Da Bitonto (logo) · PDF file 2019. 3. 12. · LOGO DA BITONTO 1 ... ricorso,...

Click here to load reader

  • date post

    02-Oct-2020
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Da Bitonto (logo) · PDF file 2019. 3. 12. · LOGO DA BITONTO 1 ... ricorso,...

  • 1    

    report  di  cultura  popolare   Da  Bitonto  (logo)  

    Collana  diretta  da    Michele  Muschitiello  

    Redazione:    F.sco  Demichele  –  P.le  Fallacara  –  Laura  Fano    

     

     

    Francesco  Demichele  

    Proverbi, detti e ironia della tradizione bitontina

     

    vol.  E    -­‐    ‘Consigli’   Revisione  a  cura  di  Michele  Muschitiello  

     

     

     

     LOGO  DA  BITONTO    

     

    1    

    report  di  cultura  popolare   Da  Bitonto  (logo)  

    Collana  diretta  da    Michele  Muschitiello  

    Redazione:    F.sco  Demichele  –  P.le  Fallacara  –  Laura  Fano    

     

     

    Francesco  Demichele  

    Proverbi, detti e ironia della tradizione bitontina

     

    vol.  E    -­‐    ‘Consigli’   Revisione  a  cura  di  Michele  Muschitiello  

     

     

     

     LOGO  DA  BITONTO    

     

  • 2    

    GRAFÌA E PRONUNCIA.

    Il testo in vernacolo è scritto secondo la grafìa proposta dal prof. Saracino nel suo ‘Lessico Dialettale Bitontino-1957’. Si è ricorso, però, a qualche piccola variante solo per agevolarne la lettura, ritenendo opportuno segnare gli accenti sulle parole, al fine di stabilirne l’andatura, il ritmo del verso.

    Certo, i più attenti, specie se lettori non bitontini, potranno anche apprezzare – solo per le vocali e ed o - la distinzione tra l’accento grave (espresso con un tratto che cade, dall’alto verso il basso: è – ò) e l’accento acuto (espresso con un tratto che sale, dal basso verso l’alto: é – ó).

    I bitontini veraci, invece, possono istintivamente distinguere scènne (con il significato di scendere) da scénne (con il significato di andando). Così come pèite (piede) da féume (fame).

    Oppure sròuche, renzòule, paròule (suocera, lenzuolo, parola) da maróite, cammóise, predóite (marito, camicia, prurito).

    Per la buona lettura del testo, si rammenta che la vocale e, dovunque essa si trovi, tanto nel corpo quanto alla fine della parola, se non porta l’accento è muta e non si deve leggere. Viceversa, si legge se, da sola, si trova in funzione di congiunzione.  

     

    La  quasi  totalità  delle  immagini  utilizzate  per  illustrare  i  proverbi  proviene   dall’archivio   GOOGLE-­‐Immagini.   Le   foto   di   scorci   di   Bitonto   provengono   dagli  archivi  di  Michele  Muschitiello  e  di  Vincenzo  Parisi  o  da  pubblicazioni   su  social  network  di  amici  bitontini,  che  qui  ringrazio,  riconoscendo  in  loro   la  mia  stessa  passione  e  l’amore  per  la  nostra  città.     Per   alcuni   proverbi,   identificati   con   il   simbolo     sono   disponibili   su   Youtube   i   video   con   l’audio   della   pronuncia   dialettale,   utile   per   sincronizzare  ancora  meglio   la  grafia  dialettale  con   la  pronuncia.   Il   canale   Youtube,    Bitonto4ever,    verrà  progressivamente  popolato  con  la  pronuncia   di   tutti   i   proverbi   pubblicati.   I   proverbi,   adeguatamente   taggati,   possono   essere   raggiunti   attraverso   il   loro   codice   oppure   con   l’utilizzo   dei   classici   filtri  di  ricerca.     In  copertina:     ‘CONSIGLI’,  Gabriele  e  Nicola  Ancona,  2007  

    2

  • 3    

     

     

    CONSIGLI  

       

    3

  • 4    

    041 – SAGGEZZA

    CP0030 TÒ FÀ CHÈRE CA DÌGGHE JÈ E NAN FÀ CHÈRE CA FÀZZECHE JÈ.

    Fà come dico io e non fare come faccio io. ♣ Con riferimento ai religiosi: comportati come ti indica il prete, ma non copiare il suo comportamento (talvolta censurabile!).

    CP0020 ADÀ MANGIÀ NU TÙMENE DE SÉULE PE

    CANÒSCE RE CRESTIÉUNE! 1 Per conoscere bene gli uomini devi mangiare (con loro) un tomolo di sale. ♣ Solo dopo molti anni di rapporti possiamo veramente sapere con chi abbiamo a che fare. CP0100 CI NAN VÒULE ARÀ DE MÙSCKE AVÀ ARÉUE DE

    SCKÀINE . Chi non vuole arare di spalla deve arare con la schiena. ♣ Usato per azioni che devono essere svolte comunque, a prescindere da quella che è la volontà dell'individuo.                                                                                                                           1       Il tomolo è una unità di misura antica per alimenti sciolti (grano, mandorle, legumi, sale, etc) equivalente a circa 56 litri di capacità. 4

  • 5    

    CP0165 QUÀTTE CÀUSE NÀN SE PÓTENE AUANDÀ CCHÌUE: LA PARÒULE ASSÌUTE, LA FRÈCCE PARTÌUTE, U TÌMBE PASSÉUTE E L’ACCASSIÀUNE PERDÌUTE.

