - uffici

Impianto sportivo

Sistema espositivo

Biblioteca

Accademia d'arte

Residenziale

L'impianto polifunzionale collocato nell'ex fiera nel centro di Milano una fusione tra passato e presente: si crea integrazione fra edificipreesistenti con edifici nuovi dove stata mantenuta geometria erigore architettonico, sia in pianta che in altezza. I nuovi edificirichiamano il passato per integrare storia e : Polesello con ilteatro di Copenaghen, Diotallevi & Marescotti con l'edificio per ufficiin piazza Duomo, Perroult con l'impianto sportivo a Berlino e Bottonicon Palazzo Ina a Milano per gli edifici residenziali. Il tema delpercorso assume un ruolo importante nel progetto: il visitatore vieneindirizzato negli spazi principali da osservare, vivere e amare; i taglinelle coperture, gli forti assi direzionali scandiscono ulteriormente lo

OLTRE ALESSANDRIA D'EGITTO: ABU QIR.

Planivolumetrico

Sezione A-A

Sezione B-B

Sezione C-C

Vista Est

Colline artificiali

DESTINAZIONI

1

Parcheggio interrato2

3

Museo esterno

Gru solleva-reperti

Stazione ferroviaria

Piazza del mercato

Collegam. stazioni

Galleria

4

5

6

7

8

9

1

1

1

2

3

4

5

6 7

Commercio e museo

8

10

9

9

Stazione marittima10

Il progetto, situato in periferia di Alessandria d'Egitto, nella cittadina di Abu Qir,

La doppia stazione (marittima e ferroviaria) diventata il cardine principale attornoal quale ruotano le seguenti funzioni:

- museo con un'ulteriore esposizione esterna;-- percorso verde sulle colline;- piazza del mercato;

Arrivando ad Abu Qir via mare si attraccare presso la stazione marittima: unimponente edificio che pone le sue fondamenta sul fondale marittimo. La banchinasi prolunga verso una parte funzionale del progetto: la gru utilizzata sia cometrasporto e sollevamento di reperti archeologici pesanti, sia come elementod'architettura integrata al progetto.La stazione ferroviaria, invece, dotata di due binari: uno per i treni turistici e unsecondo per trasporto e scalo merci; essa confina con la piazza adibita a mercato:uno spazio vuoto che diventa fulcro e spazio direzionale.L'edificio organizzato in moduli destinato a esposizioni museali ad eccetto di unaparte al piano terra in cui si trovano funzioni commerciali, per il tempo libero e uffici.

6

7

AREA EX CEMNSA-ISOTTA-FRASCHINI.

Planivolumetrico Sezione D-D

Sezione C-C

Sezione B-B

Sezione A-A

DESTINAZIONI D'USO

Commercio

Istruzione

Pubblico

Direzionale

Residenze

Residenze speciali

Dopo aver analizzato le carenze funzionali della emersa l'assenza di un grande spazio verde: il progettoruota attorno ad un grande parco che il nodoprincipale l'elemento coordinatore delle funzionicircostanti. Sono stati conservati e riutilizzati alcuni edificipreesistenti in disuso per unire passato e presente.La forte geometrica di tutti gli edifici presenti sicontrappone alle del parco: entra in gioco iltema del cerchio. Assi e curve sono presenti in egualmodo: si confrontano, si antepongono e si fondonoinsieme. Le dimensioni considerevoli dell'area hanno resopossibile sviluppare il tema del percorso : il progettocomporta diverse scelte, ogni bivio porta ad unadifferente funzione; lo scopo principale scoprire lediverse angolazioni di ogni edificio si vengono acreare prospettive differenti.

8

Il progetto della , inteso come controllo dei processi, delle stratificazioni possibili edelle sequenze spaziali, deve necessariamente tendere verso la traduzione fisica dellaregola dello stare insieme e dell'equilibrio relazionale in fulcri e sistemi: un impianto strutturato deve essere chiaramente leggibile nella sua Occorre dare formaalla per poter garantire equilibrio relazionale tra e individuo, tra relazione erifugio. La costruzione di possibili trame relazionali passa dallo sviluppo attento e misuratodi fulcri e tensioni, individuabili negli archetipi della piazza e della strada.Elemento fondamentale della delle narrazioni spaziali l'architettura dellasoglia: luogo della reciproca appartenenza all'edificio e alla strada, un dialogo fra internoed esterno. Il concetto di assume un'importanza fondamentale perl'architettura della soglia. Nello specifico la proposta progettuale delle aree Falck diventaun'occasione di riqualificazione urbana. Sesto San Giovanni vive una situazioneparticolarmente difficile: il tessuto urbano risulta frammentato sia come civitas , sia comeurbs , non esistono connessioni urbane e sociali lungo l'asse est-ovest, mancano adeguatearee verdi e il traffico elevato. Il progetto si propone l'obiettivo di ricucire il tessutolacerato e allo stesso tempo di ritrovare sociale e collettiva attraverso laconfigurazione di nuovi luoghi del convivere entro le date dal contestometropolitano. La proposta per le aree ex Falk diventa un processo dialettico diprogettazione a diverse scale e si pone come connessione con l'esistente. Letestimonianze di archeologia industriale, di notevole valore storico, si candidano a fare dacapisaldi dell'intero riassetto. Il progetto mette in evidenza quattro fulcri: la stazione, ilT3-OMEC, il T5 e la portineria; ogni nodo ha una sua su cui incidono i tramiti e glielementi che lo configurano.

FONDAZIONE E TRASFORMAZIONE. Un progetto per le aree ex Falk di Sesto San Giovanni. Tesi di laurea

E

C

D

A

G

L

H

L

I

B

N

F

M

D

A

G

L

H

L

I

B

N

F

M

Stazione

Residenze speciali

Residenze

Residenze convenz.

Commercio

- mercato coperto

- c. commerciale

Istruzione / Cultura

Asilo nido

Scuola materna

Scuola elementare

Biblioteca

Scuola civica

Centro culturale

Teatro / C. congressi

Museo

Centro arti - spettac.

Sport / Tempo libero

Artigianato

Serre

Centro ricerca

Uffici e terziario

A

B

C

D

E

F

G

H

I

L

M

N

Destinazioni funzionali: piano tipo

E

C

Destinazioni funzionali: piano terra

Prospetto A

Prospetto B

A

A

B

B

1.PORTFOLIO - Copertina.pdf2.PORTFOLIO - Luogo della Meditazione.pdf3.PORTFOLIO - La villa di Plinio.pdf4.PORTFOLIO - Restauro Chiesa Bareggia.pdf5.PORTFOLIO - Milano Fiera.pdf6.PORTFOLIO - Abu Qir.pdf7.PORTFOLIO - Saronno.pdf8.PORTFOLIO - Sesto.pdf