La modernizzazione delle tecniche di rilevazione nelle indagini socio-economiche sulle famiglie

Click here to load reader

  • date post

    07-Apr-2016
  • Category

    Documents

  • view

    221
  • download

    2

Embed Size (px)

description

Il volume testimonia una parte del complesso cammino di innovazione intrapreso dall'Istat con il Programma pluriennale Stat2015, volto a dare seguito alle sollecitazioni di Eurostat per un utilizzo sempre più diffuso delle tecniche di rilevazione computer-assisted

Transcript of La modernizzazione delle tecniche di rilevazione nelle indagini socio-economiche sulle famiglie

  • LA MODERNIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI RILEVAZIONE NELLE INDAGINI SOCIO-ECONOMICHE SULLE FAMIGLIE

  • 2 La modernizzazione delle tecniche di rilevazione nelle indagini socio-economiche sulle famiglie

    LA MODERNIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI RILEVAZIONE NELLE INDAGINI SOCIO-ECONOMICHE SULLE FAMIGLIE

    ISBN 978-88-458-1806-6

    2014Istituto nazionale di statisticaVia Cesare Balbo, 16 - Roma

    Salvo diversa indicazione la riproduzione libera,a condizione che venga citata la fonte.

    Immagini, loghi (compreso il logo dellIstat), marchi registrati e altri contenuti di propriet di terzi appartengono ai rispettivi proprietari e non possono essere riprodotti senza il loro consenso.

    LA MODERNIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI RILEVAZIONE NELLE INDAGINI SOCIO-ECONOMICHE SULLE FAMIGLIE

  • 3Indice

    INDICE

    Pag.

    Avvertenze 7

    Premessa 9

    Capitolo 1La diffusione delle tecniche computer-assisted e i cambiamenti nellimpianto organizzativo delle indagini 11

    1.1 Le indagini campionarie presso le famiglie: limpianto organizzativo del lavoro sul campo delle rilevazioni Papi 11

    1.2 Lesperienza delle indagini Cati nellambito del sistema di indagini Multi-scopo come primo step del processo di modernizzazione del lavoro sul campo 12

    1.3 Lesperienza dellindagine Forze di lavoro: il passaggio da Papi a Capi-Cati 13

    1.4 Attori e funzioni del modello organizzativo delle altre indagini Capi sulle famiglie 16

    1.4.1 I bandi di gara internazionale per la realizzazione delle indagini 171.5 Le tecniche computer-assisted nelle indagini campionarie sulle famiglie 181.6 Il ridisegno delle indagini nella transizione da Papi a Capi 201.6.1 Il miglioramento della qualit dei dati 211.6.2 Linguaggi e competenze nuove 221.7 Lutilizzo della tecnica Cawi nelle indagini campionarie sulla popo-

    lazione 24Riferimenti bibliografici 28

    Capitolo 2Luso delle Liste anagrafiche comunali 29

    2.1 Introduzione 292.2 Le Liste anagrafiche comunali nelle indagini sulle famiglie 292.2.1 Lestrazione dei campioni 292.2.2 La definizione delle stime campionarie 31Riferimenti bibliografici 33

    Capitolo 3La tecnica Capi nellindagine sulle Spese delle famiglie 35

    3.1 Introduzione 353.2 l passaggio dal questionario Papi al questionario Capi 373.3 Gli effetti dei controlli di coerenza tra variabili: il caso della spesa

    per energia elettrica 39Riferimenti bibliografici 42

  • 4 La modernizzazione delle tecniche di rilevazione nelle indagini socio-economiche sulle famiglie

    Pag.

    Capitolo 4Lintegrazione della rilevazione Viaggi e Vacanze nellindagine sulle Spese delle famiglie 43

    4.1 Lanalisi della domanda turistica e principali criticit della rilevazione Cati 434.2 Rilevare la domanda turistica nellindagine Spese delle famiglie:

    unidea non recente 464.3 Lintegrazione dellindagine Viaggi e vacanze nellindagine Spese

    delle famiglie: il metodo 474.4 I vantaggi dellintegrazione 48Riferimenti bibliografici 50

    Capitolo 5La tecnica Capi nellindagine sul Reddito e condizioni di vita (Eu-Silc) 51

    5.1 Introduzione 515.1.1 La riprogettazione del questionario dindagine 2011 515.2 Le principali innovazioni del questionario elettronico Eu-Silc 525.2.1 Lintroduzione delle modalit Non sa e Non risponde e lHelp in linea 535.2.2 Regole di incompatibilit 545.2.3 Il nuovo Prospetto sui Redditi 555.2.4 Il test del questionario 575.2.5 Lintroduzione dei quesiti a conferma 575.2.6 Le prospettive future 585.3 Limpatto dellinnovazione Capi nelle procedure di integrazione con

    i dati amministrativi 58Riferimenti bibliografici 60

    Capitolo 6La sperimentazione Cawi dellindagine sullInserimento professio-nale dei dottori di ricerca 61

    6.1 Introduzione 616.2 La progettazione dellindagine pilota 616.2.1 La formazione delle liste e il campione di dottori 616.2.2 Modifiche allimpianto organizzativo nel passaggio da Cati a Cawi 626.2.3 La riprogettazione del questionario e i pre-test 636.2.4 La progettazione di regimi alternativi di sollecito 656.3 La fase di rilevazione 656.4 Analisi della partecipazione allindagine 666.5 Considerazioni per la progettazione dellindagine definitiva 68Riferimenti bibliografici 70

    Capitolo 7La tecnica mista nellindagine sulle Forze di lavoro 71

    7.1 Introduzione 717.2 Dallindagine trimestrale Papi allindagine continua con tecnica

    computer-assisted 71

  • 5Indice

    Pag.

