E IL DIRITTO PUBBLICO ULTRASTATALE - irpa.eu · Diritto, Stato e comunità superstatale nel...

Click here to load reader

  • date post

    16-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    213
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of E IL DIRITTO PUBBLICO ULTRASTATALE - irpa.eu · Diritto, Stato e comunità superstatale nel...

* Lautore ringrazia le dott.sse Agostina Palestro ed Alessandra Serio per il prezioso aiuto nellaricerca del materiale.

EDOARDO CHITI

LA SCIENZA DEL DIRITTO AMMINISTRATIVO E IL DIRITTO PUBBLICO ULTRASTATALE*

Sommario: 1. Premessa. 2. I primi tre decenni della seconda met del secolo: la limitataproblematizzazione del diritto amministrativo ultrastatale, le sue ragioni, le conse-guenze. 3. Gli anni ottanta e gli anni novanta: lo studio del diritto amministrativoeuropeo. 4. Linizio del nuovo secolo: lapprofondimento del diritto amministrativoeuropeo ed il diritto amministrativo globale. 5. Conclusioni.

1. Premessa

In quale maniera lo studio del diritto ultrastatale da parte della scienza del dirittoamministrativo nella seconda met del XX secolo ha determinato una revisione dellarappresentazione che tale scienza offre del proprio oggetto di studio?

Per raccogliere elementi utili a fornire una prima risposta a questa domanda, siricostruiranno le evoluzioni che hanno caratterizzato, nel corso del periodo considera-to, tre profili distinti ma strettamente connessi tra loro: i problemi affrontati dallascienza del diritto amministrativo che si interessata alle vicende del diritto pubblicoultrastatale; i metodi adottati per lo studio di tali problemi; i principali risultati rag-giunti.

Si deve subito chiarire che lindagine si appunter sui passaggi principali e sullelinee di sviluppo complessive, a scapito dei percorsi specifici, della variet delle posi-zioni individuali e della fitta trama di continuit tra i diversi momenti dellevoluzionedel pensiero giuridico. In questa prospettiva, si tenter di ricostruire una periodizza-zione incentrata sulle diverse problematizzazioni del fenomeno giuridico ultrastataleche la scienza del diritto amministrativo ha operato nel corso del periodo in esame, suimetodi corrispondenti a tali problematizzazioni e sui risultati ai quali queste ultimehanno condotto, nellottica di una valutazione complessiva della distanza tra il puntodi partenza ed il punto di momentaneo approdo.

Allesame di questi processi sono dedicati i tre paragrafi che seguono ( 2-4).Nellultimo, si richiameranno gli aspetti principali dellanalisi svolta e si tireranno alcu-ne conclusioni ( 5).

2. I primi tre decenni della seconda met del secolo: la limitata problematizzazione deldiritto amministrativo ultrastatale, le sue ragioni, le conseguenze

Nei primi anni cinquanta, sia il padre fondatore della scuola del diritto pubblicoitaliano, Vittorio Emanuele Orlando, sia lo studioso che dominer la scienza ammini-strativistica della seconda met del Novecento, Massimo Severo Giannini, si interessa-no al processo di istituzione delle Comunit europee, per valutarne i possibili esiti.

Il primo, in un discorso parlamentare pronunciato nella seduta del Senato del 18luglio 19521, osserva, con riferimento alla dichiarazione Schuman del 1950 ed alla ipo-tesi che lAlta autorit della Comunit europea del carbone e dellacciaio (Ceca) avviiun processo costituente europeo, come la nuova forma di organizzazione internazio-nale [] sar una forma di unione di Stati: ma [] di quale natura? Qui come unarcobaleno di sfumature []. Sviluppando le tesi sostenute in alcuni scritti prece-denti sulle possibilit di una federazione di Stati2, Orlando rileva le ambiguit del rife-rimento ad una comunit europea (Che scoperta sarebbe questa []? Una comu-nit europea c e c sempre stata, perch una comunit [] non se non un insiemedi enti che convivono in uno stato di puro fatto, tanto che si dice tuttora dai giuristi lacomunit internazionale []), riconduce il processo in atto al modello delle unionipermanenti (La differenza consisterebbe nella permanenza, nellesistenza di un ter-mine obbligatorio. [] Vuol dire che questa di oggi sar ununione per il commerciodellacciaio e del carbone. Ma dopo, basta!) ed esclude che ci implichi un rapidoprocesso di superamento del modello statale. In tal modo, al discorso politico svilup-pato, tra gli altri, da Luigi Einaudi e da Altiero Spinelli viene opposta unanalisi pistrettamente giuridica, volta a riflettere sulla natura dellorganizzazione ultrastatale incorso di istituzione, seppure in una prospettiva che non rinuncia, anche in ragione delcontesto nel quale il discorso pronunciato, ad una decisa presa di posizione circa lop-portunit di unaccelerazione del processo di limitazione della sovranit statale, valuta-ta negativamente.

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

146

1 V.E. Orlando, Sulla votazione per la nomina: a) di un membro effettivo dellAssemblea consulti-va del Consiglio dEuropa; b) di nove membri dellassemblea della Comunit europea del carbone e del-lacciaio, in V.E. Orlando, Discorsi parlamentari, Senato della Repubblica, Archivio storico, Bologna, IlMulino, 2002, p. 994 ss.

2 Si vedano, in particolare, V.E. Orlando, I presupposti giuridici di una federazione di Stati: nota,in Studii di diritto pubblico in onore di Oreste Ranelletti, Padova, Cedam, 1930, ora in Diritto pubblicogenerale. Scritti varii (1881-1940) coordinati in sistema, Milano, Giuffr, 1940, p. 287 ss.; Id., La crisidel diritto internazionale, pubblicazione dellUniversit degli studi di Roma, Roma, 1950 (si tratta dellaprolusione per linaugurazione dellanno accademico 1948-1949 dellUniversit di Roma; Id., La rivo-luzione mondiale e il diritto, in Rivista italiana di scienze giuridiche, 1947, anche in Studi di diritto costi-tuzionale in memoria di Luigi Rossi, Milano, Giuffr, 1952, p. 781 ss. Su questi scritti, G. Ambrosini,Diritto, Stato e comunit superstatale nel pensiero di Vittorio Emanuele Orlando, in Rivista trimestraledi diritto pubblico, 1953, p. 785 ss., in particolare p. 805 ss.; pi brevemente, A. Sandulli, La scienzaitaliana del diritto pubblico e lintegrazione europea, in Rivista italiana di diritto pubblico comunitario,2005, p. 859 ss., p. 865.

Giannini, invece, dedica alcune brevi osservazioni al progetto di trattato istituti-vo della Comunit europea di difesa (Ced)3. Rispetto ai profili prescelti, che sono quel-li dellorganizzazione e della normazione della Comunit europea di difesa, si osservacome questultima, in apparenza molto simile alle unioni amministrative di Stati, abbiain effetti un contenuto ben pi ampio. Lunione di Stati prevista dal progetto di tratta-to ha la forma dellunione amministrativa, e la sostanza di una dittatura federale: sele materie trasferite allunione sono quelle che, normalmente, ossia nel vituperatomondo passato, si trasferivano ad unioni federative, quali difesa, industria di guerra,pianificazione economica nel settore dellindustria pesante, nelle federazioni questematerie sono affidate, per la parte pi delicata, che quella legislativa, ad un organoelettivo, quindi rappresentativo delle comunit associate degli Stati partecipanti4. Laricostruzione giuridica, poi, consente una valutazione del progetto, del quale si osser-va, nella prospettiva distaccata e di scettico realismo tipicamente gianniniana5, lin-compatibilit con le conquiste giuridiche europee e la malconformazione: il proget-to di trattato istitutivo di una Comunit europea di difesa , per un verso, in contra-sto con tutti i principi della tradizione giuridica dellEuropa, per altro verso, ancheentro il quadro della sua concezione, tecnicamente malfatto.

Seppure con riferimento a due segmenti diversi del processo di integrazione euro-pea, dunque, tanto il discorso di Orlando quanto lo scritto di Giannini affrontano ilproblema della natura giuridica degli organismi europei della cui istituzione si discute,impostando la questione in una prospettiva che allo stesso tempo classificatoria evalutativa, di ricostruzione giuridica e di giudizio politico.

A questi scritti si pu aggiungere, per omogeneit di impostazione, quello, pitardo, di Feliciano Benvenuti6. Anche in questo caso, il problema posto al centro del-lindagine quello della natura di un organismo comunitario, la Comunit economicadel carbone e dellacciaio, nella prospettiva di una sua valutazione politica. Cos, si trac-cia una netta distinzione tra ordinamento comunitario, da un lato, e fenomeni di colla-borazione governativa e fenomeni di unificazione su basi federali, dallaltro, giungen-do a qualificare la Ceca come un autonomo organismo sovrano sprovvisto di un ter-ritorio come elemento costitutivo ma che, in sua vece, ha come elemento costitutivouna attivit economica cui viene dato rilievo politico: dunque, uno Stato sovranocorporativo, non territoriale. In una prospettiva che potrebbe dirsi razionalizzante7,poi, tale sviluppo ritenuto un primo tentativo di rinnovamento del diritto pubblico

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

147

3 M.S. Giannini, Brevi osservazioni sul Trattato per la Comunit europea di difesa, in Societ, 1954,p. 523 ss., ora anche in M.S. Giannini, Scritti, vol. III, Giuffr, Milano, 2003, 867 ss.

4 Le federazioni, dunque, sono veramente delle comunit, laddove lorganizzazione prevista daquesto trattato delle comunit si limita ad usurpare il nome.

5 S. Cassese, Cultura e politica del diritto amministrativo, Bologna, Il Mulino, 1974, p. 114 ss.6 F. Benvenuti, La C.E.C.A., ordinamento sovrano, introduzione a Ordinamento della Comunit

europea del carbone e dellacciaio, vol. I, Padova, Cedam, 1961, p. 3 ss.7 Sulla formulazione di modelli ottimali in Benvenuti, S. Cassese, Cultura e politica del diritto

amministrativo, cit., p. 135.

europeo nella direzione di un nuovo tipo di Stato sovranazionale8. Ci in opposi-zione allesperienza della Comunit economica europea, avviata da meno di un lustroma considerata, nel suo impianto complessivo, un regresso rispetto allassetto dellaCeca.

Proprio queste conclusioni, peraltro, valgono ad individuare un vasto ambito diricerca potenzialmente rilevante per la scienza del diritto amministrativo. Se la Cecacostituisce uno Stato di nuovo tipo, la cui esperienza pu essere guardata con interes-se, si pone il problema, sostanzialmente estraneo agli scritti di Orlando e di Giannini,di approfondirne i caratteri sotto il versante propriamente amministrativistico9. A dif-ferenza degli interventi precedenti, dunque, lo scritto di Benvenuti fa emergere pro-blemi ulteriori, suggerisce approfondimenti, orienta la scienza giuridica verso nuovitemi di ricerca, legati alle vicende del diritto amministrativo oltre lo Stato nazionale.

