CATALOGO DEF REV 27 09 11 CATALOGO DEF

of 188/188
  • date post

    18-May-2022
  • Category

    Documents

  • view

    1
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of CATALOGO DEF REV 27 09 11 CATALOGO DEF

CATALOGO_DEF_REV_27_09_11_CATALOGO DEFSistema analogico interattivo DEF 00.01.01 Sistema DEFNET con centrali ESSER 00.02.01 Sistema di centralizzazione “MGNET” 00.03.01 Sistema integrato DEF 00.04.01
Centrali analogiche DEF 01.00.00 CA1000 Centrale analogica a 2 loop o 4 linee aperte da 128 indirizzi 01.01.01
Architettura 01.01.02 Apparati 01.01.05
CA3000-NE Centrale a 2 loop o 4 linee aperte da 400 indirizzi 01.02.01 Architettura 01.02.02 Apparati 01.02.05
CA3000 Centrale a 10 loop o 20 linee aperte da 1600 indirizzi 01.03.01 Architettura 01.03.03 Apparati 01.03.06
Rivelatori analogici serie ORION 02.00.00 OA-O Rilevatore ottico interattivo 02.01.01 OA-T Rilevatore termostatico e termovelocimetrico Interattivo 02.02.01 ORION+ Rilevatore multicriterio combinato interattivo 02.03.01 EO Base per rilevatori serie ORION 02.04.01 SEO Base per rilevatori serie ORION dotata di sirena piezoelettrica 02.04.01 CB-EO Coperchio per la protezione della base EO 02.04.02 BRI Adattatore per applicazioni industriali per base EO 02.04.02 AC-EO Adattatore per installazione in controsoffitto per serie ORION 02.04.02 FCC110 Camera di analisi per condotte 02.04.03
Rivelatori lineari di fumo 03.00.00 E-BEAM/I Rivelatore ottico lineare interattivo 03.01.01 E-BEAM/RB Box remoto per rilevatore ottico lineare interattivo 03.01.02 KIT-3MIR Kit di riflettori per portata fino a 80m 03.01.02 KIT-8MIR Kit di riflettori per portata fino a 100m 03.01.02
Rivelatori di fiamma 04.00.00 FRIR200 Rivelatore di fiamma analogico indirizzato serie VEGA 04.01.01 FBS100 Base per rivelatore di fiamma 04.02.01 FBS101 Supporto plastico per etichetta per base FBS100 04.02.01
Tabelle di efficacia rivelatori APPENDICE 1
Pulsanti analogici indirizzati 05.00.00 DMOA Pulsante indirizzato con isolatore 05.01.01 DMOA-J Pulsante indirizzato con isolatore, colore giallo 05.01.01 DMOAR Pulsante indirizzato con isolatore e uscita di comando 05.02.01 PEDM / PEDM-J Cornici per incasso del pulsante serie DMOA(R) 05.03.01 VPDM Coperchio trasparente per pulsanti serie DMOA(R) 05.03.01 CRDM /CTDM chiavi di riarmo e di test per pulsanti serie DMOA(R) 05.03.01 SIDM Scatola plastica ad incasso per pulsanti serie DMOA(R) 05.03.01 KWP-DM Custodia protettiva da esterno per pulsanti serie DMOA(R) 05.03.01
I d a ti e
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
Indice
Moduli analogici indirizzati 06.00.00 IOM-1/B Modulo con isolatore ad 1 ingresso ed 1 uscita in scatola 06.01.01 IOM-1 Modulo con isolatore ad 1 ingresso ed 1 uscita su barra DIN 06.01.01 IOM-4/B Modulo con isolatore a 4 ingressi e 4 uscite in scatola 06.02.01 EDL-2IN Modulo indirizzato 2 Ingressi ed 1 uscite con isolatore 06.03.01 ED4L-8IN Modulo indirizzato 8 Ingressi e 4 uscite con isolatore 06.03.02 FMG/B Modulo di interfaccia per rilevatori di gas indirizzato in scatola 06.04.01 FMG/D Modulo di interfaccia per rilevatori di gas indirizzato su guida DIN 06.04.01 FM2086 Scheda gestione sinottico a 16 led 06.05.01 MBASV Concentratore indirizzato per linea di rivelazione convenzionale 06.05.01
Segnalatori d’allarme indirizzati 07.00.00 AS/R-W Sirene d’allarme indirizzate 07.01.01 901206 Targa ottico/acustica indirizzata 07.02.01 901216 Targa ottico/acustica indirizzata 07.02.01 901226 Targa ottico/acustica bifacciale indirizzata 07.02.02
Sistema wireless 08.00.00 TR-SF Transponder wireless indirizzato 08.01.01 TR-SF Architettura sistema wireless 08.01.02 OAO-SFRivelatore wireless ottico interattivo 08.02.01 DMOA-SF Pulsante wireless di allarme ripristinabile 08.03.01
Sistema ad aspirazione 09.00.00 SDAU Unità di rivelazione fumo ad aspirazione 09.01.01 SDAU Architettura 09.01.02 SDAU-1 Unità di rivelazione ad aspirazione ad 1 canale 09.01.03 SDAU-2 Unità di rivelazione ad aspirazione a 2 canali 09.01.03 SDAU-3 Unità di rivelazione ad aspirazione ad 1 canale con barra Led 09.01.03 SDAU-4 Unità di rivelazione ad aspirazione a 2 canali con barra Led 09.01.03 SSD535-x Rivelatore di fumo ad alta sensibilità per SDAU 09.01.04 RIM35 Scheda d’espansione a 5 relè programmabili 09.01.04 MCM35 Scheda di memoria esterna 09.01.04 2AD Rivelatore analogico ad alta sensibilità in linea 09.02.01 TU25RF/1 Tubazione di 3m in ABS 09.03.01 EN25RF Manicotto per tubi in ABS 09.03.01 UTRF Raccordi per tubi in ABS 09.03.01 TT25RF Tappo di chiusura per tubi in ABS 09.03.01 C90RF Curva a 90° per tubi in ABS 09.03.02 C45RF Curva a 45° per tubi in ABS 09.03.02 CF70 Curva flessibile da 120mm per tubi in ABS 09.03.02 TF10 Tubo flessibile da 1m per tubi in ABS 09.03.02 TE25RF Giunto a T per tubi in ABS 09.03.03 PMTU Giunto a T per punto di campionamento in ABS 09.03.03 T25/8 Giunto a T per tubi capillari in ABS 09.03.03 TC8 Tubo capillare 09.03.03 PMC Punto di campionamento conico per capillare 09.03.04 PMPT Punto di campionamento piatto per capillare 09.03.04 PMP Punto di campionamento piatto per capillare 09.03.05 PRPM Prolunga per punto di campionamento 09.03.05
I d a ti e
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
Indice
PMC/8 Set dischi preforati per punti di campionamento 09.03.06 PMC/10 Set dischi preforati per punti di campionamento 09.03.06 TL Tappo di spurgo in acciaio 09.03.06 ABR Clip di fissaggio per tubi in ABS 09.03.06 FBS25PC Unità di filtro piccola 09.03.07 FILTER-MAT-S Filtro di ricambio per FBS25PC 09.03.07 FBL25PC Unità di filtro grande 09.03.07 FILTER-MAT-L Filtro di ricambio per FBL25PC 09.03.07 ABS GLUE Colla per tubi in ABS 09.03.08
Sistema convenzionale 10.00.00 POLARIS a 4/8/12 zone o 2 canali di spegnimento 10.01.01
Architettura 10.01.02 Apparati 10.01.03
EP-06 Centrale da 8 a 16zone di rivelazione e da 2 a 6 canali di cpegnimento 10.02.01 Architettura 10.02.02 DEA-EXT-EP06 Kit di espansione per EP-06 10.02.02
900402 Centralina autonoma di rivelazione e gestione elettromagneti 10.03.01
Rivelatori convenzionali serie ORION 11.00.00 OC-O Rilevatore ottico di fumo 11.01.01 OC-T75 Rilevatore termostatico a 75° 11.02.01 OC-V Rilevatore termovelocimetrico 11.03.01 EO Base per rilevatori serie ORION 11.04.01 SEO Base per rilevatori serie ORION dotata di sirena piezoelettrica 11.04.01 CB-EO Coperchio per la protezione della base EO 11.04.02 BRI Adattatore per applicazioni industriali per base EO 11.04.02 AC-EO Adattatore per installazione in controsoffitto per serie ORION 11.04.02 R05 Scheda relè con contatto in scambio per base EO 11.04.02 FCC110 Camera di analisi per condotte 11.04.03
Rivelatori lineari di fumo 10.00.00 E-BEAM/I Rivelatore ottico lineare interattivo 10.01.01 E-BEAM/R Rilevatore ottico lineare a relè 10.01.02 E-BEAM/RB Box remoto per rilevatore ottico lineare interattivo 10.01.03 KIT-3MIR Kit di riflettori per portata fino a 80m 10.01.03 KIT-8MIR Kit di riflettori per portata fino a 100m 12.01.03 901321 Rivelatore ottico lineare TX/RX 12.02.01 901329 Rivelatore ottico lineare a riflessione 50-100m 12.03.01
Rivelatori di fiamma 13.00.00 FRIR100 Rivelatore di fiamma convenzionale serie VEGA 13.01.01 FBS100 Base per rivelatore di fiamma 13.02.01 FBS101 Supporto plastico per etichetta per base FBS100 13.02.01
Cavo termosensibile 14.00.00 900113/114 Cavo termosensibile 14.01.01 900155/190/220/280 Cavo termosensibile con rivestimento 14.01.01
I d a ti e
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
Indice
Pulsanti d’allarme convenzionali 15.00.00 DMOCL Pulsante d’allarme convenzionale ripristinabile 15.01.01 DMOCL-J Pulsante d’allarme convenzionale ripristinabile, colore giallo 15.01.01 DMOCL-B Pulsante d’allarme convenzionale ripristinabile , colore blu 15.01.01 PEDM / PEDM-J Cornici per incasso del pulsante serie DMOA(R) 15.02.01 VPDM Coperchio trasparente per pulsanti serie DMOA(R) 15.02.01 CRDM /CTDM chiavi di riarmo e di test per pulsanti serie DMOA(R) 15.02.01 SIDM Scatola plastica ad incasso per pulsanti serie DMOA(R) 15.02.01 KWP-DM Custodia protettiva da esterno per pulsanti serie DMOA(R) 15.02.01 902570 Pulsante d’allarme convenzionale ripristinabile 15.03.01 902572 Coperchio di protezione trasparente 15.03.01 902573/74 Pulsante a rottura vetro 15.04.01 902472 Vetrini di ricambio 15.04.01
