CORPAD 02-02-12

download CORPAD 02-02-12

If you can't read please download the document

  • date post

    09-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    243
  • download

    2

Embed Size (px)

description

Scuola, quanto mi costi! "Sorpresina" da 150 euro

Transcript of CORPAD 02-02-12

  • Pubblicit inferiore al 45% - Contiene IPw w w. c o r r i e re p a d a n o . i t

    Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003(conv.in l.27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

    SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1983

    GIOVED 2 FEBBRAIO 2012 - ANNO 30 N. 3 - EURO 0,20

    Allestimento ok, ma mal segnalata

    Comunali, lora della veritIl centrosinistra alle primarieCentrodestra: congresso Pdl, in assenza di sorprese si rischia lo stallo

    PARADISO A PAGINA 4

    Istruzione - I tagli spingono gli istituti ad arrangiarsi come possono. Sindacati preoccupati

    Scuola, quanto mi costi!Sorpresina da 150 euroFamiglie piacentine costrette ad aprire il portafogli anche per il sempre pi dispendiosocontributo volontario, di fatto obbligatorio per il normale funzionamento delle attivit

    Fino a 150 euro per ogni figlio iscritto ad unascuola superiore. E quanto devono sborsare lefamiglie piacentine per il contributo volontarioche ormai di fatto obbligato per assicurare ilfunzionamento delle attivit e consentire agliistituti di ampliare lofferta formativa. Tra itagli e le preoccupazioni dei sindacati

    DOSSENA A PAGINA 3

    Loperazione Flanker

    Piacenza dormesu un materassopieno di cocaina

    DOSSENA A PAGINA 5

    F i o re n z u o l a

    Che fine hanno fattole 100 idee giovanilanciate dal Pd?

    IANNOTTA A PAGINA 13GAZZOLA A PAGINA 3

    Ricci Oddi, da BellItaliauna pagella in chiaroscuro

    WEEKEND

    F i n o c c h i a roal Municipale

    A PAGINA 8

    Motogeloa Bettola

    A PAGINA 15

  • Corriere Padano

    22 febbraio 2012

    VILLAGGIO GLOBALE

    Welfare - Le politiche sociali non incentivano le giovani coppie a metter su famiglia

    Italia paese di nonni,ma sono senza nipotiNatalit in picchiata: solo 9,5 beb ogni 1000 abitanti, in Francia e RegnoUnito sono oltre 12. E i bambini italiani sono sempre di pi in sovrappeso

    L'Italia non un 'Paese perbambini', che sono pochi e ten-denzialmente obesi. E il qua-dro che emerge dal primo 'Li-bro bianco 2011. La salute deibambini' pubblicato dall'Os-servatorio Nazionale sulla Sa-lute nelle Regioni Italiane incollaborazione con la Societitaliana di pediatria (Sip).Bassa natalit significa scarsoricambio generazionale: dal1871 al 2009 la natalit si quasi dimezzata (-74,25%) eattualmente nascono 9,5 bebogni 1000 abitanti. Il livellodella fecondit in lieve au-mento grazie all'apporto delledonne straniere.NONNI SENZA NIPOTI - lI-

    talia ha un volto sempre pivecchio: sebbene la popolazio-ne italiana dal 2001 al 2010 siaaumentata del 5,9%, tale in-cremento non ha interessatola fascia di et 0-18 anni, cheinvece diminuita del 2,64%.Questi dati confermano il ra-pido processo dinvecchia-mento che si sta delineandonel nostro Paese. A livello ter-ritoriale, la percentuale mag-giore di giovani under-18 anni(21,6%) si registra in Campa-nia che, ormai da anni, detiene

    il record di regione pi giova-ne.ITALIANE, POCHI FIGLI -

    LItalia uno dei Paesi europeidove i livelli di fecondit tota-le, seppur in crescita, risulta-no tra i pi contenuti. Nel2008, il Tft stato pari a 1,4 fi-gli per donna. Tale valore, an-che se in lieve aumento rispet-to agli anni precedenti (+0,1punti percentuali rispetto al2000), risulta, comunque, in-

    feriore al livello di sostituzio-ne (circa 2,1 figli per donna)che garantirebbe il ricambiogenerazionale. Dal LibroBianco emerge lincrementodelle nascite da cittadini stra-nieri, sia con uno che con en-trambi i genitori stranieri, so-prattutto a partire dallanno2003. Le regioni del Nord sononel 2008 quelle con la pi ele-vata incidenza di nati da alme-no un genitore straniero: lE-

    milia-Romagna (madre 25%;padre 21,7%), il Veneto (ma-dre 24,4%; padre 21,6%) e laLombardia (madre 23,2%; pa-dre 20,6%).Sono i romeni, la prima comu-

    nit per presenza (20,5%), agenerare il pi alto numero dinati tra gli stranieri (17,2%); alsecondo posto la comunit ma-rocchina con il 16,9%, segue lacomunit albanese con il12,6%.ALIMENTAZIONE SREGO-

    LATA - Niente di buono sulfronte delle abitudini alimen-tari, che sono in peggioramen-to. E in aumento sia il consu-mo di alcolici fuori pasto, sia ilconsumo di diversi tipi di ali-menti proteici. Al Nord i bam-bini con una linea migliore.PROBLEMI CON LA BI-

    LANCIA - Il 22,9% dei bambi-ni di 8-9 anni risultato in so-vrappeso e l11,1% in condi-zioni di obesit. Le regioni chepresentano i valori maggioriper il sovrappeso sono Abruz-zo e Campania.Le cause sono legate a unali-

    mentazione ipercalorica e alfatto che i bimbi si muovonomolto meno che in un passato.(Agenzia Dire - www.dire.it)

