Guida alla fatturazione elettronica -...

of 37/37
www.connet.to [email protected] 011 0203160 Corso Vitttorio Emanuele II 44, 10123 Torino Guida alla fatturazione elettronica
  • date post

    13-Aug-2020
  • Category

    Documents

  • view

    3
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Guida alla fatturazione elettronica -...

  • www.connet.to

    [email protected]

    011 0203160

    Corso Vitttorio Emanuele II 44, 10123 Torino

    Guida alla fatturazione elettronica

  • PARTE UNO: INTRODUZIONE1) Timeline e normativa2) Timeline e normativa 23) Perché la FTE: i vincoli europei4) Perché la FTE: più efficienza per le imprese5) Un esempio già attivo: la fatturazione elettronica per la PA6) Prima applicazione tra privati: i distributori di carburante

    PARTE DUE: FUNZIONAMENTO7) Cos’è la fatturazione elettronica8) Il Sistema di Interscambio9) Il Sistema di Interscambio: i numeri10) Schema di funzionamento del SdI11) Canali di invio e ricezione12) Tipologia dello strumento: il file .xml13) Requisiti secondo l’agenzia delle entrate (circolare

    18/e/2014)14) Emissione

    INDICE15) Archiviazione

    16) Il possibile errore

    17) Bollo virtuale e firma digitale

    18) I diversi strumenti per l’accesso alla fatturazione elettronica

    PARTE TRE: UNA SVOLTA STRATEGICA PER LE IMPRESE

    19) Dati per tutti: piccole imprese come grandi multinazionali

    20) Fatturazione elettronica e intelligenza artificiale

    21) Prospettive: introduzione della blockchain

    22) L’automazione come opportunità e non come vincolo

    23) La fine della registrazione della contabilità?

    24) Un sensibile risparmio di costi

    25) Un sensibile risparmio di costi 2

    26) Analisi dei dati e gestione aziendale

    27) Redazione budget

    PARTE QUATTRO: FATTURAZIONE ELETTRONICA E SUITE OPERATIVA

    28) Gestire la fatturazione elettronica attraverso una suite operativa

    29) Un unico ambiente per tutti i dati

    30) Schema di condivisione documenti in una piattaforma

  • Parte uno: introduzione

  • Timeline e normativa

    Legge Finanziaria 2008 - L. 244/2007 (24 dicembre) → Introduzione dell’invio esclusivo delle fatture in formato elettronico da parte degli operatori economici tramite PEC, su indirizzo della UE per la digitalizzazione dei sistemi contabili dei paesi europei

    Direttiva 2014/55/UE (16 aprile) → introduzione della fatturazione elettronica negli appalti pubblici

    Decreto Legge n. 66/2014 (24 aprile) → recepimento della direttiva UE e introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica nei confronti di Ministeri, Agenzie fiscali, Enti di previdenza

    Decreto del 7 marzo del Ministero dell’Economia e delle Finanze → Individuazione del gestore del sistema di interscambio della fatturazione elettronica nonché delle relative attribuzioni e competenze.

    Decreto del 3 aprile del Ministero dell’Economia e delle Finanze → regolamento in materia di emissione, trasferimento e ricevimento della Fattura elettronica da applicare alla PA

    6 giugno → operatività dell’obbligo di fatturazione elettronica verso la PA

    2007

    2014

    2008

    2013

    1

  • Timeline e normativa 2

    6 giugno → Estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica anche per le altre amministrazioni pubbliche centrali e locali

    24 gennaio → Concessione ai CAF, ai commercialisti e ai soggetti abilitati la possibilità di inviare i dati della fatturazione elettronica all’Agenzia delle Entrate per conto dei propri clienti

    Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018) → Introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica tra privati e previsione delle date di inizio

    Decreto legislativo n. 127/2015 → Introduzione della possibilità di effettuare fatture elettroniche tra privati, con conseguenti sgravi fiscali

    1 ° luglio → Operatività della possibilità di fatturazione elettronica tra privati

    2015

    2018

    2017

    1 ° Gennaio→ Obbligo della fatturazione elettronica tra privati

    1 ° luglio → obbligo di emissione della fatturazione elettronica per le cessioni di benzina e carburanti in generale [rinviato al 1° gennaio 2019]

    2016

    2019 2

  • Perchè la FTE: i vincoli europei

    Il motivo principale dell’introduzione della fatturazione elettronica è la lotta all’evasione fiscale, al fine di assicurarealle casse erariali un sostanzioso aumento delle entrate.