Dispositivi ottico e acustici 16.00.00 SL100 Ripetitore ottico fuoriporta 16.01.01 901490 Ripetitore ottico fuoriporta ad un led 16.01.01 981824 Led di segnalazione 8mm con porta led ed adesivo rosso 16.01.02 981825 Led di segnalazione con fissaggio a dado 16.01.02 900206/306 Targa ottico acustica 16.02.01 900216/316 Targa ottico acustica 16.02.01 900226/326 Targa ottico acustica bifacciale 16.02.02 STF/P1 Staffa per fissaggio a parete 16.02.02 905955 Targa ottico/acustica certificata 16.02.03 PSOA5553/5551-24 Targa ottico acustica 16.02.03 900460/461 Sirena piezolelettrica 16.03.01 DS105 Sirena ad altoparlante 16.03.01 900304/305 Sirena autoalimentata rossa 16.03.02 900485 Sirena con lampeggiante rosso 16.03.02 S2K/R-W Sirena da interno 16.03.03 SF2K/R-W Sirena da interno con indicatore luminoso 16.03.03 901578/SCA150 Campana allarme incendio 16.04.01 901577/SCA250 Campana allarme incendio 16.04.01 TRAI-E-I Pannello indicatore remoto a 2 LED 16.05.01 SINOLED Pannello Sinottico indirizzato a 16 LED 16.05.01 DL2K Segnalatore luminoso lampeggiante 16.06.01
Sonde antiallagamento 17.00.00 900450 Sonda antiallagamento e umidità MASTER 17.01.01 900452 Sonda antiallagamento e umidità SLAVE 17.01.01 900451-NM Sonda antiallagamento stagna 17.01.02
Elettromagneti 18.00.00 EL1315 Elettromagnete da 50 Kg in custodia termoplastica 18.01.01 901708 Elettromagnete da 50 Kg con pulsante di sgancio 18.01.01 1370-15D Elettromagnete 50 Kg con pulsante di sgancio e staffa 18.01.02 1370-30D Elettromagnete 50 Kg con pulsante di sgancio e staffa 18.01.02 901702 Elettromagnete da 100 Kg 18.02.01 901706 Elettromagnete da 100 Kg con pulsante di sgancio 18.02.01 1380-15D Elettromagnete 100 Kg con pulsante di sgancio e staffa 18.02.02 1380-30D Elettromagnete 100 Kg con pulsante di sgancio e staffa 18.02.02
INDICE IV
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
Indice
901704 Elettromagnete da 300 Kg a vista 18.03.01 901705 Elettromagnete da 300 Kg ad incasso 18.03.01 901722/23 Staffa per montaggio elettromagneti 18.04.01
Combinatori telefonici 19.00.00 901817/901818 Combinatore telefonico PSTN/GSM 19.01.01
Cavetteria 20.00.00 901207/901208 Cavo per loop antincendio 20.01.01 900214 Cavo antifiamma da 2 x 1,5 mm 20.01.01
Alimentatori 21.00.00 AL124E Alimentatore 24Vdc 1A 21.01.01 902446 Alimentatore 24Vdc 1A 21.01.01 AL224H Alimentatore 24Vdc 2A 21.01.02 AL424H Alimentatore 24Vdc 4A 21.01.02 902432 Alimentatore 24Vdc 7A 21.01.03 902435 Alimentatore 24Vdc 11A 21.01.03 902802 Alimentatore 24Vdc 2A conforme EN 54 Appendice 2 21.02.01 902804 Alimentatore 24Vdc 4A conforme EN 54 Appendice 2 21.02.01 902808 Alimentatore 24Vdc 8A conforme EN 54 Appendice 2 21.02.02 902812 Alimentatore 24Vdc 12A conforme EN 54 Appendice 2 21.02.02 902102 Alimentatore 24Vdc 2A certificato EN 54 Appendice 2 21.03.01 902104 Alimentatore 24Vdc 4A certificato EN 54 Appendice 2 21.03.01 902108 Alimentatore 24Vdc 8A certificato EN 54 Appendice 2 21.03.02 902112 Alimentatore 24Vdc 12A certificato EN 54 Appendice 2 21.03.02 902102-R Alimentatore 24Vdc 2A a Rack certificato EN 54 Appendice 2 21.04.01 902104-R Alimentatore 24Vdc 4A a Rack certificato EN 54 Appendice 2 21.04.01 902108-R Alimentatore 24Vdc 8A a Rack certificato EN 54 Appendice 2 21.04.02 902112-R Alimentatore 24Vdc 12A a Rack certificato EN 54 Appendice 2 21.04.02 902610 Alimentatore 12Vdc 1A 21.05.01 902615 Alimentatore 12Vdc 2A 21.05.01 902620 Alimentatore 12Vdc 4A 21.05.02 902625 Alimentatore 12Vdc 10A 21.05.02 900518 Riduttore di tensione 21.06.01 900530 Elevatore di tensione 21.06.01 Batterie 12Vdc 21.07.01 Contenitori per alimentatori 21.08.01
Manutenzione e Programmazione 22.00.00 TeleCA1000 Software di programmazione per CA1000 22.01.01 TeleCA3000 Software di programmazione per CA3000 22.01.01 TeleGALAXY Software di programmazione per sistemi wireless 22.01.01 TOOL-CA Interfaccia per indirizzamento e manutenzione loop 22.01.01 MINIBT-O Strumento portatile per la programmazione/manutenzione 22.01.02 KIT-MINIBT-O Kit aggiornamento 22.01.02 TLC Strumento di verifica e configurazione rivelatori lineari E-BEAM 22.01.02 TOOL-SF Strumento di verifica disposizione elementi wireless 22.01.02 00XEE042 Attrezzo per rimozione rivelatori ORION 22.02.01 769813 Asta telescopica per attrezzo 00XE042 22.02.01 805581 Adattatore per asta 769813 22.02.01
I d a ti e
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
Indice
805582 Attrezzo per test rivelatori 22.02.01 060430.10 Bombola di fumo sintetico 22.02.01 769814 Prolunga telescopica 22.02.01
Software di supervisione 23.00.00 DEFCOM 23.01.01 Architettura 23.01.02 Programmazione 23.01.04 Codici e licenze per DEFCOM 23.01.04
INDICE ANALITICO
NOTE
MODULISTICA DEF Modulo di richiesta ASSISTENZA TECNICA MODULI I Modulo di richiesta MANUTENZIONE MODULI II Modulo di richiesta ISCRIZIONE AI CORSI MODULI III Modulo di richiesta RIPARAZIONE MODULI IV
BIBLIOGRAFIA
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
Sistema analogico interattivo DEF
Il sistema di rivelazione Intelligente DEF, rientra nella categoria tecnologicamente più avanzata del settore della rivelazio- ne incendi, e si basa fondamentalmente su due elementi: centrali con linee ad anello chiuso e linee aperte e rivelatori lineari direttamente sulla linea di rivelazione. Sviluppato nel 2005, questo sistema nasce da una completa e profonda analisi di tutte le possibili evenienze ed esigenze che possono verificarsi in un ambiente a rischio incendio. Ulteriori studi sul campo hanno garantito uno sviluppo degli apparati DEF in grado di intervenire nei tempi più brevi possibili, offrendo un elevato grado di sicurezza ed affidabilità dei suoi sistemi. Le nuove centrali della serie DEF offrono tutto questo attraverso un’interfaccia semplice ed intuitiva sempre più vicina al cliente. Ogni centrale è in grado di controllare un determinato numero di linee ad anello e linee aperte, per la connessione fisica agli elementi distribuiti in campo. In particolare le centrali oggi disponibili sono le seguenti: CA1000 e CA3000. Ognuna delle centrali descritte può accettare moduli di linea e schede relé direttamente in centrale. Ogni linea ad anello o linea aperta, costituita da cavo a 2 conduttori twistato e schermato, può avere una lunghezza mas- sima di 2000 m (DEFNETD). Ogni loop è in grado di controllare fino a 200 elementi indirizzati tra rivelatori puntiformi, rive- latori lineari, pulsanti, avvisatori ottico/acustici, interfacce tecnologiche e moduli ingresso/uscita.
Ogni linea aperta può ospitare, invece, un massi- mo di 32 indirizzi. Questa caratteristica consente di scegliere la tipo- logia di linea che più si adegua alle necessità impiantistiche, permettendo ad esempio di poter usufruire di una maggiore distanza di installazio- ne utilizzando le linee aperte (Fig. 1). Possono essere configurate: direttamente in fab- brica, sia per quanto concerne la componentisti- ca hardware che la programmazione stessa del- l’impianto; o in campo, in funzione dell’evoluzio- ne dello stesso nell’arco di tutto il periodo d’eser- cizio.
La scelta di una linea loop, invece, garantirà una maggio- re sicurezza grazie alla ridondanza della stessa. Questo perchè la linea loop è collegata alla centrale alle due estremità del cavo bus. Questo, in caso di una singola interruzione e/o apertura della linea, permette di mante- nere funzionanti tutti i dispositivi collegati (Fig. 2). La raccolta dei dati ambientali viene effettuata dai rivela- tori in campo. I dati raccolti vengono poi analizzati dalla potente CPU in centrale che effettuerà un adeguamento dei parametri di sensibilità. Questa operazione viene ese- guita costantemente, grazie al continuo scambio di dati che intercorre tra la centrale e tutti gli apparati del campo, in relazione alle condizioni di pulizia della came- ra di analisi di ciascun rivelatore. Oltre a questa compensazione, i rivelatori possono esse- re settati su diverse soglie di sensibilità a seconda del- l’ambiente in cui vengono posati. Questa soglia può esse- re anche impostata per attivarsi solo in una specifica fascia oraria al di fuori della quale è possibile impostare una soglia diversa. L’integrazione di queste diverse tecnologie, oltre ad otti- mizzare la rivelazione anche in presenza di tipologie di materiali differenti o non ben identificabili, accorcia sensibilmente i tempi di risposta all’incendio e garantisce l’assoluta certezza che l’evento rivelato sia vero, (totale assenza di falsi allarmi).
A N
A L
O G
IC O
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
SCHEDA 00.01.01
I rivelatori della serie ORION sono ad indirizzamento elettronico, ossia è possibile assegnare, attraverso il dispositivo di codifica dedicato TOOL-CA, l’indirizzo ad ogni dispositivo senza la necessità della presenza sull’impianto. Inoltre, tutti i rivelatori della serie ORION sono dotati di un isolatore di linea integrato. La possibilità di avere circuiti di iso- lamento in qualsiasi punto della linea di collegamento (rivelatori, pulsanti, interfacce ingresso/uscita, ecc), unita alla sicu- rezza ridondante del Loop chiuso, assicura l’impianto da qualsiasi guasto fisico (taglio o corto circuito), garantendo un’af- fidabilità estrema in qualsiasi circostanza di funzionamento.
