ISTITUTO PARITARIO “GIOVANNI FALCONE” · Istituto Paritario Giovanni Falcone Programmazione...

Click here to load reader

  • date post

    01-Sep-2019
  • Category

    Documents

  • view

    2
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of ISTITUTO PARITARIO “GIOVANNI FALCONE” · Istituto Paritario Giovanni Falcone Programmazione...

  • ISTITUTO PARITARIO GIOVANNI FALCONE

    ISTITUTO PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI

    PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

    DI

    ELEMENTI DI STORIA DELLARTE ED ESPRESSIONI GRAFICHE

    A.S. 2016/2017, CLASSE I A

    Prof.ssa Valentina DErrico

    Storia dellarte

    temi e contenuti disciplinari

    - Introduzione allarte Preistorica

    - Classicit greca

    - Classicit romana

    - Stile Romanico e stile Gotico

    - Umanesimo e Rinascimento

    - Barocco

    - Impressionismo

    - Avanguardie Storiche: Futurismo, Cubismo, Astrattismo, Espressionismo

    Strumenti

    - Libro di testo, lavagna, dispense, quaderno.

    Metodologia

    - lezione frontale, lezione dialogata.

    Obiettivi didattici

    - Conoscenza dei termini essenziali del lessico specifico inerente le espressioni

    artistiche studiate (pittura,scultura, architettura), la storia dellarte e la critica

    darte;

    - Conoscenza di stili, correnti e singole personalit del campo artistico (cenni);

  • - Conoscenza dei principali aspetti specifici relativi alle tecniche di produzione

    dellopera darte;

    Verifica e valutazione

    - Verifica orale

    - Verifica scritta

    Disegno geometrico

    temi e contenuti disciplinari

    - Gli strumenti del disegno geometrico

    - Lutilizzo degli strumenti da disegno

    - La squadratura del foglio

    - Disegno di linee parallele con le due squadre

    - Costruzioni geometriche di linee rette, curve e poligoni

    - Lo sviluppo dei solidi

    - Le proiezioni ortogonali

    Strumenti

    - Libro di testo, lavagna, dispense fornite dall insegnante, materiale di disegno (riga,squadre, compasso, fogli, matite, mine, gomma etc.).

    Metodologia

    - Lezione frontale, lezione dialogata, realizzazione di elaborati grafici a casa e in

    classe.

    Obiettivi didattici

    - Conoscenza di specifiche modalit convenzionali di rappresentazione grafica;

    - Descrizione e uso degli strumenti del disegno : riga, squadre, compasso, mine,

    etc;

    - Tracciatura linee : marcate, sottili, tratteggiate, controllo dello spessore;

    - Conoscenza della nomenclatura e delle definizioni geometriche: punto, retta,

    piano

    etc ;

    - Conoscenza delle costruzioni geometriche fondamentali: perpendicolari, angoli,

  • triangoli, poligoni regolari etc.;

    Verifica e valutazione

    - Verifica grafica

    - Verifica in itinere

    Disegno artistico

    temi e contenuti disciplinari

    - La comunicazione visiva

    - I codici dellarte

    - Punto, linea e texture: tecniche grafiche

    - Il colore

    - Il ritratto

    - Il disegno a matita

    - Il frottage

    - La pittura a tempera e le macchie simmetriche

    Laboratori - progetti di gruppo

    - Realizzare una Moodboard

    - Il foto collage

    - La grafica pubblicitaria

    - Le maschere

    Strumenti

    - Libro di testo, lavagna, dispense, materiale di disegno artistico ( pastelli,

    pennarelli,

    matite, fogli da disegno, taccuino, colla, forbici, tessuti, ritagli, cartoncini colorati

    etc.).

    Metodologia

    - Lezione frontale, lezione dialogata, laboratorio, realizzazione di elaborati grafici in

    classe e a casa.

  • Obiettivi didattici

    - Conoscenza di semplici tecniche grafiche;

    - Acquisire tecniche e metodologie di base per lo sviluppo di azioni creative;

    - Applicare le conoscenze acquisite a contesti nuovi;

    - Elaborare forme di comunicazione artistica attraverso una pluralit di tecniche.

    Verifica e valutazione

    - Verifica grafica

    - Verifica in itinere

    Ora in compresenza con linsegnante di Metodologie operative

    Svolgimento di attivit pratiche (laboratorio artistico) al fine di acquisire

    competenze per la futura applicazione della disciplina artistica nelle comunit

    socio-educative.

