gestione vie aeree - 118er.it di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale Sud GESTIONE VIE...

download gestione vie aeree - 118er.it  di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale Sud GESTIONE VIE AEREE Gestione vie aeree con presidi di base e tubo laringeo A.Monti. 2

of 56

  • date post

    05-May-2018
  • Category

    Documents

  • view

    215
  • download

    3

Embed Size (px)

Transcript of gestione vie aeree - 118er.it di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale Sud GESTIONE VIE...

  • 1

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Gestione vie aeree con presidi di base e

    tubo laringeoA.Monti

  • 2

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    OBIETTIVI Riconoscimento problemi perviet vie

    aeree e ventilazione Presidi di base Tubo laringeo Ventilazione con pallone

    autoespansibile Assistenza intubazione

  • 3

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Perch importante il controllo delle vie aeree

    Protezione dalla inalazione polmonare

    Garantire adeguata ossigenazione(apporto O2) e ventilazione (eliminazione CO2)

  • 4

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Manovre/presidi di base apertura bocca e iperestensione del

    capo/sublussazione mandibola con capo in asse se traumatizzato

    cannula oro faringea

    cannula rinofaringea

    ventilazione con pallone autoespansibile

  • 5

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Cause e riconoscimento ostruzione vie aeree

  • 6

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Cause di ostruzione vie aeree

    Depressione del sistema nervosocentrale

    Corpo estraneo: sangue, vomito, protesi Trauma Infezione Laringospasmo Broncospasmo

  • 7

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Riconoscimento di ostruzionedelle vie aeree

    Parla ? Dispnea Respiro rumoroso (stridor, sibili,

    gorgoglii) Attivazione muscolatura accessoria

    (diaframma, muscoli intercostali, sternocleidomastoideo)

  • 8

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Trattamento dellostruzione dellevie aeree

    Apertura delle vie aeree Presidi di base (cannula orofaringea e

    rinofaringea) Presidi sovraglottici (maschera

    laringea e tubo laringeo) Tubo endotracheale Ossigeno

  • 9

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Cannula orofaringea

  • 10

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Cannula oro-faringea Tollerata solo in casi di coma

    (GCS 8) con completa assenza riflessidelle vie aeree

    rischio stimolazione del vomito, tosse (incremento pressione intracranica nei traumatizzati)

  • 11

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Cannula orofaringea

    in posizione corretta

    Non inserire la cannula se sono presenti i riflessi faringei.

  • 12

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Cannula rino-faringea

    Utile come presidio ponte Utile in caso di trisma da ipossiemia Poche controindicazioni assolute(es.gravi lesioni massiccio faciale, bambino) e relative (frattura base cranica)

  • 13

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    CANNULA RINO-FARINGEA

  • 14

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    TECNICA PALLONE / MASCHERA

    VENTILAZIONE ASSISTITA CON PALLONE AUTOESPANSIBILE

    O2 insufflato = 21 %

  • 15

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    TECNICA PALLONE / MASCHERA

    + O2 (10-12 l/min)

    O2 insufflato = 40 - 50 %

    O2

    VENTILAZIONE ASSISTITA CON PALLONE AUTOESPANSIBILE

  • 16

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    TECNICA PALLONE con RESERVOIR /

    MASCHERA + O2 (10-12 l/min)

    O2

    O2 insufflato = 80 - 90 %

    VENTILAZIONE ASSISTITA CON PALLONE AUTOESPANSIBILE

  • 17

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    SINTESI E PERCENTUALI DI OSSIGENO

    1.Bocca / bocca 16 %

    2.Pocket mask 16 %

    3.Pallone 21 %

    4.Pallone + O2 (10 - 12 litri/minuto) 40-50 %

    5.Pallone + O2 (10 - 12 litri/minuto) + reservoir 80-90 %

    VENTILAZIONE ASSISTITA CON PALLONE AUTOESPANSIBILE

  • 18

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Ventilazione assistita a due soccorritori

    PRO Migliore aderenza della maschera facciale al volto del paziente

    CONTROImpegno due soccorritori

  • 19

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    PRESIDI SOVRAGLOTTICI

    Tubo laringeo

    Maschera laringea

  • 20

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Tubo Laringeo(LT ed LTS)

  • 21

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    TUBO LARINGEO - LT

    E un tubo monolume che consente lintubazione alla cieca (senza bisogno del laringoscopio). Viene posizionato nellipofaringe. E di silicone privo di lattice.

  • 22

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Modello LT

  • 23

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Markers di riferimento per larcata dentaria

    Cuffia esofagea a bassa pressione: blocca lesofago e riduce il rischio di inviare gas nello stomaco

    Fori di ventilazione: si posizionano di fronte al laringe e permettono il passaggio di un sondino o di un fibroscopio

    Cuffia faringea a bassa pressione: stabilizza il tubo e blocca lorofaringe e il rinofaringe

    Linea monocanale per il gonfiaggio sequenziale di ambedue le cuffie

    Raccordo ISO provvisto di codice coloreLT

  • 24

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Modello LT

  • 25

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Modello LT

  • 26

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Modello LT

  • 27

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Circa 90 mlViola> 90 Kg ( > 180 cm)Adulti grandi5

    Circa 80 mlRosso50 90 Kg (155-180 cm)Adulti medi4

    Circa 60 mlGiallo30 60 Kg (

  • 28

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    TUBO LARINGEO - LTS

    E un tubo bilume che consente lintubazione alla cieca (senza bisogno del laringoscopio). Viene posizionato nellipofaringe. E di silicone privo di lattice.

    Aspirazione gastrica Aspirazione gastrica

    ventilazioneventilazione

  • 29

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    > 90 Kg

    60-90Kg

    30-60 Kg

    Peso

    Viola> 180 cmAdulti large5

    Rosso155-180 cmAdulti medium4

    Giallo< 155 cmAdulti small3

    Codice coloreAltezzaPaziente Misura

    LTS confezione singola pulita, con siringa apposita

  • 30

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Controllare che entrambe le cuffie siano completamente sgonfie e lubrificate.

    E consigliabile la pre-ossigenazione del paziente

    Modello LT

  • 31

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Posizionare uno spessore sotto la testa del paziente.

    Mantenere la bocca aperta ed assicurasi che la lingua non venga spinta indietro.

    Inserire il tubo nella cavitorale fino a posizionare lapposito marker a livello dei denti.

    Modello LT

  • 32

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Gonfiare le cuffie con i volumi di aria consigliati sulla siringa.Se disponibile lapposito manometro, regolare la pressione a 60 cm di H20.

    Modello LT

  • 33

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Controllare la ventilazione polmonare mediante auscultazione.Nel caso in cui la ventilazione non fosse sufficiente, spostare il tubo in direzione distale o prossimale.

    Modello LT

  • 34

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Per lestubazione, necessario sgonfiare completamente entrambe le cuffie, con la siringa.

    Modello LT

  • 35

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

  • 36

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

  • 37

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

  • 38

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

  • 39

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

  • 40

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

  • 41

    Servizio di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Territoriale SudGESTIONE VIE AEREE

    Attenzione!

    1. laspiratore e il pallone di Ambu devono sempre essere a portata di mano;

    2. Unalta pressione nelle vie aeree pu causare la deviazione dei flussi gassosi nello stomaco e/o allesterno;

    3. Lintubazione tracheale classica, in mani esperte, rimane sempre lopzione di prima scelta.