Sono di poco successivi, del resto, taluni studi nei quali il metodo e gli istituti deldiritto amministrativo vengono utilizzati per impostare e risolvere problemi specificidel diritto pubblico delle Comunit europee. Gasparri dedica un primo saggio allec-cesso di potere nel diritto della Ceca, applicando per la prima volta le categorie deldiritto amministrativo allanalisi di uno specifico aspetto del diritto comunitario, ed unsecondo saggio al rapporto tra politica ed amministrazione nellordinamento euro-peo10. De Caterini dedica uno studio allatto amministrativo delle Comunit euro-pee11. Sacchi Morsiani ricostruisce, in una monografia in due volumi, i caratteri delpotere amministrativo delle Comunit europee e la sua incidenza sulle posizioni giuri-diche dei privati12. In questultimo scritto, poi, il problema specifico utilizzato perporre in evidenza un fenomeno giuridico ben pi ampio e di rilevanza generale, quel-lo della progressiva emersione di un diritto amministrativo comunitario quale autono-mo ramo del diritto amministrativo e distinto dal diritto internazionale amministrativo.In particolare, si afferma che il diritto amministrativo comunitario costituisce il dirit-to amministrativo interno di un soggetto internazionale, il cui ordinamento si avvicina,per la complessit dei suoi elementi organizzatorio e plurisoggettivo, allordinamento

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

148

8 Il quale, con la sua antica novit potr dare una soluzione nuova ai problemi di quel popoloeuropeo che, nella diversit delle sue nazioni, sta oggi avviandosi a raggiungere una completa unit dicultura e di civilt (corsivo nostro).

9 Lindagine dellordinamento della Ceca secondo le tecniche e gli istituti del diritto amministra-tivo, del resto, avviata dallo stesso Benvenuti, seppure in maniera rapida, con le numerose annota-zioni alle singole disposizioni del Trattato, pubblicato di seguito al saggio introduttivo (si veda, soprat-tutto, il vol. I).

10 P. Gasparri, Leccesso di potere nel diritto della C.E.C.A., in Rivista trimestrale di diritto pub-blico, 1957, pp. 804 ss.; Id., Politica ed amministrazione nellordinamento delle Comunit europee, inStudi in onore di Antonio Segni, vol. II, Milano, Giuffr, 1967, p. 295 ss.

11 P. De Caterini, Latto amministrativo delle comunit europee, Milano, Giuffr, 196712 G. Sacchi Morsiani, Il potere amministrativo delle Comunit europee e le posizioni giuridiche dei

privati, vol. I, Milano, Giuffr, 1965; e vol. II, Milano, Giuffr, 1970,; il primo volume volto a deli-neare una teoria degli atti, mentre il secondo, di parte speciale, esamina i procedimenti del setto-re della concorrenza.

statale, del quale ripete in parte le tecniche senza peraltro averne la natura ed i fini13.Si noti, comunque, che si tratta di unipotesi, come tale subordinata alla dimostrazioneche dovr essere fornita nel corso dellopera, bench appaia presumibile che lordi-namento comunitario sia un ordinamento di diritto amministrativo proprio. Lopera,peraltro, manca di un capitolo conclusivo nel quale si renda esplicito che lipotesi avan-zata in apertura risulta pienamente confermata dallanalisi svolta.

Con questi scritti, com evidente, si pone lattenzione su problemi di notevoleinteresse ricostruttivo, soprattutto per le implicazioni di ordine generale che possonoderivare dalla loro indagine. Lapprofondimento di tali problemi, per, fortementediseguale e la loro investigazione ha pi il carattere dellesplorazione episodica che nonquello dellavvio di una vera e propria linea di ricerca. Seppure espresse in forma pro-blematica, in effetti, tali promettenti intuizioni non hanno seguito nel decennio suc-cessivo, nel quale prevale, nella scienza del diritto amministrativo, un sostanziale disin-teresse per le implicazioni amministrativistiche dellordinamento comunitario14. Chequesti scritti abbiano il carattere dellesplorazione episodica e non segnalino un pigenerale interesse verso la materia, inoltre, si evince dalla circostanza che i due manua-li di diritto amministrativo pi diffusi in questo periodo, il Manuale di diritto ammini-strativo di Aldo M. Sandulli ed il Diritto amministrativo di Massimo Severo Gianninidel 1970, non contengono alcun riferimento al diritto comunitario15. Il primo riferi-mento al diritto comunitario compare nelle Istituzioni di diritto amministrativo di M.S.Giannini del 1981, le cui ultime nove pagine, che compongono la parte relativa allefunzioni, sono dedicate ad una descrizione dei rapporti comunitari16, ricostruitiessenzialmente nelle possibili combinazioni di normazione comunitaria e normazioneinterna cui danno luogo, nel presupposto che la potest di attuazione in via ammini-strativa resti comunque attribuita agli Stati17.

Le vicende dellordinamento comunitario, peraltro, rappresentano lunico ambito

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

149

13 Id., Il potere amministrativo delle Comunit europee e le posizioni giuridiche dei privati, vol. I,cit., p. 4, n. 2.

14 Si deve attendere linizio degli anni ottanta per avere un nuovo scritto su un tema di dirittoamministrativo europeo: il riferimento a U. Fragola, Diritto amministrativo e diritto comunitario.Latto amministrativo europeo, in Consiglio di Stato, 1980, II, p. 753 ss., dove si evidenzia, tra laltro,la scarsa attenzione della scienza italiana del diritto amministrativo per le questioni del diritto comu-nitario. Il Dizionario amministrativo, diretto da G. Guarino, Milano, Giuffr, 1978, poi, contiene, trale diciassette voci di cui si compone, una voce Comunit europee, di Ernesto Vozzi, p. 645 ss., anchese in tale contributo sostanzialmente assente la prospettiva in senso proprio amministrativistica.

15 A.M. Sandulli, Manuale di diritto amministrativo, Napoli, Novene, di cui sono pubblicate, neglianni sessanta, quattro edizioni, lultima delle quali la decima, del 1969; M.S. Giannini, Diritto ammi-nistrativo, Milano, Giuffr, 1970, voll. I e II.

16 M.S. Giannini, Istituzioni di diritto amministrativo, Milano, Giuffr, 1981, pp. 647-655.17 Giannini, in altri termini, non nega che la Comunit sia divenuta decisamente un ente a fun-

zioni amministrative, ma considera essenzialmente indiretto lesercizio di tali funzioni: la Comunit,infatti, dispone circa strutture e attivit amministrative degli Stati, e circa le funzioni dindirizzo degliStati, e, da noi, delle regioni (p. 648).

del diritto pubblico ultrastatale sul quale si appunta, nei limiti ricordati, lattenzionedella scienza del diritto amministrativo. Linteresse mostrato per il diritto amministra-tivo internazionale ed il diritto internazionale amministrativo18 nei primi decennidel Novecento, infatti, non viene rinnovato e sviluppato nella seconda met del secolo.Si pu dire che la scienza del diritto amministrativo non procede ad una vera e propriaproblematizzazione di questo ambito del diritto pubblico ultrastatale, limitandosi atrattare specifiche questioni di rilevanza politica ovvero confermando alcuni orienta-menti gi espressi nella prima met del secolo. Un esempio del primo caso offerto dalsaggio di Giannini del 1952 sul processo di ratifica e di attuazione nel nostro paesedella Convenzione tra gli Stati partecipanti al Trattato del Nord Atlantico sullo statutodelle loro forze, nel quale lautore si chiede, causticamente, se tale Convenzione siarealmente destinata a regolare il regime giuridico delle forze armate atlantiche in Italiao non costituisca piuttosto una vera e propria convenzione di occupazione militarepreliminare e pacifica di un paese straniero, mascherata dietro una semplice conven-zione militare19. Un esempio del secondo caso offerto dal Corso di diritto ammini-strativo di Gasparri, dove si afferma, in un brevissimo paragrafo dedicato a dirittoamministrativo e diritto internazionale, che possibile che norme di diritto interna-zionale vincolino singoli Stati ad adottare nei loro ordinamenti interni determinatenorme di diritto amministrativo, per esempio riguardo al rilascio dei permessi di immi-grazione, alla ammissione degli stranieri ai pubblici impieghi, ai servizi postali e ferro-viari, alla estradizione dei rei, e via dicendo20.

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

150

18 Per utilizzare la nota distinzione elaborata da U. Borsi, Carattere ed oggetto del diritto ammini-strativo internazionale, in Rivista di diritto internazionale, 1912, p. 368 ss. Il diritto internazionale ammi-nistrativo identifica quel ramo del diritto internazionale che riguarda unattivit singolare o collettivadegli Stati avente i requisiti sostanziali di pubblica amministrazione, ancorch lesplicazione dellattivi-t stessa non possa aver luogo senza che la legislazione di ciascuno Stato che ne ha assunto lobbligolabbia disposta e regolata. Il diritto amministrativo internazionale, invece, si riferisce i rapporti giuri-dici tra pubblica amministrazione statale e soggetti, pubblici e privati, dimoranti allestero, oppure trala pubblica amministrazione ed i suoi organi operanti fuori dallo Stato. Si deve ricordare, per, comequesta distinzione abbia formato loggetto di una articolata discussione, la cui ricostruzione fuoriescedalloggetto di questo studio; si vedano, comunque, S. Gemma, Prime linee di un diritto internazionaleamministrativo, Firenze, Seeber, 1902; F. DAlessio, Il diritto amministrativo internazionale e le sue fonti,in Rivista di diritto pubblico, 1913, p. 276 ss.; A. Rapisardi Mirabelli, Diritto internazionale amministra-tivo, Padova, Cedam, 1939, p. 11 ss; le varie posizioni sono state riesaminate, alla met degli anni ses-santa, da G. Biscottini, Diritto amministrativo internazionale, vol. I, Padova, Cedam, 1964; per unarecente discussione complessiva, S. Battini, Amministrazioni senza Stato. Profili di diritto amministrati-vo internazionale, Milano, Giuffr, 2003, p. 30 ss., p. 36 ss.; e B.G. Mattarella, Umberto Borsi e il dirit-to amministrativo internazionale, in Rivista italiana di diritto pubblico comunitario, 2005, p. 933 ss.

19 M.S. Giannini, Loccupazione militare atlantica in relazione al disegno di legge in discussioneal Parlamento, Roma, 1952, ora in Id., Scritti. Vol. III: 1949-1954, Milano, Giuffr, p. 623 ss.

20 P. Gasparri, Corso di diritto amministrativo. Vol. I: teoria della organizzazione amministrativa,Bologna, Cesare Zuffi Editore, 1953, pp. 140-141. Si veda anche M.S. Giannini, Istituzioni di dirittoamministrativo, cit., pp. 644-647, dedicate ai condizionamenti [dellattivit dei pubblici poteri nazio-nali] da parte di organizzazioni interessate.

