CSI Insieme 08-2012

download CSI Insieme 08-2012

of 24

  • date post

    25-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    223
  • download

    7

Embed Size (px)

description

Titoli: Tra domande e incertezze uno sguardo al futuro - Due podisti dell’Atletica Eden 77 sul podio regionale - Un paese intero impegnato nei giochi del CSI - Le nuove società devono registrare lo Statuto.

Transcript of CSI Insieme 08-2012

  • C E N T R O S P O R T I V O I T A L I A N O

    ValleCamonicaTra domande e incertezzeuno sguardo al futuro

    Due podistidellAtletica Eden 77sul podio regionale

    Un paese interoimpegnatonei giochi del CSI

    Le nuove societdevono registrarelo Statuto

    23 novembre 2011

  • www.olimpiacoppe.comolimpiacoppe@libero.it

    IndirizziCSI Vallecamonica - Via San Martino 4425040 Plemo di Esine (Bs)Telefono 0364.466161 - 0364.466376Fax 0364.360500Sede di Edolo 0364.71379E-mail: info@csivallecamonica.itPresidente CSI Vallecamonica Claudio CecconE-mail: ceccon.claudio@libero.itConsulente ecclesiastico don Battista DassaE-mail: francobattista@tele2.itDesignatori arbitraliCalcio: Menolfi Bortolo 3473441353Attivit Polisportiva: Pezzotti Gabriele 3381964197Pallavolo: Salvetti Cristian 3473448112

    Sito internet CSI Vallecamonica: www.sportgio.netSito ufficiale CSI Nazionale: www.csi-net.itSito ufficiale CSI Lombardia: www.csi.lombardia.it

    C E N T R O S P O R T I V O I T A L I A N O

    ValleCamonica

    Riferimenti per i versamentiUBI Banca di Valle Camonica Filiale di BrenoCodice IBAN per Bonifici: IT39F0324454160000000037006Banca di Credito Cooperativo di Brescia Filiale di Cividate CamunoCodice IBAN per Bonifici: IT86Q0869254350015000150300Conto Corrente Postale N 14023212Intestare tutti i pagamenti a:Centro Sportivo Italiano Comitato di Vallecamonica

    NON SOLO

    COPPE

    MA ANCHE

    TENDE

    DA SOLEN

    ON SOLO

    COPPE

    MA ANCHE

    TENDE

    DA SOLE

  • 2 3 N O V E M B R E 2 0 1 1

    3

    Il questionario sugli Stati Generali

    Sul sito del CSI nazionale stato-pubblicato il questionario sugli Stati Generali dellattivit sportiva che si svolgeranno dal 27 al 29 gennaio a Rimini. Si tratta della pi grande ri-flessione sullattivit sportiva avvia-ta dallAssociazione negli ultimi 10 anni. Si avverte lesigenza di fare il punto della situazione, migliorando tutto ci che pu essere migliorato e individuando proposte, strategie, no-vit e percorsi che caratterizzeranno lattivit sportiva del CSI nel prossi-mo decennio. Il questionario sugli Stati Generali (in formato doc, com-pilare; in df per la presentazione/con-sultazione) costituisce uno strumento prezioso ed indispensabile per fare in modo che il documento preparatorio che discuteremo nel corso degli Stati Generali venga redatto tenendo con-to del contributo di ciascun Comita-to e di tutta l Associazione.

    Convocati gli Stati Generali dellattivit sportiva per far crescere il CSI

    Tra domande e certezze con uno sguardo al futuro

    Perch mai mettere mano ad una cosa che funziona? La ri-

    sposta semplice e chiara: Per mi-gliorare, per crescere, per moder-nizzare, per tracciare il sentiero dei prossimi dieci anni. Sono queste le riflessioni che ci hanno spinto a con-vocare la prima edizione nella storia del Csi degli Stati Generali dellatti-vit sportiva. proprio cos. La no-stra attivit sportiva oggi funziona. Funziona bene e ne andiamo orgo- gliosi. Perci, ci si poteva tranquilla-

    mente abbandonare alla tentazione di lasciare tutto cos e crogiolarsi al-meno per qualche anno sui risultati acquisiti. Invece no. Quella sana in-quietudine e quella tensione a fare meglio che accompagna chi opera su terreni educativi, e che ha sempre ispirato la storia del Csi, ci ha spin-to ad unazione coraggiosa. Daltra parte la societ non resta ferma ad aspettarci, e lo sport un fenomeno in continua evoluzione. Meglio guar-dare al futuro che rincorrere il presen-te. Gli Stati Generali vogliono esse-re, prima di tutto, una grande azione di partecipazione, di dibattito e con-fronto con tutta la base associativa. Dare voce a tutti i dirigenti dellAsso-ciazione per raccogliere idee, propo-ste, suggerimenti, su come indirizza-re e migliorare la proposta sportiva del Csi. A Rimini, a gennaio, aspet-tiamo oltre 500 persone provenienti da tutta Italia. Nel frattempo un am-pio questionario gi nelle mani dei Comitati Provinciali e il documento preparatorio sar scritto tenendo con-to delle osservazioni di tutti. Nel ra-gionare insieme partiamo da alcune

