di Avv. Rosa Bertuzzi - Corsi di Polizia Ambientale...PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI ......

of 249 /249
di Avv. Rosa Bertuzzi PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI sezione gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra

Embed Size (px)

Transcript of di Avv. Rosa Bertuzzi - Corsi di Polizia Ambientale...PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI ......

Prontuario delle violazioni ambientali - sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serradi Avv. Rosa Bertuzzi
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI
sezione gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
a cura di Alessandro Corrias
Realizzato nell'ambito della Campagna di Informazione per la corretta gestione dei
fluorocarburi: «Rinfreschiamoci senza riscaldare il pianeta»,
patrocinata dal Ministero dell'Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare
- 2 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
- 3 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Attenzione:
Il materiale contenuto nel Prontuario è a disposizione degli utenti al solo scopo informativo e non riveste carattere di ufficialità.
Si ricorda che l'unico testo, definitivo e ufficiale, è quello pubblicato a mezzo stampa dal Poligrafico dello Stato sulla Gazzetta Ufficiale. Non si può garantire che i documenti riproducano esattamente i testi ufficiali ai quali si deve fare comunque riferimento.
Pertanto, Legambiente e Hudson Technologies Europe S.r.l. non si assumono alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori riportati e ad un utilizzo delle informazioni che non tiene conto di quanto in premessa.
Alessandro Corrias nasce a Sassari il 3 novembre 1968. Diplomato all'Istituto Tecnico Nautico, utilizzerà il titolo
di studio per imbarcarsi come Allievo Ufficiale di Coperta. Nel 2001 entra a far parte della Polizia Locale, prima a
Quartu Sant'Elena (CA), poi a Porto Torres (SS). Laureato in Scienze dell'Amministrazione, dal luglio 2012 è
Direttore Responsabile del Centro Studi e Formazione dell'ANVU Sardegna. E' docente formatore in materia di
Polizia Ambientale, di Polizia Giudiziaria, di Polizia Stradale e di trasporto di merci pericolose su strada (ADR
2011, ADR 2013). Nel 2013 coordina il corso di formazione in materia di Polizia Stradale in favore del personale
delle Capitanerie di Porto. Partecipa in qualità di esperto alla trasmissione radiofonica “Area di sosta” di Rai
Isoradio.
Impegnato nel settore della solidarietà sociale e della protezione civile, promuove e coordina la missione di
solidarietà che lo vedrà impegnato a Mirandola (MO) nel giugno 2012. Questo impegno gli è valso vari
riconoscimenti: Encomio Solenne del Comune di Porto Torres e dell'Unione Comuni Modenesi Area Nord, Elogio
Scritto della Regione Autonoma della Sardegna, Premio Eccellenza 2012 nazionale. Recentemente in prima
linea ad Olbia (OT) dove, a seguito dell'emergenza alluvione Sardegna 2013, ha prestato servizio in
affiancamento e supporto ai colleghi della Polizia Locale del luogo.
E' anche esperto in materia di finanziamenti europei (Bruxelles 20, 21, 22 gennaio 2013).
Precedenti pubblicazioni: “Prontuario delle violazioni ambientali 2013”.
- 5 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Ho programmato la realizzazione di questo Prontuario delle violazioni ambientali - sezione gas
refrigeranti, prima che uno “straordinario” fenomeno meteorologico si abbattesse sulla mia
bellissima Sardegna determinando distruzione e morti in vari centri dell'Isola.
Il mio pensiero quindi è alle vittime di Cleopatra, così hanno chiamato la perturbazione, ed a
quanti dovranno, nei prossimi mesi, dare fondo ad ogni residua energia fisica ed economica per
ripristinare le condizioni minime di vivibilità.
Se volessimo ragionare su quali siano le cause di queste devastanti, quanto anomale, calamità
meteorologiche, dovremmo approfondire due aspetti imprescindibili: la gestione speculativa del
suolo, l'irresponsabile aggressione dell'aria.
Il primo aspetto lo lascio alla competenza dei colleghi che si occupano di Polizia Edilizia, il
secondo è invece oggetto di tutela da parte del presente prontuario.
Poiché la materia è scarsamente conosciuta e trattata, la prima parte contiene il prontuario vero
e proprio (strumento indispensabile per tutti gli organi di controllo e di Polizia), nella seconda
viene illustrato il quadro normativo di riferimento, nella terza trova spazio un breve glossario
utile per meglio padroneggiare la materia, mentre nella quarta ed ultima parte viene messa a
disposizione la modulistica di base così da agevolare anche i colleghi meno esperti.
Compete a tutte le forze di polizia infatti reprimere i reati ambientali e, in via generale, tutte le
violazioni amministrative in materia e, mai come in questo caso, c'è bisogno dell'impegno di
tutti per salvare il pianeta.
Alessandro Corrias
- 6 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Prontuario interamente realizzato con il software open source gratuito “LibreOffice Writer”.
INDICE
PRONTUARIO
pag. 23 sez. 1 - Gas lesivi per lo strato di ozono stratosferico (Ozone Depletion Substances – ODS)
Immissione, produzione, utilizzazione, importazione o esportazione di sostanze controllate
Contenitori non riutilizzabili
Etichettatura materie prime
Usi di laboratorio e ai fini di analisi non conformi
Utilizzo di idrofluorocarburi rigenerati per manutenzione o assistenza
Gestione di apparecchiature contenenti idrofluorocarburi
Utilizzo di idroclorofluorocarburi rigenerati o riciclati per manutenzione
Cessione di diritti, tra produttori, non preventivamente notificata
Cessione di diritti, tra importatori, non preventivamente notificata
Superamento dei livelli di produzione senza autorizzazione
Superamento dei livelli di importazione
Importazione o esportazione verso Stati non parte del Protocollo
Omesso recupero di sostanze controllate da apparecchiature
Distruzione di sostanze controllate con l'utilizzo di tecnologie non conformi
Recupero, riciclo, rigenerazione e distruzione nelle more della conclusione degli accordi di programma
Utilizzo di tecnologie e pratiche non idonee a ridurre al minimo fughe od emissioni
Omesso controllo periodico delle apparecchiature
Tenuta dei registri non conforme
Gestione apparecchiature nelle more della conclusione degli accordi di programma
Utilizzo come materia prima o agente di fabbricazione senza adottare le opportune tecnologie
Omessa adozione di tecnologie e pratiche
Sostanze nuove di cui alla parte A dell'allegato II
Omessa comunicazione annuale
Omessa comunicazione annuale da parte di titolari di licenza ex art. 10, paragrafo 6
pag. 53 sez. 2 - Gas responsabili dell'effetto serra (hydrofluorocarbon – HFC)
Omesso controllo delle applicazioni
- 8 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Controlli eseguiti con personale privo di certificato abilitativo
Riparazioni eseguite con personale privo di certificato abilitativo
Registro apparecchiatura o di sistema assente
Registro apparecchiatura o di sistema incompleto
Registro dell'impianto di formato non conforme
Registro apparecchiatura o di sistema: rifiuto di renderlo disponibile
Manutenzione di apparecchiature fisse
Contenitori per trasporto o stoccaggio a fine vita
Presa in consegna utilizzando personale non certificato
Attività esercitata in assenza di certificato
Omessa trasmissione della relazione
Relazione non conforme
Dichiarazione incompleta
Utilizzo di esafloruro di zolfo nella pressofusione
- 9 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Utilizzo di esafloruro di zolfo per il riempimento di pneumatici
Commercio di prodotti di cui all'allegato II
Omessa o ritardata iscrizione nei registri
pag. 79 NORMATIVA
pag. 80 Decreto Legislativo 13 settembre 2013, n. 108 - Disciplina sanzionatoria delle disposizioni
derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono
Art. 1 - Campo di applicazione
Art. 2 - Definizioni
Art. 3 - Violazione degli obblighi derivanti dagli articoli 4, 5, 15 e 17 del regolamento in materia di produzione,
immissione sul mercato, uso, importazione ed esportazione di sostanze controllate
Art. 4 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 5 del regolamento in materia di immissione sul mercato di
sostanze controllate in contenitori non riutilizzabili
Art. 5 - Violazione degli obblighi derivanti dagli articoli 6, 15 e 17 del regolamento in materia di immissione sul mercato, importazione ed esportazione di prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono da sostanze
controllate
Art. 6 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 7 del regolamento in materia di produzione, immissione
sul mercato e uso come materia prima di sostanze controllate
- 10 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Art. 7 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 8 del regolamento in materia di produzione, immissione
sul mercato e uso di sostanze controllate come agenti di fabbricazione
Art. 8 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 10 del regolamento in materia di usi essenziali di
laboratorio e a fini di analisi di sostanze controllate
Art. 9 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 11 del regolamento in materia di produzione, immissione sul mercato e uso di idroclorofluorocarburi ed immissione sul mercato di prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono da idroclorofluorocarburi
Art. 10 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 14 del regolamento in materia di trasferimento di diritti e
razionalizzazione industriale
Art. 11 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 16 del regolamento in materia di immissione in libera
pratica nella Comunità di sostanze controllate importate
Art. 12 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 20 del regolamento in materia di scambi con Stati che
non sono Parti del protocollo e con i territori non coperti dal protocollo
Art. 13 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 22 del regolamento in materia di recupero e distruzione
delle sostanze controllate usate
Art. 14 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 23 del regolamento in materia di fughe ed emissioni di
sostanze controllate
Art. 15 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 24 del regolamento in materia di sostanze nuove
Art. 16 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 27 del regolamento in materia di comunicazione dei dati
Art. 17 - Procedimento di applicazione delle sanzioni
- 11 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Art. 18 - Proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie
Art. 19 - Disposizioni finanziarie
pag. 87 Decreto Legislativo 5 marzo 2013, n. 26 - Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di
cui al Regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra
Art. 1 - Campo di applicazione
Art. 2 - Definizioni
Art. 3 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 3 del regolamento (CE) n. 842/2006 in materia di
contenimento delle perdite di gas fluorurati.
