CSI Insieme 20-2009

download CSI Insieme 20-2009

of 19

  • date post

    15-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    222
  • download

    2

Embed Size (px)

description

L'alta velocità del CSI - I dieci punti del Presidente - Calcio: all'A.S. Boario il campionato open a sette - 350 podisti del CSI sotto le stelle a Piancamuno.

Transcript of CSI Insieme 20-2009

  • Scoprilo pressotutte le filiali dellaBanca di Valle Camonica

    A noi giovani,da 15 a 25 anni,Banca di Valle Camonicariserva un serviziocompletamente gratis,e questo niente,se siamo concretamenteinteressati c unabellissima sorpresaper noi... imperdibile,anche perch non durerper sempre.

    Hei,hai sentito?

  • 2 6 M A G G I O 2 0 0 9

    1

    Il punto settimanale del Presidente Nazionale del CSI Massimo Achini

    Iscrizioni e progetti,il CSI vara lalta velocit

    Dal mese di giugno fino a nuova

    comunicazione la sede del CSI a Plemo il sabato pomeriggio

    resta chiusa

    Abbiamo inaugurato lalta velo-cit CSI. Sino allo scorso anno si doveva aspettare la fine di lu-

    glio per conoscere le novit della sta-gione successiva. Con qualche ine-vitabile ritardo si rischiava di arrivare a fine agosto. Oggi non pi cos. Il Consiglio Nazionale ha gi delibera-to le principali novit della stagione 2009/2010. Abbiamo definito il ca-lendario di tutti gli appuntamenti na-zionali, le novit della formazione e dellattivit sportiva, lattesa circolare con le indicazioni sul tesseramento. Si tratta di un Frecciarossa che per-metter a tutti i Comitati di program-mare da subito le attivit della nuo-va stagione in base alle indicazioni e proposte della Presidenza nazio-nale. Tutto questo sar presentato nel corso della Conferenza dei Pre-sidenti (di oggi e domani) a Salso-maggiore. Ancora una volta siamo rimasti a bocca aperta. Le iscrizio-ni parlano di oltre 300 dirigenti pro-venienti da tutta Italia in rappresen-tanza di 106 Comitati della periferia. Il bello che questa partecipazio-ne straordinaria ormai diventata lordinaria normalit. A Milano, nel settembre 2008, abbiamo inaugura-to una serie di eventi (Assisi, Trevi, Coverciano) che hanno sempre fat-to registrare il tutto esaurito. A Salso-maggiore vivremo due giorni intensi, ricchi di momenti importanti: il salu-to del Vescovo di casa, mons. Carlo Mazza; una riflessione di don Alessio Albertini; lapprovazione del bilancio consuntivo 2008; la presenza di una squadra di ragazzi di LAquila che di-

    sputer un triangolare ospite del Co-mitato di Parma; la premiazione dei migliori arbitri CSI e dei Comitati che si sono distinti nella stagione; le te-stimonianze di tanti ospiti che ci par-leranno di scelte coraggiose nella

    loro vita. Infine gli interventi della Pre-sidenza nazionale che si svolgeran-no con un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro. Oggi ci concentreremo sullo stato di attuazione del programma. In pratica, verificare insieme i primi dieci mesi di questo mandato.Come abb iamo l avo ra to? Cosa abbiamo realizzato? Cosa ha funzionato e cosa no? Sentia-mo il bisogno di affidare a ciascuno di voi una valutazione complessi-va delloperato di questa Presiden-za nazionale. Domani spazio alla presentazione di tutte le novit del-la prossima stagione. Sono tante. Decise, impegnative, ma anche parti-colarmente affascinati. E il bello che grazie a voi diventeranno vere e con-crete esperienze educative.

  • 2Nella conferenza nazionale tracciato il nuovo modello organizzativo del CSI

    I dieci puntitracciati dal Presidente nazionale

    I dieci punti di Massimo Achi-ni: cos il presidente naziona-le del CSI ha riaperto i lavori

    della Conferenza Nazionale Oggi il Centro Sportivo Italiano ha bisogno di una forte organizzazione che sia pensata e risulti incisiva, moderna ed efficace. Richiederlo allinizio del mio mandato sarebbe stato esage-rato, ma anche rimandare in futuro non va bene. Ora il momento giu-sto per fare un significativo salto in avanti. E questo un impegno che vi chiedo di prendere a cuore. E in-dispensabile rendersi sempre conto di tutta la realt dellassociazione e non limitarsi a guardare solo il pro-prio piccolo. 1) VALORIZZARE IL TERRI-TORIODa qui volevamo partire e da qui sia-mo partiti. Abbiamo dedicato a que-sto tema la parte pi grande delle nostre energie. E i risultati ci sono: a) Appuntamenti nazionali. Allasso-ciazione serviva ritrovare il senso e la voglia di applicazione e ce lha fatta. A Milano come ad Assisi, Trevi, Co-verciano e anche a Salsomaggiore. Stare insieme costa fatica, tempo, denaro e viaggi, ma un modo vero per fare associazione. Quindi prose-guiamo in questa direzione. a) Tour delle regioni: riclassificati tutti gli interventi in area tematica. La mag-gior parte degli interventi il 27% co-municazione servizi e strutture , poi lattivit sportiva e la formazione. b) Top Ten delle richieste: rapporto

    con Diocesi e Parrocchie, formazione continua , rilanciare feste nazionali, in-centivare lattivit giovanile, migliorare la comunicazione interna, uniformare immagine, loghi e divise, moderniz-zazione dellassociazione, revisione dello Statuto, convenzioni con Fede-razioni e ruolo delle regioni.Casa Comitato: 30 incontri della pre-sidenza nazionali allanno in 4 anni, riusciamo ad vorrebbe dire incontra-re tutti i comitati. c) Gemellaggi: 37 sottoscritti e 10 avviati.d) Campagna del 10%: stato il tor-mentone dautunno, lha definita cos lo stesso Achini, promotore dellidea.

