Csi Insieme N°20

download Csi Insieme N°20

of 22

  • date post

    08-Apr-2016
  • Category

    Documents

  • view

    222
  • download

    5

Embed Size (px)

description

Titoli: Alla ricerca di giovani per il volontariato sportivo del CSI - Una tremenda voglia di basket - Calcio: gli incontri di Boario, Terzano e Montecchio - L’Oratorio Gorzone invaso dai podisti del CSI

Transcript of Csi Insieme N°20

  • 3 Marzo 2015

    Alla ricerca di giovaniper il volontariatosportivo del CSI

    Una tremendavoglia di basket

    Calcio:gli incontri diBoario, Terzanoe Montecchio

    LOratorio Gorzoneinvasodai podisti del CSI

  • 3 M A R Z O 2 0 1 52

    Il CSI alla ricerca di giovaniper il volontariato sportivo

    I DIVERSI PROGETTI INTERNAZIONALI PROMOSSI DAL CSI

    l Csi alla ricerca di giovani di-sposti a vivere unesperienza di volontariato sportivo internazio-nale. Ragazzi che abbiano vo-

    glia di partire la prossima estate, per due o tre settimane, in un Paese a scelta fra Haiti, Camerun e Albania. Lobiettivo quello di portare ai bam-bini di questi luoghi lentusiasmo e i mezzi per giocare e fare sport. Lin-vito rivolto agli under 35, disposti a sostenere autonomamente le spese di trasporto e frequentare uno stage di formazione prima di partire. Pi di 100 i ragazzi che hanno gi vissu-to una simile esperienza negli scor-si anni. Albania: un impegno su pi diocesi Dopo diversi anni di impe-gno, il Csi torner in Albania per con-tinuare a promuovere la formazione dei tecnici, degli animatori, educatori e dirigenti sportivi. Le iniziative pro-grammate riguarderanno in partico-lare le diocesi di Scutari, Durazzo, Lezh, Valona e Fier, dove in que-sti ultimi due anni si radicata lor-ganizzazione del Qssh. Andranno a concludersi i campionati di prefettura e nazionali, poi si terr la Maratona Incontro di volti e una festa: Sport e Vita. Oltre alle attivit sul territorio in cantiere anche un incontro uni-tario tra tutti i soggetti appartenenti al Centro sportivo albanese. In Ca-merun, sulla scia di Sport for Africa Il Csi impegnato in tante nazioni per-ch crede che lo sport sia uno stru-mento potente per il dialogo, il con-fronto, la pace e lunit dei popoli. Il Camerun stato uno dei primi Pae-si dove il Csi ha concretizzato la sua

    I vocazione internazionale. Il progetto Sport for Africa, promosso in colla-borazione con la Cei ed avviato nel lontano 1994 fu unesperienza apri pista per la nuova stagione di ini-ziative internazionali. Ad Haiti per la decima volta dal 2011 Il Csi torner questestate nel Paese caraibico per proseguire la missione internaziona-le iniziata allindomani del sisma, nel

    Il sogno Csi: regalare speranza con un pallone Sentirsi cittadini del mondo, sco-prire che la serenit e lamore per la vita abitano nei volti e nei cuori delle per-sone, dando importanza al valore della fratellanza. Sono alcune scoperte che toccano chi sceglie questa esperienza, com successo ad oltre cento volonta-ri Csi negli ultimi anni. Lunico modo per arricchirsi nella vita - ha spiegato il presidente del Csi, Massimo Achini - imparare a donare se stessi. Perci ab-biamo pensato al volontariato sportivo internazionale. naturale chiedersi se, in Paesi dove scarseggiano gli ospedali, le scuole, e dove si soffre la fame, sia utile pensare allo sport. Rispondiamo s: lo sport moltiplica le possibilit educa-tive e diviene uno strumento in grado di cambiare la vita delle persone. Difficile spiegarlo a parole: sono esperienze che vanno vissute, per questo chiediamo ai giovani di partire con noi e condividere la gioia di servire il prossimo attraver-so lo sport. Occorre far conoscere tale opportunit, perch il Csi ritiene dovero-so permettere a milioni di bambini nel mondo di poter giocare.

    2011. A ispirarla la convinzione che at-traverso lo sport si possano costruire educazione, salute, coesione e spe-ranza. Nella pagina Facebook Csi per Haiti possibile scoprire latti-vit svolta nel 2014 da parte dei 40 volontari sportivi che hanno portato sullisola caraibica la passione, il di-vertimento e i valori che il Csi veico-la da pi di 70 anni.

  • 3PRIMA PAGINA

    Votate i dieci campionidel premio Fair play Mecenate

    IL VOTO PER IL PREMIO E PARTITO A DICEMBRE DA ASSISI

    d Assisi si aperto il voto per elegge-re il campio-

    ne dello sport nella categoria Un mo-dello per i giovani allinterno del pre-stigioso Premio In-ternazionale Fair Play Mecenate, giunto alla dician-novesimesima edizione, che si cele-brer mercoled 1 luglio 2015 a Ca-stiglion Fiorentino (Arezzo). Il Premio Internazionale Fair play Mecenate stato istituzionalizzato nel 1997.Lintento e lo scopo di tale iniziativa quello di assegnare dei Ricono-scimenti ad importanti e significativi personaggi e/o Istituzioni Sportive Nazionali ed Internazionali per ini-ziative e comportamenti di rilievo in settori che legano sport a societ ci-vile e che rappresentino valenze di alto livello morale nel settore specifi-co del Fair Play ed in alcune sezioni specifiche allo stesso tema.Il Premio consiste in una targa, ideata da un designer aretino, rappresentan-te la figura di Mecenate ed il simbolo del Fair play (la stretta di mano).Viene inoltre assegnata ai premiati la qualifica di Ambasciatore fair play con specifico e individuale Diploma riportante la Motivazione, nonch la spilla fair play.Il riconoscimento suddiviso in varie categorie che vengono annualmente verificate e modificate sulla base di pareri e considerazioni attuali.

