Il locus AB0 presenta 4 alleli: A1, A2, B, 0 Ciò Immunoematologia e... · RhAG 6p21.1 -p11...

of 54/54
  • date post

    24-May-2018
  • Category

    Documents

  • view

    213
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Il locus AB0 presenta 4 alleli: A1, A2, B, 0 Ciò Immunoematologia e... · RhAG 6p21.1 -p11...

  • Il locus AB0 presenta 4 alleli: A1, A2, B, 0 Ci comporta lesistenza di 6 fenotipi e 10 genotipi.

  • LE SPECIFICIT ABH SONO LEGATE ALLA COMPONENTE SACCARIDICA EAL TIPO DI LEGAMI CHE QUATTRO ZUCCHERI ASSUMONO SULLA PARTETERMINALE DI UNA CATENA SACCARIDICA DEFINITA SOSTANZA DI BASESULLA QUALE SI HA LA BIOSINTESI DEGLI ANTIGENI ABH, MA ANCHE DIALTRI COME I LEWIS, P, I e i.

    IMMUNODOMINANT SUGAR

    GLYCOSYL

    TRASFERASE

    GENE

    D-Galactose D- GalactosyltransferaseB

    N- Acetyl-galactoseamine

    N-Acetyl-galactosaminyl-transferase

    A

    L-FucoseL-FucosyltransferaseH

  • Lassenza degli antigeni A e B nel fenotipo O derivano dalla delezione di una singola base nucleotidica nella porzione del DNA codificante le transferasi e responsabile dello spostamento della cornice di lettura con conseguente sintesi di una proteina sprovvista di attivit transferasica.

    OBAALLELI

    Differenze nucleotidiche riscontrate fra gli alleli ABO

    Legenda

    G=guanina C=citosina A=adenina

    CAC793

    GAG700

    CGC523

    DelezioneGG258

    Base n

    OBAALLELI

  • Gli antigeni eritrocitari o gruppi sanguigni

    polisaccaridici

    AB0LewisPPHI

    proteici

    Rh

  • 6p21.1-p1117,75,174RhAG

    1p36.13-p34.3180Ce,CE,ce,cERhCcEe

    1p36.13-p34.3180DRhD

    Famiglia delle proteine Rh

    Localizzazione genicaAntigeniProteine

    Rh protein family

    17q12-q21182DiegoBand 3

    4q28-q31N, S, s, UGPB

    3q1385Non conosciutaIAP

    19p13.3181LWLW

    Proteine accessorie

    6p21.1-p11RhAG

    Avent N., Blood 2000

  • Rh protein familyIl 40% di omologia indica una relazione ancestrale

    12 domini transmembrana con le estremit N-terminale e C-terminale rivolti verso la porzione intracitoplasmatica

    I primi 41 aminoacidi allestremit N-

    Avent N., Blood 2000

    terminale sono identici

    RhD differisce da RhCE solo per 30-35 aa lungo lintera sequenza della proteina.

    Nonostante questa omologia le proteine RhCcEe non esprimono lantigene D e viceversa

  • Soggetti RhSoggetti Rh--negativinegativi

    Nella popolazione Caucasica i soggetti RhD- hanno la delezione del gene RhDdelezione del gene RhD

    In altre popolazioni come i Giapponesi o gli Africani il fenotipo D- non legato alla perdita del gene.

    Avent N., Blood 2000

  • Sistema LEWISGli Ag sono correlati con quelli AB0; i

    G.R.acquisiscono il fenotipo adsorbendoli dal plasma; il gene distinto ma correlato

    con quello del carattere di secretoreSistema P

    La maggioranza degli uomini P1+; le La maggioranza degli uomini P1+; le reazioni trasfusionali sono rare ma gravi

    Sistema MNGli Ag sono glicoforine; gli Ac anti-M o N umani sono rari; se IgGeritroblastosi

  • Sistema KELL e Sistema Duffy

    Possono causare reazioni trasfusionali gravi, evitabili con

    la prova crociata maggiore

    Gli antigeni K e Fy(a) / (b)sono buoni immunogeni ed evocano la produzione di

    anticorpi di isotipo IgG

  • I principali obiettivi del trasfusionista sono due:

    il primo prevenire la reazione trasfusionale identificando i pazienti immunizzati e fornendo loro sangue compatibile;

    il secondo prevenire la produzione di il secondo prevenire la produzione di anticorpi, scegliendo i donatori pi simili, come caratteristiche gruppo-ematiche, al paziente.

