CSI Insieme 19-2009

download CSI Insieme 19-2009

of 31

  • date post

    30-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    225
  • download

    4

Embed Size (px)

description

La carovana dei diritti all'Oratorio di Piamborno - Il ruolo difficile dell'alleducatore - La Nica Bienno raddoppia - Niardo regala due pomeriggi indimenticabili.

Transcript of CSI Insieme 19-2009

  • Scoprilo pressotutte le filiali dellaBanca di Valle Camonica

    A noi giovani,da 15 a 25 anni,Banca di Valle Camonicariserva un serviziocompletamente gratis,e questo niente,se siamo concretamenteinteressati c unabellissima sorpresaper noi... imperdibile,anche perch non durerper sempre.

    Hei,hai sentito?

  • 1 9 M A G G I O 2 0 0 9

    1

    Il punto settimanale del Presidente Nazionale del CSI Massimo Achini

    Quattro anni al Conial servizio del movimento

    Chi l avrebbe mai det-to? Il Csi seduto nel Go-verno dello sport italiano.

    Sino a qualche tempo fa sembrava sem-plicemente utopia. Ora invece realt. Nella nuova giunta nazionale capita-nata dal Presidente Petrucci ci siete anche Voi. Si proprio cos. A sedersi intorno al tavolo insieme a dirigenti come Abete (Figc), Magri (Pallavolo) Pancalli (vicepresidente), Agabio (vi-cepresidente) o atleti come Antonio Rossi e Giovanna Trillini c anche ciascuno di Voi. Io ho semplicemen-te raccolto i frutti ma se siamo arrivati sino a l il merito soltanto vostro. La nomina del Csi nella Giunta un ri-conoscimento al servizio svolto dalle Vostre Societ Sportive allo Sport ita-liano. Dobbiamo ringraziare chi negli anni ci ha preceduto costruendo una storia e una credibilit che accompa-gna il Csi; dobbiamo ringraziare chi - come ciascuno di Voi - oggi nelle societ sportive svolge un servizio educativo immenso. Devo ringrazia-re anche ciascuno degli Enti di Pro-mozione Sportiva che hanno accet-tato di fare squadra intorno al Csi e che oggi mi onoro di rappresentare allinterno della Giunta. proprio bel-lo pensare che lo sport in oratorio entra nel governo dello sport italiano. Appena eletto ho pensato a Voi. Mi venivano subito in mente i volti delle tante persone che in questi anni mi hanno accompagnato, sopportato, fatto crescere come uomo e come di-rigente sportivo. Mi venivano in mente le tante serate che ho trascorso nelle Parrocchie e nelle societ sportive;

    le infinite ore trascorse nei Comitati con amici che sono stati e continuano ad essere la mia famiglia; mi veni-vano in mente anche i ragazzini che allenavo sino ad un anno fa (e che mi mancano da morire). Mi chiede-vo e mi chiedo: Sar in grado di rap-presentare ciascuno di Voi nel mas-simo organismo dello sport italiano? Qualcuno mi ha chiesto: Che cosa provi a stare in Giunta Nazionale? Non nascondo che un po di emo-zione la avverto. Avrei pensato an-che un po di timore, ma non cos. So che non sono ma siamo nella Giunta del Coni. La differenza im-mensa. Insieme a Voi sono convinto che potremo portare il contributo del-le vostre societ sportive al servizio

    di tutto lo sport italiano. Non sar fa-cile. Ma le sfide non ci spaventano. Abbiamo davanti quattro anni nei qua-li con umilt ed entusiasmo porta-re nella Giunta Nazionale del Coni lesperienza di ciascuno di Voi. Se siete daccordo vale la pena provar-ci. Infine vi devo chiedere unultima cortesia. Se potete , ogni tanto, in-vitatemi nelle vostre societ sporti-ve per un incontro o un dibattito. La sala della Giunta del Coni ha indub-biamente il suo fascino, ma non po-tr mai sostituire una bella serata con allenatori e dirigenti in una socie-t sportiva, lodore di uno spogliato-io, le emozioni di un incontro in Co-mitato. Ed a queste cose non vorrei proprio rinunciare.

  • 2Conferenza annuale del CSI per discutere il calendario degli eventi nazionali

    Il futuro del CSI saruno sport per la vita

    Procede a ritmo spedito la stagione associativa del Csi. Dopo lelezione del presiden-

    te Achini in Giunta Nazionale del Coni, stata la volta del Consiglio Nazionale Csi ad entrare nel Salo-ne dOnore del Palazzo H al Foro Italico. La riunione dei 56 dirigenti, tra consiglieri nazionali e presidenti regionali, cio lintera squadra di go-verno dellente di promozione sporti-va, si infatti tenuta - fatto inusuale - nelle stanze del Comitato Olimpi-co. Il Consiglio Nazionale, da vener-d a domenica scorsa, ha cos po-tuto approvare numerose delibere. Le pi importanti quelle inerenti lin-tera programmazione degli eventi sportivi, formativi ed associativi per la stagione 2009- 2010, che avr come tema di riferimento Uno sport per la vita. Il varo anticipato del calenda-rio, obiettivo voluto dalla nuova presi-denza, permetter cos al territorio di ottimizzare e cadenzare al meglio la grandissima mole di attivit presen-te, rispetto agli appuntamenti nazio-nali. Grandi innovazioni sono state previste nellambito del tesseramen-to, che sar ammodernato con una maggiore informatizzazione. Deli-bera positiva anche per il bilancio consuntivo relativo al 2008, che sar sottoposto allapprovazione dellAs-semblea di Salsomaggiore sabato 23 maggio. Nel noto centro termale ( Palazzo dei Congressi) in provin-cia di Parma, da venerd prossimo si riuniranno infatti gli Stati Generali del Csi per la consueta Conferenza nazionale dei Presidenti, dove si ri-troveranno circa 350 delegati in rap-