In definitiva, nei primi tre decenni della seconda met del secolo allinizio deglianni ottanta, la scienza del diritto amministrativo procede ad una problematizzazioneassai limitata del diritto ultrastatale. Questa riguarda essenzialmente levoluzione deldiritto comunitario e si incentra su due questioni principali: la natura giuridica dei variorganismi comunitari; la possibilit di unindagine dellordinamento comunitario, inparticolare della Ceca e della Cee, con i metodi e gli istituti del diritto amministrativoe lesistenza di un diritto amministrativo comunitario. Restano in ombra, dunque, glisviluppi del diritto pubblico ultrastatale estranei allambito comunitario, che pureavrebbero potuto risultare rilevanti anche nella prospettiva del diritto amministrativo(basti pensare al funzionamento dellordinamento giuridico istituito dalla Convenzioneeuropea dei diritti delluomo del 1950). Rispetto allesperienza comunitaria, poi, allequestioni di ordine preliminare non fanno seguito questioni pi specifiche, relative aisingoli capitoli del diritto amministrativo, e non sollevato il problema, invero assaidelicato, della distinguibilit del diritto amministrativo comunitario dal diritto ammi-nistrativo statale.

Le ragioni di questa limitata problematizzazione sono varie. Esse possono essere ravvisate in parte nella peculiare disciplina giuridica del pote-

re amministrativo posta dal Trattato istitutivo della Comunit economica europea, chenon distingue, n sul piano funzionale, n su quello organizzativo, il potere esecutivoda quello normativo, in parte nella complessiva evoluzione della scienza del dirittoamministrativo nel terzo quarto del XX secolo. Superando gradualmente langustopunto di vista delle relazioni amministrazione/amministrati rilevanti ai fini del sinda-cato giurisdizionale21, la scienza del diritto amministrativo viene progressivamente adimpegnarsi su un fronte estremamente ampio, che spazia dai differenti tipi di attivitamministrativa ai numerosi modelli di organizzazione, ai nuovi strumenti di azione del-lamministrazione: un programma di studio tanto vasto ed impegnativo da non con-sentire lapertura di ulteriori linee di ricerca, come quella, tra laltro assai complessa,del diritto amministrativo ultrastatale22.

Nella prospettiva di questo saggio, per, di particolare importanza appare la capa-cit condizionante che pu essere attribuita alla tradizionale ricostruzione del dirittoamministrativo quale diritto esclusivamente statale. In base alla rappresentazione pidiffusa in questo periodo, il diritto amministrativo un diritto statale, in due sensi. Perun verso, se vi possono essere amministrazioni ultrastatali, non pu esistere un vero eproprio diritto amministrativo internazionale, giacch solo allinterno degli Stati, i qualicostituiscono ordinamenti a plurisoggettivit individuale, si realizzano le condizioni perlaffermarsi di rapporti tra amministrazioni pubbliche e singoli. Per altro verso, non

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

151

21 Cos, con riferimento in particolare agli anni settanta ed ottanta del XX secolo, L. Torchia, Lascienza del diritto amministrativo, in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 2001, p. 1105 ss., p. 1118.

22 A ci si aggiunge una motivazione che potremmo definire ideologica, legata alle biografie deisingoli studiosi ed alle loro diverse valutazioni dei tentativi politici di dare luogo a forme di coopera-zione intergovernative in Europa allindomani del secondo conflitto mondiale: ma tale aspetto sfuggeai confini del presente studio, per spostarsi sul piano dei percorsi individuali.

pu esistere una disciplina internazionale del diritto amministrativo nazionale, giacchi vincoli internazionali, se esistono, rilevano nellordinamento interno solo in quantorecepiti dal diritto nazionale, che lunica fonte sul territorio dello Stato. Una similerappresentazione vale a disincentivare, se non addirittura ad escludere, lo studio difenomeni giuridici ultrastatali. Ci per diversi motivi. Si tratta, anzitutto, di una rap-presentazione dotata di una innegabile forza ricostruttiva, che fa leva sul dato consoli-dato ed indiscutibile della formazione storica del diritto amministrativo come prodot-to degli Stati nazionali. Essa presenta, poi, una notevole capacit ordinante, l doveconsente una perimetrazione molto netta dei confini delloggetto della disciplina.Ancora, stata in varie occasioni messa in discussione e sempre riaffermata, seppurecon argomenti in parte diversi nel corso degli anni23. Da ultimo, non pare trascurabilela circostanza che la ricostruzione del diritto amministrativo come diritto statale siaimposta, con particolare vigore e su un piano di teoria generale del diritto pubblico, dalpi importante ed influente dei maestri della seconda met del secolo. Nelle Lezioni didiritto amministrativo del 1950, le quali, come stato osservato, esercitano un pesomolto ampio [] perch portavano limmagine tradizionale del diritto amministrativoal punto di massima trasparenza24, Giannini riconosce che nellordinamento inter-nazionale vi sono organi amministrativi e attivit amministrative, ma esclude che vi siaun diritto amministrativo in senso proprio, perch quando si parla di diritto ammini-strativo internazionale in realt non ci si pu riferire ad un diritto, nel senso di bran-ca di normazione, ma ad un diritto in senso topografico, di normazione relativa ad unadeterminata materia, che non costituisce un corpo sistematico di normazione25. Inuna conferenza tenuta il 14 aprile 1967, chiamato a tratteggiare, da quanto si evincenon di propria iniziativa, ma su richiesta degli organizzatori del ciclo di seminari suLordinamento delle Comunit europee nei suoi rapporti con il diritto internazionale econ il diritto interno, i profili di un diritto amministrativo delle Comunit europee,Giannini esordisce avvertendo subito che forse il titolo che mi stato assegnato perquesta lezione [] probabilmente dice di pi di quello che il reale oggetto del dis-corso, perch la tesi che mi pare pi accettabile che non si pu parlare n di un dirit-to amministrativo delle Comunit europee e neanche di un diritto costituzionale delleComunit europee: il diritto amministrativo, in effetti, pu affermarsi solo in ordina-menti di cui i privati siano soggetti; e poich questo non vero nellordinamento giu-ridico comunitario, non esiste un diritto amministrativo comunitario26. Nelle Istituzioni

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

152

23 Ci avvenuto in particolare nella prima met del secolo, soprattutto ad opera di Donati e diBorsi: su questa vicenda, S. Battini, Amministrazioni senza Stato, cit., p. 30 ss. e p. 87 ss., e B.G.Mattarella, Umberto Borsi e il diritto amministrativo internazionale, cit., passim.

24 S. Cassese, Cultura e politica del diritto amministrativo, cit., p. 118.25 M.S.Giannini, Lezioni di diritto amministrativo, Milano, Giuffr, 1950, p. 53.26 Id., Profili di un diritto amministrativo delle Comunit europee, Roma, 14 aprile 1967, dattilo-

scritto consultabile nella raccolta di scritti presso lIstituto di diritto pubblico della Facolt di giuri-sprudenza di Roma La Sapienza; il testo della conferenza, tratto da una registrazione, stato pub-blicato nel 2003 dalla Rivista trimestrale di diritto pubblico, con una presentazione di S. Battini, p. 979ss.

di diritto amministrativo del 1981, come si gi ricordato, si afferma che la Comunit divenuta decisamente un ente a funzioni amministrative, che dispone circa struttu-re e attivit amministrative degli Stati, svolgendo la propria attivit principalmentemediante atti normativi, talora attraverso provvedimenti amministrativi ad efficacia neiconfronti di organi dello Stato e di altre amministrazioni27.

Quanto al metodo utilizzato negli scritti che si sono richiamati, il limitatissimogrado di sviluppo della riflessione sulle vicende del diritto ultrastatale da parte dellascienza del diritto amministrativo non consente di trarre indicazioni di particolare rilie-vo. Caratteristica di questa produzione, comunque, la circostanza che il diritto ultra-statale venga studiato, nei pochi casi in cui ci avviene, facendo ricorso alle categorieproprie del diritto amministrativo. Inoltre, si tende a trasferire sul piano ultrastatale lecategorie nazionali, piuttosto che a porre queste ultime criticamente a raffronto conuna realt giuridica che si potrebbe rivelare peculiare rispetto allesperienza domestica,quasi che linteresse prevalente sia quello alla estensione sul piano ultrastatale delleconoscenze tramandate, anzich quello alla rilevazione di eventuali discontinuit28.Questultima osservazione, peraltro, non ha carattere valutativo, ma descrittivo, giac-ch lutilizzazione delle categorie e dei modelli del diritto amministrativo nazionale puavere esiti poco felici ma anche rivelarsi proficua, come avviene per lo studio di SacchiMorsiani.

Sotto il profilo dei risultati raggiunti, infine, due aspetti sono significativi. In primo luogo, i pochi studi che la scienza del diritto amministrativo dedica al

diritto ultrastatale non mettono in discussione, ma, anzi, confermano il paradigmafondamentale29 del diritto pubblico e del diritto amministrativo formatosi a cavallotra XIX e XX secolo, vale a dire quel paradigma autorit-libert incentrato, per unverso, sulla contrapposizione e sulla separazione tra polo pubblico e polo privato, peraltro verso, sulla supremazia del primo e sulla correlativa cedevolezza della situazionedel privato, di fronte allatto di esercizio della potest pubblica.

In secondo luogo, la limitata problematizzazione dei temi del diritto ultrastataledetermina un ritardo della scienza del diritto amministrativo rispetto alle evoluzionidella realt giuridica. La mancata considerazione del diritto pubblico ultrastatale, inparticolare, non consente di mettere a fuoco il graduale sviluppo di una realt giuridi-ca che sembrerebbe superare la premessa minore del sillogismo gianniniano. Se veroche il diritto amministrativo pu affermarsi solo in ordinamenti di cui i privati sianosoggetti, i privati vengono assumendo, in alcuni segmenti della comunit internaziona-le, il ruolo di soggetti di un ordinamento giuridico oltre lo Stato. quanto avviene, ad

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

153

27 M.S.Giannini, Istituzioni di diritto amministrativo, cit., p. 648.28 Per una formulazione molto netta di questo approccio, P. Gasparri, Corso di diritto ammini-

strativo. Vol. I: teoria della organizzazione amministrativa, cit., p. 141, ove si afferma che ovvio chei concetti fondamentali che servono alla teorizzazione del diritto amministrativo statale sono i medesi-mi che servono alla teorizzazione del diritto amministrativo internazionale.

29 Cos S. Cassese, Larena pubblica. Nuovi paradigmi per lo Stato, in Rivista trimestrale di dirittopubblico, 2001, p. 601 ss., p. 604.

esempio, con riferimento allordinamento istituito dalla Convenzione europea dei dirit-ti delluomo del 1950, gi richiamato, e con riferimento allordinamento comunitario,soprattutto a seguito della pronuncia Van Gend en Loos della Corte di giustizia30. Nonsi tratta, naturalmente, di esprimere giudizi di valore su questo ritardo della scienzaamministrativistica, il quale, peraltro, pu ben giustificarsi da numerosi punti di vista(nellordinamento comunitario, ad esempio, i singoli diventano soggetti di un ordina-mento volto di norma alla produzione di regole, ma non alla loro esecuzione in viaamministrativa) e dovrebbe comunque essere posizionato nel pi ampio contestodellopera di svecchiamento e di innovazione31 nella quale si impegna, in questi anni,la scienza del diritto amministrativo. Si tratta, pi semplicemente, di osservare comequestultima abbia bisogno di tempi lunghi per rilevare ed avviare lindagine dei muta-menti della realt giuridica nella comunit internazionale, il cui studio, tra laltro, nonavrebbe necessariamente implicato una ridiscussione del postulato del sillogismo gian-niniano (in base al quale il diritto amministrativo pu affermarsi solo in ordinamenti dicui i privati siano soggetti) ma solo della sua premessa minore (degli ordinamenti ultra-statali non sono mai soggetti i privati).

