Lambiente marino ligure rappresenta una realtà estremamente diversificata e peculiare nel panorama...

download Lambiente marino ligure rappresenta una realtà estremamente diversificata e peculiare nel panorama mediterraneo. Il mar Ligure è un mare notoriamente.

of 67

  • date post

    02-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Lambiente marino ligure rappresenta una realtà estremamente diversificata e peculiare nel panorama...

  • Slide 1
  • Slide 2
  • Lambiente marino ligure rappresenta una realt estremamente diversificata e peculiare nel panorama mediterraneo. Il mar Ligure un mare notoriamente "oligotrofico", con acque cio generalmente povere di sostanze nutrienti (nitrati, nitriti, fosfati); esse sono alla base della catena alimentare e quindi della produttivit di un mare: ci in parte dovuto alla mancanza di grandi corsi dacqua e spiega come quello Ligure rappresenti un mare in generale scarsamente pescoso. Daltra parte ci garantisce unelevata capacit di assorbimento e metabolizzazione degli apporti di sostanza organica (dovuta agli scarichi civili) senza i rischi di fenomeni di eutrofizzazione delle acque, cos problematici in altre regioni.
  • Slide 3
  • La Riserva Marina di Portofino si estende per una superficie totale di 360 ettari con uno sviluppo costiero di 15 Km. Comprende i territori costieri di 3 citt in provincia di Genova -Camogli -Portofino -S.Margherita Ligure L'Area Marina Protetta Portofino delimitata da una struttura composta da 11 boe di delimitazione di colore giallo recanti croci di Sant'Andrea dotate di segnale luminoso e da 10 miragli a terra anch'essi contraddistinti da croce di Sant'Andrea. L'Area suddivisa in tre zone distinte: Zona A Zona B Zona C
  • Slide 4
  • Tipico borgo marinaro, centro turistico noto per il suo porticciolo e per i palazzi variopinti sul lungomare. anche chiamata la Citt dei Mille Bianchi Velieri o la Gemma del Golfo Paradiso.
  • Slide 5
  • Il comune situato in una baia ai piedi dell'omonimo promontorio, a 36 km da Genova. Ospita importanti manifestazioni turistiche e culturali che vedono la partecipazione di importanti personalit del mondo della cultura e dello spettacolo
  • Slide 6
  • Santa Margherita Ligure detta la Perla del Tigullio, un comune di 10.212 abitanti della Provincia di Genova ed un celebre ed elegante centro turistico e balneare della Riviera Ligure di Levante. Il suo nome viene spesso citato solamente con il toponimo Santa, specie dai suoi abitanti e nell'ambito locale.
  • Slide 7
  • La zona A (Riserva Integrale) comprende il tratto di mare interno (Cala dell'Oro) delimitato dalla congiungente dei punti identificati in Punta Torretta e Punta del Buco. il tratto di mare dove fatto divieto assoluto di navigazione, sosta, accesso, balneazione, pesca sportiva o professionale, immersioni subacquee. Nella zona A l'ambiente conservato integralmente e sono consentite solo attivit di soccorso e ricerca scientifica autorizzate dal soggetto gestore. La balneazione vietata.
  • Slide 8
  • L a zona B (Riserva Generale) va dalla Punta del Faro di Portofino, sotto il Comune di Portofino, sino a Punta Chiappa, sita nella frazione di San Rocco di Camogli, fatto salvo il corridoio di accesso e la rada di San Fruttuoso. Tale zona caratterizzata da vincoli pi larghi: la pesca sportiva consentita (regolamentata) solo ai residenti, l'immersione subacquea con autorespiratore ad aria consentita ai diving center e ai privati autorizzati, mentre liberamente consentita l'attivit subacquea in apnea e la libera balneazione. Inoltre le immersioni subacquee da riva sono consentite solo presso Punta Chiappa, il Dragone e la Colombara. Questo tratto di mare molto amato e visitato dai subacquei, attratti dal notevole valore naturalistico dei fondali ed in particolare dal trionfo delle gorgonie rosse e dalla ricchezza di fauna. in questa zona che si trova il Cristo degli abissi.
  • Slide 9
  • La zona C (Riserva Parziale) si estende ai due lati del Promontorio di Portofino ed famosa ed ammirata per le sue vaste praterie di posidonia oceanica. Ulteriori attivit sono consentite e l'attivit subacquea e la balneazione libera, a parte specifiche limitazioni per la salvaguardia dell'ambiente. La pesca sportiva consentita (comunque regolamentata) ai residenti e non.
  • Slide 10
  • Slide 11
  • Slide 12
  • Nella Riserva Marina di Portofino esistono tre tipi di fondali marini Roccioso Sabbioso Praterie di Posidonia
  • Slide 13
  • Il fondale roccioso il proseguimento delle coste nel mare creando a volte delle secche. Nel fondale roccioso la luce caratterizza tre zone : Una superiore a forte illuminazione e popolata da alghe verdi; Una intermedia con una buona illuminazione dove predominano le alghe brune; Una zona di ombra con alghe rosse che inizia da 15 Mt. Circa di profondit.
  • Slide 14
