Documentare l'attività didattica

download Documentare l'attività didattica

of 22

  • date post

    21-Jan-2017
  • Category

    Education

  • view

    5.358
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Documentare l'attività didattica

  • Documentare lattivit didattica

    Pier Giuseppe Rossi

    Universit degli Studi di Macerata

    piergiuseppe.rossi@unimc.it

  • Cosa cambia

    Che significa assunti? Cosa cambia?

    Non sicuramente capire come la scuola.

    La maggioranza dei neoassunti italiani hanno anni di

    esperienza nella scuola.

    Avere una progettualit.

    Ripensare la didattica grazie alla continuit.

    Potersi impegnare in un sistema.

    Avere una traiettoria personale e professionale.

    Un impegno che verso la classe, la scuola e il proprio s

    professionale.

    La professionalit al centro.>

  • Cosa cambia

    Che significa professionalit?

    Un tempo: conoscenza di procedure e capacit di

    applicarle con padronanza.

    Oggi: capacit di costruire soluzioni contestualizzate per i

    problemi sempre diversi che si incontrano.

    Capacit di progettare.

    Cambiati funzioni e ruoli (identit degli istituti e dirigenti)>

  • Come il

    percorso

  • Si tratta di un dispositivo che viene messo a disposizionedi persone che vogliono conoscere meglio le propriecompetenze e prendere in carico la propria evoluzioneprofessionale, definire i mezzi e le tappe per raggiungereobiettivi. Lidea che sorregge questo dispositivo quella dicoinvolgere il soggetto nella ridefinizione della propriastoria professionale in vista di una decisione che permettadi migliorare il personale livello di competenze attraversola formazione, percorsi di studio o stage.

    Un ecosistema formativo

    Attivit

    Peer to peer

    Attivit on line

    Laboratori formativi

    Pier Giuseppe Rossi - 1

  • Alternanza come .

    Concetto ovvero interazione teoria-pratica.

    Funzione ovvero interazione tra immersione e distanziamento.

    Dispositivo ovvero attivit a scuola e in contesti formali.

    Lottica quella della competenza e dellinsegnante professionista.

    Lattenzione verso una postura riflessiva che accompagner il professionista per tutta la sua carriera.

    Alternanza

    Pier Giuseppe Rossi - 2

  • Memoria e promessa

    Da dove vengo

    Dove sono, chi sono

    Dove sto andando

    Il Curricolo formativo

    Lanalisi dellattivit didattica

    Il Profilo di competenza

    Pier Giuseppe Rossi - 3

  • Il curricolo formativo

    Inserire tre/quattro eventi formativi sia formali sia informali

    che permettano di capire che insegnante si , quale sia la propria filosofia educativa.

    Non importa il modello di riferimento. Purch sia esplicito e padroneggiato.

    Quello che conta la coerenza interna (tra modello e il proprio modo di fare in classe) ed esterna (tra modello e le Indicazioni Nazionali).

    Curricolo formativo

    Pier Giuseppe Rossi- 5

    Da dove vengo

  • Progettazione e sessione di lavoro

    Micro-progettazione

    Pier Giuseppe Rossi - 6

    Dove sono

    curricolo

    modulo

    sessione

    attivit

  • Progettazione e sessione di lavoro

    Attenzione alle sessioni e alle attivit perch:

    Rompe con un concetto di programmazione

    Coglie unit di senso e non parcellizzazione concettuale.

    Permette di cogliere come il docente intreccia e organizza un corpo complesso e coerente che tiene conto dei contenuti, degli obiettivi, dei vincoli e delle risorse della scuola.

    Permettono al tutor di cogliere sia gli aspetti disciplinari, sia quelli relazionali e la capacit di intrecciarli.

    Micro-progettazione

    Pier Giuseppe Rossi - 6

    Dove sono

  • Cosa valorizzare per la professionalit?

    Cogliere la coerenza tra le varie componenti.

    Cogliere la coerenza tra progettato e agito.

    Cogliere la coerenza tra modello adottato e azione.

    Cogliere la capacit di leggere e di crescere in base allesperienza.

    Se la direzione verso un docente competente e professionista, non prioritario vedere se agisce

    conformemente a una norma, ma se sa progettare un percorso significativo, sa operare delle scelte, sa dialogare con

    il contesto e costruire soluzioni ai problemi che incontra.

