In Roma 30 gennaio

Click here to load reader

  • date post

    30-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    230
  • download

    7

Embed Size (px)

description

settimanale di cultura, spettacolo, cinema, musica, teatro. Tutti gli appuntamenti culturali della capitale

Transcript of In Roma 30 gennaio

  • Informazione pubblicitaria a cura della Sport Network - Allegato al

    FILM | CONCERTI | SPETTACOLI | MOSTRE | ENOGASTRONOMIA | FIERE | EVENTI SPORTIVI | CORSI | ITINERARI | FUORI PORTA

    pENSoChEUN SogNo CoSBEppE FIorEllo incontRa domenico modugnoin uno degLi eventi deLLa stagione teatRaLe > p.2-3

    LINO LA PERA

    CINEMALa gente che sta bene

    con cLaudio bisio> p.5

    MUSICARitoRna in conceRto

    Luca caRboni> p.8

    IN pIcon iL sei nazioni

    tempo di scuoLadi Rugby> p.16

  • 2 CopErtINA

    Quando ha interpretato Modugno per laRai nella fiction Volare La grande sto-ria di Domenico Modugno ha con-quistato l'Italia, catturando davanti alpiccolo schermo oltre 16 milioni di spettatori. Lamagia di un cantante che nel cuore di interegenerazioni di italiani, ma merito anche diquesto ex ragazzo triste che per lungo tempoha vissuto all'ombra di un fratello dal talento stra-ordinario, pi solare e immediatamente sim-patico. Lui, Beppe Fiorello, ha continuato il suopercorso ed cresciuto, tanto, come attore e...

    come cantante. Niente karaoke e lo dimostraquando ha deciso che la storia di Modugno loaveva toccato davvero e ha pensato questo

    INFOPenso che un sogno cosTEATRO AMBRA JOVINELLI30 gennaio 16 febbraio 2014Via Guglielmo Pepe, 43 /47 RomaSpettacoli ore 21.00 domenica ore 17.00- luned riposoBiglietti (compresa prevendita): da 31,00 a 17,00Info 06 83082620 06 83082884Durata spettacolo: 1 ora e 40 senzaintervallo

    L'attore siciliano porta a teatro il grande Modugno dopoil successo della fiction Rai e confessa Il vero protagonistadi questo spettacolo mio padre

    Penso che un sogno cosporta musica e ricordi che

    hanno reso grande l'Italia sue gi per lo Stivale: dal 30gennaio al 16 febbraio

    a Roma allAmbra Jovinelli

    voLaRe conBEppE FIorEllo

    PINO LE PERA

  • 3CopErtINA

    spettacolo che sta attraversando l'Italia e che da oggi,30 gennaio, sar all'Ambra Jovinelli di Roma per con-tinuare dopo il 16 febbraio il suo tour dello Stivale. Penso che un sogno cos uno spettacolo diGiuseppe Fiorello e VittorioMoroni, regia di GiampieroSolari, musiche eseguite dalvivo da Daniele Bonaviri e Fa-brizio Palma. Racconta latto-re: E un tracciato di quelloche sono, racconta una partedella mia famiglia che si in-treccia con quella di Domeni-co Modugno come capitava aqualunque famiglia italiana in quel periodo storico,il filo conduttore la musica di Modugno e non solo.Il vero protagonista di questo spettacolo mio pa-dre, che ho messo al fianco di Modugno come sefossero, ai miei occhi, quasi due fratelli, per una que-stione fisica, di somiglianza straordinaria dai baffet-ti allo sguardo alla voce. Per velleit artistiche del-luno e dellaltro un incrocio di vite, di destini, di pas-

    sato e di futuro. Lo spettacolo inizia con un raccontoapparentemente surreale sulla prima volta che dabambino ascoltai un brano di Modugno per via di unpersonaggio bizzarro del mio paese che mi regal