    Quattro cose non si possono più recuperare: la parola pronunziata, la freccia scoccata, il tempo passato e l’occasione perduta. ♣ Saggezza allo stato puro. CP0300 U PATRÌUNE DE L'ÀRTE JÈ L'ÈSPÈRIÉNZE. Il padrone (l'autore) dell'arte è l'esperienza. ♣ Per svolgere proficuamente un'attività occorre avere esperienza. CP0040 A TRÈ CÀUSE NAN SE REMANDÀISCE MÈJE:

    PIÀTTE A TÀVUE, FÈMENE A LÌTTE E PREMÌURE DE RESÓLVE.

    A tre cose non si può mai rinunciare: un piatto in tavola, una donna a letto e sollecitudine nel risolvere i problemi. ♣ Focalizzato sulla necessità di intervenire per risolvere le situazioni: questa è una necessità fisiologica dell'uomo come mangiare e fare sesso.

    5

  • 6    

    CP0320 LA TÈRRE JÈ A PÀLME, LA RÒBBE A CÀNNE, RE FÈMENE A RÓCCHIE, E D'ÙMENE A VELENDÉUTE. 2

    La terra si misura a palmi, la stoffa a canna (a metri), le donne a gruppi, gli uomini secondo la volontà. ♣ Suggerimenti per articolati parametri valutativi. CP1035 CI SE FÓITE LÀSSE SFEDÉUTE. Chi si fida resta ingannato. ♣ Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. CP0050 CHIÀNGHE LÈVA VÌZZIE: CA U LÌUPE CÀNGE U

    PÓILE, MA NÀUNE U VÌZZIE. La pietra (sepolcrale) toglie il vizio: che il lupo perde il pelo ma non il vizio. ♣ In estate il lupo cambia il pelo, ma non il suo istinto e la sua aggressività. Anche l'uomo ha certi vizi radicati difficili da eliminare, se non con la morte.

                                                                                                                              2       (i) La terra va valutata punto per punto, stante la cangiante varietà del terreno. In ogni contrada si possono riconoscere proprietà chimico-fisiche diverse; (ii) Le donne vanno giudicate in relazione ad altre donne, in modo che emerga l'esclusività di una rispetto ad un'altra; (iii) Gli uomini vanno valutati secondo la loro opinione, il proprio modo di pensare. 6

  • 7    

    CP0341 TÌNEME CA TE TÉNGHE. Mantienimi che ti tengo. ♣ Tu mi mantieni ed io ti mantengo; collaborare. CP0540 DA NU PÀLME DE STOFFÉTTE AMÀ FÉUE CÀLZE,

    CALZÙNE E CALZUNÉTTE. Da un palmo di stoffa dobbiamo ricavare pantalone, pigiama e mutande. ♣ E' un implicito invito alla parsimonia e ad uno stile di vita esente da qualsiasi forma di spreco o di eccesso. CP0640 JÀLZETE SÙBBETE E CÀCHE ADDÒ JÀCCHIE. Levati di buon mattino e caca dove trovi (dove vuoi). ♣ Chi prima si muove, prima occupa la posizione più vantaggiosa. Quelli che verranno dopo, invece, dovranno arrangiarsi. CP0670 A FA U BÈINE NAN È BÈINE. A FA U BRÙTTE,

    NAN È BRÙTTE. A fare del bene non è (sempre) giusto. A fare del male non è (sempre) sbagliato. CP0675 A MÀLE E BÈINE, PÌNZE A CI DRÈITE VÈINE. Nel male e nel bene, pensa a colui che viene dietro (che sta peggio di te). ♣ Grande espressione di saggezza. Quando sei in difficoltà e quando ti trovi nel benessere, pensa comunque a chi sta peggio di te. Nel primo caso, per trovare la forza di andare avanti, di non lamentarsi, sapendo che c'è qualcun altro in condizioni peggiori; nel secondo caso, avendone la possibilità, per dare aiuto ai meno fortunati. CP0820 LA CÀUSE ANDECEPÉUTE VÀLE N'ÀCQUA MÈINE. La cosa anticipata vale un'acqua (una fatica) in meno. ♣ E' un invito a provvedere tempestivamente alle varie situazioni. Se, ad esempio, anticipi l'aratura migliori l'efficacia della pioggia successiva.

    7

  • 8    

    CP0160 LA PARÓULE, PRÓIME D'ASSÓJE DA 'MMÒCCHE, L’ADÀ