    Latte: berne ogni giornotiene allenata la menteIl latte una sorta di 'benzina' del cervello, al punto che

    berne almeno un bicchiere al giorno tiene allenata la men-te, migliora la memoria e potrebbe contribuire a prevenireo a rallentare il decadimento neurologico.A dimostrare un nuovo effetto benefico per il primo ali-

    mento della vita uno studio americano pubblicato sull''In-ternational Dairy Journal': scienziati dell'universit delMaine hanno misurato le performance cerebrali di oltre 900uomini e donne tra i 23 e i 98 anni d'et, sottoponendoli a te-st in cui sono stati valutati 8 diversi parametri chiave. I risul-tati sono stati "significativamente migliori" per chi consu-mava pi latte e latticini.In particolare, rispetto a chi non beveva latte, chi lo consu-

    mava spesso mostrava un rischio 5 volte inferiore di fare 'flo-p' ai test. Indipendentemente dall'et, le performance pibrillanti sono state ottenute da chi dichiarava il maggiorconsumo di latte e derivati.E l'effetto positivo di questi alimenti sui neuroni restava

    valido anche 'correggendo' i risultati tenendo conto di altrifattori, come le condizioni cardiovascolari o le abitudini divita in generale. Secondo gli autori i risultati dello studiovanno approfonditi, ma suggeriscono la possibilit che al-cuni nutrienti contenuti nel latte abbiano un'azione direttasulle funzioni cerebrali.Ci significherebbe che "un semplice cambiamento dello

    stile di vita" a tavola, osservano gli scienziati, "potrebberappresentare un'opportunit per rallentare o prevenire ladisfunzione neuropsicologica". (Adnkronos Salute)

    I migliori 100 dischi italiani di sempre:Vasco batte anche Battisti e De AndrIl miglior album italiano di sempre Bollicine di Vasco Rossi, che batte

    anche La voce del padrone di FrancoBattiato, Una donna per amico diLucio Battisti e Creuza de ma di Fa-brizio De Andr. Se ogni classifica soprattutto un pretesto per discute-re, quella risultante dal voto dei 100giurati scelti da Rolling Stone Italiasta scatenando un vero e proprio pu-tiferio tra gli appassionati.In occasione del centesimo numero

    delledizione italiana del pi celebremensile specializzato del mondo, in-fatti, la rivista ha chiesto ad un paneldi 100 personaggi della letteratura,dell'arte, della politica, della musica,della moda e dello sport (non solo ad-detti ai lavori ma anche big di altrisettori, da Carlo Verdone a MatteoRenzi, da Marco Travaglio a Valenti-no Rossi) di indicare i propri dieci al-bum italiani preferiti di tutti i tempi.

    Dalla somma dei voti uscita una gra-duatoria che include tra i primi diecianche Jovanotti, Capossela, Dia-

    framma, CSI, Area e Celentano, men-tre Ligabue si deve accontentare del-l11esimo posto e storici big come Ba-

    glioni e Vecchioni non figurano nem-meno nei 100.La compilation di critiche piovute

    sulla classifica non preoccupa pernulla il direttore di Rolling Stone Ita-lia Michele Lupi, secondo il qualePensare di riassumere 50 anni dimusica italiana in una lista di 100 di-schi gi era una discreta follia. La co-sa di cui per siamo certi che questocoincide con i gusti di Rolling Stone I-talia e d unidea molto vicina allarealt della musica che circolatanelle camerette, nelle piazze, nelleradio, negli stadi, nei club, nei circolie nei centri sociali del nostro Paese.Essendo la lista frutto della sommamatematica dei voti della giuria - haammesso Lupi - si scateneranno pole-miche sui nomi mancanti. Per questoabbiamo aperto un indirizzo mail de-dicato (manonavetemesso@rollin-gstonemagazine.it), dove i lettori po-tranno scaricare le proprie frustra-zioni. Ci sar da divertirsi.

    Andrea Dossena

    Le donne sanno parcheggiare meglioStudio della pi grande azienda di parking del Regno Unito smentisce i luoghi comuniLe donne sono pi brave a trovar parcheg-

    gio degli uomini, calcolano meglio gli spa-zi, individuano prima il posto dove lascia-re la vettura e sono pi corrette. E' quantosostiene la pi grande azienda di parkingdel Regno Unito, National Car Parks, che arrivata alla conclusione dopo aver filma-to per unmese 2.500 automobilisti in 700diverse autorimesse. Per un mese e' statosguinzagliato un team di ricercatori, se-condo i quali limpazienza spinge spessogli uomini a guidare troppo velocemente ead essere frettolosi; l'approccio pi lentodelle donne le rende in grado, invece, dinotare gli spazi e individuare prima quan-do c' unauto che se ne sta andando.Pi di tre quarti delle donne, inoltre, so-

    no risultate eccellere nella cosiddetta 'po-sizione di pre-parcheggio, il posiziona-mento cio per entrare in uno spazio. Il 39per cento delle donne ha eseguito in modopulito la retromarcia negli spazi, rispetto

    al 28 per cento degli uomini osservati. In-fine, gli uomini sono molto piu' veloci nelparcheggiare, impiegando 16 secondi ri-spetto ai 21 necessari alle donne per com-pletare la manovra; tuttavia il tempo ag-giuntivo ha consentito al 52 per cento del-le donne di piazzarsi proprio nel mezzo delparcheggio, rispetto al 25 per cento degli

    uomini. E' vero, come qualcuno fa notare,che parcheggiare nel bel mezzo delle stri-sce puo' non essere il criterio migliore digiudizio, soprattutto nel caso che chi haparcheggiato prima abbia lasciato l'automolto vici