Sistema analogico interattivo DEF
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
a ti e
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
Sistema di centralizzazione MGNET
Il sistema MGNET permette di creare una linea ad anello controllata che collega fino a 16 centrali CA3000. Questa soluzione è molto utile nei grandi impianti, dove è necessario avere un sistema unico nel quale tutte le informazioni relative allo stato dei dispositivi siano convogliate attraverso un canale comune al quale farà capo la centrale MASTER. La centrale MASTER è la centrale alla quale verranno inviate tutte le informazioni raccolte da tutte le altre cen- trali SLAVE sul MGNET. La configurazione della rete è programmabile, sarà possibile settare le centrali come SLAVE o MASTER indifferen- temente. Ogni centrale potrà “vedere” e gestire ogni informazione che circola sulla rete, oppure si potrà limitare questa possibilità solo ad alcune delle centrali che compongono il sistema. Il sistema prevede la possibilità di comporre una rete ove sono presenti centrali cieche e centrali con frontale di visualizzazione e comando. In questo caso ogni centrale cieca gestirà gli elementi in campo ad essa connessi, ma tutti gli allarmi e le segna- lazioni si potranno visualizzare solo sulla centrale con frontale di visualizzazione e comando. Ad ogni centrale sarà possibile associare 2 profili differenti che potranno essere attivati manualmente, nel caso fosse previsto all’interno di una struttura il cambio di postazione di controllo ad esempio tra giorno e notte. Tutte queste combinazioni ed altre ancora sono selezionabili e programmabili attraverso il software di program- mazione TeleCA3000.
SCHEDA 00.02.02
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
a ti e
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
A N
A L
O G
IC O
Centrali analogiche DEF Le centrali DEF della serie CA sono centrali di ultima generazione progettate per soddisfare le più svariate richieste in fatto di rivela- zione incendio. Tutte le centrali sono state realizzate in conformità alle normative europee vigenti EN 54-2 e EN 54-4 CE e certificate AFNOR. Esse si basano su un sistema a loop di tipo modulare estremamen- te affidabile e potente, in funzione del modello di centrale si potranno avere loop con prestazioni differenti dai 128 punti della CA1000, la più piccola della serie, ai 200 punti della CA3000-NE (non espandibile) e della CA3000 nelle differenti versioni. Tutte le centrali della famiglia CA possono gestiere la funzione gior- no/notte che consente di modificare automaticamente il funziona- mento della centrale, secondo fasce orarie predefinite durante la configurazione della stessa. In questo modo è possibile che la centrale, alla ricezione di una segnalazione di allarme da parte di un rivelatore, non attivi subito gli avvisatori ma avvii un tempo di ritardo di 30 secondi, trascorsi i quali, se il rivelatore è ancora in allarme o se la centrale riceve una seconda segnalazione da un altro rilevatore, della stessa zona, attivi le segnalazioni di allarme previste. Le centrali della serie CA3000 in abbinamento con i nuovi rivela- tori della serie ORION è in grado di gestire la funzione preallarme/allarme per mezzo della quale è possibile attivare due soglie contemporaneamente su qualsiasi rivelatore presente sul loop, superata la prima soglia il rivelatore invierà un segnale di pre- allarme. Superata anche la seconda soglia, il rivelatore invierà un segnale di allarme. Un’ulteriore funzione permette di disinserire completamente un rivelatore, di tipo lineare, in una determinata fascia oraria. Inoltre, per ogni sensore, sarà possibile settare, attraverso la cen- trale, differenti soglie di sensibilità. Queste impostazioni possono essere applicate ad ogni singolo rive- latore in maniera totalmente differente per ogni dispositivo, garan- tendosi così una caratterizzazione unica di rivelazione per ogni sin- golo rivelatore. La centralizzazione per le centrali CA3000 avviene attraverso una rete MGnet che utilizza un protocollo proprietario e che consente di collegare tra loro fino a 16 centrali, tramite l’inserimento in ognuna di esse di una scheda di rete MGnet si potrà cosi realizza- re un loop tra le varie centrali configurabili con diversi tipi di profi- li.
Tipologia di Centrali
- CA1000 Centrale interattiva Centrale a 2 loop o 4 linee aperte, massimo 128 indirizzi.
- CA3000-NE Centrale interattiva Centrale a 2 loop o 4 linee aperte, massimo 400 indirizzi.
- CA3000 Centrale interattiva Centrale a 16 loop o 32 linee aperte, massimo 1600 indirizzi:
CA3000 CMEPP con pannello frontale di gestione, in contenitore grande metallico. CA3000 MEPP con frontale cieco, in contenitore gran- de metallico. CA3000 CMP con pannello frontale di gestione, in contenitore medio in ABS. CA3000 MP con frontale cieco, in contenitore medio in ABS.
SCHEDA 01.00.00
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
ttu a le
. CA1000 Centrale analogica a 2 loop o 4 linee aperte da 128 indirizzi
La CA1000 è una centrale di rivelazione incendio analogica indiriz- zata e certificata nel rispetto delle normative CE EN 54-2 e EN 54-4. E’ quindi dotata di marchio CE di conformità secondo l’allegato ZA della direttiva “ Prodotti da costruzione” 89/106/CEE. Inoltre la CA1000 è conforme alla direttiva europea 2002/95/CE relativa alla limitazione dell’uso delle sostanze pericolose all’interno dei prodotti elettrici, in particolare sull’uso del piombo. La CA1000 dispone di 2 loops o di 4 linee aperte ed è in grado di gestire fino a 128 indirizzi tra rivelatori puntiformi, lineari, pulsanti di allarme manuale, interfacce ingresso/uscita, adattatori sonori per basi, tutti equipaggiati con isolatori di corto circuito, raggruppabili in 99 zone con 99 gruppi di comando. La distribuzione dei dispositivi potrà essere fatta indifferentemente sulle 4 linee aperte (max. 32 punti per linea), su 1 o 2 loops. Associata alla gamma di rivelatori interattivi della serie ORION, la CA1000 costituisce un sistema compatto estremamente versatile. L’ampia tastiera alfanumerica e i chiari tasti funzione disponibili sul frontale, rendono la CA1000 uno strumento estremamente sempli- ce da utilizzare e programmare anche per gli utenti meno esperti.
Sono infatti disponibili 3 diverse modalità di programmazione: - Tramite PC con software di configurazione TeleCA1000 - Direttamente da centrale tramite la funzione di autoconfigura-
zione - Tramite la combinazione dei due metodi precedenti, autoconfi-
gurazione seguita da una configurazione complementare con PC e software TeleCA1000.
La CA1000 è dotata inoltre di 5 uscite a relè liberamente program- mabili, espandibili per mezzo di due schede opzionali a 7 o a 12 relè. Il compito di elaborazione dei dati è affidato al potente microproces- sore all’interno della centrale che, grazie ad un innovativo protocol- lo di comunicazione, garantisce una rapida segnalazione di allarme. La particolare funzione giorno/notte, consente di modificare automa- ticamente il funzionamento della centrale, secondo una fascia oraria predefinita durante la configurazione della stessa. In questo modo è possibile, durante il funzionamento “giorno”, atti- vare una filtratura in modo tale che la centrale, alla ricezione di una segnalazione di allarme da parte di un rivelatore, non attivi subito gli avvisatori ma avvii un tempo di ritardo di 30 secondi, trascorsi i quali, se il rivelatore è ancora in allarme o se la centrale riceve una seconda segnalazione da un altro rivelatore della stessa zona, attivi le segnalazioni di allarme previste. Oltre a ciò è possibile modificare la soglia di sensibilità delle tipolo- gie di rivelatori presenti nell’impianto (ottici, termici, etc.), innalzan- dola a seconda delle necessità del luogo del cliente. E’ possibile avere una ripetizione remota delle informazioni di siste- ma, attraverso l’installazione di uno o più pannelli di visualizzazione PRA3000 su linea RS485 per una lunghezza massima di 1000 m. E’ necessario pertanto utilizzare un convertitore FMC1 per trasforma- re il protocollo di comunicazione RS232 della centrale in un segnale RS485. Il convertitore FMC1 è fornito separatamente. La CA1000 permette di ottimizzare anche la manutenzione degli impianti di rivelazione incendio, per mezzo di una funzione che è in grado di indicare il livello di inquinamento raggiunto dai rivelatori ottici (OA-O e ORION+). La centrale mette a disposizione 4 livelli distinti di inquinamento che possono essere individuati attraverso il suo collegamento ad una stampante o ad un PC opportunamente configurato.
CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione principale: 230Vca 50Hz
Rapporto di trasformazione primaria secondaria 230 / 30Vca
Autonomia: 72 ore in veglia e 30 minuti in allarme
Alimentazione secondaria: 2 batterie stagne al piombo collegate in serie 12Vdc / 7Ah
Autonomia di riserva: 7 giorni
Tipo di memoria eventi e database: non volatile (eeprom)
Linee di rivelazione incendio: 2 loop o 4 linee aperte
Numero di zone: 99
Numero di punti: 128
Gestione allarme incendio: preallarme/allarme, funzione giorno/notte
Gestione storico: 1000 eventi con l’indicazione dell’ora
Uscita allarme incendio: relè con contatto di scambio
Uscita guasto generale: relè con contatto di scambio
Uscite programmabili: 5 relè su scheda base (12 in opzione su scheda R12P2) - 30V 1A libero da tensione in scambio
Ingressi programmabili: Due per riporto guasto, class change o comando esterno
Uscita seriale RS232: per stampante o pannello remoto
Lunghezza max Rs485: 1000 m
Uscita linea sirene: 500 mA max. / 24Vdc
Dimensioni (HxLxP): 300 x 370 x 120 mm
Grado di protezione: IP31
Materiale contenitore: ABS 5V
Colore: RAL 7016 Grigio
N° Registro A.E.E.: IT08040000004698
A N
A L
O G
IC O
SCHEDA 01.01.02
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
. CA1000 Architettura
Architettura sistema CA1000 La centrale di controllo e segnalazione CA1000 è composta da un contenitore in ABS 5V ed un fronta- le con display e tasti-funzione integrato. All’interno è presente la scheda madre (MP1000), la scheda per l’alimentazione (MA1000), due batterie 12V 7Ah ed uno slot libero per l’inserimento di una scheda R7P2 o R12P2.
MODULI A: MP1000: Scheda madre con microprocessore per l’elaborazione dei dati. Gestisce un massimo di 128 punti su 2 loop o 4 linee aperte. Mette a disposizione 5 uscite a relé programmabili, un’uscita allarme, una guasto, un’uscita seriale per stampante o pannello remoto, un’uscita 24V ed un controllata per la linea sirene. MA1000: Scheda di alimentazione sistema connessa alla scheda madre (MP1000) tramite connettore a morsetti femmina.
MODULI B: Sulla scheda MP1000 è possibile installare una sche- da relé a sceltra tra il modello R12P2 ed il modello R7P2. R12P2: Scheda con 12 relé liberamente programma- bili. R7P2: Scheda con 7 relè liberamente programmbili.
