La linea del tempo I IIIII IV V 1100-101 200-201 300-301 400-401 500-501 XI XII XIII XIV...

Click here to load reader

  • date post

    01-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    218
  • download

    1

Embed Size (px)

Transcript of La linea del tempo I IIIII IV V 1100-101 200-201 300-301 400-401 500-501 XI XII XIII XIV...

  • Slide 1
  • La linea del tempo I IIIII IV V 1100-101 200-201 300-301 400-401 500-501 XI XII XIII XIV 10011100-11011200-12011300-1301 .
  • Slide 2
  • La decadenza dellimpero e i rapporti con la Chiesa Il tardo Impero romano 1. La struttura istituzionale: nel II sec. d.C. lImpero si estende dalla met meridionale della Britannia, dalla Gallia e dalla penisola iberica, a ovest, fino allAsia Minore, alla Siria e allEgitto a est, lungo la sponda occidentale del Reno e la sponda meridionale del Danubio 284-305. Diocleziano imperatore. Di origine dalmata, dispone una profonda riorganizzazione territoriale dellImpero = diviso in 2 met, ciascuna governata da un Augusto (parte Orientale, con capitale Nicomedia, affidata a se stesso; parte Occidentale, con capitale Milano, affidata a Massimiano); le Provincie vengono divise in unit pi piccole, sino a un totale di 101, e raggruppate in 12 diocesi, che a loro volta sono riunite in 4 grandi prefetture. Governatori delle diocesi sono i Vicarii, rappresentanti locali dei Prefetti Dal 293 organizza la Tetrarchia: 2 Augusti (Diocleziano / Massimiano) + 2 Cesari (Galerio, residente a Sirmio, in Pannonia / Costanzo Cloro, residente a Treviri)
  • Slide 3
  • Trasformazione dellimpero inizi IV sec. Costantino fonda una nuova capitale per lOriente (Bisanzio / Costantinopoli / Istanbul), mentre il governo della parte occidentale viene stabilito a Milano (poi passer a Ravenna) il governo dellImpero per ancora unitario tra i 2 Augusti il problema maggiore la difesa del confine Reno-Danubio e il mantenimento di un esercito di quasi 500.000 uomini le trib barbare non ostili vengono accettate entro i confini come foederati, con il patto di contribuire alla difesa 378. I Visigoti invadono la Tracia e sconfiggono lesercito orientale ad Adrianopoli, a soli 220 km da Costantinopoli 382. La situazione viene ristabilita da Teodosio I, ma accettando la barbarizzazione dellesercito orientale - Nel 382 permette ai Visigoti di stabilirsi a sud del Danubio come trib dotate di autogoverno e di leggi proprie con cui amministrarsi
  • Slide 4
  • I. Impero nella tarda antichit 395. Morte di Teodosio I. Si crea una formale distinzione tra le 2 parti dellimpero con 2 imperatori (dOccidente e dOriente) e due cancellerie a Roma e a Bisanzio si separano le due parti dellImpero: Italia, Africa, Gallia, Spagna e Britannia alla parte Occidentale; Tracia, Asia Minore, Oriente ed Egitto alla parte Orientale La prefettura centrale dellIllirico viene divisa in 2 parti: la Pannonia (territori a sud e ovest del Danubio, le odierne Austria e Ungheria) allOccidente; la Dacia (attuale Romania) e la Macedonia allOriente Il confine iniziava alla confluenza tra i fiumi Sava e Danubio vicino allodierna Belgrado, proseguiva verso sud lungo il fiume Drina sino allAdriatico e poi attraversava il Mediterraneo fino a separare lAfrica dallEgitto
  • Slide 5
  • Trasformazione dellimpero imperialis potestas: limperatore al vertice della scala gerarchica e tende a concentrare in s lesercizio della funzione legislativa mediante la produzione di constitutiones (che vengono assimilate alle antiche leges) e rescripta tacciono definitivamente plebisciti e senatoconsulti, quindi la formulazione di norme di matrice popolare e senatoria princeps legibus solutus: emerge il principio secondo cui il princeps pu essere legibus solutus e in quanto tale in grado di operare contra legem Giustiniano afferma che Dio ha assoggettato le leggi allimperatore e descrive se stesso con le fattezze di una legge animata in terra (Nov. 105, a. 536)
  • Slide 6
  • Decadenza delle istituzioni imperiali la diffusione della cittadinanza romana a tutti i sudditi dellImpero (Constitutio Antoniniana del 212) e il diminuito controllo sulle Province da parte del governo centrale comportano che il diritto non pi quello classico e non pi lo stesso ovunque il diritto non pi uniforme, ma tende a modificarsi secondo gli usi prevalenti nelle Province e nei singoli territori - Le varianti locali cos prodotte vengono indicate come consuetudini locali
  • Slide 7
  • fenomeno della volgarizzazione del diritto (IV-V sec.) consiste nella produzione di raccolte di giurisprudenza in forma riassuntiva (epitome) o semplificata al fine di renderle pi comprensibili. La funzionalit prevale sulla qualit del testo. analogia con il latino volgare nel periodo durante il quale si trasforma nelle distinte lingue romanze causa fondamentale il declino della cultura giuridica, che non conosce nuovi interpreti pari ai giuristi del II-III sec. la stessa autorit imperiale denuncia la carenza di giuristi:.