3. Gli anni ottanta e gli anni novanta: lo studio del diritto amministrativo europeo

Il ventennio compreso tra linizio degli anni ottanta e la fine degli anni novanta rap-presenta un secondo periodo, distinto dal precedente, anzitutto sotto il profilo dei pro-blemi che la scienza del diritto amministrativo pone al centro della propria riflessionesul diritto ultrastatale.

Questa seconda fase della riflessione della scienza amministrativistica sul dirittoultrastatale si apre idealmente con tre scritti di Sabino Cassese. In tutti e tre i casi, si trat-ta di studi in lingua inglese, che derivano dalla partecipazione a gruppi di lavoro interna-zionali e si indirizzano ad una comunit scientifica pi ampia di quella amministrativisti-ca italiana. Il primo scritto dedicato alle Relations Between International Organizationand National Administrations e costituisce il General Report della Conferenza organizza-ta a Berlino, nel 1983, dallInternational Institute of Administrative Sciences32. Il secondopresenta un Theoretical Sketch of the Cooperative and Multidimensional Nature ofCommunity Bureaucracy ed preparato per un Colloque organizzato nel 1982 dal CollgedEurope di Bruges e pubblicato in un volume di tre anni successivo33. Il terzo, dal titolo

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

154

30 Van Gend en Loos, causa 26/62, in Raccolta [1963] 3.31 L. Torchia, La scienza del diritto amministrativo, cit., p. 1110 ss.32 S. Cassese, Relations Between International Organizations and National Administrations, in

International Institute of Administrative Sciences, Proceedings, XIXth International Congress ofAdministrative Sciences, London, Kluwer Law and Taxation Publishers, 1983, p. 161 ss. La genesidello studio dettagliatamente illustrata in unappendice al testo (p. 201).

33 Community Bureaucracy at the Crossroads Ladministration communautaire lheure du choix,a cura di J. Jamar e W. Wessels, Bruges, De Tempel, 1985, p. 39 ss.

Divided Powers: European Administration and National Bureaucracies, pubblicato in unvolume curato dallo stesso Cassese e dedicato a The European Administration, editodallIstituto internazionale di scienze amministrative di Bruxelles nel 1987 (questo arti-colo uscir poi lanno successivo in italiano negli Studi in ricordo di Enzo Capaccioli)34. Inessi, Cassese rileva lo sviluppo di elementi cooperativi e multinazionali nella burocraziainternazionale e comunitaria, valuta le conclusioni principali degli studi in materia, trac-cia, soprattutto con riferimento allamministrazione comunitaria, una vera e propriaagenda di ricerca.

A questi scritti non fa seguito una produzione significativa da parte della scienzaamministrativistica italiana sui temi del diritto amministrativo internazionale o interna-zionale amministrativo. Si sviluppa in maniera molto intensa, invece, lo studio del dirit-to amministrativo comunitario.

A partire dalla fine degli anni ottanta, e con unaccelerazione allinizio del decen-nio successivo, in effetti, lo studio del diritto amministrativo europeo impegna unnumero crescente di amministrativisti e si concretizza in una ricca variet di attivitscientifiche. Cos, le riviste di diritto pubblico ed amministrativo pubblicano numero-si saggi su temi-problemi di diritto amministrativo europeo: basti pensare al numeromonografico della Rivista trimestrale di diritto pubblico che raccoglie, nel 1991, le rela-zioni presentate al convegno del 12 dicembre 1990 su Diritti amministrativi nazionali ediritto amministrativo europeo cui partecipano Sabino Cassese, Claudio Franchini,Alberto Massera, Mario Pilade Chiti, Charles Debbasch, Hussein Kassim e VincentWright. Sono pubblicate varie raccolte di saggi: tra queste, il volume Argomenti di dirit-to pubblico italo-comunitario, pubblicato nel 1989, che include un saggio di GuidoGreco sui Profili di diritto pubblico italo-comunitario; ed un quaderno della Spisa del1994 dal titolo Diritto amministrativo comunitario, che include un saggio di Cassesededicato a Il diritto amministrativo comunitario e la sua influenza sulle amministrazionipubbliche nazionali35. Su iniziativa di Mario Pilade Chiti e di Guido Greco, avviata,nel 1991, la pubblicazione di una Rivista italiana di diritto pubblico comunitario, i cuiprimi numeri contengono, tra gli altri, scritti di Cassese, Chiti, Greco, Franchini eFalcon e nella quale lo studio del diritto amministrativo comunitario occupa uno spa-zio preponderante. Vengono prodotte le prime monografie in materia di diritto ammi-nistrativo europeo: tra queste, nel 1990, i Lineamenti di diritto amministrativo comuni-tario di Airoldi, sul quale, per, Giandomenico Falcon esprime immediatamente alcu-ne riserve; nel 1992, lo studio di Roberto Caranta su Giustizia amministrativa e dirittocomunitario; nello stesso anno, la studio di Claudio Franchini su Amministrazione ita-liana e amministrazione comunitaria. La coamministrazione nei settori di interesse comu-nitario, che avr una seconda edizione lanno successivo36. Sono organizzati alcuni

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

155

34 Studi in ricordo di Enzo Capaccioli, Milano, Giuffr, 1988, p. 159 ss.35 Aa. Vv., Argomenti di diritto pubblico italo-comunitario, Milano, Giuffr, 1989; Rivista trime-

strale di diritto pubblico, 1991, p. 741 ss.; Aa.Vv., Diritto amministrativo comunitario, Quaderni dellaSpisa, Maggioli, Rimini, 1994.

36 M. Airoldi, Lineamenti di diritto amministrativo comunitario, Milano, Giuffr, 1990; le osser-

importanti convegni sulla materia: tra questi, quello organizzato da Sabino CasseseallUniversit degli studi La Sapienza nel 1991 su Diritti amministrativi nazionali e dirit-to amministrativo europeo, cui contribuiscono studiosi italiani ed europei e le cui rela-zioni compongono il numero monografico della Rivista trimestrale di diritto pubblicogi richiamato. Il diritto amministrativo europeo, soprattutto nella seconda met deglianni novanta, inizia a costituire oggetto di insegnamento nelle facolt di giurispruden-za e nei corsi di specializzazione. Il diritto amministrativo europeo oggetto dapprimadi un volume di Casi e materiali di diritto pubblico comunitario di Mario Pilade Chiti,quindi di un ampio manuale dello stesso autore37. pubblicato, nel 1997, un Trattatodi diritto amministrativo europeo, diretto dagli stessi direttori della Rivista italiana didiritto pubblico comunitario ed articolato in contributi scritti da tutti gli amministrati-visti impegnati sul fronte del diritto amministrativo europeo, oltre che da alcuni inter-nazionalisti-comunitaristi e da alcuni costituzionalisti, che intende fare il punto delle-voluzione del diritto positivo segnando i risultati definitivamente raggiunti, discuten-do i molti temi ancora in evoluzione e cercando di individuare i prossimi itinerari nelnuovo diritto38. Materiali di diritto amministrativo comunitario entrano nelle rubrichedi varie riviste di diritto amministrativo, come mostra il caso del Giornale di dirittoamministrativo diretto da Sabino Cassese, che contiene sin dal primo numero unOsservatorio sullattivit della Corte di giustizia. Il diritto amministrativo comunitariofa il proprio ingresso in alcuni manuali di diritto amministrativo nazionale ed il Trattatodi diritto amministrativo diretto da S. Cassese, pubblicato nel 2000, contiene un capi-tolo di Giacinto della Cananea su Lamministrazione europea.

La ragione di un simile sviluppo, ad un tempo rapido ed approfondito, degli studidi diritto amministrativo europeo pu essere ravvisata nella significativa maturazionedellesperienza amministrativa comunitaria intorno alla met degli anni ottanta, esem-plificata dal libro bianco del 1985 sul completamento del mercato interno, che rivelasenza ambiguit lattenzione che le istituzioni comunitarie iniziano a dedicare ai pro-cessi di esecuzione in via amministrativa delle norme e delle politiche comunitarie. Larealt giuridica, in altri termini, si sviluppa in una direzione che implica la piena emer-sione, nellordinamento europeo, di un vero e proprio rapporto tra potere pubblicoe singolo. Si tratta, inoltre, di uno sviluppo giuridico assai complesso (la foresta ine-splorata evocata da Giandomenico Falcon) ma ben riconoscibile dagli studiosi del

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

156

vazioni critiche di G. Falcon sono espresse in Dal diritto amministrativo nazionale al diritto ammini-strativo europeo, in Rivista italiana di diritto pubblico comunitario, 1991, p. 351 ss., p. 354; R. Caranta,Giustizia amministrativa e diritto comunitario, Napoli, Novene, 1992; C. Franchini, Amministrazioneitaliana e amministrazione comunitaria. La coamministrazione nei settori di interesse comunitario

diritto amministrativo, ai quali, tra laltro, il diritto comunitario giunge con sempremaggiore insistenza anche attraverso lattivit professionale. A fronte di questa evo-luzione, la tradizionale tesi della impossibilit di un diritto amministrativo oltre loStato e di un condizionamento ultrastatale del diritto amministrativo nazionale,ancorch ribadita da Giannini sino al 199339, diviene, da postulato, unipotesi la cui

40.Quanto ai problemi individuati dalla scienza amministrativistica nello studio del

diritto amministrativo comunitario, lampiezza della produzione sul diritto ammini-strativo europeo tale da renderne poco utile una ricognizione dettagliata. Nel tenta-tivo di una sintesi, per, si pu osservare come la scienza giuridica elabori una defini-zione progressivamente pi precisa del fenomeno giuridico ultrastatale oggetto delproprio interesse, al quale si riferisce dapprima come diritto pubblico italo-comuni-tario, quindi come diritto pubblico europeo, infine come diritto amministrativocomunitario o diritto amministrativo europeo41. I problemi individuati allinternodi questa area tematica, poi, sono i problemi ricostruttivi tipici dei vari capitoli deldiritto amministrativo nazionale, con una particolare attenzione per lorganizzazione,i procedimenti, la giustizia e lintervento nelleconomia. Questi sono affrontati conriferimento al diritto amministrativo che regola lazione dei poteri pubblici ultrastata-li (ad esempio, lazione della Commissione nei settori degli aiuti di Stato e della con-correnza) ovvero, con maggior frequenza, allincidenza del diritto comunitario suldiritto amministrativo nazionale42. Si distingue da questo duplice orientamento lamonografia di Claudio Franchini sulla coamministrazione, volta ad analizzare ed aricostruire un fenomeno di azione congiunta dei poteri pubblici sovranazionali e delle

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

157

39 Seppure in termini generali, si veda M.S. Giannini, Diritto amministrativo, III ed., Milano,Giuffr, 1993, I, p. 86-87.

