LA TERAPIA INALATORIA DELLE VIE AEREE · PDF fileSe l’anatomia tradizionale divideva le...

Click here to load reader

  • date post

    17-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    217
  • download

    1

Embed Size (px)

Transcript of LA TERAPIA INALATORIA DELLE VIE AEREE · PDF fileSe l’anatomia tradizionale divideva le...

LA TERAPIAINALATORIA

DELLE VIE AEREESUPERIORI

Attilio Varricchio U.O.C. di O.R.L., Ospedale S. Gennaro, ASL Na1

Giorgio CiprandiServizio di Allergologia, A.O.U. San Martino di Genova

Alfonso Maria VarricchioU.O.C. di O.R.L. dellA.O.R.N. Santobono Pausilipon di Napoli

LA TERAPIAINALATORIA DELLE VIE AEREESUPERIORI

Autori:

Attilio Varricchio U.O.C. di O.R.L., Ospedale S. Gennaro, ASL Na1

Giorgio CiprandiServizio di Allergologia, A.O.U. San Martino di Genova

Alfonso Maria VarricchioU.O.C. di O.R.L. dellA.O.R.N. Santobono Pausilipon di Napoli

Tutti i diritti sono riservati in tutti i Paesi.

Nessuna parte del presente volume pu essere riprodotta, tradotta o adattata con alcun mezzo (com-

presi i microfilm, le copie fotostatiche e le memorizzazioni elettroniche) senza il consenso scritto

dellEditore.

Copia omaggio per i Sigg. Medici.

2009 LingoMedMilano - Firenze - Napoliwww.lingomed.itLingoMed un logo di Lingo Communications s.r.l.

Con il Patrocinio

Ass. Italiana Vie Aeree SuperioriONLUS [email protected]

3

Le vie aeree vanno considerate come un unico sistema fisio-patologico. Molti studi, infatti, hanno dimostrato gli stretti rapportiesistenti tra le patologie rino-sinusali e quelle bronchiali, descri-vendole come quadri clinici consequenziali della sindrome rino-sinuso-bronchiale (S.R.S.B.).

Se lanatomia tradizionale divideva le vie aeree superiori

(V.A.S.) in organi, la moderna anatomia funzionale le suddividein distretti, tra loro interdipendenti: di questi il rino-sinuso-faringeo il pi interessante.

Introduzione

pagina

LA TERAPIA INALATORIA DELLE VIE AEREE SUPERIORI

4

Il distretto rino-sinuso-faringeo sede di tre importanti siti fisio-patologici (Figura 1): in senso antero-posteriore, il complessoostio-meatale (COM), il recesso sfeno-etmoidale (RSE) e il rino-faringe (RF).

Anatomia funzionale e fisio-patologiadel distretto rino-sinuso-faringeo

Il COM lo spazio in cui drenano i tre seni del sistema rino-si-nusale anteriore (Figura 2), mentre il RSE quello in cui drenail sistema rino-sinusale posteriore (Figura 3).

pagina

LA

TE

RA

PIA

INA

LA

TO

RIA

DE

LL

EV

IE A

ER

EE

SUP

ER

IOR

IAttilio Varricchio, G

iorgio Ciprandi, Alfonso M

aria Varricchio

Figura 1. Distretto rino-sinuso-faringeo con le centraline COM (Complesso ostio-meatale),RSE (Recesso sfeno-etmoidale) e RF (Rinofaringe)

1D

ISR

ETTO

RIN

O-S

INU

SO-F

AR

ING

EO

5pagina

LA TERAPIA INALATORIA DELLE VIE AEREE SUPERIORI

Figura 2. Complesso ostio-meatale: dallalto in basso riconosciamo il seno frontale, il seno et-moidale anteriore e il seno mascellare

2CO

MPL

ESSO

OST

IO-M

EATA

LE

Figura 3. Recesso sfeno-etmoidale: in senso antero-posteriore riconosciamo il seno etmoidaleposteriore e il seno sfenoidale

3R

ECES

SO S

FEN

O-E

TMO

IDA

LE

6

La corretta ventilazione e lefficace clereance mucociliare di queste

tre centraline fisiopatologiche condiziona la salute dellinteroapparato respiratorio.

Infatti, oltre a filtrare laria inspirata, tali siti larricchiscono di os-

sido nitrico, molecola gassosa dalle molteplici funzioni: a livello

delle alte vie aeree regola la motilit ciliare ed inibisce la replica-

zione virale; a livello bronco-polmonare, oltre alle funzioni men-

Il RF dei tre il sito che merita pi attenzione infatti: sede del

post-nasal-drip, causa delle faringo-tracheo-bronchiti discendenti,

implicato nella patogenesi delle otiti medie ed lo spazio in cui

allocata la tonsilla adenoidea (Figura 4).

pagina

LA

TE

RA

PIA

INA

LA

TO

RIA

DE

LL

EV

IE A

ER

EE

SUP

ER

IOR

IAttilio Varricchio, G

iorgio Ciprandi, Alfonso M

aria VarricchioFigura 4. Rinofaringe: dallalto in basso riconosciamo lunit tubo-timpanica, la tonsilla

adenoidea e il post-nasal-drip

4CO

MPL

ESSO

OST

IO-M

EATA

LE

7pagina

LA TERAPIA INALATORIA DELLE VIE AEREE SUPERIORI

zionate, tale gas regola il tono della muscolatura bronchiale e la

resistenza vascolare polmonare, determinando un effetto bronco-

dilatatore.

