C.R. 493-1 I LAUREATI CON COMPETENZE DI INGEGNERIA · PDF fileingegneristiche1 (che per...

Click here to load reader

  • date post

    18-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of C.R. 493-1 I LAUREATI CON COMPETENZE DI INGEGNERIA · PDF fileingegneristiche1 (che per...

I LAUREATI CON COMPETENZE DI INGEGNERIA

C.R. 493-1

CENTRO STUDI CNIVIA XX SETTEMBRE 5 - 00187 ROMA

TEL [email protected]

Continua ad aumentare il numero dei laureati con competenze ingegneristiche,ma perdono appeal i corsi del settore civile ed ambientale

GENNAIO 2016

Il titolo ingegneristico non conosce crisi: aumenta anche nel 2014 il numero distudenti che ha conseguito un titolo utile per accedere all'albo degli ingegneri e rag-giunge quota 52.495 (lo 0,7% in pi rispetto al 2013), pari al 17,2% dell'universodei laureati.I due politecnici di Milano e di Torino risultano ancora una volta i principali centri diformazione ingegneristica italiani a tal punto che circa un laureato su quattro pro-viene da uno dei due atenei. Solo il 30,9% (quota peraltro in leggero calo rispettoal 2013) dei laureati composto da donne.

Sono questi i principali risultati che emergono dall'analisi effettuata dal Centro Studidel CNI sui dati del MIUR relativi ai laureati dell'anno solare 2014 che evidenziacome i corsi di laurea ad indirizzo ingegneristico siano i pi "ambiti" dai giovaniitaliani. Non va sottovalutato tuttavia il dato relativo ai laureati di primo livello che,dopo anni di progressiva crescita, subiscono nel 2014 una lieve flessione: 28.253contro i 28.346 del 2013. Sebbene poi aumenti il numero di laureati con compe-tenze ingegneristiche, continua a flettere leggermente la loro quota sul totale deilaureati: 17,2% contro il 17,4% di due anni fa.

LAUREATI CON TITOLO INGEGNERISTICO ELORO PESO SUL TOTALEDEI LAUREATI (VAL.%).

SERIE 2010-2014

LAUREATI CON COMPETENZE DI INGEGNERIA (SOMMA TRIENNALI E QUINQUENNALI). CONFRONTO 2010-2014

Gennaio 2016

Come noto, il DPR. 328/2001 ha allargato la possibilit di accedere all'albo degliingegneri anche a laureati provenienti da corsi di laurea attinenti a "ex-facolt" di-verse da "Ingegneria" (Architettura, Scienze matematiche, fisiche e naturali). Se tut-tavia si limita l'osservazione ai soli laureati delle classi pi specificatamenteingegneristiche1 (che per comodit verranno denominati laureati "tipici"), il tassodi crescita dei laureati dell'area ingegneristica ancora pi elevato: in tal caso infattiil numero di laureati, di primo e secondo livello arriva a 45.028, il 3,6% in pi deilaureati 2013.

Va evidenziato inoltre che gli ingegneri2 "tipici" di primo livello hanno fatto registrare,nel 2014, un incremento del 5,1% rispetto all'anno precedente, in controtendenzacon l'intero universo dei laureati con competenze ingegneristiche tra i quali si regi-stra, al contrario, un calo dello 0,3%

Tra i laureati "tipici" prosegue la crescita della componente femminile, tanto chela quota delle laureate arriva nel 2014 a sfiorare quota 30% dei laureati. Da segna-lare, tuttavia, che nell'universo "completo" dei laureati con competenze ingegneri-stiche, si assiste, dopo anni di progressiva crescita, ad una leggera flessione dellaquota di donne laureate: 30,9% contro il 31,1% del 2013.

Gennaio 2016

1. Dal conteggio sono esclusi i laureati del vecchio ordinamento e quelli delle classi L-17 Scienze dell'architet-tura, L-23 Scienze e tecnica dell'edilizia, L-31 Scienze e tecnologie informatiche, LM-18 Informatica e i lorocorrispondenti secondo la classificazione in base al DM 509/992. In realt il termine "ingegnere" riservato esclusivamente ai laureati iscritti all'albo professionale, ma per co-modit in questo lavoro il termine "ingegnere" verr utilizzato per indicare tutti i laureati con competenze inge-gneristiche.

LAUREATI AI CORSI DI LAUREA NGEGNERISTICI "TIPICI" (V.A.). SERIE 2012-2014

QUOTA DI DONNECHE HANNO CONSEGUITO UN TITOLO INGEGNERISTICOSUL TOTALE (VAL.%). SERIE 2010-2014

Pi di un quarto dei laureati ha frequentato il proprio corso di laurea presso unodei due politecnici di Milano e di Torino, i principali centri di formazione ingegne-ristica italiani. Per entrambi si rileva un incremento del numero di laureati: +5,6%per il Politecnico di Milano (in assoluto l'ateneo con il maggior numero di laureati) e+9,8% per quello di Torino.In flessione (-12,6%), al contrario, il numero di laureati presso la Sapienza di Romache conferma comunque la terza posizione nella graduatoria relativa al numero dilaureati.In 11 atenei (di cui 3 in teledidattica) si sono registrati meno di 100 laureati.

Gennaio 2016

ATENEO V.A.

