DIOCESI DI ASSISI – NOCERA UMBRA – GUALDO ... DIOCESI DI ASSISI – NOCERA UMBRA...

download DIOCESI DI ASSISI – NOCERA UMBRA – GUALDO ... DIOCESI DI ASSISI – NOCERA UMBRA – GUALDO TADINO

of 36

  • date post

    22-Feb-2020
  • Category

    Documents

  • view

    1
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of DIOCESI DI ASSISI – NOCERA UMBRA – GUALDO ... DIOCESI DI ASSISI – NOCERA UMBRA...

  • DIOCESI DI ASSISI – NOCERA UMBRA – GUALDO TADINO

    SUSSIDIO LITURGICO

    ANNO B

    PARTE PRIMA: II DOM. DI PASQUA – DOM. DI CRISTO RE

    2009

    ____________________________________________ A CURA DELL’UFFICIO LITURGICO DIOCESANO

  • 1

    Indice: II domenica di Pasqua 2 III domenica di Pasqua 3 IV domenica di Pasqua 4 V domenica di Pasqua 5 VI domenica di Pasqua 6 Ascensione del Signore 7 Pentecoste 8 Santissima Trinità 9 Corpus Domini 10 XII domenica T.O 11 XIII domenica T.O 12 XIV domenica T.O 13 XV domenica T.O 14 XVI domenica T.O 15 XVII domenica del T.O. 16 XVIII domenica del T.O 17 XIX domenica del T.O 18 Solennità Assunzione di Maria 19 XX domenica del T.O 20 XXI domenica del T.O 21 XXII domenica del T.O 22 XXIII domenica del T.O 23 XXIVdomenica del T.O 24 XXV domenica del T.O 25 XXVI domenica del T.O 26 XXVII domenica del T.O 27 XXVIII domenica del T.O 28 XXIX domenica del T.O 29 Dedicazione della cattedrale di San Rufino 30 Solennità di tutti i Santi 31 XXXII domenica del T.O 32 XXXIII domenica del T.O 33 Solennità di Cristo Re 34

  • 2

    I I Domenica Di Pasqua Anno B

    ACCOGLIENZA Fratelli e sorelle, dal mattino di Pasqua la storia è stata illuminata dalla risurrezione del Signore. Da allora i cristiani si riuniscono il «primo giorno della settimana», la domenica, per celebrare il Cristo risorto. Anche noi, nell’ottavo giorno di Pasqua, ci siamo qui raccolti per celebrarne il memoriale. Questa esperienza gioiosa faccia di noi una comunità viva e ci renda capaci di accogliere in mezzo a noi il Risorto, che ci offre i doni della pace e della gioia. I LETTURA La vita comune che viene praticata nelle prime comunità cristiane è un dono della Pasqua. Non è un obbligo o un’imposizione, ma un modo nuovo di condurre l’esistenza, di valutare le realtà quotidiane. Il risultato è «un cuor solo e un’anima sola», che realizza l’unione fraterna e la condivisione dei beni.

    II LETTURA La fede in Gesù, il Risorto, è più forte di qualsiasi avversità e di qualsiasi prova. Da questa fede nasce un amore che è offerto ad ogni creatura, con semplicità e gioia. PREGHIERA DEI FEDELI Fratelli e sorelle, con un cuore solo e un’anima sola rivolgiamoci al Signore risorto perché accresca la nostra fede e cambi la nostra vita. Ripetiamo l’acclamazione di Tommaso: MIO SIGNORE E MIO DIO!

    1 Il tuo amore, Signore, non abbandoni la Chiesa: ogni credente viva con gioia l’impegno di testimoniare la

    salvezza che tu ci doni, ricevendo forza dallo Spirito; preghiamo.

    2 Il tuo amore, Signore, non abbandoni mai l’umanità : tutti i popoli accolgano sinceramente la tua pace e la vivano con impegno nel rispetto delle diversità culturali, sociali e religiose; preghiamo.

    3 Il tuo amore, Signore, non abbandoni chi è nel dubbio: questi possa perseverare, senza perdersi nella sfiducia, trovando sostegno nella comunità cristiana, preghiamo.

    4 Il tuo amore, Signore, non abbandoni chi si trova nel bisogno: sazia di beni chi si affida a te e suscita tra chi crede una solidarietà sempre più coinvolgente; preghiamo.

    5 Il tuo amore, Signore, non abbandoni chi si trova nella sofferenza: lo sguardo sulle tue ferite apra il suo

    cuore ad una speranza eterna; preghiamo. 6 Il tuo amore, Signore, non abbandoni la nostra comunità: essa ti sappia riconoscere ogni domenica in questa

    santa assemblea; preghiamo. Signore Gesù, rivèlati a noi e a tutti gli uomini nella fede. Tu che ci hai dato il modello della vita comune, fa’ di noi e di tutti gli uomini una sola famiglia. Tu sei Dio e vivi e regni nei secoli dei secoli. Gesto suggerito: Si suggerisce per tutto il tempo pasquale l’aspersione dell’acqua e l’acclamazione cantata nella professione di fede.

