Bibliotecando

Click here to load reader

  • date post

    06-Sep-2014
  • Category

    Education

  • view

    3.060
  • download

    12

Embed Size (px)

description

 

Transcript of Bibliotecando

  • Bibliotecando
    • COME NASCE IL LIBRO?
  • La storia del libro passa attraverso la storia della scrittura
    • OLTRE 35.000 ANNI FA
    • I NOSTRI ANTENATI
    • Dipinsero e graffiarono la pietra per raccontare attraverso disegni
    • avvenimenti di caccia:
    • I pittogrammi
    • Queste prime incisioni sono state analizzate come scrittura pittografica e rappresentano i primordi della scrittura.
    • Allinterno di grotte e caverne, gli uomini dipingono con terre mescolate con grasso animale. La scrittura pittografica rappresenta spesso animali ma anche uomini e donne.
    • Gettarono cos le basi per lelaborazione di un codice,
    • la scrittura
    • che permette di comunicare informazioni attraverso segni
    • I graffiti praticati, fin dai tempi pi remoti, su vari supporti litici, ossei, ceramici
    • si evolvono nelle scritture ideografiche
  • La pi antica testimonianza di iscrizione geroglifica risale al 3000 a.C.
    • Dal Pittogramma si passo alle scritture ideografiche in cui il segno non rappresenta solo un oggetto ma un concetto:
    • I Geroglifici
    http://www.egittopercaso.net/ traduttore.php La figura di un piede poteva indicare ad esempio sia il piede che il verbo camminare.
    • C qualcuno che utilizza gli ideogrammi oggi?
  • INTORNO AL 4000-3500 a.C. IN MESOPOTAMIA SI SVILUPPO' LA SCRITTURA CUNEIFORME.
    • I SEGNI
    • INCISI NELL'ARGILLA IN MODO STILIZZATO, PERSERO OGNI TRACCIA DELL'OGGETTO CHE ESSI RAPPRESENTAVANO
    • I caratteri cuneiformi erano poco disegnati per motivi pratici: dovevano essere incisi nellargilla
    • Caratteri cuneiformi
    • la scrittura si evolve:
    • cominciano ad apparire dei segni che corrispondono ai suoni di sillabe.
    • I primi ad utilizzare una scrittura alfabetica furono
    • i fenici
  • L'alfabeto che noi utilizziamo oggi nasce intorno all'VIII secolo a.C. dallalfabeto greco e da quello etrusco. In origine era composto di 21 caratteri
    • Lalfabeto etrusco
    • Antenato del nostro alfabeto,
  • I supporti della scrittura
    • La scrittura cuneiforme
    • Supporto e strumento : argilla fresca e stilo
  • PAPIRO: pianta che cresce lungo le rive del fiume Nilo dalle cui fibre si ricava il supporto utilizzato per millenni nella scrittura -uno dei nomi greci della pianta era Byblos
    • Il libro nella forma che noi conosciamo ha origine in Egitto dal papiro
    • Il papiro consentiva la produzione di testi in un rotolo o volumen
    • Il rotolo o volumen
    • ottenuto incollando diversi fogli di papiro (circa 20) ed arrotolati
    La pergamena consenti invece la realizzazione del codex , o libro che inventarono i romani e che cambi non poco il modo della lettura.
  • CAPSA
    • La biblioteca
    • -pi rotoli insieme venivano custoditi in posizione verticale in una scatola cilindrica chiusa da un coperchio e munita di una cinghia infilata in anelli per il trasporto
    • Tale scatola era detta capsa
  • Bibliotecando seconda lezione
    • Nel mondo antico le materie scrittorie pi utilizzate furono :
    • -il Papiro
    • -la Pergamena
    • La Pergamena
    • Si otteneva mediante conciatura di pelli di animali(pecora, montone, capra, agnello)
    • -venivano macerate nella calce per poi essere utilizzate su entrambe le facce
    • Produzione pergamena
    • A differenza del papiro, coltivabile solo in particolari condizioni climatiche,
    • la pergamena poteva essere reperita molto pi facilmente
    • Si ritiene che luso della pergamena abbia avuto inzio nella citt di Pergamo nel II sec. a.C.
    • Alla pergamena veniva data la forma del codice che sostitu dal IV sec. d.C. lantico volume papiraceo
    • Il Codice
    • Il codice si rivel da subito pi economico poich si poteva scrivere sulle due facciate del foglio di pergamena
    • non soltanto conteneva pi testi ma occupava anche molto meno spazio nelle biblioteche
    • Inoltre il codice consent un'organizzazione razionale del testo: impaginazione, divisione in capitoli, indice degli argomenti
    • Quasi tutta la Letteratura medievale giunta a noi grazie alla trascrizione su codici di pergamena eseguita da monaci medievali
    • Verso la fine del Medioevo la pergamena fu poi gradualmente sostituita dalla carta
    • Linvezione della carta attribuita al cinese Tsai Lun che nel II sec. a.C. realizzo il primo foglio cartaceo