Art. 4 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 4 del regolamento (CE) n. 842/2006 in materia di
recupero di gas fluorurati
Art. 5 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 5 del regolamento (CE) n. 842/2006 a carico delle imprese
Art. 6 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 6 del regolamento (CE) n. 842/2006 in materia di
trasmissione delle informazioni
Art. 7 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 7 del regolamento (CE) n. 842/2006 in materia di
etichettatura dei prodotti e delle apparecchiature
Art. 8 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 8 del regolamento (CE) n. 842/2006 in materia di controllo
dell'uso.
- 12 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Art. 9 - Violazione degli obblighi derivanti dall'articolo 9 del regolamento (CE) n. 842/2006 in materia di
immissione in commercio.
Art. 10 - Violazione degli obblighi in materia di iscrizione al Registro
Art. 11 - Procedimento di applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie
Art. 12 - Proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie
Art. 13 - Disposizioni finanziarie
Art. 14 - Disposizione finale
pag. 93 D.P.R. 27 gennaio 2012, n° 43 - Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n° 842/2006
su taluni gas fluorurati ad effetto serra
Art. 1 - Finalità
Art. 2 - Definizioni
Art. 6 - Certificati di accreditamento degli organismi di valutazione della conformità
Art. 7 - Organismi di attestazione
Art. 8 - Obbligo di iscrizione al registro
Art. 9 - Obbligo di certificazione e attestazione
Art. 10 - Certificati provvisori
Art. 11 - Deroghe transitorie
- 13 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Art. 12 - Esenzioni
Art. 13 - Registro nazionale delle persone e delle imprese certificate
Art. 14 - Riconoscimento dei certificati delle persone e delle imprese rilasciati in un altro Stato membro
Art. 15 - Registro dell'impianto
Art. 17 - Etichettatura
ALLEGATO A
ALLEGATO B
ALLEGATO C
pag. 110 Regolamento (CE) n. 1005/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 settembre 2009 -
Sulle sostanze che riducono lo strato di ozono
CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI
Articolo 3 - Definizioni
CAPO II - DIVIETI
- 14 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Articolo 4 - Produzione di sostanze controllate
Articolo 5 - Immissione sul mercato e uso di sostanze controllate
Articolo 6 - Immissione sul mercato di prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono da sostanze
controllate
CAPO III - ESENZIONI E DEROGHE
Articolo 7 - Produzione, immissione sul mercato e uso come materia prima di sostanze controllate
Articolo 8 - Produzione, immissione sul mercato e uso di sostanze controllate come agenti di fabbricazione
Articolo 9 - Immissione sul mercato di sostanze controllate a fini di distruzione o di rigenerazione e di prodotti e
apparecchiature che contengono o dipendono da sostanze controllate
Articolo 10 - Usi essenziali di laboratorio e a fini di analisi di sostanze controllate diverse dagli
idroclorofluorocarburi
Articolo 11 - Produzione, immissione sul mercato e uso di idroclorofluorocarburi e immissione sul mercato di
prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono da idroclorofluorocarburi
Articolo 12 - Applicazioni di quarantena e per trattamento anteriore al trasporto e usi di emergenza del bromuro
di metile
Articolo 13 - Usi critici degli halon ed eliminazione delle apparecchiature che contengono halon
Articolo 14 - Trasferimento di diritti e razionalizzazione industriale
CAPO IV - COMMERCIALIZZAZIONE
Articolo 15 - Importazione di sostanze controllate o di prodotti e apparecchiature che contengono o si basano su
sostanze controllate
Articolo 16 - Immissione in libera pratica nella Comunità di sostanze controllate importate
- 15 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Articolo 17 - Esportazione di sostanze controllate o di prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono
da sostanze controllate
Articolo 19 - Misure di sorveglianza del commercio illecito
Articolo 20 - Scambi con Stati che non sono parti del protocollo e con territori non coperti dal protocollo Articolo 21 - Elenco di prodotti e apparecchiature contenenti sostanze controllate o il cui funzionamento si basa
su tali sostanze
Articolo 22 - Recupero e distruzione delle sostanze controllate usate
Articolo 23 - Fughe ed emissioni di sostanze controllate
CAPO VI - SOSTANZE NUOVE
Articolo 24 - Sostanze nuove
Articolo 25 - Comitato
Articolo 26 - Comunicazione dei dati da parte degli Stati membri
Articolo 27 - Comunicazione dei dati da parte delle imprese
Articolo 28 - Ispezione
Articolo 29 - Sanzioni
- 16 -
di ozono e ad effetto serra
ALLEGATO I - Sostanze controllate
ALLEGATO II - Sostanze nuove
ALLEGATO III - Processi nei quali sostanze controllate sono usate come agenti di fabbricazione ai
sensi dell'art. 3, punto 12
ALLEGATO IV - Gruppi, codici della nomenclatura combinata e designazioni delle sostanze di cui
all'allegato I
ALLEGATO V - Condizioni per l'immissione sul mercato e l'ulteriore distribuzione di sostanze
controllate per usi essenziali di laboratorio e a fini di analisi di cui all'articolo 10,
paragrafo 3
- 17 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
Articolo 9 - Articolo 10 - Articolo 11 -
ALLEGATO VI - Usi critici di halon
ALLEGATO VII - Tecnologie di distruzione di cui all'art. 22, paragrafo 1
ALLEGATO VIII - Tavola di concordanza
pag. 147 Regolamento (CE) 304/2008 della Commissione del 2 aprile 2008 – che stabilisce, in conformità al
regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i requisiti minimi e le
condizioni per il riconoscimento reciproco della certificazione delle imprese e del personale per
quanto concerne gli impianti fissi di protezione antincendio e gli estintori contenenti taluni
gas fluorurati ad effetto serra
Articolo 1 - Oggetto
Articolo 3 - Definizioni
Articolo 5 - Certificati rilasciati al personale
Articolo 6 - Certificati provvisori rilasciati al personale
- 18 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
Articolo 7 - Certificazione delle imprese
Certificati rilasciati alle imprese
Organismo di certificazione
Organismo di valutazione
Articolo 12 - Notifica
Articolo 14 - Entrata in vigore
ALLEGATO
pag. 153 Regolamento (CE) 303/2008 della Commissione del 2 aprile 2008 – che stabilisce, in conformità al
regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i requisiti minimi e le
condizioni di riconoscimento reciproco della certificazione delle imprese e del personale per
quanto concerne le apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d'aria e pompe di
calore contenenti taluni gas fluorurati ad effetto serra
Articolo 1 - Oggetto
- 19 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
Articolo 2 - Campo di applicazione
Articolo 3 - Definizioni
Articolo 5 - Certificati rilasciati al personale
Articolo 6 - Certificati provvisori rilasciati al personale
Articolo 7 - Certificazione delle imprese
Certificati rilasciati alle imprese
Organismo di certificazione
Organismo di valutazione
Articolo 12 - Notifica
Articolo 14 - Entrata in vigore