40 Attiene alle biografie intellettuali dei singoli studiosi, e non pu dunque essere considerata inquesta sede, invece, la questione relativa alle ragioni per le quali alcuni studiosi e non altri si rivelinoparticolarmente pronti ed inclini a riconoscere i profondi mutamenti in atto nella realt giuridica ultra-statale, sino, in certi casi, a dedicare a questi sviluppi la parte pi rilevante della propria attivit diricerca.

41 Questultima locuzione utilizzata, ad esempio, nel Trattato di diritto amministrativo europeo,diretto da M.P. Chiti e G. Greco, cit., dove laggettivo europeo utilizzato in luogo del pi preci-so comunitario e dellUnione europea [] per semplicit di esposizione e forse anche come auspicioche lattuale assetto barocco dei rapporti tra Unione europea e Comunit europea sia presto superatocon formule pi chiare e dirette, come chiarito nellIntroduzione dei due direttori, p. XXXV.

42 Questa doppia prospettiva, del resto, alla base della pi ampia opera di sistemazione dellamateria, il Trattato di diritto amministrativo europeo, diretto da M.P. Chiti e G. Greco, cit., la cuiIntroduzione si apre precisamente con losservazione che la maggiore caratteristica del diritto ammi-nistrativo in Italia e negli altri Stati membri della Unione europea [] da una parte, la modificazio-ne di istituti o principi del diritto amministrativo nazionale sotto linfluenza del diritto europeo; dal-laltra, il progressivo delinearsi nellordinamento europeo di una branca del diritto assimilabile al dirit-to amministrativo.

amministrazioni nazionali ai fini della attuazione di alcune normative e politichecomunitarie, nella prospettiva delineata da Sabino Cassese nei suoi scritti della primamet degli anni ottanta43. Questa posizione, per, resta sostanzialmente isolata nellascienza del diritto amministrativo che si misura con i temi del diritto amministrativocomunitario.

Lindividuazione di nuovi temi-problemi di diritto amministrativo comunitario,inoltre, incide sulla definizione delloggetto di studio della scienza del diritto ammi-nistrativo. Gli effetti principali sono due. Per un verso, lindividuazione di nuovi pro-blemi ritenuti meritevoli di attenzione scientifica determina un ampliamento dellog-getto di studio: nuovi ambiti di indagine si pongono allattenzione della scienza deldiritto amministrativo (ad esempio, sul piano organizzativo, la comitologia)44, ponen-do lesigenza di unopera di ricognizione, ricostruzione e sistemazione. Per altroverso, lindividuazione di nuovi temi-problemi di diritto amministrativo comunitarioaccentua il carattere articolato e differenziato delloggetto di studio della scienza deldiritto amministrativo. Se questultima ha da tempo avviato una complessa operazio-ne di scomposizione del proprio oggetto, ponendo in evidenza la variet e la varia-bilit della realt giuridica e riconoscendo la necessit di elaborare istituti in grado diordinare e spiegare tale variet e variabilit45, lindividuazione di nuovi temi-proble-mi di diritto amministrativo comunitario opera come un fattore di ulteriore differen-ziazione della realt giuridica nazionale e contribuisce a spingere la scienza giuridicasul terreno della elaborazione di istituti capaci di rendere conto di questa differen-ziazione.

Sotto il profilo del metodo, invece, degli studi di diritto amministrativo europeoprodotti in questo periodo sono caratteristici vari elementi. Anzitutto, nonostante essasia resa immediatamente rilevante dallapertura della ricerca amministrativistica ad unnuovo ambito di problemi, la questione del metodo non affrontata in maniera espli-cita dagli studiosi che si impegnano su questo versante. Cos, ad esempio, il primonumero della Rivista italiana di diritto pubblico comunitario non contiene un editorialedei direttori, n la questione metodologica affrontata nel saggio di apertura di SabinoCassese, intitolato I lineamenti essenziali del diritto amministrativo comunitario, checostituisce per molti versi una vera e propria agenda di ricerca. Analogamente, n lin-troduzione dei direttori del Trattato di diritto amministrativo europeo, n il capitolo cheapre il Trattato, scritto da Sabino Cassese, contengono espressi riferimenti alla que-stione metodologica. In secondo luogo, pur non esplicitato, il metodo prescelto dagliautori che si misurano con maggiore costanza e capacit di influenza sui temi del dirit-

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

158

43 Si veda anche il saggio di G. della Cananea, Cooperazione e integrazione nel sistema ammini-strativo delle Comunit europee: la questione della comitologia, in Rivista trimestrale di diritto pub-blico, 1990, p. 465 ss.

44 Della quale si occupa, come gi ricordato, di G. della Cananea, Cooperazione e integrazione nelsistema amministrativo delle Comunit europee: la questione della comitologia, cit.

45 Su questa operazione della scienza giuridica italiana, si vedano le riflessioni di L. Torchia, Lascienza del diritto amministrativo, cit., p. 1112 ss.

to amministrativo comunitario chiaramente riconducibile allindirizzo realista svilup-patosi gradualmente nella scienza italiana del diritto amministrativo, ma non ancoraqualificabile come metodo dominante, che mira alla ricostruzione attraverso lanalisi diuna serie di materiali giuridici che non si esauriscono nella legge, ma comprendonoanche la giurisprudenza, la prassi amministrativa e tutti gli elementi utili a misurare lef-fettivit di regole ed istituti. In terzo luogo, vi la tendenza a non operare mere trasla-zioni sul piano comunitario di categorie costruite con riferimento allesperienza nazio-nale: anche se tali categorie possono ben risultare utilmente applicabili anche allespe-rienza europea, tale possibilit deve essere valutata caso per caso. Pur prevalente, peral-tro, questa tendenza convive con ovvie tendenze di segno contrario, come mostra lam-pio dibattito sulla nozione di organismo di diritto pubblico, nel quale si confrontanodiversi approcci allinterpretazione del diritto comunitario, in parte inclini a svilup-pare nuove categorie, in parte inclini a ricondurre la realt giuridica comunitaria allin-terno delle categorie nazionali. In quarto luogo, si ritengono molto importanti, ai finidello studio del diritto amministrativo comunitario, i rapporti con studiosi di dirittoamministrativo di altri paesi europei, sia per la ricostruzione dei caratteri del dirittoamministrativo sovranazionale, sia nella prospettiva di una comparazione tra le vicen-de nazionali nellambito della comune cornice europea e tra le vicende nazionali e lostesso ordinamento comunitario46.

Quanto ai risultati raggiunti, non qui ovviamente possibile, n utile, ripercorre-re le singole tesi sostenute. Nella prospettiva adottata, piuttosto, conviene osservarecome gli studi di diritto amministrativo comunitario, pur incentrati sul confronto tratradizione e cambiamento, non mettano direttamente in discussione il postulato delsillogismo gianniniano, vale a dire la tesi secondo la quale il diritto amministrativo puaffermarsi solo in ordinamenti di cui i privati siano soggetti. Essi mostrano, invece, chesi sono determinati, nellordinamento comunitario, quei presupposti che i maestridegli anni cinquanta rilevavano solo negli ordinamenti nazionali. Il mutamento dellarealt giuridica, in altri termini, non richiede di discutere e di rivedere la premessa teo-rica essenziale, costruita dalla scienza del diritto amministrativo sulla base dello stu-dio dei processi di formazione storica del diritto amministrativo negli Stati nazionali,ma solo di accettare che quella premessa ora divenuta applicabile anche in uno spe-cifico contesto ultrastatale, quello comunitario. Gli studi di diritto amministrativo

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

159

46 Sulle implicazioni dello studio del diritto amministrativo europeo sul metodo comparativo daparte della scienza amministrativistica italiana, che non rientrano direttamente nelloggetto del pre-sente scritto, si rinvia alle osservazioni svolte nei saggi di questo volume dedicati alla scienza italianadel diritto amministrativo e luso della comparazione giuridica. Giova qui ricordare, peraltro, che irapporti con studiosi stranieri sono agevolati dallesperienza di alcuni gruppi ed istituti nei quali lacomparazione stata gradualmente estesa al diritto sovranazionale e condotta alla luce della comunecornice europea: si pensi, per fare solo alcuni esempi, ai colloqui italo-tedeschi di diritto pubblico,avviati nel 1977 da un gruppo di professori di diritto pubblico italiani e tedeschi; al Gruppo europeodi diritto pubblico diretto da Grard Timsit e Spyridon Flogaitis; allInternational Institute ofAdministrative Sciences.

comunitario, dunque, non mettono in discussione lassetto generalissimo del paradig-ma fondamentale del diritto amministrativo, vale a dire lessere questultimo incentra-to sulla dialettica tra il momento della autorit e quello della libert, nel senso che lafine sostanza dellintero diritto amministrativo consiste in una normazione volta alcontemperamento di tali principi ed alla individuazione di formule intermedie che nepermettano la convivenza, fornendo adeguata protezione alla libert47. Ci non signi-fica, per, che lo sviluppo degli studi di diritto amministrativo comunitario non inci-da sullo specifico assetto che la dialettica tra autorit e libert ha assunto nella rifles-sione scientifica tradizionale, fondato, come si gi ricordato, sulla supremazia del-lamministrazione e del suo diritto, sulla specialit e sulla cedevolezza della situazionedel privato di fronte allatto di esercizio della potest pubblica. Ci si riferisce nontanto alla tesi in base alla quale lo sviluppo del diritto comunitario contribuirebbe inmaniera decisiva a determinare una riduzione della sfera pubblica a vantaggio delmomento della libert, la quale, pur autorevolmente sostenuta, resta sostanzialmenteisolata nella scienza del diritto amministrativo, pi propensa a valutare gli sviluppi inatto nei termini di una riorganizzazione dei pubblici poteri48. Ci si riferisce, piutto-sto, alla circostanza che gli studi di diritto amministrativo comunitario conducono asuperare un elemento essenziale del paradigma tradizionale, quello della centralitdello Stato come soggetto dellordinamento, dal quale traeva origine la superioritdegli interessi statali e del diritto amministrativo rispetto ad altri interessi ed altri siste-mi di regole. Come osserva Sabino Cassese nel saggio che apre il Trattato di dirittoamministrativo europeo, il modello teorico per lo studio del diritto amministrativocomunitario fornito non dallesperienza statale, ma da quella medievale: da unaesperienza, cio, caratterizzata dalla presenza di pi ordinamenti generali, ciascunodei quali legittimato ad operare come centro di produzione di norme, e tra loro lega-ti da relazioni non gerarchizzate. Anche per effetto degli studi di diritto amministrati-vo comunitario, dunque, lo Stato perde di centralit, lordinamento si popola di nuovilivelli di governo ed il diritto amministrativo diviene una realt sempre meno ricon-ducibile al solo diritto statale49.

