Bus Magazine 4/2012

of 52 /52
Bimestrale di politica e cultura dei trasporti Anno 12 Numero 4 Poste Italiane S.p.A. sped. in abb. post. 70% - DCB Roma 5,00 ASSEMBLEA ANAV: NICOLA BISCOTTI ELETTO PRESIDENTE LE AZIENDE VINCITRICI DEI PREMI SMART MOVE SBLOCCO DEI CREDITI OSSIGENO PER LE AZIENDE ASSEMBLEA ANAV: NICOLA BISCOTTI ELETTO PRESIDENTE LE AZIENDE VINCITRICI DEI PREMI SMART MOVE SBLOCCO DEI CREDITI OSSIGENO PER LE AZIENDE bus bus In viaggio con una marcia in più In viaggio con una marcia in più n.4 2012 Luglio Agosto

Embed Size (px)

description

Bus Magazine n. 4/2012

Transcript of Bus Magazine 4/2012

  • Bimestrale di politica e cultura dei trasporti Anno 12 Numero 4 Poste Italiane S.p.A. sped. in abb. post. 70% - DCB Roma 5,00

    ASSEMBLEA ANAV:NICOLA BISCOTTIELETTO PRESIDENTE

    LE AZIENDE VINCITRICIDEI PREMI SMART MOVE

    SBLOCCO DEI CREDITIOSSIGENO PER LE AZIENDE

    ASSEMBLEA ANAV:NICOLA BISCOTTIELETTO PRESIDENTE

    LE AZIENDE VINCITRICIDEI PREMI SMART MOVE

    SBLOCCO DEI CREDITIOSSIGENO PER LE AZIENDE

    busbus

    In viaggio con una marcia in piIn viaggio con una marcia in pi

    n.4 2012Luglio Agosto

  • LAssemblea ANAV del 21 giugnorappresenta il momento di passag-gio, il traghettamento dal mandatodellattuale Vertice associativo verso ilnuovo che avr la responsabilit dellaconduzione dellAssociazione per ilprossimo periodo. Desidero fare ilpunto - di inevitabili luci ed ombre -degli ultimi quattro anni, coincisi con ilperiodo della mia Presidenza, e chesono stati caratterizzati da una delle pigravi crisi che abbia colpito il mondooccidentale dalla Grande crisi del 29 e icui effetti non sembrano ancora in via disoluzione. Ancora in questi giorni, infatti, il quadrodellarea Euro continua ad essere forte-mente instabile, la crisi del debitosovrano investe molti paesi, tra i qualilItalia. La crisi della nostra economia,segnata da un nuovo aumento dellospread rispetto ai titoli tedeschi e dallaconseguente ripresa del costo del dena-ro, solo parzialmente attenuata daltentativo di ripresa di credibilit delPaese in Europa e sulla scena interna-zionale.Il nuovo Governo ha definito una seriedi provvedimenti (ultimo in ordine ditempo il D.L. per lo sviluppo) con ildichiarato scopo di stimolare la ripresa,tra i quali il D.L. Crescitalia, che con-tiene anche norme in tema di servizipubblici locali. Abbiamo espresso signi-ficative riserve e promosso una serie diemendamenti, presentati in Parlamentoma non andati a buon fine per effetto delvoto di fiducia posto dallEsecutivo.

    Troppi, ben sette, gli interventi di rifor-ma del TPL in questo quadriennio. Lafine anticipata della legislatura, l'avven-to della crisi economica, le incertezzedel legislatore hanno determinato unsignificativo ritardo nell'adozione di unariforma idonea a sostenere il risanamen-to e lo sviluppo del settore. Questainstabilit stata anche accompagnatada incertezza dei finanziamenti destina-ti al settore a seguito del taglio dei tra-sferimenti statali destinati alle Regioni

    stabilito a partire dalla manovra econo-mica del luglio 2010.Il passaggio da un finanziamento deiservizi di TPL basato sulla spesa storicaad uno basato sui costi standard ha vistoil massimo impegno dell'Associazione,in considerazione degli effetti positiviche l'introduzione della metodologiaavrebbe per le imprese private del setto-re, notoriamente pi efficienti e concosti chilometrici notevolmente inferiori

    a quelli delle imprese pubbliche, inmedia del 10% per operatori di dimen-sioni comparabili. Decisa azione di contrasto abbiamoespresso sull'utilit di un sistema diliberalizzazione piena nel settore, evi-denziandone gli elevati rischi di fenome-ni di "scrematura" delle sole tratte red-ditizie con conseguente aumento del-l'onere finanziario connesso al manteni-mento dei servizi a domanda debole, siasulla scelta, cui alcune Regioni appaionoorientate, di accorpare i servizi minimi(sia su ferro che su gomma) in bacini ditraffico di pi ampie dimensioni, talvol-ta addirittura pari all'intero territorioregionale, da porre successivamente agara. Lo studio presentato dallAssociazione agiugno dello scorso anno ha dimostratocome opinabili siano le economie discala nel settore, addirittura decrescentiper contesti superiori a 10 milioni di kmdi servizio.In un contesto di riduzione delle risor-se pubbliche, le autolinee di lungadistanza assolvono un ruolo semprepi importante nel garantire il dirittoalla mobilit dei cittadini e una maggio-re inclusione sociale delle fasce pideboli della popolazione in assenza dicontribuzione pubblica, sopperendo sualcune tratte alla carenza di collegamen-ti ferroviari. Il recente studio commis-sionato al Politecnico di Milano e pre-sentato lo scorso 14 dicembre ha confer-mato le potenzialit del settore e glispazi di sviluppo del mercato sempre

    |1

    GRAZIE A TUTTI

    busmagazine

    [

    ]

    L'IMPEGNOPER UN QUADRO

    DI REGOLEMODERNO

    di Giuseppe Francesco Vinella EDITORIALE IbusImagazineI[Past President Anav]

  • 2|

  • busmagazine |3

    In Copertina:Foto di Paolo Caprioli

    busmagazine

    21

    29

    9

    4642

    37

    5

    1413

    10

    33

    EditorialeGrazie a tutti 1Giuseppe Francesco Vinella

    AttualitSblocco dei Creditiossigeno per le imprese 4Nicoletta Romagnuolo

    Assemblea AnavImprese protagonistenel futuro del paese 8

    Nicola Biscotti:le sfide che ci attendono 8

    Premi Anav-Smart Move 14

    SpecialeGabriele Montecorboli

    Da A come Amalfia V come VolterraLa sosta degli autobus nelle citt darte(parte seconda) 21

    Flash cultura 29

    AttualitGli equilibrismi del TPLtra bacini unici e concorrenza 30Antonello Lucente

    Flash 33

    EuropaLEuropa sperimentail sistema futuro 34Paola Galantino

    Flash tecnologie 37

    RubricheRegioni province comuni 38La Sentenza 40Sindacale 41Al Volante 42La nostra storia 45

    Bimestrale di politica e cultu

    ra dei trasporti Anno 12 N

    umero 4 Poste Italiane S.p.

    A. sped. in abb. post. 70% - D

    CB Roma 5,00

    ASSEMBLEA ANAV:

    NICOLA BISCOTTI

    ELETTO PRESIDENTE

    LE AZIENDE VINCITRICI

    DEI PREMI SMART MOVE

    SBLOCCO DEI CREDITI

    OSSIGENO PER LE AZIEND

    E

    ASSEMBLEA ANAV:

    NICOLA BISCOTTI

    ELETTO PRESIDENTE

    LE AZIENDE VINCITRICI

    DEI PREMI SMART MOVE

    SBLOCCO DEI CREDITI

    OSSIGENO PER LE AZIEND

    E

    busbus

    In viaggio con una marc

    ia in piIn viaggio

    con una marcia in pi

    n.4 2012Luglio Agosto

  • Cresce lallarme per i ritardiaccumulati dalla PubblicaAmministrazione nei paga-menti dovuti alle imprese: la recessioneeconomica e la crisi di liquidit, compli-cata dal credit crunch bancario, acui-scono drammaticamente una piagache da tempo affligge lItalia (e nonsolo) e che rischia di soffocare il tessu-to imprenditoriale del nostro Paese. Suquesto fronte, alle iniziative assunte alivello europeo si associa un ventagliodi misure predisposte in ambito nazio-nale per favorire lo smobilizzo dei cre-diti vantati dalle imprese verso laPubblica Amministrazione.

    Le misure governativeDopo lo stallo dei mesi scorsi e in atte-sa del recepimento della nuova diretti-

    va 2011/7/UE sulla lotta ai ritardatipagamenti da parte della PubblicaAmministrazione, il Governo haimpresso unaccelerazione allattuazio-ne delle misure per lo sblocco dei cre-diti delle imprese. Un passo in avantiimportante e oramai non pi procrasti-nabile per ridare ossigeno al sistemaimprenditoriale in un momento diffici-le, forse il pi difficile per il Paese, in cuianche la restrizione dellaccesso al cre-dito ed i costi eccessivamente elevatidei prestiti stanno stritolando il tessutoproduttivo.Sono quattro i provvedimenti (ancorain attesa di pubblicazione in GazzettaUfficiale nel momento in cui si scrive)varati nelle settimane scorse dalGoverno con lobiettivo di fornire liqui-dit alle imprese, semplificare per i cre-ditori e la P.A. il meccanismo di certifi-

    cazione dei crediti, ridurre il rischio diinerzia della P.A., offrire uno strumentorisolutivo alle imprese che abbianodebiti iscritti a ruolo. Il tutto senzacompromettere il percorso di risana-mento dei conti pubblici intrapreso dalGoverno.Il pacchetto di interventi messo apunto dai tecnici della Presidenza delConsiglio e dei Ministeri dellEconomiae dello Sviluppo economico d concre-ta attuazione a misure gi definite, nellelinee generali, negli anni scorsi (cfr.tabella in questa pagina) e si componedi: due decreti fotocopia, di cui unoriguardante la certificazione dei creditiverso le amministrazioni centrali e glienti pubblici e laltro relativo alla certi-ficazione dei crediti verso regioni, entilocali ed enti del Servizio Sanitario

    4|

    eeeNicolettaRomagnuolo

    [Responsabile Servizio Fisco e Diritto d'Impresa Anav]

    Sblocco dei Creditiossigeno per le impreseDopo lo stallo dei mesi scorsi, un pacchetto di interventi per risolvere la questione dei ritardati pagamenti delle Pubbliche amministrazione.

    I A T T U A L I T I I I

    Gi nel 2000 la Comunit euro-pea, con lemanazione delladirettiva 2000/35/CE (recepitanel nostro Paese con il

    decreto legislativo n. 231/2002), avevapreso coscienza della dimensioneeuropea del problema e delle suegravi implicazioni. I periodi di paga-mento eccessivi e i ritardi di pagamen-to impongono pesanti oneri ammini-strativi e finanziari alle imprese, ed inparticolare a quelle di piccole e medie

    dimensioni. Inoltre tali problemi costi-tuiscono una tra le principali caused'insolvenza e determinano la perditadi numerosi posti di lavoro (settimoconsiderando della direttiva). Questo il presupposto da cui era parti-to il legislatore comunitario per tenta-re di porre un argine al problema deiritardati pagamenti, prevedendo ladecorrenza automatica (quindi senzanecessit di una preventiva messa inmora del debitore) di interessi morato-

    ri particolarmente onerosi a caricodelle Pubbliche Amministrazioni ina-dempienti allobbligo di pagamento.Interessi maggiorati almeno del 7%rispetto al tasso applicato dalla bancacentrale europea alla principale e pirecente operazione di rifinanziamento:questa la sanzione studiata per chinon rispetta le scadenze, fermorestando il principio del risarcimentodegli ulteriori maggiori danni. Misureche, per quanto potessero apparire di

    UN PROBLEMA NON SOLO ITALIANO: LE MISURE EUROPEE

  • |5busmagazine

    Nazionale (questultimo attualmenteal vaglio della Conferenza Stato -Regioni per il relativo parere); undecreto del Ministero dellEconomiache regola la compensazione dei credi-ti verso la P.A. con le somme iscritte aruolo; un decreto del Ministero delloSviluppo Economico, che prevede unacopertura del Fondo centrale di garan-zia sullanticipazione dei crediti verso laP.A. e, a fare da corollario a tali disposi-zioni, un accordo siglato tra ABI edAssociazioni imprenditoriali (inclusa laConfindustria) per la costituzione di unplafond dedicato allo smobilizzo deicrediti delle imprese.