TABELLA B
TABELLA ATabelle fattore di carico
Ogni dispositivo installato sulla linea, possiede un proprio fatto- re di carico. Ogni linea aperta o loop, supporta un fattore di cari- co massimo di 400.
Nella tabella A è possibile osservare sia il limite quantitativo di dispositivi per tipologia di linea, sia il fattore di carico massimo ammissibile.
Nella tabella B, invece, è indicato il fattore di carico unitario per tutti i dispositivi.
Dalle tabelle si evince che l’unico limite al numero di dispositivi su ogni singola linea aperta o loop, è determinato dal fattore di carico del rivelatore lineare.
Ad esempio, su una linea aperta o loop che supporta un carico massimo di 400, posso installare un massimo di 6 barriere in quanto il fattore di carico di ciascuna è di 60 per un peso com- plessivo di 360.
Nella tabella C è riportato il numero massimo di dispositivi sono- ri attivabili contemporaneamente sul loop, in base alla lunghez- za dello stesso ed in funzione del settaggio dell’intensità sonora scelta.
TABELLA C
A N
A L
O G
IC O
La centrali della serie CA offrono la possibilità di poter scegliere la tipologia di linea che più si adatta alle proprie esigenze impiantistiche. In fase di programmazione è infatti possibile decidere se la centrale funzionerà con un sistema a loop oppure con un sistema a linee aperte. Il sistema rimane comunque ad indirizzamento elettronico per ambedue i casi. La scelta dell’una o dell’altra tipologia di linea dipenderà dal carico dei dispositivi in campo, come si evince dalle considerazioni fatte nella pagina precedente, nel caso vi siano un gran numero di rivelatori lineari E-BEAM con- verrà l’utilizzo di linee aperte in quanto si potrà far fronte ad un maggiore quantitativo di carico. Nel caso non vi siano particolari eccessi di carico è consigliabile optare per una linea loop, dove tutte e due le estremità della linea fanno capo alla centrale annullando di fatto, grazie alla presenza degli isolatori su ogni ele- mento, la perdita di comunicazione con i dispositivi qualora si verifichi un’apertura della linea.
SCHEDA 01.01.03
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
. CA1000 Architettura
A N
A L
O G
IC O
Con la centrale CA1000 è possibile utilizzare diverse tipologie di linee adattandosi alle diverse necessità di impianto.
N° max Loop: 1 Lunghezza massima loop: 1500 m N° Max indirizzi: 128
N° max Loop: 2 Lunghezza massima loop: 1500 m N° Max indirizzi: 128 complessivi distribuiti sui due loop
N° max linee aperte: 4 Lunghezza massima linea aperta: 1500 m N° Max indirizzi: 32 per ogni linea aperta
SCHEDA 01.01.04
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
. CA1000 Architettura
A N
A L
O G
IC O
SCHEDA 01.01.05
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
. R7P2 Scheda a 7 relé programmabili
La scheda R7P2 è una scheda con 7 relè programmabili che per- mette di realizzare delle ripetizioni di stato. I relè possono fornire, tramite settaggio dei jumper presenti sulla scheda, un contatto pulito (N.C o N.A.) o un carico resistivo. Su una centrale CA1000 può essere collegata al massimo una sin- gola scheda R7P2 (o alternativamente, una scheda R12P2).
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 22 - 28Vdc Assorbimetno massimo: 5 mA, più 8,5 mA per ogni relè attivo Caratteristiche relé: 30Vdc 1A Carico Resistivo: 560 Ohm
R12P2 Scheda a 12 relé programmabili
La scheda R12P2 è una scheda con 12 relè programmabili che permette di realizzare delle ripetizioni di stato. I relè possono fornire, tramite settaggio dei jumper presenti sulla scheda, un contatto pulito (N.C o N.A.) o un carico resistivo. Su una centrale CA1000 può essere collegata al massimo una sin- gola scheda R12P2 (o alternativamente, una scheda R7P2).
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 22 - 28Vdc Assorbimetno massimo: 5 mA, più 8,5 mA per ogni relè attivo Caratteristiche relé: 30Vdc 1A Carico Resistivo: 560 Ohm
X4EVAC Scheda di espansione per linea sirene
La scheda X4EVAC è in grado di moltiplicando l’uscita sirene della cen- trale di rivelazione in 4 linee sirena. Ogni linea è bilanciata da una resistenza di fine linea che consente di monitorare il suo funzionamen- to (per guasti di corto circuito o apertura) oltre che di un sistema di protezione elettronica sui sovraccarichi. Il controllo di linea può esse- re configurato, tramite switch, su polarità diretta o ad inversione di polarità. La scheda è provvista di 4 Led gialli di guasto abbinato ad ogni singola linea, di un Led Verde di presenza alimentazione esterna e di un pulsante per il test della scheda.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione esterna: 24Vdc nominali Assobimento in Veglia: 30mA Linee Sirena: 4
PRA3000 Pannello di controllo remoto
PRA3000 è un pannello di ripetizione remota associabile alle centra- li di rivelazione incendio ed è utilizzato per riportare le informazioni di allarme, preallarme, guasto e fuori servizio. E’ prevista la possibilità di uso selettivo, PRA3000 può riportare solo le informazioni relative alle zone impostate dall’utilizzatore. Non è richiesta la programmazione del pannello, in quanto è predispo- sto per visualizzare automaticamente le informazioni trasmesse dalla centrale, tramite una seriale RS485, su un display 4x40 caratteri.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione: da 15 a 30Vdc Dimensioni (HxLxP): 170 x 370 x 55 mm Grado di protezione: IP30
A N
A L
O G
IC O
CA3000-NE Centrale analogica a 2 loop o 4 linee aperte da 400 indirizzi
La CA3000-NE è una centrale di rivelazione incendio analogica indirizzata e certificata nel rispetto delle normative CE EN 54-2 e EN 54-4. La CA3000-NE è uno strumento affidabile e facile da utilizzare ed associata alla gamma di rivelatori interattivi ORION, costituisce un sistema completo ma estremamente semplice da attivare. Dispone di 4 linee aperte o di 2 loops chiusi, si adatta a tutte le tipologie di impianto ed è in grado di gestire fino a 400 indirizzi, tra rivelatori puntiformi, lineari, pulsanti manuali, interfaccie ingresso/uscita, tutti equipaggiati con isolatore di corto circuito, suddivisibili in 1000 zone. L’ampio display di 16 righe x 40 caratteri consente una chiara e completa visualizzazione di tutti i messaggi presenti in centrale. Per ogni tipologia di allarme, guasto, esclusione, etc. sarà possibi- le associare una consegna, sottoforma di testo, che apparirà sulla parte bassa del display contemporaneamente al messaggio ad essa associato. La centrale monta al suo interno un alimentatore da 5A a 24Vdc. Il compito di elaborazione dei dati viene affidato al potente proces- sore all’interno della centrale che, grazie ad un innovativo proto- collo di comunicazione, garantisce una rapida segnalazione di allar- me. La CA3000-NE offre la particolare funzione giorno/notte, la quale permette di impostare un diverso livello di sensibilità per ogni sen- sore presente sui loops. I livelli di sensibilità variano a seconda della tecnologia contenuta nel rivelatore. Un rivelatore ottico, ad esempio, può lavorare su 8 diversi livelli di sensiblità, un rivelatore termico o termovelocimetri- co, può lavorare, invece, su 6 livelli di sensibilità differenti etc. Ad esempio, sarà possibile far lavorare un rivelatore con un basso livello di sensibilità durante le ore di presidio del personale, in modo di evitare eventuali falsi allarmi dovuti allo svolgimento di particolari attività, ed innalzarlo durante la notte, quando il perso- nale è assente, e le attività sospese. Un’altra possibilità permette di disinserire completamente i rivela- tori lineari, appartenenti alla medesima zona, in una determinata fascia oraria. Queste impostazioni possono essere applicate ad ogni singolo rive- latore in maniera totalmente differente, indipendentemente dal modello utilizzato, garantendosi così una caratterizzazione unica, per ogni singolo rivelatore. E’ possibile avere una ripetizione remota delle informazioni di siste- ma, attraverso l’installazione di uno o più pannelli di visualizzazio- ne PRA3000 su linea RS485 per una lunghezza massima di 1000 m.
CARATTERISTICHE TECNICHE
Rapporto di trasformazione primaria secondaria: 230 / 30Vca
Alimentazione secondaria: 2 batterie stagne al piombo collegate in serie 12Vdc / 12Ah
Autonomia di riserva: 7 giorni
Tipo di memoria eventi non volatile (eeprom) e database:
Numero di zone: 1000
Numero di punti: 400
Linee di rivelazione incendio: 2 loop o 4 linee aperte
Gestione allarme incendio: preallarme/allarme, funzione giorno/notte
Gestione storico: 1000 eventi con l’indicazione dell’ora
Uscita allarme incendio: relè con contatto di scambio
Uscita guasto generale: relè con contatto di scambio
Uscite programmabili: 2 relè su scheda base (7, 12 o 20 in opzione con schede relé) - 30Vdc 1A libero da tensione in scambio
Ingressi programmabili: 2
Uscita linea sirene: 1A max. / 24Vdc
Dimensioni (HxLxP): 320 x 610 x 170 mm
Grado di protezione: IP 30
Temp. di funzionamento: -10 °C a +50 °C
Umidità relativa di funz.: <94% R.H.
Materiale contenitore: ABS/5V
Certificazione CPD (ANPI): 1134 CPD 068
SCHEDA 01.02.01
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
A N
A L
O G
IC O
Architettura sistema CA3000-NE La centrale di controllo e segnalazione CA3000-NE è com- posta da un contenitore in ABS 5V ed un frontale con display e tasti-funzione integrato. All’interno è presente la scheda madre (3000NE-CPU), l’ali- mentatore (3000-PS), due batterie max 12V 24Ah ed un contenitore all’interno del quale sono mappati numerose clip per facilitare la disposizione delle schede interne.
MODULI A: 3000NE-CPU: Scheda madre con microprocessore per l’ela- borazione dei dati. Gestisce un massimo di 400 punti su 2 loop o 128 punti su 4 linee aperte. Mette a disposizione 5 uscite a relé programmabili, un’uscita allarme, una guasto, un’uscita seriale per stampante o pannello remoto, un’uscita 24V ed un controllata per la linea sirene.
MODULI B: Sul fondo e sui lati del contenitore, è possibile installare una o più schede tra i seguenti modelli: C20R: Scheda con 20 relé liberamente programmabili. R12P2: Scheda con 12 relé liberamente programmabili. R7P2: Scheda con 7 relè liberamente programmbili. La centrale ha due slot a disposizione per queste schede relé, uno è dedicato solamente al modello C20R, mentre nel secondo slot è possibile aggiungere una scheda a scelta tra i tre modelli (C20R, R12P2 ed R7P2).