    Libro di testo:

    Bessi, Caldesi, Massai, Tommasi, Casoli, Elementi di Storia dellArte ed espressioni grafiche,

    Poseidonia Scuola

    N. ore di lezione settimanali: 2

    N. alunni : 4

    Linsegnante

    Valentina DErrico

  • Istituto Paritario Giovanni Falcone Programmazione disciplinare INGLESE

    I IPSSS

    Libro di testo:

    Focus Now 1, P. Relly, M. Luminska, S. Minardi, R. Fricker, Pearson Longman

    Situazione di partenza

    La classe presenta una situazione iniziale disomogenea, con alunni che dimostrano di conoscere la Lingua )nglese a livelli diversi. Laccertamento del livello di conoscenza della lingua stato svolto attraverso colloqui orali e prove di produzione scritta.

    Finalit dellinsegnamento: obiettivi formativi della disciplina e standard minimi in termini di abilit e conoscenza Lobiettivo dellinsegnamento mira a potenziare diversi aspetti delle abilit degli studenti, tra cui: la competenza comunicativa, essenziale per permettere di interagire in diversi contesti e di padroneggiare

    efficacemente un adeguato comportamento espressivo e un ricco patrimonio linguistico; la comprensione interculturale; leducazione linguistica, in riferimento sia alla lingua inglese che a quella italiana; la consapevolezza dei propri processi di apprendimento, in modo da rendere gli studenti coscienti dei loro progressi e autonomi nellorganizzazione delle loro attivit di studio. Risultato minimo sar lacquisizione di una competenza comunicativa che renda gli studenti in grado di usufruire della lingua consapevolmente e coerentemente, sia nel contesto della produzione orale che in quello

    della produzione scritta. Essi dovranno inoltre possedere una ricca conoscenza della cultura inglese.

    Obiettivi didattici Al termine dellanno scolastico gli studenti dovranno aver acquisito competenze tali da permettergli di comprendere messaggi orali e testi scritti di diversa natura e di rielaborare, sinteticamente e analiticamente, il

    contenuto di tali messaggi e testi. Le quattro abilit linguistiche (writing, reading, listening, speaking) saranno

    inoltre intensamente sviluppate.

    Metodo di insegnamento

    Lo studio della Lingua Inglese procede tenendo conto delle competenze personali, delle abilit, degli

    interessi culturali e del grado di maturit raggiunto dagli studenti. Verranno utilizzati testi scritti e risorse

    tecnologiche di vario tipo per sottoporre gli studenti a diverse tipologie di registri linguistici e situazioni, che

    mireranno ad ampliare la loro competenza comunicativa.

    Strumenti di lavoro

    Libro di testo, testi autentici, risorse tecnologiche (laboratorio linguistico, programmi di presentazione,

    file audio e video).

    Strumenti di verifica e metodi di valutazione

    La valutazione formativa verr effettuata alla fine di ogni unit didattica con lo scopo di determinare la competenza nelluso della lingua e la conoscenza degli argomenti trattati: essa si baser su colloqui orali (individuali o collettivi) e verifiche scritte. Si terr conto anche della partecipazione in classe e dellimpegno dimostrato durante le lezioni.

    Contenuti:

    I quadrimestre UN)T Grammar: )mperative; to be; subject pronouns; demonostrative prononus; plural nouns; possessive adjectves; possessive 's; can/can't; prepositions; there is/there are; have got Vocabulary: Alphabet; classroom language; numbers; countries and nationalities; colours; adjectives; objects; family; abilities; rooms and furniture; gadgets; days of the week; months and seasons; times; ordinal numbers UN)T Grammar: Present Simple affirmative, negative, yes/no and wh- questions ; adverbs of frequency Vocabulary: Free time and routines; collocations with have, go and play; verb+noun collocations; verb+preposition collocations

  • Culture focus: Main trends in contemporary family life UN)T Grammar: Countable and uncountable nouns; some and any; much, many and a lot of; articles Vocabulary: Food and drink; food containers; phrases related to food; in a supermarket

    II quadrimestre UN)T Grammar: Present Continuous; Present Simple and Present Continuous Vocabulary: Jobs and work; jobs with suffixes; collocations with job and work; work+preposition Culture focus: Working in the UK UN)T Grammar: Comparative and superlative adjectives; have to/don't have to Vocabulary: Appearance; adjective order; personality adjectives UN)T Grammar: Must/mustn't; should/shouldn't; Past Simple was/were, could Vocabulary: Schools; objects; subjects and people at school; phrases about school; collocations with do, get and be Culture focus: Education in the UK and in the USA UN)T Grammar: Past Simple affirmative, negative, questions Vocabulary: Types of sport; health; collocations with do, go and play; collocations about sport and health

    Colleferro, 15/10/2016 La docente

    Silvia Censi

  • ISTITUTI PARITARI GIOVANNI FALCONE

    COLLEFERRO

    CLASSE: I IPSS

    MATERIA: GEOGRAFIA

    DOCENTE: Prof.ssa Lara Calvani

    PROGRAMMAZIONE A. S. 2016/2017

    STRUMENTI PER LA GEOGRAFIA

    Indicatori economici

    Dati statistici

    Interpretazione e analisi di carte geografiche

    LA POPOLAZIONE E GLI INSEDIAMENTI

    La distribuzione della popolazione sulla terra (ecumene e anecumene)

