IL MONDO SOCIAL. » è un social network dedicato alla condivisione di fotografie, video, immagini...

download IL MONDO SOCIAL. » è un social network dedicato alla condivisione di fotografie, video, immagini » permette agli utenti di creare bacheche per gestire.

of 59

  • date post

    02-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    217
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of IL MONDO SOCIAL. » è un social network dedicato alla condivisione di fotografie, video, immagini...

  • Slide 1
  • IL MONDO SOCIAL
  • Slide 2
  • Slide 3
  • Slide 4
  • un social network dedicato alla condivisione di fotografie, video, immagini permette agli utenti di creare bacheche per gestire la raccolta di immagini in base a temi predefiniti o da loro generati tra i 100 siti web pi visitati al mondo integrato e integrabile con altri social network, come FB, Twitter, Flickr e con i siti web I Pin sono segnalibri visivi per i migliori contenuti che trovi sul Web o direttamente in Pinterest.
  • Slide 5
  • Twitter un servizio gratuito di SOCIAL NETWORKING e MICROBLOGGING che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri Gli aggiornamenti di stato possono essere effettuati tramite il sito stesso, via SMS, con programmi di MESSAGGISTICA ISTANTANEA, POSTA
  • Slide 6
  • Gli aggiornamenti sono mostrati nella pagina di profilo dell'utente e comunicati agli utenti che si sono registrati per riceverli TO TWEET= CINGUETTARE
  • Slide 7
  • non esistono amici ma follower e following, ovvero persone che seguono i tuoi aggiornamenti di stato e persone di cui tu segui gli aggiornamenti di stato
  • Slide 8
  • UTILIZZARE la funzione Rispondi ( Reply, in inglese) che compare sotto a ciascun messaggio Facendo click su questo pulsante, comparir in automatico una chiocciolina ( @ ) e il nome utente della persona a cui vuoi inviare la risposta.
  • Slide 9
  • # sono etichette che gli utenti possono inserire nei propri tweet per far capire agli altri che stanno parlando di un determinato argomento. Vengono usati per dibattere grandi event i
  • Slide 10
  • INSTAGRAM
  • Slide 11
  • COSTI FISSI UNITARI Se Q > allora Cfu < Se Q 120 trattamenti/die max 1200 costi fissi 20 clienti/die= 60 euro Cfu 100 clienti/die= 12 euro Cfu DIMINUISCONO IN FUNZIONE DELLA Q PRODOTTA COSTI PRODUZIONE COSTI FISSI CFu Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 41
  • COSTI FISSI UNITARI Se Q > allora Cfu < Se Q 1200 costi fissi 20 clienti/die= 60 euro Cfu (1200/20) 100 clienti/die= 12 euro Cfu (1200/100) DIMINUISCONO IN FUNZIONE DELLA Q PRODOTTA COSTI PRODUZIONE COSTI FISSI CFu Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 42
  • COSTI VARIABILI Personale stagionale Formazione Prodotti cosmetici Pubblicit Personale stagionale Formazione Prodotti cosmetici Pubblicit VARIANO AL VARIARE DELLA PRODUZIONE COSTI PRODUZIONE COSTI VARIABILI Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 43
  • COSTI SEMIVARIABILI UTENZE HANNO UNA COMPONENTE FISSA E UNA VARIABILE COSTI PRODUZIONE COMPONENTE FISSA COMPONENTE VARIABILE Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 44
  • COSTI FISSI + COSTI VARIABILI= COSTO TOTALE CT= CF+CV COSTO TOTALE CT= CF+CV Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 45
  • COSTI DIRETTI SOSTENUTI DIRETTAMENTE PER LA PRODUZIONE DEL PRODOTTO/SERVIZIO COSTI DI PRODOTTO TUTTI I PRODOTTI NECESSARI PER REALIZZARE IL SERVIZIO= SCANDAGLIO Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 46
  • COSTI INDIRETTI NON SONO ATTRIBUIBILI DIRETTAMENTE DEVONO ESSERE RIPARTITI PER STABILIRE LINCIDENZA SUL COSTO TOTALE NON SONO ATTRIBUIBILI DIRETTAMENTE DEVONO ESSERE RIPARTITI PER STABILIRE LINCIDENZA SUL COSTO TOTALE Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 47
  • COSTI INDIRETTI SOSTENUTI PER IL FUNZIONAMENTO DELLATTIVITA NEL SUO INSIEME TUTTI I COSTI DI GESTIONE CHE PERMETTONO ALLATTIVITA DI FUNZIONARE Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 48
  • COSTI DIRETTI + INDIRETTI + MOL PREZZO DI VENDITA Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 49