CA3000-NE Architettura
SCHEDA 01.02.02
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
TABELLA ATabelle fattore di carico
Ogni dispositivo installato sulla linea, possiede un proprio fatto- re di carico. Ogni linea aperta e loop, supporta un fattore di cari- co massimo rispettivamente di 560 e 1120.
Nella tabella A è possibile osservare sia il limite quantitativo di dispositivi per tipologia di linea, sia il fattore di carico massimo ammissibile. Nella tabella B, invece, è indicato il fattore di carico unitario per tutti i dispositivi.
Dalle tabelle si evince che l’unico limite al numero di dispositivi su ogni singola linea aperta o loop, è determinato dal fattore di carico del rivelatore lineare.
Ad esempio, su una linea loop che supporta un carico massimo di 1120, posso installare un massimo di 12 barriere in quanto il fattore di carico di ciascuna è di 93 per un peso complessivo di 1116.
Nella tabella C è riportato il numero massimo di dispositivi sono- ri attivabili contemporaneamente sul loop, in base alla lunghez- za dello stesso ed in funzione del settaggio sia della corrente massima su loop sia dell’intensità sonora scelta.
TABELLA C
A N
A L
O G
IC O
CA3000-NE Architettura
La centrali della serie CA offrono la possibilità di poter scegliere la tipologia di linea che più si adatta alle proprie esigenze impiantistiche. In fase di programmazione è infatti possibile decidere se la centrale funzionerà con un sistema a loop oppure con un sistema a linee aperte. Il sistema rimane comunque ad indirizzamento elettronico per ambedue i casi. La scelta dell’una o dell’altra tipologia di linea dipenderà dal carico dei dispositivi in campo, come si evince dalle considerazioni fatte nella pagina precedente, nel caso vi siano un gran numero di rivelatori lineari E-BEAM con- verrà l’utilizzo di linee aperte in quanto si potrà far fronte ad un maggiore quantitativo di carico. Nel caso non vi siano particolari eccessi di carico è consigliabile optare per una linea loop, dove tutte e due le estremità della linea fanno capo alla centrale annullando di fatto, grazie alla presenza degli isolatori su ogni ele- mento, la perdita di comunicazione con i dispositivi qualora si verifichi un’apertura della linea.
I d a ti e
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
SCHEDA 01.02.03
A N
A L
O G
IC O
SCHEDA 01.02.04
CA3000-NE Architettura
Con la centrale CA3000-NE è possibile utilizzare diverse tipologie di linee adattandosi alle diverse necessità di impianto.
N° max Loop: 2 Lunghezza massima loop: 2000 m N° Max indirizzi: 200 per ogni loop
N° max linee aperte: 4 Lunghezza massima linea aperta: 2000 m N° Max indirizzi: 32 per ogni linea aperta
I d a ti e
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
X4EVAC Scheda di espansione per linea sirene
La scheda X4EVAC è in grado di moltiplicando l’uscita sirene della centrale di rivelazione in 4 linee sirena. Ogni linea è bilanciata da una resistenza di fine linea che consente di monitorare il suo funzionamen- to (per guasti di corto circuito o apertura) oltre che di un sistema di protezione elettronica sui sovraccarichi. Il controllo di linea può esse- re configurato, tramite switch, su polarità diretta o ad inversione di polarità. La scheda è provvista di 4 Led gialli di guasto abbinati ad ogni singola linea, di un Led Verde di presenza alimentazione esterna e di un pulsante per il test della scheda.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione esterna: 24Vdc nominali Assobimento in Veglia: 30mA Linee Sirena: 4
R7P2 Scheda a 7 relè programmabili
La scheda R7P2 è una scheda con 7 relè programmabili che per- mette di realizzare delle ripetizioni di stato. I relè possono fornire, tramite settaggio dei jumper presenti sulla scheda, un contatto pulito (N.C o N.A.) o un carico resistivo. Su una centrale CA3000-NE può essere collegata al massimo una singola scheda R7P2 (o alternativamente, una scheda R12P2).
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 22 - 28Vdc Assorbimetno massimo: 5 mA, più 8,5 mA per ogni relè attivo Caratteristiche relé: 30Vdc 1A Carico Resistivo: 560 Ohm
I d a ti e
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
R12P2 Scheda a 12 relè programmabili
La scheda R12P2 è una scheda con 12 relè programmabili che permette di realizzare delle ripetizioni di stato. I relè possono fornire, tramite settaggio dei jumper presenti sulla scheda, un contatto pulito (N.C o N.A.) o un carico resistivo. Su una centrale CA3000-NE può essere collegata al massimo una singola scheda R12P2 (o alternativamente, una scheda R7P2).
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 22 - 28Vdc Assorbimetno massimo: 5 mA, più 8,5 mA per ogni relè attivo Caratteristiche relé: 30Vdc 1A Carico Resistivo: 560 Ohm
C20R-E Scheda 20 relè programmabili
La scheda C20R è una scheda con 20 relè programmabili che per- mette di realizzare delle ripetizioni di stato. I relè possono fornire, tramite settaggio dei jumper presenti sulla scheda, un contatto pulito (N.C o N.A.) o un carico resistivo. Su una centrale CA3000-NE possono essere collegate fino a 2 schede C20R.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 21 -30Vdc Assorbimetno massimo: 10 mA, più 8,5 mA per ogni relè attivo Caratteristiche relé: 30Vdc 1A Carico Resistivo: 560 Ohm
A N
A L
O G
IC O
ISO-RS Scheda per uscite RS232/RS485 disaccoppiate
Questa scheda da alloggiare all’interno delle centrali serie CA3000-NE, permette di aggiungere una porta RS485 ed una porta RS422, disaccoppiate dalla terra. La ISO-RS si collega sulla scheda madre (CA3000NE-CPU) per mezzo di flat-cable (proto- collo RS485). Utile in installazioni in cui, le apparecchiature connesse sul bus, facciano riferimento a messe a terra differenti.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 5Vdc Assorbimetno massimo: 20 mA
SCHEDA 01.02.06
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
CA3000-CO3U Pannello di comando e controllo in contenitore plastico
Questo pannello permette di gestire tutte le funzioni della centra- le da remoto (distanza massima 1000 m) senza alcuna limitazione. Grazie a questo pannello, sarà possibile visualizzare qualsiasi stato la centrale dovesse rivelare dal campo (allarmi, guasti, etc.), ese- guire test o disinserire porzioni di impianto. La presenza di questo pannello è essenziale per il funzionamento delle centrali versione CA3000-MEPP e CA3000-MP. Il collega- mento dati ed alimentazione è ridondato con doppio cavo.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione: da 15 a 30Vdc Cavo: 2 x (2x0,8 mm) + 2 x (2x1,5mm) Dimensioni (HxLxP): 140 x 487 x 75 mm Grado di protezione IP30
PRA3000 Pannello ripetitore remoto
PRA3000 è un pannello di ripetizione remota associabile alle centra- li di rivelazione incendio ed è utilizzato per riportare le informazioni di allarme, preallarme, guasto e fuori servizio. E’ prevista la possibilità di uso selettivo, PRA3000 può riportare solo le informazioni relative alle zone impostate dall’utilizzatore. Non è richiesta la programmazione del pannello, in quanto è predispo- sto per visualizzare automaticamente le informazioni trasmesse dalla centrale, tramite una seriale RS485, su un display 4x40 caratteri.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione: da 15 a 30Vdc Dimensioni (HxLxP): 170 x 370 x 55 mm Grado di protezione: IP30
FOC Convertitore in Fibra Ottica Il FOC è un convertitore in fibra ottica utilizzato per ottenere un isolamento galvanico o per mettere in comunicazione due dispositivi a distanze elevate rispettando i requisiti di qualità e sicurezza di tipo SIL2. Particolarmente adatto per la trasmissione ottica di dati grazie ad una perfetta immunità alle interferenze elettromagnetiche e con la possibilità di gestire due canali di comunicazione in modalità degradata utilizzando una coppia di fibre.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione: da 7Vdc a 60Vdc Corrente Massima: da 80mA a 17mA Lunghezza d’onda: 1310nm Tipo di Fibra: Multimodale Duplex 50/125 micron o connessione
62.5/125μm con connettore ST Attenuazione: <0,5 a 1 dB / km Segnalazione guasto: attenuazione max da 5 a 6 dB
A N
A L
O G
IC O
SCHEDA 01.03.01
CA3000 Centrale analogica a 16 loop o 32 linee aperte da 1600 indirizzi La CA3000 è una centrale di rivelazione incendio analogica indirizzata e certifi- cata nel rispetto delle normative CE EN 54-2 e EN 54-4. E’ quindi dotata di mar- chio CE di conformità secondo l’allegato ZA della direttiva “ Prodotti da costruzio- ne” 89/106/CEE. Inoltre la CA3000 è conforme alla direttiva europea 2002/95/CE relativa alla limitazione dell’uso delle sostanze pericolose all’interno dei prodotti elettrici, in particolare sull’uso del piombo. La CA3000 è uno strumento affidabile e facile da utilizzare ed associata alla gamma di rivelatori interattivi ORION e VEGA, costituisce un sistema completo ed estremamente facile da attivare. La centrale di tipo modulare, dispone di una configurazione base di 2 loop e 4 e 4 linee aperte, espandibili fino ad un massi- mo di 16 loop o di 32 linee aperte. S i adatta a tutte le tipologie di impianto ed è in grado di gestire fino a 1600 indirizzi, tra rivelatori puntiformi, lineari, pulsan- ti di allarme manuale, interfacce ingresso/uscita, sirene elettroniche ed adattato- ri sonori per basi, tutti equipaggiati con isolatori di corto circuito, raggruppabili in 1000 zone con 400 gruppi di comando. Ogni loop è in grado di gestire fino a 200 indirizzi, mentre su di una linea aper- ta è possibile collegarvi fino ad un massimo di 32 dispositivi, come previsto dalla norma UNI 9795. L’ampio display di 16 righe x 40 caratteri consente una chiara e completa visua- lizzazione di tutti i messaggi presenti in centrale. Per ogni tipologia di allarme, guasto, esclusione, etc. sarà possibile associare una consegna, sottoforma di testo, che apparirà sulla parte bassa del display contemporaneamente al mes- saggio ad essa associato. La scheda madre interna (CA3000-CPU) integra la possibilità di gestire 2 loop di rivelazione, aggiungendo 4 moduli di espansione (CA3000-2L) sarà possibile sfruttare appieno la capacità offerta dalla centrale. La centrale monta al proprio interno un alimentatore da 5A a 24Vcc. Il compito di elaborazione dei dati è affidato al potente microprocessore all’inter- no della centrale che, grazie ad un innovativo protocollo di comunicazione, garantisce una rapida segnalazione di allarme. Ogni centrale della serie CA3000, equipaggiata con l’apposita scheda 3000-NET, può essere collegata in rete MGNET con altre centrali CA3000 (esclusa CA3000-NE), per un massi- mo di 16 centrali, ottenendo così un sistema in grado di gestire oltre 25000 indi- rizzi. Il frontale riporta un pulsante “Attuatori” per l’attivazione di qualsiasi usci- ta disponibile, interna od esterna. Utilizzato per la chiusura delle serrande taglia fuoco, mette anche a disposizione dei led di controllo fine corsa, con eventuale indicazione nel caso in cui le serrande non si chiudano correttamente. La pro- grammazione della centrale avviene tramite PC con software di programmazione specifico (TeleCA3000). La CA3000, abbinata ai rivelatori della serie ORION, offre la particolare funzione giorno/notte, la quale permette di impostare un diverso livello di sensibilità per ogni sensore presente sui loops. I livelli di sensi- bilità variano a seconda della tecnologia contenuta nel rivelatore. Un rivelatore ottico, ad esempio, può lavorare su 8 diversi livelli di sensibilità, un rivelatore ter- mico o termovelocimetrico, può lavorare invece su 6 livelli di sensibilità, un rive- latore multicriterio può lavorare su un totale di 12 livelli di sensibilità differenti etc. Ad esempio, è possibile far lavorare un rivelatore con un basso livello di sensibi- lità durante le ore di presidio del personale, in modo di evitare eventuali falsi allarmi dovuti allo svolgimento di particolari attività, ed innalzarlo durante la notte, quando il personale è assente, e le attività sono sospese. Un’altra funzione permette di disinserire completamente i rivelatori lineari, appar- tenenti alla medesima zona, in una determinata fascia oraria. Queste imposta- zioni possono essere applicate ad ogni singolo rivelatore in maniera totalmente differente, indipendentemente dal modello utilizzato, garantendosi così una caratterizzazione unica di rivelazione per ogni singolo rivelatore. E’ possibile avere una ripetizione remota delle informazioni di sistema, attraver- so l’installazione di uno o più pannelli di visualizzazione PRA3000 su linee RS485 per una lunghezza massima di 1000 m. La CA3000 permette di ottimizzare anche la manutenzione degli impianti di rive- lazione incendio, per mezzo di una funzione che è in grado di indicare il livello di inquinamento raggiunto dai rivelatori ottici (OA-O e ORION+). La centrale mette a disposizione 2 classi di livello di inquinamento, Livello discre- to e Livello percentuale. Nel primo caso il livello d’inquinamento è calcolato dal rivelatore stesso ed assume un valore compreso tra 0 e 3, nel secondo caso, il livello d’inquinamento di ciascun rivelatore è calcolato dalla centrale ed assume un valore compreso tra 0 e 100. In entrambi i casi, ad ogni classe di livello, viene associato un testo che comparirà sul display della centrale, col fine di allertare l’operatore sulle azioni da intraprendere.
