Importante riconoscimento per la nostra notiziario La... · PDF fileBATTELLI Teresina...

Click here to load reader

  • date post

    15-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    213
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Importante riconoscimento per la nostra notiziario La... · PDF fileBATTELLI Teresina...

N 2 / 2010

Notiziario trimestrale A.C.I.STOM. Iscrizione Tribunale di Forl n. 20/98 del 13 Ott. 1998.Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 - art. 1, comma 2, DCB Forl.

Direttore Responsabile LIBERO EVANGELISTA Stampa CENTRO GRAFICO CESENA s.n.c.Redazione: Via Serraglio, 18 - CESENA - Tel. 349.8845880 - E-mail: [email protected] - www.stomizzati-emilia-romagna.it

Associazione Cesenate Incontinenti e Stomizzatic/o ASS.I. PRO.V. - Via Serraglio, 18 - 47521 CESENA - Tel. 349.8845880 - Fax 0547.369119 - E-mail: [email protected] - www.stomizzati-emilia-romagna.it

Importante riconoscimentoper la nostra AssociazioneImportante riconoscimentoper la nostra Associazione

Pag. 1 - Importante riconoscimento per la nostra Associazione.Pag. 2 - Assemblea Ordinaria A.C.I.STOM. del 15.05.2010 -

Approvato Bilancio 2009 e Preventivo 2010.Rinnovati gli organi sociali A.C.I.STOM.

Pag. 3 - Mal di schiena: Il dolore? Potrebbe essere ereditario.Pag. 4 - Provenza e Camargue lungo le vie della lavanda fino a Lourdes.

Incontri con le Associazioni di stomizzati in Regione.Pag. 5 - Escursione a SantAgata Feltria.Pag. 6 - Terra e sapori.

Progetto tovagliette.Un pensiero particolare a Don Elvezio Motta.

Pag. 7 - Visite museali del gruppo arte.Festa del volontariato.

Pag. 8 - Prossime uscite. Avvisi.

Il 15 Maggio 2010 lassemblea ordinaria dellA.C.I.STOM ha approvato, allunanimit, il Bilancio con-suntivo 2009 ed il Bilancio preventivo 2010.

Le risultanze dellesercizio 2009 evidenziano unattivo di 80.802,5, un passivo di 6.625,00 eduna riserva di 74.177,51.

Il conto economico registra entrate per 66.593,26, ed uscite per 98.083,97 con unutilizzo delle riserve desercizio di anni precedentipari a 31.490,71.

Le voci principali sono riferite alle iniziative pisignificative realizzate nellanno: progetto Screening 27.176,27, corso per volontari attivi e stomizzati 9.430,80, assistenza psicologica agli stomizzatiper 3.675,00, donazione al reparto di EndoscopiaDigestiva dellOspedale M. Bufalini, strumentazionescientificamente avanzata per 40.018,08 .

Il bilancio preventivo per il 2010 evidenzia entrateper 77.500, un utilizzo di riserve degli anniprecedenti per 43.200 ed uscite per 120.700.

Le voci principali sono riferite al progetto scree-

ning colorettale che prevede il finanziamento dellaprestazione professionale di n. 1 medico gastro-enterologo per 27.000, ai corsi di formazionee seminari per soci volontari 5.000, al progettoAcistom per supporto psicologico al Centro Sto-mizzati dellOspedale M. Bufalini 4.000 edonazione di strumentazione di tecnologia avan-zata al reparto di Urologia dellOspedale M. Bufaliniper 60.000.

Assemblea Ordinaria A.C.I.STOM. del 15.05.2010Approvato Bilancio 2009 e Preventivo 2010

RINNOVATI GLI ORGANI SOCIALI A.C.I.STOM.Consiglio direttivo:ANTONIOLI DonatellaBATTELLI TeresinaCASTELLUCCI EnzoGIULIANINI GiordanaMARIANI SerenaMASINI GiovanniPALMIERI MirkaROSSI GabrieleZANETTI DelvisZANFINI Pier GiorgioZOFFOLI TazioLa Signora GIULIANINI Giordana il Presidenteeletto giusta indicazione data sulla scheda elettoralee confermata dagli elettori.

Consiglio dei probiviri effettivi:

CASALBONI GinoCAVALLUCCI ClaudioRAGGI Francesca

Consiglio dei probiviri supplenti:

AMADUZZI AdrianaBATTISTINI RenataSANTERINI Roberto

Collegio dei Revisori:

BRUNETTO CaterinaORECCHIONI AntonioORECCHIONI Monica

NellAssemblea dellAssociazione del 15 Maggio 2010 si proceduto alle votazioni per la nomina deicomponenti gli organi sociali per cui la nuova composizione risulta la seguente:

Il Consiglio Direttivo, nella sua prima seduta del 26.5.2010 ha assegnato gli incarichi fra i suoi componentinel seguente modo:PRESIDENTE GIULIANINI GiordanaVICE PRESIDENTE CASTELLUCCI EnzoSEGRETARIO ANTONIOLI DonatellaTESORIERE ZOFFOLI TazioHa altres nominato quale coadiutore di segreteria la Sig.ra PALMIERI Mirka.

Come vengono scelti i pazienti?

I malati vengono arruolati in quattro centriclinici: allUniversit di Oxford, allIstituto Galeazzidi Milano, allIstituto nazionale ungherese per glistudi della colonna di Budapest e al Centroospedaliere sloveno di Lubiana. Sono pazientiche soffrono, per esempio, di ernia del disco,stenosi, spodilodistesi, osteocondrosi e cheoffrono volontariamente la loro adesione allaricerca. Su questi soggetti viene eseguito unprelievo di sangue che utilizzato per lo studiodel Dna.