  • Vive tra gli 1 e i 30 metri di profondit, eccezionalmente e solo in acque molto limpide fino ai 70 metri, in un campo di temperature compreso fra i 10 e i 28 C. E una pianta stenoalina, necessita cio di valori di salinit relativamente costanti per cui difficilmente si trova nei pressi di foci di fiumi o nelle lagune. Colonizza i fondali sabbiosi o detritici ai quali aderisce per mezzo di rizomi e sui quali forma vaste praterie, o posidonieti, ad elevata densit (oltre 700 piante per metro quadrato).
  • Slide 15
  • L'ambiente di sabbia e fango appare piuttosto spoglio e monotono ma, osservando pi attentamente, si possono scorgere alcune tracce che tradiscono la presenza di organismi viventi. L'ambiente sabbioso e fangoso non offre occasione di rifugio per le specie animali che intendono sfuggire ai predatori o predare indisturbate, alcuni animali per ovviare a questo inconveniente hanno adottato la strategia del mimetismo.
  • Slide 16
  • Iniziamo il viaggio nelle profondit marine..
  • Slide 17
  • Roccioso Praterie di Posidonia Sabbioso
  • Slide 18
  • 0 4 m 4 8 m 8 18 m
  • Slide 19
  • Di colore viola scuro tendente al nero, con delle macchie pi chiare che gli conferiscono un aspetto "marmorizzato". Il carapace quasi quadrato e leggermente pi sviluppato nel senso della larghezza, con delle linee diagonali in rilievo ben visibili. Ha una forma convessa sia in senso longitudinale che trasversale. I chelipedi sono grandi e leggermente diversi l'uno dall'altro. I chelipedi del maschio sono pi robusti di quelli della femmina. Il segmento pi vicino al carapace (merus) sulle zampe utilizzate per la locomozione sporgente, mentre l'ultimo segmento (dactyl) ha delle piccole spine. Regno: Animalia Phylum: Crustacea Classe: Eumalacostraca Ordine: Decapoda Famiglia: Grapsidae Genere: Pachygrapsus Specie: marmoratus Classificazione: Fabricius, 1787 Nome Comune: granchio corridore Taglia fino a 40 millimetri di lunghezza
  • Slide 20
  • Il dattero di mare un mollusco bivalve che deve il suo nome, a lithos (pietra) e phagein (mangiare), per la capacit di perforare le rocce sommerse e vivere al loro interno, grazie all azione di una secrezione acida, prodotta da particolari ghiandole, che in grado di sciogliere il carbonato di calcio. dotato di una conchiglia equivalve,composta cio da due parti identiche fra loro, molto allungata e con le due estremit arrotondate. La forma allungata e il colore bruno castano ricordano il dattero, da cui il termine dattero di mare.
  • Slide 21
  • Regno: Animalia Phylum: Mollusca Classe: Cephalopoda Ordine: Octopoda Famiglia: Octopodidae Genere: Octopus Specie: O. vulgaris una specie bentonica, neritica, si trova cio sul fondo nei pressi della costa. E un mollusco cefalopode, che appartiene agli ottopodi, possiede otto braccia o tentacoli muniti di ventose, Il corpo a forma di sacco, ventralmente si dipartono i tentacoli che contornano la bocca, dietro la bocca si trova un particolare organo, il sifone, dal quale lanimale fa fuoriuscire lacqua che viene pompata allinterno del mantello per la respirazione. Spingendo lacqua con forza fuori dal sifone pu compiere velocissimi balzi e, se spaventato, gettare una nuvola di inchiostro per confondere il predatore.
  • Slide 22
  • Slide 23
  • E' facilmente riconoscibile per la colorazione bianca a macchie marroni da cui discende il nome comune di "vacchetta di mare. Predilige pareti rocciose e poco illuminate, a basse profondit. Si tratta di un Gasteropode appartenente all'ordine dei Nudibranchi, abbastanza diffuso in tutto il Mediterraneo. Si nutre di spugne ed in particolare della Petrosia Ficiformis sulla quale caratteristico incontrarlo..
  • Slide 24
  • Durante il giorno al riparo sotto coralli o ciottoli. Attivo di notte. Nome scientifico: Prionocidaris verticillata Riccio con grandi aculei, ciascuno dei quali porta alcuni rigonfiamenti a corona di spine. Diametro del guscio circa 5 cm.
  • Slide 25
  • Axinella polypides forma colonie con lunghe ramificazioni di colore giallo. Le spugne sono dei filtratori molto efficienti. I canali interni contengono speciali cellule, i coanociti, che assolvono a una duplice funzione: muovono l'acqua grazie ai flagelli di cui sono dotati, determinando la velocit del flusso fino a creare un effetto aspirante attraverso gli osti; e inoltre catturano il cibo.
  • Slide 26
  • 0 4 m 4 8 m 8 18 m
  • Slide 27
  • Nome comune: Lepre di mare Altri nomi: Mollusco gasteropode Genere: Aplysia Specie: Aplysia fasciata Categoria: Gasteropodi Non ha conchiglia ed e' di colore marrone; raggiunge la lunghezza di oltre trenta centimetri e si nutre di alghe. Si accoppia in primavera e depone cordoni di uova di colore giallo sgargiante che attacca al substrato ; quando si sente in pericolo si allontana con un movimento sinuoso e per disorientare il predatore spruzza un liquido violaceo.