ALLEGATO - Requisiti minimi relativi alle competenze e alle conoscenze che devono essere
esaminate dagli organismi di valutazione
- 20 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
Articolo 9 - Articolo 10 - Articolo 11 -
pag. 169 Regolamento (CE) n° 1516/2007 della Commissione del 19 dicembre 2007 - che stabilisce,
conformemente al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i
requisiti standard di controllo delle perdite per le apparecchiature fisse di refrigerazione,
condizionamento d’aria e pompe di calore contenenti taluni gas fluorurati ad effetto serra
Articolo 1 - Oggetto e campo di applicazione
Articolo 2 - Registro dell’apparecchiatura
Articolo 3 - Controllo del registro dell’apparecchiatura
Articolo 4 - Controlli sistematici
Articolo 6 - Metodi di misurazione diretta
Articolo 7 - Metodi di misurazione indiretta
Riparazione delle perdite
Controllo di verifica
Entrata in vigore
- 21 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
pag. 173 Regolamento (CE) n° 1497/2007 della Commissione del 18 dicembre 2007 che stabilisce, conformemente al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i requisiti standard di controllo delle perdite per i sistemi di protezione antincendio fissi contenenti
taluni gas fluorurati ad effetto serra
Articolo 1 - Oggetto e campo di applicazione
Articolo 2 - Registro del sistema
Articolo 3 - Controllo del registro del sistema
Articolo 4 - Controlli visivi e manuali
Articolo 5 - Riparazione delle perdite
Articolo 6 - Controllo di verifica
Articolo 7 - Requisiti per i sistemi di nuova installazione
Articolo 8 - Entrata in vigore
pag. 175 Regolamento (CE) 1494/2007 del Consiglio del 17 dicembre 2007 – che stabilisce, conformemente al
regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, la forma delle etichette e i
requisiti di etichettatura ulteriori per i prodotti e le apparecchiature contenenti taluni gas
fluorurati ad effetto serra
- 22 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
Articolo 2 - Requisiti di etichettatura
Articolo 3 - Forma dell’etichetta
Articolo 4 - Posizione dell’etichetta
Articolo 5 - Entrata in vigore
pag. 177 Regolamento (CE) n° 842/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 maggio 2006 - Su
taluni gas fluorurati ad effetto serra.
Articolo 1 - Campo di applicazione
Articolo 2 - Definizioni
Articolo 3 - Contenimento
Articolo 4 - Recupero
Articolo 6 - Relazione
Articolo 7 - Etichettatura
Articolo 10 - Riesame
- 23 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
Articolo 15 - Entrata in vigore
ALLEGATO I - Parte 1, Gas fluorurati ad effetto serra di cui all'articolo 2, punto 1 - Parte 2, Metodo di calcolo del potenziale di riscaldamento globale (GWP) per un preparato
ALLEGATO II - Divieti di immissione in commercio a norma dell'articolo 9
pag. 192 Direttiva 2006/40/CE del Parlamento e del Consiglio del 17 maggio 2006 relativa alle emissioni
degli impianti di condizionamento d'aria dei veicoli a motore, che modifica la direttiva
70/156/CEE del Consiglio
Articolo 1 - Oggetto
Articolo 3 - Definizioni
Articolo 5 - Omologazione
- 24 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
Articolo 8 - Riesame
- 25 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
Articolo 9 - Modifiche della direttiva 70/156/CEE
Articolo 10 - Attuazione
Articolo 12 - Destinatari
- 22 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
- 27 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
- 28 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Immissione, produzione, utilizzazione, importazione o esportazione di sostanze controllate
Descrizione Legge
esportava sostanze controllate di cui all'art. 3,
punto 4), del Regolamento CE n° 1005/091
D.Lgs. 108/2013
art. 03
fino a 120.000,00
n.a. Procura della
violazione degli obblighi artt. 4, 5, 15 e 17 del
Reg. (CE) 1005/2009
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: immissione, produzione, utilizzazione, importazione o esportazione di sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: - la violazione non sussiste qualora si sia in presenza di sostanza inviata per essere distrutta (secondo le modalità previste dall'art. 22, paragrafo 1) o per essere rigenerata (v. l'art. 9); - nei casi previsti dall'art. 15, comma 2; - nei casi previsti dall'art. 17, comma 2; - immissione, produzione o utilizzazione di sostanza come materia prima (art. 7, paragrafo 1). Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) annotazione di Polizia Giudiziaria (ex art. 357 c.p.p. e art. 115 norme att. coord. e trans. c.p.p.); 3) Comunicazione di notizia di reato (ex art. 347
c.p.p.). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
- 29 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
1 Ad eccezione dell'ipotesi prevista
dall'art. 9 del Regolamento CE n°
1005/2009.
(importi in euro) competenza note
Immetteva sul mercato sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09, in contenitori non riutilizzabili
D.Lgs. 108/2013
art. 4
fino a 150.000,00
n.a. Procura della
1005/2009
- 30 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: immissione sul mercato di sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: - i contenitori non riutilizzabili sono ammessi se impiegati per gli usi di laboratorio e a fini di analisi di cui all’articolo 10 e all’articolo 11, paragrafo 2; immissione, produzione o utilizzazione di sostanza come materia prima (art. 7, paragrafo 1).
Note operative: la presente violazione può concorrere con la violazione, illustrata nella precedente ipotesi, di cui all'art. 3 del D.Lvo 108/2013. Si sottolinea che, qualora i contenitori non riutilizzabili siano adoperati per contenere sostanze destinate alla distruzione o alla rigenerazione si dovrà applicare solo la presente ipotesi sanzionatoria. Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) annotazione di Polizia Giudiziaria (ex art. 357 c.p.p. e art. 115 norme att. coord. e trans. c.p.p.); 3) Comunicazione di notizia di reato (ex art. 347
c.p.p.). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
Prodotti che contengono sostanze controllate
Descrizione Legge
Immetteva, importava o esportava (ad esclusione degli effetti personali), prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono da sostanze controllate di cui all'art. 3, comma 4), del Regolamento CE n° 1005/092
D.Lgs. 108/2013
fino a 120.000,00
n.a. Procura della
(CE) 1005/2009
- 31 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: immissione sul mercato di prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono da sostanze controllate di cui all' art. 3, punto 4), del Reg. CE n° 1005/09. Sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: - qualora si sia in presenza di sostanza inviata per essere distrutta (secondo le modalità previste dall'art. 22, paragrafo 1) o per essere rigenerata (v. l'art. 9); - nei casi previsti dall'art. 15, comma 2; 3) nei casi previsti dall'art. 17, comma 2. Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs. 108/2013);
2) annotazione di Polizia Giudiziaria (ex art. 357 c.p.p. e art. 115 norme att. coord. e trans. c.p.p.); 3) Comunicazione di notizia di reato (ex art. 347 c.p.p.).
Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
2 vedi nota 1.
Descrizione Legge
- 32 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
sistemi di protezione antincendio contenenti
sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del
Regolamento CE n° 1005/09.
fino a 100.000,00
n.a. Procura della
Reg. (CE) 1005/2009
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: Detenere e non eliminare, nel termine di sei mesi dall'entrata in vigore del D.Lvo 108/2003 (sei mesi a partire dal 27/09/2013), i sistemi di protezione antincendio contenenti sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs. 108/2013);
2) annotazione di Polizia Giudiziaria (ex art. 357 c.p.p. e art. 115 norme att. coord. e trans. c.p.p.); 3) Comunicazione di notizia di reato (ex art. 347 c.p.p.).
Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
Etichettatura materie prime
- 33 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Produceva o immetteva sul mercato, come
materia prima, sostanze controllate, di cui all'art.
3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09,
senza adempiere agli obblighi di etichettatura
previsti dall'art. 7, paragrafo 2, del Regolamento
CE n° 1005/09.
1005/2009
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: produrre o immettere sul mercato, come materia prima, sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09 per le quali non sono adempiuti gli obblighi di etichettatura previsti dall' art. 7, paragrafo 2 (etichetta sulla quale è indicato chiaramente che la sostanza può essere utilizzata solo come materia prima. Ove dette sostanze debbano essere etichettate a norma della direttiva 67/548/CEE, della direttiva 1999/45/CE o del regolamento (CE) n. 1272/2008, l’indicazione in oggetto figura nell’etichetta di cui alle predette direttive o nelle informazioni supplementari facenti parte dell’etichetta di cui all’articolo 25, paragrafo 3, di tale regolamento). Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”.
Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs. 108/2013);
2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente procedere alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
3 L'art. 17, comma 5, del D.Lgs.
108/2003 recita: “Alle sanzioni
- 34 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
cui all'art. 16 della legge 24
novembre 1981, n. 689, e successive
modificazioni”.
Produceva o immetteva sul mercato sostanze
controllate di cui all'art. 3, punto 4), del
Regolamento CE n° 1005/09, come agente di
fabbricazione, senza adempiere agli obblighi di
etichettatura previsti dall'art. 8, paragrafo 3, del
Regolamento CE n° 1005/09.
da 10.000,00
a 60.000,00
non consentito4 Prefettura Violazione degli obblighi art. 8 del Reg. (CE) 1005/20095
- 35 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: produrre o immettere sul mercato, sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09 per le quali non sono adempiuti gli obblighi di etichettatura previsti dall'art. 8, paragrafo 3 (etichetta sulla quale è indicato chiaramente che la sostanza può essere utilizzata solo come agente di fabbricazione. Ove dette sostanze debbano essere etichettate a norma della direttiva 67/548/CEE, della direttiva 1999/45/CE o del regolamento (CE) n. 1272/2008, l’indicazione in oggetto figura nell’etichetta di cui alle predette direttive o nelle informazioni supplementari facenti parte dell’etichetta di cui all’articolo 25, paragrafo 3, di tale regolamento). Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”.
Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente procedere alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
principio di cui all'art. 29, non ha
previsto sanzioni per le violazioni
previste dall'art. 8, paragrafo 4, del
Reg. (CE) 1005/09.
- 36 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Descrizione Legge
Produceva o immetteva sul mercato sostanze
controllate di cui all'art. 3, punto 4), del
Regolamento CE n° 1005/09, diverse dagli
idroclorofluorocarburi, per usi essenziali di
laboratorio e a fini di analisi, senza adempiere
agli obblighi di etichettatura previsti dall'art. 10,
paragrafo 3, del Regolamento CE n° 1005/09.
D.Lgs. 108/2013
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: produrre o immettere sul mercato, sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09 per le quali non sono adempiuti gli obblighi di etichettatura previsti dall'art. 10 paragrafo 3 (etichetta sulla quale è indicato chiaramente che la sostanza può essere utilizzata per i soli usi di laboratorio e ai fini di analisi. Ove dette sostanze debbano essere etichettate a norma della direttiva 67/548/CEE, della direttiva 1999/45/CE o del regolamento (CE) n. 1272/2008, l’indicazione in oggetto figura nell’etichetta di cui alle predette direttive o nelle informazioni supplementari facenti parte dell’etichetta di cui all’articolo 25, paragrafo 3, di tale regolamento). Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell ’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///. Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente procedere alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
- 37 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Usi di laboratorio e a fini di analisi non conformi
Descrizione Legge
Produceva o immetteva sul mercato sostanze
controllate di cui all'art. 3, punto 4), del
Regolamento CE n° 1005/09, diverse dagli
idroclorofluorocarburi, per usi essenziali di
laboratorio e a fini di analisi, non conformi ai
requisiti previsti dall'allegato V del Reg. CE n°
1005/09.
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: produrre o immettere sul mercato, sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09, diverse dagli idrocarburi, per usi essenziali di laboratorio e a fini di analisi non conformi ai requisiti previsti dall'allegato V. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”.
Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
- 38 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Utilizzo di idrofluorocarburi rigenerati per manutenzione o assistenza
Descrizione Legge
attività di manutenzione o assistenza di
apparecchiature di refrigerazione e
senza adempiere agli obblighi di etichettatura
previsti dall' art. 11, paragrafo 3 e 6, del
Regolamento CE n° 1005/09.
Autore della violazione: chiunque.
Tipo di violazione: immettere sul mercato o utilizzare idrofluorocarburi rigenerati o riciclati per manutenzione, assistenza di apparecchiature di refrigerazione e condizionamento d'aria e di pompe di calore, senza che siano adempiuti gli obblighi di etichettatura previsti dall'art. 11, paragrafo 3 (etichetta sulla quale è indicato chiaramente che la sostanza è stata rigenerata e con informazioni sul numero di lotto e il nome e l’indirizzo dell’impianto di rigenerazione). Esclusioni: vedere le deroghe previste nell'art. 11, paragrafi 1, 2, 3, 4 e 5.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
- 39 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
8 vedi nota 3.
Descrizione Legge
condizionamento d'aria e di pompe di calore
contenenti idroclorofluorocarburi riciclati senza
n° 1005/09.
D.Lgs. 108/2013
Autore della violazione: chiunque gestisce.
Tipo di violazione: gestire apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d'aria e pompe di calore che contengono idrofluorocarburi riciclati senza che siano adempiuti gli obblighi di cui all'art. 11, paragrafo 7 (le imprese che effettuano manutenzioni su apparecchiature contenenti un fluido in quantità pari o superiore a 3 kg, debbono detenere un registro della quantità e del tipo di sostanza recuperata e aggiunta, nonché della società o del tecnico che ha effettuato la manutenzione o l’assistenza). Esclusioni: vedere le deroghe previste nell'art. 11, paragrafi 1, 2, 3, 4 e 5.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
- 40 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
9 vedi nota 3.
Descrizione Legge
Utilizzava idroclorofluorocarburi rigenerati o
apparecchiature di refrigerazione e
senza adempiere agli obblighi di cui dall'art. 11,
paragrafo 7, secondo periodo, del Regolamento
CE n° 1005/09.