  • COMPATIBILITY TESTING

    What is Compatibility Testing?

    Pre Transfusion Protocol to insure the Pre Transfusion Protocol to insure the Patients health and the survival of transfused red cells. It includes: Patient Identification, Labeling, Collection

    of patient sample, ABO, Rh, Crossmatch search for irregular antibodies.

  • PROVE DI COMPATIBILITAProve crociate

    IL SIERO DEL PAZIENTE VIENE INCUBATO A 37CCON I GLOBULI ROSSI DELLE UNITA DI SANGUE DA TRASFONDERE

    CONSENTE DI RILEVARE:

    L INCOMPATIBILITA PER IL SISTEMA ABO ED EVENTUALI Ab DIRETTI CONTRO

    Ag a FREQUENZA MOLTO BASSA

  • Steps In Compatibility TestingReview available Recipient Records FOR:

    PREVIOUS ABO & Rh

    Any PRIOR UNEXPECTED Antibodies

    Any PRIOR ADVERSE REACTIONS to transfusiontransfusion

    Correct identification of Donor Unit byConfirming

    1. The unit ID with the ID on the donor units records

    2. The units ABO & Rh on the record for consistency with that of the patient

  • Gli anticorpi verso gli antigeni eritrocitari

    anticorpi naturali

    anticorpi irregolari

  • Comprendono: lanti-A dei soggetti B, lanti B deisoggetti A e lanti-A, anti-B e anti-AB dei soggetti 0.Oltre questi ricordiamo, gli anticorpi irregolari anti-A1che si ritrovano nei soggetti con fenotipo A2 e A2B elanti-H che si pu ritrovare in alcuni soggetti A1, A1B, Bed in tutti i soggetti con fenotipo Bombay.

    Anti-A1: i sieri dei soggetti B e 0 contengono una miscelaAnti-A1: i sieri dei soggetti B e 0 contengono una misceladi anti-A e anti-A1. Lanti-A1 anche presente nel 2% deisoggetti A2 e nel 25% nei soggetti A2B

    Anti-H: esistono 3 tipi di anti-H, uno attivo a 37C che siosserva nei soggetti con fenotipo Bombay, uno freddocon optimum termico a 4C (nei soggetti A1, A1B o B nonsecretori di sostanze gruppo specifiche) e uno che vieneformato come autoanticorpo.

  • Anticorpi IrregolariPer ricerca di anticorpi irregolari, si

    intende quellinsieme di procedure atte alla evidenziazione della presenza di anticorpi inattesi nel siero di un paziente.siero di un paziente.

    Ricerca di anticorpi:1. Prove di compatibilit2. Coombs diretto3. Prova indiretta del gruppo sanguigno

  • Test di Coombs

    Test di emoagglutinazione in vitro utilizzato per evidenziare anticorpi eritrocitari

    Test direttoTest indiretto

  • ANTIGRAM

    LANTIGRAM di un pannello eritrocitarioad 11 cellule costituito da aliquote diemazie del gruppo 0 provenienti daemazie del gruppo 0 provenienti dasingolo donatore selezionate per la lorocomposizione antigenica ci mostra i pifrequenti anticorpi che si possono trovarenel siero di un paziente.