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

160

47 M.S. Giannini, Diritto amministrativo, cit., vol. II, p. 230.48 G. Corso, Attivit amministrativa e mercato, in Rivista giuridica quadrimestrale dei pubblici ser-

vizi, 1999, n. 2, p. 7 ss. Si veda anche M. Mazzamuto, La riduzione della sfera pubblica, Torino,Giappichelli, 2000, p. 103 ss. La tesi della riorganizzazione della sfera pubblica sostenuta, tra gli altri,da S. Cassese, La nuova costituzione economica, Bari, Laterza, II ed., 2000, che osserva come la tesisecondo la quale vi sarebbe meno Stato e pi mercato rappresenta una sintesi imperfetta e fuor-viante (p. 287). Alla rappresentazione di un processo di riorganizzazione della sfera pubblica, delresto, coessenziale la teorizzazione dei limiti necessari da porre al potere privato, privo di legitti-mazione e capace di ledere libert private e di alterare decisioni pubbliche, come osserva M.DAlberti, Gli studi di diritto amministrativo: continuit e cesure fra primo e secondo novecento, inRivista trimestrale di diritto pubblico, 2001, p. 1293 ss., p. 1322.

49 Il riconoscimento del processo di perdita di centralit dello Stato, in effetti, precede gli studidi diritto amministrativo comunitario; si veda S. Cassese, Cultura e politica del diritto amministrativo,cit., p. 126.

4. Linizio del nuovo secolo: lapprofondimento del diritto amministrativo europeo ed ildiritto amministrativo globale

La riflessione che la scienza del diritto amministrativo compie sul diritto ultrasta-tale nel primo lustro del nuovo secolo costituisce una vicenda allo stesso tempo tantoprossima alloggi e cos poco consolidata da rendere arbitrario e non giustificabile iltentativo di un suo bilancio.

Ci non significa, per, che non sia possibile individuare alcuni sviluppi chepotrebbero rappresentare degli elementi di discontinuit rispetto ai caratteri assuntidallo studio del diritto ultrastatale da parte della scienza amministrativistica nel ven-tennio compreso tra linizio degli anni ottanta e la fine degli anni novanta del secoloXX.

Si registra, anzitutto, un mutamento dei temi-problemi posti al centro dellindagi-ne della scienza del diritto amministrativo sul diritto ultrastatale.

Per un verso, si ampliano e si approfondiscono ulteriormente gli studi di dirittoamministrativo comunitario, tanto che sono ormai una minoranza, soprattutto nellegiovani generazioni, gli studiosi del diritto amministrativo che prescindono dalla con-siderazione della disciplina europea nelle proprie opere. Ci consente ad alcuni mae-stri di tentare una ricostruzione complessiva dei caratteri del diritto amministrativoeuropeo: si pensi, in particolare, al saggio di Sabino Cassese nel quale si valuta se ildiritto amministrativo europeo presenti caratteri originali rispetto allesperienza nazio-nale50. Su un piano diverso, si definisce gradualmente una linea di ricerca diversa daquelle battute negli anni novanta. Anche se resta forte linteresse per il diritto ammini-strativo sovranazionale e per linfluenza del diritto europeo sul diritto interno51, lat-tenzione si appunta con sempre maggiore insistenza sui fenomeni di interconnessioneregolativa, organizzativa e procedurale tra norme ed autorit nazionali e tra queste e lenorme e le autorit autorit europee, talora richiamati con la formula descrittiva dellaintegrazione amministrativa europea52. In questo senso, si riprende e si sviluppa la

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

161

50 S. Cassese, Il diritto amministrativo europeo presenta caratteri originali?, in Rivista trimestraledi diritto pubblico, 2003, p. 35 ss.

51 Si vedano, ad esempio, D.-U. Galetta, La politica comunitaria dei trasporti, Roma, LEA, 2002;F. de Leonardis, Il principio di precauzione nellamministrazione di rischio, Milano, 2005; e M. Sollini,Il principio di precauzione nella disciplina comunitaria della sicurezza alimentare. Profili critico-rico-struttivi, Milano, Giuffr, 2006; nonch la raccolta di saggi Il diritto amministrativo dei paesi europeitra omogeneizzazione comunitaria e diversit culturali, a cura di G. Falcon, Padova, Cedam, 2005, nellaquale presente, peraltro, anche una dimensione propriamente comparativa tra lesperienza ammini-strativa di alcuni paesi europei.

52 Sia consentito il rinvio a E. Chiti, Le agenzie europee. Unit e decentramento nelle amministra-zioni comunitarie, Padova, Cedam, 2002, nel quale il fenomeno delle fitte interconnessioni tra autori-t nazionali e comunitarie ricostruito a partire dal caso specifico dei sistemi comuni settoriali coor-dinati dalle cosiddette agenzie europee. Una sintesi delle varie forme giuridiche dellintegrazioneamministrativa europea proposta, poi, in E. Chiti e C. Franchini, Lintegrazione amministrativa euro-pea, Bologna, Il Mulino, 2003. Con riferimento ai procedimenti amministrativi, si vedano i saggi rac-

tesi espressa da Claudio Franchini nella gi citata monografia del 1992 su Ammini-strazione italiana e amministrazione comunitaria, nella quale veniva rilevata lemersionedi rilevanti fenomeni di azione congiunta delle amministrazioni nazionali e di questecon quelle comunitarie. Nel 2007, poi, viene pubblicata una seconda edizione delTrattato di diritto amministrativo europeo diretto da Mario Pilade Chiti e Guido Greco,che tenta, a dieci anni dalla prima edizione, una nuova sistemazione della materia,attraverso il ripensamento della parte generale e un notevole ampliamento della partespeciale53. Si deve registrare, infine, un crescente interesse alle vicende del ConsigliodEuropa e dellordinamento della Convenzione europea dei diritti delluomo, le quali,al di l dellovvia autonomia giuridica rispetto al diritto amministrativo comunitario edellUnione, vengono esaminate quali fattori di ulteriore complicazione del dirittoamministrativo europeo54.

Per altro verso, si sviluppano gli studi di diritto amministrativo globale. Si tratta diuno sviluppo del tutto nuovo, che si deve alliniziativa dello studioso che pi si ado-perato per lindividuazione di nuovi ambiti di ricerca del diritto amministrativo quan-to meno negli ultimi tre decenni del XX secolo. Il riferimento a Sabino Cassese, ilquale dapprima richiama lattenzione della scienza del diritto amministrativo sullim-portanza assunta dal diritto amministrativo globale55; quindi, produce alcuni saggi che,

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

162

colti in Il procedimento amministrativo nel diritto europeo, a cura di F. Bignami e S. Cassese, Quadernidella Rivista trimestrale di diritto pubblico, n. 1, Milano, Giuffr, 2004. Sulle tecniche regolative diintegrazione, si veda soprattutto L. Torchia, Il governo delle differenze. Il principio di equivalenza nel-lordinamento europeo, Bologna, Il Mulino, 2006, dove il principio di equivalenza viene ricostruitoquale strumento fondamentale di governo delle differenze, volto a garantire lapplicazione di rego-le nazionali diverse ma equivalenti ai fini della tutela degli interessi garantiti dal diritto europeo. Ilvalore solo descrittivo della formula della integrazione amministrativa stato posto in evidenza daS. Cassese, Diritto amministrativo europeo e diritto amministrativo nazionale: signoria o integrazione?,in Rivista italiana di diritto pubblico comunitario, 2004, p. 1135 ss. Numerosi sono gli scritti che svi-luppano questa prospettiva rispetto ad ambiti specifici dellamministrazione europea: tra questi, M.Savino, I comitati dellUnione europea. La collegialit amministrativa negli ordinamenti compositi,Milano, Giuffr, 2005; e I. Chieffi, Lintegrazione amministrativa europea nel settore delle comunica-zioni elettroniche, Torino, Giappichelli, 2006. Tra i manuali, si vedano Diritto amministrativo europeo.Casi e materiali, a cura di E. Chiti, C. Franchini, M. Gnes, M. Veronelli, Milano, Giuffr, 2006, eDiritto amministrativo europeo. Principi e istituti, a cura di G. della Cananea, Milano, Giuffr, 2006,entrambi parte del Corso di diritto amministrativo diretto da Sabino Cassese.

53 Trattato di diritto amministrativo europeo, diretto da M.P. Chiti e G.Greco, Milano, Giuffr, IIed., 2007; il Trattato si articola in una parte generale di due volumi ed in una parte speciale di quattrovolumi.

54 S. Mirate, Giustizia amministrativa e Convenzione europea dei diritti delluomo. Laltro dirit-to europeo in Italia, Francia e Inghilterra, Napoli, Jovene, 2007. Si noti che il Giornale di diritto ammi-nistrativo ha inserito un Osservatorio sulla Corte europea dei diritti delluomo a partire dal n. 3 del2002.

55 Gli scritti nei quali Sabino Cassese considera il diritto amministrativo globale come uno svi-luppo essenziale del diritto amministrativo sono numerosi. Si veda, a titolo esemplificativo, il brevesaggio volto a tracciare il bilancio del decennio a cavallo tra XX e XXI secolo, nel quale Cassese indi-vidua nello sviluppo del diritto amministrativo internazionale la prima tendenza generale del diritto

non diversamente da quanto avvenuto con riferimento al diritto amministrativo euro-peo, rappresentano allo stesso tempo una introduzione al diritto amministrativo glo-bale ed un programma di ricerca destinato ad impegnare schiere di giovani56; allori-gine delle varie edizioni del convegno internazionale sul diritto amministrativo globaleche hanno luogo a partire dal 2005 presso la Facolt di Scienze politiche dellUniversitdella Tuscia57; pubblica nella collana Saggi di diritto amministrativo, da lui diretta a par-tire dal 2003, una monografia di Stefano Battini sul diritto amministrativo internazio-nale58, cui seguono altri studi monografici su aspetti specifici dellemergente dirittoamministrativo globale59. Nel complesso, prevalgono, negli scritti dedicati al dirittoamministrativo globale, indagini per studi di caso, relative a singoli diritti amministra-tivi globali settoriali, condotte, tuttavia, nella prospettiva pi generale di una ricostru-zione delle tendenze comuni ai diversi settori60. Lattenzione, poi, verte sui tratti distin-

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

163

amministrativo in questo periodo storico: il diritto amministrativo internazionale, prima diritto diorganizzazioni internazionali istituite da Stati, mentre si attenua lorigine statale delle organizzazioniinternazionali stesse (alcune delle quali non sono istituite da Stati), si sviluppa e diviene diritto di net-works di organismi statali e diritto relativo a relazioni internazionali di amministrazioni nazionali.Larena internazionale diviene, dunque, luogo di incontro di diritti amministrativi nazionali, oltre chearea in cui si sviluppa un diritto amministrativo per la prima volta non dominato dallo Stato (S.Cassese, Il diritto amministrativo tra XX e XXI secolo, in Giornale di diritto amministrativo, 2004, p.780 ss, p. 780).

56 il caso, soprattutto, di S. Cassese, Il diritto amministrativo globale: una introduzione, inRivista trimestrale di diritto pubblico, 2005, p. 311 ss.; e Id., Universalit del diritto, Napoli, Editorialescientifica, 2005; gli scritti di Sabino Cassese su questi temi sono raccolti in Lo spazio giuridico globa-le, Bari-Roma, Laterza, 2003, e Oltre lo Stato, Bari-Roma, Laterza, 2006.