    La lotta all’evasione è legata alle politiche europee di controllo della spesa e di riduzione del debito pubblico, che inItalia è altissimo. La FTE è lo strumento più potente per raggiungere questo risultato.

    La FTE per l’Italia è anche uno strumento di negoziazione: in cambio di un controllo della spesa e una lotta all’evasionipiù efficienti, possiamo spuntare condizioni migliori nella trattativa in sede UE sui conti pubblici italiani.

    Con la Decisione di Esecuzione 2018/593 del Consiglio Europeo l’Unione, oltre ad autorizzare l’introduzione italianadella fatturazione elettronica in Italia, specifica i benefici in ambito fiscale che ne deriveranno

    3

  • Perchè la FTE: più efficienza per le imprese

    1. Incremento di efficienza nei processi aziendali e nel controllo di gestione2. Maggiore competitività delle imprese sul mercato internazionale3. Fine dell’imputazione della contabilità a mano, riduzione degli errori e dei tempi nell’elaborazione del dato

    fiscale4. Riduzione generale dei tempi di pagamento5. Riduzione dei costi (stampa, stoccaggio fisico, marca da bollo, spedizione, data entry)6. Grazie alla digitalizzazione del dato contabile, ottenimento in automatico e «senza sforzo» di grosse quantità

    di dati da analizzare per investimenti mirati, nuove attività e mercati, efficientamento aziendale,miglioramento delle forniture, acquisizione nuovi clienti

    7. Possibilità di applicazioni trasversali, come il collegamento diretto con gli istituti di finanziamento8. Passaggio dalla lavorazione quantitativa (data entry) alla lavorazione qualitativa incentrata sul valore

    aggiunto portato dall’impresa9. Formazione e crescita del personale

    4

  • Un esempio gia’ attivo: la fatturazione elettronica per la PA

    • Trattandosi di un gigantesco cambiamento strutturale e tecnologico, la fatturazione elettronicanon poteva essere introdotta senza prima un periodo di testing.

    • Gradualmente è stata applicata quindi prima per le fatture nei confronti della PubblicaAmministrazione, con l’avvio dell’operatività dello snodo fondamentale, il Sistema diInterscambio.

    • Tutti i sistemi gestionali di produzione ed elaborazione delle fatture si sono attrezzati per lacreazione e l’invio delle fatture elettroniche alla PA, la quale ha messo a disposizione il sitowww.fatturapa.gov.it

    • Le maggiori aziende informatiche del settore contabile e fiscale, oltre a numerosi operatorispecializzati nei servizi in cloud, sono perfettamente a conoscenza dello strumento tecnico allabase della FTE, e non c’è da aspettarsi particolare confusione all’avvio.

    5

    http://www.fatturapa.gov.it/

  • Prima applicazione tra privati: i distributori di carburante

    La Legge di Bilancio 2018 (art. 1, comma 512) e la successiva circolare 8/E del 30 aprile 2018 dell’Agenziadelle Entrate hanno stabilito che:

    • Dal 1° luglio 2018 scatta l'obbligo fattura elettronica per le cessioni di carburanti per autotrazionequalora siano effettuate a titolari di partita Iva.

    • L’obbligo di emissione della fattura elettronica presso i distributori di carburante scatta solo per quelleoperazioni ove l’acquirente informi il rivenditore che l'acquisto è stato eseguito nell’esercizio dell’attivitàdi impresa, arte o professione.

    • se la cessione di benzina avviene non nell'esercizio della propria attività di impresa, arte o professione,il rivenditore di carburante, non emette fattura elettronica ma trasmette il corrispettivo all'Agenzia.