    Certificazione dei crediti I due decreti sulla certificazione defini-scono una procedura standard ed assaisemplificata per il rilascio dellattesta-zione relativa alla certezza, liquidit edesigibilit del credito. La procedura,esperibile anche in via elettronica, attivata con unistanza del creditorenella quale sono riportati gli estremidella prestazione e della fattura da cuiorigina il credito, leventuale intenzionedi utilizzare lo stesso in compensazionecon somme iscritte a ruolo e limpegnodellimpresa creditrice a non attivareprocedimenti in sede giurisdizionalefino alla data indicata per il pagamento.

    Alla richiestala Pubblica Amministrazionedeve rispondere entro 60 giorni (incaso di inerzia limpresa pu presenta-re una nuova istanza allUfficio dellaRagioneria dello Stato territorialmentecompetente che nomina un commissa-rio ad acta che si sostituisce alla P.A.),certificando il credito (ovvero motivan-do leventuale diniego della certificazio-ne) ed accettando preventivamenteleventuale cessione del credito. Nellacertificazione dovr essere indicataanche la data del pagamento che, inogni caso, non potr superare i dodicimesi. Per i crediti di importo superiorea 10mila euro, il rilascio della certifica-zione subordinato alla verifica dellin-

    I I I A T T U A L I T I

    forte impatto, comunque non sonobastate ad abbattere i tempi di paga-mento e ad indurre la PA ad una mag-giore compliance ai termini contrat-tualmente pattuiti. In Italia, come neglialtri Paesi europei, la direttiva non hasortito gli effetti sperati, tanto chelUnione Europea tornata ad affronta-re nuovamente il problema con ladirettiva 2011/7/UE del 16 febbraioscorso. A oltre dieci anni di distanza ilParlamento ed il Consigli Europeo

    sono intervenuti sui contenuti delladirettiva 2000/35/CE, rafforzando letutele delle imprese contro i ritardatipagamenti. Partendo dal presupposto che le diffe-renze tra le norme e le prassi seguitein materia di pagamenti nei diversiStati membri dellUE costituiscono unostacolo al buon funzionamento delmercato interno, la nuova direttivaprevede una vera e propria armoniz-zazione, a livello europeo, dei termini

    di pagamento nelle transazioni traimprese e pubbliche amministrazioni.Viene fissato un limite massimo di 60giorni di calendario, vincolante per icontratti con le pubbliche amministra-zioni degli Stati membri (in mancanzadi una previsione contrattuale, il termi-ne di pagamento si riduce a 30 giorni),decorsi i quali maturano gli interessimoratori in favore delle imprese. Il ritardato pagamento dar diritto,senza necessit di un sollecito, a un

  • 6|

    sussistenza di inadempimenti allobbligodi pagamento derivante dalla notifica diuna o pi cartelle pagamento (ondeevitare laggiramento del blocco di cuiallar ticolo 48-bis del D.P.R. n.602/1973).Dei due decreti, come si detto, unoriguarda i crediti verso regioni, entilocali ed enti del Servizio SanitarioNazionale dal cui ambito di applicazio-

    ne, allo stato attuale, sarebbero esclusigli enti locali commissariati e le regionisottoposte a piani di rientro dai deficitdel sistema sanitario nazionale(Piemonte, Lazio, Abruzzo, Campania,Puglia, Calabria e Sicilia). Tuttavia, unemendamento al disegno di legge diconversione del decreto sulla spen-ding review (gi approvato da partedel Senato e, nel momento in cui si

    scrive, in attesa di esame da parte dellaCamera), dovrebbe estendere lobbligodi certificazione anche a tali enti.

    Compensazione con i debiti a ruoloLa certificazione costituisce il presup-posto, oltre che per la cessione o anti-cipazione del credito, anche per la suacompensazione. Con un decreto del

    I A T T U A L I T I I I

    interesse legale di mora corrispon-dente al tasso dinteresse applicatodalla Banca centrale europea alle suepi recenti operazioni di rifinanzia-mento principali, maggiorato di alme-no 8 (e non pi 7) punti percentuali.Questo a condizione che limpresa cre-ditrice adempia regolarmente al con-tratto e che il ritardo di pagamento siaimputabile alla pubblica amministra-zione debitrice. La direttiva lascia alle imprese la

    facolt di determinare contrattual-mente la misura degli interessi dimora nelle loro transazioni commer-ciali, tuttavia prevede che eventualiclausole o prassi contrattuali che neescludano lapplicazione sarebberoinvalide, in quanto gravemente iniqueper il creditore (nel nostro Paese lagiurisprudenza del Consiglio di Stato,in anticipo rispetto alle norme comuni-tarie, ha gi riconosciuto lillegittimitdi siffatte clausole). Analogamente, la

    direttiva prevede che potrebbero esse-re dichiarate gravemente inique (edunque invalide) le clausole o le pras-si che si discostino (a favore del debi-tore) dallapplicazione dei tassi legalidi interessi di mora senza un motivoobiettivo. Rispetto alla direttiva 2000/35/CE vienericonosciuto allimpresa creditriceanche il diritto al rimborso delle speselegali e di recupero del credito. Ladirettiva prevede, infine, un rafforza-

  • busmagazine |7

    MEF viene data attuazione allarticolo31 del D.L. n. 78/2010 che consente lacompensazione dei crediti certificatidalla P.A. con i debiti iscritti a ruolo. Ildecreto stabilisce, in particolare, che lacompensazione possa avvenire conimposte sia erariali che locali iscritte aruolo entro il 30 aprile 2012 ed altrescon contributi sociali e premi assicura-tivi INAIL. La procedura anche in questo caso molto semplice: il creditore presenta lacertificazione del credito allagentedella riscossione ed indica le posizionidebitorie che intende estinguere;lagente verifica la veridicit della certi-ficazione e, in caso di esito positivo,effettua la compensazione tra debito ecredito; infine, la P.A. debitrice esegue ilpagamento dellimporto compensatoentro 12 mesi dalla data della certifica-zione.

    Intervento del Fondo centrale di garanziaLultimo dei decreti approvati dalGoverno prevede la possibilit di utiliz-zare la garanzia diretta del Fondo cen-trale di garanzia per lanticipazione delcredito (che deve essere preventiva-mente certificato) nei confronti della

    P.A.. La misura, che ha lo scopo di age-volare il supporto del sistema bancarioallimmissione di liquidit sul mercato,prevede una copertura del Fondo finoal 70% dellammontare delloperazionedi anticipazione e per importi fino a2,5 mln di euro per singola impresa.

    Protocollo Confindustria - ABIAllemanazione di tali decreti stretta-mente collegato, come si detto, ilProtocollo firmato il 22 maggio u.s. daConfindustria, ABI ed altre associazioniimprenditoriali che ha previsto la costi-tuzione di un plafond di 10 miliardi, alfine di favorire lo smobilizzo dei crediticertificatidalla P.A. attraverso opera-zioni di sconto pro-soluto e pro-sol-vendo e di anticipazione del creditocon o senza cessione del medesimo. Ilprotocollo prevede laccesso a tali ope-razioni per le piccole e medie imprese(PMI secondo la definizione comunita-ria) che non abbiano posizioni debito-rie classificate dalla banca come soffe-renze, partite incagliate o esposizio-ni scadute/sconfinanti da oltre 90 gior-ni, n procedure esecutive in corso. Lo sconto o anticipazione previstoche avvenga ad un tasso di interesse

    determinato sulla base del costo soste-nuto dalla banca per laccesso alla prov-vista BCE e di uno spread che tieneconto del merito creditizio dellimpresae del tipo di operazione realizzata. Con riferimento specifico alle anticipa-zioni senza cessione del credito, ilProtocollo prevede limpegno per lebanche aderenti a non computaredette anticipazioni tra le esposizioni neiconfronti dellimpresa (in tal modo evi-tando possibili impatti sulle linee di cre-dito concessa allimpresa) e limpegnodi questultima a conferire mandatoirrevocabile alla banca per lincasso delcredito vantato dei confronti della P.A.Il rilascio dellanticipazione dovr esse-re in ogni caso accompagnato da unacopertura del Fondo di garanzia per lePMI o di altro garante equivalente. I decreti, anche se non rappresentanola soluzione definitiva al problema deiritardati pagamenti della P.A. rappre-sentano importanti strumenti per faraffluire liquidit alle imprese in unasituazione economica difficile comequella attuale. Lauspicio, quindi, chegli stessi diventino al pi presto opera-tivi con la pubblicazione in GazzettaUfficiale.eee

    I I I A T T U A L I T I

    mento degli strumenti di tutela delcreditore contro il continuo ricorso aclausole e prassi inique volte ad allun-gare i termini di pagamento e adescludere o limitare gli interessi dimora o il risarcimento delle spese direcupero del credito. La direttiva prevede, infatti, ladozioneda parte degli Stati membri di disposi-zioni che consentano alle organizza-zioni ufficialmente riconosciute per larappresentanza delle imprese - quindi

    alle associazioni di categoria - di agiredinanzi alle autorit giurisdizionali oagli organi amministrativi competentiqualora le clausole contrattuali o leprassi siano gravemente inique, inmodo che possano ricorrere a mezziappropriati ed efficaci per impedire ilricorso continuo a tali clausole.La nuova disciplina comunitaria non ad oggi ancora operativa (non dun-que possibile valutarne gli effetti)essendo previsto quale termine ultimo

    per il recepimento la data del 16 marzo2013. Invero, lo statuto delle imprese(L. n. 180/2011) ne ha previsto ladozio-ne entro il prossimo mese di novem-bre 2012, ma la legge comunitariaattualmente allesame del Senatopotrebbe prevedere uno slittamentodei termini per il recepimento. e

  • Noi non vogliamoaffermare astratta-mente dei principi,ma salvaguardare le imprese: ecco, allafine la lunga relazione di Nicola Biscottirivolta a delineare il futuro dell'Anav,ma guardando al lavoro fin qui svolto,sta tutta in questa affermazione.Regole, risorse, relazioni industriali erapporti istituzionali: le ragioni dell'es-sere associazione, unit solidale diimprese per lo sviluppo e la crescita diognuna. O, in tempi come questi, perproteggersi dalle temperie.Acclamato presidente, nel passaggio ditestimone con Giuseppe Vinella,

    Biscotti ha una volta di pi sottolineato,anche con durezza, la peculiarit delleassociate ad Anav: autobus che traspor-tano passeggeri cinque volte di pi diquanto non faccia il treno, senza lostesso sostegno economico pubblico;ma anche sprechi della gestione pubbli-ca a confronto dell'efficienza privata; epoi i progetti immaginati per il settore,dispendiosi ma mai realizzati - se nonirrealizzabili - come l'intermodalit. Non c' stato, nell'assemblea Anav2012, solo il rinnovo delle carichesociali (nuovi vicepresidenti: AntonioGraffagnini, Gennaro Scura, LucianoVinella e Desiderio Zoncada): una delle

    vere novit stata la presenza di giova-ni, la nuova generazione. Quella dell'in-novazione.E quanto questi giovani siano gi allavoro lo si ben visto con il PremioSmart Move, l'evento che ha conclusoi lavori. E che ha reso le aziende prota-goniste della giornata.Il Premio stato presentato daFrancesco Tulli, psicologo dell'organiz-zazione, che ha raccontato - utilizzandoslide e spezzoni di film - come persinonei colori scelti per il logo di SmartMove ci sia il suo segreto: l'azzurrodella logica, il giallo dell'intuizione, ilverde dell'organizzazione, il rosso del

    8|

    La rappresentanza degli interessi e lapartecipazione ai processi legislativie di sviluppo dei settori economicirilevanti per la nostra categoria costituisco-no il fondamento dellazione associativa,realizzata da ANAV attraverso i suoi Organie la Presidenza.Nellattuale quadro normativo ed economi-co, le incertezze legislative e finanziarieriguardano purtroppo, a vario titolo ed invarie forme tutti i settori di interesse delleimprese associate.Infatti, non ben chiaro il disegno di politi-ca industriale relativo al trasporto pubblicolocale, non definito il quadro normativodelle autolinee di competenza statale, addi-

    rittura inesistente nellagenda istituzionale ilsettore del noleggio autobus. In questasituazione la politica di rappresentanza degliinteressi svolta dalle associazioni di catego-ria, diviene sempre pi imprescindibile,essendo purtroppo chiaro che le politichedi settore non mirano a far crescere leimprese (sia in termini dimensionali che diredditivit) e pertanto solo una forte coe-sione associativa pu garantire probabilitdi successo alle numerose proposte che,finora, hanno caratterizzato positivamentela presenza di ANAV nel contesto politicoistituzionale nazionale e locale.La Presidenza che, grazie al consenso rice-vuto dal Consiglio Direttivo, mi accingo a

    svolgere sar pertanto attuata con spirito dicontinuit rispetto a quella che mi ha pre-ceduto e sar caratterizzata innanzitutto daforti e chiari elementi identificativi, tutti fina-lizzati a rafforzare lazione associativa esoprattutto a difendere gli interessi di tuttele imprese, senza le quali sia lANAV sia ilsuo Presidente sarebbero puro esercizioaccademico.

