Fontana decennale for

of 10 /10
Gli sforzi interni dell’AOUD: i criteri di qualità della formazione continua in medicina Paolo Biacoli, Paolo Bressan, Alessandro Cavarape, Giorgio Della Rocca, Gabriele Martina, Daniela Miani, Moreno Lirutti, Alvisa Palese, Lucia Parisi, Massimo Politi, Claudio Scarparo Udine, 22 marzo 2012 Fabrizio Fontana per il Comitato Scientifico Formazione Continua

Embed Size (px)

description

Decennale struttura formazione AOU Udine

Transcript of Fontana decennale for

  • 1. Gli sforzi interni dellAOUD: i criteri di qualit della formazione continua in medicina Udine, 22 marzo 2012 Fabrizio Fontana per il Comitato Scientifico Formazione ContinuaPaolo Biacoli, Paolo Bressan, Alessandro Cavarape, Giorgio Della Rocca, Gabriele Martina, Daniela Miani, Moreno Lirutti, Alvisa Palese,Lucia Parisi, Massimo Politi, Claudio Scarparo

2. AgendaComitato Scientifico per la Formazione Continua (2009) Sviluppare la qualit e lefficacia della Formazione Continua1. Individuare il profilo prevalente dei corsi realizzati dallAzienda per censirne i problemi.2. Sviluppare una guida di supporto alla progettazione/auto- valutazione di un progetto/intervento formativo. 3. Profilo dei corsi: analisi offerta formativa AOUD (1)1. Ricchissima produzione di corsi (2009)354 corsi (di cui 28.7% sul campo)16,520 Partecipanti, 12.508 Interni63.8 12 Crediti ECM distribuiti, 21 media/partecipante431.000,00 2. Profilo tipicoPoca evidenza di analisi di fabbisogno formativoMolta enfasi su dimensioni tecnichePrevalente lezioni/metodologie passiveMolto basata su contenuti da trasmettereMonodisciplinariEsposizioni singole alleventoEsiti: soddisfazione (media alta = 4.3) e nozionistica (quiz di fine corso)Nessuna evidenza di impatto su pazienti/operatori 4. Formazione Continua: strategie di documentata efficacia (1) Revisione estensiva della letteratura per individuare strategie di CME di provata efficacia:2. in grado di influenzare positivamente le performance/competenze dei professionisti e i risultati clinici.3. Parole chiave: [continuing education + effectiveness OR impact OR outcomes* combinati anche con altre parole di testo strategies, performances, clinical outcomes, ..]4. Estrazione evidenze e loro organizzazione sulla base della tappe della formazione continua (es. analisi dei bisogni, metodi, strumenti didattici, setting e valutazione). 5. Formazione Continua: strategie di documentata efficacia (2) Estrazione delle evidenze pi forti/suggestive: esempi Gli interventi di educazione continua devono essere utilizzati per migliorare leperformance degli operatori sanitari e del sistema sanitario [Grado 1C] Mostrano maggior efficacia in questa direzione le strategie educative multimetodo (lezione + supervisione sul campo) attive (outreach visit, case-based/problem-based/team based learning, discussioniin gruppo, programmi di mentoring, role-playing, simulazioni..) quando si basano su research driven o process driven (e meno sui contenuti) quando prevedono percorsi articolati, lunghi, non frammentati e che integranocambiamenti organizzativi che prevedono esposizioni multiple (non singolo evento) [Grado 2C] che impegnano in una valutazione anche di impatto(organizzativo/pazienti/sistema)(Frenk et al, Lancet 2010; Dave & Galbraith, 2009; Mansouri & Lockyer, 2007) 6. Formazione Continua: strategie di documentata efficacia (3) 7. Pianificare un progetto CME:criteri guida per promuovere la qualit scientifica. (1)AmbitoCriteri1. Principi Liniziativa basata su-Principi di apprendimento degli adulti (orientamento ai problemi/valorizzazionedellesperienza)-Analisi dei bisogni partecipanti/organizzazione2. Finalit Persegue almeno una delle seguenti finalit-Integrare/sostenere un progetto di cambiamento (es. organizzativo/miglioramentopratica)- Garantire/aumentare la sicurezza (pazienti/operatori)- Trasferire nella pratica nuove conoscenze/metodi/modelli (es. Linee guida)In almeno uno dei seguenti campi-Questioni di interesse sociale-Information/Communication Technology-Clinica-Humanitas-Metodologie didattiche-Organizzazione/processi organizzativi/modelli-Accreditamento 8. Pianificare un progetto CME: criteri guida per promuovere la qualit scientifica. (2)Ambito Criteri3. Destinatari Coinvolge - Pi professionalit: es. clinici/non clinici, ospedalieri/universitari, dirigenti/comparto - - Solo una professionalit se pertinente alle finalit del progetto4. Docenti Appartengono, se pertinente - Profili professionali diversi: clinici/non clinici, ospedalieri/universitari, dirigenti/comparto5.ObiettiviPrevede almeno una delle seguenti finalitspecifici- Obiettivi di conoscenza - Obiettivi di competenza - Obiettivi di atteggiamenti6.Metodi Prevede, se pertinenti -Strategie didattiche interattive (es. piccoli gruppi, workshop, journal club ..) -Strategie didattiche integrate aula + sul campo (es. audit, supervisore, outreach visit,)7.MaterialiPrevede (prima/durante o a fine corso) la diffusione ai partecipanti di -Summary points, Take home message (max 1000 parole) o, in alternativa -Articolo scientifico pi rilevante/significativo 9. Pianificare un progetto CME:criteri guida per promuovere la qualit scientifica. (3)AmbitoCriteri8.Valutazione Se obiettivi di conoscenza valutazione di Soddisfazione8.Valutazione Conoscenze (pre/post test; self report)Se obiettivi di competenza/atteggiamento valutazione di: Conoscere come Dimostrare come Performance4. Paziente il grado con cui gli esiti clinici sono migliori per effetto dei cambiamentidei comportamenti dei professionisti che hanno partecipato allaformazione continua; misurazioni stato di salute dei pazienti registratinelle cartelle o in altri data base; self report dei pazienti 10. Agenda/Conclusioni per il prossimo decennioComitato Scientifico per la Formazione Continua Lo strumento messo a regime,validato dallapratica corrente nel corso dellultimo anno,costituisce traccia utile per chi si accinge aproporre iniziative formative e, al tempostesso serve da guida al comitato scientificonellesprimere le proprie valutazioni in ordinealla approvazione delle iniziative stesse. Negli anni a venire la sfida della qualit incampo formativo avr quindi una leva in piper rendere pi efficace la propria azione.