  • REAZIONI TRASFUSIONALI

    ACUTEIMMUNOLOGICHE

    emolitiche

    NON

    IMMUNOLOGICHE

    febbrili non emolitiche

    Allergiche (cutanee e anafil.)

    edema polmonare non cardiogeno (TRALI)

    contaminazione batterica

    sovraccarico circolatorio

    emolisi fisica/chimica

    danni da conservazione

  • EDEMA POLMONARE NON CARDIOGENO

    transfusion related acute lung injury (TRALI)

    Grave sindrome respiratoria, caratterizzata dalclassico quadro radiologico e sintomatologicosenza insufficienza cardiaca, che intervienedurante o entro 6 ore dal termine delladurante o entro 6 ore dal termine dellatrasfusione con una frequenza variabile 1:5000 -1:190000 eventi trasfusionali (le forme lievifrequentemente non vengono diagnosticate) E causato da una reazione tra leucoagglutinine deldonatore e leucociti del ricevente con formazione diaggregati leucocitari che, intrappolati nel microcircolopolmonare, ne alterano la permeabilit vasale

  • REAZIONI TRASFUSIONALIRITARDATE

    IMMUNOLOGICHE

    emolitiche ritardate

    alloimmunizzazione

    NON IMMUNOLOGICHE

    emosiderosi indotta dalle alloimmunizzazione

    leucociti piastrine

    porpora post-trasfusionale da HPA1-a

    trasfusioni

    trasmissione malattie infettive (virali)

  • REAZIONI IMMUNOLOGICHE EMOLITICHE RITARDATE

    SINTOMI

    febbre, ittero, ANEMIA inattesa (7-10gg dopo linfusione) puo essere necessaria unaltra trasfusione talvolta asintomatiche

    EZIOLOGIAEZIOLOGIA

    anticorpi IgG risposta anamnestica

    Rh,Kell,Duffy, Kidd, MNS

    anticorpi siero - eluato

  • virali:epatite B, CHIV1-2Mononucleosi infettivaCMVHTLV 1 -2Parvovirus

    batteriche

    Complicanze infettive

    endogene (dal sangue del donatore) treponema,brucella,rickettsia,yersinia,campylobacter,staph.aureus,strept.viridans

    esogene (dalla cutedel donatore o dallambiente) staph.epidermidis,micrococcus,sarcina,pseudomonas,flavobacterium bacillus

    parassiti

    malaria,tripanosoma,toxoplasma,babesia,leishmania

  • La disponibilit di sangue limitata La disponibilit di sangue limitata da ci deriva la necessit di stabilire i da ci deriva la necessit di stabilire i

    criteri per un uso congruo di tale criteri per un uso congruo di tale criteri per un uso congruo di tale criteri per un uso congruo di tale risorsarisorsa

  • Pazienti di competenza chirurgicaAbitualmente viene richiesta una quantit di sangue eccedente le reali necessit, con

    conseguente sequestro delle unit non utilizzate da parte dei reparti per almenodue o tre giorni e conseguente invecchiamento del sangue stesso e quindi arischio di scadenza. La soluzione a questo problema lassegnazione adisposizione e la prova rapida di compatibilit.

    Pazienti di competenza medicaAi pazienti di competenza medica raccomandata la seguente strategia:

    1. Tipizzazione eritrocitaria per il maggior numero di antigeni prima di iniziare letrasfusioni.

    2. Prova di compatibilit per ogni unit assegnata.3. Ricerca di anticorpi irregolari.4. Controllo autologo.

    Donne in gravidanzaDonne in gravidanzaDevono essere sottoposte alle seguenti indagini:

    1. Tipizzazione eritrocitaria.2. Ricerca di allo-anticorpi irregolari.3. Nel caso di compatibilit A B 0 eventualmente cross-match con le emazie del

    marito.Donatori di sangueLa ricerca di anticorpi irregolari si esegue per i seguenti motivi. Evidenziare la presenza di anticorpi. Nel caso in cui sangue di gruppo 0 venga impiegato per un ricevente di altro

    gruppo.

  • GLI EMOCOMPONENTI

    Gli emocomponenti sono i prodotti della separazione degli elementi costituitivi del sangue e vengono ottenuti sia da una donazione tradizionale di sangue intero sia da una donazione mediante aferesi con separatore cellulare.