    La composizione della popolazione (piramide dellet, saldi e tassi)

    La transizione demografica

    Urbanizzazione, insediamenti

    IL SISTEMA MONDO

    La Globalizzazione

    Nord e sud del mondo (sviluppo e sottosviluppo)

    Sviluppo economico e sviluppo umano

    GLI SQUILIBRI AMBIENTALI

    Le relazioni uomo-ambiente

    Lo sviluppo sostenibile

    Linquinamento

    La desertificazione

  • I SETTORI ECONOMICI

    Origini e forme dellagricoltura

    Levoluzione dello spazio industriale

    Il settore terziario (definizione e classificazione dei servizi)

    L IDENTITA EUROPEA

    La nascita dell U.E.

    Le istituzioni comunitarie

    Le politiche dell Unione Europea

    Il futuro dell Unione Europea

    LEUROPA

    Territorio e ambienti naturali

    Popolazione

    Economia e sviluppo

    Aree geopolitiche

    LITALIA

    Territorio e ambienti naturali

    Storia e popolazione

    Economia e sviluppo

    Il programma potr subire variazioni sulla base delle esigenze didattiche

    Colleferro, 2/11/2016 Linsegnante

    Lara Calvani

  • IPSS G. Falcone Colleferro

    Programmazione di Francese a.s. 2016-2017 Classe I sez.A

    Libro di testo Caf monde Edition Lang

    Obiettivi Didattici Leggere e comprendere un testo semplice su argomenti

    della vita quotidiana. Prendere parte ad un dialogo, rispondere alle

    domande e chiedere informazioni. Descrivere una persona o un oggetto

    (scritto e orale).

    Metodo di insegnamento Verranno letti e tradotti in classe brani di cultura

    francese. Per migliorare la capacit di comprensione ed esposizione,

    nonch la pronuncia; agli alunni verranno proposti brani in lingua,

    conversazioni, letture e dialoghi tramite lausilio di cd-rom.

    Strumenti di verifica Alla fine di ogni unit didattica e di ogni modulo gli

    alunni saranno sottoposti a verifiche orali (ad ogni lezione) e scritte

    (mensilmente): prove strutturate, test a risposta multipla vero/falso,

    esercizi di approfondimento grammaticale.

    Programmazione

    Alfabeto, fonetica, dittonghi, suoni nasali Presente indicativo di essere e

    avere Verbi della prima , seconda e terza coniugazione, presente indicativo

    del verbo andare Gli articoli determinativi e indeterminativi Plurale di

    sostantivi e aggettivi Il y a Pronomi personali sogg. e compl. Pronome ON

    Numeri Femminile Plurale Preposizioni di luogo e articolate Frase

    interrogativa e negativa Lessico attinente alla sfera quotidiana, la famiglia,

    la casa, la scuola, i giorni della settimana, i mesi, le stagioni, lora, i

    numeri, la citt.

  • ISTITUTO PARITARIO G. FALCONE

    Via dellartigianato 13

    Colleferro (Rm)

    PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SCIENZE NATURALI

    Anno scolastico: 2016/2017

    Classe: I I.T. AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

    Docente: Elisa Corsi

    Libro di testo: Scienze della Terra e Biologia Smart, Linx

    Finalit

    Gli interventi didattici hanno come obiettivi generali quello di promuovere negli studenti una mentalit scientifica stimolandoli ad osservare in modo critico la realt che li circonda, a porsi domande, ed a elaborare ipotesi, mediante lausilio di una appropriata terminologia scientifica. Sviluppare in essi la capacit di passare dal particolare al generale mediante la rappresentazione dei fenomeni osservati e la successiva costruzione di modelli concettuali generali. Stimolare la socializzazione nellambito del gruppo classe e allinterno di piccoli gruppi; promuovere mediante il lavoro di gruppo collaborazione e il confronto tra pari, alla base della costruzione di significati dell'apprendimento. Costruire una coscienza ambientale.

    Obiettivi didattici

    Ricercare e utilizzare informazioni da varie fonti

    Rappresentare con schemi processi e aspetti caratterizzanti dei fenomeni

    Porsi domande esplicite e individuare paralleli significativi da indagare a partire dalla propria esperienza, dai mezzi di comunicazione e dai libri di testo

    Sviluppare un corretto utilizzo del linguaggio scientifico Favorire e stimolare il rispetto, la tutela e la salvaguardia della salute dellambiente Attivit pratiche ed esperienze laboratori

    Approfondire in modo autonomo e critico le conoscenze

  • Metodologia

    La dimensione sperimentale costitutiva della disciplina e il laboratorio uno dei momenti pi significativi in cui essa si esprime. Si cercher di coinvolgere i ragazzi organizzando lesecuzione di attivit sperimentali che si potranno svolgere in classe con supporti multimediali (ad esempio: utilizzo di filmati, modelli ed esperimenti virtuali, simulatori), oppure con la presentazione e discussione di piccoli lavori di elaborazione di dati sperimentali o infine sul campo in attivit specifiche.