    un suo disco.E un racconto molto diret-to e fluido. Giampiero Sola-ri ha dato modernit e ma-gia allo spettacolo fatto diemozioni e semplicit conuna scenografia calda e av-volgente. Il produttore Marco Balsamodi Nuovo Teatro spiega Il

    pubblico si riconosce nello spettacolo perch trat-ta di temi universali come la famiglia e argomenti so-ciali il cui filo conduttore sono Giuseppe Fiorello ela grandezza dei brani di Modugno che suscitanoemozioni in una risata o in un pianto incondiziona-to. Lo spettacolo gi molto richiesto allestero, perora faremo due tappe negli Stati Uniti, Atlantic Citye Foxwood in aprile.

    Tourne 2013 2014Penso che un sogno cos

    30 gen.-16 feb. ROMATeatro Ambra Jovinelli

    18-19 febbraio BRINDISITeatro Verdi

    20-21 febbraio TARANTOTeatro Orfeo

    22-23 febbraio BARITeatro Petruzzelli

    25 febbraio BORGOSESIA26 febbraio CESANO MADERNO

    Teatro Excelsior27 feb.- 2 marzo FIRENZE

    Teatro Verdi3 marzo MONTECATINI - Teatro Verdi

    5-6 marzo SIENATeatro dei Rinnovati

    8-9 marzo AVELLINOTeatro Gesualdo

    11 marzo NOLATeatro Umberto

    12-16 marzo SALERNOTeatro Verdi

    18 marzo JESOLO20-21 marzo FANO

    Teatro della Fortuna22-23 marzo ASCOLI PICENO

    Teatro V. Basso25-26 marzo LIVORNO - TeatroGoldoni

    L'ATTORE, IL CANTANTE, LO SPETTACOLO BEPPE FIORELLO RACCONTA MODUGNOIn scena si esegue un repertorio di brani molto vasto tra cui canzoni meno note, cantate e suonatedal vivo, si raccontano gli incontri musicali noti a tutti ma importanti, come quello con Pier PaoloPasolini e si attraversano temi importanti dellItalia di quei tempi, senza mai mettersi su una cattedraa spiegare troppo. Gli stessi argomenti che Modugno affrontava nei suoi testi dedicati ai minatori, allavoro, allo sfruttamento come Malarazza, Cavaddu cecu de la miniera e quindi ho riscoperto inquesto spettacolo un altro Modugno, un uomo, rispetto a quello che stato visto nel film tv dove stato considerato pi un artista che messo accanto a mio padre crea delle scintille magiche.Modugno per me non stato solo una storia da raccontare o un personaggio da interpretare, ma lapossibilit di ritrovare un tempo lontano rimasto sempre dentro di me.In questo spettacolo salgo a bordo del deltaplano delle canzoni di Domenico Modugno e sorvolo lamia infanzia, la Sicilia e lItalia di quegli anni, le facce, le persone, vicende buffe, altre dolorose, altrenostalgiche e altre ancora che potranno sembrare incredibili.Attraverso questo viaggio invito i protagonisti della mia vita ad uscire dalla memoria eaccompagnarmi sul palco, per partecipare insieme ad un avventuroso gioco di specchi.

    CHI EPadre di Anita e Nicola, Beppe Fiorello fratello di Rosario, noto a tuttisemplicemente come Fiorello, e della scrittrice e conduttrice televisiva CatenaFiorello. Ha iniziato ripercorrendo le orme di Rosario, prima in radio, poi in tvconducendo lo show Karaoke. Presto un incontro con lo scrittore NiccolAmmaniti lo porter sulla strada della recitazione. Dice cos addio al nome d'arte"Fiorellino", inizia a lavorare per il cinema. Debutta nel 1998 con il film L'ultimocapodanno. Fa il suo esordio poi anche in televisione con Ultimo, diretto daStefano Reali e trasmesso da Canale 5, con Raoul Bova interpretando l'appuntatoNocelli Domenico, detto "Parsifal". L'anno seguente compare ne Il talento di Mr.Ripley insieme al fratello e a Matt Damon, Gwyneth Paltrow, Jude Law e CateBlanchett. Poi ci saranno le collaborazioni con Carlo Verdone, Edoardo Winspeare,Giuseppe Tornatore, Roberta Torre, Emanuele Crialese e Ferzan zpetek.Per la televisione sar in La guerra finita, Salvo D'Acquisto, Il grande Torinofino al grandissimo successo della fiction Volare.