    • A tale obbligo si aggiunge l’abolizione della scheda carburante e l’obbligo di pagamento tracciabile(carte di credito, debito o prepagate) ai fini della detraibilità Iva e della deduzione del costo.

    6

  • Parte due: funzionamento

  • Cos’è la fatturazione elettronica

    CREAZIONE DELLA FATTURA

    APPROVAZIONE DAL SISTEMA DI INTERSCAMBIO

    RICEZIONE DELLA FATTURA

    Si tratta della digitalizzazione della fattura tradizionale, e riguarda le cessioni di beni/prestazioni diservizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato.

    La fattura viene generata in file .xml da uno strumento specifico (gestionale, piattaforma in cloud, banca,sito dell’Agenzia delle Entrate) e compilata secondo le regole della fatturazione tradizionale.

    Successivamente alla creazione, la FTE viene inviata al Sistema di Interscambio, unico ente autorizzato aconvalidare la fattura, e gestito dallo Stato. In questa fase le informazioni fiscali relative alla fatturavengono inviate direttamente all’Agenzia delle Entrate.

    Convalidata la fattura, il SdI la invia al destinatario, che può regolarmente inserirla nei propri sistemigestionali contabili. Con gli strumenti software adatti, tale inserimento avviene in automatico. Ilricevente ha diritto ad avere anche una copia in pdf della fattura, oltre al formato xml.

    NB: UNA VOLTA EMESSA E CONVALIDATA, LA FTE RICHIEDE BEN OTTO PASSAGGI PER ESSEREMODIFICATA

    7

  • Il Sistema di Interscambio

    Le varie azioni del Sistema di Interscambio: controllo,notifica di scarto, ricevuta di consegna, notifica di esitocommittente, scarto esito committente, notifica didecorrenza dei termini.

    Non tutte le azioni devono essere per forza intraprese,dipende dall’esito del controllo da parte dello SdI edall’eventuale segnalazione dell’esito.

    Fonte:http://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/it/b-2.html

    8

    http://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/it/b-2.html

  • Il Sistema di Interscambio: i numeri

    Lo schema mostra come il SdI attualmente sia attivo quasiesclusivamente sulle fatture elettroniche verso la PA, nonessendoci ancora un obbligo per la fatturazione B2B.

    Il bassissimo numero di fatture scartate per erroridimostra la solidità del sistema già nella generazione dellafattura digitale, che seguendo protocolli precisi e rodatidifficilmente è errata.

    Fonte:http://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/sdi/report/Report_SdI_marzo_2018.pdF

    9

    http://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/sdi/report/Report_SdI_marzo_2018.pdF

  • Schema di funzionamento del SdI

    Il funzionamento del Sistema diInterscambio nel caso delle fattureelettroniche verso la PA

    Fonte:http://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/it/b-1.html

    10

    http://www.fatturapa.gov.it/export/fatturazione/it/b-1.html

  • Canali di invio e ricezione

    Le fatture elettroniche, a parte il passaggio obbligato attraverso il Sistema diInterscambio, potranno essere inviate e recapitate attraverso i seguenti canali:

    • Posta Elettronica Certificata (PEC)• Canale di ricezione accreditato presso il Sistema di Interscambio

    Il canale di ricezione può essere attivato direttamente dall’impresa o da un intermediarioabilitato (commercialista) e prevede la generazione di un codice univoco di 7 cifre, ilquale costituisce «l’indirizzo» alternativo alla PEC per l’invio della fattura elettronica.

    11

  • Tipologia dello strumento: il file .xml

    Le fatture elettroniche in Italia sono gestite attraverso lo standard FatturePA, che utilizza i file in formato.xml (extensible markup language) non contenente macroistruzioni o codici eseguibili tali da attivarefunzionalità che possano modificare gli atti, i fatti o i dati rappresentati.

    Il file .xml generato può contenere una fattura singola (un solo corpo fattura) oppure un lotto di fatture(più corpi fatture con la stessa intestazione).