    Strumenti

    Libro di testo Stampa specialistica e visitazione del web Documentari

    La diversificazione degli strumenti per lo studio delle singole unit sar utile per meglio approfondire i concetti scientifici e per abituare gli studenti a non considerare il libro di testo come unico riferimento allapprendimento delle tematiche da affrontare, favorendo, al contempo, il dialogo alunno/docente che risulta importante nel processo dapprendimento.

    Attivit di recupero

    Lettura in classe del libro di testo. Ripetizione delle lezioni e richiami a nozioni del programma gi svolto attraverso le

    verifiche formative. Organizzazione di dibattiti su di un tema dato per chiarire alcuni argomenti e

    migliorare luso del linguaggio scientifico.

    Verifica formativa:

    Allinizio di ogni lezione si accerta il grado di conoscenza e comprensione degli argomenti svolti e si procede ad eventuali recuperi e correttivi. Durante tali accertamenti sono incoraggiati interventi al fine di promuovere la partecipazione attiva, lespressione orale e il ragionamento controllando le conoscenze.

    Verifica sommativa:

    Modulo per modulo verranno somministrati test di verifica scritta di tipo oggettivo che forniranno indicazioni per la valutazione delle abilit pi semplici come la conoscenza della terminologia, la comprensione degli argomenti, la memorizzazione.

    Per livelli di apprendimento pi complessi come la capacit di analisi, sintesi ed applicazione vengono utilizzate relazioni scritte, colloqui orali e lanalisi dei prodotti di lavori laboratoriali, di gruppo e/o individuali.

    Per le prove strutturate oggettive la valutazione viene effettuata tramite griglie analitiche ed individuando diverse fasce di livello in base al punteggio raggiunto. I criteri di valutazione seguenti vengono graduati in relazione al livello della classe.

  • Articolazione dei contenuti:

    LUniverso

    La sfera celeste e le costellazioni Le coordinate celesti Le distanze astronomiche Gli strumenti dellastronomia Il ciclo di vita delle stelle: il diagramma H-R Le galassie e la loro classificazione La Via Lattea Origine ed evoluzione dellUniverso Materia ed energia oscura

    Il Sistema Terra

    Forma e dimensioni della Terra Reticolato geografico e coordinate geografiche Orientarsi sulla superficie della Terra Moti della Terra: prove e conseguenze Moti millenari della Terra I fusi orari Leffetto Coriolis Il campo magnetico terrestre

    Il Sistema Solare

    Il Sole e la sua struttura interna

    Il sistema planetario: caratteristiche dei pianeti del sistema solare

    La gravit nel sistema solare

    Il moto dei pianeti intorno al Sole

    Pianeti nani

    Asteroidi

    Comete

    Meteore

    La Luna

    Le caratteristiche della Luna

    I moti della Luna

    Le fasi lunari

    Le eclissi

    Lorigine della Luna

  • Atmosfera e climi

    Composizione e struttura

    Temperatura, umidit, precipitazioni

    I fenomeni meteorologici

    Il tempo e il clima

    Il buco dellozono e leffetto serra: cause e conseguenze

    Lacqua e lidrosfera

    Propriet dellacqua, ciclo dellacqua

    Chimica dellacqua particolarit di questo elemento

    Le acque continentali : i corsi dacqua, le acque sotterranee, i ghiacciai

    Le caratteristiche degli oceani e dei mari, le correnti superficiali e profonde

    Inquinamento delle acque

    La litosfera

    I minerali

    La struttura cristallina

    La formazione e lidentificazione dei minerali

    Il ciclo delle rocce

    Rocce ignee: processi di formazione e classificazione

    Rocce sedimentarie: processi di formazione e classificazione

    Rocce metamorfiche: processi di formazione e classificazione

    La Struttura Interna della Terra

    Interno della Terra: strati e discontinuit Struttura della crosta oceanica e continentale Struttura del mantello e del nucleo La teoria della deriva dei continenti Teoria della tettonica a placche Le dorsali oceaniche Lespansione dei fondali oceanici: evidenze magnetiche e batimetriche Formazione e consumo della crosta Nuove montagne e nuovi oceani

    I Fenomeni Vulcanici

    Cosa un vulcano I tipi di eruzione I prodotti delle eruzioni La forma ed i tipi di vulcano La distribuzione dei vulcani Supervulcani, sorgenti termali, geyser Rischio ambientale, prevenzione e fenomeni precursori

  • I Fenomeni Sismici

    Cosa un terremoto Le onde sismiche e loro propagazione Metodi per la localizzazione dellepicentro Strumenti e scale di misura dei terremoti La distribuzione geografica dei terremoti Tsunami Rischio sismico, prevenzione e fenomeni precursori Importanza delle strutture antisismiche

    Colleferro 28.10.16 Docente: Corsi Elisa

  • ISTITUTO G. FALCONE

    PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA

    ANNO SCOLASTICO 2016/2017

    I.P.S.S.

