CORPAD 29-06-12

Click here to load reader

  • date post

    28-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    242
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Sant' Antonino è rimasto, ma Piacenza è cambiata

Transcript of CORPAD 29-06-12

  • Pubblicit inferiore al 45% - Contiene IPw w w. c o r r i e re p a d a n o . i t

    Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003(conv.in l.27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

    SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1983

    VENERD 29 GIUGNO 2012 - ANNO 30 N. 23 - EURO 0,20

    Mangiare e bere nei mesi caldi: come alimentarsi

    Cooperazione verso il futurocon le soluzioni vincentiGiornata Internazionale delle Cooperative, la crisi e le prospettive

    GAZZOLA DA PAGINA 7

    4 luglio - Le trasformazioni della citt, che rischia di perdere anche lo status di Provincia

    SantAntonino rimasto,ma Piacenza cambiataTornano le 390 bancarelle e le celebrazioni religiose per il patrono, tradizioni di sempreche si accompagnano ai mutamenti demografici: oggi 1 under 40 su 4 straniero

    Le tradizioni che si rinnovano e i cambia-menti demografici legati ai flussi migratori:riti religiosi, premiazioni e bancarelle perSantAntonino e la conferma che Piacenza sempre pi globale sono due chiavi di lettura,diverse ma inscindibili, per capire la citt incui celebriamo un altro 4 luglio

    GAZZOLA E ALBERICI ALLE PAG. 3, 6 E 7

    La polemica

    Romersi (Pd): Tagli,parola ai cittadiniTassi (Pdl) critico

    POLLASTRI A PAGINA 4

    F i o re n z u o l a

    Giunta in bilico.Prc, il 28enne Santileader provinciale

    IANNOTTA A PAGINA 17

    Temperature africane e afasi battono anche a tavola

    DOSSENA A PAGINA 5

    WEEKEND

    Festival Blues,non solo musica

    A PAGINA 11

    J-Ax, Meglio Livea Pontenure

    A PAGINA 13

    Ai lettori Corriere Padano in vacanza per una settimana.Torner in distribuzione gioved 12 luglio

  • Corriere Padano

    229 giugno 2012

    Guardia di Finanza, scoperti57 milioni sottratti al fisco

    VILLAGGIO GLOBALE

    I tagli di Monti

    Provinciaverso laddio

    LA SETTIMANA

    Provincia al capolineaCrolla il mito Primogenita!

    (do.and) Funerale per la Pro-vincia di Piacenza? La mortedello storico ente, uno dei ven-tidue nati con lUnit dItalia,sembra irrevocabile dopoquanto deciso dal Governo: do-vrebbero salvarsi quelle con u-na popolazione superiore ai350mila abitanti, con une-stensione maggiore di 3milachilometri quadrati e con pidi 50 Comuni.Piacenza fuori da tutti e tre i

    parametri di cui sopra, ma i-dentico destino sembra scrittoanche per quasi tutte le altreAmministrazioni provincialiemiliano-romagnole, dato chesolo Bologna e Parma soddisfa-no i tre criteri imposti dal Go-verno Monti e confermati daiministri Filippo Patroni Griffie Annamaria Cancellieri.Per Patroni Griffi si tratta di

    una riforma veramente epo-cale, ma Piacenza - dopo lacancellazione dellente Pro-vincia - rischierebbe di perde-re anche Prefettura, Questurae Ausl.

    DI GIUSEPPE DE PETRO

    Da sinistra, Pasquali, Gallini, Parenti, Bolzoni

    APPROFONDIMENTO ON LINEw w w. c o r r i e r ep a d a n o . i t

    Il presidente del consiglio provinciale RobertoPasquali, di ritorno dallincontro romano con i mi-nistri Filippo Patroni Griffi e Annamaria Cancel-lieri, ha annunciato il De profundis dellenteProvincia di Piacenza. Sullaltare della spendingreview verrebbero immolati 150 anni di storia diPiacenza Primogenita. Merito (?) che Pasquali a-vrebbe reclamato a gran voce senza per impres-sionare nessuno. Beata ingenuit. La storia ci rac-conta che Piacenza chiese lannessione al Regno diSardegna per sfuggire allinfluenza di Parma, nonper altro. Allora, molto semplicisticamente ma ef-ficacemente, Carlo Alberto di Savoia pensava diconquistare al massimo la Lombardia e il Veneto,lItalia non era nei suoi pensieri. Quindi facciamolafinita con questa manfrina di Piacenza Primogeni-ta. Aggiungo che solo nel 1942 Piacenza fu insigni-ta della Medaglia doro come benemerita del Ri-sorgimento, in ordine cronologico ventisettesimaed ultima. Il riconoscimento era stato istituito nel1898 e l e prime citt ad ottenerlo furono Milano,Brescia e via discorrendo, che si distinsero per la re-sistenza sanguinosa agli oppressori, non certo persfuggire a Parma. Di quel opportunistico gesto nes-suno si ricord: fu una congrega di nobili ed eccle-siasti a mettere in moto la diplomazia vaticana perricordare al re Vittorio Emanuele III il gesto pia-centino. Risulterebbe che a Casa Savoia nessunone fosse a conoscenza. Pensare che, a distanza disettantanni, quel titolo si possa ancora spendere uningenuit che ad un amministratore, per di pipresidente del consiglio provinciale ed ex sindacodi Bobbio, non si pu perdonare.La proposta dellassessore provinciale Pier Paolo