La congestione di COM, RSE e RF rappresenta la prima ed es-senziale tappa patogenetica delle flogosi del distretto rino-sinuso-faringeo, a cui seguono, molto spesso, complicanze infettive peruna secondaria proliferazione batterica.

Il coinvolgimento batterico pu interessare COM e/o RSE, deter-

minando una rino-sinusite anteriore e/o posteriore (Figura 5), op-pure, attraverso la tuba di Eustachio, coinvolgere la cavit

timpanica causando unotite media (Figura 6); ovvero, in caso dipost-nasal-drip, diffondere alle restanti vie aeree medio-inferiori,

determinando la sindrome rino-sinuso-bronchiale.

Figura 5. Patogenesi della rino-sinusite: nel riquadro piccolo evidente la fibro-endoscopia diun COM di destra occupato completamente da essudato purulento

5R

INO

SIN

USI

TE

8

Tale congestione riconosce nellinfiammazione della mucosa

respiratoria, il suo momento patogenetico fondamentale e pu es-

sere genericamente definita come un gruppo eterogeneo di

patologie caratterizzate essenzialmente dalla presenza di uno o

pi dei seguenti sintomi: ostruzione respiratoria nasale, rinorrea,

iposmia, rinolalia, ipoacusia, prurito e starnutazioni, talora associati

a sintomi oculari.

Se le forme infettive, per limmaturit immunologica, raggiungonoun picco di maggiore incidenza nellet neonatale-prescolare, le

forme infiammatorie (allergiche e non) colpiscono maggiormentei bambini in et scolare, gli adolescenti e gli adulti.

Delle forme infettive, le acute sono essenzialmente virali, mentrele ricorrenti o croniche, per lo pi batteriche, sono secondarie allamancata guarigione delle flogosi acute, alla cui origine ci sono

cause locali (ipertrofia della tonsilla adenoidea, malformazioni

pagina

LA

TE

RA

PIA

INA

LA

TO

RIA

DE

LL

EV

IE A

ER

EE

SUP

ER

IOR

IAttilio Varricchio, G

iorgio Ciprandi, Alfonso M

aria Varricchio

Figura 6. Patogenesi della rino-otite: nei due riquadri piccoli sono evidenti la fibro-endoscopia(in basso) di una rino-adenoidite acuta associata (in alto) ad una otite media purulentaacuta (la membrana timpanica sinistra appare totalmente estroflessa dallessudatopurulento)

6R

INO

OTI

TE

9

anatomiche e funzionali) e generali (allergia, alterazionimucociliari, deficit immunologici).

Tra le cause locali di ricorrenza meritano di essere menzionati ibiofilm, modalit strategica di sopravvivenza dei batteri e causaprincipale di resistenza alle terapie antibiotiche sistemiche.

Uno studio recente ne ha evidenziato la notevole presenza nel Ri-

nofarige di bambini affetti da infezioni ricorrenti delle V.A.S.: ibiofilm rinofaringei, pertanto, rilascerebbero ad intermittenza nu-merose colonie batteriche, causa di ricorrenti infezioni respiratorie.

Sostanzialmente, sia le forme infettive che quelle infiammatorie

hanno un meccanismo fisiopatologico unitario: la mucosa respi-

ratoria presenta una diffusa distribuzione sottomucosa di cellule

immuno-flogistiche che determinano una condizione infiammatoria

di base, fisiologica, a scopo protettivo.

Stimoli diversi possono indurre liperreattivit di tale condizione

flogistica, inducendone uno stato patologico.

pagina

LA TERAPIA INALATORIA DELLE VIE AEREE SUPERIORI

10

Terapia

Partendo da queste premesse, lattuale approccio terapeutico si

indirizzato non solo verso la risoluzione dei sintomi clinici, ma

soprattutto al controllo di tale condizione di iperreattivit

patologica basale, riattivando nei tre siti (COM, RSE e RF) sia la

ventilazione che la clearance mucociliare e rimuovendone

eventuali biofilm batterici.

La terapia inalatoria rappresenta lopzione terapeutica pi adattaa tale scopo. Infatti, oltre ad offrire tutti i vantaggi propri di ogni

metodica topica (elevata concentrazione del farmaco, piccolissime

dosi terapeutiche, ridotta concentrazione sistemica, rapidit

dazione, riduzione degli effetti collaterali e, cosa importane in

et pediatrica, dose terapeutica non dipendente dallassorbimento

gastroenterico e dalla funzionalit epatorenale) si interfaccia ot-

timamente con le V.A.S. per le specifiche caratteristiche anatomo-funzionali.

La terapia inalatoria, inoltre, legittimata da una fiorente lette-ratura, da cui rileviamo due studi fondamentali: quello immuno-istochimico di Ivarsonn, in cui si dimostra che le flogosi delleV.A.S. avvengano sostanzialmente sulla superficie mucosale, atutto vantaggio di un trattamento topico, e quello scintigrafico diLe Conte, dove si evidenzia come la stessa molecola (tobramicina),

se nebulizzata,