    Docente: Mauro Mastrandrea

    Classe: I

    Finalit ed obiettivi:Al termine del percorso didattico qui presentato lo studente conosce i principali

    eventi e le trasformazioni di lungo periodo della storia dellEuropa e dellItalia, dalla preistoria allavvento

    dellimpero romano, nel quadro della storia globale del mondo; usa in maniera appropriata il lessico e le

    categorie interpretative proprie della disciplina; sa leggere e valutare le diverse fonti; guarda alla storia

    come a una dimensione significativa per comprendere, attraverso la discussione critica e il confronto fra

    una variet di prospettive e interpretazioni, le radici del presente. Il punto di partenza sar la sottolineatura

    della dimensione temporale di ogni evento e la capacit di collocarlo nella giusta successione cronologica,

    in quanto insegnare storia proporre lo svolgimento di eventi correlati fra loro secondo il tempo. Daltro

    canto non va trascurata la seconda dimensione della storia, cio lo spazio. La storia comporta infatti una

    dimensione geografica; e la geografia umana, a sua volta, necessita di coordinate temporali. Le due

    dimensioni spazio-temporali devono far parte integrante dellapprendimento della disciplina. Avvalendosi

    del lessico di base della disciplina, lo studente rielabora ed espone i temi trattati in modo articolato e

    attento alle loro relazioni, coglie gli elementi di affinit-continuit e diversit- discontinuit fra civilt

    diverse, si orienta sui concetti generali relativi alle istituzioni statali, ai sistemi politici e giuridici, ai tipi di

    societ, alla produzione artistica e culturale.

    Strumenti e metodi: il programma sar articolato in moduli didattici, la trattazione dei quali preveder

    lintegrazione tra lezioni frontali, didattica interattiva e partecipata e lo studio del manuale in uso. Ad ogni

    modo ciascun modulo didattico sar introdotto da attivit di brain-storming finalizzate a testare le

    conoscenze e le capacit in ingresso da parte degli studenti e preveder attivit di consolidamento e recupero

    in itinere; infine saranno tenute attivit di riepilogo e sintesi degli argomenti trattati.Lattivit didattica si

    avvarr, relativamente ai moduli che lo richiedono, di sussidi multimediali e audio-visivi,di fotocopie e

    dispense; ampio spazio sar dato allintegrazione interdisciplinare e alla lettura dei testi e di passi scelti.

    Contenuti:

    UDA 1: la preistoria. Cos' la storia; come lavora lo storico; diversi modi di calcolare il tempo; la comparsa

    dell'essere umano;il Paleolitico; il Mesolitico; la rivoluzione Neolitica.

    UDA 2: le civilt dell'antico Oriente. Le civilt della Mesopotamia; la civilt egizia;le civilt dell'antica

    Palestina.

    UDA 3: la civilt greca. La civilt cretese;i Micenei; il Medioevo ellenico; la nascita della polis; la comparsa

    dei tiranni; l'espansione coloniale;

    UDA 4: Sparta e Atene La tripartizione della societ spartana; l'organizzazione politica di Sparta; Atene

    nell'et arcaica;la strada verso la democrazia; la tirannide di Pisistrato; Clistene.

  • UDA 5: il mondo dei Greci. La coesione del mondo greco; la religione;i culti alternativi; i giochi panellenici;

    la nascita della filosofia;la condizione femminile a Sparta e Atene.

    UDA 6: le guerre persiane e l'et classica. Lo scontro tra Greci e Persiani; l'ascesa di Atene;l'et di Pericle; la

    cultura democratica; imperialismo e democrazia; la guerra del Peloponneso.

    UDA 7: dalla crisi della polis all'ellenismo. Il declino della polis; l'egemonia spartana; l'ascesa dei Macedoni;

    Alessandro il Grande; l'eredit di Alessandro; la cultura ellenistica.

    UDA 8: l'ascesa di Roma. Le civilt dell'Italia preromana; la civilt etrusca;le origini di Roma;

    lorganizzazione politica; la struttura sociale; la famiglia;la religione

    UDA 9: l'espansione in Italia. L'avvento della repubblica; l'evoluzione della societ romana nel V secolo; le

    magistrature repubblicane; le guerre sannitiche;lo scontro con Taranto e Pirro

    UDA 10: le guerre puniche e la conquista dell'Oriente. Lo stato cartaginese;i rapporti tra Roma e Cartagine;

    prima e seconda guerra punica; la conquista dell'Oriente; la terza guerra punica.