57 Nella prima edizione, che si svolge il 10-11 giugno 2005, sono coinvolti principalmente studiosidellUniversit di Roma La Sapienza, della Law School della New York University e del Max PlankInstitute di Heidelberg, coordinati, rispettivamente, da Sabino Cassese, Richard B. Stewart e BenedictKingsbury, Armin von Bogdandy. Le relazioni sono pubblicate in lingua inglese in Global Jurist,Advances, 3 (http://www.bepress.com/gj/advances/), in lingua italiana in Diritto e amministrazioni nellospazio giuridico globale, a cura di S. Cassese e M. Conticelli, Quaderno della Rivista trimestrale di dirit-to pubblico, Milano, Giuffr, 2006. Le relazioni presentate nella seconda edizione, che si svolge il 9-10 giugno 2006 e mantiene in sostanza le stesse caratteristiche della precedente, sono pubblicate sulwebsite dellInstitute for International Law and Justice, New York University School of Law(www.iilj.org/research/ViterboConferenceReports2006.html). Una terza edizione ha luogo nel giugno2007 ed specificamente dedicata al tema della partecipazione dei privati al diritto amministrativo glo-bale; anche le relazioni presentate in questa terza edizione saranno pubblicate sul website dellInstitutefor International Law and Justice, New York University School of Law.

58 S. Battini, Amministrazioni senza Stato. Profili di diritto amministrativo internazionale, Milano,Giuffr, 2003.

59 Il riferimento a E. Chiti, Lamministrazione militare tra ordinamento nazionale ed ordinamen-to globale. Volume I, Milano, Giuffr, 2006; e M. Conticelli, I vertici del G8, Milano, Giuffr, 2006.

60 Un esempio di questo equilibrio tra analisi dei singoli settori e ricostruzione unitaria fornitadal Global Administrative Law. Cases and Materials, a cura di S. Cassese, Roma, 2006, nel quale ven-gono presentati trentaquattro casi (dagli standards globali al giusto processo ed agli altri principi pro-cedurali nel diritto amministrativo globale, alla sicurezza globale), preceduti da un ampio saggio intro-duttivo di Sabino Cassese dal titolo Regulation, Adjudication and Dispute Resolution Beyond the State.

tivi dei vari diritti amministrativi globali settoriali, sulla loro incidenza sul diritto ammi-nistrativo nazionale e sulle interazioni tra i due sistemi di regole, non diversamente dal-lorientamento consolidatosi con riferimento allo studio del diritto amministrativoeuropeo. interessante notare, peraltro, come lo studio del diritto amministrativo glo-bale e quello del diritto amministrativo europeo tendano ad essere sviluppati in paral-lelo, privilegiando i rapporti tra i due diritti ultrastatali ed il diritto domestico e lascian-do relativamente in ombra le loro relazioni orizzontali61 e la questione delle lorosomiglianze e differenze62.

Di un simile mutamento dei temi-problemi posti al centro dellindagine della scien-za del diritto amministrativo sul diritto ultrastatale, com evidente, prematuro valu-tare gli effetti e le implicazioni. Si pu osservare, invece, come le sue ragioni siano plu-rime. Quanto agli studi di diritto amministrativo comunitario, tanto i bilanci comples-sivi quanto lanalisi delle forme e delle modalit dellintegrazione amministrativa sonopossibili in ragione sia della maturazione del diritto amministrativo comunitario, siadegli studi condotti nel decennio precedente. Diversa la situazione per gli studi didiritto amministrativo globale, giacch il riconoscimento del graduale sviluppo di undiritto amministrativo internazionale, non legato allo Stato, ma ad amministrazioni glo-bali, e dellaffermazione di regole globali che condizionano i diritti amministrativinazionali penetrando indirettamente negli ordinamenti interni63, da un lato, poggiasugli studi ormai consolidati di diritto amministrativo europeo, pur non intendendoneaffatto riprodurne le categorie, dallaltro, strettamente connesso alla riflessione sullaglobalizzazione svolta dalle altre scienze sociali (tra cui, in particolare, leconomia, lascienza politica, le relazioni internazionali).

La complicazione dei problemi di diritto ultrastatale oggetto di studio da partedella scienza amministrativistica, peraltro, non rappresenta lunico elemento di discon-tinuit rispetto ai tratti caratteristici della riflessione svolta negli ultimi due decenni delsecolo XX. Ad essa intimamente correlata, infatti, una parziale rivisitazione del meto-do di studio. In linea di continuit con lesperienza precedente, il metodo che pu dirsiprevalente continua ad essere caratterizzato dalla utilizzazione di una serie di materia-li giuridici che non si esauriscono nella legge, ma includono anche la giurisprudenza ela prassi amministrativa, dalla attenzione a non operare semplici traslazioni sul pianocomunitario di categorie nazionali, dai rapporti con studiosi di altri paesi europei, sia

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

164

61 Uneccezione rappresentata da E. Chiti, Lamministrazione militare tra ordinamento naziona-le ed ordinamento globale. Volume I, cit., che ha ad oggetto, per, un settore nel quale lintegrazionetra Stati membri ed Unione europea meno profonda e diviene ineludibile una ricostruzione non solodei rapporti tra diritto amministrativo nazionale e diritto amministrativo ultrastatale, ma anche deirapporti tra diritto amministrativo globale e diritto amministrativo europeo.

62 Anche se le indagini di diritto amministrativo globale si estendono allesame di organismi regio-nali, ad esempio il Mercosur, che presentano talune analogie con lordinamento europeo, cos apren-do la strada ad una discussione dei diversi tipi di sistemi regolatori ultrastatali e dei caratteri peculia-ri dei sistemi propriamente sovranazionali.

63 S. Cassese, Gamberetti, tartarughe e procedure. Standards globali per i diritti amministrativinazionali, in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 2004, p. 657 ss., p. 661.

al fine della ricostruzione dei caratteri del diritto amministrativo ultrastatale, sia in unaprospettiva comparativa. Lo sviluppo delle indagini di diritto amministrativo globale,tuttavia, introduce alcune non trascurabili differenze. Anzitutto, lo studio del dirittoamministrativo globale determina rapporti stabili con studiosi di paesi non europei, inparticolare statunitensi, provenienti non solo dal diritto amministrativo ma anche daglistudi di diritto internazionale, non tanto in funzione di comparazione64, quanto per unfine comune65. Diviene ben pi frequente, se non addirittura sistematica, inoltre, la tra-duzione in lingua inglese degli scritti di diritto amministrativo globale. Anche per lostretto contatto con progetti di ricerca statunitensi, in terzo luogo, lo studio del dirittoamministrativo globale solleva il problema della possibilit e della opportunit di inte-grare nella ricostruzione giuridica una prospettiva propriamente valutativa, di esamedel diritto esistente alla luce di parametri di teoria politica.

Infine, la riflessione che la scienza amministrativistica compie sul diritto ultrastata-le nel primo lustro del XXI secolo pare differenziarsi da quella precedente anche sottoil profilo dei risultati che si vengono raggiungendo.

Ci che rileva in questa prospettiva, al di l delle singole ricostruzioni prospettatedalla scienza amministrativistica rispetto alle diverse questioni affrontate, la semprepi netta e puntuale dimostrazione del superamento di un elemento essenziale delparadigma tradizionale del diritto amministrativo, quello della centralit dello Statocome soggetto dellordinamento. Contribuiscono a questo risultato, sul versante delleindagini di diritto amministrativo europeo, gli studi sui fenomeni dellintegrazioneamministrativa e sulla ricerca del diritto pi favorevole66. Sul versante delle indagini didiritto amministrativo globale, la tesi dellaffermazione di un diritto amministrativoglobale argomentata da Sabino Cassese, il quale, muovendo dallesistenza di un ordi-namento giuridico globale, rileva in molti regimi internazionali i tratti distintivi del

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

165

64 Anche se prevedibile, nel prossimo futuro, lestensione del metodo comparativo allordina-mento statunitense; esemplifica questa tendenza il manuale Diritto amministrativo comparato, a curadi G. Napolitano, Milano, Giuffr, 2007, che fa parte del Corso di diritto amministrativo diretto daSabino Cassese.

65 Ci si riferisce, evidentemente, al progetto di ricerca condotto da R.B. Stewart e B. Kingsburypresso lInstitute for International Law and Justice, New York University School of Law. Per una sin-tesi complessiva dei principali risultati della ricerca, si vedano i numeri monografici delle rivisteEuropean Journal of International Law (n. 1 del 2006), Law and Contemporary Problems (n. 3-4 del2005) e New York University Journal of International Law and Politics (vol. 37, n. 4, 2006); i primi duesono dedicati, rispettivamente, a Global Governance and Global Administrative Law in theInternational Legal Order ed a The Emergence of Global Administrative Law. Il secondo ed il terzovolume contengono anche dei saggi di Sabino Cassese: nel secondo, si pu leggere Global Standardsfor National Administrative Procedure, p. 109 ss. pubblicato in italiano con il titolo Gamberetti, tarta-rughe e procedure. Standards globali per i diritti amministrativi nazionali, cit.; nel terzo, AdministrativeLaw Without the State? The Challenge of Global Regulation, p. 663 ss., e The Globalization of Law, p.973 ss., pubblicati in italiano con i titoli Il diritto amministrativo globale: una introduzione, cit. (checontiene, per, un paragrafo in pi rispetto alla versione inglese), e Universalit del diritto, cit.

66 Su questultimo tema si veda, in particolare, M. Gnes, La scelta del diritto. Concorrenza tra ordi-namenti, arbirtraggi, diritto comune europeo, Milano, Giuffr, 2004.

diritto amministrativo, definendo lemergente diritto un diritto amministrativo globa-le, nonostante tale qualificazione possa apparire inaccettabile a chi ritiene che, se diritto amministrativo, non globale, in quanto questo diritto statale per eccellenza;se globale, non diritto amministrativo, in quanto il diritto globale riguarda relazio-ni tra Stati67. Si noti come la locuzione diritto amministrativo globale non sia uti-lizzata per riferirsi genericamente ad un diritto amministrativo ultrastatale, ma peridentificare la regolazione di uno spazio giuridico globale i cui tratti costitutivi si diffe-renziano dalla abituale rappresentazione della comunit mondiale sotto vari profili:quanto ai soggetti, perch agli Stati, soggetti tradizionali della comunit internaziona-le, vengono ad aggiungersi, sul fronte dei regolatori, una ricca variet di poteri pubbli-ci globali e di organismi privati, su quello dei destinatari della regolazione, linsieme deisoggetti privati; sotto il profilo degli istituti, perch la regolazione dellazione dei varitipi di sistemi regolatori globali e degli altri soggetti dello spazio giuridico globale, con-trariamente a quanto presupposto dalle ricostruzioni pi diffuse della scienza del dirit-to internazionale, ricorre frequentemente ad istituti amministrativistici (si pensi, adesempio, alle regole relative al procedimento ed alla partecipazione dei privati); sotto ilprofilo delle fonti, perch il diritto amministrativo globale non si esaurisce nelle fonticlassiche del diritto pubblico internazionale, ma utilizza in maniera intensiva anchemisure di tipo diverso.