    • Ts'ai Lun ogni giorno si recava a meditare presso uno stagno dove le donne andavano a lavare i panni. Un giorno si accorse che i fili e i pezzetti di stoffa che si staccavano dai panni ormai logori a causa dello strofinamento, si raccoglievano in un'ansa del terreno, formando una sorta di impasto. Ts'ai prese questo impasto e lo mise ad essicare al sole. Il risultato fu un foglio piuttosto consistente, di colore biancastro ottimo per la scrittura.
    • In Europa fu introdotta nel VIII sec. dagli Arabi
    • La prima cartiera in Spagna sorse nel XII secolo, da l si diffuse in Italia
    • La carta italiana rimase per lungo tempo la pi ricercata dellEuropa
    • La cartiera di Fabriano nelle Marche, nata intorno al XII sec., divenne la pi fiorente cartiera europea
    • La ragione di tale localizzazione, che fa di Fabriano il pi importante centro di produzione di carta d'Europa, , con tutta probabilit, da attribuire alla vicinanza con Ancona, porto particolarmente aperto a scambi commerciali con il mondo arabo
    • Altra importantissima innovazione di prodotto realizzato a Fabriano la filigranatura dei fogli che, osservati in controluce, lasciano intravedere i famosi segni, inizialmente usati per riprodurre il marchio dei diversi fabbricanti di carta .
    • I monasteri e le istituzioni acclesiastiche che detenevano il monopolio della cultura si occuparono della compilazione e della copiatura dei libri
    • Gli scriptoria dei grandi monasteri trascrissero bibbie, commenti biblici, opere di matematica medicina ed astronomia e ricopiarono i testi dei grandi scrittori latini.
    • I centri scrittori
    • L'attivit propriamente di copiatura prevedeva tutte le fasi della lavorazione del libro
    • le varie fasi della preparazione della pergamena per la scrittura (taglio dei fogli, foratura, rigatura, levigazione).
    • Seguivano poi le fasi della scrittura vera e propria:
    • il monaco amanuense copiava il testo sulla pagina rigata (che recava gi stabiliti gli spazi dove sarebbero state realizzate le miniature)
    • Successivamente il manoscritto veniva miniato.
    • La miniatura:
    • eseguita separatamente dopo la redazione del testo
    La miniatura era infatti eseguita separatamente dopo la redazione del testo
    • Produzione della carta
    • Tg2 sulla carta
    • All'inizio, gli arabi e gli europei fabbricavano la carta partendo da stracci. La richiesta aumentava esponenzialmente, tanto che gli stracci non bastavano.
    • nel 1719 , un francese, sugger di provare a usare il legno per fabbricare la carta. Da allora il legno diventato la principale materia prima per la fabbricazione della carta.
    • La produzione della carta:
    • Gli stracci o il legno erano inseriti in mortai e battuti da grossi pestelli azionati da ruote idrauliche per separare le singole fibre di cellulosa l'una dall'altra.
    • Quando l'impasto di fibre era pronto, gli operai lo versavano in vasche piene d'acqua: quindi immergevano degli appositi setacci nelle vasche e li estraevano raccogliendo una parte della sospensione di fibre.
    • Durante l'estrazione muovevano il setaccio per rendere uniforme lo strato di fibre.
    • Poi lasciavano scolare l'acqua , quindi depositavano lo strato di fibre su un feltro , posto su una pila di altri fogli e feltri.
    • Questa pila era torchiata per spremerne l'acqua .
  • La fabbricazione a mano della carta ancora praticata per produrre fogli pregiati o per uso artistico, ma rappresenta una quantit minima della carta prodotta.
    • Oggi prodotta principalmente a partire dal legno ed costituita da numerosissime fibre di cellulosa, che sono tenute insieme da collanti.
    • L'introduzione e la diffusione della stampa a caratteri mobili rappresenta senz'altro uno dei pi importanti avvenimenti per la tecnologia e la cultura occidentali.
    • A partire da questo momento, tradizionalmente collocato intorno al 1453, fu possibile produrre libri con una rapidit prima mai neanche immaginabile
    • (si calcola che agli inizi del Cinquecento fossero stati stampati pi di 8 milioni di libri, probabilmente pi di tutti quelli che i copisti potevano aver trascritto dai tempi di Costantino)
    LInvenzione della stampa
  • Si traccia il disegno sulla superficie piana di un blocco e poi si procede all'asportazione del legno intorno ai tratti disegnati. L'immagine a rilievo risultante viene inchiostrata e premuta su pergamena o carta per ottenere la stampa. La stampa