- 41 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: chiunque utilizza
Tipo di violazione: utilizzare idrofluorocarburi rigenerati o riciclati per manutenzioni o assistenza di apparecchiature di refrigerazione e condizionamento d'aria e di pompe di calore, senza che siano adempiuti gli obblighi di cui all'art. 11, paragrafo 7 (le imprese che effettuano manutenzioni su apparecchiature contenenti un fluido in quantità pari o superiore a 3 kg, debbono detenere un registro della quantità e del tipo di sostanza recuperata e aggiunta, nonché della società o del tecnico che ha effettuato la manutenzione o l’assistenza). Esclusioni: vedere le deroghe previste nell'art. 11, paragrafi 1, 2, 3, 4 e 5.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
Descrizione Legge
Quale produttore, titolare di una licenza di cui
all'art. 10, paragrafi 6 e 8, del Regolamento (CE)
n° 1005/09, cedeva i propri diritti ad altro
produttore senza adempiere all'obbligo di
notifica di cui all'art. 14, paragrafo 1, del
Regolamento CE n° 1005/09.
- 42 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Gas lesivi per lo strato di ozono
Autore della violazione: produttore titolare di licenza. Ai sensi dell'art. 5 della 689/81, concorso di persone, alla medesima sanzione soggiace anche il produttore che acquista i diritti in assenza della preventiva notifica. Tipo di violazione: cessione dei diritti (derivanti dalla licenza di cui all'art. 10, paragrafi 6 e 8), ad altro produttore omettendo di effettuare la preventiva notifica alla Commissione ai sensi dell'art. 14, paragrafo 1. Esclusioni: ///. Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
Descrizione Legge
Quale produttore, titolare di una licenza di cui
all'art. 15, paragrafo 3, del Regolamento (CE) n°
1005/09, cedeva i propri diritti ad altro
produttore senza adempiere all'obbligo di
notifica preventiva di cui all'art. 14, paragrafo 1,
del Regolamento CE n° 1005/09.
D.Lgs. 108/2013
- 43 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Gas lesivi per lo strato di ozono
Autore della violazione: importatore titolare di licenza. Ai sensi dell'art. 5 della 689/81, concorso di persone, alla medesima sanzione soggiace anche l'importatore che acquista i diritti in assenza della preventiva notifica. Tipo di violazione: cessione dei diritti (derivanti dalla licenza di cui all' art. 15 , paragraf o 3), ad altro produttore omettendo di effettuare la preventiva notifica alla Commissione ai sensi dell'art. 14, paragrafo 1. Esclusioni: ///. Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
Descrizione Legge
- 44 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Quale produttore, per ragioni di razionalizzazione
industriale all'interno dello Stato membro
interessato, tra Stati membri interessati, o tra
uno Stato membro e un paese terzo che aderisce
al protocollo, superava i livelli di produzione
consentiti senza l'autorizzazione di cui all'art. 14,
paragrafi 2, 3 e 4 del Regolamento CE n°
1005/09.
fino a 100.000,00
n.a. Procura della
Autore della violazione: produttore.
Tipo di violazione: superamento dei livelli di produzione, determinata per ragioni di razionalizzazione industriale, in assenza dell'autorizzazione di cui all'art. 14, paragrafi 2,3 e 4. La razionalizzazione industriale (all'interno di un medesimo Stato, o tra Stati membri, o tra uno Stato membro e un paese che aderisce al protocollo), deve essere autorizzata così da mantenere i livelli produttivi all'interno dello Stato o tra differenti Stati ed impedire un complessivo aumento delle produzioni. Esclusioni: ///. Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) annotazione di Polizia Giudiziaria (ex art. 357 c.p.p. e art. 115 norme att. coord. e trans. c.p.p.); 3) Comunicazione di notizia di reato (ex art. 347
c.p.p.). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
Superamento dei livelli di importazione
- 45 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Descrizione Legge
Quale importatore, titolare di una licenza di cui
all'art. 15, paragrafo 3, del Regolamento (CE) n°
1005/09, immetteva in libera pratica nella
Comunità sostanze controllate di cui all'art. 3,
punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09, in
quantità eccedenti alle quote assegnate ai sensi
dell'art. 16, paragrafo 1, lettere a), b) e c) del
medesimo Regolamento.
D.Lgs. 108/2013
art. 11
fino a 100.000,00
n.a. Procura della
Autore della violazione: importatore.
Tipo di violazione: superamento delle quantità immesse nella Comunità, rispetto alle quantità assegnate a norma dell'art. 16, paragrafo 1, lettere a), b) e c). Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///. Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) annotazione di Polizia Giudiziaria (ex art. 357 c.p.p. e art. 115 norme att. coord. e trans. c.p.p.); 3) Comunicazione di notizia di reato (ex art. 347
c.p.p.). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
- 46 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Importazione o esportazione verso Stati non parte del Protocollo
Descrizione Legge
Importava o esportava da o verso Stati che non
sono Parti del protocollo, sostanze controllate di
cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n°
1005/09, o prodotti ed apparecchiature che
contengono o dipendono da dette sostanze.
D.Lgs. 108/2013
art. 12
fino a 150.000,00
n.a. Procura della
Autore della violazione: importatore o esportatore.
Tipo di violazione: importazione o esportazione di sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento CE n° 1005/09, ovvero di prodotti ed apparecchiature che contengono o dipendono da queste sostanze, effettuata da o verso Stati che non sono Parti del Protocollo. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”.
Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) annotazione di Polizia Giudiziaria (ex art. 357 c.p.p. e art. 115 norme att. coord. e trans. c.p.p.); 3) Comunicazione di notizia di reato (ex art. 347
c.p.p.). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
Omesso recupero di sostanze controllate da apparecchiature
- 47 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Descrizione Legge
Quale impresa che effettuava operazioni di
manutenzione, assistenza o smantellamento di
prodotti ed apparecchiature di cui all'art 22,
paragrafo 1, nonché di quelli stabiliti dal
paragrafo 4, commi 2 e 3, del Regolamento CE n°
1005/09, non effettuava il recupero di sostanze
controllate di cui all'art. 3, punto 4), del
medesimo regolamento.
D.Lgs. 108/2013
1005/2009
Tipo di violazione: omesso recupero delle sostanze controllate da parte dell'impresa che effettua operazioni di manutenzione, assistenza o smantellamento di prodotti ed apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d’aria, pompe di calore, apparecchiature contenenti solventi o sistemi di protezione antincendio ed estintori. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs. 108/2013);
2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
- 48 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Distruzione di sostanze controllate con l'utilizzo di tecnologie non conformi
Descrizione Legge
Effettuava la distruzione di sostanze controllate di
cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento (CE) n°
1005/09, e di prodotti che contengono tali
sostanze, tramite tecnologie differenti da quelle
previste dall'art. 22, paragrafo 2, del
Regolamento CE n° 1005/09.
Autore della violazione: chiunque
Tipo di violazione: distruzione di sostanze controllate e di prodotti che contengono tali sostanze (apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d’aria, pompe di calore, apparecchiature contenenti solventi o sistemi di protezione antincendio ed estintori) attraverso l'utilizzo di tecnologie differenti da quelle previste dall'art. 22, paragrafo 2. Le tecnologie di distruzione sono quelle previste dall'allegato VII oppure, nel caso di sostanze controllate che non figurano in tale allegato, mediante la tecnologia di distruzione più ecocompatibile. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
- 49 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
14 vedi nota 3.
Descrizione Legge
Quale impresa che, nelle more della conclusione
degli Accordi di Programma di cui all'art. 6,
comma 5, della legge 28 dicembre 1993, n. 549
(come modificata dalla legge 16 giugno 1997, n.
179), effettuava il recupero, il riciclo , la
rigenerazione e la distruzione di sostanze
controllate di cui all'art. 3, punto 4), del
medesimo regolamento.
D.Lgs. 108/2013
sanzione
amministrativa
- 50 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: impresa
Tipo di violazione: recupero, riciclo, rigenerazione e distruzione di sostanze controllate nelle more della conclusione degli accordi di programma previsti. Si specifica che detti accordi debbono prevedere: l'istituzione di centri di raccolta autorizzati; la raccolta presso i suddetti centri; lo smaltimento nel rispetto delle norme contro l'inquinamento e degli indirizzi emanati dal Ministro dell'Ambiente; l'isolamento, l'estrazione e la raccolta mediante personale specializzato; il recupero e il riciclo evitando dispersione; il conferimento dei prodotti dai quali sono state estratte le sostanze lesive alla rete di raccolta e di smaltimento dei rifiuti. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente procedere alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
15 vedi nota 3.