    COESIONE ASSOCIATIVALANAV, come tutte le Associazioni di cate-goria, organizzata secondo il criteriomisto della democrazia e dalla leadershipche, correttamente applicato, deve garanti-re trasparenza, dibattito interno, capacit di

    NICOLA BISCOTTI:LE SFIDE CHE CI ATTENDONOLe linee di programma per il 2012-2016. Continuit, coesione associativa, piena rappresentanza delle imprese nel rapporto con le istituzioni e con il legislatore per regole e risorse.

    21giugno

    eee

    Imprese protagonistenel futuro del paeseAlla assemblea Anav 2012 acclamato Biscotti presidente. La relazione: salvaguardia delsettore e degli associati. La manifestazione di consegna dei Premi Smart Move.

    I A S S E M B L E A I I I

  • feeling. Cosa significava davvero lo si visto per quando sono sfilate le azien-de a ritirare le targhe... L'emozioneforte di Mazzone, che ha coinvolto laplatea, quando ha annunciato chedestinava l'assegno del primo premionel trasporto turistico a una strutturaper le famiglie meno abbienti; o laRomano che invece ha scelto un asilodi suorine di Crotone; il nonno cheha voluto che a ritirare la targa ci fosseil giovanissimo nipote che gli parla dicose nuove, come il wi-fi; le famiglie, difratelli, figli, cugini, che nelle denomina-zioni aziendali si rivelano da un inizialeF.lli... e che sul palco hanno scelto diessere insieme; le aziende delle zoneterremotate dell'Emilia, che temonoche ora le grandi fabbriche della zonadelocalizzino e le piccole si fermino... Larappresentazione di un pezzo d'Italialaborioso e innovativo, dove la storia diognuno e il suo legame col territorio

    busmagazine |9

    sintesi e soprattutto capacit di rappresen-tanza efficace nei tavoli istituzionali e nellainevitabile attivit di lobby in sede legislativae di programmazione.Il corretto e costante funzionamento degliOrgani associativi non deve corrisponderead un rituale ossequio alla Statuto, ma deveessere il momento di dibattito, di approfon-dimento e di decisione sulle strategie daadottare nei contesti esterni.Una volta prese le decisioni ed adottate lestrategie, non devono esistere retro pensie-ri e deviazioni di sorta, ma solo azioni uni-direzionali di tutti i dirigenti associativi fina-lizzate a raggiungere gli obiettivi.Il Presidente ha il dovere di garantire la

    massima trasparenza e la massima consulta-zione interna, ma deve avere la capacit e lapossibilit di fare sintesi per avanzare pro-poste utili e realmente efficaci per la cate-goria.Il funzionamento interno di ANAV ha sem-pre garantito la salvaguardia e lapplicazionedei principi appena esposti: il delicatomomento politico ed economico, ci impo-ne un rafforzamento della coesione internae soprattutto quellorgoglio dellapparte-nenza che trasforma una squadra normalein una squadra vincente.In tale ottica il rapporto tra Presidenzanazionale e Presidenti di Sezione continuaad avere un significato talvolta decisivo nel-

    lattuazione delle politiche associative, siaper garantire potere contrattuale alle pro-poste associative, sia per salvaguardaresituazioni specifiche dovute a particolarisituazioni locali o politiche regionali difformidal contesto nazionale.Il Comitato Esecutivo dovr essere, comesempre, il luogo di sintesi ed attuazionedelle decisioni del Consiglio Direttivo egarantire una vera e propria osmosi finaliz-zata alla condivisione dellazione associativa.Lapporto delle Commissioni Tecniche,dovr essere organico al funzionamento edalle decisioni degli Organi politici ed il lorolavoro estremamente flessibile, snello, aper-to alle imprese di volta in volta interessate

    Nicola Biscotti e Giuseppe Vinella nel giardino del Residence di Ripetta. In basso una panoramica della sala.

  • 21giugno

    10|

    ed anche ad esperti delle varie materie inesame: la costituzione e convocazione diCommissioni Tecniche dovr rispondere areali esigenze di approfondimento, peressere valore aggiunto finalizzato ad assu-mere decisioni sui temi in discussione.Bisogner per pensare anche al futurodellANAV e coltivare le giovani leve, senzaattendere il loro inserimento negli organiassociativi: ci sono molti figli di imprenditoriche seguono le orme paterne, potr essereutile pensare a momenti di approfondimen-to sul valore dellassociazionismo, sulla cul-tura del confronto, sulla leadership. Una pic-cola parte delle risorse associative potreb-be essere destinata alla formazione di chivolesse capire cosa significa fare associazio-ne, molto prima di candidarsi a ricoprirecariche nel sistema.

    TRASPORTO PUBBLICO LOCALEIl quadro normativo estremamente fram-mentato e contraddittorio, talch non sicapisce il disegno politico e tantomeno ilprogetto di politica industriale del settore.La liberalizzazione dei servizi, la privatizza-zione delle imprese pubbliche, il dimensio-namento dei bacini di traffico, il rapportotra gomma e ferro, la questione delle garee soprattutto il quadro finanziario incertosono temi che da anni impegnano inutil-

    mente tutti gli attori istituzionali e nonhanno portato ad alcuna evoluzione positi-va, se non per le imprese, almeno per i cit-tadini e gli utenti del trasporto.LANAV perseguir obiettivi di efficienta-mento del sistema e di riequilibrio, sia trapubblico e privato che tra ferro e gomma.La politica per ladozione del costo stan-dard sar lelemento centrale dellazioneassociativa e dovr essere attuata creando ilmassimo consenso in tutti i contesti deci-sionali, culturali, sindacali, politici e, se occor-re, anche presso lopinione pubblica. []Lattuale incertezza legislativa non garanti-sce nulla di buono e non sono chiari glispazi per limpresa privata.Proprio per questo la nostra capacit orga-nizzativa, le politiche di aggregazione, linter-locuzione stabile con gli altri sistemi diimprese devono garantire la salvaguardiadelle piccole imprese che intendano opera-re in un contesto di qualit ed efficienza.I Consorzi di imprese possono essere unaefficace risposta in termini di offerta aibandi di gara, a condizione che questi ultimicontengano previsioni che ne garantiscanola legittima presenza. Particolare attenzioneva dedicata alle politiche regionali di setto-re, in considerazione del fatto che le singo-le Regioni spesso interpretano ed applicanoin maniera difforme anche chiari indirizzi

    legislativi (es. destinazione delle risorse L.244/07, tagli da manovra 2010, bacino mini-mo provinciale trasformato in bacino unicoregionale ecc.). Fermo restando il principiodelle gare per laffidamento dei servizi,dovremo comunque garantire la difesa degliinteressi delle imprese associate in tutti icontesti locali, facendo in modo che le pro-poste legislative, lofferta imprenditoriale edil dialogo con gli altri sistemi di impresa(pubbliche e ferroviarie) garantiscano lapermanenza del privato ed anche la suacrescita in termini di fatturato. [] Eventuali progetti di liberalizzazione dei ser-vizi pubblici locali dovranno essere seguiticon estrema attenzione: per le imprese pri-vate efficienti potrebbe trattarsi di oppor-tunit di sviluppo, ma bisogna vigilare affin-ch lindividuazione delle tratte cd. di mer-cato non si trasformi in un surrettiziodepauperamento dei bacini di traffico messia gara.

    AUTOLINEE DI COMPETENZA STATALELattuazione del D.Lgs n.285/05 ha messo inluce pregi e difetti dellimpianto legislativo inrelazione al mercato di riferimento ed alleesigenze delle imprese interessate che, poi,sono quasi tutte private ed aderenti adANAV.LANAV ha ottenuto in questi ultimi anni

    segue da pag 9

    I A S S E M B L E A I I I

    Dall'alto (in senso orario): Vinella con Panettoni; Biscotti con Finocchi; l'imprenditore-scrittore Paolo Merlini;la giuria del Premio.rappresentano la marcia in

    pi. Tanto che il direttoregenerale del ministero deiTrasporti, Enrico Finocchi -che faceva parte della giuria -ha dismesso i panni austeridel pubblico funzionario perconfessare che davvero erastato difficile assegnare unagraduatoria di premi, perch

    tutti i progetti rivelavano lavolont di innovazione e cam-biamento. E anche quella che potevaessere solo una banale conse-gna di premi si trasformatain un racconto a pi vocidell'Italia che ce la pu fare,perch ha radici profonde eguarda lontano. e

  • busmagazine |11

    due importanti risultati: il prolungamentodel periodo transitorio al 31.12.2013 ed ilfinanziamento del rinnovo del parco auto-bus, seppure con risorse limitate e proce-dure sicuramente complesse.Nonostante i numerosi e validi tentativinon siamo riusciti a correggere alcuni indi-rizzi (per es. in termini di alternativit degliorari di partenza) e, soprattutto, a semplifi-care alcune procedure.Questo settore, innanzitutto per la capacitdegli operatori, si trovato pronto nelmomento in cui la crisi della motorizzazio-ne privata e le scelte trasportistiche e com-merciali del sistema ferroviario, hanno con-figurato addirittura prospettive di crescitanel mercato nazionale ed internazionale.Limportante seminario organizzato daAnav con Il Politecnico di Milano ha gettatole basi per proposte operative capaci addi-rittura di incidere su scelte di politica nazio-nale dei trasporti a lungo raggio, individuan-do risparmi di risorse da parte di RFI edambiti di mercato per gli operatori di setto-re. Sar quindi necessario che le imprese priva-te, attraverso ANAV, facciano massa criticasia per articolare proposte di modifica delD.Lgs. n.285/05, sia per occupare spazi dimercato eventualmente liberati dal vettoreferroviario.

    NOLEGGIO AUTOBUSIl settore stenta addirittura ad essere rico-nosciuto come comparto e versa in unasituazione di grave crisi determinata daaumenti indiscriminati dei costi (ticket bus,gasolio) incertezza legislativa (difformeapplicazione L. n. 218/03) e diminuzione delfatturato (gite scolastiche).ANAV ha ottenuto che nel progetto difederalismo comunale, al momento dellisti-tuzione della cd. tassa di soggiorno, fosseprevista la possibilit di abolire il cd. ticketbus.Sul piano legislativo e teorico si trattato diimportante riconoscimento ad un settorefinora letteralmente ignorato, ma la suaapplicazione ed esigibilit purtroppodemandata alla potest impositiva comuna-le presso la quale il sistema associativoregionale chiamato a svolgere una pres-sante attivit di sensibilizzazione.Il tema del costo del gasolio ha vistolANAV fortemente impegnata nel propor-re emendamenti a vari provvedimenti legi-slativi, finalizzati alla riduzione dellaccisa,peraltro in linea con quanto avviene per iltpl e le autolinee di competenza statale.Le linee di intervento dellazione associativapossono essere pertanto cosi sintetizzate:riforma ed applicazione omogenea della L.n.218/03, riproposizione di norme finalizza-

    te alla riduzione dellaccisa gasolio, iniziativea livello locale per labolizione o riduzionedei ticket bus e per la dotazione di infra-strutture e servizi nelle aree di parcheggio,dialogo istituzionale con il Ministero dellaIstruzione finalizzato al rilancio del compar-to gite scolastiche.Tra le Commissioni Tecniche, quella dedica-ta al noleggio autobus potr avere anchecarattere permanente, essendo necessariomonitorare costantemente la situazionedel settore e raccogliere le proposte diquegli associati che, fisiologicamente, hannomeno rappresentativit allinterno degliorgani associativi.