    7.3 La tecnica mista Capi-Cati 737.4 Il sistema informativo-informatico 747.4.1 La gestione dei flussi Capi-Cati e della componente longitudinale 757.5 Il questionario di rilevazione 767.6 Il fieldwork e il monitoraggio della qualit 777.7 Possibili scenari futuri 79Riferimenti bibliografici 80

    Capitolo 8La tecnica mista nellindagine sulla Formazione degli adulti 81

    8.1 Introduzione 818.2 Il sistema di raccolta dei recapiti telefonici 828.3 Le liste di campionamento Capi e Cati 85Riferimenti bibliografici 89

    Capitolo 9Le strategie formative degli attori coinvolti nel lavoro sul campo 91

    9.1 Le indagini computer-assisted, la ricerca della qualit totale e il protagonismo dellintervistatore 91

    9.2 Trasversalit e standardizzazione: il valore aggiunto della riproget-tazione delle strategie formative 92

    9.3 Coinvolgimento degli intervistatori: i numeri della partecipazione 959.4 Analisi dellimpatto formativo sul lavoro on-field: lesperienza dei

    de-briefing 979.5 Il valore aggiunto del processo formativo interattivo/interdisciplinare 98Riferimenti bibliografici 100

    Capitolo 10Lo sviluppo di un sistema di indicatori armonizzati per il monito-raggio del lavoro sul campo 101

    10.1 Le esigenze informative e le modalit di controllo nei sistemi di monitoraggio 101

    10.2 Misurare il lavoro sul campo: alcuni indicatori comuni nelle inda-gini sulle famiglie 102

    10.2.1 Lesperienza dellindagine sulle Condizioni di vita delle famiglie (Eu-Silc) 104

    10.2.2 Lesperienza dellindagine sulle Spese delle famiglie 10510.3 Prime valutazioni e nuove prospettive 106Riferimenti bibliografici 108

    Capitolo 11Considerazioni conclusive e prospettive future 109

  • 7Avvertenze

    AVVERTENZE

    Nelle tavole statistiche e nei prospetti sono state adoperate le seguenti convenzioni:

    Linea (-) a) quando il fenomeno non esiste; b) quando il fenomeno esiste e viene rilevato, ma i casi non si

    sono verificati

    Due puntini (..) per i numeri che non raggiungono la met della cifra dellor-dine minimo considerato

    Quattro puntini (.) quando il fenomeno esiste, ma i dati non si conoscono perqualsiasi ragione

    Ripartizioni geografiche

    NordPiemonte, Valle dAosta/Valle dAoste, Liguria, Lombardia, Trentino-Alto Adige/Sdtirol, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna

    CentroToscana, Umbria, Marche, Lazio

    MezzogiornoAbruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria,Sicilia, Sardegna.

    Arrotondamenti

    Per effetto degli arrotondamenti automatici non sempre stato possibile verificare la quadratura dei prospetti in orizzontale e in verticale, sia per i valori assoluti sia per i valori percentuali.

  • 9Premessa

    PREMESSA1

    Linnovazione un fenomeno complesso che si lega alla capacit di un sistema di sfruttare le nuove tecnologie e di adattarsi a un ambiente in rapida trasformazione con nuovi prodotti, processi produttivi, forme di organizzazione, eccetera.

    Vi convergenza unanime sullopinione che linnovazione sia una delle leve fon-damentali per rispondere alla competizione economica internazionale e che le sue implicazioni pervadano tutti i settori della societ, rappresentando essa stessa un volano per la ricerca e per ulteriore innovazione.

    Nellambito della statistica ufficiale, uno dei pi importanti motori dellinnovazione rappresentato dal crescente bisogno di informazione da parte dei decisori politici, sia a livello nazionale sia europeo, e dunque dalla necessit di migliorare la capacit di reazione e adattamento del sistema statistico per soddisfare le nuove richieste in modo flessibile e armonizzato, mantenendo elevati standard di qualit. In una si-tuazione con forti vincoli di bilancio, come quella odierna, perseguire guadagni di efficienza e definire con precisione le priorit costituiscono le modalit operative pi efficaci per rispondere ai bisogni informativi emergenti.

    Nel campo della produzione statistica, linnovazione costituisce lasse portante del Programma pluriennale Stat2015 che disegnato dallIstat in linea con le racco-mandazioni europee e con il memorandum di Wiesbaden2 sul nuovo disegno delle statistiche sociali mira ad aumentare lefficienza del sistema statistico e la sua capacit di dare risposta alle esigenze degli utenti, contenendo, al contempo, lonere sui rispondenti. Si tratta di un ambizioso programma di rinnovamento che prevede la reingegnerizzazione, la standardizzazione e lindustrializzazione dei processi, come pure linnovazione dei prodotti, lintegrazione delle diverse fonti di dati (indagini cam-pionarie e fonti amministrative) e la valorizzazione di quelli provenienti dagli archivi amministrativi, in unottica di sistema.

    In particolare, nel 2010, nellambito delle indagini campionarie su famiglie e indi-vidui, lIstituto ha avviato un processo di progressiva estensione delle tecniche com-puter-assisted3 in risposta, tra laltro, anche alle sollecitazioni di Eurostat che, ormai da molti anni, incoraggia i paesi allutilizzo di tali tecniche per la rilevazione dei dati.

    Il processo innovativo in corso si inquadra in un progetto pi ampio di moder-nizzazione delle statistiche sociali, avviato in ambito europeo a partire dal 2009, che prevede unarchitettura del sistema di indagini sociali di tipo modulare, ossia una riprogettazione dei contenuti informa