    Gli emocomponenti si distinguono in due grandi Gli emocomponenti si distinguono in due grandi Gli emocomponenti si distinguono in due grandi Gli emocomponenti si distinguono in due grandi categorie:categorie:

    USO TRASFUSIONALE USO TOPICO

  • EmocomponentiEmocomponenti

    PerPer usousoTrasfusionaleTrasfusionale

    Concentrati eritrocitari Concentrati eritrocitari convenzionali o modificaticonvenzionali o modificatiConcentrati piastrinici Concentrati piastrinici convenzionali o modificaticonvenzionali o modificati

    Plasma fresco congelatoPlasma fresco congelato

    Concentrati leucocitariConcentrati leucocitari

    Emocomponenti:Emocomponenti: ClassificazioneClassificazione

    EmocomponentiEmocomponentiConcentrati di c. staminali da Concentrati di c. staminali da sangue periferico sangue periferico

    Sangue placentareSangue placentare

    Per uso Per uso TopicoTopico

    Colla di fibrinaColla di fibrina

    Gel piastrinicoGel piastrinico

  • Prima centrifugazionePrima centrifugazione (a.T.A.)(a.T.A.) Alta velocitAlta velocit

    EmocomponentiEmocomponenti CaratteristicheCaratteristiche

    Plasma povero di Plasma povero di piastrinepiastrine

    200200--250 250 ml di plasma ml di plasma (contiene la maggior parte (contiene la maggior parte del plasma da congelare.)del plasma da congelare.)

    Parte superiore della Parte superiore della saccasacca

    50 ml Contenenti:50 ml Contenenti:10% di globuli rossi 70% di 10% di globuli rossi 70% di leucociti 80% delle piastrineleucociti 80% delle piastrine

    Buffy Buffy -- coatcoatStrato intermedio tra il Strato intermedio tra il plasma e i globuli rossiplasma e i globuli rossi

    Preparazione di C.E. ; P.F.C. ; C.P. (da Buffycoat)Preparazione di C.E. ; P.F.C. ; C.P. (da Buffycoat)

    Partendo da una donazione di Partendo da una donazione di 450 450 ml di sangue intero in sacca quadruplaml di sangue intero in sacca quadrupla

    Emocomponenti: Uso pi frequenteEmocomponenti: Uso pi frequente

    leucociti 80% delle piastrineleucociti 80% delle piastrine

    160160--180 180 ml di globuli rossi + ml di globuli rossi + 100 100 ml di S.A.G.M (contengono circa ml di S.A.G.M (contengono circa il il 3030% di leucociti% di leucociti))

    Globuli RossiGlobuli RossiParte inferiore Parte inferiore della saccadella sacca

  • Seconda CentrifugazioneSeconda Centrifugazione (a.T.A.)(a.T.A.) Bassa velocitBassa velocit

    Parte superiore della Parte superiore della saccasacca

    EmocomponentiEmocomponenti CaratteristicheCaratteristiche

    Concentrato PiastrinicoConcentrato Piastrinico

    1) Da singolo B.C.1) Da singolo B.C.

    Da BuffyDa Buffy--coatcoat

    11) ) 50 50 ml contenenti:ml contenenti:

    5050--60 x 1060 x 1099 piastrinepiastrine

    2) Da pool di 42) Da pool di 4--6 B.C6 B.C.

    B.C. povero di B.C. povero di piastrinepiastrine

    Parte inferiore Parte inferiore della saccadella sacca

    5050--60 x 1060 x 1099 piastrinepiastrine

    2) 3502) 350--400 ml contenenti:400 ml contenenti:

    280280--360 360 x x 101099 piastrinepiastrine

    Contiene circa il Contiene circa il 1010% di globuli % di globuli rossi e il rossi e il 7070% di leucociti donati% di leucociti donati