Utilizzo di tecnologie e pratiche non idonee a ridurre al minimo fughe od emissioni
Descrizione Legge
- 51 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Quale impresa, non adottava le tecnologie
disponibili e le migliori pratiche per ridurre al
minimo le fughe o le emissioni di sostanze
controllate o altre misure adottate ai sensi
dell'art. 23, paragrafo 1, del Regolamento (CE) n°
1005/09.
Autore della violazione: impresa
Tipo di violazione: omesso utilizzo delle tecnologie e delle migliori pratiche capaci di ridurre al minimo le fughe o le emissioni di sostanze controllate in ossequio alle disposizioni previste dall'art. 23, paragrafo 1. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///. Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
Descrizione Legge
- 52 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Gas lesivi per lo strato di ozono
Quale impresa che gestisce apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d'aria o pompe di calore o sistemi di protezione antincendio contenenti sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento (CE) n° 1005/09, non adempiva agli obblighi di cui all'art. 23, paragrafo 2, del Regolamento CE n° 1005/09.
D.Lgs. 108/2013
sanzione
amministrativa
Autore della violazione: impresa che gestisce apparecchiature
Tipo di violazione: omesso controllo periodico degli apparecchi o dei sistemi antincendio, secondo il calendario previsto dal'art. 23, paragrafo 2, per verificare l'eventuale presenza di fughe. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”.
Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
Descrizione Legge
- 53 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Quale impresa che gestisce apparecchiature di
refrigerazione e di condizionamento d'aria o
pompe di calore o sistemi di protezione
antincendio contenenti sostanze controllate di cui
all'art. 3, punto 4), del Regolamento (CE) n°
1005/09, non teneva il registro ovvero riportava
informazioni inesatte o incomplete o comunque
non conformi a quanto previsto all'art. 23,
paragrafo 3, del Regolamento CE n° 1005/09.
D.Lgs. 108/2013
Autore della violazione: impresa che gestisce apparecchiature
Tipo di violazione: omessa tenuta dei registri, ovvero tenuta di registri contenenti informazioni inesatte e/o incomplete. I registri, a norma dell'art. 23, paragrafo 3, devono riportare: quantità e il tipo di sostanze aggiunte; quantità recuperata durante le attività di manutenzione, assistenza e smaltimento definitivo delle apparecchiature. In altri registri le altre informazioni pertinenti: dati della società e del tecnico manutentore; date e i risultati delle verifiche effettuate. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente procedere alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
Gestione apparecchiature nelle more della conclusione degli accordi di programma
- 54 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Descrizione Legge
Impresa che, nelle more della conclusione degli
accordi di programma di cui all'art. 6, c. 5, della
L. 549/93 (come modificata dalla L. 179/97),
svolgeva attività di gestione di apparecchiature di
refrigerazione e condizionamento d'aria o pompe
di calore o sistemi di protezione contenenti
sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del
Regolamento (CE) n° 1005/09.
sanzione
amministrativa
Autore della violazione: impresa
Tipo di violazione: gestione di apparecchiature contenenti sostanze controllate nelle more della conclusione degli accordi di programma previsti. Si specifica che detti accordi debbono prevedere: l'istituzione di centri di raccolta autorizzati; la raccolta presso i suddetti centri; lo smaltimento nel rispetto delle norme contro l'inquinamento e degli indirizzi emanati dal Ministro dell'Ambiente; l'isolamento, l'estrazione e la raccolta mediante personale specializzato; il recupero e il riciclo evitando dispersione; il conferimento dei prodotti dai quali sono state estratte le sostanze lesive alla rete di raccolta e di smaltimento dei rifiuti. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente procedere alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
- 55 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Gas lesivi per lo strato di ozono
Utilizzo come materia prima o agente di fabbricazione senza adottare le opportune tecnologie
Descrizione Legge
Quale impresa utilizzava sostanze controllate di
cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento (CE) n°
1005/09, come materia prima o agente di
fabbricazione senza adottare le tecnologie
disponibili e le migliori pratiche per ridurre al
minimo fughe o emissioni di sostanze controllate
o altre misure adottate ai sensi dell'art. 23,
paragrafo 5, del Regolamento CE n° 1005/09.
D.Lgs. 108/2013
- 56 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: impresa
Tipo di violazione: utilizzo (come materia prima o agente di fabbricazione), di sostanze controllate di cui all'art. 3, punto 4), del Regolamento (CE) n° 1005/09, omettendo di adottare le migliori pratiche e tecnologie disponibili per ridurre al minimo i rischi di fughe o di emissioni come prescritto nell'art. 23, paragrafo 5, del Regolamento CE n° 1005/09. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
Descrizione Legge
Impresa che, durante la fabbricazione di altri
prodotti chimici, non adottava le tecnologie
disponibili e le migliori pratiche per ridurre al
minimo fughe o emissioni di sostanze controllate
o altre misure adottate ai sensi dell'art. 23,
paragrafo 6, del Regolamento CE n° 1005/09.
D.Lgs. 108/2013
sanzione
amministrativa
- 57 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: impresa
Tipo di violazione: omessa adozione delle migliori pratiche e tecnologie disponibili per ridurre al minimo la fuga o l'emissione di sostanze controllate di cui all' art. 3, punto 4), del Regolamento (CE) n° 1005/09, prodotte involontariamente durante la fabbricazione di altri prodotti chimici come prescritto dall'art. 23, paragrafo 6, del Regolamento CE n° 1005/09. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
Descrizione Legge
utilizzava ed esportava sostanze nuove di cui alla
parte A dell'allegato II del Regolamento CE n°
1005/09.
fino a 120.000,00
n.a. Procura della
- 58 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: chiunque
Tipo di violazione: produzione, importazione, immissione sul mercato, esportazione di nuove sostanze di cui alla parte A dell'allegato II del Regolamento (CE) n° 1005/09 ossia CBr2 F2 - Dibromodifluorometano (halon-1202). Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) annotazione di Polizia Giudiziaria (ex art. 357 c.p.p. e art. 115 norme att. coord. e trans. c.p.p.); 3) Comunicazione di notizia di reato (ex art. 347
c.p.p.). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del trasgressore.
Omessa comunicazione annuale
Ometteva di presentare la comunicazione di cui
all'art. 27 del Regolamento CE n° 1005/09,
ovvero la presentava in maniera incompleta,
inesatta o non conforme a quanto previsto ai
paragrafi 2, 3, 4, 5, 6 del medesimo articolo.
D.Lgs. 108/2013
art. 16
- 59 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: chiunque
Tipo di violazione: omessa comunicazione, entro il 31 marzo di ciascun anno, dei dati relativi alle sostanze controllate e alle sostanze nuove a vario titolo gestite. Le comunicazioni devono essere conformi all'art. 27 del Regolamento CE n° 1005/09, e precisamente: al paragrafo 2, per i produttori; al paragrafo 3, per gli importatori; al paragrafo 4, per gli esportatori; al paragrafo 5, per le imprese che distruggono sostanze controllate; al paragrafo 6, le imprese che utilizzano sostanze controllate come materia prima o agente di fabbricazione. Secondo definizione sono sostanze controllate: “le sostanze elencate nell’allegato I, inclusi i loro isomeri, sole o in miscela, vergini, recuperate, riciclate o rigenerate”; sono sostanze nuove quelle inserite nell'allegato II. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
22 vedi nota 3.
Omessa comunicazione annuale da parte di titolari di licenza ex art. 10, paragrafo 6
Descrizione Legge
Ometteva di presentare la comunicazione di cui
all'art. 27 del Regolamento CE n° 1005/09,
ovvero la presentava in maniera incompleta,
inesatta o non conforme a quanto previsto ai
paragrafo 7 del medesimo articolo.