    RELAZIONI INDUSTRIALILa brillante azione associativa del quadrien-nio 2008-2012 ha consentito laffermazionedi importanti principi in tema di relazioniindustriali e C.C.N.L. di settore, evitando ladeleteria attuazione del cd. contratto unicodel trasporto che avrebbe definitivamentecompromesso la pur scarsa redditivit dellenostre imprese e rafforzato la politica deiveti incrociati che da anni impedisce unammodernamento dei rapporti sindacalifinalizzato alla reale competitivit dellenostre imprese.ANAV dovr proseguire su tale posizionesenza tentennamento alcuno, impedendo

    segue a pag 13

    LA GIURIADEL PREMIO

    La giuria del Premio Smart Move 2012 eracomposta da Laura Anello (giornalista delquotidiano La Stampa), Enrico Finocchi(direttore generale del Ministero dei Trasporti),Giuseppe Mele (vicedirettore generale CentroStudi Confindustria), Paolo Merlini (imprendi-tore e autore de Larte del viaggiare lento) eFrancesco Tulli (psicologo del lavoro e dell'or-ganizzazione, fondatore della SocietHumanities). e

    ASSEGNI ANAVPER LA SOLIDARIETA'

    Le quattro aziende vincitrici hanno sceltodi devolvere il Premio Smart Move,rispettivamente: Mazzone turismo diBenevento: spazio bambini al market solida-le di Benevento (Sponsor societ Pirelli);Societ Romano di Crotone: Asilo Infantiledelle Suore Dorotee "Giulia Giunti" diStrongoli (Sponsor societ Teleparking);SAF di Udine (tpl) : Associazione CASAMIA Onlus(Sponsor societ TTG Italia);SAB di Bergamo: popolazioni terremotatedellEmilia, a Sant'Agostino e Mirandola(donazione Anav). e

    I I I A S S E M B L E A I smartmove

    In questa pagina: immagini della sala, la giuria (FrancescoTulli, Finocchi, Mele, Merlini) con Oleg Kambersky e Giusi Cafaro.

  • busmagazine |13

    che, sul fronte delle richieste sindacali, siconsumi quel progetto di surrettizia pubbli-cizzazione che aleggia nei tentativi di modi-fica legislativa e che obiettivo dichiarato dialcune forze sindacali. []In ogni caso, qualsiasi ipotesi di definizionedellassetto contrattuale, passa attraverso ilrecupero di assetti normativi finalizzatiallefficienza ed alla flessibilit reali dellenostre imprese, anche con particolareriguardo alle specificit del settore autoli-nee di competenza statale.Ci detto, il rapporto con le OO.SS. dovressere ispirato al dialogo costruttivo e nes-suna occasione di approfondimento dellanegoziazione dovr essere negata. []Stessa incisivit ed attenzione dovrannoessere dedicate al C.C.N.L. del Noleggio,nel quale, com noto, ANAV ha assuntoposizioni dure e coraggiose.Il tema del costo del lavoro e della flessibi-lit assume paradossalmente importanzamaggiore in un settore come quello delnoleggio dove laleatoriet assoluta del fat-turato ed il costante aumento dei costisono purtroppo fattori ingovernabili cheminano seriamente la redditivit e la capa-cit di investimento delle imprese.

    RAPPORTI CON ALTRE ASSOCIAZIONIIn occasione del mio precedente mandatopresidenziale 2004-2008 ANAV avevaavviato un rinnovato rapporto di interlocu-zione con ASSTRA per i temi essenzial-mente legati al tpl ed al CCNL di settore econ CNA, Confartigianato, Confcooperative,Legacoop attraverso il CAIPET per le que-

    stioni di noleggio e delle problematichedelle imprese private.Il rapporto con ASSTRA, che aveva porta-to gi nel 2007 a dialogare proficuamentecon il Governo sulla dotazione di risorse altpl adottate con la finanziaria 2008, statosancito dalla Presidenza Vinella conlAccordo di Taranto del 2008 e con larecente concreta costituzione del ComitatoParitetico ANAV-ASSTRA.Il risultato pi importante di tale accordo la grande sinergia che ha prodotto una poli-tica unitaria e vincente sugli assetti contrat-tuali, ma la collaborazione si sviluppata sumolti temi ed ha consentito anche conver-genze su alcune politiche regionali.La collaborazione dovr continuare, purmantenendo lautonomia delle Associazioni,perch assolutamente necessario che ilsistema delle imprese sia coeso e forte nel-laffermare i principii dellimpresa sana edefficiente e per salvaguardare un patrimo-nio industriale di indubbio valore. []

    RAPPORTI INTERNILa comunicazione tra struttura nazionaleed imprese associate pu essere considera-ta ad ottimo livello.Sul piano politico, il coordinamento appareopportuno per evitare discrasie o duplica-zioni di iniziative: anche in questo caso, ildialogo costante tra Presidenza, struttura,sezioni regionali ed imprese potr preveni-re il formarsi di problematiche difficilmentegestibili, ma soprattutto potr fornire stru-menti validi per organizzare lazione asso-ciativa.

    La circolazione rapida di tutte le informa-zioni utili strumento essenziale affinchANAV sia presente in tempo reale su tuttele problematiche di interesse delle imprese.(Nicola Biscotti)

    segue da pag 11

    Un momento della relazione di Nicola Biscotti

  • 14|

    SAF(Udine)EASY MOBILITY: MUOVERSI IN LIBERT E SICUREZZA Da pi di un secolo sulle strade del FriuliVenezia Giulia viaggiano i mezzi di SAF chemuove la sua storia nelle tante piccoleAziende che si sono via via aggregate inununica realt che oggi svolge attivit ditrasporto viaggiatori via terra e via mare inambito nazionale e internazionale. Da quinuovi modelli di mobilit sostenibile conprodotti che giovano allambiente ( unobbligo morale, ma anche un piacere) chediventa fattore primario di sviluppo e anchedi miglioramento dellofferta. Il tutto allin-terno di una generale strategia con inter-venti e soluzioni tecnologiche e di processotese al risparmio energetico e alla sosteni-bilit con azioni statiche e dinamiche cheriguardano sia gli investimenti strutturali(sedi, officine, magazzini, depositi e anche i

    veicoli del parco autobus) sia le attivit diogni giorno con azioni mirate a ridurre iconsumi e le conseguenti emissioni inqui-nanti.OBIETTIVI:Le finalit del progetto, prevedono unaserie di azioni in grado di soddisfare unadomanda complessa di servizi in un ambitonon precisamente portato verso lutilizzodei servizi di trasporto pubblico.Tra queste azioni si punta a limitare lutiliz-zo dellauto privata anche per fini diversi(divertimento, cultura, turismo, ecc) rispet-to ai tradizionali (lavoro, scuola) per uncliente che da forzato del TPL (non ha alter-native) diventi uno che il TPL lo sceglie inlibert. Sensibilizzazione verso una mobilitmeno inquinante e verso lutilizzo della cor-

    riera come mezzo di tra-sporto soft, ma anchecome luogo di relazione ecreativit: lultimo baluar-do della dimensione delviaggio collettivo, il sim-bolo del viaggio ecologicoed luogo di aggregazionefra individui che possonoavere gi una relazione o

    che possono scegliere proprio questomezzo per crearla. RISORSE E RISULTATI:Il consistente impegno per la realizzazionedella nuova sede direzionale e operativa(pi di 22 milioni di Euro) senza finanzia-menti pubblici e i continui rinnovi del parcoautobus comportano investimenti annuiper oltre 7 milioni di Euro.Gli investimenti in tecnologia e gestione deiprocessi prevede investimenti annui per pidi 450 mila Euro a cui si sommano inter-venti per infrastrutture e impianti per oltre150 mila Euro.Per la formazione linvestimento annuo dioltre 200 mila Euro; le azioni di marketing edi rinforzo competitivo dei prodotti pre-vedono risorse per oltre 150 mila Euro.

    smartPRIMO PREMIO smart moveTrasporto Pubblico Locale

  • busmagazine |15

    moveBUCCI(Pesaro e Urbino)SALUTE E SICUREZZAAL PRIMO POSTOLe Societ Bucci di Senigallia e di Pesarohanno preso l'iniziativa volta a porre inessere l'applicazione di una metodologiascientifica relativa alla valutazione dellespo-sizione al rischio di vibrazioni a corpo inte-ro del personale viaggiante, autisti.Il progetto di seguito esposto stato elabo-rato e concretamente realizzato dallaSociet consulente Aporia srl di Pesaro.OBIETTIVI:Creare un ambiente di lavoro sicuro edergonomicamente confortevole determi-nando un adeguato sistema di prevenzionecon ladozione di efficienti misure di prote-zione e di organizzazione, al fine di limitarelinsorgenza di patologie del rachide e/o daesposizione a vibrazioni sul corpo intero;limitare dunque il manifestarsi di infortuni,ma ancor pi linsorgenza di malattie pro-fessionali strettamente correlate a questatipologia di rischio.Miglioramento continuo delle condizioni dilavoro ed una migliore efficienza delle pre-stazioni fornite.

    Miglioramento delle condizioni economi-che dellimpresa che si evidenziano inabbassamento dei costi premiali INAIL edazzeramento del rischio di rivalsa impostoda detto Istituto.RISULTATI:Lapproccio tecnico e scientifico ha garanti-to, in unottica e visione dellintervento ditipo olistico, un miglioramento delle condi-zioni di lavoro e di salute e sicurezza conevidenti connotati ergonomici; unulterioree pi esaustiva valutazione, in conformit edossequio alla completezza formulata allarti-colo 181 del D.Lgs.81/08; valutazione ditutti i rischi derivanti da esposizione adagenti fisici in modo da identificare e adot-tare le opportune misure di prevenzione eprotezione con particolare riferimento allenorme di buona tecnica ed alle buone pras-si.RISORSE:Per quanto attiene alla parte finanziariasono state utilizzate risorse autonome. Perle misure sul campo e la riprogettazione

    della mansione si fatto ricorso alla consu-lenza esterna di tecnici qualificati, muniti diadeguata strumentazione opportunamentetarata, membri della Commissione espertiUNI per le vibrazioni a corpo intero edulteriormente formati presso lUniversitAlma Mater Studiorum di Bologna conspecifico Master in Ergonomia.