    certezze e da alcune domande. Le certezze. Lattivit sportiva princi-pio generativo di ogni vera esperien-za educativa. In altre parole la roc-cia sulla quale costruire la vita del Csi. Altra certezza. La nostra attivi-t sportiva deve essere di qualit. Leducazione una cosa seria, non si accontenta mai della mediocrit o del pressapochismo. Altro che sport alla viva il Parroco... Quella del Csi vuole essere unattivit sportiva che non ha nulla da invidiare a quella del sistema sportivo italiano. Casomai ha una marcia in pi... per passione e impegno educativo. E veniamo alle domande. Come rendere pi incisiva tutta la nostra attivit sportiva? Come dare vita a una giustizia sportiva che superi i tradizionali canoni repressivi per diventare strumento educativo? Come tornare ad essere leader nel-le proposte motorie per linfanzia? Come rafforzare lattivit giovanile? Come fare dellOratorio Cup uno dei nostri fiori allocchiello? Come miglio-rare qualit e quantit della nostra classe arbitrale? Come coniugare al meglio agonismo e festa conside-randoli entrambi ingredienti fonda-mentali della proposta educativa? Come migliorare, in chiave educati-va, campionati e Gran Premi Nazio-nali? Ormai chiaro. A Rimini non si discuter di dettagli tecnici e organiz-zativi. Ci confronteremo sul cuore della vita del Csi, cercando di indivi-duare (con il contributo di tutti) il per-corso sul quale indirizzare la nostra proposta sportiva per i prossimi 10 anni. Bella sfida. Non vero?

  • 4Problemi nellinserimento delle nuove societ sportive nel Registro del Coni

    Alle nuove societ sportive:registrate lo Statuto

    Il Registro nazionale delle asso-ciazioni e societ sportive dilet-

    tantistiche lo strumento che il Con-siglio Nazionale del CONI ha istituito per confermare definitivamente il riconoscimento ai fini sportivi alle associazioni/societ sportive dilet-tantistiche, gi affiliate alle Federa-zioni Sportive Nazionali, alle Disci-pline Sportive Associate ed agli Enti di Promozione Sportiva. Le associa-zioni/societ iscritte al Registro sono inserite nellelenco che il CONI, ogni anno, deve trasmettere ai sensi della normativa vigente, al Ministero del-le Finanze - Agenzia delle Entrate. Nei giorni scorsi il CONI ha effettua-to alcune modifiche al Registro del-le Associazioni sportive dilettantisti-che. Questo ha comportato (e tuttora sta comportando) difficolt nellinvio delle nostre societ sportive al Regi-stro: il CSI ha segnalato il malfunzio-namento allufficio CONI che segue il Registro ed in attesa che venga-no risolti i problemi tecnici segnala-ti. Una delle modifiche introdotte nel Registro riguarda lobbligatoriet del-la registrazione dello Statuto. stato introdotto lobbligo, per tutte le socie-t sportive con data di costituzione successiva al 1 gennaio 2011, del-la Registrazione dello Statuto pres-so lUfficio dellAgenzia delle Entrate. Senza linserimento degli estremi di registrazione dello Statuto la procedu-ra di invio e iscrizione al Registro non andr a buon fine. Nella procedura di affiliazione di una nuova societ, non sar pi possibile selezionare la voce Scrittura privata o Scrittura privata

    autenticata per quanto riguarda lo Statuto delle societ; tutte le societ iscritte dopo il 1 gennaio 2011, per poter essere iscritte al Registro, do-vranno registrare lo Statuto. Le altre societ iscritte al Registro prima del 1 gennaio 2011 che non hanno Sta-tuto registrato potranno mantenere lo Statuto come Scrittura privata sen-za perdere liscrizione al Registro. La registrazione dello Statuto in primo luogo tutela le societ sportive stes-se, che potranno ottenere liscrizio-ne al Registro con tutti i benefici con-nessi e ormai noti. In secondo luogo aiuter il CSI a mantenere la posizio-

    ne di leadership che oggi lo vede pri-mo ente di promozione sportiva per numero di societ sportive iscritte al Registro.

    Cross delle TermeDomenica 4 dicembre a Ango-lo Terme 1 Cross delle Terme, corsa campestre aperta a tutti. Ritrovo presso parco delle Terme alle ore 8.30, partenza categoria Polisportivo ore 9.30; quota iscri-zione adulti 2 euro, ragazzi/poli-sportivo 1 euro.

  • 2 3 N O V E M B R E 2 0 1 1

    5

    Intervista a Renzo Ulivieri, Presidente dellAssoallenatori

    Alleniamo insieme per far vincere i valori

    Recentemente il presidente dellAssoallenatori, Renzo Uli-

    vieri, ha incontrato a Coverciano il presidente del CSI, Massimo Achini. Sono state gettate le basi per unalle-anza, in chiave educativa, per miglio-rare la qualit degli educatori sportivi e degli allenatori. Quali le prospetti-ve dellintesa? stato un incontro assai positivo, e nel lavorare insieme al Csi credo pos-sa venire fuori qualcosa di molto im-portante per noi. Noi possiamo dare qualcosa dal punto di vista tecnico, qualche approfondimento ma dagli enti di promozione sportiva e dal Csi abbiamo da prendere molto. Ad esempio? Il modo di stare insieme, il modo di im-pegnarsi nellassociazione, il rispetto luno degli altri, il modo di insegnare a vincere e anche a perdere. Credo siano cose che debbano essere par-te fondamentale anche della nostra cultura. Altrimenti insegnare ai ragaz-zi solo a stoppare una palla diventa troppo poco. Il Csi assegna allo sport dei giova-nissimi, e quindi anche al calcio, una fondamentale responsabilit educa-tiva. Cosa consiglierebbe agli allenatori Csi per valorizzare la funzione edu-cativa del calcio giovanile?C uno sport-spettacolo, un calcio che deve produrre vittorie, c un altro calcio negli oratori, nei campi di peri-feria dove invece laspetto principale lo stare insieme. Le mie esperienze in giovent sono un p da oratorio e un p da casa del popolo, e laddove

    cera un pallone ci si ritrovava, dal mat-tino a quando faceva buio. Una cosa non cambia