La convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle ... · PDF fileLa convenzione delle...

Click here to load reader

  • date post

    19-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    213
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of La convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle ... · PDF fileLa convenzione delle...

La convenzione delle Nazioni Unitesui diritti delle persone con disabilit

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Questa pubblicazione stata realizzata a cura della Direzione Generale della Comunicazionee della Direzione Generale per lInclusione e i diritti sociali e la responsabilit sociale delleimprese (CSR).

Il testo della convenzione stato letto da Silvia Tognoloni e Antonio Sanna.

3

Presentazione

La ratifica dellItalia della Convenzione sui diritti delle persone con disabilit ap-provata dallAssemblea Generale delle Nazioni Unite, segna un importante traguardoper il Paese intero. La capacit di risposta ai bisogni delle persone disabili uno degliindicatori principali di un Welfare moderno, maggiormente inclusivo, equo ed effi-ciente e lItalia da oggi ha fatto un passo avanti decisivo in tale direzione.

La Convenzione rappresenta pertanto uno strumento condiviso dalla comunit in-ternazionale che segna valori e obiettivi per ampliare il grado di inclusione socialedelle persone disabili. Governo e opposizione, regioni ed enti locali, imprese, mondonon profit e societ civile sono tutti chiamati a realizzare, ciascuno con la propria re-sponsabilit, una societ dove le persone disabili possano essere sempre pi protago-niste e libere.

La persona al centro, lo sviluppo integrale di ciascuna persona: questa la nostrastella polare per riconoscere e promuovere il valore infinito della persona per il solofatto che esista, cos come . Per questo mi preme innanzitutto richiamare lart. 10della Convenzione che afferma il diritto alla vita delle persone disabili: Gli Stati Partiriaffermano che il diritto alla vita connaturato alla persona umana ed adottano tuttele misure necessarie a garantire leffettivo godimento di tale diritto da parte delle per-sone con disabilit (). Tale diritto deve essere difeso in ogni istante della vita, dalconcepimento alla morte naturale, proprio perch la disabilit unesperienza umanain molti casi ancora misteriosa, che siamo chiamati a rispettare e a conoscere.

Il concetto di disabilit non indica pi un assoluto della persona come in passatoma riguarda il rapporto tra la persona e il suo ambiente di riferimento. In tal senso,negli ultimi anni, soprattutto con lavvento di nuove tecnologie, sono state abbattutenumerose barriere riducendo il grado di disabilit, qualunque fosse il suo genere.

Educazione e lavoro sono due ambiti particolari cui la Convenzione fa riferimentoinvitando a un impegno preciso istituzioni e societ civile. Come per ogni persona, ilpercorso di istruzione e formazione e lesperienza lavorativa rappresentano momentiessenziali anche per la vita di una persona disabile. E necessario pertanto svilupparepercorsi, servizi e tecnologie nuove che permettano di rispondere adeguatamente atali necessit.

Auspico infine che quanto contenuto nella Convenzione venga recepito semprepi concretamente dallItalia ed entri a far parte della nostra Costituzione materiale edel nostro vivere quotidiano. Nessuna legge o convenzione infatti pu sostituire la re-sponsabilit dei singoli e ciascuno di noi, ciascun italiano, su questo tema chiamatoa una responsabilit grande.

Maurizio SacconiMinistro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Convenzione delle Nazioni Unitesui diritti delle persone con disabilit

Preambolo

Gli Stati Parti alla presente Convenzione,

(a) Richiamando i principi proclamati nello Statuto delle Nazioni Unite chericonoscono la dignit ed il valore connaturati a tutti i membri della fami-glia umana ed i diritti uguali e inalienabili come fondamento di libert,giustizia e pace nel mondo,

(b) Riconoscendo che le Nazioni Unite, nella Dichiarazione universale dei di-ritti delluomo e nei Patti internazionali sui diritti umani, hanno proclamatoe convenuto che ciascun individuo titolare di tutti i diritti e delle libertivi indicate, senza alcuna distinzione,

(c) Riaffermando luniversalit, lindivisibilit, linterdipendenza e interrela-zione di tutti i diritti umani e libert fondamentali e la necessit di garan-tirne il pieno godimento da parte delle persone con disabilit senzadiscriminazioni,

(d) Richiamando il Patto Internazionale sui diritti economici, sociali e culturali,il Patto internazionale sui diritti civili e politici, la Convenzione interna-zionale sulleliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, laConvenzione internazionale sulleliminazione di tutte le forme di discri-minazione contro le donne, la Convenzione contro la tortura e altre peneo trattamenti crudeli, inumani o degradanti, la Convenzione sui diritti delfanciullo e la Convenzione internazionale per la tutela dei diritti di tutti ilavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie,