    UDA 11: la repubblica verso la crisi I tentativi di riforma dei Gracchi; lascesa di Mario; la guerra tra Mario e

    Silla; il primo triumvirato; Cesare conquista il potere; la morte di Cesare.

    Verifiche e strumenti di valutazione: a conclusione di ogni trattazione sono previste interrogazioni orali

    per verificare lacquisizione delle competenze di base e lavvenuta conoscenza di ciascun argomento, alla

    valutazione delle quali, concorreranno anche limpegno profuso e la partecipazione dimostrata in classe e

    nelle attivit assegnate. Sono previste, inoltre, per ciascun quadrimestre, N.2 o pi verifiche scritte del tipo a

    risposta aperta e/o chiusa. Infine si terranno verifiche in itinere per accertare landamento e lassimilazione

    dei vari argomenti ed in modo tale che possano essere somministrate eventuali correzioni nella trasmissione

    dei contenuti e previste ed ideate attivit di consolidamento o recupero .

  • ISTITUTO G. FALCONE

    PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO

    ANNO SCOLASTICO 2016/2017

    I.P.S.S.

    Docente:Mauro Mastrandrea

    Classe: I

    Finalit ed obiettivi:il qui presente itinerario didattico mira innanzitutto a mettere lo studente nella

    condizione di colmare eventuali lacune riguardo la conoscenzae luso della lingua italiana nei suoi aspetti

    lessicali e morfo-sintattici.Dopodich previsto il consolidamento e lapprofondimento delle sue capacit

    linguistiche sia dal punto di vista delloralit sia della scrittura, mediante attivit che promuovano un uso

    linguistico efficace e corretto, affiancate da una riflessione sulla lingua orientata ai dinamismi di coesione

    morfosintattica e coerenza logico-argomentativa del discorso. Lo studente al termine dellazione didattica

    dovr sapere padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire linterazione

    comunicativa verbale in vari contesti, leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo, produrre

    testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi .Inoltre avr acquisito la capacit di ascoltare e

    comprendere, globalmente e nelle parti costitutive, testi di vario genere, articolati e complessi nonch di

    utilizzare metodi e strumenti per fissare i concetti fondamentali, ad esempio appunti, scalette, mappe;

    applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi;applicare la conoscenza ordinata

    delle strutture della lingua italiana ai diversi livelli del sistema. Nellambito della produzione e

    dellinterazione orale, attraverso lascolto attivo e consapevole,dovr saper padroneggiare situazioni di

    comunicazione tenendo conto dello scopo, del contesto, dei destinatari;esprimere e sostenere il proprio punto

    di vista e riconoscere quello altrui. Nellambito della produzione scritta, lo studente dovr saper ideare e

    strutturare testi di varia tipologia, utilizzando correttamente il lessico, le regole sintattiche e grammaticali, ad

    esempio, per riassumere, titolare, parafrasare, relazionare, argomentare, strutturare ipertesti, ecc. Lo stesso

    dicasi circa la riflessione sulla lingua dal punto di vista lessicale, morfologico, sintattico. Tutto ci

    presuppone naturalmente la conoscenza del sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi

    livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo e della frase semplice, frase complessa, lessico;

    delle strutture della comunicazione e delle forme linguistiche di espressione orale;le modalit di produzione

    del testo; lasintassi del periodo e l uso dei connettivi;il corretto uso della punteggiatura;le variet lessicali,

    anche astratte, in relazione ai differenti contesti comunicativi;le strutture essenziali dei testi descrittivi,

    espositivi, narrativi, espressivi, valutativo- interpretativi, argomentativi, regolativi;le modalit e le tecniche

    relative alla competenza testuale.

    Strumenti e metodi:il programma sar articolato in moduli didattici, la trattazione dei quali preveder

    lintegrazione tra lezioni frontali, didattica interattiva e partecipata e lo studio del manuale in uso. Ad ogni

    modo ciascun modulo didattico sar introdotto da attivit di brain-storming finalizzate a testare le

    conoscenze e le capacit in ingresso da parte degli studenti e preveder attivit di consolidamento e recupero

    in itinere;infine saranno tenute attivit di riepilogo e sintesi degli argomenti trattati.Lattivit didattica si

    avvarr, relativamente ai moduli che lo richiedono,di sussidi multimediali e audio-visivi,di fotocopie e

    dispense; ampio spazio sar dato allintegrazione interdisciplinare e alla lettura dei testi e di passi scelti.

    Contenuti.

    GRAMMATICA:

    La fonologia

    Lortografia

    La punteggiatura

    Larticolo

  • Il nome

    Il verbo

    Analisi grammaticale

    Analisi logica e trattazione dei principali complementi

    Introduzione allanalisi del periodo

    Antologia:

    Fabula e intreccio

    Schema narrativo;

    Luogo e tempo del racconto;

    Ruolo dei personaggi allinterno del sistema narrativo;

    Le diverse tipologie di narratore;

    Tecniche di rappresentazione delle parole e dei pensieri dei personaggi ( discorso diretto, indiretto, indiretto libero, monologo ,soliloquio e flusso di coscienza.