    Insieme al file .xml viene generato anche un file .pdf tradizionale, che il ricevente può richiedere (perfacilitare la fase di transizione al nuovo sistema)

    12

  • Requisiti secondo l’Agenzia delle Entrate (circolare 18/e/2014)

    A - AUTENTICITÀ

    I - INTEGRITÀ

    L - LEGGIBILITÀ

    La fattura elettronica è un documento che non viene mai materializzato dall’emissione alla conservazione e rispetta i requisiti A.I.L.

    deve provenire dal fornitore nella fattura

    non deve aver subito modifiche nel contenuto tra emissione e ricezione

    Tutte le informazioni rilevanti devono essere leggibili o su carta o su video

    Fonte: La fatturazione elettronica diffusa in Italia e le novità della Legge di Bilancio 2018, Accademia di Torino dei dottori commercialisti e ANDOC, Torino 16/05/2018

    13

  • EmissioneQui di seguito lo schema contenente il flusso operativo digenerazione della fatturazione elettronica, come predispostodal sito dell’Agenzia delle Entrate, che mette a disposizione(previa registrazione) una sezione personale del portale dallaquale inviare e gestire le proprie fatture.

    Fonte:https://assistenza.agenziaentrate.gov.it/ServiziIva/KanaFattElettr.asp?St=237,E=0000000000061072303,K=994,Sxi=7,t=Case,Case=Obj(1157),ts=Fatturazione

    È molto più comodo però affidarsi a una piattaforma diinvio/gestione/archiviazione specializzata. Alcune dellepossibili alternative sono:

    • Suite operative autonome (piattaforme)• Servizio web dedicato da parte di alcune banche• Pacchetto specifico aggiuntivo dei principali software

    gestionali, che già forniscono gli strumenti per fatturarealla PA

    14

    https://assistenza.agenziaentrate.gov.it/ServiziIva/KanaFattElettr.asp?St=237,E=0000000000061072303,K=994,Sxi=7,t=Case,Case=Obj(1157),ts=Fatturazione

  • Archiviazione

    La Legge di Bilancio 2018 sancisce che “Gli obblighi di conservazione si intendono soddisfatti per tutte le fatture elettronichenonché per tutti i documenti informatici trasmessi attraverso il Sistema di Interscambio e memorizzati dall’Agenzia delleEntrate”

    Ciò significa che le fatture, passando obbligatoriamente per i sistemi informatici statali, sono già archiviate in automatico.

    Tuttavia, sia per questioni di sicurezza e rapidità (chi garantisce che l’Agenzia delle Entrate fornisca celermente le fatturearchiviate?) e soprattutto di efficienza gestionale interna alle aziende, è caldamente consigliata l’archiviazione digitale dellefatture elettroniche.

    Le principali piattaforme online di gestione della fatturazione elettronica, oltre ovviamente ai gestionali tradizionali con i lorosoftware specifici, permettono sia la conservazione sicura dei file digitali delle FTE, sia la conservazione dei log, cioè i tracciatiinformatici delle attività di generazione, invio e archiviazione delle fatture elettroniche.

    15

  • Il possibile errore

    La fattura elettronica può essere annullata dopo l’invio e l’approvazione da parte dello SdI, ma leprocedure per farlo sono complesse e sono volte a scongiurare interventi frequenti in tal senso.

    La tracciabilità completa delle fatture può essere un vantaggio per l’impresa, anche in un contesto disegnalazione di un errore.

    Nel caso in cui i dati delle fatture emessa da un soggetto A non coincidono con i dati delle fatture emessericevute e registrate del soggetto B, senza l’avvio delle procedure di annullamento, il monitoraggio dei logdel Sistema di Interscambio può fornire in sede di contestazione la «prova» della correttezza da parte diuno dei due soggetti.