    DI FONZO(Vasto - CH)IN BUS NEL CENTRO DELLA ELETTRI-CITTLa Donato Di Fonzo e F.lli Spa svolge i ser-vizi comunali, regionali, e turistici e di agen-zie viaggio con una percorrenza annuacomplessiva di circa 6.650.000 chilometri;La Di Fonzo sempre stata sensibile alletematiche ambientali; adotta un comporta-mento rispettoso delle normative vigentiper lo smaltimento dei rifiuti, il trattamentodelle acque reflue e di scarico, nonch perla rottamazione degli autobus. Per quantoriguarda il carburante, utilizza gasolio desol-forato con additivi al fine di migliorarne lacombustione; in tal modo si conseguonoanche riduzione di consumi e minori emis-sioni. Il Progetto inizia nel Luglio 2010 quan-do il Comune di Lanciano manifestata lesi-genza di collegare il Centro Storico dellaCitt con la rete dei servizi in esercizio, uti-lizzando mezzi a basso impatto ambientale.Si riportano in allegato problematiche esoluzioni emerse e trovate.OBIETTIVI:Collegare la parte storica della Citt diLanciano con il Terminal BUS e quindi con ilresto della rete (urbana, extraurbana, inter-regionale e ferroviaria); migliorare limpattoambientale del mezzo pubblico utilizzandoautobus ad emissioni zero; garantire lacces-sibilit al servizio anche ad utenti a ridotta

    capacit motoria; ottimizzare lesercizio eli-minando corse a scarsa o inesistente fre-quentazione; ottimizzare la gestione delpersonale; incrementare i ricavi; utilizzarelenergia prodotta dallimpianto fotovoltaicoattivato con la modalit dello scambio sulposto; monitorare i consumi chilometrici intermini di kWh/km, tramite appositi conta-tori istallati nelle stazioni di ricarica, atti aquantificare lenergia necessaria per taleoperazione; contenere i costi di trazione.RISULTATI E RISORSE:Acquisto di n.3 autobus DAIMLER 906CAR IND(M.B.519 37/50 ELE) per unimporto complessivo di euro 480.000,00 +I.V.A.; limporto stato interamente finan-ziato dalla Regione Abruzzo con fondi deri-vanti dal Programma di inserimento diautobus a basso impatto ambientale elettri-ci o ibridi.Istallazione di un impianto fotovoltaico"grid-connected" di potenza pari a 19,8kWp per la produzione di energia elettricain regime di conto energia ex DM19/02/07, per un importo complessivo dieuro 69.300,00 + I.V.A.. Limporto statointeramente finanziato con risorse proprie.Modifica dellimpianto elettrico dello stabilecon istallazione di due stazioni di ricarica

    munite di appositi contatori atti a quantifi-care lenergia necessaria per tale operazio-ne: costo euro 1500,00.Pubblicit di lancio della nuova lineamediante affissione di manifesti stradali:costo euro 1000,00. Non stato assuntonuovo personale poich stato utilizzatoquello in esubero derivante dalla ristruttu-razione.

    PREMI della Giuriasmart moveTrasporto Pubblico Locale

  • 16|

    GRUPPO ROMANO(Crotone)UN TERMINAL PER COSTRUIRE IL FUTUROIl Gruppo Romano, ha progettato e costrui-to un nuovo Terminal per tutte le linee equindi per tutte le partenze e gli arrivi degliautobus extraurbani. Tutto ci stato pen-sato dal Gruppo Romano proprio perabbandonare la vecchia concezione dellastazione, ovvero solo un luogo dove pren-dere il bus, e per fornire un nuovo centro diattrazione capace di coniugare gli aspettilogistici della mobilit a quelli sociali dellepersone. Il Terminal, inoltre, contribuir arivitalizzare non solo il quartiere FondoGes che ospita l'Autostazione ma l'interacitt di Crotone.OBIETTIVI E RISULTATI:Lobiettivo stato quello di creare e mette-re in funzione una nuova Autostazione delleAutolinee Romano. La struttura, stata for-temente voluta dalla famiglia Romano perdare principalmente alla cittadinanza diCrotone e dintorni un segnale di ulteriorecrescita del trasporto viaggiatori su gommache in questi luoghi, visto anche la scarsez-za e l'insufficienza della rete ferroviaria, harappresentato e rappresenta ancora ilprimo mezzo di spostamento.

    RISORSE:L'investimento che il Gruppo Romano hadovuto sostenere stato molto importan-te, sia dal punto di vista economico-finan-ziario sia per l'impegno profuso nel lavorocon l'amministrazione comunale con laquale stato condiviso un percorso perrendere fruibile a tutta lutenza il nuovoTerminal. Il Terminal, davvero imponente,

    sviluppa circa 24 mila metri quadrati, 19corsie coperte, uffici di bigliettazione, unaagenzia viaggi, un enorme piazzale, garagee officine, 150 posti per gli utenti, sono 100gli autobus che per l'intero arco della gior-nata si muovono per garantire i serviziurbani, regionali ed interregionali, sonoall'incirca 5.000 le persone trasportate.

    smartPRIMO PREMIO smart moveAutolinee Lungo Raggio

  • busmagazine |17

    move

    BALTOUR(Teramo)UNA RETE CHE GUARDAOLTRE LE FRONTIERECostruzione di una rete integrata dei servi-zi nazionale con connessioni internazionali.OBIETTIVI E RISULTATI:Attraverso la messa in rete di tutte le rela-zioni vengono a realizzarsi fitti collegamentiin tutte le aree geografiche, sia a domandaforte e sia a domanda debole.Creare un sistema dei trasporti in grado dicostituire una valida alternativa ai tradizio-nali collegamenti ferroviari.Agevolare la fruibilit del trasporto di lungapercorrenza mediante un sistema informa-tico che consenta laccesso capillare al ser-vizio.

    RISORSE:Per realizzare lintero progetto, naturalmen-te, abbiamo messo in campo ingenti risorsefinanziarie e strutturali. Un forte potenzia-mento del parco autobus e soprattutto uncostante rinnovamento della flotta.Formazione continua del personale ammi-nistrativo, di esercizio e di movimento perandare incontro alle esigenze della clientela.Un sistema informatico di propriet,costantemente implementato alle esigenzecommerciali. Ricorso alle tecnologie di ulti-ma generazione. Luso di sistemi telematicidi emissione titoli di viaggio a bordo, concontestuale prenotazione del posto.

    BASCHETTI(San Sepolcro - AR) INTEGRO, SUPERANDOLE BARRIERE BUROCRATICHESiamo unazienda che opera al confine conquattro Regioni (Toscana-Emilia/Romagna-Marche e Umbria). Nel 2005 a seguito del-lassegnazione tramite gara per la parteToscana alla provincia di Arezzo alConsorzio Etruria Mobilit al quale parteci-piamo come soci con modalit net-cost eper la parte dellEmilia/Romagna in subcon-cessione al consorzio CO.E.R.BUS del qualesiamo soci con modalit gross-cost e quin-di con assegnazione di mezzi di proprietdellagenzia della mobilit di Forl, ci siamotrovati nostro malgrado a dover effettuaretrasbordi di utenza ai confini tra la Toscanae LEmilia/Romagna, in quanto i mezzi rice-vuti in uso dalla Romagna non erano legit-timati a proseguire nella parte Toscana permancanza di apposito nulla osta che gli EntiLocali dovevano concedere.Sin dai primi giorni abbiamo notato nono-stante le grosse lamentele per il disservizioche si veniva a creare, un grosso calo di pas-seggeri.Ci siamo allora attivati nella presentazionedi un progetto alle due province che preve-deva lutilizzo di un unico autobus previaautorizzazione e previo accordo tra le due

    provincie di Arezzo e Forl, per consentireallutenza di poter beneficiare di un unicoservizio continuativo senza trasbordi anchese di fatto gli enti concedenti erano diversie diverse erano le Regioni. Dopo circa unmese gli Enti con il ns. apporto e non ulti-mo con lintervento delle organizzazioni dicategoria sia imprenditoriali che dei lavora-tori ed anche dei Prefetti, hanno sbloccatola situazione con lemissione di atti delibe-rativi da parte delle due Province che con-sentivano appunto lutilizzo dei mezzi asse-gnati anche nel bacino limitrofo, il nostroimpegno stato cos ripagato anche dallincremento di utenza che poi si avutograzie a questa iniziativa (c/a 8%) rispetto alperiodo precedente. Un'altra soddisfazionelabbiamo poi ottenuta proponendo e otte-nendo unintegrazione tariffaria con lemis-sione di un unico titolo di viaggio per i duedifferenti bacini.RISORSE:Si sono ottenute buone economie di eser-cizio dovute appunto a risparmi su control-leria, personale, titoli di viaggio ecc., e gros-si benefici per lutenza.

    PREMI della Giuriasmart moveAutolinee Lungo Raggio

  • 18|

    PRIMO PREMIO smart moveTrasporto Turistico

    MAZZONE TURISMO(Benevento)UN AUTOBUSDEDICATO A SANTA SOFIAPer la MAZZONE TURISMO dal 2011,anno in cui la citt di Benevento con il com-plesso di Santa Sofia stata iscritta nellaWorld Eritage List dell'UNESCO, partitala sfida del rinnovamento del parco autoper il potenziamento della logistica e la pro-mozione dell'incoming. Per una provinciacome quella di Benevento, interna e conuna logistica da sempre sfavorevole,Mazzone Turismo ha ritenuto di realizzareun sistema dei trasporti integrato e sosteni-bile. Ecco il rinnovo del parco auto e dellalivrea dei mezzi con i quali possibilegarantire una logistica ideale per la geogra-fia variegata della provincia ed anche colle-gamenti veloci tra la citt capoluogo e icentri maggiori in regione e fuori.L'innovazione del servizio diventa, inoltre,vettore comunicativo. La nuova livrea deipullman richiama, attraverso un elementografico, la splendida chiesa longobarda diSanta Sofia. La livrea funziona quindi comeun vero e proprio display promozionale delterritorio, con l'invito a visitare il Sannio conMazzone Turismo.OBIETTIVI E RISULTATI:Soluzioni di viaggio convenienti e diversifi-cate da 8 a 60 posti.Spostamenti veloci, personalizzati e a bassoimpatto sul territorio.

    Integrare i servizi di logistica con i miglioriservizi di ospitalit.Mettere l'iniziativa imprenditoriale a servi-zio delle politiche culturali del territorio,creando sinergia pubblico-privato.Contribuire a valorizzare le emergenze cul-turali, storiche ed architettoniche delSannio, con particolare riferimento alWorld Heritage List UNESCO.Personalizzazione grafica dei bus al fine dicomunicare limportanza e la bellezza delproprio territorio.Contribuire a massimizzare i flussi di inco-ming turistico su Benevento e provincia.RISORSE: Acquisto di un pullman da 62 posti Acquisto di un pullman da 20 posti Restyling del sito internet www.mazzo-neturismo.eu

    Progetto grafico per la realizzazionedella nuova livrea

    Applicazione delle pellicole su tutta laflotta mazzone turismo

    Acquisto di un software per la gestionedellautonoleggio

    Formazione del personale dedicato allagestione dellautonoleggio

    Il progetto stato realizzato con fondi pro-pri.

    smart

  • busmagazine |19

    FRATELLI SCIONTI(Catania)ALLA SCOPERTA DELLA CITTCOL SOLE IN FRONTE Servizio Turistico della citt di Catania conbus scoperto denominato Katane Live.OBIETTIVI E RISULTATI:Fare visitare la citt dall'alto dei pullmansturistici scoperti.Per l'effettuazione del servizio non si ottenuto alcun finanziamento pubblico.Cercare di dare la maggiore visibilit possi-bile per questa modalit di Trasporto turi-stico, che rappresenta per le citt dotate diZ.T.L. Il sistema migliore per la conoscenzadei luoghi pi rappresentativi seduti como-damente sull'autobus a un costo particolar-

    mente basso (Euro 5) accessibile anche aituristi con un Budget limitato.RISORSE:Si fatto ricorso a investimenti interniall'azienda.Ci si avvalsi delle competenze interneall'azienda che da circa 50 anni esercita atti-vit turistica mediante il trasporto e poicome Agenzia Viaggi.