(e) Riconoscendo che la disabilit un concetto in evoluzione e che la disa-bilit il risultato dellinterazione tra persone con menomazioni e barrierecomportamentali ed ambientali, che impediscono la loro piena ed effettivapartecipazione alla societ su base di uguaglianza con gli altri,

(f) Riconoscendo limportanza dei principi e delle linee guida contenute nelProgramma mondiale di azione riguardante le persone con disabilit e nelleRegole standard sulle pari opportunit delle persone con disabilit e la loro

5

influenza sulla promozione, formulazione e valutazione delle politiche, deipiani, dei programmi e delle azioni a livello nazionale, regionale ed interna-zionale al fine di perseguire pari opportunit per le persone con disabilit,

(g) Sottolineando limportanza di integrare i temi della disabilit nelle perti-nenti strategie relative allo sviluppo sostenibile,

(h) Riconoscendo altres che la discriminazione contro qualsiasi persona sullabase della disabilit costituisce una violazione della dignit e del valoreconnaturati alla persona umana,

(i) Riconoscendo inoltre la diversit delle persone con disabilit,

(j) Riconoscendo la necessit di promuovere e proteggere i diritti umani ditutte le persone con disabilit, incluse quelle che richiedono un maggioresostegno,

(k) Preoccupati per il fatto che, nonostante questi vari strumenti ed impegni,le persone con disabilit continuano a incontrare ostacoli nella loro parte-cipazione alla societ come membri eguali della stessa, e ad essere oggettodi violazioni dei loro diritti umani in ogni parte del mondo,

(l) Riconoscendo limportanza della cooperazione internazionale per il mi-glioramento delle condizioni di vita delle persone con disabilit in ognipaese, in particolare nei paesi in via di sviluppo,

(m) Riconoscendo gli utili contributi, esistenti e potenziali, delle persone condisabilit in favore del benessere generale e della diversit delle loro co-munit, e che la promozione del pieno godimento dei diritti umani e dellelibert fondamentali e della piena partecipazione nella societ da partedelle persone con disabilit accrescer il senso di appartenenza ed ap-porter significativi progressi nello sviluppo umano, sociale ed economicodella societ e nello sradicamento della povert,

(n) Riconoscendo limportanza per le persone con disabilit della loro auto-nomia ed indipendenza individuale, compresa la libert di compiere leproprie scelte,

(o) Considerando che le persone con disabilit dovrebbero avere lopportunitdi essere coinvolte attivamente nei processi decisionali relativi alle politi-

6

che e ai programmi, inclusi quelli che li riguardano direttamente,

(o) Preoccupati delle difficili condizioni affrontate dalle persone con disabilit,che sono soggette a molteplici o pi gravi forme di discriminazione sullabase della razza, colore della pelle, sesso, lingua, religione, opinioni poli-tiche o di altra natura, origine nazionale, etnica, indigena o sociale, patri-monio, nascita, et o altra condizione,

(q) Riconoscendo che le donne e le minori con disabilit corrono spesso mag-giori rischi nellambiente domestico ed allesterno, di violenze, lesioni eabusi, di abbandono o mancanza di cure, maltrattamento e sfruttamento,

(r) Riconoscendo che i minori con disabilit dovrebbero poter godere piena-mente di tutti i diritti umani e delle libert fondamentali su base di ugua-glianza rispetto agli altri minori, e richiamando gli obblighi assunti a talfine dagli Stati Parti alla Convenzione sui diritti del fanciullo,

(s) Sottolineando la necessit di incorporare la prospettiva di genere in tuttigli sforzi tesi a promuovere il pieno godimento dei diritti umani e delle li-bert fondamentali da parte delle persone con disabilit,

(t) Riaffermando che la maggior parte delle persone con disabilit vive in con-dizioni di povert, e riconoscendo a questo proposito la fondamentale ne-cessit di affrontare limpatto negativo della povert sulle persone condisabilit,

(u) Consapevoli che le condizioni di pace e sicurezza basate sul pieno rispettodegli scopi e dei principi contenuti nello Statuto delle Nazioni Unite e chelosservanza degli strumenti applicabili in materia di diritti umani sono in-dispensabili per la piena protezione delle persone con disabilit, in parti-colare durante i conflitti armati e le occupazioni straniere,

(v) Riconoscendo limportanza dellaccessibilit alle strutture fisiche, sociali,economiche e culturali, alla salute, allistruzione, allinformazione e allacomunicazione, per consentire alle persone con disabilit di godere pie-namente di tutti i diritti umani e delle libert fondamentali,

(w) Consapevoli che ogni individuo, in ragione dei propri obblighi nei con-fronti degli altri individui e della comunit di appartenenza, ha una re-sponsabilit propria per la promozione e losservanza dei diritti riconosciuti

7

dalla Dichiarazione universale dei diritti delluomo e dai Patti internazio-nali sui diritti civili e politici e sui diritti economici,