    Il produttore Marco Balsamo:Il pubblico si riconosce

    nello spettacolo perch trattadi temi universali come la

    famiglia e argomenti sociali

  • Una Milano disperata in cui ogni giorno che passa sem-pre meno gente ha motivi per sorridere ma cerca solodi stare a galla. Italia, anno 2014, crisi giunta a.... chilo tiene pi il conto? Non lo fa nemmeno Claudio Bi-sio, avvocato che ce l'ha fatta nel film La gente che sta benenelle sale da oggi con lo stesso Bisio,Diego Abatantuono e Margherita Buy.Raccontano un mondo in cui crisi, tas-se e precariet sono solo un altro titolodi giornale. Quello che conta sono i ri-cevimenti, le interviste, il successo adogni costo. Ad un passo dal trionfo,per, quel mondo cos perfetto inizia a sgretolarsi e a mostra-re tutti i suoi risvolti oscuri.Francesco Patierno, regista dell'interessante Cose dell'altromondo, ha scelto di mettere in scena il secondo romanzo del-l'avvocato Federico Baccomo perch lho trovato una splen-dida occasione per raccontare la nostra storia pi recente e of-friva un condensato degli ultimi 20 anni di vita italiana che haprodotto un certo tipo di cultura, di societ e di personaggi. Ilromanzo era ricco di storie e di personaggi ben inseriti nella no-stra realt e rappresentati in una chiave non ideologica, oltreche di dialoghi arguti ed ironici, molto vicini a quelli delle se-rie americane oggi tanto in voga. Penso ad esempio a Mad Men,Californication o Dexter che hanno introdotto diversi cambia-menti sostanziali nella drammaturgia focalizzandosi sui perso-naggi e su certi dialoghi in cui anche nei momenti pi drammaticic sempre spazio per lironia: sia io che Baccomo siamo gran-di appassionati di questa moderna fiction dautore e ci siamotrovati subito in grande sintonia.Dici ironia e viene subito in mente Claudio Bisio che in questiultimi anni ha interpretato il presidente della Repubblica, il con-flitto nord-sud e anche il cinepanettone. Spiega l'attore: Mi era

    venuta voglia di lavorare con Francesco Patierno dopo aver vi-sto i suoi film, dalla folgorante opera prima Pater familias al re-cente Cose dellaltro mondo fino al bellissimo docufilm La guer-ra dei vulcani. Mi ha chiesto di leggere il romanzo di FedericoBaccomo da cui avremmo tratto il nostro film e mi sono accorto

    che quel libro conteneva quel tipo di co-micit che a me piace: arguta, pungentemolto anglosassone. Ho recitato in diversifilm tratti da libri ma questa volta mi sem-brato che ladattamento potesse risultareparticolarmente facile perch il romanzoera gi scritto e strutturato in maniera ci-

    nematografica. E cos stato. E se il film racconta la crisi con lo stile di Baccomo, quella diPatierno una scelta precisa, di campo: La storia ambien-tata nella Milano di oggi preda della crisi economica e finan-ziaria ed quella di un top manager, Umberto Maria Dorloni (Bi-sio), un avvocato daffari ai vertici della propria carriera che gua-dagna facilmente quello che vuole e frequenta il giro della gen-te che sta bene. Un mondo perfetto il suo, senza nessuna cri-si e nessuna precariet finch, quando meno se lo aspetta, nonsuccede qualcosa che gli cambier la prospettiva di vita avu-ta fino ad allora: viene improvvisam