Versioni: CA3000 CMEPP: con pannello frontale di gestione, in contenitore grande metallico; CA3000 MEPP: con frontale cieco, in contenitore grande metallico; CA3000 CMP: con pannello frontale di gestione, in contenitore medio in ABS; CA3000 MP: con frontale cieco, in contenitore medio in ABS;
CARATTERISTICHE TECNICHE
Rapporto di trasformazione 230 / 30Vca primaria secondaria:
Alimentazione secondaria: 2 batterie stagne al piombo collegate in serie 12Vdc / 18 - 24Ah
Autonomia di riserva: 7 giorni
Tipo di memoria eventi e database: non volatile (eeprom)
Numero di zone: 1000
Linee di rivelazione incendio: 16 loop o 32 linee aperte
Gestione allarme incendio: preallarme/allarme, funzione giorno/notte
Gestione storico: 1000 eventi con l’indicazione dell’ora
Uscita allarme incendio: relè con contatto di scambio
Uscita guasto generale: relè con contatto di scambio
Uscite programmabili: 2 relè su scheda base (7, 12 o 20 in opzione su scheda R7P2, R12P2 e CR20)
Ingressi programmabili: 2 + 2 (sul frontale)
Uscita seriale: protocollo MODBUS, stampante, pannello di visualizzazione remoto e PC.
Uscita 24 Vdc: 500 mA max. protetta da fusibile
Uscita linea sirene: 1A max. / 24Vdc
Dimensioni Contenitore (HxLxP) 3000-(C)MEPP: 520 x 600 x 235 mm 3000-(C)MP: 320 x 610 x 170 mm
Grado di protezione: IP 30 (per tutti i modelli)
Temp. di funzionamento: -10 °C a +50 °C
Umidità relativa di funz.: <94% R.H.
Materiale contenitore: ABS/5V
Peso 3000-(C)MEPP: 15000 g 3000-(C)MP: 7000 g
Certificazione CPD (ANPI): 1134 CPD 068
I d a ti e
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
CA3000-CMEPP / CA3000-MEPP Centrale in contenitore grande metallico
Queste versioni prevedono contenitori metallici di grandi dimensioni, per l’alloggiamento dei moduli di centrale, sono disponibili due versioni, con pannello di gestione e con frontale cieco. Nel caso la versione cieca venisse scelta per una soluzione a singola centrale (quindi in assenza di rete con altre centrali) necessiterà della presen- za di un pannello remoto di comando e controllo (CA3000-CO3U).
SCHEDA 01.03.02
CA3000-CMP / CA3000-MP Centrale in contenitore medio in ABS
Queste versioni prevedono contenitori in ABS di medie dimensioni per l’alloggiamento dei moduli di centrale, sono disponibili due versioni, con pannello di gestione e con frontale cieco. Nel caso la versione cieca venisse scelta per una soluzione a singola centrale (quindi in assenza di rete con altre centrali) necessiterà della presenza di un pannello remoto di comando e controllo (CA3000-CO3U).
I d a ti e
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
. CA3000 Architettura
Architettura sistema CA3000 La centrale di controllo e segnalazione CA3000 è composta da un contenitore in metallo o ABS ed un frontale con display e tasti-funzione integrato. All’interno è presente la scheda madre (3000-CPU) che può gestire di base 2 loops di rivelazione, l’alimentatore (3000- PS), due batterie max 12V 24Ah ed un contenitore all’interno del quale sono mappati numerose clip per facilitare la disposi- zione delle schede interne.
MODULI A: 3000-CPU: Scheda madre con microprocessore per l’elabora- zione dei dati. Gestisce un massimo di 1600 punti su 16 loops o 1024 punti su 32 linee aperte grazie al modulo di espansio- ne 3000-IE2M. Mette a disposizione un’uscita di allarme, una di guasto, un’uscita MODBUS, un’uscita seriale per pc, stam- pante o pannello remoto, un’uscita a 24Vdc ed un controllata per la linea sirene.
MODULI B: Sul fondo e sui lati del contenitore, è possibile installare una o più schede tra i seguenti modelli: 3000-NET: Scheda per inserire la centrale in una rete MGNET. C20R: Scheda con 20 relé liberamente programmabili. R12P2: Scheda con 12 relé liberamente programmabili. R7P2: Scheda con 7 relè liberamente programmbili. La centrale ha due slot a disposizione per queste ultime tre schede relé, uno è dedicato solamente al modello C20R, men- tre nel secondo slot è possibile aggiungere una scheda a scel- ta tra i tre modelli (C20R, R12P2 ed R7P2).
TABELLA B
TABELLA ATabelle fattore di carico
Ogni dispositivo installato sulla linea, possiede un proprio fatto- re di carico. Ogni linea aperta e loop, supporta un fattore di cari- co massimo rispettivamente di 560 e 1120.
Nella tabella A è possibile osservare sia il limite quantitativo di dispositivi per tipologia di linea, sia il fattore di carico massimo ammissibile. Nella tabella B, invece, è indicato il fattore di carico unitario per tutti i dispositivi.
Dalle tabelle si evince che l’unico limite al numero di dispositivi su ogni singola linea aperta o loop, è determinato dal fattore di carico del rivelatore lineare.
Ad esempio, su una linea loop che supporta un carico massimo di 1120, posso installare un massimo di 12 barriere in quanto il fattore di carico di ciascuna è di 93 per un peso complessivo di 1116.
Nella tabella C è riportato il numero massimo di dispositivi sono- ri attivabili contemporaneamente sul loop, in base alla lunghez- za dello stesso ed in funzione del settaggio sia della corrente massima su loop sia dell’intensità sonora scelta.
TABELLA C
A N
A L
O G
IC O
CA3000 Architettura
La centrali della serie CA offrono la possibilità di poter scegliere la tipologia di linea che più si adatta alle proprie esigenze impiantistiche. In fase di programmazione è infatti possibile decidere se la centrale funzionerà con un sistema a loop oppure con un sistema a linee aperte. Il sistema rimane comunque ad indirizzamento elettronico per ambedue i casi. La scelta dell’una o dell’altra tipologia di linea dipenderà dal carico dei dispositivi in campo, come si evince dalle considerazioni fatte nella pagina precedente, nel caso vi siano un gran numero di rivelatori lineari E-BEAM con- verrà l’utilizzo di linee aperte in quanto si potrà far fronte ad un maggiore quantitativo di carico. Nel caso non vi siano particolari eccessi di carico è consigliabile optare per una linea loop, dove tutte e due le estremità della linea fanno capo alla centrale annullando di fatto, grazie alla presenza degli isolatori su ogni ele- mento, la perdita di comunicazione con i dispositivi qualora si verifichi un’apertura della linea.
SCHEDA 01.03.04
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
A N
A L
O G
IC O
SCHEDA 01.03.05
CA3000 Architettura
Con la centrale CA3000 è possibile utilizzare diverse tipologie di linee adattandosi alle diverse necessità di impianto.
N° max Loop: 16 Lunghezza massima loop: 2000 m N° Max indirizzi: 200 per ogni loop, max 1600 per centrale
N° max linee aperte: 32 Lunghezza massima linea aperta: 2000 m N° Max indirizzi: 32 per ogni linea aperta
I d a ti e
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
R7P2 Scheda a 7 relé programmabili
La scheda R7P2 è una scheda con 7 relè programmabili che per- mette di realizzare delle ripetizioni di stato. I relè possono fornire, tramite settaggio dei jumper presenti sulla scheda, un contatto pulito (N.C o N.A.) o un carico resistivo. Su una centrale CA3000 può essere collegata al massimo una sin- gola scheda R7P2 (o alternativamente, una scheda R12P2).
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 22 - 28Vdc Assorbimetno massimo: 5 mA, più 8,5 mA per ogni relè attivo Caratteristiche relé: 30Vdc 1A Carico Resistivo: 560 Ohm
R12P2 Scheda a 12 relé programmabili La scheda R12P2 è una scheda con 12 relè programmabili che permette di realizzare delle ripetizioni di stato. I relè possono fornire, tramite settaggio dei jumper presenti sulla scheda, un contatto pulito (N.C o N.A.) o un carico resistivo. Su una centrale CA3000 può essere collegata al massimo una sin- gola scheda R12P2 (o alternativamente, una scheda R7P2).