    16

  • Bollo virtuale e firma digitale

    Firma digitale

    Le fatture elettroniche devono essere firmatedigitalmente, al fine di garantire autenticitàdell’origine e integrità del contenuto, e per essereapprovate dal Sistema di Interscambio. La firmadigitale con la quale validare le FTE può essereottenuta da:

    - Carta Nazionale dei Servizi (CNS) presso leCamere di Commercio

    - Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID)

    - Certificatori accreditati dall’Agenzia per l’ItaliaDigitale (che rilasciano anche SPID)

    Bollo virtuale

    Per le fatture non soggette ad IVA che superanol’importo di 77,47 € normalmente soggetteall’imposta di bollo (da 2 €) è possibile passare alpagamento virtuale del bollo mediante versamentocon F24.

    Secondo il DM 17 giugno 2014, il versamentomediante F24 dell’imposta di bollo virtuale sullefatture elettroniche va effettuato entro 120 giornidalla chiusura dell’esercizio di riferimento, calcolandol’imposta di bollo complessiva per tutte le fattureassoggettate dell’anno e inserendo nell’F24 il codicetributo 2501.

    17

  • Come accedere alla fatturazione elettronica

    SERVIZIO ONLINE

    GRATUITO DELL’AGENZIA

    DELLE ENTRATE

    BANCHEGESTIONALI CONTABILI

    TRADIZIONALI

    SUITE OPERATIVE

    AUTONOME

    18

  • Parte tre: una svolta strategica per le imprese

  • Dati per tutti: piccole imprese come multinazionali

    La fatturazione elettronica si inserisce nel solco della rivoluzione digitale: fornisce un’enorme quantità di dati. Finorasolo le grandi aziende strutturate potevano sfruttare al meglio le enormi quantità di dati, con interi reparti dedicati allaproduzione e all’analisi delle statistiche. Ora, con la potenza di calcolo dei nuovi computer e i software di elaborazionedati a prezzi bassi, chiunque può utilizzare i big data in modo semplice.

    La FTE digitalizza e rende automatica la raccolta dei numerosissimi dati contenuti su una fattura, inserendolidirettamente nei gestionali di calcolo: dati di fornitori, clienti, merce, Iva, prezzi, indirizzi, nominativi, e altro ancora.Tali dati possono essere molto più facilmente aggregati e incrociati per ottenere informazioni come le frequenze e iperiodi di vendita/acquisto, le medie dei prezzi, le forniture in precisi momenti dell’anno e moltissime altre statistiche.

    Non dover più impiegare il tempo per la semplice imputazione permette di concentrarsi sull’analisi dei dati aggregati escoprire come migliorare le performance aziendali.

    19

  • Fatturazione elettronica e intelligenza artificiale

    Deep learning, machine learning e artificial intelligence, sono termini che sentiremo sempre più spesso. Rappresentano lacapacità delle macchine di elaborare i dati con un approccio più «umano» e intelligente rispetto alla semplice esecuzione diun comando preimpostato dai programmatori. Tale operazione permette alla macchina di fornire risposte a domandecomplesse e impreviste, e si sta diffondendo sempre di più (pensiamo agli assistenti virtuali disponibili nelle nostre case,smartphone e tv).

    Per funzionare, la IA necessita di enormi quantità di dati: qui entra in gioco la fatturazione elettronica. Le incredibili quantitàdi dati digitali contenuti nelle e-fatture non saranno solo un sostituto della carta, ma costituiranno la base per l’elaborazioneda parte di software specializzati in grado di fare ragionamenti complessi e garantire alle aziende vero valore aggiunto.

    La FTE è solo l’inizio: grazie alla IA le aziende possono avere previsioni più veloci e complesse e analisi del mercato intempo reale, oltre agli altri utilizzi ancora da sperimentare. Anche le piccole e medie imprese possono utilizzare questistrumenti, grazie al cloud: non devono infatti comprare potenti computer, ma ricevono i dati via internet da centri dielaborazione specializzati, come già avviene per le piattaforme online.

    20

  • Prospettive: introduzione della blockchain

    La Blockchain (catena di blocchi) è un registro decentralizzato, diffuso e sicuro, che registra e archivia tutte le transazioni di dati all’interno dellacatena, senza bisogno della convalida di una parte terza. Ogni pc può essere un blocco della catena, tutti scambiano e possiedono i dati, ma non nehanno accesso. I dati sono crittografati e protetti da una password (chiave) univoca e detenuta dal proprietario del dato; vengono inviati da un nodoall’altro della rete milioni di volte, e ogni nodo oltre a convalidare la transazione (registrata e tracciata), detiene una copia di tutto il registro, che non èquindi ospitato in un luogo solo, ma diffuso.

