Cornoldi padova

download Cornoldi padova

If you can't read please download the document

  • date post

    19-Jul-2015
  • Category

    Internet

  • view

    204
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Cornoldi padova

  • Cesare Cornoldi

    Universit

    degli Studi di Padova, Presidente

    Nazionale AIRIPANazionale AIRIPA

    9.30-10.15 Caratteristiche del

    problema e storia dei bambini con i

    DSA

  • Difficolt a scuola

    In tutto il mondo, moltissime famiglie sono coinvolte, prima o dopo, nelleproblematiche scolastiche dei propri figli. Sullaltro fronte, gli insegnanti si lamentanocon grande frequenza delle difficolt di apprendimento manifestate dai loro allievi. Nonc nessuna sorpresa se un insegnante, con 25 alunni in classe, ne indica un gruppetto di7-8 come incerto o assolutamente deficitario negli apprendimenti.

    Molte sono le ragioni per cui uno studente pu fallire a scuola e molti sono i profilisottostanti. I profili fondamentali (stimandone in prima approssimazione lincidenza)sottostanti. I profili fondamentali (stimandone in prima approssimazione lincidenza)che potrebbero sottostare a una difficolt scolastica importante sono i seguenti:

    1) Condizione di handicap (mentale, sensoriale visivo, sensoriale uditivo, multiplo)(1.2%)

    2) Disturbo specifico di apprendimento (4%)

    3) Disturbi specifici collegati: disturbo di attenzione e/o iperattivit (DDAI) e altreproblematiche evolutive severe (autismo ad alto funzionamento, disturbi delcomportamento, problematiche emotive gravi, ecc.) (4%)

    4) Svantaggio socio-culturale grave (condizioni di deprivazione precoce,appartenenza a gruppi svantaggiati e/o stranieri)

    5) Difficolt scolastiche in altre aree scolastiche rilevanti, quali la lingua straniera,aspetti avanzati dellapprendimento matematico, le abilit trasversali di studio, ecc.

  • Qual lincidenza dei DSA?

    Fonte: Cornoldi, 1999

  • Dati internazionali

    Non esistono dati univoci. Tradizionalmente

    si parlava di

    DSA fra il 3-4% DSA fra il 3-4%

    DSL fra 1-2%

    DI 1%

    Disturbi emotivi gravi fra .5 e 1%

    Handicap vari fra .2 e .5%

  • Disturbo Specifico della lettura

    Disturbo dellEspressione scritta

    Lettura decifrativa

    Comprensione del testo

    Scrittura Disturbo dellEspressione scritta

    Disturbo Specifico del Calcolo

    Espressione scritta

    Numeri e calcolo

    Problem solving matematico

  • Storia: analisi longitudinale

  • Perch occorre una descrizione

    accurata?

    Uso di parametri condivisi

    Effetti di sotto- sovra-stima

    Standard riconoscibili Standard riconoscibili

    Esame dello sviluppo

    Esame degli effetti del trattamento

  • Problemi nello sviluppo e DSA

    Fonte: Bertelli, Congresso CNIS 2008

  • VL=1,85

    Errori 8

  • 2,6

    3,1

    3,9

    4,44,6

    3

    3,3

    3,8

    4,2

    4,9

    5,3

    2,6 2,6

    3

    4

    5

    s

    i

    l

    l

    /

    s

    e

    c

    1,6

    2,1

    2,6

    2,1

    1,1

    1,5

    1,9

    2,2

    2,6 2,6

    1,3

    0

    1

    2

    2a el. 3a el. 4a el. 5a el. 1a med. 2a med. 3a med.

    classe

    s

    i

    l

    l

    /

    s

    e

    c

    A

    A

    A A

  • Si pu fare qualcosa per i problemi

    dellapprendimento (es. dislessia)?

    Ci sono molte posizioni a riguardo, alcune eccessivamente ottimistiche, alcune eccessivamente pessimistiche

    Occorre comunque sfatare quattro idee:

    1) che una predisposizione biologica non plasmabile 1) che una predisposizione biologica non plasmabile

    2) che un requisito per la diagnosi di dislessia sia la non-modificabilit

    3) che dislessia e normalit siano condizioni separate

    4) che il progresso si misuri solo sul parametro specifico

  • Plasmabilit: Lapproccio

    neurocostruttivistaLapproccio neurocostruttivista allo sviluppo normale e patologico (per

    una rassegna si vedano Karmiloff-Smith 1998; Ansari e Karmiloff-

    Smith, 2002; Scerif e Karmiloff-Smith, 2005) riconosce pienamente il

    ruolo dei vincoli biologici innati (fattori genetici), ma diversamente

    dagli innatisti considera questi vincoli meno forti e meno dominio-dagli innatisti considera questi vincoli meno forti e meno dominio-

    specifici, distanti e distinti dalle funzioni neurocognitive di ordine

    superiore. Considerando il protratto periodo di sviluppo post-natale

    necessario alla formazione delle funzioni dominio-specifiche della

    neocorteccia, si ritiene che il processo di sviluppo stesso a giocare un

    ruolo cruciale nel determinare il risultato finale.