    LA VALLE(Ferrara)INVESTIRE SU ETICAQUALIT E AMBIENTELa Valle Trasporti Srl convinta che il van-taggio competitivo passa medianteI'applicazione dei principi di responsabilitsociale d'impresa e l'applicazione concretadi comportamenti coerenti con lo svilupposostenibile. Ambiente e Qualit sono essen-ziali per la libera circolazione e la sicurezzadel cittadini. Il progetto si propone propriolinnalzamento della Qualit e della salva-guardia ambientale. Gli elementi di concre-tezza che denotano questo progetto sono:L'adozione delle certificazioni qualit eambiente; sostenibilit con un parco auto-mezzi a basso impatto ambientale; adesionealla Carta dei principi per la sostenibilitaambientale Confindustria; patto con il clien-te, definito e dettagliato nella Carta del ser-vizi di noleggio; azioni tese al miglioramen-to continuo, all'innalzamento della qualitdei servizi erogati, al dialogo con le rappre-sentanze del territorio ed i portatori diinteresse, alle gestione d'impresa tesa allosviluppo responsabile e sostenibile; valoriz-zazione del mezzo di trasporto autobusgarantendo il diritto alla buona mobilit conveicoli sicuri, confortevoli, ecologici, affidabi-li. Per La Valle strategico: sostenibilitambientale e mobilit ecologica per valoriz-zazione della filiera turistica e del trasportocollettivo di persone (scuolabus, maestran-

    ze, ecc.). OBIETTIVI E RISULTATI:II Progetto si propone di migliorare la"sostenibilit" dell'impresa, gli impegni versoil cliente, I'attenzione all'ambiente e la qua-lit dell'offerta dei servizi di trasporto. IlProgetto si articolato mediante una seriedi azioni.RISORSE:Acquisto di n.13 autobus e scuolabus conmotori Euro 5 con un invistimento di circa1,5Ml , altri13 autobus e scuolabus conmotori Euro 4. Mantenimento della certifi-cazione di qualit e del sistema informati-vo integrato per un totale di 13.000/anno. Interventi formativi sul personale inmateria di qualit ambiente, sicurezza, rela-zioni con il cliente, normativa sul tempi diguida e riposo, affiancamento e addestra-mento per garantire la piena conoscenzadel servizi affidati al personale; nel biennio2010/11 sono tate impegnate oltre 900 oreper un controvalore di circa 16000 E.Aumento delle coperture assicurative RCAa 25 MI su tutti i veicoli aziendali.L'Azienda nel settore turismo e scuolabusnon ha goduto di alcun contributo pubbli-co; le certificazioni sono state interamentespesate dall'Azienda senza ricevere sovven-zioni.

    movePREMI della Giuriasmart moveTrasporto Turistico

  • 20|

    PREMIO SpecialeAnav - Smart Move

    Lidea del progetto attuato nasce parallela-mente allattivazione di uniniziativa deno-minata SABike di un servizio di noleggiomountain bike sullaltopiano di Selvino dal18 giugno 2011. Valido lintera giornata perleffettuazione di 2 corse A/R sulla tramviaBergamo - Albino, per lutilizzo della navet-ta di prossimit alla funivia, di 2 corse A/Rsulla funivia Albino - Selvino e per lutilizzodel servizio bus dellAltipiano di Selvino iltitolo di viaggio (3+) ha coniugato linteres-se del vettore urbano ed extraurbano avantaggio dellutenza con un prezzo con-correnziale di 10,00. Il biglietto integratod la possibilit allutente di poter usufruiredel noleggio della bicicletta gratuitamenteper unora. OBIETTIVI:Incentivare il raggiungimento della localitdi Selvino mediante linterscambio Tram /Bus / Funivia proponendo tempi per il rag-giungimento della localit estremamentecompetitivi con quelli del mezzo privato e

    valorizzando il territorio sensibilizzandolutenza anche sugli aspetti ambientali legatiallutilizzo del mezzo pubblico. A differenzadelle societ pubbliche, il principale obietti-vo del progetto non quello di capitalizza-re, bens di incoraggiare la multimodalitche larea di interesse offre. Osservare ilpaesaggio utilizzando il mezzo pubblico e labiciletta estremamente pi piacevole. RISORSE E RISULTATI:Il progetto SABike e lintroduzione del tito-lo di viaggio integrato incentivano lutilizzodel mezzo pubblico aggiungendo linnova-zione della bicicletta. Tale finalit stata per-seguita acquistando n. 50 mountain bike,verificando il numero di potenziali utilizza-tori, pianificando differenti percorsi, attivan-do una campagna informativa ed attivandouno sportello di accoglienza e di registra-zione al servizio per tutti coloro che vole-vano vivere una giornata tra le nuvole. Ilcosto complessivo del progetto stato di 80.000 inclusi i costi del personale coinvol-

    to, della campagna di marketing e delle bici-clette e relativi accessori (caschi, seggiolini,lucchetti). Il successo del progetto confer-mato dai nomi degli sponsors (Bridgestonee Scott) che hanno aderito e dallammonta-re complessivo erogato dagli sponsors stes-si (circa 40.000,00). La progettazione elemissione del titolo di viaggio integrato ha,invece, richiesto linvestimento di circa 2.000,00. Nel complesso si sono dedicati alprogetto 20 dipendenti della struttra azien-dale. Per levento sono stati decorati inte-gralmente un autobus e una cabina dellafunivia.

    smart move

    SAB(Bergamo)BUS E MOUNTAIN-BIKEACCOPPIATA NATURA

  • busmagazine |21

    >>I I I D I Z I O N A R I O T I C K E T - B U S I

    Laccesso al centro urba-no, delimitato dalla Zonaa Traffico Limitato, nelperiodo dal 01 Gennaio al31 Dicembre di ognianno, subordinato alpagamento di una tariffa

    stabilita dalla Giunta Comunale.Il permesso di transito, da esporre bene in vista sul para-brezza, permette di accedere alla ZTL percorrendo esclu-sivamente le strade indicate sulla cartina allegata allostesso, per raggiungere gli spazi di sosta appositamenteistituiti in prossimit dellHotel, per il tempo strettamen-te necessario per le operazioni di carico e/o scarico pas-seggeri e bagagli. Durante eventuali ulteriori giorni inter-medi, per le operazioni di salita e/o discesa passeggeri,gli autorizzati ad effettuare i percorsi di cui alle cartinen 4 e n 6, dovranno seguire litinerario indicato sullestesse.Terminate le operazioni di carico o scarico, il bus che non ospitato in parcheggi privati autorizzati, deve esseretrasferito fuori dalla ZTL e, se ne ha corrisposto il prezzo,potr usufruire dei parcheggi alluopo predispostidallAmministrazione, presso lo Stadio Comunale (P1),la Piscina Comunale (P2) e lIppodromo (P3), comeindicato agli accessi.E vietata la fermata con motore acceso durante le ope-razioni di carico e scarico ed ai passaggi a livello con bar-riere abbassate.Nel periodo dal 1 Settembre al 15 Giugno di ogni anno,tra le ore 7,50 e le ore 8,20 vietata luscita dai par-cheggi di sosta predisposti dallAmministrazione ed iltransito nella ZTL.Il transito nelle strade alberate avviene a rischio del con-

    ducente del Bus e lAmministrazione Comunale si inten-de sollevata da qualsiasi responsabilit. Eventuali dan-neggiamenti alle piante saranno a carico dei proprietaridei veicoli.Tariffe per laccesso e la sosta dei bus turistici1. Per tutti gli autobus turistici provenienti da agenzie e

    societ con sede fuori comune in arrivo e permanen-za in citt diretti a strutture alberghiere prive di par-cheggio privato, in caso di permanenza prolungata siapplicano le seguenti tariffe: Euro 36,00 giornaliere dal 1 al 3 giorno di per-manenza; Euro 27,00 giornaliere per periodi di permanenzain citt superiori a 3 (tre) giorni;

    2. Per tutti gli autobus turistici provenienti da agenzie esociet con sede fuori comune in arrivo e permanen-za in citt diretti a strutture alberghiere dotate di par-cheggio privato, posto allinterno dellhotel in caso dipermanenza prolungata si applica la seguente tariffa: Euro 9,00 al giorno

    3. Per tutti gli autobus turistici provenienti da agenzie esociet con sede fuori comune in arrivo in citt direttia strutture alberghiere prive di parcheggio privato maconvenzionate con privati o societ che dispongono diidonei parcheggi sul territorio del comune diMontecatini Terme in caso di permanenza prolungatasi applica la seguente tariffa: Euro 13,50 al giorno

    Tariffe solo per laccesso alla ZTL1.Per tutti gli autobus turistici provenienti da agenzie e

    societ con sede fuori comune che giungono in citt,si limitano ad effettuare operazioni di salita e discesadei passeggeri ed altre operazioni di carico e scarico,non accedono a strutture alberghiere dotate di par-

    cheggio interno e ripartono per altre destinazioni siapplica la seguente tariffa: Euro 13,50 al giorno In questo caso sono consentite le seguenti ulterioritariffe: Euro 70,00 (abbonamento settimanale) Euro 300,00 (abbonamento mensile) Euro 2.500,00 (abbonamento stagionale)

    2. Per tutti gli autobus turistici provenienti da agenzie esociet con sede legale nella provincia di Pistoia chegiungono in citt, si limitano ad effettuare operazionidi salita e discesa dei passeggeri ed altre operazionidi carico e scarico, non accedono a strutture alber-ghiere dotate di parcheggio interno e ripartono peraltre destinazioni si applicano le seguenti tariffe: Euro 11,00 In questo caso sono consentite le seguenti ulterioritariffe: Euro 50,00 (abbonamento settimanale) Euro 200,00 (abbonamento mensile) Euro 1.600,00 (abbonamento stagionale)

    Gli importi sono comprensivi di iva come per legge.Modalit di pagamentoIl pagamento deve essere effettuato con versamento sulconto corrente postale n 76981455 intestato allaMontecatini Parcheggi S.p.A. con causaleAutorizzazione ZTL/Bus Turistici oppure tramite boni-fico bancario sul c/c IBAN IBAN IT 87 Y080 0370 46000000 0107 407 intestato a Montecatini ParcheggiS.p.A. c/o Credito Cooperativo della Valdinievole (stes-sa causale).Fonte: www.montecatiniparcheggi.it

    Speciale a cura diGabriele Montecorboli

    ki

    DA A COME AMALFIA V COME VOLTERRAIL DIZIONARIO DEL TICKET-BUSLa sosta degli autobus nelle citt darte(parte seconda)Pubblichiamo la seconda parte del monitoraggio sull'attuale situazione degli accessi alle citt d'arte: unostrumento di consultazione, con le diverse discipline di regolamentazione della circolazione e della sosta.

    Montecatini Terme

  • 22|

    I D I Z I O N A R I O T I C K E T - B U S I I I

    Gli autobus turistici posso-no parcheggiare solo aPiazza Isaac Rabin (Pratodella Valle)

    Tariffe dalle 00.00 alle 14.00 Euro 15.00 dalle 14.01 alle 24.00 Euro 15.00 intera giornata Euro 25.00Fonte: www.padovanet.it

    Dal mese di dicembre2008 per accedere alcentro storico della citt igruppi turistici devono uti-lizzare il minimetro par-tendo da Pian di

    Massiano. Gli autobus possono parcheggiare pressoPiazzale Porta Nova (Pian di Massiano), salvo auto-rizzati. Le tariffe prevedono il pagamento di 11,00per la prima ora e 6,50 per le ore successive sino adun massimo di 55,00 giornaliere. La normativa prevede il divieto di transito agli autobusallinterno dellambito urbano di Perugia.Tale divieto valido dal Luned alla Domenica 0-24.Larea perimetrata ove vige il divieto corrisponde alcentro abitato di Perugia, fatta eccezione per le seguen-ti aree:- asse di via Settevalli, a partire dallintersezione convia Dottori in uscita dal centro abitato;- asse di via Cortonese, a partire dallintersezione conviale Centova in uscita dal centro abitato.L'uscita obbligatoria nel raccordo autostradale dellacitt quella di Madonna Alta, che conduce direttamen-te a Pian di Massiano, ove ubicata la stazione di par-tenza del Minimetr e il parcheggio dei bus turistici(30 posti circa, con ingresso e pagamento con casseautomatiche).In deroga al divieto di transito nellarea perimetrata consentito il solo transito, mentre permane vietata lasosta nelle strade pubbliche, alle seguenti categorie:1. Agli autobus turistici che abbiano effettuato una pre-

    notazione di una guida turistica (effettuata median-te le Associazioni coop e singole guide autorizzateA.G.T.U. tel. 075 815228 e Coop. Guide in Umbriatel. 075 5732933, G.a.i.a. tel. 334 9372108), inpossesso di un regolare permesso rilasciato dalComune di Perugia, consentito il solo transito finoal terminal bus di piazza Partigiani per effettuare loscarico dei passeggeri, e da l fino al parcheggio busturistici di Pian di Massiano (partenza delMinimetr), dov' obbligatorio che essi si rechinoper il carico dei passeggeri.