  • 3

    III DOMENICA DI PASQUA Anno B ACCOGLIENZA Fratelli e sorelle, l’Autore della vita, il Cristo risuscitato dai morti, è vivo, agisce e si rende presente in questa nostra assemblea, come in mezzo agli apostoli radunati nel cenacolo. La luce del suo volto risplenda su di noi, perché possiamo riconoscerlo, ascoltandolo e nutrendoci di Lui nell’Eucaristia. In questa terza domenica di Pasqua, siamo quindi invitati a penetrare più a fondo il mistero della resurrezione dai morti del Signore Gesù, diventandone i testimoni. Cristo risorto ci doni il suo Spirito per osservare i suoi comandamenti e testimoniarlo con la nostra vita seminando ovunque la speranza che viene dal Vangelo. I LETTURA L’apostolo Pietro proclama con fermezza la responsabilità di coloro che hanno rinnegato il Cristo condannato ad una morte ingiusta. L’apostolo tuttavia usa parole che lasciano aperta la strada della conversione a chi vorrà accogliere il perdono e la remissione dei peccati. SECONDA LETTURA Il credente ha un motivo di fiducia: Gesù è l’avvocato, l’intercessore presso il Padre. E lo è perché ha dato la sua vita per noi. Allora, l’ultima parola di fronte al peccato è la misericordia e non la condanna, il perdono e non la di- sperazione. PREGHIERA DEI FEDELI Fratelli e sorelle, il Signore Gesù è divenuto nostro avvocato presso il Padre e intercede per noi. Pieni di fiducia diciamo: ASCOLTACI, SIGNORE. 1. Per i pastori della Chiesa, i missionari e i catechisti: perché proclamino il Vangelo del Signore con la franchezza dei testimoni e con la pazienza dei padri. Preghiamo 2. Per le nazioni in guerra e per coloro che si adoperano in favore della pace: perché il futuro dell’umanità conosca un tempo di riconciliazione e di pace tra i popoli. Preghiamo 3. Per i sofferenti: perché, guardando al Cristo sofferente e glorioso, si uniscano al suo sacrificio per la salvezza di tutti. Preghiamo 4. Per noi: perché abbiamo una viva sete della Parola di Dio e guidati dallo Spirito di Cristo risorto, possiamo comprendere che il mistero pasquale si sta compiendo nella nostra vita. Preghiamo 5. Per l’Università Cattolica: perché prepari persone competenti e animate da spirito cristiano, capaci di testimoniare il Vangelo nel mondo culturale e sociale. Preghiamo Apri il nostro cuore, Signore, alla tua Parola e, come hai fatto con gli apostoli, trasforma la nostra tristezza nella gioia della tua presenza in mezzo a noi. Tu sei Dio e vivi e regni nei secoli dei secoli.

    Gesto suggerito: Si suggerisce per tutto il tempo pasquale l’aspersione dell’acqua e il canto con l’acclamazione della professione di fede.

  • 4

    IV DOMENICA DI PASQUA Anno B ACCOGLIENZA Fratelli e sorelle, Gesù risorto è il buon Pastore che ci guida alle sorgenti della vita. Egli oggi ci ha riuniti perché, ascoltando la sua voce, possiamo conoscerlo, seguirlo ed imitarlo. Infatti, ogni battezzato è chiamato ad annunciare il Vangelo e a spendere la propria vita per la salvezza dei fratelli. Se nella nostra comunità crescerà questa consapevolezza, allora essa diventerà terreno fertile per la nascita di vocazioni sacerdotali e di speciale consacrazione per le quali preghiamo in questa quarta domenica di Pasqua. Riconosciamo Gesù buon pastore presente in mezzo a noi, perché questa liturgia possa parlare al nostro cuore e ridare a tutti speranza.

    I LETTURA La guarigione dello storpio offre a Pietro l’occasione per annunciare e far conoscere meglio il Messia. Egli afferma che Gesù Cristo è l’unico Salvatore e il fondamento su cui poggia ogni cosa: in nessun altro c’è salvezza. II LETTURA Fin d’ora siamo figli di Dio. L’apostolo Giovanni afferma che questa non è una promessa, ma una realtà che diventerà piena quando vedremo Dio faccia a faccia. Cresca dunque il nostro desiderio di amare Dio e di contemplarlo.

    PREGHIERA DEI FEDELI Fratelli e sorelle, invochiamo Gesù, buon Pastore, che ha offerto la vita per noi e conosce le nostre necessità. Diciamo con fede: ASCOLTACI, SIGNORE. 1. Signore, sostieni la tua Chiesa affinché con coraggio indichi al mondo che solo in Te c’è salvezza. Preghiamo. 2. Signore, fortifica tutti i pastori della tua Chiesa, perché siano saldi nella fede e guidino con amore coloro che hai loro affidato. Preghiamo. 3. Signore, rafforza la fede di coloro che si preparano al sacerdozio, affinché rimangano saldi nell’impegno e si preparino così a servire generosamente i fratelli. Preghiamo. 4. Signore, ti affidiamo i giovani che tu chiami a seguirti; accompagna il loro discernimento e sostienili nell’aderire alla tua volontà. Preghiamo. 5. Signore, ti affidiamo quanti si sentono smarriti e sfiduciati, rifiutati e scartati come pietre inutili; ricordino di essere tuoi figli e trovino nella Chiesa un’accogliente fraternità. Preghiamo. 6. Signore, guida la nostra comunità perché cresca in tutti noi la passione pastorale, che ci faccia sentire responsabili della salvezza dei fratelli. Preghiamo. Gesù, buon Pastore, che ci guidi verso i pascoli eterni, liberaci da ogni male e fa’ di noi un solo gregge e un solo pastore. Tu sei Dio e vivi e regni nei secoli dei secoli. Gesto suggerito: Si suggerisce per tutto il tempo pasquale l’aspersione dell’acqua e il canto con l’acclamazione della professione di fede.

  • 5

    V DOMENICA DI PASQUA Anno B ACCOGLIENZA Fratelli e sorelle, siamo