    La crittografia, l’assenza di un’unica sede per il registro, la convalida di milioni di volte delle transazioni e la registrazione di ogni movimento rendonola blockchain pubblica attualmente inattaccabile e incorruttibile. L’unico modo di rubare un dato è rubarne la chiave, che non passa dalla blockchain ese custodita male può permettere il furto del singolo dato a cui è collegata, ma non è possibile forzare il sistema e rubare tutto il registro.

    La Blockchain verrà applicata alla fatturazione elettronica, permettendo di attivare nuove opportunità, quali un diverso rapporto tra imprese e istitutidi credito, che potranno avere ulteriori convalide delle fatture inserite nel circuito, tra clienti-fornitori-clienti, e rimodulare continuamente il credito sullabase delle commesse previste e certificate. Anche le attività di monetizzazione dei crediti commerciali e di asta delle fatture, che si basanoessenzialmente su previsioni e fiducia, potranno beneficiare enormemente dall’impiego della blockchain come strumento di convalida.

    21

  • L’automazione come opportunità e non come vincolo

    L’automazione introdotta anche nelle piccole e micro imprese, artigiani e professionisti, grazie allafatturazione elettronica, non è solo un’imposizione tecnica: è un’opportunità.

    Realtà piccole (oltre il 90% delle aziende italiane) possono utilizzare questa opportunità per un cambio distrategia: utilizzare il dato contabile come strumento per analizzare e correggere le performance aziendali,essere più competitive sul mercato, creare valore aggiunto.

    Il controllo di gestione e l’analisi diventano il focus su cui concentrare gli sforzi, e la contabilità passadall’essere solo un obbligo di legge al costituire un’enorme miniera di dati e potenziali attività aggiuntive,anche per piccole imprese.

    22

  • Fine della registrazione della contabilità?

    La contabilità non verrà più imputata a mano, ma i dati delle fatture fluiranno automaticamente dentro ilgestionale contabile, sia nel caso in cui lo strumento di generazione della fattura elettronica faccia partedel gestionale contabile, sia nel caso in cui sia un software terzo.

    I maggiori istituti bancari si sono già attrezzati per fare la fatturazione elettronica: da lì alla riconciliazionecon i movimenti del conto corrente aziendale il passo è breve. Uno degli scenari possibili è che lacontabilità la facciano direttamente le banche.

    Il lavoro in contabilità non verrà ridotto, ma modificato: si aggiungeranno competenze di analisi e gestionee il personale potrà crescere professionalmente.

    23

  • Un sensibile risparmio di costi

    Analisi del possibile risparmio sul ciclo delle fatture in entrata.

    Fonte: webinar Comunicazione integrata tra clienti e fornitori. Servizi per l’automazione dei processi amministrativi, di BeCloud

    24

  • Un sensibile risparmio di costi

    Analisi del possibile risparmio sul ciclo delle fatture passive.

    Fonte: webinar Comunicazione integrata tra clienti e fornitori. Servizi per l’automazione dei processi amministrativi, di BeCloud

    25

  • Analisi dei dati e gestione aziendale

    Con l’automazione portata dalla fatturazione elettronica i dati raccolti impongono un serio processo di analisi, per ilquale occorre un cambio di mentalità, soprattutto nelle micro, piccole e medie imprese.

    È necessario ragionare nell’ottica della gestione aziendale e utilizzare i dati per costruire analisi e previsioni: budget,previsioni di chiusura, analisi degli scostamenti, tesoreria, flussi di cassa. I modelli matematici alla base dei softwaregestionali, uniti alla mole di dati immediatamente disponibili all’emissione e alla ricezione della fattura elettronicapermettono di sapere in qualsiasi momento quanto, quando e in che modalità dovrà spendere e incassare l’azienda,quali manovre correttive attuare e come chiuderà a fine anno.