    2. Agli autobus turistici che abbiano effettuato una pre-notazione di un ristorante a pranzo in centro storico,in possesso di un regolare permesso rilasciato dalComune di Perugia, consentito il solo transito finoal terminal bus di piazza Partigiani per effettuare loscarico dei passeggeri, e da l fino al parcheggio busturistici di Pian di Massiano (partenza delMinmetr), dov' obbligatorio che essi si rechinoper il carico dei passeggeri.N.B.: per la prenotazione di un ristorante a cena possibile anche il ricarico in Piazza Partigiani.

    3. Agli autobus turistici che abbiano effettuato la preno-tazione in alberghi all'interno dell'area interdetta alloro transito, fuori dalla ZTL ma in possesso del per-messo rilasciato dal Comune di Perugia, consentitoil solo transito fino alla struttura alberghiera durantetutto il periodo di soggiorno, e fino a PiazzaPartigiani nel caso di visita del centro storico dellacitt per effettuare il carico e scarico dei passeggeri.Per tali autobus la sosta lunga consentita all'inter-no di aree private di parcheggio degli alberghi, lad-dove disponibili, o al parcheggio bus turistici di Piandi Massiano.

    4. Agli autobus turistici che abbiano effettuato la preno-tazione in alberghi all'interno della ZTL, in possessodel permesso rilasciato dal Comune di Perugia, consentito il transito fino alla struttura alberghieradurante tutto il periodo di soggiorno, esclusivamenteper effettuare il carico e scarico dei passeggeri. Atale fine all'autobus concesso anche il permesso ditransito nella Z.T.L., limitatamente al percorsonecessario per il raggiungimento della strutturaalberghiera e l'eventuale trasferimento verso un par-cheggio di lunga sosta. Per tali autobus la sostalunga consentita, all'interno di aree private di par-cheggio degli alberghi, laddove disponibili, o al par-cheggio bus turistici di Pian di Massiano.

    Fonte: comune.perugia.it ; www.sabait.it

    Il parcheggio, adibito allasosta dei bus turistici,camper ed auto, si trovain via Pietrasantina,ingresso nord alla citt, acirca 600 metri (10 min.

    a piedi) dalla Piazza dei Miracoli, servito da una frequen-te linea urbana ( LAM ROSSA ) oltre ad un servizio diBus Navetta dal parcheggio alla Piazza dei Miracolientrambe a pagamento. Il parcheggio custodito apagamento dalle 8:00 alle 20:00 tutti i giorni compre-se le festivit; non custodito e gratuito dalle 20:00 alle8:00TariffePer usufruire del parcheggio custodito e/o del punto disalita e discesa dovr essere effettuato il pagamentopresso il check-point in loco o anticipatamente con boni-fico ed esporre l'apposito contrassegno sul Bus, con leseguenti tariffe in vigore dal 1 gennaio 2012:Livello di servizio TS (sosta al parcheggio)- bus fino a mt. 8,5 90,00 al giorno; - bus oltre mt. 8,5 134,50 al giorno.Livello di servizio TTS (fermata presso albergo inP.c.u. o Z.t.l. e sosta al parcheggio) - bus fino a mt. 8,5 113,00 al giorno;- bus oltre mt. 8,5 158,00 al giorno.Viene applicata una riduzione del 20 % per:- Comitive con prenotazioni ristoranti nel territorio

    comunale;- Comitive con prenotazione guide turistiche con sede

    di lavoro in Pisa.Si applica la riduzione del 50 %, alle condizioni previstedal Regolamento, per :- Comitive scolastiche;- Comitive con voucher per visita musei in Pisa;- Comitive che pernottano negli alberghi del territorio

    comunale;- Comitive di disabili con possibilit di fermata in L.go

    Cocco Griffi.Viene applicata la riduzione dell80 % per partecipanti afeste e manifestazioni politiche, sindacali o sportive.Vengono rilasciati permessi gratuiti alle comitive in par-tenza ed in arrivo a Pisa, organizzate da associazionisenza scopo di lucro, parrocchie, scuole, ecc. con sedenel comune di Pisa, che utilizzano i parcheggi gestiti daPisamo, in via Pietrasantina ed in via Paparelli. Le richie-ste dovranno pervenire all'indirizzo mail [email protected] tre giorni lavorativi prima del servizio.Si ricorda che nell'eventualit il bus dovesse entrare nelcentro storico (solo per discesa e salita della comitiva)dotato di varco elettronico, oltre a pagare regolarmenteil ticket al check point citato, deve preventivamente, tra-

    Padova

    Perugia

    Pisa

  • busmagazine |23

    I I I D I Z I O N A R I O T I C K E T - B U S I

    mite l'albergo, fare comunicazione al portale della ZTLper la prenotazione del transito.Le richieste per usufruire dello sconto devono essere pre-sentate almeno tre giorni lavorativi anticipati all'indirizzomail [email protected] In caso contrario leistanze non saranno prese in considerazione cos comenon saranno prese in considerazione le richieste pervenu-te in altro modo (fax, lettera, ecc.).Agevolazioni tariffarie con abbonamento- Abbonamento 50 soste Euro 6.733,00;- Abbonamento 200 soste Euro 23.644,00.Pagamenti- alla cassa presidiata da addetto dalle 8:00 alle

    20:00;- online, registrandosi, tramite carta di credito o bonifi-

    co bancario.N.B. per chi usufruisce del pagamento online tramitebonifico bancario necessario inviare un fax al numero05040321 dell'avvenuta transazione specificando ilnumero di identificazione ID dell'operazione sul sito. Incaso contrario non saranno autorizzate le soste.PostiBus n. 65 BusAll'interno del parcheggio presente una fermata deiBus del servizio urbano di Pisa dove parte la navetta perPiazza dei Miracoli ( 1.00 biglietto A/R oppure 25.00 per comitiva fino a 55 unit) e la navetta per ilcentro cittadino (a pagamento). Divieti per bus turisticiDivieto di circolazione, nella porzione di territorio delComune di Pisa, delimitata ad ovest dalla statale Aurelia,a nord e ad est dal confine comunale, a sud dalla stradag.c. FI-PI-LI, la domenica, con orario 00-24, per gli auto-bus Euro 0, ovvero autobus M2 e M3 non omologatisecondo la Dir. 91/542/CEE e successive, sia dei gesto-ri dei servizi TPL che in servizio turistico.E' ammessa la sola circolazione per il parcheggio di ViaPietrasantina per effettuare la sosta. Fonte: www.pisamo.it

    Per migliorare la circola-zione dei pullman erispettare le esigenzedella mobilit e dell'am-biente nella Capitale,Roma Capitale ha stabili-

    to (Delib.ne del Consiglio Comunale n. 37 del12/04/2010) nuove regole per la circolazione e lasosta nelle zone che sono in vigore dal 1 luglio 2010:- ZTL 1 - allinterno delle Mura Aureliane e nella zona

    circostante la Citt del Vaticano;- ZTL 2 - tra il G.R.A. e le Mura Aureliane.Tutti i pullman devono essere muniti ed esporre sul vei-colo il permesso di circolazione e sosta, da scegliere inbase alle esigenze del percorso prescelto. Il permessopu essere prenotato o acquistato tramite il sito dedica-to www.agenziamobilit.roma o presso i 3 check-pointAurelia, Ponte Mammolo e Laurentina.Aree di sosta: regole e orariLorario di esercizio di tutte le aree di sosta breve (max15 min), tutti i giorni compresi i festivi, dalle ore00.00 alle 24.00. Il rispetto dell'orario necessario e suf-ficiente alla effettuazione delle operazioni disalita/discesa dei passeggeri, sar assicurato dal discodel cronotachigrafo, che dovr essere esibito ad ognicontrollo da parte del personale preposto.L'orario di esercizio delle aree di sosta oraria (max 2ore) dalle ore 00.00 alle ore 24.00 tutti i giorni com-presi i festivi, ad eccezione dell'area di sosta di LargoCardinal Clemente Micara per la quale previsto l'orariodi esercizio dalle ore 7.00 alle ore 21.00.L'orario di esercizio delle aree di sosta lunga (oltre le 2ore) dalle ore 00.00 alle ore 24.00 tutti i giorni com-presi i festivi.Autorizzazione specialeQualora l'utente avesse necessit di avvicinarsi con il pul-lman il pi possibile al luogo di visita, pu richiedereun'autorizzazione speciale per la presenza a bordo di:- disabili o persone con impedimenti fisici documentati;- artisti con materiale scenico;- partecipanti a cerimonie civili e religiose.L'autorizzazione sar aggiunta al permesso relativo alservizio da effettuare.Detta autorizzazione dovr essere custodita a bordo delveicolo e presentata a richiesta degli agenti addetti allavigilanza e controllo.I permessiTipologie: possono essere giornalieri o abbonamentimensili, semestrali o annuali e si distinguono secondo lezone di circolazione e sosta di interesse per lo svolgimen-to del servizio pullman.Validit: per i permessi in abbonamento decorre dalla

    data del rilascio.Regole: ogni permesso deve riportare targa, validit,lunghezza del veicolo, parametro antinquinamento,ragione sociale dellutente e deve essere esposto inmaniera visibile a bordo del veicolo.Permesso AContrassegno giornaliero, mensile, semestrale o annua-le. Consente la circolazione in ZTL2 e la sosta breve (15minuti) nelle aree autorizzate (vedi elenco) in ZTL2.Permesso BContrassegno giornaliero, mensile, semestrale o annua-le. Consente la circolazione e la sosta breve (15 minuti)in ZTL 1 e ZTL 2 nelle aree preposte, la circolazione inZTL 1 e la sosta breve in ZTL 1 per operazioni connessealla salita e discesa passeggeri, presso alberghi, ristoran-ti, strutture ricettive, scuole, uffici. Inoltre consente lasosta breve (15 minuti) e la sosta oraria (massimo 2ore) presso le aree autorizzate.Permesso CContrassegno giornaliero, mensile, semestrale o annua-le. Consente la circolazione, la sosta breve (15 minuti),la sosta oraria (massimo 2 ore) e la sosta lunga (oltre2 ore) in ZTL2 e ZTL1 nelle aree preposte. Il numerodisponibile dei permessi giornalieri C pari a 300 algiorno.Permesso grandi eventiContrassegno giornaliero, consente la circolazione e lasosta breve in ZTL 2 nelle aree preposte e/o in areeautorizzate.Permesso e shuttle alberghiContrassegno annuale, consente la circolazione in ZTL1e ZTL2 e la sosta breve per il tempo strettamente neces-sario alle operazioni di salita e discesa passeggeri pres-so alberghi.Inoltre consente la sosta oraria (max 2 ore) presso learee preposte.Tariffe e scontiLe tariffe sono stabilite in base alle modalit di prenota-zione, alla lunghezza del pullman (fino a 8 metri e oltre8 metri di lunghezza) al parametro antinquinamento eallalimentazione del veicolo (GPL, metano o a trazioneelettrica). Tutte le tariffe, indicate nella tabella di segui-to, si intendono comprensive di I.V.A.Sono previste le seguenti riduzioni sui permessi giorna-lieri (ad eccezione del permesso "G" - Grandi Eventi) esugli abbonamenti:10% per veicoli euro 4 sino al 31.12.201230% per veicoli euro 5 sino al 31.12.201350% per veicoli a trazione elettrica o con motore alimen-tato a GPl o metano.