  • MOL= margine operativo lordo Indica il risultato lordo della gestione ossia i ricavi meno i costi, senza prendere ancora in considerazione: oneri/interessi finanziari ammortamenti imposte Indica il risultato lordo della gestione ossia i ricavi meno i costi, senza prendere ancora in considerazione: oneri/interessi finanziari ammortamenti imposte Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 50
  • FORMAZIONE DEL PREZZO Il prezzo di vendita deve essere fissato tenendo conto di: Costi diretti ed indiretti Prezzo che la clientela disposta a spendere Prezzi dei Competitors Il prezzo di vendita deve essere fissato tenendo conto di: Costi diretti ed indiretti Prezzo che la clientela disposta a spendere Prezzi dei Competitors Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 51
  • MARK UP Margine che limprenditore aggiunge al CT durante il processo di formazione del prezzo Dott.ssa Caterina Panzeri TRATTAMENTO VISO ANTIETA COSTI DIRETTI Euro 11 COSTI INDIRETTI (costi di gestione)Euro 15 COSTI TOTALIEuro 26 MARK UP 200%Euro 78 Prezzo Listino TrattamentoEuro 80 TRATTAMENTO VISO ANTIETA COSTI DIRETTI Euro 11 COSTI INDIRETTI (costi di gestione)Euro 15 COSTI TOTALIEuro 26 MARK UP 200%Euro 78 Prezzo Listino TrattamentoEuro 80
  • Slide 52
  • DECISIONI DI PREZZO STRATEGICHE=listino TATTICHE=promozionale DEFINISCONO LIMMAGINE DELLAZIENDA IN TERMINI DI VALORE AGLI OCCHI DELLA CONCORRENZA (posizionamento) SONO DETERMINATE DALLAZIONE IMMEDIATA SUL MERCATO E POSSONO CONSENTIRE UN INCREMENTO DEI PROFITTI Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 53
  • OBIETTIVO MASSIMIZZAZIONE DEL MARGINE Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 54
  • PREZZO e POSIZIONAMENTO SCREMATURA Prezzo elevato per DEFINIRE UN TARGET MEDIO-ALTO ed eliminare i clienti che non sono disposti ad acquistare a quel prezzo. OBJQUALITA PENETRAZIONE Prezzo basso per DEFINIRE UN TARGET BASSO ed attirare pi clienti possibili OBJQUANTITA SCREMATURA Prezzo elevato per DEFINIRE UN TARGET MEDIO-ALTO ed eliminare i clienti che non sono disposti ad acquistare a quel prezzo. OBJQUALITA PENETRAZIONE Prezzo basso per DEFINIRE UN TARGET BASSO ed attirare pi clienti possibili OBJQUANTITA Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 55
  • FATTORI DETERMINANTI PER LA FORMAZIONE DEL PREZZO PREZZO COSTI E OBJ AZIENDA POSIZIONAMENTO CONCORRENZA VALORE PERCEPITO DAL CLIENTE Dott.ssa Caterina Panzeri
  • Slide 56
  • i costi e la loro struttura il posizionamento prescelto la concorrenza i cambiamenti esercitati dai prodotti sostitutivi sulla curva di domanda la dimostrazione di qualit (che, in alcuni, sta nel prezzo) le risposte competitive alle variazioni di prezzo gli sconti e i termini di pagamento adottati lutilizzo diffuso di vendite sottocosto le promozioni basate sul prezzo COMPLESSITA GESTIONE PREZZO
  • Slide 57
  • Prezzo Promozionale: il prezzo applicato durante le promozioni Prezzo di Listino: compare sulletichetta Prezzo di Lancio: il prezzo applicato nel momento della prima introduzione sul mercato. I PREZZI
  • Slide 58
  • GUADAGNO OPPURE NO? Pianificare la gestione economico-finanziaria dellattivit GUADAGNO OPPURE NO? Pianificare la gestione economico-finanziaria dellattivit CONTROLLARE GLI INVESTIMENTI PER AUMENTARE LA REDDITIVITA AZIENDALE Si puo gestire solamente cio che si riesce a misurare e pur valutando come fattori determinanti lesperienza, lintuito, la fortuna, le iniziative, oggi bisogna prestare attenzione allequilibrio entrate-uscite. Soprattutto, bisogna bandire limprovvisazione. Un business ha successo se produce PROFITTO Affrontiamo il cambiamento in atto, imparando a pianificare, compiendo scelte ragionate ed utilizzando strumenti adatti per misurare le prestazioni aziendali. Saper leggere il proprio conto economico la base di partenza per evitare investimenti pericolosi e programmare strategie gestionali efficaci.
  • Slide 59
  • Grazie per lattenzione... Dott.ssa CATERINA PANZERI www.kpcommunication.it