  • La stampa a caratteri mobili In Europa tra il 1443 e il 1444 un orefice di Magonza ,Gutenberg, stampa alcuni frammenti usando i primissimi caratteri mobili, un nuovo ma non ancora perfezionato tipo di inchiostro, e un torchio diverso da quello sino ad allora usato per la silografia, materialmente costruito (su sue indicazioni) da tale Conrad Saspach.
    • Mentre nel Medioevo gli istituti bibliotecari erano patrimonio esclusivo della Chiesa , degli ordini monastici o delle corti,
    • nellet rinascimentale
    • linflusso della cultura umanistica
    • linvenzione della stampa e
    • il conseguente incremento della produzione libraria
    • avvicinano il libro ad un pubblico sempre pi ampio
    • Il termine Biblioteca deriva dal greco
    • biblion libro
    • e teke scrigno:
    • La parola biblos in greco indicava la corteccia interna del papiro, principale supporto per la scrittura.
  • Nascono le prime biblioteche pubbliche, luoghi in cui gli studiosi potevano leggere e studiare i testi classici Fra le biblioteche pi famose dellantichit ricordiamo la Biblioteca di Alessandria dEgitto
  • I volumi erano collocati in nicchie nel muro, e contenevano il sapere di un'intera civilt da Omero in poi. La biblioteca di Alessandria venne distrutta alla fine del IV secolo
    • Anche a Roma esistevano grandi biblioteche pubbliche, la prima delle quali fu quella istituita sull'Aventino da Asinio Pollione nel 39 a.C., e private, come quelle famose di Attico e Cicerone . Durante il periodo imperiale, il numero delle biblioteche pubbliche a Roma pass dalle 3 del I secolo alle 28 attestate nel 377.
    • Rifioriscono biblioteche grazie allinvenzione della stampa e per linteresse dei principi per la cultura.
    • Le biblioteche quattrocentesche non sono appannaggio esclusivo degli enti ecclesiastici ma nascono presso le corti delle famiglie importanti.
    • Vale la pena di ricordare la preziosa biblioteca della famiglia Medici di Firenze
    • La biblioteca si rinova anche nella struttura.
    • Il progetto della biblioteca viene affidato ad architetti importanti.
    • La biblioteca Laurenziana realizzata su disegno di Michelangelo.
    • A partire dallOttocento le biblioteche sono per lo pi pubbliche e vengono regolate da norme statali
    • La pi importante la Library of Congress di Washinton (la biblioteca pi fornita del mondo con 95 milioni di libri)
    • sito
    • La biblioteca raccoglie libri, materiali, informazioni editi o pubblicati su qualsiasi supporto assicurandone la consultazione con lobiettivo di promuovere la lettura e lo studio .
    Definizione di Biblioteca
    • Il compito di ogni biblioteca oggi quello di raccogliere documenti (libri, periodici, microfilm, fotografie, dischi, nastri magnetici e qualunque tipo di supporto informativo) che possono essere custoditi in biblioteca
    • Principali compiti della Biblioteca
    • Catalogare libri (per soggetto, per titolo per autore)
    • Collocare i libri (per formato, per materia)
    • Conservazione e tutela del patrimonio librario
    • Amministrare la biblioteca
    • Istituto Centrale per il Catalogo Unico
    • Nato nel 1975, promuove e coordina lattivit di catalogazione
    Il Ministero per i beni e le attivit culturali si occupa della catalogazione dellintero patrimonio librario italiano attraverso ICCU
    • Come arrivano i libri in biblioteca?
    • Attraverso
    • Acquisti;
    • Doni;
    • Scambi.
    • Quando un libro arriva in biblioteca viene:
    • Registrato (data, descrizione sommaria,valore dellopera)
    • Bollato (con il timbro della biblioteca)
    • Collocato (sistemato negli scaffali)
    • Catalogato
    • Lo strumento pi importante della biblioteca il
    • CATALOGO.
    • Attraverso il catalogo troviamo il libro che ci interessa
    • Il CATALOGO
    • formato da schede che descrivono il libro
    • Le schede di catalogo possono essere ordinate per
    • Autore
    • Titolo
    • Soggetto (argomenti)
    • Quando entriamo in biblioteca dobbiamo cercare subito il catalogo.
    • Oggi la maggior parte delle biblioteca ha un catalogo on line
    • Biblioteca Nazionale di Roma
    • Biblioteca pubblica di Mal
    • Biblioteca universitaria di Viterbo
    • Biblioteca Comune di Modena
    • Attraverso la consultazione on line possiamo cercare un libro su tutto il territorio nazionale
    • Internet culturale
    • Alcuni siti internet oltre a fornirci informazioni sulla collocazione ci permettono di consultare il libro on line
    • Biblioteca italiana