D.Lgs. 108/2013
art. 16
- 60 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Gas lesivi per lo strato di ozono
Autore della violazione: titolare di licenza di cui all'art. 10, paragrafo 6, del Regolamento (CE) n° 1005/09
Tipo di violazione: omessa comunicazione, anteriormente al 31 marzo di ciascun anno, dei dati relativi relativamente a ogni sostanza per la quale ha ottenuto l’autorizzazione, il tipo di uso, le quantità utilizzate l’anno precedente, quelle detenute in stock, quelle riciclate, rigenerate o distrutte e le quantità dei prodotti e delle apparecchiature che contengono o dipendono da tali sostanze, immesse sul mercato comunitario e/o esportate. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di sequestro amministrativo delle apparecchiature, dei prodotti e delle sostanze controllate (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs.
108/2013); 2) verbale di violazione amministrativa; 3) rapporto (ex art. 17 L. 689/81). Successivamente dovrà procedersi alla distruzione della sostanza a spese del
trasgressore.
- 52 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
- 62 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Omesso controllo delle applicazioni
Quale operatore, non ottemperava agli obblighi di
controllo previsti dagli art. 3, paragrafi 2,3 e 4 del
Regolamento (CE) n° 842/06.
sanzione
amministrativa
non consentito24 Prefettura Violazione degli obblighi art. 3 del Reg.
(CE) 842/2006
Tipo di violazione: omesso controllo periodico delle applicazioni contenenti gas fluorurati ad effetto serra.26
Esclusioni: 1) apparecchiature con meno di 3 Kg. di gas fluorurati; 2) apparecchiature con impianti ermeticamente sigillati, etichettati come tali e contenenti meno di 6 Kg. di gas fluoruranti ad effetto serra. Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
- 63 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
24 L'art. 14 del D.Lgs. 26/2003 recita: “Alle sanzioni amministrative pecuniarie previste dal presente decreto, ad eccezione di quelle di cui agli articoli 3, comma 2
e 3, e 4, comma 1, non si applica il pagamento in misura ridotta di cui all'art. 16 della legge 24 novembre 1981, n. 689, e successive modificazioni”.
25 a norma dell' art. 2, p aragrafo 6, del Regolamento (CE) n° 842/2006, “uno Stato membro può, in circostanze specifiche e ben definite, considerare il proprietario responsabile degli obblighi dell'operatore”. L'Italia ha stabilito, con l'art. 2, comma 2, del DPR 43/12, che “il proprietario dell'apparecchiatura o dell'impianto è considerato operatore qualora non abbia delegato ad una terza persona l'effettivo controllo sul funzionamento tecnico degli stessi”
26 a) una volta all'anno per quelle contenenti 3 Kg. < gas < 30; b) una volta ogni sei mesi 30 ≤ gas < 300; c) una volta ogni 3 mesi 300 ≤ gas. La frequenza dei controlli di cui alle lettere a) e b) può essere dimezzata ove esista un idoneo sistema di rilevamento delle perdite correttamente funzionante. Per le applicazioni di cui alla lettera c), contenenti 300 Kg. o più di gas fluorurato ad effetto serra, è fatto obbligo l'installazione un sistema di rilevamento delle perdite il cui controllo deve essere eseguito con cadenza annuale.
- 64 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
Descrizione Legge
Quale operatore, nell'effettuare i controlli di cui
all'art. 3, paragrafo 2, del Regolamento (CE) n°
842/06, non si avvaleva di persone in possesso
del certificato previsto dall'art. 9 del D.P.R.
43/2012 ovvero dall'art. 10 o dall'art. 14 del
medesimo decreto.
D.Lgs. 26/2013
sanzione
amministrativa
da 10.000,00
a 100.000,00
20.000,00 27 Prefettura Violazione degli obblighi art. 3 del Reg. (CE) 842/2006
Autore della violazione: operatore 28
Tipo di violazione: utilizzo di personale privo delle abilitazioni professionali e dei certificati previsti dagli articoli 9, 10 e 14 del D.P.R. 43/2012. Esclusioni: alcune deroghe sono previste per personale in apprendistato sotto la diretta supervisione di personale abilitato.
Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
27 vedi nota 24. 28 vedi nota 25.
- 65 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
Descrizione Legge
delle perdite di cui all'art. 8 del Regolamento (CE)
n° 1516/2007 e dell'art. 5 del Regolamento (CE)
n° 1497/2007, non si avvaleva di persone in
possesso del certificato previsto dall'art. 9 del
D.P.R. 43/2012 ovvero dall'art. 10 o dall'art. 14
del medesimo decreto.
sanzione
amministrativa
20.000,00 29 Prefettura Violazione degli obblighi art. 3 del Reg.
(CE) 842/2006
- 66 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: operatore 30
Tipo di violazione: utilizzo di personale, per effettuare le riparazioni, privo delle abilitazioni professionali e dei certificati previsti dagli articoli 9, 10 e 14 del D.P.R. 43/2012. Esclusioni: alcune deroghe sono previste per personale in apprendistato sotto la diretta supervisione di personale abilitato. Non si applica per: 1) apparecchiature con meno di 3 Kg. di gas fluorurati ovvero apparecchiature con impianti ermeticamente sigillati, etichettati come tali e contenenti meno di 6 chilogrammi di gas fluorurati ad effetto serra (art. 1 del Regolamento (CE) n° 1516/07); 2) sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra (art. 1 del Regolamento (CE) n° 1497/07). Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
29 vedi nota 24. 30
vedi nota 25.
Descrizione Legge
- 67 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
dell'apparecchiatura previsto dall'art. 2 del
Regolamento (CE) n° 1516/07 o il registro del
sistema di cui all'art.2 del Regolamento (CE) n°
1497/07.
sanzione
amministrativa
100.000,00
non consentito31 Prefettura Violazione degli obblighi art. 3 del Reg. (CE) 842/2006
Autore della violazione: operatore 32
Tipo di violazione: omessa tenuta del registro dell'apparecchiatura (obbligatori per le apparecchiature di refrigerazione, di condizionamento d’aria o le pompe di calore contenenti gas fluorurati ad effetto serra), o di sistema (obbligatori per i sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra). Esclusioni: 1) apparecchiature con meno di 3 Kg. di gas fluorurati ovvero apparecchiature con impianti ermeticamente sigillati, etichettati come tali e contenenti meno di 6 chilogrammi di gas fluorurati ad effetto serra (art. 1 del Regolamento (CE) n° 1516/07); 2) sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra (art. 1 del Regolamento (CE) n° 1497/07). Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
31 vedi nota 24. 32
vedi nota 25.
- 68 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
dell'apparecchiatura di cui all'art. 3, comma 4, del
D.Lgs. 26/2013, in maniera incompleta, inesatta
o non conforme a quanto prescritto dall'art. 3,
paragrafo 6, del Regolamento (CE) 842/2006,
nonché dall'art. 2 del Regolamento (CE) n°
1516/07 o il registro del sistema di cui all'art.2
del Regolamento (CE) n° 1497/07.
D.Lgs. 26/2013
(CE) 842/2006
Autore della violazione: operatore 34
Tipo di violazione: incompleta, inesatta o non conforme tenuta del registro dell'apparecchiatura (obbligatori per le apparecchiature di refrigerazione, di condizionamento d’aria o le pompe di calore contenenti gas fluorurati ad effetto serra), o di sistema (obbligatori per i sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra). Esclusioni: 1) apparecchiature con meno di 3 Kg. di gas fluorurati ovvero apparecchiature con impianti ermeticamente sigillati, etichettati come tali e contenenti meno di 6 chilogrammi di gas fluorurati ad effetto serra (art. 1 del Regolamento (CE) n° 1516/07); 2) sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra (art. 1 del Regolamento (CE) n° 1497/07). Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
- 69 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
vedi nota 25.