    Il riassunto;

    Testi autobiografici (la lettera formale ed informale e il diario);

    Generi della narrativa ed elementi della narrazione;

    Lettura ed analisi di alcuni brani antologizzati;

    Lettura integrale di romanzi a scelta della docente;

    Introduzione al romanzo

    Epica:

    L pos;

    Omero e la questione omerica;

    LIliade: caratteristiche,coordinate storiche e geografiche,piano dellopera, la trama

    Parafrasi, analisi,commentodelproemio;

    Lettura ed analisi di passi scelti;

    LOdissea:caratteristiche ,coordinate storiche e geografiche,piano dellopera,la trama

    Parafrasi ed analisi del proemio;

    Lettura ed analisi di passi scelti;

    Virgilio e lEneide

    LEneide:caratteristiche,coordinate storiche e geografiche,piano dellopera,la trama

    Lettura, parafrasi,analisi e commento di alcuni passi a scelta della docente.

    Verifiche e strumenti di valutazione:a conclusione di ogni trattazione sono previste interrogazioni orali per

    verificare lacquisizione delle competenze di base e lavvenuta conoscenza di ciascun argomento,alla

    valutazione delle quali,concorreranno anche limpegno profuso e la partecipazione dimostrata in classe e

    nelle attivit assegnate.Sono previste,inoltre, per ciascun quadrimestre,N.2 o pi verifiche scritte del tipo a

    risposta aperta e/o chiusa;N.3 compiti in classe per ogni quadrimestre.Infine si terranno verifiche in itinere

    per accertare landamento e lassimilazione dei vari argomenti ed in modo tale che possano essere

    somministrate eventuali correzioni nella trasmissione dei contenuti e previste ed ideate attivit di

    consolidamento o recupero.

  • ISTITUTO G. FALCONE COLLEFERRO (RM)

    PROGRAMMA DI FISICA

    CLASSE: I A IPSS A.S. 2016 2017 Prof. Rossi Fabio

    Modulo1: Le grandezze fisiche e loro misura.

    - Le grandezze: o Di che cosa si occupa la fisica? o La misura delle grandezze. o Le definizioni operative. o Il Sistema Internazionale di Unit. o Lintervallo di tempo. o La lunghezza. o Larea e il volume. o La massa inerziale e la densit o Le temperatura e i passaggi di stato. o La rappresentazione dei dati sperimentali o Relazioni matematiche tra grandezze fisiche: le leggi o La proporzionalit diretta e inversa

    - La misura: o Gli strumenti. o Lincertezza delle misure. o Il valore medio e lincertezza. o Lincertezza delle misure indirette. o Misure di superficie e di volume

    Modulo 2: Le forze e lequilibrio.

    - I vettori: o Definizione di vettore. o Grandezze scalari e vettoriali. o Le operazioni con i vettori..

    - Le forze: o Le forze cambiano la velocit o La misura delle forze. o Le forze sono vettori. o La forza-peso. o Le forze di attrito. o La forza elastica.

    - L equilibrio dei solidi: o Il punto materiale ed il corpo rigido. o Equilibrio del punto materiale. o Leffetto di pi forze su un corpo rigido. o L equilibrio dei corpi appoggiati. o L equilibrio dei corpi appesi.

  • Modulo 3: Cinematica.

    - La velocit o La meccanica. o Il punto materiale in movimento o I sistemi di riferimento. o Il moto rettilineo. o La velocit media. o Calcolo della distanza e del tempo. o Il grafico spazio-tempo. o Il moto rettilineo uniforme o Calcolo della posizione e del tempo nel moto uniforme

    Data

    ______________

    Firma Docente

    ___________________________

    Firma Studenti

    ____________________________

    ____________________________

    ____________________________

  • ISTITUTO PARITARIO GIOVANNI FALCONE COLLEFERRO Programma di scienze umane Anno scolastico 2016/2017 ClasseIA IPSS Docente: Di Vito Fulvia -LE SCIENZE UMANE E SOCIALI .Cosa sono le scienze umane e sociali .Il concetto di scienza .Interdisciplinarita tra scienze umane e sociali -LANTROPOLOGIA CULTURALE .Nascita dellantropologia culturale .Il metodo etnografico -LA SOCIOLOGIA .Concetti fondamentali della sociologia -LA PSICOLOGIA .La psicologia in Europa .Lo sviluppo della psicoanalisi .Il cognitivismo .Il comportamentismo -LATTENZIONE E LA PERCEZIONE .Che cosa lattenzione .Che cosa la percezione -LA MEMORIA .Che cosa la memoria .I magazzini della memoria .Loblio -LAPPRENDIMENTO .Che cosa lapprendimento .Limprinting .Lapprendimento per condizionamento classico .Lapprendimento per condizionamento operante .Lapprendimento per imitazione .Lapprendimento come processo cognitivo -IL PENSIERO .Che cosa il pensiero .Il ragionamento .Risolvere problemi -LINTELLIGENZA .Che cosa lintelligenza .Lintelligenza e misurabile -LINFANZIA AFFERMATA