  • Slide 8
  • . Germanesimo: etnie e profili essenziali gruppo svevo: Bavari, Alamanni gruppo dei Franchi: Ripuarii, Camavi, Salici gruppo sassone: Angli, Verini, Sassoni, Longobardi gruppo gotico: Vandali, Burgundi, Ostrogoti, Visigoti Germanesimo: lo stanziamento allinterno dei confini dellImpero milizie federate influenza romana; hospitalitas (1/3) le fonti che ci informano su questo periodo sono letterarie 410. I Visigoti occupano Roma, massimo simbolo dellimpero e delle sue tradizioni: ondata di spavento generale S. Gerolamo, scrivendo da Betlemme, afferma con orrore che stata spenta la luce pi brillante del mondo e che limpero stato privato della sua capitale (Hieronimus, Comm. in Ezech. 1, praef.)
  • Slide 9
  • , 412. Visigoti si spostano nel sud-ovest della Gallia, ove per trattato sono autorizzati a stanziarsi, e istituiscono la loro capitale a Tolosa - Dopo la sconfitta da parte dei Franchi nel 507 concentrano il regno in Spagna, fissando la capitale a Toledo ai Burgundi viene permesso, allo stesso titolo, di stabilirsi nella Gallia orientale, ove si uniscono agli abitanti gallo- romani contro gli Unni. La loro capitale fissata a Worms. 429. I Vandali, dopo avere attraversato la Gallia e la penisola iberica, sbarcano in Africa e danno vita a un regno indipendente entro i confini dellImpero - Nel 455 anchessi invadono lItalia e saccheggiano Roma
  • Slide 10
  • . In italia: il significato del 476 con il 476 d.C. viene deposto da un generale erulo (Odoacre) lultimo giovane imperatore Romolo Augustolo. Ci non signific subito la fine dellImpero dOccidente, ma la vacanza della sede imperiale. i regni germanici gi attivi in Spagna e in Gallia (Visigoti, Burgundi, Franchi) diventano completamente indipendenti, quando lo erano gi di fatto pretesa degli Eruli, che rappresentavano il partito di maggioranza nellesercito, di reggere le sorti dellOccidente.
  • Slide 11
  • . il fallimento dellamministrazione statale lascia il posto a quella ecclesiastica, che rispecchia lorganizzazione imperiale: papa Leone I (440-61), su incarico di Valentiniano III negozia con Attila, re degli Unni, nel 452 e con Genserico, re dei Vandali, nel 455, quando questi entra a Roma e la saccheggia Leone I, come vescovo di Roma, rivendica (ma non necessariamente ottiene!) il primato di Roma, in quanto il suo vescovo successore di Pietro, la Chiesa eredita anche il sistema giudiziario imperiale e ne fa la base su cui si sviluppa lantico diritto canonico
  • Slide 12
  • IV. Regni germanici in Occidente e leggi romano-barbariche personalit e territorialit del diritto et della personalit del diritto compresenza di diverse leges e consuetudini nazionali allinterno di un medesimo ordinamento giuridico professiones iuris il regno visigoto: da Tolosa a Toledo conversione al cattolicesimo con Recaredo (III concilio di Toledo, 589) dal probabile Editto di Teodorico II al codice euriciano lex Visigothorum:: - primo nucleo risale al codice promulgato dal re visigoto Eurico (466-485) intorno al 475-76, rinvenuto in un codice palinsesto - non concepita come redazione scritta di consuetudini e pratiche nazionali, ma come legge formulata dal re assieme ai maggiorenti del regno alla maniera delle costituzioni imperiali
  • Slide 13
  • IV. Regni germanici in Occidente e leggi romano-barbariche - viene in seguito promulgata nel 654 da Recesvindo per il regno visigoto di Spagna, con capitale Toledo da inizi sec. VI - bench rivolta in primo luogo ai Goti, favorisce la pacifica convivenza tra i 2 gruppi regolando i rapporti tra Germani e Romani e facilitando il concreto lingresso dei primi nella romanit lex Romana Visigothorum - fatta redigere da Alarico II nel 506 (nota come Breviarium Alaricianum) e destinata ai suoi sudditi romani: leges (estratti dal codice Gregoriano, Ermogeniano e teodosiano) e iura (Liber Gai, Pauli sententiae, libri responsorum di Papiniano) - fonti analoghe a quelle dellEditto di Teodorico e della Lex Romana Burgundionum, ma sono citate espressamente e il materiale utilizzato pi ampio
  • Slide 14
  • IV. Regni germanici in Occidente e leggi romano-barbariche - lex romana visigothorum viene abrogata da Recesvindo (654) con la promulgazione dei Liber Iudiciorum (12 libri come il Codice giustinianeo, ma prevale il diritto consuetudinario visigoto su quello romano) il diritto romano dei Visigoti la fonte principale di conoscenza del diritto volgare occidentale del V sec., lultimo secolo dellImpero romano dOccidente, e rimane la fonte principale del diritto romano tra VI e XI sec. nei regni germanici che prendono il posto dellImpero
  • Slide 15
  • . Sin qui abbiamo visto: a)Impero e sua decadenza (compreso lo sfilacciamento culturale e giuridico) b)Primi suoi rapporti con la Chiesa (con la C maiuscola: abbiamo parlato di chiesa romana) c)Regni romano-barbarici Affrontando il tema della Chiesa altomedievale, come si rapporta la storiografia rispetto a questi temi?
  • Slide 16