Perch il Galeazzi sta prestando molta atten-zione alla cura dellosteocondrosi?

una malattia piuttosto diffusa, caratterizzatanella sua forma pi grave dalla in curvatura inavanti del dorso, ma spesso viene ignorata.Coinvolge tutti i 4 dischi vertebrali e di frequentecolpisce pi componenti della stessa famiglia. proprio questa osservazione che ci ha fatto pen-sare a unorigine genetica del male. E oggi, graziealla risonanza, riusciamo ad avere informazionipi precise sulla degenerazione discale.

In che modo?

Controllando il tempo di diffusione del liquidodi contrasto nel disco. Dopo aver iniettato ilmezzo di contrasto nel sangue, controlliamo conuna serie di risonanze a distanza di 5, 10 minuti,mezzora, unora, due ore e sei ore, la velocitcon la quale si diffonde allinterno del discointervertebrale. Pi bassa questa velocit emaggiore la degenerazione della struttura deldisco che non ha irrorazione sanguigna e riceveil suo nutrimento unicamente dallosso interver-tebrale.

A cosa servir questa valutazione?

Per stabilire le prognosi future: con questoesame si potrebbe valutare la predisposizione diun malato alle diverse patologie della schiena.Non solo. La conoscenza della velocit di diffu-sione e quindi della capacit di alimentazionedel tessuto discale potrebbe darci indicazioniutili sul successo di eventuali innesti cellulari .

ESISTE IL GENE del mal di schiena ? Perchquesto disturbo colpisce i componenti di unafamiglia piuttosto che quelli di unaltra? Qualisono i meccanismi e i motivi della degenerazionedei dischi intervertebrali? Come possiamo rinvi-gorirli?

C un progetto, voluto e finanziato dalla Com-missione europea, che vuole rispondere a tuttequeste domande. Si chiama Genodisc. E lIrccs,lIstituto ortopedico Galeazzi di Milano lospedaleitaliano che stato scelto dallUniversit di Oxfordper condurre lo studio con altri nove centri europei.Il Galeazzi, infatti, da tempo specializzato anchenella cura dei disturbi della colonna vertebrale.In questa struttura, Marco Brayda-Bruno ilresponsabile dellUnit Operativa di Chirurgiavertebrale III e coordinatore del progetto europeocondotto assieme allU.O., diretta dal professorMaurizio Fornari.

Il mal di schiena colpisce circa 15 milioni diitaliani ed la prima causa di assenza dal lavoro.Professor Brayda, che obiettivi si pone lo studioeuropeo Genodisc?

Con questo progetto speriamo di arrivare inqualche anno allidentificazione di specifici sitigenetici correlati alla degenerazione del discointervertebrale, una malattia che sta alla basedella maggior parte dei casi di mal di schiena.Se venisse accertata lorigine ereditaria di alcunitipi di degenerazione del disco, potremmo pensarealla ricerca di farmaci generici per prevenirequesto problema. In ogni caso, lo studio accuratodella struttura del disco ci permetter di verificarescientificamente le possibilit di successo degliinnesti di cellule nel disco per rivitalizzarne iltessuto

Gli studi per combattere il mal di schiena hannouna lunga storia.....

Questultima ricerca unevoluzione dellostudio Eurodisc, sulla comprensione della dege-nerazione delle cellule del disco intervertebrale.Ora, con Genodisc si passati alla ricerca clinicacoinvolger circa 2.500 pazienti.

Uno studio europeo dimostrer lorigine del disturbo di MAURIZIO MARIA FOSSATI

Il dolore? Potrebbe essere ereditario

PROVENZA E CAMARGUELUNGO LE VIE DELLA LAVANDA FINO A LOURDES

La Provenza ricca di verde, di collinesoleggiate, di umide fontane, di tetti di tegoleromane, di paesaggi luminosi e di arte.

Nella sua terra di campagne fiorite e divillaggi ricercati si possono ammirare tanteopere darte, che riflettono la cultura di queiluoghi.

Abbiamo visitato Avignone, Nimes, Aix,perla della Provenza che viene definita:Limpero del sole, di cui Van Gogh hacelebrato i colori, Gounod ha cantato lapoesia dei luoghi e Creuset le civilt che,nel corso dei secoli, vi hanno eretto i loropi bei monumenti.

La CAMARGUE unoasi naturalistica, incui flora e fauna sono caratteristiche, ed suddivisa in grande Camargue, delimitatada due bracci del Rodano, e piccola Camar-gue, che giunge fino al Grandu-Rxi .

CARCASSONNE: citt storica, sorge suun modesto altipiano di arenaria ed ha sem-pre fatto da collegamento tra il mondo oce-anico e quello mediterraneo.La fortezza, dalle potenti difese, racchiudeil castello del Conte, una vera piazzaforte,edificato nel settore pi elevato e pi lontanodallingresso della porta Narbonnaise.Preziosa la Basilica di Saint- Nazaire, mirabilefusione tra stile romanico e gotico.Il poeta Gustav Nadand scrisse: Mio Dio!Come morirei contento dopo aver vistoCarcassonne!

LOURDES: LA CITT FRATERNAQui, ogni pellegrinaggio, fin dagli inizi, ha

prodotto una mescolanza tra i gruppi sociali,tra i malati ed i sani, tra giovani ed anziani.Avvengono scambi in un clima di discrezionee di silenzio, attraverso sguardi, sorrisi esemplici gesti.Si percepisce unatmosfera particolare nelsilenzio della Grotta , tra i pellegrini chepregano, davanti alla statua della Madonna,al lume delle tante candele accese. Comepure commozione nasce durante la visita alCACHOT, un luogo piccolo, umido e buio,dove vivevano i genitori di Berna