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 22 - 28Vdc Assorbimetno massimo: 5 mA, più 8,5 mA per ogni relè attivo Caratteristiche relé: 30Vdc 1A Carico Resistivo: 560 Ohm
C20R-E Scheda 20 relè programmabili
La scheda C20R è una scheda con 20 relè programmabili che per- mette di realizzare delle ripetizioni di stato. I relè possono fornire, tramite settaggio dei jumper presenti sulla scheda, un contatto pulito (N.C o N.A.) o un carico resistivo. Su una centrale CA3000 possono essere collegate fino a 2 sche- de C20R.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 21 - 30Vdc Assorbimetno massimo: 10 mA, più 8,5 mA per ogni relè attivo Caratteristiche relé: 30Vdc 1A Carico Resistivo: 560 Ohm
X4EVAC Scheda di espansione per linea sirene
La scheda X4EVAC è in grado di moltiplicando l’uscita sirene della centrale di rivelazione in 4 linee sirena. Ogni linea è bilanciata da una resistenza di fine linea che consente di monitorare il suo funzionamen- to (per guasti di corto circuito o apertura) oltre che di un sistema di protezione elettronica sui sovraccarichi. Il controllo di linea può esse- re configurato, tramite switch, su polarità diretta o ad inversione di polarità. La scheda è provvista di 4 Led gialli di guasto abbinato ad ogni singola linea, di un Led Verde di presenza alimentazione esterna e di un pulsante per il test della scheda.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione esterna: 24Vdc nominali Assobimento in Veglia: 30mA Linee Sirena: 4
A N
A L
O G
IC O
SCHEDA 01.03.07
3000-2L Scheda di espansione per 400 punti per serie ORION
La scheda 3000-2L è in grado di controllare e gestire fino a 400 punti analogici indirizzati (pulsanti, moduli I/O di interfaccia analogi- ci e rivelatori lineari) che possono essere distribuiti indifferentemen- te su 4 linee aperte oppure su 2 loops, tutti collegati utilizzando un cavo ad 1 coppia da diametro 0,8mm, twistato e schermato per una estensione massima di 2000 m per singolo loop (o singola linea aperta). La scheda è programmabile per gestire sia la serie ORION che la serie VEGA (non è comunque possibile che una singola sche- da supporti entrambi contemporaneamente).
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 21.5 - 30Vdc Assorbimetno massimo: 29 mA (esclusi punti di rivelazione) Dati Linea: 400 indirizzi su 2 Loop / 4 Linee Aperte
I d a ti e
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
ISO-RS Scheda RS422/RS485
Questa scheda da alloggiare all’interno delle centrali serie CA3000, permette di aggiungere una porta RS485 ed una porta RS422, disaccoppiate dalla terra. La ISO-RS si collega sulla sche- da madre (CA3000-CPU) per mezzo di flat-cable (protocollo RS485). Utile in installazioni in cui, le apparecchiature connesse sul bus, facciano riferimento a messe a terra differenti.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 5Vdc Assorbimetno massimo: 20 mA
3000-IE2M Scheda per espansione a 16 Loop
La scheda 3000-IE2M è una scheda di supporto in grado di for- nire l’espandibilità a 16 loop alla centrale CA3000 consentendo l’inserimento di ulteriori 4 moduli 3000-2L. Il scheda 3000-IE2M viene collegata direttamente alla centrale attraverso un cavo Flat, mentre i 4 moduli aggiuntivi vengono inse- riti su di essa con dei connetori maschio/femmina a 20 poli.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione: da centrale Connessione: a cavo Flat Moduli applicabili: 4 Moduli 3000-2L
3000-NET Scheda per inserimento in rete MGNET
Questa nuovissima scheda permette di interfacciare una centrale CA3000 in una rete (RS485) di centrali MGNET. Possono esse- re collegate fino a 16 centrali CA3000 in una MGNET. Nel caso di malfunzionamento della centrale, la scheda mantiene comunque la comunicazione tra la centrale precedente e quella seguente, garantendo l’integrità della rete.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di Alimentazione: 14 - 30Vdc Assorbimetno massimo: 40 mA Velocità trasferimento dati RS485 comm.01: 19200 bauds
RS485 comm.02: 19200 bauds RS232: 9600 bauds
A N
A L
O G
IC O
SCHEDA 01.03.08
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
CA3000-CO3U Pannello di comando e controllo in contenitore plastico
Questo pannello permette di gestire tutte le funzioni della centra- le da remoto (distanza massima 1000 m) senza alcuna limitazione. Grazie a questo pannello, sarà possibile visualizzare qualsiasi stato la centrale dovesse rivelare dal campo (allarmi, guasti, etc.), ese- guire test o disinserire porzioni di impianto. La presenza di questo pannello è essenziale per il funzionamento delle centrali versione CA3000-MEPP e CA3000-MP. Il collega- mento dati ed alimentazione è ridondato con doppio cavo. CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione: da 15 a 30Vdc Cavo: 2 x (2x0,8 mm) + 2 x (2x1,5mm) Dimensioni (HxLxP): 140 x 487 x 75 mm Grado di protezione IP30
FOC Convertitore in Fibra Ottica Il FOC è un convertitore in fibra ottica utilizzato per ottenere un isolamento galvanico o per mettere in comunicazione due dispositivi a distanze elevate rispettando i requisiti di qualità e sicurezza di tipo SIL2. Particolarmente adatto per la trasmissione ottica di dati grazie ad una perfetta immunità alle interferenze elettromagnetiche e con la possibilità di gestire due canali di comunicazione in modalità degradata utilizzando una coppia di fibre.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione: da 7Vdc a 60Vdc Corrente Massima: da 80mA a 17mA Lunghezza d’onda: 1310nm Tipo di Fibra: Multimodale Duplex 50/125 micron o connessione
62.5/125μm con connettore ST Attenuazione: <0,5 a 1 dB / km Segnalazione guasto: attenuazione max da 5 a 6 dB
PRA3000 Pannello di controllo remoto
PRA3000 è un pannello di ripetizione remota associabile alle centra- li di rivelazione incendio ed è utilizzato per riportare le informazioni di allarme, preallarme, guasto e fuori servizio. E’ prevista la possibilità di uso selettivo, PRA3000 può riportare solo le informazioni relative alle zone impostate dall’utilizzatore. Non è richiesta la programmazione del pannello, in quanto è predispo- sto per visualizzare automaticamente le informazioni trasmesse dalla centrale, tramite una seriale RS485, su un display 4x40 caratteri.
CARATTERISTICHE TECNICHE Tensione di alimentazione: da 15 a 30Vdc Dimensioni (HxLxP): 170 x 370 x 55 mm Grado di protezione: IP30
A N
A L
O G
IC O
SCHEDA 02.00.00
Rivelatori analogici serie ORION
ORION è la nuova serie di rivelazione offerta dalla DEF in risposta ad una richiesta sempre più esigente di sicurezza. I rivelatori ORION sono rivelatori analogici indirizzati quindi diret- tamente e singolarmente identificabili dalla centrale, a quest'ultima inviano costantemente nel tempo dati rivelati dal campo, garanten- do un controllo continuo sulle condizioni ambientali del luogo con- trollato e non unicamente in presenza di un incendio. I rivelatori integreranno infatti un algoritmo di autocompensazione autonomo, che permetterà al rivelatore stesso di autocalibrarsi a seconda delle condizioni ambientali e di regolare quindi la propria sensibilità di rivelazione. In questo modo, il rivelatore continuerà il proprio funzionamento anche a livelli alti di sporcizia, evitando quindi eccessive presenze di guasti che verranno presentati sola- mente nel caso di reale malfunzionamento. La serie ORION offre una completa gamma di rivelazione, da quel- la ottica (OA-O) passando a quella termica (OA-T), fino ad una combinazione delle due tecnologie (ORION+) in un unico rivela- tore. La serie ORION offre un innovativo strumento di analisi sul proprio sistema di rivelazione in modo da garantire un efficace ed affida- bile controllo su eventuali falsi allarmi, queste funzioni, gestite direttamente dalla centrale, permettono di impostare soglie di sen- sibilità diverse per ogni rivelatore (fino ad 8), persino per ogni sin- gola tecnologia in esso contenuta (nel caso si parli di rivelatore multitecnologia). Una delle funzioni più particolari è la funzione “giorno/notte”. Questa permette di impostare i criteri della rivelazione secondo fasce orarie impostabili in base all’attività svolta all’interno dell’area protetta. Di giorno, quando l’attività svolta potrebbe generare calo- re vapori oppure aereosol come risultato di fenomeni di combustio- ne o di riscaldamento,potrebbe essere opportuno irrigidire le con- dizioni di allarme. Durante la notte, invece, in assenza di attività e con un ambiente meno perturbato, sarà più opportuno impostare una soglia di allarme con sensibilità standard o aumentata, per avere rivelazioni più precoci. Questa funzione può essere usata anche per cambiare le modalità di rivelazione combinando degli algoritmi di tipo termostatico di giorno e termovelocimetrico di notte. I criteri con cui impostare la funzione “giorno/notte” sono del tutto liberi poiché le fasce orarie sono configurabili e permettono di adattarsi a svariati cicli d’attivi- tà. Un’altra funzione permette di impostare due differenti livelli di soglia, una come preallarme ed un altra come segnale di allarme. L’indirizzamento del rivelatore di tipo elettronico, può essere realiz- zato sul posto o in ufficio tramite uno strumento di codifica dedi- cato. L’interfaccia permette di codificare i rivelatori uno a uno o per zona, ed associarvi testi e formule matematiche per la creazione di logiche di intervento. Questa semplice operazione può essere effettuata da una sola persona ed alcune procedure automatiche consentono un guadagno di tempo importante garantendo con- temporaneamente la verifica del cablaggio e la posa del rivelatore. L’isolatore montato a bordo di ogni rivelatore consente di ottenere un impianto in grado di garantire un’affidabilità estrema in qualsia- si circostanza (“taglio di linea”,”corto-circuito”, etc...).
Tipologia di Rivelatori
- OA-O Rivelatore ottico interattivo per fumi freddi e visibili ad elevata granulometria.
- OA-T Rivelatore termostatico e termovelocimetrico interattivo.
- ORION+ Rivelatore multicriterio combinato ottico- temico interattivo.
- EO Base per rivelatori serie ORION.
- SEO Adattatore sonoro per base EO.
- CB-EO Coperchio di protezione per base EO.
- BRI Adattatore per intallazioni industriali per base EO.
- AC-EO Adattatore per installazione a controsoffitto per base EO.
- FCC110 Camera d’analisi per condotte.
I d a ti e
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
.