  • .Un mondo di diritti

    .La convenzione internazionale sui diritti dellinfanzia -LA CRISI DI IDENTIT E IL DISAGIO DEI GIOVANI .In cerca di una nuova identit .Leta del disagio -LA COMUNICAZIONE .Che cosa la comunicazione .Le funzioni della comunicazione .Che cosa la pragmatica della comunicazione .Gli assiomi della comunicazione .La cinesica, la prossimica, laspetto esteriore,la comunicazione par verbale. -LA SOCIALIZZAZIONE .Che cosa la socializzazione -Le fasi della socializzazione -Le dimensioni della socializzazione -LA FAMIGLIA .Il concetto di famiglia .La famiglia come ambiente di crescita e apprendimento.

  • ISTITUTO PARITARIO GIOVANNI FALCONE

    Via dellArtigianato, 13

    Colleferro (RM)

    PROGRAMMAZIONE DI SPAGNOLO

    Classe I IPSSS

    A.S. 2016/2017

    Docente: Arianna Santucci

    TESTO ADOTTATO

    Ya est! Vol. 1

    OBIETTIVI

    Lazione didattica ha come obiettivo quello di fornire agli alunni una competenza di base della

    materia. Lobiettivo, in questo primo anno, il raggiungimento del livello A1-A2 del QCER.

    Al termine del I anno gli studenti dovranno essere in possesso delle seguenti competenze:

    Comprendere ed utilizzare frasi ed espressioni semplici, di uso quotidiano, per parlare di s stessi o di altri, fornire e chiedere informazioni personali come presentarsi, saper fornire

    dettagli su dove si abita, le persone che si conoscono, la propria famiglia.

    Utilizzare a comprendere frasi basilari atte a soddisfare bisogni di tipo concreto, come chiedere informazioni o comprare un abito in un negozio;

    Conoscere gli elementi basilari della cultura spagnola e dei Paesi in cui si parla spagnolo, conoscere alcuni elementi delle variet linguistiche che caratterizzano la lingua spagnola.

    METODI

    Le lezioni avranno come scopo quello di sviluppare le seguenti abilit, come indicato nel QCER:

    comprensione scritta e orale, produzione scritta e orale e interazione. Pertanto, durante le lezioni, gli

    studenti saranno chiamati a produrre testi scritti e orali, a lavorare su esercizi di grammatica,

    interagire tra di loro e con linsegnante attraverso linterpretazione di ruoli relativi allargomento

    studiato ed, infine, allascolto e comprensione di testi orali.

    CONTENUTI

    Grammatica e Funzioni:

    Saluti e presentazioni, fornire informazioni personali Alfabeto e regole di pronuncia Chiedere e dire la data Descrivere laspetto fsico e il carattere Parlare dello stato danimo Descrivere la casa e gli oggetti in essa contenuti (forma, colore, misure) Localizzare gli oggetti nello spazio Parlare di azioni abituali Chiedere e dire lora Esprimere gusti e manifestare accordo o disaccordo I vestiti (Colori, taglie, tessuti) Parlare di un passato recente Parlare di un futuro prossimo Bar e ristoranti: come ordinare

  • Descrivere al passato e parlare di azioni abituali al passato Esprimere cambiamenti e trasformazioni Comparare

    Aspetti culturali

    Paesi dove si parla lo spagnolo Modi di salutare La famiglia spagnola La monarchia spagnola Case tipiche I marchi spagnoli Cibi e piatti tipici

    VERIFICHE E VALUTAZIONI

    La valutazione avverr attraverso verifiche scritte: strutturate e semi-strutturate; verifiche orali e di

    ascolto e comprensione, volte a valutare la conoscenza dei temi trattati, la capacit di comprensione,

    ma anche la pronuncia.

    La valutazione di fine quadrimestre terr conto anche di altri elementi quali: limpegno, la

    partecipazione, la collaborazione e i progressi rispetto ai livelli di partenza.

    EVENTUALI INTERVENTI DI RECUPERO

    In caso di mancato o parziale raggiungimento degli obiettivi prefissati verr attuato un intervento di

    recupero individuale o collettivo. Individuale: collaborazione tra alunno e insegnante per

    individuare insieme le difficolt incontrate, lettura dei testi relativi allargomento non assimilato;

    Collettivo: lettura dei testi relativi allargomento non assimilato; utilizzazione di schede in cui

    vengono semplificati concetti; discussioni collettive.