La Religione. Umanità in ricerca - · PDF fileUno strano gruppo di uomini solitari Gli...

Click here to load reader

  • date post

    21-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    215
  • download

    1

Embed Size (px)

Transcript of La Religione. Umanità in ricerca - · PDF fileUno strano gruppo di uomini solitari Gli...

1

La donna nella societ palestineseLa donna era considerata, e si considerava essa stessa, subordinata alluomo. Pi precisa-mente:a. Sul piano della vita civile, la donna:

non aveva diritto a partecipare alla vita pubblica; nei centri urbani, per uscire di casa, doveva velarsi il viso; non poteva parlare in pubblico con un uomo, nemmeno

salutarlo;

in tribunale la sua testimonianza o non era richiesta onon era ritenuta credibile;

la figlia poteva essere venduta come schiava se il padreaveva debiti; ma anche stando in casa, essa era pro-priet del padre fino al matrimonio (quando diventavapropriet del marito);

moglie e figlie non avevano diritto alleredit del capofa-miglia quando questi moriva, se in famiglia cera almenoun figlio maschio.

on line Pag. 160 vol. 1

LABORATORIO

F. PAJER, La Religione. Umanit in ricerca SEI 2011

!

b. Sul piano della vita religiosa, la donna: non era tenuta a studiare la Legge, come invece dovevano fare tutti i ragazzi maschi; era esclusa da qualsiasi ruolo o competenza sacerdotale; era dispensata dal pellegrinaggio rituale a Gerusalemme, se in casa aveva bambini da

accudire;

nel Tempio e nella sinagoga doveva stare (come sta anche oggi) in un reparto separatoda quello degli uomini (detto matroneo);

in casa non poteva dare la benedizione prima dei pasti, compito riservato al marito.

Ges nasce in questa societ, ma lotter contro la discriminazione della donna ( vedi p. 156del volume 1 ).a. La donna non era discriminata solo nella societ giudaica. Generalmente presso tutte le

societ antiche ricopriva un ruolo di secondo piano rispetto alluomo. Ricordi qualcosa aquesto proposito, che hai magari studiato in storia?

b. Secondo te, questa inferiorit sociale in cui era tenuta la donna, era dovuta alla catti-veria o alla violenza dei maschi o ad altri fattori? Quali, per esempio?

c. Una societ dove prevale il potere della donna si chiama matriarcale. Una societ dove prevale il potere delluomo si chiama .............................................................................................................................................................................

d. Oggi, ci sono ancora situazioni del genere intorno a noi, nella nostra societ o in altripaesi?

e. Hai sentito parlare di persone che sono discriminate a causa della loro diversa religione?f. Oggi, in Italia, ragazzi e ragazze hanno tutti gli stessi diritti e doveri? Conosci le leggi che

stabiliscono questa uguaglianza?

2 unit 7 passava per citt e villaggi

I luoghi della predicazione di GesImpara alcune nozioni geografiche minime sui luoghi attraversati da Ges e ricerca le localitsulla carta della Palestina a p. 148 del volume 1: Galilea: la regione pi settentrionale della Palestina, dove Ges svolse la maggior parte

della sua vita pubblica. Mare di Galilea: detto anche lago di Tiberiade o di Genesaret: qui Ges chiam Pietro e

altri discepoli a seguirlo; qui parl da una barca ancorata a qualche metro dalla riva; quicalm la tempesta che rischiava di far naufragare la barca con i discepoli; qui Ges cam-min sullacqua; dopo la risurrezione, Ges apparve agli apostoli che stavano pescandosul lago.

Betsaida: villaggio di pescatori, paese natale di Pietro, di Andrea e Filippo; qui Ges guarun cieco.

Cafarnao: quartier generale del ministero di Ges in Galilea; qui guar diversi malati,compresa la suocera di Pietro, un paralitico e il servo di un ufficiale romano.

Cana: villaggio a met strada tra il maredi Galilea e la costa mediterranea, famosoperch fu il luogo in cui Ges oper il suoprimo miracolo, trasformando lacqua invino alle nozze di due sposi che lavevanoinvitato al loro matrimonio insieme a suamadre Maria.

Nazaret: villaggio dove Ges trascorselinfanzia e ladolescenza.

Monte Tabor: ricordato per essere statoil luogo della trasfigurazione di Ges.

Samaria: regione i cui abitanti erano mal-visti dai giudei e dai galilei, perch secoliprima si era dissociata dalla corretta tradi-zione ebraica; una volta in questa regionegli abitanti rifiutarono ospitalit a Ges.

Sichar: localit dove Ges incontr unadonna samaritana al pozzo e le chiese dabere.

Giordano: fiume (nella foto) che dal mardi Galilea si getta nel mar Morto; sullesue rive Ges fu battezzato da GiovanniBattista.

F. PAJER, La Religione. Umanit in ricerca SEI 2011

Giudea: regione meridionale con capitale Gerusalemme: Ges vi nacque (probabilmentea Betlemme) e vi concluse la sua vita terrena.

Gerico: citt che sorge in pieno deserto a nord del mar Morto: Ges incontr qui lesat-tore delle tasse Zaccheo; Ges rese famosa questa citt inserendola nella nota paraboladel buon samaritano.