Descrizione Legge
(importi in euro) competenza note
Quale operatore, non rispettava il formato del registro dell'impianto di cui all'art. 15 del D.P.R. 27 gennaio 2012, n° 43.
D.Lgs. 26/2013
100.000,00
non consentito35 Prefettura Violazione degli obblighi art. 3 del Reg. (CE) 842/2006
Autore della violazione: operatore 36
Tipo di violazione: omessa tenuta del registro dell'apparecchiatura (obbligatori per le apparecchiature di refrigerazione, di condizionamento d’aria o le pompe di calore contenenti gas fluorurati ad effetto serra), o di sistema (obbligatori per i sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra). Esclusioni: 1) apparecchiature con meno di 3 Kg. di gas fluorurati; 2) sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra. Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
- 70 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
vedi nota 25.
Descrizione Legge
Quale operatore, non metteva a disposizione
dell'autorità competente, di cui all'art. 3, comma
1, D.P.R. 27 gennaio 2012, n° 43 o della
Commissione europea i registri di cui all'art. 3,
comma 4, del D.Lgs. 26/2013, come previsto
dall'art. 3, paragrafo 6, del Regolamento (CE)
842/2006.
non consentito37 Prefettura Violazione degli obblighi art. 3 del Reg.
(CE) 842/2006
- 71 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: operatore 38
Tipo di violazione: rifiuto di mettere a disposizione dell'autorità competente il registro di apparecchiatura (obbligatorio per le apparecchiature di refrigerazione, di condizionamento d’aria o le pompe di calore contenenti gas fluorurati ad effetto serra), o di sistema (obbligatorio per i sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra). Esclusioni: 1) apparecchiature con impianti ermeticamente sigillati, etichettati come tali e contenenti meno di 6 chilogrammi di gas fluorurati ad effetto serra ( art.
1 del Regolamento (CE) n° 1516/07); 2) sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra (art. 1 del Regolamento (CE) n° 1497/07). Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
37 vedi nota 24. 38
vedi nota 25.
- 72 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
Regolamento (CE) 842/2006, al fine di
effettuarne il riciclaggio, la rigenerazione o la
distruzione, durante la riparazione o
manutenzione di apparecchiature, effettuava il
recupero di gas fluorurati non avvalendosi di
persone in possesso del certificato previsto
dall'art. 9 del D.P.R. 43/2012 ovvero dall'art. 10 o
dall'art. 14 del medesimo decreto.
D.Lgs. 26/2013
–----
sui rifiuti.
20.000,00 39 Prefettura Violazione degli obblighi art. 4 del Reg. (CE) 842/2006
Autore della violazione: operatore 40
Tipo di violazione: ometteva di utilizzare personale certificato per effettuare il riciclaggio, la rigenerazione o la distruzione di gas fluorurati contenuti in apparechiature fisse (di cui all'art. 4, paragrafo 1, del Regolamento (CE) 842/2006) oggetto di riparazione o manutenzione. Esclusioni: ///
Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
39 vedi nota 24. 40
vedi nota 25.
- 73 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
Quale impresa che effettua il recupero di gas
fluorurati da impianti di condizionamento di
veicoli a motore di cui alla direttiva 2006/40/CE,
effettuava il recupero di gas fluorurati non
avvalendosi di persone in possesso del certificato
previsto dall'art. 9 del D.P.R. 43/2012 ovvero
dall'art. 10 o dall'art. 14 del medesimo decreto.
D.Lgs. 26/2013
–----
Autore della violazione: impresa.
Tipo di violazione: omessa tenuta del registro dell'apparecchiatura (obligatori per le apparecchiature di refrigerazione, di condizionamento d’aria o le pompe di calore contenenti gas fluorurati ad effetto serra), o di sistema (obbligatori per i sistemi di protezione antincendio contenenti 3 chilogrammi o più di gas fluorurati ad effetto serra). Esclusioni: attività di ricarica che non comporta il preventivo o successivo recupero di gas fluorurati dall'impianto.
Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
41 v
e
- 74 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto
serra
PRONTUARIO
- 75 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Contenitori per trasporto o stoccaggio a fine vita
Descrizione Legge
Quale proprietario di un contenitore utilizzato a
scopo di trasporto o di stoccaggio che, giunto a
fine vita, non provvedeva affinché i gas fluorurati
ivi contenuti fossero recuperati così da
assicurarne il riciclaggio, la rigenerazione o la
ditruzione come previsto dall'art. 4, paragrafo 2,
del Regolamento (CE) 842/2006
–----
sui rifiuti.
non consentito42 Prefettura Violazione degli obblighi art. 4 del Reg. (CE) 842/200643
Autore della violazione: proprietario di contenitore.
Tipo di violazione: non provvedeva al recupero dei gas fluorurati ad effetto serra eventualmente contenuti in un contenitore guinto a fine vita.
Esclusioni: ///
Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
42 vedi nota 24.
- 76 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
principio di cui all'art. 13, non ha
previsto sanzioni per le violazioni
previste dall'art. 4, paragrafo 3,
del Reg. (CE) 842/06.
Descrizione Legge
(importi in euro) competenza note
Quale impresa che effettuava le attività di cui all'art. 3 e art. 4, paragrafo 1, del Regolamento (CE) 842/2006, prendeva in consegna gas fluorurati ad effetto serra utilizzando personale
privo della certificazione prevista dall'art. 9 del
D.P.R. 43/2012 ovvero dall'art. 10 o dall'art. 14
del medesimo decreto.
non consentito44 Prefettura Violazione degli obblighi art. 5 del Reg.
(CE) 842/2006
- 77 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Autore della violazione: impresa.
Tipo di violazione: utilizzo di personale privo di certificazione, durante le operazioni di presa in consegna di gas, per le attività di contenimento, art. 3 del Regolamento (CE) 842/2006, e di recupero dei gas da apparecchiature fisse, art. 4, paragrafo 1, del Regolamento (CE) 842/2006. Esclusioni: ///.
Atti da compiersi: 1) verbale di violazione amministrativa; 2) rapporto (ex art. 17 L. 689/81).
44 vedi nota 24.
Descrizione Legge
- 78 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
A CAUSA DI UN EVIDENTE ERRORE MATERIALE
NELLA COMPILAZIONE DEL TESTO PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE (S.G. N° 74 DEL 28/03/2013), LA FATTISPECIE SANZIONATORIA NON È APPLICABILE. “2. Salvo che il fatto non costituisca reato, le
imprese che svolgono le attività disciplinate dai
regolamenti (CE) n. 303/2007 e n. 304/2007
senza essere in possesso del pertinente
certificato di cui all'art. 9 del DPR 43/2012 ...”.
L'anno di riferimento dei regolamenti è il 2008.
L'autore ha provveduto a segnalare l'errore al
Ministero dell'Ambiente.
D.Lgs. 26/2013
da 10.000,00
a 100.000,00
non consentito45 Prefettura Violazione degli obblighi art. 5 del Reg. (CE) 842/2006
Autore della violazione: impresa.
Tipo di violazione: in attesa di correzione dell'art. 5, comma 2, del D.Lgs. 5 marzo 2013, n. 26
Atti da compiersi: ///.
- 79 -
PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI AMBIENTALI – sez. gas lesivi per lo strato di ozono e ad effetto serra
PRONTUARIO
Descrizione Legge
Quale produttore, importatore o esportatore di gas fluorurati ad effetto serra, non trasmetteva nei termini previsti46, all'Autorità competente47, la relazione contenente le informazioni in riferimento all'anno civile precedente di cui all'art. 6, paragrafo 1, del Regolamento (CE) 842/2006.
D.Lgs. 26/2013
da 1.000,00
a 10.000,00
non consentito48 Prefettura Violazione degli obblighi art. 6 del Reg. (CE) 842/2006
Autore della violazione: produttore, importatore, esportatore.
Tipo di violazione: omessa tras