  • ConcentratiConcentrati EritrocitariEritrocitariModificatiModificati

    C. Eritrocitari leucodepletiC. Eritrocitari leucodepleti

    C. Eritrocitari lavatiC. Eritrocitari lavati

    C. Eritrocitari irradiatiC. Eritrocitari irradiati

    C. Eritrocitari congelatiC. Eritrocitari congelati

    C. Eritrocitari per uso pediatrico

    C. Eritrocitari universaliC. Eritrocitari universali

    CONCENTRATI ERITROCITARI E PIASTRINICI CONCENTRATI ERITROCITARI E PIASTRINICI MODIFICATIMODIFICATI

    C. Eritrocitari universaliC. Eritrocitari universali

    ConcentratiConcentrati Piastrinici Piastrinici Modificati Modificati

    C. Piastrinici leucodepletiC. Piastrinici leucodepleti

    C. Piastrinici lavatiC. Piastrinici lavati

    C. Piastrinici irradiatiC. Piastrinici irradiati

    C. Piastrinici congelatiC. Piastrinici congelati

  • Quando si trasfonde ?

    Piastrine

    ChemioterapiaTrapianto

    Anemia Aplastica

    Plasma

    CIDHUS-TTP

    sovradosaggio di:

    Emazie

    ChemioterapiaTrapianto

    Anemia Aplastica Anemia AplasticaMielodisplasie

    Insufficienza midollareCID

    Trombocitopatie

    sovradosaggio di:anticoagulanti oraliagenti trombolitici

    Anemia AplasticaMielodisplasie

    Insufficienza midollare

  • La trasfusione di emazie dovrebbe in teoria essere effettuata tanto rapidamente quanto necessario per

    correggere il deficit di trasporto di ossigeno nella emorragia acuta

    una unit di emazie aumenter il livello di emoglobina di

    In caso di emorragia acuta ..

    1 g/dl in una persona di 70 chilogrammi (3-4 ml/kg di emazie concentrate).

  • TRASFUSIONE DI GLOBULI ROSSI NELLANEMIA CRONICA

    Lobiettivo della trasfusione di globuli rossi in questi pazienti di ridurre gli effetti deleteri dellanemia portando il tasso di emoglobina o lematocrito al di sopra del livello stabilito.

    Sintomi dellanemia insorgono di solito quando il tasso di emoglobina scende al di sotto di 4.5-5 g/dL.

    I sintomi includono tachicardia, dispnea/tachipnea, sensazione di testa vuota, I sintomi includono tachicardia, dispnea/tachipnea, sensazione di testa vuota, sincope, astenia od intolleranza allo sforzo muscolare, angina, cefalea, claudicatio ed affaticamento.

    I sintomi possono esordire precocemente (ad esempio con tasso di emoglobina di 7 g/dL) in pazienti con et avanzata e/o con ridotta funzionalit cardiorespiratoria.

    Pazienti con tasso di emoglobina superiore ad 8 g/dL raramente richiedono trasfusione di globuli rossi.

  • Indicazioni per la trasfusione di un concentrato eritrocitarioIndicato per incrementare lapporto di ossigeno ai tessuti :

    Hb < 8g/dl o Ht < 24% Hb < 9 g/dl in pazienti in programma per intervento Hb < 10 g/dl in paziente sintomatico per anemia in cardiopatia

    e/o pneumopatia Neonati con Hb

  • Note di buona pratica clinica

    Per valutare lefficacia della trasfusione occorre valutare le modificazioni dei parametri ematologici

    e riportarli nella cartella clinicaLa quantit di CE da trasfondere pu essere calcolata con la seguente formula :con la seguente formula :

    Corrected Count IncrementQ. t sangue da trasfondere = 251 x peso Pz. in Kg x

    lincremento di Hb desiderato/Ht medio unit da trasfondere

  • Emazie congelateCongelate entro 7 giorni dal prelievo

    Metodica ad alto gliceroloconservate da 60C a -80CMetodica a basso glicerolo conservate in vapori di azoto liquido a temperatura compresa tra -140C e -150CPossono essere conservate per 10 anniScongelate, lavate e ricostituite, sospese in una soluzione fisiologica. Conservate tra +2 e +6 C per non pi di 24 orefisiologica. Conservate tra +2 e +6 C per non pi di 24 ore