  • Possible Locations of Genes That Influence

    RD, ADHD, or both RD and ADHD

    RD

    R+A

    RD

    RD

    R+A

    AD R+A

    AD

    R+A

    RD

    RD RDR+A

    R+A

    RDRD

    RD

    R+A

    RD

    AD

    AD

    R+A R+A

    AD

    R+A

    R+A

    AD

  • Innatismo e esperienza

    Diversamente dagli empiristi, i neurocostruttivisti riconoscono il ruolo di specifici fattori innati (e.g., fattori genetici), ma, diversamente dai classici approcci neuropsicologici, assumono che questi abbiano inizialmente un effetto ampio e diffuso (dominio-generali), diventando dominio-specifici con i processi (dominio-generali), diventando dominio-specifici con i processi di sviluppo e con le specifiche interazioni ambientali. In questa prospettiva, i moduli sono considerati il risultato finale di processi evolutivi di modularizzazione. Unimportante conclusione a cui conduce lapproccio neurocostruttivista

    applicato alla neuropsicologia evolutiva che i DSA non sono

    cos specifici

  • Criterio della non-modificabilit

  • CRITERI PER LA DIAGNOSI

    DI DISLESSIA E

    DISORTOGRAFIA (disturbi

    specifici della lettura e specifici della lettura e

    dellortografia)

  • CODICI ICD-10 SECONDO VERSIONE 2010

    (HTTP://APPS.WHO.INT/CLASSIFICATIONS/ICD

    10/BROWSE/2010/EN#/F80-F89)

    :

    - F81.0: disturbo specifico della lettura (fluenza, accuratezza)

    (*). Da segnalare difficolt nella comprensione (**)

    - F81.1: disturbo specifico dellortografia

    - F81.2: disturbo specifico delle abilit aritmetiche.

    - F81.3: disordine misto delle abilit scolastiche. Comorbidit - F81.3: disordine misto delle abilit scolastiche. Comorbidit

    di disturbo specifico delle abilit aritmetiche e di lettura e/o

    ortografia (vedi nota ***).

    - F81.8 : disturbo dellespressione scritta (disgrafia in

    assenza di F82.1)

    - F82.1: disturbo evolutivo specifico della funzione motoria

    (inclusa la disprassia), per i disturbi della grafia.

  • DSM-5

    Non ritiene ci siano motivazioni sufficienti per

    una differenziazione. Presenta un unico disturbo

    Specifica la gravit

    Criteri di gravit dei DSA secondo il DSM-V Lieve: Alcune difficolt ad apprendere competenze in uno o due domini accademici, Lieve: Alcune difficolt ad apprendere competenze in uno o due domini accademici,

    ma di gravit abbastanza tenue che l'individuo pu essere capaci di compensare, se

    ben seguito

    Moderata: marcata difficolt ad apprendere abilit in uno o pi domini accademici

    in modo che sia improbabile che l'individuo diventi esperto senza periodi i di

    insegnamento intenso e specializzato durante gli anni scolastici. Si rendono

    necessarie un ridimensionamento del lavoro a scuola, o servizi di sostegno, per

    completare le attivit in modo adeguato ed efficiente.

    Severa: gravi difficolt nellapprendere competenze, , che influiscono su numerosi

    domini accademici, in modo che sia improbabile che l'individuo apprenda quelle

    abilit senza insegnamento individualizzato e specializzato per la gran parte degli

    anni scolatici. Anche se aiutato appropriatamente, possibile che l'individuo non sia

    in grado di completare tutte le attivit in modo efficiente.

  • DISLESSIA

  • I 9 CRITERI

    1 PROVE STANDARDIZZATE

    Al fine di uniformare i criteri di fondo per la

    diagnosi di dislessia, suggeriamo di attenersi ai

    seguenti punti.

    1. La valutazione delle singole abilit deve

    prevedere lutilizzo di prove standardizzate che prevedere lutilizzo di prove standardizzate che

    esaminano la lettura (in alcune delle sue forme

    principali ). Le prove devono avere adeguate

    propriet psicometriche, in particolare per

    quanto riguarda la validit, lattendibilit test-

    retest e le caratteristiche del campione di

    standardizzazione,

    P4

  • Diapositiva 21

    P4 meglio ribadire quanto indicato nella CC-ISS, brano, liste di parole e di nonparolePatrizio; 27/05/2013

  • 4 RESISTENZA ALLA STIMOLAZIONE

    DIDATTICA

    Nei casi molto dubbi e senza una chiara storia

    pregressa di disturbo, si suggerisce di applicare

    in via provvisoria la normativa sui DSA, ma

    proporre alcune stimolazioni e verificare se esse

    producono un sostanziale cambiamento tale da producono un sostanziale cambiamento tale da

    riportare la prestazione del bambino entro i

    valori tipici. Nel caso si verificasse un sostanziale

    cambiamento non si potr fare diagnosi di DSA e

    andranno ritirati i provvedimenti

    temporaneamente adottati.

    P6

  • Diapositiva 22

    P6 "ma" o "e"Patrizio; 27/05/2013

  • 9 CONFERMA DELLA DIAGNOSI

    Se lo studente ha gi ricevuto in passato la

    diagnosi e ha affrontato attivit volte a ridurgli il

    problema, la diagnosi viene confermata in

    presenza di problema severo, anche se non viene

    raggiunto il cut-off richiesto per la prima raggiunto il cut-off richiesto p