Io lavo eco

download Io lavo eco

of 24

Embed Size (px)

description

 

Transcript of Io lavo eco

  • 1. Raccolta delle ricette per detersivi e detergenti che hanno aderito al contest . deodorante 100% naturale . dentifricio fai da te in polvere . profumatore e anticalcare per lavastoviglie . sapone bucato autoprodotto . Gel di sapone . Detersivo completo per bucato . Detergente in crema per sanitari . Detergente pavimenti . Deodorante per ambienti antizanzare . Detersivo in polvere per lavastoviglie . Come pulire vetri e specchi
  • 2. Deodorante 100% naturale Da tantissimo volevo fare questo post e proporvi la "ricetta segreta" di un deodorante super natural che ho trovato molto tempo fa su Promiseland (e che forse non saprei pi trovare) e approvata da Fabrizio Zago. Gli ingredienti sono semplicissimi e credetemi il risultato garantito al 100%: -contenitore piccolo vuoto (va benissimo il barattolino di una crema che avete finito e ben lavato) -bicarbonato in polvere , lo trovate in qualsiasi supermercato a prezzo bassisimo (credo max 50 cent) -glicerolo (glicerina), io la acquisto in farmacia (un flaconcino a 90 cent) La sua creazione immediata e velocissima: mettete due cucchiaini di bicarbonato nel barattolo e un po' di glicerina, quanto basta perch il composto risulti cremoso e spalmabile. Mescolare bene il tutto e...voil...tutto qua, semplice, economico, veloce, inodore, efficace e naturale! Provare per credere! Fatemi sapere! deodorante 100% naturale "Con questa ricetta partecipo al contest Io lavo eco, I love eco di GocceD'aria e VerdeVero" http://mammacuore.blogspot.it/2013/02/deodorante-100-naturale.html Il dentifricio fai-da-te in polvere Eccola qua finalmente, la mia ultima autoproduzione! Ho deciso che nella prossima vita, che sia il prossimo atto di questa o che sia la prossima eventuale reincarnazione in versione umana, far l'erborista! Mi piace sempre di pi documentarmi sulle propriet delle erbe, cercare ricette, confrontarle, parlarne con il mio fidatissimo erborista che non si risparmia in spiegazioni e
  • 3. notizie interessanti ( un pozzo di saggezza "green"), mettere a punto la mia, provarla e magari apprezzarne anche i risultati! Eh s, perch l'ultimo passaggio non mica scontato, mica funziona sempre tutto al primo tentativo... Ma dell'attuale dentifricio, dopo prove, assaggi, aggiunte, sono proprio soddisfatta! Avevo gi usato un dentifricio naturale in polvere, regalatomi per il mio compleanno di qualche anno fa. Ricordo che lo provai ma lo abbandonai perch trovavo strana quella consistenza cos nuova; poi ci riprovai, ci "feci amicizia" e usai tutto il barattolino. Ma la mia esperienza fin l, ero ancora molto superficiale sul discorso del consumo critico e da allora sono cresciuta molto in questo senso. Ma magari vi chiederete cosa ho messo in questo dentifricio, allora basta chiacchiere e veniamo al sodo. Non essendo una chimica, un erborista n una spacciatrice, sono sprovvista di bilancino di precisione, per cui le dosi ve le do a cucchiaiate, anzi a cucchiainate da caff: 10 cucchiaini di argilla bianca, 3 cucchiaini di menta secca tritata, 3 cucchiaini di salvia secca tritata, 6 gocce di o.e. di tea tree L'argilla bianca l'ingrediente base, remineralizzante e aiuta a combattere la placca. La menta l'ho messa perch rinfrescante e profuma l'alito. La salvia per le sue eccellenti propriet sbiancanti (inciso per i fumatori: provate a strofinare una foglia di salvia su eventuali macchie dei denti, stupefacente il suo effetto immediato!) Il tea tree oil, tra le sue numerose propriet, ha quella di essere un antibatterico, caratteristica fondamentale per un dentifricio. Leggendo le varie ricette proposte sul web, ho trovato spesso anche il bicarbonato tra gli ingredienti: aggiunto per le sue qualit sbiancanti ma, essendo molto corrosivo (e anche su suggerimento dell'erborista), ho preferito ometterlo, visto che il mio dentifricio contiene