2013 2014 VAR %

% V.A. % 13/14

Milano PolitecnicoTorino PolitecnicoRoma La SapienzaNapoli Federico IIBolognaPadovaBari PolitecnicoPisaPalermoGenovaFirenzeCataniaParmaMarcheCalabriaVenezia IuavRoma TreTrentoCagliariRoma Tor VergataSalernoModena e Reggio EmiliaUdinePaviaBresciaNapoli IIL'AquilaReggio CalabriaPerugia

8.2065.0143.9473.1322.3012.2251.5761.5491.4451.2521.1681.1431.0081.1821.0271.042

997764857825816673629614675566607469534

15,79,67,66,04,44,33,03,02,82,42,22,21,92,32,02,01,91,51,61,61,61,31,21,21,31,11,20,91,0

8.6685.5073.4503.0832.5682.2461.6031.3721.2831.2451.1851.0951.0261.0241.016

951923865807807804718699626618585583535518

16,510,5

6,65,94,94,33,12,62,42,42,32,12,02,01,91,81,81,61,51,51,51,41,31,21,21,11,11,01,0

5,69,8

-12,6-1,611,6

0,91,7

-11,4-11,2

-0,61,5

-4,21,8

-13,4-1,1-8,7-7,413,2-5,8-2,2-1,56,7

11,12,0

-8,43,4

-4,014,1-3,0

LAUREATI* CON TITOLO INGEGNERISTICO PER ATENEO. CONFRONTO 2013-2014 (V.A., VAL.% E VAR.%)

(segue)

Gennaio 2016

* sono compresi i laureati di primo e di secondo livello del nuovo ordinamento, i laureati quinquennali e i diplomatiuniversitari del vecchio ordinamento

ATENEO V.A.

2013 2014 VAR %

% V.A. % 13/14

TriesteBergamoFerraraRoma MarconiSalentoChieti e PescaraCamerinoCassinoMilanoNapoli ParthenopeBariBasilicataMessinaSannioMilano BicoccaCastellanza LIUCRoma BiomedicoInsubriaSienaTorinoNovedrate e-CampusEnna - KOREVeronaSassariRoma UNINETTUNOBolzanoMoliseVenezia C FoscariNapoli PegasoCatanzaroPiemonte OrientaleUrbino Carlo BoRoma UNICUSANOMilano CattolicaTotale

615399516171342266286270290213244244291224172139118

88141116

9066

1137861636168

-804134

-2

52.145

1,20,81,00,30,70,50,50,50,60,40,50,50,60,40,30,30,20,20,30,20,20,10,20,10,10,10,10,1

-0,20,10,1

-0,0

100,0

502457457347343327293274256249246246215215179143138128120116110103102

858476676652352922

3-

52.495

1,00,90,90,70,70,60,60,50,50,50,50,50,40,40,30,30,30,20,20,20,20,20,20,20,20,10,10,10,10,10,10,00,0

-100,0

-18,414,5

-11,4102,9

0,322,9

2,41,5

-11,716,9

0,80,8

-26,1-4,04,12,9

16,945,5

-14,90,0

22,256,1-9,79,0

37,720,6

9,8-2,9

--56,3-29,3-35,3

--100,0

0,7

LAUREATI* CON TITOLO INGEGNERISTICO PER ATENEO. CONFRONTO 2013-2014 (V.A., VAL.% E VAR.%)

Analizzando la distribuzione dei laureati in base alla loro residenza territoriale, lapopolazione a maggior vocazione ingegneristica risulta in assoluto quella della pro-vincia di Parma con 16 laureati in "ingegneria" ogni 1.000 giovani in et 18-25 anni.Seguono Ascoli Piceno, Lecco, L'Aquila e l'intero Molise, mentre al contrario, laprovincia di Bolzano e il nord della Sardegna sono le aree in cui la propensione aglistudi ingegneristici minore.

Gennaio 2016

NUMERO DI LAUREATI CON TITOLO INGEGNERISTICO OGNI 1.000 RESIDENTI IN ET 18-25 ANNI. ANNO 2014

N.B. sono compresi i laureati di primo e di secondo livello del nuovo ordinamento, i laureati quinquennali e i di-plomati universitari del vecchio ordinamento* giovani in et 18-25 anni (dati Istat - popolazione residente al 1.1.2014 )

Gennaio 2016

Per quanto riguarda la composizione dei laureati con competenze ingegneristiche,si rileva un brusco calo della componente civile ed ambientale tra i laureati di primolivello (-7,2%), mentre tra quelli di secondo livello essa rappresenta ancora il grossodei laureati, costituendo con 10.794 laureati quasi il 45% dell'universo dei laureatidi secondo livello ingegneristici.In grande ascesa, sia tra i "triennali" che tra i "magistrali/specialistici" la quota dilaureati degli indirizzi attinenti al settore "industriale" (rispettivamente +4,6% e +6,8%).

La flessione della componente "civile e ambientale", cos come la contempora-nea crescita di quella "industriale" strettamente correlata alla congiuntura econo-mica che in questa fase sfavorisce di gran lunga il settore civile ed ambientale (nona caso calano sensibilmente i laureati dei corsi riconducibili alla ex facolt di Archi-tettura), mentre al contrario offre buone opportunit lavorative ai laureati degli indirizzi"industriali."

SETTORE V.A.

2013 2014 VAR %

% V.A. % 13/14

Civile ed ambientaledell'informazioneIndustrialeDiplomi universitari V.OTotale primo livello

Civile ed ambientaleDell'informazioneIndustrialeMisto*Non consentono l'iscrizione all'albo**Corsi di laurea V.O.Totale secondo livello

9.7498.154

10.4403

28.346

10.5493.9394.9803.731

175404

23.778

34,428,836,8

0100

44,416,620,915,7

0,71,7

100

9.0478.278

10.9235

28.253

10.7943.7645.3203.941

213210

24.242

32,029,338,7

0,0100,0

44,515,521,916,3

0,90,9

100,0

-7,21,54,6

66,7-0,3

2,3-4,46,85,6

21,7-48,0

2,0

LAUREATI CON TITOLO INGEGNERISTICO PER SETTORE DI APPARTENENZA. CONFRONTO 2013-2014 (V.A. E VAL.%)

* I laureati delle classi di laurea specialistica/m