    presentanza di cento comitati territo-riali. Latteso appuntamento emiliano sar un momento di verifica del pri-mo anno di mandato presidenziale ed una grande occasione di dibattito sulle linee strategiche e programma-tiche, tracciate un anno fa nella As-semblea elettiva di Chianciano Terme. Saranno quindi anticipate le princi-pali novit della stagione ventura; nel corso dei lavori assembleari si svol-geranno inoltre due tornei calcisti-ci, tra Salsomaggiore e Fidenza. Un quadrangolare di calcio a 11 ed un triangolare di calcio a 5. In entrambi sar protagonista la squadra del Csi Villa S. Angelo, una delle migliori so-ciet del comitato dellAquila, un oro questanno nello sci alpino ad Alle-ghe, prima che il sisma ne distrug-gesse certezze e prospettive. Ci sar spazio per premiare i comitati parte-cipanti al pellegrinaggio maratona in terra Santa, i migliori fischietti Csi, in base ai risultati dei test elaborati nel recente stage arbitrale ed ancora ri-conoscimenti andranno ai comitati

    col miglior medagliere nei campio-nati nazionali finora disputati, ovve-ro sci, campestre, tennistavolo ed arti marziali.

    Felice Alborghetti

  • 1 9 M A G G I O 2 0 0 9

    3

    Diversi e uguali il tema del pomeriggio di giochi, spettacolo e riflessioni

    La carovana dei diritti umaninel luna park di Piamborno

    Decima tappa della Carovana dei Diritti Umani di Vallecamoni-ca sabato 23 maggio alloratorio

    di Piamborno. Il tema scelto per que-sta giornata del circuito camuno che intende promuovere il diritto allinte-grazione sociale Diversi e uguali, una giornata insieme per conoscerci meglio al... luna park. Nella struttu-ra sportiva delloratorio di Piamborno

    sar infatti allestito un parco per il di-vertimento di adulti e bambini aperto a tutti e con ingresso gratuito.Il luna park aprir i battenti alle ore 15 e sar animato da giochi e per-corsi di abilit allestiti dal CSI di Val-lecamonica, attivit ludico-ricreative, lesibizione del Mago Angelino, ta-tuaggi, clown, pet therapy, dal labo-ratorio di animazione musicale tenu-

    to da Cristian Miorini e dalle letture di intrattenimento curate da Alessio Do-menighini. Uno spettacolo di danze popolari programmato per le 15,30 protagonisti i ragazzi della Coopera-tiva Sociale Azzurra di Darfo B. T. in collaborazione con la classe terza C della Scuola Media Ungaretti di Dar-fo. Agli spettacoli e ai giochi abbi-nato anche un momento di riflessio-ne con lincontro sul tema Il dopo di noi curato da Giuseppe Zeziola re-sponsabile della Cooperativa Azzurra di Darfo. In serata, alle ore 20, il pro-gramma della manifestazione preve-de La fabbrica del cioccolato, spet-tacolo musicale per voce narrante e orchestra realizzato e interpretato dallAssociazione musicale La fab-brica dei suoni.

  • 4La riflessione di una mamma che ha vissuto lesperienza sportiva dei figli

    Il non facile ruolodellalleducatore del CSI

    Quella che segue la documen-tata riflessione e lespressione di gratitudine di una mamma,

    che vive positivamente le esperien-ze di squadra dei propri figli. La gestione di un gruppo non di per s cosa facile, a maggior ragione quando si tratta di ragazze adolescenti. Strumento essenziale nel rapporto educatori-ragazze, un dialogo in-tenso che tenga presente la realt psicologica in cui gli adolescenti vivo-no, un dialogo attento, pacato, de-licato, giacch dovrebbe tendere a capire e farsi capire pur mantenen-do la chiarezza dei ruoli.L appartenenza ad un gruppo, guidato da adulti maturi e responsabili che san-no positivamente utilizzare la vitalit di bambini e ragazzi e le loro immen-se energie, indirizzandole nella cre-scita e nel raggiungimento di traguar-di, in questo caso, di tipo sportivo ma con finalit educativa, un prezioso aiuto nel percorso di crescita personale. Nel gruppo simpara a progettare e a per-seguire obiettivi, in questo caso sportivi. Gli adolescenti si abituano a dare pi che a ricevere; a proporre posi-tivamente, pi che a lasciarsi trasci-nare dagli altri; a partecipare, pi che a chiudersi nel proprio Ego. Ma deve trattarsi di un gruppo edu-cante, dove si impara a ridimensio-nare le proprie utopie, ad accettare laltro e se stesso e le rispettive scon-fitte, a costruire insieme; deve, inol-tre, essere un gruppo che abbia delle regole e che ne insegni il rispetto.

    In tutti gli sport lAllenatore certa-mente una figura basilare, sia per quanto riguarda la preparazione fisi-ca dell atleta, sia per quanto concer-ne il supporto psicologico: il leader della squadra, un punto di riferimen-to fondamentale. Non sicuramente un compito faci-le gestire una realt composita for-mata da parecchie variabili da tenere contemporaneamente in considera-zione : l Allenatore oltre che occu-parsi della preparazione atletica, ha anche il delicato compito di sostenere nei momenti di maggiore difficolt e nei momenti stressanti dovuti anche allincertezza del risultato, alla paura di non riuscire a