    CQ:Ht compreso tra 0,65 e 0,75%Hb >36g/unitLeucociti < 1x109

  • Concentrati piastriniciIndicati:

    Per il trattamento e profilassi delle emorragie dovute a carenza qualitativa o quantitativa delle piastrine

    Per i pazienti medici stabili e senza complicazioni il valore soglia 10.000/ L

    Terapia dellemorragia nei pazienti medici con piastrine 20.000/L Per i pazienti chirurgici il valore soglia 50.000/ L Se il conteggio compreso tra 50.000 e 100.000/ L la trasfusione di

    piastrine indicata solo in condizioni particolari (procedure a cielo piastrine indicata solo in condizioni particolari (procedure a cielo coperto, neurochirurgia, campi operatori altamente vascolarizzati). CQ:

    Contenuto in piastrine = 45-85 x 109

    Plasma = 50-60 ml. Leucociti < 1x109

    Eritrociti

  • Non indicati:

    Nelle piastrinopenie da eccessiva distruzione (porpora trombocitopenica idiopatica, porpora trombotica trombocitopenica, sindrome uremica-emolitica, coagulazione intravascolare emolitica, coagulazione intravascolare disseminata)

    nella circolazione extracorporea e nella trasfusione massiva a scopo profilattico

    come profilassi se il conteggio >10.000/microlitro e il paziente in condizioni

    stabili

  • Trasfusione di Piastrine

  • Valutazione clinica della risposta alla trasfusione piastrinica

    Viene effettuata tramite la formula del corretto incremento (Correct Count Increment)

    CCI = incremento della conta piastrinica (migliaia/L) x superficie corporea in mq /numero di (migliaia/L) x superficie corporea in mq /numero di piastrine trasfuse (x 1011)

    La trasfusione viene considerata: efficace CCI >7500 parzialmente efficace CCI 5000-7500 inefficace CCI

  • Plasma per uso clinicoProdotto da sangue intero o da aferesi di donatori periodici e volontari

    Congelato entro 6 ore dalla donazione Congelato in maniera uniforme, entro 1 oraConservato per 24 mesi se stoccato a - 40C Scongelato in bagno con continua agitazione a temperatura tra + 30 e + 37CUtilizzato nel pi breve tempo possibile, non oltre 24 ore se conservato tra 2- 6C

    CQ:Deve contenere almeno il 70% del contenuto originale di Fattore VIIIProteine totali > 50 g/LAssenza di anticorpi irregolari clinicamente significativiEmazie residuo < 6 x109

    Leucociti residuo

  • Pretransfusion INR Predicts the Effect of FFP

    0.1(0.0)

    0.3

    0.6

    0.9

    Ch

    ang

    e in

    INR

    /un

    it F

    FP

    (0.0)

    (0.0) (0.0) (0.1) (0.1)

    (0.4)

    -0.9

    -0.6

    -0.3

    0

    1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 >1.6Pre-transfusion INR

    Ch

    ang

    e in

    INR

    /un

    it F

    FP

  • Crioprecipitato

    Costituito dalla frazione crioglobulinica del plasma fresco

    Scongelato lentamente a 2- 6C per 12 ore e concentrato ( per centrifugazione o sifonamento) in un concentrato ( per centrifugazione o sifonamento) in un volume finale di 10-20 ml

    Contiene fatt.VIII,fatt. di Von Willebrand, fibrinogeno, fatt.XIII e fibronectina

    CQ :

    Fatt.VIII 70% del contenuto di partenza

  • Indicazioni alla raccolta di sangue autologo.