    A

    divenuto oggi il premio pi impor-tante nel Mondo dello Sport relativa-mente ai valori del Fair Play, della le-alt, della tolleranza, della solidariet ed punto di riferimento a livello in-ternazionale per il Fair Play.Un evento unico in grado di coniuga-re sport, cultura e sociale.

    Si tratta di una grande responsabili-t per la nostra associazione, ricono-sciuta, come ribadito dal gen. Gian-ni Gola, Presidente della Giuria del Premio Fair Play Mecenate, ideale per questo tipo di elezione.

    Partecipiamo volentieri condividen-do che il Fair Play un concetto che va ben oltre il rispetto delle regole in campo e che investe piuttosto lintero stile di vita dello sportivo, un modo di essere basato su molteplici aspetti, come la correttezza, la trasparenza, la seriet, lumanit che si dimostra-no anche al di fuori dello sport. Al CSI spetta dunque limportante compito di indicare il prescelto i dieci campioni selezionati dalla Giuria del Premio Fair Play Mecenate. Nel 2014

    il riconoscimento, come ricorderete, andato a Valerio Aspromonte.

    Anche per il 2015 il CSI andr ad eleggere nuovamente chi, tra Andrea Barzagli, Romano Battisti, Sara Car-din, Valentina Diouf, Arianna Errigo, Alessandro Fabian, Martina Grimal-di, Luca Morisi, Giusy Versace, Ja-vier Zanetti, i dieci campioni selezio-nati dalla Giuria del Premio Fair Play Mecenate presieduta da Gianni Gola, rappresenta un ideale modello per i giovani. Il voto partito a dicembre ad Assisi ed andr avanti fino allini-zio della primavera. Contemporane-amente partito il voto on-line sul-la pagina Facebook dedicata vota il campione modello per i giovani e sul sito nazionale (http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=2313). Lorganizzazione del Premio sta va-lutando la possibilit di mettere a di-sposizione del CSI le testimonianze dei candidati al premio: obiettivo portare i campioni nei Comitati ter-ritoriali e presso le Societ Sportive che avranno espresso pi voti.

  • 3 M A R Z O 2 0 1 54

    Con don Mazzi e il Csi nasceuna tremenda voglia di vivere il basket

    UN PROGETTO PER FAR EMERGERE IL VALORE DEL GRUPPO

    Centri Giovanili di don Mazzi - Fondazione Exodus e il Centro Sportivo Italiano vi invitano a par-tecipare al progetto Tremenda

    Voglia di Vivere il basket. Si tratta di una attivit dedicata alle societ spor-tive di basket ed ha lobiettivo di far emergere il valore del gruppo creato da questo sport tramite i mezzi che sono pi utilizzati dai giovani dellet delladolescenza. Liniziativa pro-mossa dai Centri Giovanili di Don Mazzi insieme al Centro Sportivo Ita-liano ed patrocinata dalle principa-li istituzioni sportive di questo sport: CONI, FIP, Lega Basket Serie A e As-sist - Lega Nazionale Pallacanestro. Un contributo importante al progetto inoltre dedicato dalla Famiglia Gal-linari che, a fianco di Don Mazzi e del CSI, promotore del progetto Tre-menda voglia di vivere..il basket! A sostenere il progetto ci saranno an-che la Gazzetta dello Sport e altri partner importanti.

    ObiettivoFar riflettere i ragazzi e le ragazze che giocano a basket sul valore del gruppo, dellamicizia e dellimpegno che si sviluppano nel gioco e nel fare sport; tutto questo si trasforma nel-la voglia di vivere e stare insieme ed i ragazzi potranno esprimerla di-rettamente con messaggi, frasi, foto, video, disegni ecc.

    A chi rivoltoLiniziativa riservata a ragazzi e ra-gazze nati dal 1.1.1998 al 31.12.2004 che hanno una Tremenda voglia di

    I vivere il basket e che giocano in squadre di pallacanestro affiliate al Centro Sportivo Italiano o che dimo-strino di partecipare allattivit di grup-po di un oratorio o parrocchia.I ragazzi e le ragazze che vorranno comunicare la loro Tremenda vo-glia di vivere il basket potranno re-alizzare (singolarmente e non) degli slogan, frasi, video, disegni o quello che desiderano e potranno parteci-pare ad iniziative speciali, esperien-ze appositamente pensate per chi esprimer nel migliore dei modi que-sta voglia di vivere.

    IscrizioniLiscrizione al progetto avviene trami-te la squadra di basket e/o la societ sportiva (che pu iscrivere pi squa-dre) attraverso il modulo allegato. A ciascuna squadra iscritta (massimo 15 atleti) entro il 28 Febbraio 2015, sar inviato (subito dopo liscrizio-ne) del materiale utile a raccogliere e favorire la realizzazione degli ela-borati. Nel KIT del progetto Tremen-da voglia di vivere il basket! saran-no inserito:- Un gadget Tremenda dedicato a ciascun ragazzo della squadra- LAbecedario dello Sportivo e altre pubblicazioni di don Mazzi per alle-natori/educatori utili a favorire le at-tivit collettive- Alcuni supporti utili agli allenato-ri/dirigenti per raccogliere i pensieri dei ragazzi.Risulta molto importante il ruolo dellal-lenatore che deve presentare corret-tamente le opportu