    Il dato contabile smette di essere un dato relativo al passato, da registrare per obbligo di legge, e diventa la base pervedere e costruire il futuro dell’attività aziendale.

    Il controller di gestione, figura prima destinata soprattutto alle grandi realtà, ora coincide con il contabile,l’amministrativo o l’imprenditore stesso, che avrà a disposizione strumenti più semplici e immediati.

    26

  • Redazione budget

    Di norma le piccole realtà non hanno l’abitudine di predisporre un budget di previsione dell’anno a venire,sia per mancanza di consapevolezza dell’importanza di questo documento, sia perché farlo richiedeval’impiego di cospicue risorse di tempo e la raccolta «a mano» dei dati necessari.

    Con la fatturazione elettronica tutti possono e devono approvare il budget entro la fine dell’anno, in mododa avere a gennaio una visione estremamente precisa dell’andamento delle attività entro i dodici mesi.

    Gli imprenditori dovranno infatti avere una chiara idea di come si svolgerà la propria attività nell’anno avenire, perché le fatture elettroniche non saranno facilmente modificabili.

    27

  • Parte quattro: fatturazione elettronica e suite operativa

  • Gestire la fatturazione elettronica attraverso una suite operativa

    Alcuni degli strumenti per la generazione delle fatture elettroniche sono le suite operative (piattaformeonline), che sfruttano la potenza del cloud per garantire all’utente un’interfaccia che non richiede discaricare software ed è accessibile da ogni dispositivo.

    Le piattaforme sono particolarmente utili nel rapporto tra commercialista e azienda, perché costituisconoun ambiente comune e facilmente raggiungibile per effettuare e archiviare le fatture elettroniche, caricaredocumenti, condividere tabelle e contatori in aggiornamento automatico e inviare messaggi.

    Grazie ai log che si generano automaticamente a ogni azione, questi strumenti risultano più sicuri dellamail, la quale verrà progressivamente utilizzata di meno. Le piattaforme online di archiviazione efatturazione elettronica sono anche più coerenti con le norme imposte dal GDPR.

    28

  • Un unico ambiente per tutti i dati

    La proliferazione di attività basate sui dati digitali, tra cui le e-fatture, richiedono sempre di più un unico ambiente divisualizzazione, gestione e invio dei dati stessi. La tendenza è l’accentramento delle funzioni in un unico ambiente, e sitratta di una necessità umana per mantenere il controllo di attività altrimenti «sparse».

    Le suite operative autonome permettono di gestire da uno stesso ambiente l’arrivo, la creazione e l’invio della fatturaelettronica, che a sua volta fornisce la base per alimentare il gestionale che ne elabora i dati. Le informazioninecessarie alla compilazione della fattura, inoltre, alimentano lo spazio dell’anagrafica clienti e fornitori, cui sonocollegate la messaggistica e i pulsanti di attivazione di servizi a essi collegati (contrattualistica, nda, servizi finanziari edi rating, gdpr compliance ecc.).

    Scegliere di fare le fatture elettroniche attraverso una suite operativa permette dunque di aprire le porte anumerose attività e servizi, tutti ospitati in un unico ambiente, e di dare un valore all’utilizzo dei dati che ogniimpresa detiene: quelli relativi a clienti e fornitori.

    29

  • Schema di condivisione documenti in una piattaforma

    PROFESSIONISTA

    PIATTAFORMA DI GENERAZIONE FTE E ARCHIVIAZIONE CONDIVISA DOCUMENTI

    CLIENTECLIENTE DEL

    CLIENTE

    Grazie alle credenziali di accesso personali e agli spazi separati, i professionisti, i loro clienti e i clienti dei loro clienti possono emettere le fatture elettroniche e archiviare i documenti in totale sicurezza e rispetto delle nuove normative sulla privacy (GDPR).

    30

  • CONTATTI

    Corso Vittorio Emanuele II 4410123 – TORINO

    011.0203160

    [email protected]@connet.to

    www.connet.to