Gerusalemme: citt capitale, millenaria, sede del Tempio e quindi del culto ebraico: quiGes venne presentato al Tempio; qui discusse, appena dodicenne, con i maestri dellaLegge; oper numerosi miracoli; si scontr con gruppi ostili; scacci i mercanti dal Tempio;qui celebr lUltima Cena con i suoi discepoli; fu catturato, processato e messo a morte.

Betlemme: luogo (presunto) della nascita di Ges.

LABORATORIO 3

Ges, paradosso della storiaLeggi il brano e rispondi alle domande.Ges il paradosso pi grandioso che la storia conosca. Egli appare in una regione secon-daria dellImpero romano, presso una nazione che i dominatori dallora definivano volen-tieri come la pi tetra (Tacito) e perniciosa delle altre (Quintiliano), considerandola qualeuna spregiatissima accolta di schiavi (Tacito). Da questa sua gente egli non si allontana maiin tutta la sua vita, n giammai mostra desiderio di conoscere il mondo dei sapienti, degliintellettuali, dei politici, dei guerrieri che hanno in pugno la societ civile di allora. Nellasua stessa regione egli passa almeno nove decimi della vita segregato in un umilissimo vil-laggio, proverbialmente noto per la sua meschinit: l non frequenta scuole superiori, nonmaneggia dotte pergamene, non mantiene relazioni con lontani sapienti della nazione; fasoltanto il carpentiere. Per trentanni nessuno sa chi egli sia, salvo due o tre persone mutecome lui.A un tratto, passati i trentanni, esce in pubblico e comincia ad agire. Non dispone di mezziumani di nessun genere: non ha armi, non denaro, non sapienza accademica, non argo-menti politici. Si aggira poi quasi sempre fra povera gente, pescatori e contadini: cerca conparticolare premura i pubblicani [gli esattori delle tasse, quasi sempre disonesti n.d.r.], leprostitute e i rifiuti della buona societ. Fra cotesta gente opera miracoli, in gran numeroe di vario genere. Si associa un gruppetto di pescatori che lo seguono costantemente comesuoi particolari discepoli. Agisce cos per meno di tre anni.La sua azione consiste nel predicare una dottrina esclusivamente religiosa e morale. Questadottrina quanto di pi inaudito si sia affermato nel mondo. Ci che per il mondo male,per Ges bene; e ci che per Ges male, il mondo lo considera un bene. La povert,lumilt, la sottomissione, il sopportare silenziosamente le ingiustizie, tirarsi indietro perfar posto agli altri, come sono sommi mali per il mondo cos sono sommi beni per Ges;e viceversa, le ricchezze, gli onori, il dominio sugli altri, cose che formano la felicit delmondo, sono per Ges uno svantaggio e un pericolo. Ges lantitesi, il contrario delmondo. [...]Ma la maggior parte del popolo non accoglie la sua predicazione, e i pi ostili contro di luisono i dirigenti, ossia i sommi sacerdoti del tempio e i farisei delle sinagoghe. Nella Galileala sua azione produce scarsi frutti e perci egli labbandona e si trasferisce in Giudeae nella capitale Gerusalemme. Qui le autorit religiose non gli perdo-nano la sua franchezza nel denunziare il vuoto formalismo delleloro pratiche religiose. Dopo averlo tollerato per qualchetempo, lo arrestano a tradimento, lo condannano nel tri-bunale della nazione per imputazioni religiose, e lo fannoricondannare nel tribunale romano per imputazioni civili.Ges muore crocifisso...

G. RICCIOTTI, Vita di Ges Cristo, Tipografia Poliglotta Vaticana,Citt del Vaticano

a. Che cosa ti colpisce di piin questa scheda biogra-fica di Ges? C qualcosache non hai capito?

b. Da dove pensi abbia trattotutte queste notizie lau-tore del brano?

c. Nel tuo libro di storia, haigi visto se si parla anchedella vita di Ges? Se s,come se ne parla?

d. Hai domande sulla vita diGes alle quali n il libro direligione n quello di sto-ria hanno saputo rispon-dere? Quali?

Un episodio evangelicoOsserva limmagine e rispondi alle domande.a. Sai di quale episodio si tratta? Se no, leggi Luca

22,47-48.b. Distingui tutti i personaggi e identificali secondo

il racconto evangelico.c. Quale interpretazione ha dato lautore della

scena? d. Quale significato hanno, a tuo parere, i gesti tra

Giuda e Ges?

F. PAJER, La Religione. Umanit in ricerca SEI 2011

4 unit 7 passava per citt e villaggi

Verifica geograficaConsultando la cartina della Palestina che trovi nel volume 1, colloca i seguenti 15 nomisulla cartina muta. Scegli tre colori: uno per i nomi geografici, un altro per indicare le regioni,un altro per i nomi di citt.

Il gioco dei se...a. Se si potesse scavare un canale tra il Mediterraneo e il mar Morto, cosa succederebbe?b. Se scendessi da Gerusalemme al mar Morto, quanti metri di dislivello totalizzerei nel mio viaggio?c. Se dovessi andare da Gerusalemme in Galilea, quale regione dovrei attraversare?d. Se dovessi andare da Gerusalemme a Betlemme a piedi, ce la farei in un giorno?e. Se dovessi percorrere a piedi la strada tra Gerusalemme e Nazaret, facendo circa 25 km al giorno,

quanti giorni potrei impiegare?f. Se il fiume Giordano fosse navigabile, quale dislivello