    E c soddisfazione perch secondo il numero un del Csi i comitati ci han-no prima di tutto creduto. Ad oggi 22 comitati hanno gi superato il numero dei tesserati del luglio scorso. Campagna del pi 1: la prossima sfida attivare uno sport in pi per ogni comitato. e) Anticipare la programmazione del-la stagione. f) Piccoli segni da parte del naziona-le: palloni, cappellini, agende spedite ai vari comitati. 2) TRA POLITICA E CITTADI-NANZA ATTIVAGoverno, enti locali, Coni, Federazio-

  • 2 6 M A G G I O 2 0 0 9

    3

    ni sportive, impiantistica sportiva, rap-porti con lo sport professionistico.a) Inevitabilmente dobbiamo partire dal Coni. Allinizio lobiettivo era di ri-entrare nel consiglio. Quello ottenuto un grande risultato anche perch la prima volta che ci capita. E unoc-casione storica che non so quando ci ricapiter. Di certo una partita che non pu essere delegata al solo pre-sidente nazionale. b) Rapporti col governo: attualmente esiste un buon rapporto, ma dobbia-mo ancora fortemente accreditarci a livello parlamentare c) Impiantistica sportiva 3) RAPPORTI CON LA CHIE-SAAbbiamo continuato a mantenerli come segno di continuit dalla pre-cedente presidenza. Dobbiamo raffor-zare il rapporto con le Diocesi: infatti, una delle grandi campagne dellan-no prossimo sar proprio un progetto che legher Sport e Diocesi. 4)CONTENERE I COSTIIn questo senso ci sono due grandi

    soddisfazioni: la prima riguarda il bi-lancio, il secondo impegno quello preso a Chianciano, ovvero contene-re i costi del tesseramento. 5) ATTIVITA SPORTIVAI sette punti di Chianciano:- Attivit per linfanzia- Attivit giovanile- Attivit istituzionale: campionati- Feste nazionali- Sport Individuali - Eventi Sportivi- Arbitri e giustizia sportiva a) Manifestazioni nazionali (atletica leggera, sci, campestre, tennis ta-volo, judo, karate)I partecipanti sono aumentati del 30% dal 2007-08 al 2008-09.b) Implemento doasCampionati nazionali - 964 campionati - 16.369 squadreGran Premi nazionali- 418 manifestazioni - 59.204 partecipanti c) Attivit giovaniled) Attivit infanzia. Nomina della com-missione nazionale. e) Arbitri. Appuntamenti fino al 2011 f) Sport individuali 6) FORMAZIONEHa avuto due grandi momenti di vi-sibilit: la convention di Trevi e il Ma-ster dei Coverciano 7) POLITICHE SOCIALI - Operation Smile- Commissione sport e disabili 8) I NODI ASSOCIATIVI- Statuto: nomina commissione e re-visione Statuto nel 2011- Ruolo regioni: tavolo delle regioni - Legalit- Giovani

    - Comunicazione: Stadium on line (5 numeri), CSI Flash (11 numeri con 256 notizie), CSI Time (18 numeri).9) SCUOLAAvviare delle collaborazioni e dei pro-getti per promuovere leducazione at-traverso lo sport. 10) VOLARE ALTO CON I PIE-DI PER TERRA- serenit e unit associativa - entusiasmo in periferia. Alla fine del bilancio tracciato dal pre-sidente Achini hanno preso voce i rappresentanti dei vari comitati pro-vinciali; il pomeriggio associativo si concluso con le premiazioni dei comi-tati con il miglior medagliere nei cam-pionati nazionali CSI finora disputati, eccoli di seguito:Gran Premio Nazionale di Sci al Co-mitato di BergamoGran Premio Nazionale di Corsa Campestre al Comitato di Trento Gran Premio Nazionale di Tennis ta-volo al Comitato di MilanoGran Premio Nazionale di Judo al Comitato di Udine.Gran Premio Nazionale di Karate al Comitato di Verona.

  • 4Gioved 28 maggio la festa finale organizzata dalla Cooperativa Azzurra

    Festa allOratorio di Boarioper il torneo multiabile di calcio

    Si conclude con una festa pres-so lOratorio di Boario nella mat-tinata di gioved 28 maggio la

    quarta edizione del torneo multiabile di calcio promosso dalla Cooperati-va Azzurra. Il progetto, nato nel 2005, intende superare lidea che i disabili possono prevalentemente confron-tarsi e giocare tra di loro; da qui la realizzazione di uniniziativa propo-sta ad alcuni istituti scolastici camuni di incontro, confronto e integrazione tra persone diverse. Il torneo propo-sto dalla Cooperativa Azzurra consi-ste in un incontro di calcio tra la for-mazione composta da alcuni ragazzi disabili con ognuna delle scuole che aderiscono al progetto. Alla realizza-zione del progetto hanno partecipa-to gli utenti della Pia Fondazione di Malegno e della Cooperativa Arco-baleno di Breno, la Polisportiva Di-

    sabili Vallecamonica che messo a disposizione un allenatore abilitato per la preparazione della squadra, il Centro Sportivo Italiano di Valleca-monica e la Comunit Montana di Vallecamonica con un significativo contributo economico. Iniziata con quattro scuole questa esperienza ha visto crescere linteresse e il torneo di questanno ha registrato ladesio-ne degli istituti scolastici di Artogne, Darfo, Boario, Esine, Malegno, Civi-date, Breno e Capodiponte con altre tre scuole camune