    NoSiProtesi totale di ginocchio

    SiSiProtesi totale danca

    SiSiInterventi a cuore aperto

    SiSiInterventi di chirurgia vascolare maggiore

    RecuperoPredepositoTipo intervento

    SiSiTrapianto di fegato

    NoSiGravidanza plurima

    NoSiPlacenta previa

    SiSiProstatectomia radicale

    SiSiInterventi correttivi per scoliosi

    NoSiProtesi totale di ginocchio

  • Emocomponenti per uso non trasfusionale

    Gel di piastrine azione di stimolo sulla rigenerazione tessutale derivato dallassociazione del concentrato piastrinico ( fonte di fattori di crescita) con il crioprecipitato ( fonte di fibrinogeno, fibronectina e altri fattori procoagulanti)Colla di fibrina azione adesiva ed emostatica derivato da plasma (ricco fibrinogeno, fibronectina ed altre proteine plasma (ricco fibrinogeno, fibronectina ed altre proteine plasmatiche con scarsa presenza di piastrine) Per essere utilizzati clinicamente devono essere attivati, utilizzando cloruro di calcio ( o gluconato di calcio) e trombina autologa o batroxobinaPiastrine e plasma rappresentano una fonte autologa oomologa di fattori di crescita e proteine procoagulanti, clinicamente impiegabili (PRP)

  • LAFERESI

    SEPARATORE A SEPARATORE A

    FLUSSO DISCONTINUO FLUSSO CONTINUO

  • LAFERESI

    162.51.058Piastrine

    1.026Plasma

    Volume m3DiametroDensit g/cm3

    875.51.096Eritrociti

    2708.01.082Neutrofili

    2306.51.070Linfociti

    74010.41.062Monociti

  • LAFERESIAFERESI PRODUTTIVA

    SINGLE COMPONENT MULTI COMPONENT

    PLT PFC GR - PLT

    PFC - PLT

    DOPPIA PLT

    GR - PFC

    DOPPIA GR

  • CELLULE STAMINALI DA SANGUE PERIFERICO

    Vengono raccolti da donatore mediante leucoaferesi dopo mobilizzazione nel torrente circolatorio con fattori di crescita GM-CSF. Per ottenere un numero adeguato di cellule CD 34 necessario procedere afereticamente da 3 a 4 volte il volume ematico (200 ml/kg di peso).

    Le cellule staminaliLe cellule staminali da sangue periferico da sangue periferico P.B.S.C.P.B.S.C.

    Devono essere trasfuse subito dopo Devono essere trasfuse subito dopo scongelamento a scongelamento a 37 37 C.C.

    Le cellule staminaliLe cellule staminali da sangue periferico da sangue periferico P.B.S.C.P.B.S.C.(Peripheral Blood Stem Cell) vengono sospesi in (Peripheral Blood Stem Cell) vengono sospesi in una soluzione contenente un crioprotettore (una soluzione contenente un crioprotettore (DMSODMSO) ) e proteine (e proteine (plasmaplasma--albuminaalbumina) congelati e conservati ) congelati e conservati a a --180 180 C in fase gassosa di azoto.C in fase gassosa di azoto.

  • SANGUE PLACENTARE

    Contiene i progenitori emopoietici indispensabili ai fini del trapianto di midollo osseo sia autologo che allogenico ed in grado di determinare un completo ripopolamento cellulare. Prelevato subito dopo la resezione del cordone ombelicale viene congelato nel pi breve tempo possibile (in DMSO 10%). Viene conservato in azoto liquido a -140 C fino a 15 anni. Volume sacca : 60 ml; cellularit totali: >800*106; determinazioni in citofluorimetria delle cellule CD34determinazioni in citofluorimetria delle cellule CD34

    Tipizzazione HLA.Tipizzazione HLA. Tale volume per non consente Tale volume per non consente nell adulto di somministrare la dose minima nell adulto di somministrare la dose minima cellulare raccomandato (cellulare raccomandato (20 20 milioni di cellule milioni di cellule nucleate/kg di peso c o r p o r e o). Per ovviare a nucleate/kg di peso c o r p o r e o). Per ovviare a questi inconvenienti sono possibili questi inconvenienti sono possibili programmi di programmi di espansioneespansione cellularecellulare con aumenti in due settimane di con aumenti in due settimane di circa circa 100 100 volte il numero di cellule staminali.volte il numero di cellule staminali.