    Roma

  • 24|

    Il check-point bus turisticisi trova in Via Baccanellaa pochi passi dal centroCitt ed aperto tuttol'anno dalle ore 8.00 alleore 20.00. Per raggiunge-

    re il centro storico attiva tutto l'anno una linea di tra-sporto pubblico locale.Le tariffe ordinarie Autobus Euro 70,00 giornaliere Minibus Euro 40,00 giornaliereAgevolazioni (autobus e minibus): 100% in caso di prenotazione visita a tutti musei civici 50% in caso di prenotazione visita ad un museo civico 50% in caso di pernottamento in strutture ricettive

    locali 50% per gite scolastiche nel periodo novembre-febbraio 30% in caso di prenotazione in esercizi di ristorazionePer l'applicazione delle agevolazioni per i musei neces-sario prenotare anticipatamente contattando l'UfficioInformazioni Turistiche (Tel. 0577 940008) del

    Comune di San Gimignano.Per l'applicazione delle agevolazioni necessario pre-sentare idonea documentazione che attesti la prenota-zione all'arrivo al check-point bus turistici.Le riduzioni non sono cumulabili, in presenza di pi ridu-zioni viene applicata quella pi alta.Modalit di pagamento: Contanti Carte di credito / bancomatNel rispetto del Disciplinare della zona a traffico limitatoper autobus l'ingresso e la circolazione degli autobussono consentiti soltanto se muniti di regolare contrasse-gno consegnato al momento del pagamento.Contatti:Check-point bus turisticiTel. 0577 990375 - Fax. 0577 [email protected] MobilitTel. 0577 990374 - Fax. 0577 [email protected]: comune.sangimignano.it

    Per gli autobus turistici,sono previste le seguentistrutture: check-pointpresso il Parcheggio"FAGIOLONE" in via diPescaia e Parcheggio

    PALASPORT in via Achille Sclavo Luoghi di attracco per discesa/risalita passeggeri Area SAN PROSPERO (Fortezza Medicea) - 12 stalli P.zza AMENDOLA - 3 stalli P.ta SAN MARCO - 2 stalli P.ta ROMANA - 2 stalli PESCAIA ALTA - 5 stalliAree di sosta FAGIOLONE Via di Pescaia - 60 stalli PALASPORT Via Achille Sclavo - 35 stalliLe comitive che giungono a Siena prive di prenotazionedovranno recarsi obbligatoriamente al check-point (ora-rio 08.00-20,00) scelto dove, regolarizzato il pagamen-to della tariffa e compatibilmente con le disponibilit delmomento, riceveranno le autorizzazioni circa il luogo e

    I D I Z I O N A R I O T I C K E T - B U S I I I

    San Gimignano Siena

    continua da pag 23: Roma

  • busmagazine |25

    l'orario di attracco per la discesa/risalita passeggeri ed illuogo di sosta tenendo conto di quanto richiesto compa-tibilmente con le disponibilit del sistema. Ricordiamoche la circolazione vietata nel periodo scolastico di ognianno, ad esclusione delle festivit e delle vacanze scola-stiche. Nei periodi di divieto sar in funzione una navet-ta, Siena Shuttle Bus ParcKing city centre, che effettue-r spola continua dal check- point il Fagiolone alla risali-ta meccanizzata di Fontebranda. La navetta sar gratui-ta e rivolta esclusivamente ai turisti che accedono alsistema gestito da Siena parcheggi. Inoltre dalle ore14:30 alle ore 18 viene effettato un servizio navetta apagamento al prezzo di Euro 22,00 (a tratta) per unminimo di 15 ed un massimo di 56 persone. Per preno-tazioni ed aquisto biglietti: Tra.in. S.p.a.. Ricordiamoinoltre che che la circolazione vietata in Via Roma dalleore 7:30 alle ore 8:30 e dalle ore 16:30 alle ore 17:30e nell'Area Pescaia Alta dalle ore 7:00 alle ore 9:00 edalle ore 12:00 alle ore 14:30 nel periodo che va dal12 Settembre al 15 Giugno di ogni anno ad esclusionedelle festivit e delle vacanze scolastiche. La permanen-za degli autobus sugli stalli degli attracchi didiscesa/risalita passeggeri consentita sino ad un mas-simo di 20' minuti. In caso di variazione degli orari di uti-lizzo degli attracchi di risalita passeggeri reso obbliga-torio richiedere un nuovo permesso ai check-point, recan-te le modifiche che saranno effettuate tenendo contodella disponibilit. Il servizio navetta sar raddoppiato,sempre con validit scolastica, nel periodo ritenuto dimaggior affluenza ed in particolare dal 15 marzo finoalla chiusura dell'anno scolastico in corso (giugno) e dal-l'apertura del successivo anno scolastico (settembre) al31 ottobre (circa 107 gg/anno). Le comitive che giungono a Siena con prenotazione, nelrispetto degli orari previsti e delle autorizzazioni ricevuteper l'area di sosta e attracco, potranno usufruire diretta-mente del sistema di sosta e attracco.Tariffe 1 giorno Euro 110,00 - 2 giorno Euro 70,00 (dal

    16/02 al 15/11) 1 giorno Euro 85,00 - 2 giorno Euro 55,00 (dal

    16/11 al 15/02)Fonte: www.sienaparcheggi.it

    Parcheggio di PiazzaleMonte BaldoDal 7 gennaio al 28 feb-braio e dal 2 novembre al25 dicembre le tariffesono in vigore solo nei

    giorni festivi. Nei restanti periodi dellanno le tariffe siapplicano tutti i giorni.Tariffe autobus Euro 10,00 per i primi 30 (trenta) minuti di sosta Euro 20,00 fino ad 1 ora di sosta Euro 10,00 per ogni ora successiva e comunque per

    un importo non superiore a 70,00 per lintera gior-nata

    Euro 20,00 tariffa fissa per chi effettua le cure pres-so lo Stabilimento Termale Catullo.

    Le ore si pagano per intero dopo 10 minuti a partiredalla 2 ora.Per informazioni Parcheggio Monte Baldo di Sirmione030-916539Fonte: www.sirmionebs.it

    Il Consiglio Comunale diTaormina con la deliberan. 42 del 25.05.06 hadisposto listituzione diun ticket per le auto, ibus e i minibus in sosta

    presso i parcheggi della Citt.Il Consiglio Comunale ha stabilito con la medesima deli-bera che ASM dovr procedere alla riscossione."TariffeA partire dal 21 giugno 2006 ai veicoli in sosta presso iparcheggi gestiti da ASM (Lumbi, Porta Catania eMazzar) sono applicate le tariffe in vigore con laggiun-ta del ticket disposto dal Comune: auto ticket comunale pari a 1,00 euro bus ticket comunale pari a 40,00 euro minibus ticket comunale pari a 10,00 euroListituzione del suddetto ticket grava su quanti usufrui-scono delle aree di sosta gestite dallAzienda ServiziMunicipalizzati.I Possessori di abbonamenti residenti, albergatori ependolari non saranno soggetti al pagamento del tic-ket. Ai due ingressi principali di Taormina sono presenti il par-cheggio "Lumbi" (zona Nord) e "Porta Catania" (zona

    Sud), collegati tra di loro dal Tunnel Montetauro.ParcheggiIl parcheggio "Porta Catania", si sviluppa su 5 piani epu contenere fino ad un massimo di 650 autovetture. Il parcheggio "Lumbi" al piano inferiore pu accogliere50 Autopullman e nei piani superiori ha una capienzamassima di 850 autovetture.E' disponibile un servizio navetta dal parcheggioLumbi a "Porta Messina"InformazioniPark Lumbi tel. 0942-24345Park Porta Catania tel. 0942-620196Fonte www.comune.taormina.me.it / www.taormina-servizipubblici.it

    Con Ordinanza N 3888del 04/08/2007 stata istituita una zona atraffico limitato ai sensidellart. 7 comma 9 delD.Lgs 30 Aprile 1992 n

    285 (Codice della strada) per autobus da noleggio conconducente e superiore a 9 posti, impiegati in servizi turi-stici, denominata Z.T.L Bus. Laccesso alla Z.T.L da partedegli autobus subordinato al pagamento di un lascia-passare oneroso nei termini definiti con atto C.C.N62del 12 Maggio 2006 e con le modalit indicate daUrbino Servizi S.p.a gestore del servizio. Il divieto vigenella Piazza Borgo Mercatale dalle 00.00 alle 24.00 deigiorni feriali e festivi. Il ticket di 50,00 giornaliereper i bus superiori a 7 mt e 25,00 per bus inferiori a7 mt. e viene rilasciato dallInfo Point. E obbligatorioesporre bene in vista sul parabrezza il contrassegnoautorizzatorio recante la targa del veicolo, il giorno ogiorni per i quali consentito il transito, nonch la rela-tiva destinazione. La mancata esposizione equivale amancanza di lasciapassare e i trasgressori saranno sog-getti alle sanzioni amministrative previste ai sensi delCodice della Strada. Il parcheggio per i Bus Turistici sitrova in Via Pablo Neruda a Urbino vicino al BocciodromoComunale. E possibile prenotare il check-point compilan-do il modulo online al seguente indirizzo: www.amiser-vizi.it oppure chiamando il numero 0722/2631 dalluned al sabato dalle 9.00 alle 18.00 e la domenica efestivi dalle 9.00 alle 18.00.Sono agevolati coloro che effettueranno prenotazione epagamento del check-point in anticipo. Le modalit sonole seguenti: per coloro che non prenotano l'attracco la tariffa gior-

    naliera per il checkpoint di 50.00;

    I I I D I Z I O N A R I O T I C K E T - B U S I

    Urbino

    Sirmione

    Taormina

  • 26|

    per coloro che effettueranno la prenotazione ed ilpagamento tramite bonifico bancario intestato a :Urbino Servizi S.p.A COD. IBAN IT IT80S0530868700000000010391 causale CheckPoint Bus Gt la tariffa giornaliera sar di 40.00 >7mt; 20 < 7 mt.

    La prenotazione dovr essere effettuata sul sitowww.amiservizi.it con almeno 10 giorni di anticipo sul-l'arrivo, la copia del Voucher dovr essere inviata via faxallo 0722/320408.Una volta arrivati al Parcheggio di Borgo Mercatale l'ope-ratore in servizio provveder a munire di pass l'autistadel mezzo.Dopo aver effettuato l'operazione di salita e discesa deipasseggeri tutti i Bus dovranno recarsi nell'area attrezza-ta indicata dagli operatori per la quale non sono previstiulteriori costi.Fonte: www.urbinoservizi.it

    Il Comune di Veneziaregolamenta l'accessodei bus turistici all'internodel proprio territorio attra-verso la Zona a TrafficoLimitato BUS (ZTL BUS)

    al fine di organizzare il traffico verso Venezia e la CittStorica, con la finalit di rendere compatibile lo straordi-nario afflusso turistico con la vita ordinaria dei cittadiniresidenti. Dal 25 marzo 2002 i bus turistici che intendo-no accedere nella ZTL BUS devono munirsi di un "lascia-passare oneroso" (pass) rilasciato da AVM S.p.A., lasociet incaricata dal Comune di Venezia per la gestionedel servizio che pi economico per i mezzi meno inqui-nanti (Euro 4 e superiori).Il pass deve essere acquistato presso i check-in. I costi

    del pass variano in funzione della destinazione finale deibus e del periodo di affluenza (bassa, media e picchi). Ai bus che trasportano esclusivamente turisti alloggiatipresso le strutture turistico-ricettive interne alla ZTL BUSsono riconosciute particolari agevolazioni anche in fun-zione dell'orario d'ingresso nella ZTL e vengono dotatidel pass alberghi. I veicoli che entrano nella ZTL BUS sprovvisti di passdevono seguire il percorso indicato dalla segnaletica stra-dale di indirizzamento verso i check-in. Anche i bus cherientrano tra le categorie classificate dalle deroghe devo-no munirsi dell'apposito pass servizio in deroga. La sostaall'interno della ZTL BUS consentita esclusivamentenelle aree di carico e scarico autorizzate, nei parcheggidedicati e nei parcheggi privati raggiungibili comunquecon l'esposizione del pass.La zona a traffico limitato per gli autobus coincide quasiesattamente con il territorio del Comune di Venezia, pre-vedendo il transito libero solo sulla tangenziale di Mestre

    I D I Z I O N A R I O T I C K E T - B U S I I I

    Venezia

  • busmagazine |27

    e sulla bretella di congiunzione tra questa e laeroportoMarco Polo.I check-in sono posizionati lungo le principali vie di acces-so alla citt e sono aperti tutti i giorni dalle 6.30 alle20.15 (chiusura operazioni di cassa alle