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
. OA-O Rivelatore ottico interattivo
Il rivelatore OA-O, è un rivelatore puntiforme ottico di fumo di tipo analogico ad indirizzamento elettronico, certificato secondo le norme europee di prodotto EN 54-7, EN 54-17 ed En 54-18. E’ quindi dotato di marchio CE di conformità secondo l’allegato ZA della direttiva “Prodotti da costruzione” 89/106/CEE. Inoltre il rive- latore è conforme ai regolamenti del marchio NF. Il rivelatore ottico di fumo OA-O è conforme alla direttiva europea 2002/95/CE relativa alla limitazione dell’uso delle sostanze perico- lose all’interno dei prodotti elettrici, in particolare sull’utilizzo del piombo. Questo rivelatore ottico di fumo basa il suo principio di funziona- mento sulla riflessione della luce infrarossa da parte delle particel- le di fumo (fenomeno noto come effetto Tyndall). La serie ORION offre un innovativo strumento di rivelazione che, abbinata alla nuova gamma di centrali DEF, è in grado di garantire un efficace sistema di rivelazione ed un affidabile controllo su eventuali falsi allarmi, queste funzioni, gestite direttamente dalla centrale, permettono di impostare diversi livelli di sensibilità diffe- renti per ogni rivelatore, persino per ogni singola tecnologia in esso contenuta (nel caso si parli di rivelatore multitecnologia). La soglia di allarme può essere impostata nella centrale di controllo e segnalazione su 8 livelli di sensibilità a secon- da delle esigenze e delle caratteristiche ambientali ove viene effettuata la rivelazione. In caso di corto-circuito della linea di rivelazione, l’intelligenza del sistema in centrale, permette d’isolare rapidamente il tratto di linea interessato dal corto-circuito; nessun rivelatore viene perso. Questo ovviamente è possibile unicamente su una linea a loop. Il rivelatore OA-O dispone al suo interno di un algoritmo di auto- compensazione che ne assicura una sensibilità costante all’aumen- tare del livello di sporcamento della camera di misura. Superato un determinato livello di sporcamento molto elevato, l’autocompensazione non è più possibile, ed in questo caso il rive- latore segnala alla centrale di controllo e segnalazione il proprio stato di guasto. Per prevenire questa segnalazione di guasto e consentire una manutenzione preventiva, il rivelatore invia alla centrale di control- lo e segnalazione due messaggi di manutenzione al raggiungimen- to di 2 differenti livelli di sporcamento. L’indirizzamento del rivelatore di tipo elettronico, può essere realiz- zato sul posto o in ufficio tramite uno strumento di codifica dedi- cato. L’interfaccia permette di codificare i rivelatori uno a uno o per zona, ed associarvi testi e formule matematiche per la creazione di logiche di intervento. Questa semplice operazione può essere effettuata da una sola persona ed alcune procedure automatiche consento- no un guadagno di tempo importante garantendo contem- poraneamente la verifica del cablaggio e la posa del rive- latore. L’isolatore montato a bordo di ogni rivelatore consente di ottenere un impianto in grado di garantire un’affidabilità estrema in qualsia- si circostanza (“taglio di linea”,”corto-circuito”, etc...).
CARATTERISTICHE TECNICHE
Assorbimento a riposo con: isolatore chiuso 100 µA
isolatore aperto 500 µA
Sensibilità: 8 soglie disponibili
Dimensioni (ØxH): 105 x 55 mm
Temp. di funzionamento: da -30 °C a +60 °C
Grado di protezione: IP32
Certificazione CE: 0333 CPD 075 109
A N
A L
O G
IC O
l e c
e c n ic
o n o s
ili d
n e i n r
e la
z io
g ic
o d
o n c
in c o lo
c o n tr
. OA-T Rivelatore termostatico e termovelocimetrico interattivo
Il rivelatore OA-T, è un rivelatore puntiforme termostatico e ter- movelocimetrico di tipo analogico ad indirizzamento elettronico, certificato secondo le norme europee di prodotto EN 54-5, EN 54- 17 ed En 54-18. E’ quindi dotato di marchio CE di conformità secondo l’allegato ZA della direttiva “Prodotti da costruzione” 89/106/CEE. Inoltre il rivelatore è conforme ai regolamenti del marchio NF. Il rivelatore termico OA-T è conforme alla direttiva europea 2002/95/CE relativa alla limitazione dell’uso delle sostanze perico- lose all’interno dei prodotti elettrici, in particolare sull’utilizzo del piombo. Il rivelatore termico OA-T effettua un’analisi della temperatura ambiente grazie alla variazione di resistenza di un elemento termo- sensibile (NTC). La serie ORION offre un innovativo strumento di rivelazione che, abbinata alla nuova gamma di centrali DEF, è in grado di garantire un efficace sistema di rivelazione ed un affidabile controllo su eventuali falsi allarmi, queste funzioni, gestite direttamente dalla centrale, permettono di impostare diversi livelli di sensibilità diffe- renti per ogni rivelatore, persino per ogni singola tecnologia in esso contenuta (nel caso si parli di rivelatore multitecnologia).
La soglia di allarme può essere impostata dalla centrale di controllo e segnalazione su 6 diversi livelli di intervento, corrispondenti alle classi A1S, A2S, BS, A1R, A2R e BR (ai sensi della norma EN 54-5), 3 dei quali sono riferiti alla parte termostatica, e 2 alla combinazione tra la parte ter- mostatica e termovelocimetrica. In caso di corto-circuito della linea di rivelazione, l’intelligenza del sistema, ripartita tra la centrale e i rivelatori, permette d’isolare rapidamente il tratto di linea interessato dal corto-circuito; nessun rivelatore viene perso. Questo ovviamente è possibile unicamente su una linea a loop. L’indirizzamento del rivelatore di tipo elettronico, può essere realiz- zato sul posto o in ufficio tramite uno strumento di codifica dedi- cato. L’interfaccia permette di codificare i rivelatori uno a uno o per zona, ed associarvi testi e formule matematiche per la creazione di logiche di intervento. Questa semplice operazione può essere effettuata da una sola persona ed alcune procedure automatiche consento- no un guadagno di tempo importante garantendo contem- poraneamente la verifica del cablaggio e la posa del rive- latore. L’isolatore montato a bordo di ogni rivelatore consente di ottenere un impianto in grado di garantire un’affidabilità estrema in qualsia- si circostanza (“taglio di linea”,”corto-circuito”, etc...).
CARATTERISTICHE TECNICHE
Assorbimento a riposo con: isolatore chiuso 100 µA
isolatore aperto 500 µA
Sensibilità: 6 soglie disponibili
Dimensioni (ØxH): 105 x 55 mm
Temp. di funzionamento: da -30 °C a +50°C per le classi A1R, A2R, A1S, A2S
da -30 °C a +65 °C per le classi BR e BS
Grado di protezione: IP32
Peso: 130 g
Conformità: EN 54-5, EN 54-17, EN 54-18, A1R, A1S, A2R, A2S, BR, BS
Certificazione CE: 0333 CPD 075 109
SCHEDA 02.02.01
A N
A L
O G
IC O
le c
a ra
tte ris
o n o s
ili d i v
g ic
o d
n o n c
in c o lo
c o n tra
ORION+ Rivelatore multitecnologia combinato interattivo
Il rivelatore ORION+ è un rivelatore puntiforme multitecnologia di tipo analogico combinato ad indirizzamento elettronico, certificato secondo le norme europee di prodotto EN 54-7, EN 54-5, EN 54- 17 ed En 54-18. E’ quindi dotato di marchio CE di conformità secondo l’allegato ZA della direttiva “ Prodotti da costruzione” 89/106/CEE. Inoltre il rivelatore è conforme ai regolamenti del marchio NF. Il rivelatore ORION+ è conforme alla direttiva euro- pea 2002/95/CE relativa alla limitazione dell’uso delle sostanze pericolose all’interno dei prodotti elettrici, in particolare sull’uso del piombo. Il rivelatore ORION+, è l’evoluzione del rivelatore OA-M nella categoria multitecnologia, racchiude in se tre criteri di rivela- zione combinati: Un rivelatore a sensibilità standard, ottico ad effetto Tyndal più rivelatore termico, un rivelatore ad alta sensibilità, ottico ad effet- to Tyndal più rivelatore termico ed un rivelatore termico con fun- zione statica e termovelocimetrica. Le due modalità di rivelazione combinata ottico-termica consento- no di scegliere, direttamente dalla centrale di rivelazione, l’impo- stazione più adatta agli ambienti da sorvegliare. Si potrà sceglie- re la rivelazione di fumo attraverso l’attivazione della sola parte ottica, oppure il funzionamento combinato parte ottica e termica o ancora, la rivelazione per mezzo della componente termica e ter- movelocimetrica soltanto. Il rivelatore ORION+ basa il proprio principio di rivelazione sulla riflessione di una sorgente di luce all’infrarosso (IR) sulle particel- le di fumo (effetto Tyndal) e la riflessione di una seconda sorgen- te di luce rossa, sulle medesime particelle di fumo, il confronto tra queste due grandezze, consente di effettuare un’analisi del tipo di fumo, in modo da adattare la sensibilità del rivelatore e ridurre al minimo i falsi allarmi. Da quanto esposto si evince che, la caratteristica principa- le del rivelatore ORION+ è quella di ridurre la sensibilità verso i fenomeni “parassiti” come ad esempio il vapore, ed aumentare la propria sensibilità verso i fenomeni legati agli incendi reali. Il rivelatore multitecnologia ORION+, attraverso le centrali della seria CA3000, consentirà di impostare fino a 16 configurazioni sfruttando 12 soglie di sensibilità relative sia alla parte ottica che termica. Queste combinazioni si possono applicare al funzionamen- to come solo rivelatore ottico, come solo rivelatore termi- co, o come rivelatore multicriterio, il quale offre la possibi- lità di combinare le 2 tecnologie. Il rivelatore ORION+ dispone al suo interno di un algoritmo di autocompensazione che, ne assicura una sensibilità costante all’aumentare del livello di sporcamento della camera di misura. L’indirizzamento del rivelatore di tipo elettronico, può essere realiz- zato sul posto o in ufficio tramite uno strumento di codifica dedi- cato. L’interfaccia permette di codificare i rivelatori uno ad uno o per zona, ed associarvi testi e formule matematiche per la creazio- ne di logiche di intervento. Questa semplice operazione può essere effettuata da una sola persona ed alcune procedure automatiche consento- no un guadagno di tempo importante garantendo contem- poraneamente la verifica del cablaggio e la posa del rive- latore. L’isolatore montato a bordo di ogni rivelatore consente di ottenere un impianto in grado di garantire un’affidabilità estrema in qualsia- si circostanza (taglio di linea, corto circuito, etc…).
CARATTERISTICHE TECNICHE
Assorbimento a riposo: 150 µA ad isolatore chiuso
350 µA ad isolatore aperto
Consumo in allarme: 5mA ±1mA
Sensibilità: 12 soglie disponibili
Dimensioni (ØxH): 105 x 60 mm