    Gallini di aumentare la capienza della provincia i-spirandosi alla formazione della Diocesi di Piacen-za e Bobbio che comprende anche i comuni di Bardi,Bedonia e Albareto ha tutta laria di essere dettatadalla disperazione. Per sfuggire a Parma le sot-traiamo tre comuni, confidando nel loro consensosenza considerare il castello procedurale che oc-correrebbe mettere in piedi. Che dire? Nulla.Le poche righe che rimangono vorrei spenderle

    per accogliere tra gli expo scettici il presidentedella Camera di Commercio Giuseppe Parenti(benvenuto) e per sottolineare la realistica ed effi-cace iniziativa di Confindustria di trattare con Tre-nord lallungamento della tratta gi programmataMilano Lodi fino a Piacenza per ottenere pi cor-se e facilitare lintegrazione di Piacenza nellareametropolitana di Milano. Evidente il contributoper lo sviluppo del nostro territorio. Una proposta,come ha sottolineato il presidente Emilio Bolzoni,che non si pu comprendere tra le attivit di lobbydellassociazione, ma per la crescita del sistemaPiacenza. Aggiungo, proposta che supera quellastucchevole disputa, anacronistica e perditempo,alimentata impropriamente in modo anonimo, cir-ca lutilit di abbandonare la Regione Emilia Ro-magna per traslocare in Lombardia. Argomentoquesto che riprenderemo tra quindici giorni, quan-do torneremo in distribuzione. Ci prendiamo unabreve vacanza.

    (a.d.) Primi bilancidel 2012 per la Guar-dia di Finanza di Pia-cenza, che ha celebra-to il 238esimo anniver-sario della fondazionedel Corpo a Piacenzaluned 25 giugno, pres-so lo storico polo cultu-rale piacentino dellU-niversit Cattolica ealla presenza dellemassime autorit cit-tadine. Nel corso dellacerimonia sono statipremiati alcuni milita-ri che si sono partico-larmente distinti in ri-levanti operazioni diservizio, inoltre lanni-versario stato locca-sione per tracciare unbilancio sui risultaticonseguiti dalleFiamme Gialle pia-centine nei primi cin-que mesi del 2012.Nel periodo gen-

    naio-maggio 2012, laGuardia di Finanza di Piacen-za - sotto il comando del colon-nello Maurizio De Panfilis(nella foto a destra) - ha esegui-to 47 verifiche fiscali, scopren-do 18 evasori totali distribuititra i vari settori di attivit. Estata rilevata, fino a tutto mag-gio, una sottrazione di base im-ponibile di oltre 57 milioni dieuro mentre lIva evasa statasuperiore a 25 milioni di eu-ro.I reati fiscali accertati nel pe-

    riodo gennaio-maggio 2012 so-no stati 50 (in linea rispetto al-lo stesso periodo del 2011),per i pi svariati delitti tribu-tari, dalla omessa presenta-zione delle dichiarazioni dei

    redditi e dellIVA, alla emis-sione di fatture per operazioniinesistenti, dalla dichiarazio-ne fraudolenta, allocculta-mento o distruzione dellescritture contabili. Sul frontedel contrasto allevasione fi-scale internazionale, in conti-nuit con gli anni precedenti,la componente piacentina haproseguito a prestare la pro-pria attenzione verso tutti co-loro che, fiscalmente perico-losi, pongono in essere con-dotte evasive complesse ed in-sidiose per ingannare il Fisco.Efficace stata lattuazione

    dei Piani di Coordinati di Con-trollo del Territorio finalizzatinon solo a verificare la corret-

    ta emissione di ricevu-te e scontrini fiscali maa rilevare sul campomanifestazioni di ric-chezza che evidenzinosproporzione tra quan-to dichiarato e quantoeffettivamente posse-duto e a garantire la tu-tela degli operatoricommerciali regola-ri dalla sleale ed ille-cita concorrenza degliabusivi e di coloro chevendono merci fuorinorma.A fronte di 1.398 ispe-

    zioni sul corretto rila-scio degli scontrini edelle ricevute fiscali lemancate emissioni daparte degli esercentisono risultate pari a 595(circa il 43%) chehannodeterminato la conse-guente segnalazione al-la Direzione Regionaledelle Entrate di Bolo-gna per35 esercizi in-

    fedeli(oltre il 90 % rispettoallo stesso periodo del 2011).Nel settore dei controlli agli

    apparecchi di intrattenimen-to, nel 2012, i Reparti territo-riali hanno eseguito 26 inter-venti tra cui spicca la chiusuradi una sala slotsprovvista dilicenza T.U.L.P.S. ed il seque-stro di n. 6 apparecchi di in-trattenimento VLT di ulti-ma generazione.Va sottolineato, in ultimo,

    limpegno dellaliquota pia-centina del Corpo specializza-ta antiterrorismo pronto im-piego, che sta concorrendo fat-tivamente allemergenza ter-remoto che ha gravemente col-pito la nostra Regione.

    Tra gennaio e febbraio gi50 reati fiscali accertati

    dalle Fiamme Gialle

  • 29 giugno 2012 Corriere Padano

    3

    nanza. Dal godimentodi diritti nasce il senti-mento di appartenenzaad una comunit, che e-duca ai doveri che ognicittadino ha nei con-fronti della comunitstessa. Per questo - af-ferma Bernardo Carli(tra i fondatori di ViaRoma citt aperta oltreche anima del laborato-rio La fabbrica deiGrilli di via Tibini) -dobbiamo interveniresugli immigrati di se-conda generazione chehanno perduto le radicioriginarie e che qui nonhanno diritti, a comin-ciare dalla cittadinan-

    za. Il processo di integrazione aggiunge Carli - pu essere go-vernato solo attraverso la con-taminazione delle culture in unsistema che salvaguardi il vis-suto storico della comunit cheospita al pari di quello di chi ar-riva da realt diverse. Le asso-ciazioni Via Roma citt apertae Casa Montagna (di Ferriere)collab