    Osservazione

    Pier Giuseppe Rossi - 8

  • Le tre parti della descrizione della azione

    Progettazione

    Azione in classe

    Riflessione

    Testo-progettazione in cui si esplicita come si prevede

    che si svolga la sessione. Non solo quindi obiettivi e

    tipologie di attivit ma la struttura.

    Domande guida.

    Documentazione dellattivit ovvero inserire:

    1. Materiali predisposti dal docente;

    2. Materiali raccolti durante la lezione (foto, video)

    3. Materiali prodotti dagli studenti.

    4. Materiali grigi (osservazione a caldo di doc, tutor).

    Costruire una narrazione con strumento digitale.

    Analisi a posteriori del percorso in cui confrontando

    lagito e il progettato si individuano le attivit che

    hanno funzionato e quelle in cui sono emersi

    problemi.

    Identificazione delle cause e di possibili rinforzi o

    strumenti correttivi.Pier Giuseppe Rossi - 9

  • Il bilancio di competenze

    a. Relative alle competenze didattiche

    b. Relative alla organizzazione scolastica

    c. Relativa alla professionalit docente

    Dove sto andando

  • Tra continuit e cambiamento

    Iniziare a fare qualcosa che si conosce gi.

    Necessit di attivare uno spazio-tempo di connessione e sintesi per il rilancio

    IL BILANCIO DI COMPETENZE

  • Verso un Bilancio di competenze

    Una visione di professionalit docentecondivisa a livello internazionale (aree dicompetenza, dimensione riflessiva e competenzanellanalisi dellazione, auto-progettazioneprofessionale).

    Una particolare popolazione di neo-assuntida sollecitare ad una presa in carico dels professionale .

    Prospettiva dinamica: essere in ricerca(Beillerot, 1998)

    Prospettiva auto e co-valutativa

    Una professionalit oltre laula

    (Legge107/2015)

  • Cos Bilancio di competenze

    un dispositivo che viene messo a disposizione di personeche vogliono conoscere meglio le proprie competenze eprendere in carico la propria evoluzione professionale,definirne i mezzi e le tappe per raggiungere obiettivi.

    Lidea che sorregge questo dispositivo: coinvolgere ilsoggetto nella ridefinizione della propria storiaprofessionale in vista di una decisione che permetta dimigliorare il personale livello di competenze attraverso laformazione, percorsi di studio o stage (Lemoin, 2009).

  • Funzioni del Bilancio di competenze

    orientativa in quanto tende alla definizione di unprogetto professionale e formativo,

    formativa in quanto si connota come azione dicambiamento e sviluppo del soggetto siarelativamente alla valorizzazione dellesperienzaprofessionale, sia alla conoscenza di s,

    come riconoscimento personale e sociale delleesperienze di lavoro e di vita della persona.

    Il Bilancio di competenze

  • Obiettivi del Bilancio di competenze

    1. elaborare una strategia di azione a partire dallaricostruzione della storia personale-professionale,

    2. accompagnare la mobilit e il trasferimento dellecompetenze,

    3. definire percorsi di formazione per sviluppare ulteriori competenze.

  • Il Profilo di competenze

    Definisce la figura professionale

    Definisce lambito di competenza

    Orienta la formazione

    Connette saperi teorico-pratici

    PERMETTE DI

    Identificare lo scarto tra prescritto e reale

    Individuare percorsi auto-co formativi per lo sviluppo professionale

  • Il profilo professionale dellinsegnante

    1. La formazione iniziale degli insegnanti di cui all'articolo 1 finalizzata a qualificare e valorizzare la funzione docente attraverso l'acquisizione di competenze disciplinari, psico-pedagogiche, metodologico-didattiche, organizzative e relazionali necessarie a far raggiungere agli allievi i risultati di apprendimento previsti dall'ordinamento vigente. 2. E' parte integrante della formazione iniziale dei docenti l'acquisizione delle competenze necessarie allo sviluppo e al sostegno dell'autonomia delle istituzioni scolastiche secondo i principi definiti dal decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275. 3. Le competenze di cui ai commi 1 e 2 costituiscono il fondamento dell'unitariet della funzione docente. (DM 249/2010)

  • Il Bilancio finale

    Registra il cambiamentorispetto al Bilancio iniziale

    Rilancia lautoprogettazioneprofessionale

    Favorisce una continuitnella formazione in servizio(bonus) e unintegrazionenellistituzione scolastica

  • Grazie per lattenzione

    piergiuseppe.rossi@unimc.it

    http://TIncTec.it

    @pgr193

    mailto:piergiuseppe.rossi@unimc.ithttp://tinctec.it/