  • 4. gi la salvia allo stesso scopo. Se poi si fa proprio fatica a tollerare la formula in polvere si pu aggiungere della glicerina vegetale che lo trasforma in pasta. Io ho preferito questa versione perch in polvere si conserva per mesi e mesi, e anche perch una versione estremamente economica se consideriamo che mezzo etto di argilla costa un euro (e io ne ho usato meno della met), la menta e la salvia le ho prese dal mio terrazzo e seccate e il tea tree oil ce l'avevo in casa perch si presta a infiniti usi (ad ogni modo, una boccetta costa circa 7 euro ma dura una vita). Due accorgimenti sull'uso del dentifricio in polvere autoprodotto: - ha un sapore un po' salino a cui non si abituati se si usa il dentifricio industriale, - non immergere lo spazzolino nel barattolo perch se si inumidisce non si conserva bene (noi usiamo una palettina di quelle del gelato in coppetta). Tante sono le autoproduzioni che ho in mente, ma purtroppo al momento non ho un gran budget da spendere in erboristeria, che da un po' di tempo ormai si affiancata alla libreria nei miei sogni di shopping folle, altro che scarpe e vestiti! Perch vero che alcune cose, come l'argilla, non costano niente, o, come la menta, le prendo dal mio terrazzo, ma altre, come gli oli, costicchiano e purtroppo non se ne possono acquistare 10 gocce per volta! Cos ogni tanto compro un'ingrediente, che poi sicuramente user per diverse produzioni, e prima o poi la mia scatola della piccola alchimista raggiunger un riempimento almeno degno e io potr dare sfogo alla mia voglia di autoproduzione e mettere a frutto le conoscenze che sto acquisendo in materia :) http://dovegirailsole.blogspot.it/2012/07/il-dentifricio-fai-da-te-in-polvere.html
  • 5. Del limone non si butta via niente profumo e anticalcare Da quando ho avuto problemi di gastrite sono rimasta parecchio affezionata allacqua con il limone, senza ghiaccio, possibilmente tiepida. Per me la cura a tutti i mali, probabilmente ve lavr detto mille volte. E mi rimasta labitudine di iniziare la giornata con un bicchiere di acqua e succo di limone appena spremuto, un ottimo modo per depurarsi ma ha tanti altri vantaggi che potete trovare su GreenMe. In tante preparazioni possibile sfruttare anche la buccia del limone, come nello sciroppo, o nella preparazione di dolci, o per completare e insaporire piatti salati. Ma tante altre volte la buccia viene scartata, ed un vero peccato! Allora, per prima cosa mi assicuro che non siano rimasti semi nel mezzo-limone. dopodich come prima cosa ci strofino la rubinetteria della cucina (ha effetto anticalcare e lucida molto bene) e poi.. .. iniziamo dal fatto che purtroppo ho scoperto che esistono i deodoranti per lavastoviglie,
  • 6. e lho scoperto perch avevo lasciato un mestolo di legno da mia suocera e lei lo aveva lavato proprio in lavastoviglie. Beh, fatto sta che sono passati mesi prima che quellodore orribile venisse via dal mestolo! A dir la verit stenta a venir via anche dalle stoviglie, ma diciamo che con una bella lavata da quelle viene via. Beh, dopo questa esperienza sgradevole (oltre che il moroso lha convinta a non usarlo pi perch praticamente questo profumo rimane sulle stoviglie e poi si sente pure mangiando..), ho iniziato a mettere i mezzi limoni in lavastoviglie durante il lavaggio proprio al posto del fatidico profumo. Beh, a termine ciclo sentirete che profumo fresco che uscir! E soprattutto 100% naturale! http://latanadelriccio.wordpress.com/2013/07/07/del-limone-non-si-butta-via-niente-profumo-e- anticalcare/ Sapone bucato autoprodotto ...con olio di frittura usato ! Tra le varie ricette che si possono trovare nel web , vi propongo quella che io eseguo . Perche ?
  • 7. Perche' ci permette di recuperare l'olio di frittuta ... Perche' e' un buon metodo per acquisire un po' di praticita' ... Perche' il sapone da bucato ... e' una grande conquista ... Perche' e' la materia prima per autoprodurci il detersivo/ lavatrice e altri detersivi ... Fare il sapone e' bellissimo e ti da' un senso di liberta' perche' non si dipende piu' dall' acquisto di questo prodotto ... ma... ... e' neccessario seguire delle rigide norme di sicurezza ! Per questo consiglio vivamente prima di prendere in mano la Soda Caustica ( idrossido di sodio ) leggere quanto ben riportato nel sito : il mio sapone naturale : sicurezza che troverete qui Se si commettera' delle imprudenze o leggerezze ci si assume la piena responsabilit! Non risponder in nessun caso delle conseguenze di un uso scorretto o improprio delle sostanze chimiche che si utilizzera'. Detto questo , passo al metodo : Questo metodo " tutto a freddo " non abbisogna di termometro per misurare le temperature degli ingredienti , perche' si andra' ad usufruire del calore sprigionato dalla naturale reazione della soda caustica sciolta nell 'acqua per scaldare i grassi ( nel nostro caso olio d'oliva e olio misto usato ). Si raccomanda di non essere approssimativi nei pesi ...dovranno essere esatti al grammo ! Il materiale usato ( a parte la bilancia ) dovra' essere destianto solamente a questa funzione. Note sull' olio di frittura : Sconsiglio vivamente di usare olio di Palma in quanto purtoppo vengono devastate foreste vergini per la pian