Per la prima volta, poi, ed questo il dato di maggior rilevanza, lo studio del dirit-to amministrativo ultrastatale, insieme alle indagini su altri sviluppi di diritto interno,conduce Sabino Cassese alla esplicita formulazione della tesi in base alla quale non soloil tradizionale paradigma autorit-libert risulta dotato di una sempre minore capacitesplicativa, ma anche possibile identificare un diverso paradigma, denominato, invia provvisoria, dellarena pubblica68. Riferendosi alla formazione di relazioni tri-polari (privati-amministrazioni nazionali-Commissione europea), alla produzione didislivelli di regolazione ed alla apertura della Commissione alla partecipazione degliinteressati, lo studioso che pi si dedicato, a partire dai primi anni ottanta del secoloXX, alla ricostruzione del diritto amministrativo ultrastatale identifica un paradigmaalternativo a quello tradizionale, nel quale da un lato, al tradizionale binomio Stato-cittadino si affianca o si sovrappone un complesso di rapporti pi ricco di soggetti emeno fondato sulla contrapposizione; dallaltro, il vecchio modello legale-razionale deipoteri pubblici sostituito da un modo di agire pubblico simile a quello privato69. Ciche segna, allo stesso tempo, la crisi del modello che ha dominato il diritto pubblico

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

166

67 S. Cassese, Il diritto amministrativo globale: una introduzione, cit., pp. 335-336.68 S. Cassese, Larena pubblica. Nuovi paradigmi per lo Stato, cit., passim.69 Ibid., p. 608; lespressione arena pubblica, infatti, indicando uno spazio, non pregiudica le

posizioni dei soggetti che vi operano (lo Stato in alto, i cittadini in basso, secondo il paradigma tradi-zionale), non vincola lagire dei soggetti a un tipo (come quello della discrezionalit, valevole per lapubblica amministrazione, e quello della libert, applicabile al privato, secondo il paradigma tradizio-nale). Consente, al contrario, interscambiabilit dei ruoli, modificazione dei rapporti, commercio delleregole e dei principi ordinatori (p. 607).

per tutto il secolo breve ed il punto di avvio di una riflessione che accetti linvito dellanuova realt a battersi con essa70.

5. Conclusioni

Nelle pagine precedenti, si tentato di ricostruire, per grandi linee, levoluzionedella riflessione della scienza amministrativistica sul diritto ultrastatale nella secondamet del secolo XX.

Lesame si incentrato sulle diverse problematizzazioni del fenomeno giuridicoultrastatale che la scienza del diritto amministrativo ha operato nel corso del periodoconsiderato, sui metodi utilizzati per lo studio dei temi-problemi individuati, sui prin-cipali risultati raggiunti, nella prospettiva della identificazione dei momenti di discon-tinuit e di mutamento.

Lindagine svolta non ha consentito di individuare, nella riflessione della scienzaamministrativistica sul diritto ultrastatale, una successione di vere e proprie operazioniscientifiche. Pi limitatamente, essa ha permesso di distinguere due periodi principalidi tale riflessione, caratterizzati dalle diverse problematizzazioni del fenomeno giuridi-co ultrastatale operate dalla scienza del diritto amministrativo, nonch, in conseguen-za di queste, dalla diversit dei metodi impiegati e dei risultati. In un primo periodo,che copre i primi tre decenni della seconda met del secolo, la scienza del diritto ammi-nistrativo procede ad una problematizzazione assai limitata del diritto ultrastatale,facendo per lo pi ricorso, sul piano del metodo, alle categorie del diritto amministra-tivo nazionale e confermando, sul piano dei risultati, il paradigma fondamentale deldiritto pubblico e del diritto amministrativo, incentrato sulla contrapposizione tra polopubblico e polo privato e sulla cedevolezza della situazione del privato di fronte allat-to di esercizio della potest pubblica. In un secondo periodo, compreso tra gli anniottanta e novanta, la scienza del diritto amministrativo si impegna su una ricchissimavariet di temi-problemi di diritto amministrativo comunitario, affrontati, negli studi dimaggior rilievo, con gli strumenti del metodo realista e con la consapevolezza di nonpoter operare meccaniche trasposizioni sul piano comunitario di concetti ed istituti ela-borati con riferimento allesperienza nazionale, giungendo a rivedere in parte lequili-brio tra autorit e libert ed a superare un elemento essenziale del paradigma tradizio-nale, quello della centralit dello Stato come soggetto dellordinamento. Rispetto aicaratteri di questo secondo periodo della riflessione della scienza amministrativisticasul diritto ultrastatale, poi, gli studi avviati nel primo lustro del nuovo secolo sembra-no presentare vari profili di originalit: si sviluppano, infatti, le ricerche sul dirittoamministrativo globale; e si prospettano per la prima volta paradigmi diversi dal tradi-zionale modello autorit-libert, la cui complessiva capacit esplicativa definitiva-mente revocata in dubbio.

Chiti La scienza del diritto amministrativo e il diritto pubblico ultrastatale

167

70 Ibid., p. 650.

Nel tentativo di misurare la distanza tra il punto di partenza e quello di momenta-neo approdo, si pu ora osservare come gli studi sul diritto ultrastatale abbiano deter-minato una profonda revisione della rappresentazione che la scienza del diritto ammi-nistrativo offre del proprio oggetto di studio.

Questultimo, anzitutto, subisce un rilevantissimo ampliamento. Per un verso, essoviene ad includere non solo le amministrazioni nazionali, ma anche le amministrazionicomunitarie e quelle globali, oltre che gli organismi misti, composti dai vari ordini diautorit. Per altro verso, si estende, quanto alla disciplina che si applica a tali ammini-strazioni, dalle fonti meramente domestiche a quelle comunitarie e globali, tra lorocombinate secondo formule che variano da caso a caso. Ad un simile ampliamento, insecondo luogo, corrisponde una notevole complicazione delloggetto, nel quale vienead innescarsi un gioco di forze e di sollecitazioni se possibile ancor meno stabile e piarticolato di quello alla cui ricostruzione si erano dedicati i maestri del diritto ammini-strativo a partire dalla met del secolo. In terzo luogo, le stesse caratteristiche peculia-ri delloggetto, dotate di capacit distintiva ed in grado di fondarne lidentit, sono sog-gette ad un radicale ripensamento, che trova la propria sintesi nel modello dellarenapubblica. Ad un oggetto che assume nuove dimensioni, profondit e tratti distintivi,da ultimo, corrisponde un metodo di studio che, pur convivendo con orientamenti pitradizionali, intende sviluppare sino in fondo le potenzialit del realismo.

Lo studio del diritto ultrastatale, in definitiva, conduce ad una ridefinizione tantodei confini esterni, quanto degli elementi costitutivi interni delloggetto della scienzadel diritto amministrativo. Sotto il primo profilo, se alla met del secolo netta la sepa-razione tra diritto ultrastatale e diritto amministrativo, riferito esclusivamente allordi-namento domestico, il confine perde molta della propria ragion dessere una volta chesi riconosca che il diritto ultrastatale costituisce non solo una disciplina dotata di unproprio specifico oggetto, ma anche, ed in misura non pi trascurabile, una delle pos-sibili fonti del diritto amministrativo. Il superamento di questo confine, peraltro, intro-duce una partizione delloggetto in tre componenti, riferibili, rispettivamente, aldiritto amministrativo nazionale, al diritto amministrativo comunitario ed al dirittoamministrativo globale. Ma si tratta di una partizione che ha un valore meramentedescrittivo, dato che le tre componenti sono tra loro stabilmente comunicanti e stabili-scono una variet di reciproche connessioni. Sotto il secondo profilo, lo studio deldiritto ultrastatale uno dei principali fattori di trasformazione dei tradizionali ele-menti caratterizzanti delloggetto della scienza amministrativistica. Il modello dellare-na pubblica, daltra parte, non sostituisce al tradizionale paradigma autorit-libert unparadigma altrettanto totalizzante, ma un insieme di nuovi paradigmi la cui influen-za su tutte le nozioni, i temi e i problemi classici del diritto pubblico, dalla natura delpotere pubblico e del suo agire legale-razionale, mosso dallalto (dalla legge), al postoriservato alla legge e alle sue implicazioni (legalit e tipicit), alle relazioni pubblico-pri-vato, dovr essere ricostruita puntualmente dalla scienza del diritto amministrativo71.

Sezione II Metodi di studio e rapporti con altri campi disciplinari ...

168

71 S. Cassese, Larena pubblica. Nuovi paradigmi per lo Stato, p. 649.

la stessa opera di ricognizione, del resto, ad essere tuttaltro che compiuta, non solosul versante del diritto amministrativo globale, rispetto al quale stata appena avviata,ma anche su quello, assai pi battuto, del diritto amministrativo europeo.

Quanto alle ragioni che possono spiegare un tale esito degli studi di diritto ultra-statale, lesame svolto consente di individuare nella formidabile maturazione degliorganismi comunitari e globali il motore principale della riflessione della scienza deldiritto amministrativo. lo sviluppo dapprima di una regolazione amministrativa euro-pea, relativa alle amministrazioni sovranazionali, a quelle nazionali ed a quelle compo-site, quindi di una regolazione amministrativa globale, a muovere gli interessi dellascienza amministrativistica, la quale, a sua volta, contribuisce in misura considerevolealla formazione ed al consolidamento di tale regolazione, attraverso una significativaopera di ricognizione e di revisione. Una simile attivit, peraltro, avviata e guidata daun numero limitato di studiosi, su tutti Sabino Cassese, la cui opera individuale dovreb-be essere presa puntualmente in esame in una ricostruzione delle vicende dello studiodel diritto ultrastatale da parte della scienza amministrativistica pi articolata di quellache stato possibile svolgere nel contesto di unindagine incentrata sui passaggi prin-cipali e sulle linee di sviluppo generali, a scapito dei percorsi dei singoli studiosi e dellevarie scuole.

Nel provvisorio punto di approdo della riflessione sul diritto ultrastatale, infine, siannidano vari pericoli ed una possibilit. Un primo pericolo che lampliamento del-loggetto, la sua ulteriore complicazione ed il mutamento dei suoi tratti distintivi por-tino con s un nuovo descrittivismo, il ricorso a criteri poco convincenti di selezionedei fenomeni giuridici rilevanti e la perdita di una prospettiva disciplinare dinsieme.Su un piano diverso, inoltre, vi il rischio di una interruzione della circolazione delleidee tra gruppi di studiosi interessati alla ricerca delle novit e delle criticit e gruppipi saldamente ancorati alla tradizione, per i quali lo studio dei pi recenti sviluppi deldiritto ultrastatale, in particolare della graduale emersione di un diritto amministrativoglobale, potrebbe apparire come una ingiustificata fuga in avanti. A ci si aggiungeil pericolo di non riuscire a stabilire rapporti proficui con